Che materia stai cercando?

Riassunto esame Psicologia della Comunicazione, prof. Carrubba, libro consigliato Fondamenti di Psicologia della Comunicazione, Anolli

Riassunto per l'esame di Psicologia della Comunicazione Applicata ai Contesti Educativi, basato su appunti personali e studio autonomo del testo consigliato dal docente Fondamenti di Psicologia della Comunicazione, Anolli. Nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: soggetto umano, la comunicazione come significazione e come segno, l'approccio... Vedi di più

Esame di Psicologia della comunicazione applicata ai contesti educativi docente Prof. L. Carrubba

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

SOGG UMANO è un essere comunicante, pensante, emotivo, sociale.La

comunicazione è fare qlc nei riguardi di qualcun'altro

com. come trasmissione di info(info=trasmissione tra2o+elem)teorie dell'info

interessate al''interaz uomo-macchinae studio nuovi e potenti strum tecnologici x elab

e trsm info.L'info è:espansiva(genera ulteriore info)comprimibile(sia a liv sintattico

che semantico),facilmente trasportabile(e tramissibile ad alta veloc)

APPR MATEMATICO :implica una teoria forte del codice.Modello di Shannon e

Weaver(1949)proc trasm info:il mess passa da una fonte emittente(attrav proc di

encoding:scelta di un canale e un codice)ad un destinatario che a sua volta lo

decodifica(decoding)

l'info non è ciò che è stato detto ma il valore di prob che si realizza all'interno di

molte possibilità combinatorie.

Modello integrato con la nozione di FEEDBACK= quantità di info che dal ricevente

torna all'emittente e consente di modificare i mess successivi. POSITIVO aumente

l'info d'ingresso NEGATIVO riduce l'info d'ingre consente di mantenere nel sistema

una condiz stabile, di omeostasi

Elementi:

FONTE (entità che crea il mess)

TRASMETTITORE dispositivo che consente la trasf delmess in segnali fisic

i CANALE mezzo che trasferisce il mess

RUMORE insieme elem ambientali

RECETTORE disp che consente la conversione del segnale in forma comprensibile

dal destinatario

DESTINATARIO entità a cui è rivolto il mess

x SHANNON l'inf

o è una grandezza finita osservabile e misurabile. INFO è il valore

di probabilità che si realizza all'interno di molte possibilità combinatorie tra tutti i

simboli.ENTROPIA mancanza di info, qndo le prob di emissione dei segnali alla

fonte sono tutte=

LA COMUNICAZ COME SIGNIFICAZIONE E COME

SEGNO(appr semiotico) SEMIOTICA sc che studia la vita dei segni nel quadro della

vita sociale.diagramma della signifacazione di Ogden e Richerds(simbolo, referenza,

referente)il simbolo o segno(parola o gesto)non ha un rapp diretto con la

realtà(referente)ma solo con il concetto o idea mentale(referenza) SEGNO IN PSICO

DELLA COMUNICAZi one

1 SEGNO COME EQUIVALENZA segno=significante + significato. Vi è

corrispondenza stabile tra espressione e contenuto, poss carattere arbitrario e

oppositivo.De SASSURE lingua come sistema di differenze di suoni combinati ad un

insieme di differenze di significati

2SEGNO COME INFERENZA poichè costituisce un indizio da cui trarre una

conseguenza. Comporta la presenza di modelli mentali. Il segno rimanda a qlc di

diverso da sé APPR PRAGMATIC

O esamina i rapporti che intercorrono tra

testo e contesto in cui esso è manifestato.prende in esame i processi IMPLICITI della

comunicaz.

