Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

aspettativa e di una conoscenza. Se il ratto impara che il "premio"si trova in un certo luogo, perchè

quello è il luogo dove lo ha sempre trovato, mostreà sorpresa se questo non c'è. Che

l'apprendimento consista nell'acquisizione di rappresentazioni mentali è confermato anche, secondo

apprendimento latente

Tolman, dal proceso di il quale dimostra che attraverso l'esperienza si

posso creare nuove strutture cognitive (un animale che percorre un labirinto numerose volte senza

ricompensa, è poi in grado di riconoscere la via più breve per raggiungere il cibo quando questo

viene messo in un punto del labirinto). L'apprendimento, secondo Tolman, è quindi basato su

processi non osservabili, cioè al comportamento osservabile che denota apprendimento, si associa

una modifica di processi di conoscenza non osservabili che sono responsabili del comportamento

osservabile.

9. Condizionamento classico e operante: una spiegazione cognitiva

Oggi è certo che l'apprendimento per condizionamento avviene attraverso processi di tipo cognitivo.

Processi automatici come i riflessi funzionano solo in circostanze molto limitate.

Alcuni esempi: 1) se si dice ad una persona che un certo suono (SN) fa sbattere le ciglia (risposta

condizionata) come un soffio d'aria (SI), tale persona tenderà a sbattere le ciglia in risposta al suono.

2) se si dice ad una persona che se premerà una leva riceverà del denaro (rinforzo), tale persona

tenderà a premere la leva senza complicati piani di rinforzo. Inoltre semplicemente chiedendo ai

soggetti di non emettere una risposta si avrà l'estinzione della risposta.

Secondo lo psicologo americano Rescorla nel condizionamento classico un individuo deve

necessariamente acquisire informazione affinchè ci sia apprendimento, quindi non può essere

considerato un percorso di basso livello in cui il controllo della risposta viene passato come un

acquisizione

riflesso, ma di un processo che richiede l'intervento di processi cognitivi di e

rappresentazione delle conoscenze. Rescorla dimostrò che un animale sviluppa una risposta di

paura ad uno SN , solo quando apprende che tale stimolo è un segnale, cioè predice la

somministrazione di una scossa elettrica. In uno di questi esperimenti Rescorla sottopose un gruppo

di animanli cui x 20 volte veniva somministrata una scossa elettrica preceduta da un suono, e un

altro gruppo di animali cui x 40 volte veniva somministrata una scossa elettrecita preceduta da un

suono solo x 20 volte. Il primo gruppo presentava una risposta di paura mentre il secondo no.

Secondo le teorie del condizionamento classico entrambi gli esperimenti dovevano portare allo

stesso livello di apprendimento. E' invece rilevante che la scossa è sempre preceduta dal suono e

che assenza di suono indica assenza di scossa. Gli animali creavano una rappresentazione della

associazione tra i due stimoli cioè un'aspettativa.

CAPITOLO DODICESIMO

LINGUE E LINGUAGGI

1. Lingua, linguaggio e comunicazione.

linguaggio

Il è una facoltà mentale che consente agli esseri umani di usare una o più lingue. La

lingua è un potente mezzo di comunicazione, ma non è l'unico, altri mezzi di comunicazione

possono essere la postura, l'espressione del volto o l'intonazione della voce. La capacità di

comunicare è comune anche al mondo animale, ma nessuno dei sistemi simbolici impiegati dagli

animali x comunicare, è paragonabile alle lingue umane. Le lingue umane sono tantissime ed è

molto complicato distinguerle con i dialetti (varianti regionali di una stessa lingua), è quindi uso

comune dire che una lingua è un dialetto con un esercito e una marina.(esempio dialetto serbo e

croato diventati lingua con la nascita dei nuovi stati indipendenti di Serbia e Croazia). Le

trasformazioni cui vanno incontro le lingue nel corso della storia sono l'oggetto di studio della

linguistica detta diacronica.

2. La struttura delle lingue.

Le lingue, fin dai tempi dei Greci, hanno sempre avuto valore molto importante nelle società

umane, ma è in epoca recente, grazie allo svizzero Saussure e all'americano Chomsky, che le nostre

conoscenze hanno avuto una forte accelerazione. Secondo Saussure, una lingua è un sistema di

suoni dotati di significato. Tuttavia i suoni linguistici non hanno un valore assoluto, dipendono dal

sistema di cui fanno parte (la parola burro in italiano si riferisce ad un derivato del latte, mentre in

spagnolo si riferisce ad un equino noto per la sua caparbietà). fonemi,

La lingua possiede un sistema fonologico, cioè un insieme di suoni o sequenze di fonemi

morfemi, parole

formano i composizioni di morfemi formano le che insieme costituiscono il

lessico della lingua. A parte poche parole onomatopeiche (come scroscio o scricchiolio) non esiste

delle lingue).

relazione intrinseca tra il suono e il significato delle parole (arbitrarietà

sintagmi frasi.

Gruppi di parole si chiamano e costituiscono le parti di cui sono composte le Le

sintassi.

combinazioni corrette di sintagmi per la produzione delle frasi seguono le regole della

discorso.

Tante frasi insieme costituiscono un

Chomsky sosteneva che l'unicità delle lingue sta proprio nella loro sintassi. Tutti i sistemi simbolici

possiedono un repertorio di segni dotato di significato, ma le lingue possiedono la sintassi che

consente ai semplici simboli (parole) di comporsi in significati più complessi e sempre nuovi. E'

creatività delle lingue.

quindi nella sintassi che risiede la gerarchica.

Una caratteristica della sintassi è di essere I suoni formano una sequenza lineare ma i

sintagmi che vanno insieme non sono necessariamente quelli più vicini (il cane che rincorreva il

ricorsività,

gatto gioca con la palla). Un'altra caratteristica della sintassi delle lingue è la cioè

l'applicazione ripetuta di una stessa regola (alla fiera dell'est...e venne il gatto che si mangiò il topo

implicita,

che...). Inoltre la conoscenza della sintassi è cioè una persona di norma non è in grado di

descrivere o rendere esplicite le regole linguistiche che usa.

3. Lo sviluppo del linguaggio

Appena nasce un bambino non parla ma nel giro di pochi mesi comincia ad emettere dei suoni, che

intorno ai 10-12 mesi sono sempre più simili ai suoni della lingua parlata della sua famiglia. Intorno

all'anno di età il bambino inizia a pronunciare le prime parole e quando il suo vocabolario

raggiunge le 50-100 parole, il bambino comincia a formare delle combinazioni sintattiche, da

questo momento in poi la lingua parlata del bambino migliorerà e si arricchirà sempre di più.

Questo processo durerà tutta la vita. L'ipotesi più accreditata per spiegare tutto ciò, è che alla

nascita un bambino disponga di alcuni schemi generali che riguardano l'ordine della costituzione di

una frase. Nelle lingue questi ordini sono diversi, ma l'esposizione alla comunità in cui vive,

settarne i parametri. innatismo.

consente al bambino di Questa concezione è detta

Chomsky sostiene anche che il linguaggio è una facoltà autonoma del sistema mentale umano, che

si sviluppa e può essere danneggiata indipendentemente da altre facoltà.

4. Le basi biologiche e le origini del linguaggio

La localizzazione nell'emisfero sinistro dell'area cerebrale , deputata al controllo delle funzioni

linguistiche fu dovuta, già nella seconda metà dell'Ottocento ai neurologi Broca e Wernicke.

afasie).

Le lesioni in questa aera producono deficit del linguaggio (dette Un disturbo comune è

l'anomia, cioè la difficoltà di dire parole che invece si è in grado di capire. Lo studio delle diverse

sindromi afasiche ha fatto progredire le ns conoscenze su come si passa dal suono di una parola al

recupero del significato e da questo alla produzione del suono corrispondente. Tutto ciò è stato

possibile poiché nella maggior parte dei casi di pazienti colpiti da afasia, il deficit del linguaggio

non compromette altre capacità (pensiero, ragionamento). Di contro, studi effettuati all'inverso,

dimostrano che pazienti con ad esempio quoziente di intelligenza patologicamente basso, mostrano

invece di possedere funzioni linguistiche normali. Ciò conferma ancora l'autonomia del linguaggio.

