Che materia stai cercando?

Psicopatologia del linguaggio in età evolutiva – DSM

Appunti di Psicopatologia del linguaggio in età evolutivaDSM. Nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: Classificazione sintomi/sottogruppi per kraepelin e per il dsm-iv, Manuale diagnostico statistico dsm-iv (iv= quarta edizione), ecc.

Esame di Psicopatologia del linguaggio in età evolutiva dal corso del docente Prof. D. Metro

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

sintattico: non è intaccato, anzi gli schizofrenici, specie i paranoici, sono definiti "sintassieri" dal loro

livello particolare modo di creare frasi molto complesse

semantico: risulta parecchio intaccato, dato che la lingua degli schizofrenici è ricca di neologismi e

livello paralogismi derivanti dai loro deliri (ricordiamo che il delirio è la manifestazione necessaria e sufficiente).

Tanto il delirio è personale e soggettivo, maggiore sarà la difficoltà di interpretare cosa gli schizofrenici

vogliono dirci. La semantica di queste persone inoltre è soggetta a fluttuazione: il significato dei termini

può venire aumentato (se ad esempio per taverna si intende ogni luogo in cui si può mangiare) o

ristretto (uno schizofrenico con la parola "documentazione" intendeva la carta d'identità).

pragmatico: riguarda l'utilizzo del linguaggio all'interno di un ambiente sociale, di un contesto ("regole

livello per la relazione").

Secondo Freud la caratteristica di tale linguaggio consiste nel "predominio del piano verbale su quello

oggettuale". Gli schizofrenici "confondono" il piano del linguaggio con quello della realtà, mischiandoli

continuamente insieme.

Piccola parentesi: ricordiamo che per Freud con la psicanalisi si poteva curare la nevrosi e non la psicosi in

quanto:

1. psicosi: si perde il contatto con la realtà, non si ha coscienza di sè nè del proprio male, si hanno difficoltà nelle

relazioni sociali.

2. nevrosi: vi è coscienza di sè, del proprio male e si conservano i rapporti con la realtà, nonchè il contatto con

questa, appunto.

Dato che la Psicanalisi consisterebbe nella libera associazione di idee e nell'interpretazione dei sogni, sarebbe

improbabile riuscire ad interpretare le libere associazioni degli psicotici o i loro sogni (per i motivi suddetti).

"Questo rosso è come un fosso: se volete sapere com'è sembra un rosso affossato, un fosso arrossato" --> i

termini sono messi l'uno dietro l'altro dall'assonanza.

Ma si può anche verificare la cosiddetta sacralizzazione del linguaggio:

Una ragazza credeva che incontrare per strada una persona con un bastone di gomma volesse dire "torna

indietro":

gomma nella sua lingua si dice : goma

bastone nella sua lingua si dice : baston

GOma + bastON per lei diventava NO (dal'inversione delle lettere di ON) GO, non andare, tornare indietro. E' da

notare in questo caso la continua trasformazione delle parole che vengono smontate e ricostruite con una

velocità incredibile.

COSA SONO I POTENZIALI EVOCATI, A COSA SERVONO E COME FUNZIONANO

(durante l'ultima lezione sono state date maggiori spiegazioni su questo argomento che a qualcuno è sembrato

difficile. Riporto.)

Recentemente lo studio del linguaggio schizofrenico è stato portato avanti tramite rilevazioni (e quindi grafici)

dell'attività elettrica del cervello.

Potenziali evocati: registrazione e rappresentazione grafica dell''attività elettrica del cervello in risposta a

determinati stimoli - nel nostro caso linguistici.

La rilevazione viene effettuata a tre diversi livelli (messi in ordine a seconda della sequenzialità con cui si

verificano): RICORDIAMO CHE è fondamentale però mettere in evidenza la risposta "evento correlata" del

cervello, ovvero è necessario escludere dalla misurazione dell'attività elettrica quella "di base" del cervello (si

deve effettuare una sottrazione della media dei potenziali evocati dalla totale attività cerebrale così da escludere

quella di base).

tronco encefalici: serve a verificare l'integrità funzionale dell'apparato uditivo. la risposta dipende

potenziali

dallo stimolo esterno (componente esogena). E' la prima attività elettrica che il cervello compie subito

dopo che ha ricevuto uno stimolo linguistico (verbale o scritto)

talamici: indipendenti dal tipo di stimolo (componente endogena). Sembra che servano alla

potenziali

registrazione di ciò che si è appena ascoltato o letto nelle strutture talamiche.

corticali: si presentano per ultimi (chiamate per questo onde tardive). Sono di maggior interesse per

potenziali


PAGINE

3

PESO

21.82 KB

AUTORE

Sara F

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in teorie della comunicazione e dei linguaggi
SSD:
Università: Messina - Unime
A.A.: 2005-2006

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Sara F di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Psicopatologia del linguaggio in età evolutiva e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Messina - Unime o del prof Metro Daniela.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Psicopatologia del linguaggio in età evolutiva

Psicopatologia del linguaggio in età evolutiva
Appunto
Psicopatologia del linguaggio in età evolutiva – Anoressia
Appunto
Psicopatologia del linguaggio in età evolutiva – Asperger
Appunto
Psicopatologia del linguaggio in età evolutiva – Autismo
Appunto