TEORIA DEGLI ATTI LINGUISTICI Austin 1962 dire qlc è anke sempre fare

qlc locutorio

(ciò che si dice,azioni che si compiono x il fatto stesso di

parlare)illocutorio(ciò che si fa nel dire qlc,atti che corrisp alle intenzioni

comunicative del parlante) perlocutorio

(ciò che si vuole ottenere dicendo

qlc,produzione di det effetti da parte del parlante sul sist di

credenze...dell'interlocutore

GLI ENUNCIA TI ESPRIMONO MOLTO DI PIU' DI QUANTO SIGNIFICHINO

SUL PIANO LESSICALEAustin e Searle introd i conc di FORZA

ILLOCUTORIA(forza contenuta nell'atto linguistico)e EFFETTI

PERLOCUTORI(effetto dell'atto sull'interlocutore) 

austin distingue tra

: ATTI LINGUISTICI DIRETTI La forza illocutoria che il

parlante attribuisce all’enunciato è conforme e corrisponde al significato letterale

dell’enunciato medesimo. ATTI LINGUISTICI INDIRETTI La forza illocutoria

deriva dai modi non verbali con cui l’enunciato è manifestato (tono, intensità della

voce, ritmo di emissione delle parole).

N.B. Attenzione allo scarto comunicativo tra

enunciato ( utterance

) e frase (

sentence

), nel senso che l’enunciato comunica molto di

più di quanto sia contenuto in una frase a livello lessicale.

GRICE PRINCIPIO DI COOPERAZIONEd eclinato in 4 massime

: 1DI QUANTITA 'dai un contributo che soddisfi la richiesta di info in modo adeguato

agli scopi della conversaz e non dare un contr+informativo del necessario

2QUALITA

'cerca di forn un contributo vero, non dire il falso, non dire ciò x cui non

hai prove adeguate 3RELAZIONE sii pertinente 4MODO sii perspicuo, evita espress

oscure, evita ambiguità, sii breve, sii ordinato nell'esposizione.

E distingue tra logica

del linguaggio(si applica al significato letterale) e della conversazione(si appl ai

processi che gli ind usano x inferire ciò che il parlante intende comunicare, implica

una distinz tra dire e significare)per colmare lo scarto tra i 2 si deve ricorrere ad un

proc intenzionale di natura inferenziale:IMPLICATURA

CONVERSAZIONALE Inoltre Grice riprende la distinzione tra logica del linguaggio

e logica della conversazione

La logica della conversazione implica una distinzione tra

DIRE e SIGNIFICARE Per colmare lo scarto t

ra i due è necessario ricorrere ad un

processo intenzionale di natura inferenziale: IMPLICATURA

CONVERSAZIONALE , esse permettono di estrarre il sign non detto contenuto in

modo implicito nell'enubciato

L'APPROCCIO PSICOLOGICOl

a com come gioco di relazioni

La comunicazione

come dimensione intrinseca che fonda e che esprime l’identità personale e la

posizione sociale di ogni soggetto. Attenzione ai processi ontogenetici di

acquisizione e sviluppo delle competenze comunicative nel b.no.

“Essere in

comunicazione” significa che nella e mediante la comunicazione le persone

costruiscono, mantengono, modificano la RETE delle RELAZIONI in cui sono

costantemente immerse e che esse stesse hanno contribuito a tessere. Oltre al livello

della comunicazione distinguiamo quello della

METACOMUNICAZIONE Condizione di flusso ininterrotto della comunicazione è

spesso alla base dei conflitti interpersonali

COMUNICAZIONE/COMPORTAM/INTERAZIONEC omportamento e

comunicazione costituiscono categorie mentali distinte anche se vi è un rapporto di

inclusione (comportamento include comunicazione ma NON viceversa!). Si

contrappone alla visione di Watzlawick secondo il quale anche l’azione più

accidentale e inconsapevole diventa comunicazione.