Per verificare le loro capacità linguistiche, sono stati condotti anche numerosi studi su animali, in

particolare primati, ma nessun esperimento si è rivelato molto concludente. Anche laddove gli

animali mostravano capacità linguistiche, queste erano frutto di estenuanti sessioni di

apprendimento e non avevano nulla in comune della spontaneità dello sviluppo linguistico umano.

Una delle ipotesi che spiega le origini della facoltà linguistica umana è che questa si sia sviluppata

principalmente per motivi di natura sociale. Gli uomini per coltivare le loro relazioni sociali

utilizzano la lingua (intesa come parole, frasi, discorsi...non altro!).

23 CAPITOLO TREDICESIMO

COMPRENSIONE DEL LINGUAGGIO

Paragrafo 1: cosa accade quando riconosciamo una parola.

Capire un testo o una frase in una conversazione sembra un'attività facile ma non lo è. É la

complessità dell'architettura neurale e cognitiva a far si che in condizioni normali padroneggiamo

con competenza e velocità. Ma cosa accade nel nostro cervello quando riconosciampo una parola?

Studi recenti basati su una tecnica di rilevazione dell'attività corticale denominata

magnetoencefalografia (meg) ne hanno mostrato il corso temporale: circa 250 ms dopo l'inizio di

una parola sullo schermo di un pc ne comincia l'elaborazione prelessicale che avvviene soprattutto

nella parte posteriore sinistra della corteccia temporale superiore. 350 ms dopo si registra una

attivazione del lessico mentale inizia così la ricerca nel lessico di una rappresentazione che

corrisponda al segnale in entrata (la parola letta)che porterà al riconoscimento vero e proprio della

parola.

Paragrafo 2: La parola

La comprensione di parte interne alla parola

Riconoscere le parole che sentiamo o leggiamo sono operazioni di base della comprensione. Ma

come si fa a segmentare in unità il flusso contitnuo di suoni e del linguaggio. Il tracciato

spettografico che traduce in forma grafica le caratteristiche di frequenza durata e intensità del

parlato, suggerisce la complessità dei processi attraverso cui si passa dal flusso continuo dei suoni

linguistici che arrivano all'orecchio nella scena uditiva all'identificazione di unità discrete.

Potremmo dire che i confini espressi dalle variaziano del suono prodotto dalla voce umana

coincidano con l'inizio e la fine delle parole ma le cose non stanno così. Vedi es. pag 217.

Verba volant scripta manent

La percezione del parlato è diversa da quella delle parole scritte, è più difficle. Il parlato è

distribuito nel tempo , lo scritto nello spazio. Nella lettura si può decidere la quantità di

informazioni da acquisire per unità di tempo, magari rileggendo e tornando indietro, Nell'ascolto il

destinatario deve elaborare il linguaggio alla velocità decisa dal parlante. Nel parlato discorsivo i

confini tra le parole sono poco marcati. Malgrado le proprietà dei fonemi siano fissate e dipendano

dal contesto e dalla velocità dell'eloquio , siamo molto abili nel riconoscere le unità che

costituiscono le frasi sin da bambini. In un secondo il nostro cervello non distingue 10 suoni ma

possiamo capire chi parla al ritmo di 20 fonemi al secondo. Le informazioni percettive estratte

dall'input acustico( tono, timbro, altezza etc) risiedono per breve tempo nella memoria ecoica così

come quelle relative all'input visivo nella memoria iconica. Questi magazzini sensoriali registrano

le caratteristiche fisiche del segnale acustico per poi passarli agli altri sistemi di memoria.

Uno degli indici usate in molte lingue per discriminare i singoli fonemi sono i confini delle sillabe.

Le strategie di segmentazione utilizzate dipendono dalla lingua cui i parlanti sono stati esposti e

dalla struttura prosodica ovvero le persone sviluppano delle strategie inplicite di segmentazione

della lingua madre basate sul suo ritmo tipico. Per l'italiano e il francese che hanno una struttura

sillabica chiara la sillaba costituisce un importante strumento di segmentazione.

Come riconosciamo una parola mentra la sentiamo?

Quando sentimo una parola viene mentalmente costruito un insieme di possibili candidati al

riconoscimento , una coorte , comprendente le unità che condividono la prima parte della parola

tipo Elefante la prima parte el quindi, elegante, elastico, elitario . Man mano che altra informazione

arriva la coorte restringe il campo fino ad arrivare ad un solo candidato cioè elefante. La parola ha

quindi un punto di unicità che marca il momento in cui essa diverge da tutte le altre.

In sintesi il processo di comprensione procede in tre fasi:

L'accesso , in cui la rappresentazione linguistica è usata per attiviare la coorte.

La selezione e l'integrazione in cui le prorpietà sintattiche e semantiche della parola sono integrate

nella rappresentazione complessiva della frase..Le caratteristiche la formazione o l'eliminazione dei

candidati dalla coorte non agiscono sul principio di tutto o nulla; le parole che formano la coorte

mantengono uno stato di attivazione influenzato da vari fattoritipo la frequenza d'uso della parola

sia dei competitori cioè delle parole simili.

Come riconosciamo una parola mentre la leggiamo?

Una parola scritta ha una struttura interna complessa in cui è possibile isolare diversi elementi che

giocano nel processo verbale del riconoscimento . Vi sono i tratti che compongono le lettere

dell'alfabeto, cioè la combinazione di linee verticali orizzontali e obblique curve aperte e chiuse etc.

Per riconoscere le parole non basta l'unione delle parole come dimostrato dallo psicologo James

Cattel già alla fine dell'800, deve intervenire anche una elaborazione globale dello stimolo. Il

rapporto fra il riconoscimento delle lettere e della parola è illustrato dal cosiddetto effetto di

superiorità della parola.

Es se si presenta in pochi ms una parola con la k tipo work oppure oppure una non parola OWRK e

poi la lettera k e dopo una interferenza tipo ##### e poi appaiono le lettere DeK e i partecipanti

devono scegliere quella presente nello stimolo iniziale ovvero la k, si è dimostrato che una parola

che contiene una data lettera ne facilita il riconoscimento più della presentazione della lettera stessa.

Possiamo leggere una parola in italiano ricorrendo a due modalità:

Via lessicale in cui recuperiamo dal lessico mentale la parola in quanto input ortografico globale e

la sua pronuncia corretta.

Via non lessicale che utilizza invece le regole di conversione grafema-fonema tipiche di ogni

lingua, ovvero ci dicono come leggere le parole scritte. Ci sono casi irregolari come glicine e

glielo . Glicine ha una lettura irregolare mentre glielo è regolare. Queste parole possono essere lette

solo recuperando dal lessico mentale la loro specifica pronuncia cioè utilizzando la via lessicale

mentre glielo utilizzando la via non lessicale. Se non conosciamo una parola possiamo solo leggerla

per via non lessicale.

Dall'ortografia alla pronuncia e ritorno.

La capacità di comprendere una parola scritta è influenzata dal tipo di scrittura, dai metodi di

apprendimento e dai sistemi ortografici della lingua. Decidere se il riconoscimento di una parola sia

diretto o mediato fonologicamente secondo la sequenza ortografia-fonologia-suono, ha prodotto

diverse controversie. Attualmente prevale che l'informazione fonolocia sia rapidamente attivata

anche quando si legge in maniera silente.

In alcune lingue come le latine vi è una diretta corrispondenza tra grafemi e fonemi tranne i casi

irregolari. Mentre le lingue anglosassoni questa corrispondenza è praticamente assente. Un fattore

che influenza la corrispondenza tra ortografia e pronuncia sono le caratteristiche dei vicini della

parola es. cane e rane sono vicini ortografici di pane . Uno degli indici utilizzati per la lettura delle

parole è la struttura del gruppo finale delle lettere che la compone. Ata come patata risata, parole

piane. Il gruppo ile che è più frequente nelle parole sdrucciole in cui l'acccento cade sulla terzultima

come esile docile. Le persone legggono meglio una parola con l'accengo congruente con quello

della altre unità del vicinato facile piuttosto che con l'accento incongruente porcile.

Paragrafo 3: La frase e il testo

Solitamente le parole vanno comprese non isolatamente ma all'inteno di un discorso e di testi scritti.

La comprensione non si limita solo concatenare la semantica o la sintassi delle parole . Chi parla

mette in gioco anche una comunicazione non verbale che modula la frase, incornicia le frase

definendone il contenuto reale. I meccanismi di comprensione e produzione in un dialogo debbono

integrarsi allinenando le diverse rapprensentazioni del parlante e dell'ascoltatore, due ruoli che si

alnternano nella stessa persona, integrando fonti di infornazioni sintattiche, semantiche e

pragmatiche.

Ci sono 2 ipotesi circa le relazioni esistenti tra queste fonti: Uno basato sulla interattività e l'altro

sulla indipendenza o modularità.

Secondo l'ipotesi di interattività le informazioni interagiscono tra di loro ed avviene sulla base di

una serie di vincoli quali la forma grammaticale corretta oppure le conoscenze sematiche associate

alle parole, alle sue caratteristiche prosodiche.

Secondo l'ipotesi modulare i diversi sottosistemi (sintattico e semantico) sono indipendenti e

specializzati nell'elaborazione di un solo tipo di informazione. Si parte dalla struttura sintattica della

frase , cui segue l'analisi semantico e succesivamente può avvvenire l'integrazione fra questi 2

livello che precede l'intervento della componente pragmatica deputato al significato finale della

frase.

La disputa tra le due ipotesi è ancora irrisolta. Il problema potrebbe essere risolto se ci fosse una

scoperta neuroscientifica che che specificasse un'area ben definita deputata a trattare solo

l'informazione sintattica . Test sottoposti a persone con deficit selettivi del linguaggio non hanno

dimostrato che l'elaborazione sintattica sfrutti solo una parte della corteccia, anzi pare che si basi su

un complesso di aree anteriori , mediali, e superiori dei lobi temporli e della corteccia prefrontale

dorso-laterale(che include a sinistra l'area di Broca) che risponde anche ad altri compiti linguistici.

(facevn chiu ambress se dicevano che comprendeva tutto...come li schifo).

Il ruolo della struttura sintattica di una frase

A volte può essere difficile interpretare una frase in maniera univoca a causa della sua struttura

sintattica.

Il principio di elaborazione sintattica generalmente preferito in italiano date le caratteristiche morfo-

sintattiche della lingua si basa sulla soluzione più semplice in termine di complessità di

elaborazione. Nel corso dell’analisi sintattica ogni elemento lessicale in entrata in vigore viene

associato alla parte di frase che si sta elaborando in quel momento indipendentemente dal

significato della frase . Non sempre l’interpretazione iniziale è confermata. Ad esempio si

attribuisce il ruolo di soggetto grammaticale al primo nome menzionato ma non sempre è così. Ciò

è definito ambiguità (in inglese garden path cioè labirinto) che sarà risolta attraverso una nuova

identificazione del soggetto. Il sistema di analisi sintattica procede attraverso 2 passaggi:

1. Le parole vengono assegnate a delle categorie sintattiche sulla base dell’informazione

lessicale per poi costruire una frase, la cui correttezza e coerenza viene man mano controllata;

2. L’assegnazione alle diverse categorie sintattiche viene rivista anche in base ad altre

informazioni. Nel caso in cui la struttura emersa sia compatibile con più di una interpretazione

sintattica entrano in gioco i principi di preferenza.

Che ruolo hanno la struttura semantica e l’interpretazione pragmatica della frase?

Comprendere una frase in un discorso significa farsene una rappresentazione mentale appropriata.

Un’operazione in cui confluiscono molti fattori locali (la struttura sintattica della frase) globale( la

struttura e la tipologia del testo ) ed esperienzali (il piacere del testo). Nella comprensione entrano

quindi anche operazioni ricostruttive come già aveva scoperto lo psicologo inglese Frederic Barlett

negli anni 30 . Ricordiamo meglio il nucleo di una storia rispetto ai dettagli e ricordiamo più

facilmente se le informazioni si agganciano a conoscenze preesistenti di quelle che sono prive di

sostegno. Nel corso della rievocazione di un evento posso intervenire delle distorsioni involontarie

dovute dall’influsso di stereotipo di tipo etnico religioso politico.

Dagli eventi della vita quotidiana estraiamo delle regolarità che si consolidano e vengono

mantenute nella memoria a lungo termine. Tali strutture denominate SCRIPT (ingl.

Copione)funzionano come degli schemi di anticipazione e ci permettono di effettuare delle

inferenze o integrare informazioni mancanti. Ognuna di esse contiene degli SLOT (caselle da

riempire ) ad es. andare al tavolo è associato che si mangia seduti.

Cosa determina la complessità di un discorso o di un testo?

A rendere una frase o un testo difficili da capire possono contribuire vari fattori : le caratteristiche

delle parole ovvero la loro familiarità; la complessità semantica e sintattica e la competenza di chi

legge . Anche l'ordine in cui vengono menzionate le informazioni che solitamente le nuove sono

precedute da quelle che si suppone si debbano sapere.

Io so che tu sai

La comprensione del linguaggio è anche influenzata dalla condivisione di alcune conoscenze che

derivano dal far parte della stessa comunità culturale, essere nello stesso luogo o dall'aver

sperimentato lo stesso evento.

Dire, inferire e lasciare intendere

le inferenze sono una delle modalità attraverso cui integriamo l'informazione linguistica con quella

concettuale e contestuale.Alcuni tipi di inferenze:

• implicazioni logiche : nubile implica donna non sposata

• inferenze retrospettive: connettono nuove informazioni alle precedenti e sono necessarie per

comprenderne il significato. Es il dente fu tolto senza dolore. Il dentista usava un nuovo metodo

• inferenze elaborative che non sono strettamente necessarie alla comprensione della frase

• inferenze concettuali si basano sulle definizioni dei termini. Es il canarino è un uccello

Come legare le diverse parti di un testo: il caso dell'anafora

Anafora (dal greco ripetizione) serve per indicare legami fra le diverse parti del discorso e stabilire

la coerenze permettendo il riferimento a entità menzionate in precedenza.

Luigi e Anna entrarono in classe. Lui si tolse il cappotto lei lo tenne.

Le anafore sono espresse in forma diverse fra cui i pronomi personali(lei) eclitici (ne) i sintagmi

definiti ( la donna) e indefiniti (una donna) i nomi propri (Corrado/di Maggio) Per comprendere una

anafora occorre integrare informazioni provenienti da diverse fonti: la rappresentazione del discorso

che la precede, le caratteristiche linguistiche degli elementi presnti nella frase. Occorre hce

l'antecedente si assegnabile alla frase in maniera univoca. La ricerca di un antecedente coinvolge

almeno 3 processi:

identificare una certa espressione come un caso di anafora

determinare quali aspetti del contesto linguistico e non linguistico siano rilevanti per interpretarla;

assegnare alla frase un significato basato sulla risoluzione referenziale dell'anafora.

Linguaggio teatrale e linguaggio figurato

Per linguaggio figurato si intende (metafore, motonimie, proverbi, espressioni idiomatiche,

ossimori, analogie etc) Esaminiamo solo 2 tipi: Idiomatiche e metafore

Le espressioni idiomatiche

Per comprendere una espressione idiomatica occorre andare oltre alla composizione dei significati

delle parole e recuperare un livello di significato che è predefinito , convezionalizzato all'interno di

una cultura.