Anolli distingue ulteriormente

tra informazione e comunicazione. La comunicazione esige la presenza di

un’intenzionalità comunicativa. Interazione

: contatto (sia fisico che virtuale) tra

individui, anche involontario, in grado di modificare lo stato preesistente delle cose

tra loro (urto casuale, indicazioni della fermata del tram) Comunicazione

: richiede uno

scambio consapevole e riconosciuto come tale dai partecipanti e implica una storia

DEFINIZIONE DI COMUNICAZIONE “

La comunicazione può essere definita come

uno scambio interattivo osservabile tra due o più partecipanti, dotato di

intenzionalità reciproca e di un certo livello di consapevolezza, in grado di far

condividere un determinato significato sulla base di sistemi simbolici e

convenzionali di significazione e di segnalazione secondo la cultura di riferimento”

. FUNZIONI DI BASE DELLA COM proposizionale:le conoscenze vengono

raccolte, organizzate e veicolate sotto forma di proposizioni, relazionale:la com

partecipa a :generare e sv una rel,mantenere e rinnovare,cambiare,restaurare,

estinguere.L'efficacia relazionale dip dalla connessione tra interazione e relazione

CULTURA E COMUNICAZIONE Contrapposizione dicotomica NATURA-

CULTURA

Predominanza della NATURA : Condivisione di una dotazione filogenetica condivisa.

Differenze individuali sono spiegate come una diversa configurazione del patrimonio

genetico.

Predominanza della CULTURA: attenzione ai processi di differenziazione che

caratterizzano ogni cultura come unica. Non è possibile considerare la cultura una

V.I. perché non esistono criteri o parametri che siano immuni da influenze culturali

(non si può parlare di meta-cultura) Si innesta su qs base il COSTRUZIONISMO

SOCIALe Interdipendenza natura-cultura.Ogni cultura trasforma la natura e l’adatta

alle proprie esigenze, dall’altra parte la natura pone vincoli allo sviluppo di una

cultura.

COME studiare la cultura? Prospettiva della PSICOLOGIA CULTURALE: Adotta un

punto di vista EMICO (esamina dall’interno) si fondano sul metodo

ETNOGRAFICO (osservazione partecipante, non intrusiva)

Prospettiva della

PSICOLOGIA CROSS- CULTURALE: segue un approccio ETICO. Analizza i

processi di comunicazione indipendentemente dalla cultura medesima. Cultura può

essere concepita come una struttura organica e un processo continuo di diversi

sistemi

. Cultura come sistema di mediazione

: ARTEFATTI (= elementi del mondo materiale

che sono assunti nell’azione umana come modi per coordinarsi con l’ambiente fisico

e sociale) Rapporto tra Soggetto

> Oggetto

Cultura come sistema di conoscenza La cultura non consiste nella somma di cose, di

persone, comportamenti o informazioni. La cultura al pari della comunicazione è una

realtà simbolica all’interno della mente dell’individuo e all’esterno

nell’ambiente. Condividere conoscenze proposizionali (“che cosa si conosce” e

procedurali (“come” si conosce). Le conoscenze sono SOCIALMENTE

DISTRIBUITE tra le persone, gli attori e l’ambiente. La cultura è un insieme di


ACQUISTATO

4 volte

PAGINE

7

PESO

51.21 KB

AUTORE

Exxodus

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Riassunto per l'esame di Psicologia della Comunicazione Applicata ai Contesti Educativi, basato su appunti personali e studio autonomo del testo consigliato dal docente Fondamenti di Psicologia della Comunicazione, Anolli. Nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: soggetto umano, la comunicazione come significazione e come segno, l'approccio psicologico.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze e tecniche psicologiche
SSD:
Università: Torino - Unito
A.A.: 2005-2006

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Exxodus di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Psicologia della comunicazione applicata ai contesti educativi e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Torino - Unito o del prof Carrubba Letizia.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in scienze e tecniche psicologiche

Riassunto esame Psicologia Dinamica, prof. Nespoli, libro consigliato Modelli Evolutivi in Psicologia Dinamica II, Quaglia, Longobardi
Appunto
Riassunto esame Psicologia Dinamica, prof. Nespoli, libro consigliato Modelli Evolutivi in Psicologia Dinamica I, Quaglia, Longobardi
Appunto
Riassunto esame Psicologia generale, prof. Del Giudice, libro consigliato Atkinson Hilgard s Introduzione alla Psicologia
Appunto
Riassunto esame Psicologia dello sviluppo, prof. Molina, libro consigliato Psicologia dello sviluppo, Vianello Gini Lanfranchi
Appunto