Le metafore

Le ricerche sul lignuaggio figurato hanno dimostrato che non sempre il signifato letterale è il primo

ad essere derivato in quanto più facile da determinare. Infatti leggendo

internet è una miniera d'ora a nessuno verrebbe in mente che internet è un buco nel terreno da cui

estrarre l'oro.

Le metafore non sono solo elementi linguistici che possono abbellire un discorso . Il linguaggio

figurato e la metafora in generale rispecchiano il modo in cui le persone concettualizzano il mondo

esterno ed interno agendo da ponte tra sistema concettuale e linguaggio , fra esperienza e

linguaggio. CAPITOLO QUATTORDICESIMO

PRODUZIONE DEL LINGUAGGIO

1. Gli studi sulla produzione del linguaggio

Parlare è il contrario di capire. Il processo di produzione del linguaggio parte da un oggetto mentale

e cioè dall'idea che il parlante vuole esprimere e si conclude con l'emissione di una serie di suoni.

Per parlare una persona deve conoscere le parole della propria lingua, il loro suono, il loro

significato, la loro struttura morfologica, le loro proprietà grammaticali e le regole sintattiche.

Attualmente si conosce più sulla comprensione che sulla produzione del linguaggio a causa della

difficoltà di applicazione di metodi sperimentali. Nello studio sperimentale è infatti difficile

predeterminare ciò che le persone deciderrano di dire e quindi diventa più difficile il controllo delle

variabili da studiare. Solo di recente sono stati costruiti metodi sperimentali appropriati e il punto di

partenza comune a molti studiosi, oggi consiste nel fatto che la produzione di una frase è suddivisa

in varie tappe.

2. La struttura fondamentale

Gli stadi fondamentali della produzione di una frase sono 3:

1) Concettualizzazione: è il momento in cui una persona concepisce l'intenzione di parlare e

decide cosa vuole dire scegliendo quale parte della sua comunicazione è rilevante. Il

messaggio viene elaborato in forma prelinguistica per poi diventare una frase nelle fasi

successive.

2) Formulazione: il parlante sceglie le parole da usare, la struttura sintattica della frase e il

suono della frase. I passi fondamentali di questa fase sono quindi il recupero della

rappresentazone fonologica delle parole (cioè il suono) e la pianificazione dei gesti

articolatori che occorre fare per produrre la frase.

3) Articolazione: è la fase nella quale si recuperano i vari pezzi e vengono emessi in ordine i

suoni che compongono la frase.

Naturalmente in un discorso la produzione di frasi non avviene una per volta, ma materiali diversi si

trovano allo stesso momento a fasi diverse di elaborazione. Quasi sempre quando abbiamo finito di

pronunciare una frase, la successiva è già disponibile per essere realizzata.

3. Esitazioni ed errori

Proprio perchè spesso mentre pronunciamo una frase siamo contemporaneamente inpegnati a

produrne una nuova si generano imperfezioni (esitazione ed errori).

Le esitazioni e gli errori del discorso spontaneo costituiscono una preziosa fonte di dati per

studiare la produzione del linguaggio.

Esistono due tipi di esitazioni:

1) vuote: il parlante resta in silenzio

2) piene: riempite da intercalari o altro materiale verbale disponibile

Le esitazioni non sono distribuite casualmente nel discorso, ma compaiono tra una frase e l'altra,

all'interno di una frase tra un costituente e l'altro o dopo la prima parola di un costituente.

La posizione delle pause in un discorso è informativa, ad esempio la loro ditribuzione all'interno di

una frase, indica che i costituenti vengono pianificati separatamente.

Di solito le esitazioni vengono interpretate come indicatori di una momentanea difficoltà del

parlante. Le esitazioni danno al parlante il tempo di pianificare la continuazione del discorso.

Esistono molti tipi di errori:

errori di scambio (ho visto la barca di Piero – ho visto la parca di Biero)

errori di anticipazione (ho visto la barca di Piero – ho visto la parca diPiero)

errori di sostituzione (ho visto la barca di Piero – ho visto la moto di Piero)

errori di malapropismi (ho visto la barca di Piero – ho visto la marca di Piero)

Gli errori possono fornire dati preziosi sui meccanismi della produzione del linguaggio, infatti

poichè non tutti gli errori logicamente possibili, sono commessi dai parlanti (es. È impossibile che

qualcuno dica per errore "una fiocchi con i cena" mentre può accadere che dica "un fiocco con le

cene". Ciò da indicazionisul processo della produzione e sul suo corso temporale (che cosa viene

fatto quando).

4. Produrre una frase

Nella fase che abbiamo chiamato formulazione, il parlante sceglie le parole e la struttura sintattica

della frase. La scelta delle parole (lessicalizzazione) è il processo attraverso il quale una

rappresentazione semantica viene trasformata in suono. Le informazioni in ns possesso sulla

lessicalizzazione provengono da studi sperimentali condotti con il paradigma chiamato in

inglese"picture-world interference": fu assegnato il compito di dire il più velocemente possibile il

nome di una figura presentata su uno schermo (per es un cane). Prima, dopo o contemporaneamente

appare un distrattore. Il distrattore può avere con la figura una relazione semantica (tartaruga), una

relazionefonologica (pane) o nessuna relazione (ricotta). Quando il distrattore è presentato prima o

assieme alla figura la relazione semantica ritarda la risposta, mentre la relazione fonologica è

ininfluente. Quando il distrattore è presentato dopo la figura, la relazione fonologica facilita la

risposta mentre la relazione semantica è ininfluente.

Studi come questo dimostrano che la produzione dela parola avviene in due fasi.: selezione del

lemma (parole mute) e poi dei lessemi (dove sono rappresentati anche i suoni).

La selezione di un lemma avviene mediante un processo di competizione tra i lemmi corrispondenti

a concetti simili. Questo spiega gli effetti di interferenza quando prima o assieme alla figura viene

presentato un distrattore collegato semanticamente. I lemmi sono parole mute e perciò non vi è

influenza a livello fonologico. Quando poi il lemma viene selezionato, distrattori che hanno una

relazione semantica non producono più effetti, si vedono invece effetti di somiglianza fonologica, in

questo caso la presenza di un distrattore che condivide alcuni fonemi con la parola rende più facile

il recupero del lessema.

Le parole vanno prodotte in sequenze appropriate condizionate dalla struttura sintattica della frase

che vogliamo dire, la pianificazione sintattica è il secondo componente della formulazione e

avviene in due tappe:

1) La fase funzionale: recupera dal lessico informazioni semantiche e sintattiche per assegnare

ai lemmi selezionati la funzione che avranno nella frase (per es. Il caso grammaticale)

2) La fase posizionale: l'ordine delle parole di una frase non viene interamnete pianificato

prima della produzione ma viene stabilito in maniera incrementale "pezzo per pezzo", dove i

pezzi sono rappresentati dai sintagmi.

5. La conversazione

Perchè una conversazione si svolga con successo è necessario che i partecipanti tengano conto del

contesto nel quale si trovano e si attengano a principi condivisi che regolano la loro attività

linguistica. Chi partecipa ad una conversazione utilizza il principio di cooperazione che si realizza

attraverso l'utilizzo di una serie di massime. Una dice per esempio "dai contributi che siano

informativi quanto necessari, ma non di più".

Un aspetto importante nella conversazione è la "presa dei turni", basata su tre regole:

1) Chi parla ha il diritto di scegliere chi parlerà dopo di lui

2) Se chi parla non sceglie, parla chi vuole.

3) Chi parla può continuare, ma non è obbligato a farlo.

Le regole sono in ordine, la prima ha priorità sulla seconda e la seconda prevale sulla terza.

Esempio: se chi parla fa una domanda a B e contemporaneamente C si mette a parlare, sarà

quest'ultimo a tacere.

Un altro aspetto importante della comunicazione, che ha attirato l'attenzione dei ricercatori riguarda

le procedure altamente stereotipate di apertura e chiusura di una conversazione:

La procedura di apertura è una sequenza di chiamate e risposte, le chiamate servono ad attirare

– l'attenzione del potenziale interlocutore. Le risposte segnalano la sua disponibilità.

La procedura di chiusura richiede l'accordo di tutti i partecipanti. Generalmente sono sufficienti

– pochi segnali affinchè gli interlocutori riconoscano i segnali di chiusura e concordino su di essi.

CAPITOLO SEDICESIMO

EMOZIONI

1. Che cosa sono le emozioni

Parole che indicano emozioni fanno parte del nostro linguaggio quotidiano e costituiscono la nostra

esperienza emotiva. Quando durante le nostre conversazioni ci occupiamo di episodi emozionali,

mettiamo a fuoco determinati aspetti di quell'esperienza emotiva, cioè una componente di quella

esperienza e quale ne è la causa, l'oggetto. Le emozioni sono infatti sempre suscitate da un

oggetto/evento specifico (chiamato anche antecedente emotigeno). Gli eventi emotigeni son di

varia natura e possono essere anche interni (un ricordo, uno sguardi, una frase, un lutto, un conflitto

con altra persona etc). L'emozione è quindi il segnale saliente e soggettivamente percepito, del

cambiamento del nostro mondo interno o esterno.

2. Le emozioni: processi complessi

Oggi l'esperienza emotiva viene definita come un processo con un decorso temporale articolato in

più componenti. Già i filosofi Greci individuarono criteri in grado di discriminare le emozioni da

altri fenomeni psicologici (pensieri, percezioni, etc.). le componenti individuate furono la valenza

(piacere-dolore, bene-male), la localizzazione (passato-futuro) e desiderabilità soggettiva

dell'evento. Esempio: provare rabbia è un'esperienza a valenza negativa che si associa ad una

valutazione cognitiva dell'evento (lui mi ha insultato), che genera risposte fisiologiche (arrossire) ed

espressive (serrare i denti), tendenze all'azione (aggredire) e comportamenti (insultare). In

qualunque punto del processo temporale può intervenire la regolazione (reprimere la tendenza

all'aggressione) messa a punto dall'individuo.

2.1 Le emozioni: un ostacolo o una risorsa?

Nella concezione classica l'individuo patisce le emozioni considerate uno stato perturbato e

perturbatore con la conseguente dicotomia emozione-ragione. Quelle che noi chiamiamo emozioni

erano infatti definite dai Greci “pathema” corrispondente al nostro termine passioni non emozioni.

Cartesio fu il primo a introdurre il termine emozione, aggiungendo al concetto di patimento, i

concetti di disturbo, eccitazione, incontrollabilità. Oggi invece, considerando la presenza della

componente di valutazione, si parla di razionalità delle emozioni e di competenza o intelligenza

emotiva in grado di suggerire comportamenti ottimali in tutti quei casi in cui le emozioni sono

implicate. Le emozioni quindi oggi hanno una funzione sociale, sono fenomeni interpersonali

culturalmente definiti che mediano in modo adattativo e funzionale molte relazioni sociali. Esempio

la reazione emotiva spesso è rappresentata da una particolare espressione del viso ed è interpretabile

in termini funzionali e sociali (paura = segnale di pericolo; tristezza = voglia di essere confortati;

sorriso = incentivo ad avvicinarsi).

Ricerche recenti hanno inoltre dimostrato che cognizione e stato emotivo si influenzano

reciprocamente. Ad esempio chi si sente felice tende a dare giudizi più benevoli, valuta le proprie

prestazioni in maniera più positiva, sorvola sui propri errori e attribuisce il proprio successo a cause

interne e il proprio insuccesso a cause esterne. Chi si sente triste tende a vedere soprattutto i propri

insuccessi, attribuisce il proprio successo a cause esterne, nota di più chi è felice, si sente la causa di

un evento infelice e attribuisce ad altri la causa di eventi felici, ha aspettative negative per il futuro e

cosi via.

Ad oggi si pensa che le emozioni, soprattutto quando sono eccitate, prendano il controllo

dell'organismo. Ma ciò spesso è positivo (sensazione di paura = scappare da un pericolo; piangere x

le disgrazie altrui = aiuta la coesione sociale; mostrarsi arrabbiati per l'infedeltà del partner = può

aiutare la relazione). Le emozioni sono risorse necessarie alle transazioni dell'individuo con il

mondo, al successo che può ottenere in un compito, al suo benessere, alle modalità con cui fa delle

scelte e prende una decisione, alla coesione sociale.

2.2 Complessità delle ricerche sulle emozioni

Le emozioni sono fenomeni complessi studiati da discipline diverse (psicologia, sociologia,

biologia, neuroscienze, etc.). L'integrazione tra le diverse teorie è possibile se si tiene conto che si

studiano identiche variabili strutturali a livelli diversi, è quindi possibile che ad una stessa domanda

vengano date risposte diverse (non necessariamente incompatibili) a seconda di quale variabile e a

quale livello di analisi e a quali scopi la domanda viene fatta. Esempio: x capire come varia la

capacita e il modo di rispondere a livello affettivo di un individuo, potremmo valutare le

fluttuazioni ormonali se lo valutiamo a livello biologico, studiare il clima sociale che caratterizza la

società in cui vive l'individuo o il confronto tra culture diverse se ci interessa il livello sociale,

a livello neurologico il confronto avviene tra persone normali e pazienti con lesioni cerebrali)

3. Gli eventi emotigeni in rapporto all'esperienza emotiva e alle sue componenti

L'esperienza emotiva è solitamente suscitata da un evento che rappresenta l'oggetto cui l'individuo

presta attenzione.

3.1 Eventi antecedenti, loro valutazione e significato

Gli interessi individuali costituiscono predisposizioni emotive, è infatti il beneficio o il danno a

tale interesse che rende un evento emotivamente interessante, inoltre la considerazione che un

evento possa essere emotigeno per un individuo e non per un altro o che per lo stesso individuo

possa esserlo in un certo momento della sua vita e non in un altro, implica che le emozioni sono

fortemente ancorate alle credenze e alle conoscenze dell'individuo e quindi alla sua storia personale.

Uno stesso evento non suscita emozione in tutti gli individui, nè suscita sempre la stessa emozione.

L'appartenenza culturale dell'individuo e la sua storia personale intervengono in una codifica

dell'evento e definiscono se quell'evento suscita emozione e in quel caso quale tipo di emozione.

Esempio 1: nelle culture collettivistiche come quelle orientali sono molto importanti il giudizio del

gruppo cosi che, l'evento di un individuo che avrà violato alcune norme susciterà una importante

emozione di vergogna. Mentre nelle culture individualiste che sottolineano l'autostima e

l'autonomia di un individuo avranno particolare rilevanze eventi che suscitano colpa.

Esempio 2: Parlare in pubblico è imbarazzante sia per un adolescente che per una persona ansiosa,

mentre non lo è per un attore.

Esempio 3: La morte di qualcuno susciterà tristezza, dolore, colpa, disperazione, rassegnazione o

sollievo a seconda dell'importanza e delle implicazioni che tale perdita comporta per la persona.

3.2 Multidimensionalità della valutazione degli eventi

La valutazione di un evento è un processo multidimensionale. Un evento emotigeno infatti

riguarda il benessere dell'individuo (valenza: evento piacevole o spiacevole), la capacità

dell'individuo di farvi fronte (potenziale di coping: l'evento è tollerabile?) e ancora una serie di

dimensioni quali la salienza (l'evento è funzionale agli scopi dell'individuo?), la novità (l'evento è

familiare all'individuo?), il controllo (la situazione è sotto il controllo dell'individuo?), la certezza

(quanto è probabile che l'evento abbia esito?), la fonte causale (chi ha causato l'evento?),

l'intenzionalità (l'evento è stato causato intenzionalmente?)

Le ricerche sulle emozioni hanno dimostrato che specifiche configurazioni di valutazione

caratterizzano emozioni diverse. Esempio: la gelosia si caratterizza per valenza negativa e per il

fatto che gli eventi che la scatenano sono inattesi o causati da altre persone. La gioia invece ha

valenza positiva, e gli eventi che la producono sono inattesi ma possono essere anche causati

dall'individuo che la prova.

3.3 Le valutazioni: analitiche e automatiche

La valutazione dell'evento si basa quasi sempre su cognizioni analitiche, senza la cognizione infatti

l'evento emotigeno non provocherebbe tendenze all'azione specifiche (il voler attaccare nella rabbia,

il voler fuggire nella paura, etc.) . Ma può accadere anche che la valutazione di un evento sia il

risultato di valutazioni automatiche (proviamo imbarazzo senza sapere che è il nostro desiderio di

essere giudicati competenti sul piano sociale, o il nostro desiderio di essere accettati, ad essere

minacciato). Il processo di valutazione di un evento emotigeno può essere sia consapevole che

automatico, ciò dimostra che esistono emozioni legate alla riflessione e emozioni risultati da

processi di pensiero poco strutturati.

3.4 Prototipicità dei rapporti evento-emozione

Per stabilire cosa accumuna specifici eventi viene chiesto a gruppi di persone di descrivere un

evento che abbia provocato una determinata emozione. Nel caso della tristezza ad esempio si rileva

che l'evento comune è la perdita (di persone care, del lavoro, separazione dal coniuge etc), nel caso

dell'invidia, il nucleo comune è il desiderio di ottenere qualcosa che ha l'individuo con cui la

persona si confronta. Ciò dimostra che esiste un legame significativo emozione-evento e quindi

possiamo affermare che certi tipi di eventi sono prototipici di certe emozioni: la perdita suscita

tristezza, il pericolo paura, la violazione altri di propri valori rabbia e cosi via.

I legami evento-emozione sono assimilabili a schemi concettuali connessi a più ampi schemi

emozionali di significati socialmente condivisi. Tali significati influiscono sull'attenzione che

l'individuo presta agli eventi.

4. Codifica di legami emozionali prototipici: il lessico emozionale

La grande varietà di termini che designano emozioni ci induce ad ipotizzare che il lessico

emozionale codifichi un certo aspetto delle emozioni e sia funzionale ad esso. Esempi: indignazione

e gelosia implicano che è qualcun altro che offende i nostri valori o minaccia l'esclusività del

possesso di un bene; imbarazzo, vergogna e orgoglio designano emozioni provate anche quando

l'agente non è il Sé (mi imbarazzo quando il mio partner si rovescia il caffè addosso mentre siamo a

cena da amici); soddisfazione e delusionespecificano eventi che confermano o vanificano

aspettative; ammirazione e biasimo riguardano azioni di agenti diversi dal Sé, ma dirette sia verso il

Sé sia verso altri individui; nostalgia, rammarico e rimpianto riguardano eventi-oggetti del passato

mentre speranza eventi futuri. Inoltre tra le dimensioni del lessico emozionale troviamo il grado con

cui un individuo fa fronte agli eventi (impotente, disperato, sicuro), l'intensità dell'emozione

(terrore, estasi, giubilo, repulsione), il grado e la natura dell'attivazione fisiologica (eccitato, calmo,

infuriato) e cosi via.

Il lessico emozionale, però, codifica i vari aspetti del'esperienza emotiva in modo disomogeneo in

quanto ogni termine non può descrivere (codificare) tutte le componenti.

5. Il processo emotivo

Le componenti formano il nucleo del processo emotivo: la valutazione da parte dell'individuo di un

evento provoca una tendenza all'azione accompagnata da risposte fisiologiche e espressive per

poi tradursi in comportamenti.

L'esperienza emotiva comprende anche una struttura intenzionale (esempio: il rimorso comporta

spesso il desiderio di fare qualcosa per rendere la propria colpa meno severa) che estende lo stato di

tendenza all'azione e definisce la natura di un'emozione.Le emosioni si differenziano anche per il

loro decorso temporale (alcune infatti hanno un chiaro inizio e una chiara fine, in altri casi

l'esperienza è discontinua e variabile. La durata reale dell'esperienza emotiva dipenderà dall'impatto

dell'evento emotigeno sull'individuo e dai processi di regolazione che questi mette in atto.

I comportamenti messi in atto dall'individuo saranno determinati dal tipo specifico di emozione

suscitata ma anche dalla valutazione di oggetti particolari associati a quell'evento (caso gelosia, il

cui oggetto particolare è l'interesse del partner per altri, l'individuo che la prova cerca di prevenire il

ripetersi dell'evento che l'ha scatenata, impedendo al proprio partner di uscire).

L'individuo spesso giudica l'emozione che prova sia come emozione provata dal Sé (approvandola o

meno a seconda dei propri canoni) sia rispetto ai suoi effetti sugli altri. Esempio: provo invidia

quindi mi dispiace di aver percepito negativamente un successo del mio rivale (valutazione

dell'evento), rifiuto di accettare il mio desiderio di rovinare il suo successo (tendenza all'azione), mi

rammarico di aver fatto commenti malevoli su di lui (comportamento), o infine cercare di sentirmi

felice per il suo successo. Il sistema emotivo è un modulo che opera insieme ma indipendentemente

da altri sistemi. Un'emozione può insorgere anche se l'individuo è impegnato in altra attività. La

valutazione emozionale degli eventi è presumibilmente continua e contemporanea alle altre attività

in corso (almeno fino a quando l'emozione non è eccitata). Il processo emotivo presuppone la

presenza di alcune condizioni, quali i meccanismi e i processi che producono le valutazioni e i

cambiamenti nella tendenza all'azione e le risorse che permettono i comportamenti. Se non ci si

trova in uno stato ottimale mentale (esaurimento psicofisico) i processi non operano in modo

adeguato modificando anche le emozioni. Come pure se le risorse energetiche dell'organismo non

sono ottimal, diminuiscono la sensibilità e reattività emotiva all'ambiente.

CAPITOLO DICIASSETTESIMO

MOTIVAZIONE

Che cos'è la motivazione:

La parola motivazione deriva dal latino motus, cioè movimento e indica ciò che una persona compie

a perseguire un determinato obiettivo o a desistere dal mantenere il proprio stato. La persona

motivata ha un obiettivo e compie sforzi e persiste in esso. Prova sati di irrequietezza, di tensione e

di attivazione tanto che si è potuto paragonare la Motivazione ad una forma mitigata dell'ossessione.

Non è possibile esternamente cogliere la motivazione di una persona ma solo indizi e dunque trarne

delle teorie ingenue . La motivazione è dunque un concetto ipotetico chiamato in causa per spiegare

la condotta. Perchè ci comportiamo in un determinato modo. Cosa permette di sopportare fatiche o

di tollerare frustrazioni ripetute (io sopporto De Negri per es.) per ottenere l'approvazione altrui?

Risultano maggiormente motivanti i rinforzi esterni oppure le gratificazioni personali? Per illustrare

il modo in cui affronteremo questi interrogativi consideriamo un esempio concreto. Quali sono i

motivi che inducono una persona a sottoporsi ad una dieta. Supponiamo che il motivo scatenante sia

stato trovare nell'armadio un abito divenuto troppo stretto per indossarlo ed il desiderio di diventare

come qualche anno fa. Quindi la forte spinta motivazionale sono costituiti dallo spostarsi dell'ago

della bilancia e la speranza e l'orgoglio per l'iniziale diminuzione di peso. Ebbene questa persona

vivrà la progressiva dominuzione di peso sia come vicinanza all'immagine corporea desiderata

(richaiamata dal vecchio abito) sia come ampio rafforzamento dell'autostima personale. In queso

modo verrà creato un sistema di automotivazione in cui stimoli esterni (diminuzione del peso ,

variazione dell'aspetto corporeo e approvazione e complimenti altrui) e vissuti

personali( soddisfazione, compiacimento, senso di controllo) si rinforzano reciprocamente. Quello

che invece accade spesso èche un regime alimentare molto rigido difficile da sostenere a lungo

termine , unita all'idea di essersi sacrificati abbastanza e di non avere abbastanza forza di carattere

per proseguire porta inevitabilmente ad una trasgressione. Il piacere immediato che ne deriva è che

una persona golosa è impossibile che segui una dieta. A questo punto i chili perduti si recuperano ,

soprggiungono i sensi di colpa e di inefficacia e la persona in questione si rifugerà nei piaceri della

tavola. Questi esempi servono a comprendere in seguito che la motivazione è funizonalmente

collegata ad un insieme di fattori sia esterni che interni.

Le teorie delle motivazioni.

Una classica tassonomia distingue le motivazioni in Estrinseche ed Intrinseche.

Le motivazioni estrinseche quali, i premi , gli elogi, gli incentivi, l'approvazione sociale, o il

raggiungimento di uno status, avviene quando un comportamento è messo in atto per ottenere

qualcosa che va al di là della motivazione in quanto tale.

Le motivazioni intriseche quali l'interesse , la curiosità il successo o il potere sono motivazioni che

fanno afrontare un compito fino a se stesso e non per finalità esterne. Se pensiamo all'es. Della

dieta ci accorgiamo che la motivazione non è un processo unitario ma un insieme di esperienze

soggettive di origine intriseca o estrinseca , quali gli obittievi , le aspettative, i processi emotivi, i

valori, gli interessi personali. Dall'analisi emerge che esistono almeno 20 differenti termini

motivazionali distinti tra quelli relativi alle motivazioni estrinseche ed intrinseche.

Pulsioni e rinforzi

Diverse teorie asseriscono che il comportamento sia dettato da pulsioni ed istinti . La psicoanalisi

di Freud, oppure l'etologia di Konrad Lorenz o il comportamentismo di Clark Hull. Freud sosteneva

che la motivazione è pulsione innata, ovvero istinto biologico che porta l'individuo a comportarsi in

un certo modo sotto la spinta di componenti consce ed inconsce. Secondo Freud esistono due

pulsioni primarie: La pulsione vita (eros) e qualla di morte (Thanatos) . La prima comprende le

pulsioni sessuali e di autoconservazione, la seconda racchiude impulsi di aggressione e distruzione e

il desiderio di controllo e dominio. La teoria comportamentista ha elaborato una visione della

motivazione e dell'apprendimento come prodotto di una serie di variabili controllabili attraverso la

programmazione di gratificazioni e rinforzi di varia natura. La teoria del condizionamento sostiene

che gli esseri umani a pari degli animali sono motivati a produrre comportamenti che portano a

conseguenze positive nell'ambiente ed evitano quelle motivazioni che portano a conseguenze

negative nell'ambiente. Secondo la legge dell'effetto di Edward Thorndike, le risposte seguite nel

tempo da un effetto positov tendono ad essere ripetute dall'animale quando questi si trova nella

medesiva situazione.

La teoria dei bisogni

Secondo lo psicologo americano Abraham Maslow la motivazione è la manifestazione di alcuni

bisogni primari che vengono rinforzati od ostacoloati dall'ambiente. Secondo Maslow c'è una

gerarchia dei bisogni.

Bisogni fisiologici (fame, sete, ) Bisogni di sicurezza ( ricerca di un rifugio, sicurezza economica) ,

bisogni di appartenenza ( senso di intimità, amore) bisogni di stima , bisogno di autorealizzazione

(espressione di attività nobili quali i comportamenti altruistici). Così una persona costretta a non

mangiare per giorni, difficilmente rinuncerà al cibo in nome di qualche causa politica. La gerarchia

di tale teoria è stata molto discussa. Infatti a volte accade che impegnati un in'occupazione

particolarmente stimolante il tempo passa senza che ce ne rendiamo conto e dimentichiamo

appuntamenti importanti e non si percepisce stanchezza e fame.

Le teorie cognitive e sociocognitive

Secondo la prospettiva cognitivista la motivazione è influenzata falla convinzioni dell'individuo

circa il suo valore e le sue abilità, gli obiettivi che si pone , le aspettative di successo o di fallimento

. Questa teoria sostiene anche che le altre persone e l'ambiente sociale e culturale influenzano

significativamente tutti i fattori sopra indicati. Il nucleo centrale delle teorie sulla motivazione di

tipo sociocognitivo si sposta dalle nozioni di spinta bisogno e pulsione, a quelle di ricompensa

eincentivo estrinseco, nonché di aspettativa , obiettivo e atteggiamento personale. In altre parole

nelle teorie sociocognitive la motivazione è una configuraziobne d'esperienze soggettive che

consente di spiegare l'inizio , la direzione , l'intensità e la persistenza di un compito finalizzato ad

un determinato obiettivo. Una tale chiave di lettura ci spiega come una motivazione inizialmente

estrinseca diventa in seguito intrinseca. Esempio se per necessità economiche accetto un detrminato

lavoro, successivamente scopro degli aspetti interessanti di tale attività a cui posso ricare una certa

soddisfazione nel riuscirci, ecco che la motivazione diventa anche intrinseca. Per garantirsi la

capacità di persistere nel conseguimento di risultati difficili e obiettivi lontani nel tempo, il

creare le condizioni per favorire il passaggio tra questi due tipi di motivazioni può essere di

grande utilità.

La motivazione alla riuscita

La motivazione alla riuscita rappresenta la necessità di fare le cose al meglio per un desiderio

intrinseco di raggiungere il successo ed evitare il fallimento. Già dai primi anni di vita i bambini

mostrano il desiderio di fare anche quando non sono particolarmente rinfirzati dai genitori. Molti

studiosi affermano che vi è nell'uomo una motivazione intrinseca di voler conoscere ed esplorare il

mondo. Negli anni 30 gli psicologi Americani Atkinson e David Mc Clelland posero le basi della

ricerca sulla motivazione partendo dall'assunto teorico di Kurt Lewin secondo il quale il

comportamento di una persona dipende dal suo spazio vitale che è composto dalla persona e

dall'ambiente psicologico permeabile dall'influenza dell'ambiente esterno, e che la motivazione

scaturisce dalla tensione tra le forze di attrazione e di repulsione che percorrono tale spazio.Secondo

Atkinson la motivazione alla riuscita risulta da 2 opposte tendenze :ottenere il risultato ed evitare il

fallimento.In particolare Atkinson ha dimostrato che le differenze individuali legate alla

motivazione alla riuscita si manifestano nella scelta di compiti di differente difficoltà. Il modello di

Atkinson delle scelte a richio spiega in che modo una persona spinta da 2 opposte motivazioni /il

desiderio di successo e la paura del fallimento) sceglie se affrontare o no il compito.

Al crescere della difficoltà del compito corrisponde un aumento dell’incentivo, rappresentato

dall’emozione anticipata di orgoglio. La motivazione cresce quando la preoccupazione per la

difficoltà è compensata dall’emozione positiva data dalle prospettive di soddisfazione. Quando la

difficoltà del compito diviene eccessiva e la probabilità di riuscita si riduce anche la motivazione si

riduce, perché la paura del fallimento prende il sopravvento.La situazione ottimale è rappresentata

dal punto di incontro tra le 2 dimensioni: incentivo adeguato e probabilità di riuscita, che si verifica

quando i compiti appaiono di difficoltà leggermente superiore alla media.

Si è dimostrato che le due tendenze ad ottenere il successo ed evitare il fallimento sono tra di loro

indipendenti.

Possono esistere 4 categorie di persone :

Sovramotivati: con alta tendenza sia a ricercare il successo che evitare il fallimento

Orientati al successo: con alta tendenza al successo e bassa tendenza a evitare il fallimento

Orientati ad evitare il fallimento: con bassa tendenza al successo e alta tendenza a evitare il

fallimento

Orientati al fallimento: con bassa tendenza sia al successo sia a evitare il fallimento.

Solo le persone orientate al successo hanno motivazione ottimale poiché l’aspirazione al successo è

più forte del timore di fallire.

La misura alla motivazione predice il successo lavorativo. Una forma precoce di questo tipo di

motivazione è stata anche chiamata motivazione di competenza si può osservare nel voler far da sé

del bambino che si ostina a fare da solo anche quando padroneggia poco. La psicologa americana

Susan Harter ha esaminato lo sviluppo della motivazione di competenza nel bambino in relazione

della presenza o assenza del sostegno da parte dei genitori. I risultati hanno dimostrato che se è

sostenuto e rafforzato nei primi tentativi , il bambino tende a sviluppare un sistema di

autoricompensa, per cui il fatto stesso di compiere l'azione stimola l'adozione di quel

comportamento a prescindere dall'approvazione esterna. Il bambino si percepisce più competente e

interorizza una percezione di controllo rendendo autorinforzanti i tentativi di padronanza. Al

contrario se il bambino viene scoraggiato e disapprovato in queste sue esperienze tende a sviluppare

un continuo bisogno di approvazione.

L'essere umano fin da piccolo manifesta il bisogno di conoscere e di sentirsi competente come

dimostrato dalla teoria dell'autodeterminazione di scegliere le attività da svolgere. Decy e Ryan

individuano nell'autodeterminazione la soddisfazione di 3 bisogni:

competenza, autonomia e relazione. La competenza consiste nella percezione di padronanza

dell'azione e di controllo. L'autonomia riguarda la possibilità di scegliere attività e modalità di

svolgimento delle stesse. La relazione fa riferimento al bisogno di relazioni sociali.

L'autodeterminazione consiste quindi nel fare le cose scelte personalmente nei tempi e nei modi

voluti e nel sentirsi in queste non solo competenti ma anche approvati socialmente.

Le cause del successo e le cause del fallimento. La teoria attributiva.

Successi e fallimenti hanno effetti completamente diversi a seconda delle cause cui vengono

attribuite.Nel caso del fallimento le conseguenze saranno diverse a seconda se la causa sia

individuata in una scasa capacità o attribuita alla difficoltà del compito o ad un impegno

insufficiente. Quindi occorre distinguere le cause in esterne ed interne. Gli effetti dell'attribuzione

sono diversi a seconda che riguardino i risultati propri (autoattribuzione) o altrui

(eteroattribuzione).

E' tendenza comune attribuire cause esterne ai fallimenti e interne ai successi per quanto riguarda i

propri risultati, il contrario per gli altri. Questo effetto viene chiamato errore edonico di

attribuzione , un errore di ragionamento imputabile ad una motivazione fondamentale : la necessità

di salvaguardare l'immagine di sé. Altre distinzioni riguardano la stabilità nel tempo della causa e

la sua controllabilità. Sono cause più stabili l'abilità e le caratteristiche del compito e sono causae

meno stabili l'impegno e la fortuna. Anche se si riconosce che un evento è frutto di diverse cause, si

è portati a privilegiarne solo alcune. E' la localizzazione interna della causa a detrminare sentimenti

di orgoglio o vergogna.

La teoria attributiva è un'interpretazione in chiave cognitiva della posizione di atkinson. Nella teoria

attributiva la motivazione non deriva dalle emozioni anticipate ma dai processi cognitivi che

riflettono sulle cause dei propri risultati. Un fallimento detrminerà un'emozione di vergogna se

attribuito alla scarsa abilità ma non se attribuito fattori casuali ; l'orgoglio e la soddisfazione si

proveranno per un successo attribuito al proprio impegno ma non se imputato all'aiuto degli altri.

Gli individui motivati al successo e quelli motivati ad evitare il fallimento si differenziano nello

stile attributivo, Gli individui motivi al successo tendono ad attribuite il conseguimento dei prorpi

obiettivi a fattori interni , primo fra tutti la propria abilità, ed i fallimenti a cause variabili come la

sfortuna. Gli individui motivati ad evitare il fallimento hanno uno stile attribuitivo tendente a vedere

il fallimento cone causato da una scarsa abilità, ed il successo come risultato di fattori esterni.

L'esperienza del libero flusso

Con l'esperienza di flusso (flow experience) lo psicologo Ungherese Mihalyi Csikszentmihalyi

descrive un tipo di esperienza che è così piacevole e coinvolgente da diventare autelica cioè fine a

se stessa. Le attività creative come lo sport, i giochi, i riti religiosi sono fonti tipiche di questi tipi di

esperienza e rappresentano l'esemprio estremo di motivazione intrinseca.

Requisito fondamentale per raggiungere un tale stato è che il livello di difficoltà dell'azione sia

superiore alla media delle abituali opportunità. Il flusso non ha bisogno di ricompense esterne.

Gli elementi fondamentali dell'esperienza di flusso sono 3:

Un grande investimento di attenzione sulla situauzine in atto

Una sensazione di benessere e soddisfazione personale

La presenza di un impegno a cui corrsipondono capacità personali adeguate.

Motivazione e apprendimento.

Gli studi sulla relazione tra motivazione ed apprendimento sono recenti.Tale relazione è mediata da

tante variabili, così che la motivazione ad apprendere in una determinata situazione sarà maggiore

se si conosce e si applicano strategie di apprendimento ragionate e flessibili (in particolare di tipo

metacognitivo) ; protrae nel tempo il suo impegno ; attribuisce a quest'ultimo i suoi successi o

fallimenti, sceglie compiti di dfficoltà ottimale che gli consentano di mettersi realmente in gioco.

Un modello teorico quello definito “aspettative-valore”esemplifica la relazione tra motivazione ed

apprendimento. Secondo questo modello la motivazione, misurata nei termini della qualità della

prestazione, nella scelta dei compiti impegnativi e nella persistenza in questi è vista come

determinata dal valore del compito cioè l'importabza che assume per il soggetto che apprende e

dalle aspettative della riuscita cioè la probabilità di successo. Le aspettative di riuscita sono

influenzate da quanto ci si ritiene abili in quella situazione. Queste credenze sono inglienzate da

valutazioni cognitive e sociali, come la spiegazione data ai successi/falliementi e le aspettative che

gli altri hanno nei nostri confronti. Tutte queste stime e valutazioni risultano centrali nel modello

per la relazione bidirezionale che le lega alla percezione di sé e agli obiettivi perseguiti.

Obiettivi di apprendimento e teorie dell'intelligenza.

La spinta motivazionale all'apprendimentoè mediata da varie componenti di varia natura sia

cognitiva sia affettiva. Premesso ci0 perchè alcune persone davani ad un ostacolo si comportatno

come una condanna ed altri come una sfida interessante. La psicologa americana Caol Dwech

distingue nellapprendimento tra obiettivi di padronanza (cioè quello che ci porta ad imparare cose

nuove)e obiettivi di prestazione. (cioè quelli che ci portano a dimostrare le abilità).Tali obiettivi

non sono tutto o niente nel senso che non si è solo interessati a dimostrare di essere bravi oppure

solo interessati ad imparare. Piuttosto in ognuno di noi ci può essere che prevalga l'uno o l'altro.


ACQUISTATO

9 volte

PAGINE

38

PESO

205.10 KB

AUTORE

Sara F

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze della formazione primaria
SSD:
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Sara F di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Psicologia dei processi cognitivi e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Suor Orsola Benincasa - Unisob o del prof Zorzi Girotto.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Psicologia dei processi cognitivi

Psicologia dei processi cognitivi
Appunto
Storia moderna - Riassunto esame
Dispensa
Riassunto esame Storia Moderna, prof. Fiorelli, libro consigliato Le Vie della Modernità, Musi
Appunto
Storia moderna - Riassunto esame
Dispensa