Che materia stai cercando?

Progetto SIOPE

Il seguente progetto si occupa di analizzare il SIOPE, in particolare la codifica gestionale ed il sistema
informativo adottato. Verrà trattato inizialmente il caso nazionale e poi nello specifico il caso calabrese
ponendo attenzione ai vantaggi che tale sistema apporterà dal punto di vista economico. Il SIOPE1 (Sistema Informativo delle Operazione degli Enti Pubblici) è... Vedi di più

Esame di Sistemi informativi della pubblica amministrazione docente Prof. N. Frega

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

 Promuovere l’innovazione amministrativa e informatica. La transizione dal cartaceo allo strumento

informatico darà, infatti, un forte impulso alla diffusione della cultura dell’innovazione,

consentendo alle amministrazioni di ottimizzare le risorse disponibili;

 Migliorare la trasparenza e l’efficienza dei conti pubblici. La codificazione che si sta realizzando con

il SIOPE diventa strategica in quanto permetterà non solo di acquisire tempestivamente dati

analitici di finanza pubblica, ma anche di avviare a ogni livello di governo una seria e credibile

attività di programmazione;

 Rendere possibile il superamento del Sistema di Tesoreria Unica. Il reale superamento del Sistema

di Tesoreria Unica porrebbe gli enti locali nelle condizioni di sfruttare delle opportunità che

possono rendere la loro attività più funzionale. Tali vantaggi/opportunità sono: una maggiore

capacità di programmazione delle proprie risorse dettata da un maggior controllo delle risorse

liquide disponibili; la possibilità di comprendere appieno l’esigenza di attuare una politica di

monitoraggio e controllo delle risorse; la possibilità di ottenere maggiori rendimenti dal

riversamento delle somme disponibili nel conto di tesoreria; avere una nuova opportunità di

3

autofinanziamento;

 Consentire a tutte le amministrazioni coinvolte nelle rilevazioni, di disporre di elementi informativi

utili per orientare al meglio le proprie politiche di bilancio e monitorare l’andamento della propria

gestione, consentendo una maggiore efficienza nella gestione delle risorse, e permettere, alle

4

stesse di disporre di informazioni relative a tutti gli altri enti coinvolti (principio di reciprocità).

Infatti, il nuovo sistema prevede che ogni singolo ente possa accedere al SIOPE, collegandosi alla

banca dati secondo quelle che sono le modalità tecniche di accesso al SIOPE definite dagli stessi

gruppi di lavoro che hanno predisposto la codifica gestionale, per rilevare sia i propri dati, sia quelli

5 6

di altri enti, come pure quelli aggregati che le associazioni di categoria degli enti(Anci ed UPI )

provvederanno in futuro ad elaborare nell’interesse dei propri associati. Si potranno, in pratica

avere a disposizione dei veri e propri benchmark di riferimento che consentiranno di verificare il

posizionamento di ogni ente, rispetto allo standard nazionale per realtà di analoghe dimensioni.

4. La sperimentazione

Le modalità e i tempi della sperimentazione SIOPE sono stati individuati dal decreto 8 luglio 2005 del

7

Ministro dell’Economia e delle Finanze , sentiti la Conferenza Unificata, il Ministro dell’Interno e il Ministro

dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, che ha introdotto di fatto, una doppia sperimentazione, vale

a dire sia quella del SIOPE, sia quella riferita al superamento del Sistema di Tesoreria Unica di cui all’art. 1,

3 Tratto da www.lexitalia.it

4 Tratto dal sito www.siope.tesoro.it

5 Associazione Nazionale Comuni Italiani

6 Unione delle Province d’Italia

7 Presente nel decreto: Superamento della Tesoreria unica – Sperimentazione per gli enti che aderiscono al Siope dal 1°

Settembre 2005

comma 79 della legge 311/2004 ( legge finanziaria 2005). Complessivamente, la sperimentazione ha

coinvolto 48 enti ( tenendo conto anche di un’equa distribuzione tra fasce geografiche) 3 regioni, 7

8

province, 17 comuni, 7 comunità montane e 14 università .

La sperimentazione che si è conclusa il 31 dicembre 2005, ha dato risultati lusinghieri ed incoraggianti.

5. La codifica gestionale e avvio a regime del sistema operativo

Inizialmente, la struttura informatica del SIOPE è stata predisposta per essere basata su tre specifici sistemi

di codifica:

 CPV (Common Procurement Vocabulary) da utilizzare per le operazioni di pagamento. Si tratta di un

codice su quattordici posizioni connesso alla classificazione merceologica dei beni e dei servizi

adottata in ambito Eurostat;

 CUP (codice unico di progetto) da utilizzare per le operazioni di pagamento. Si tratta di un codice su

quindici posizioni destinato a raggruppare tutti i pagamenti riferiti o connessi alla realizzazione di

un progetto di investimento pubblico, finanziato con risorse provenienti da bilanci di enti pubblici o

di società partecipate, direttamente o indirettamente, da capitale pubblico;

 CGE-CGU ( codici gestionali per le entrate e per le uscite). Si tratta di codici su quattro posizioni, da

utilizzare sia per le operazioni di pagamento si a per quelle di riscossione.

In occasione dell’attivazione del SIOPE, il Legislatore ha limitato la codifica ai codici gestionali per le entrate

e per le uscite e, allo stato attuale, gli Enti devono codificare gli ordinativi di riscossione ed i mandati di

pagamento esclusivamente con tali codici. Ne consegue che anche i Tesorieri devono per ora limitarsi a

trasmettere alla Banca d’Italia esclusivamente i suddetti codici.

La realizzazione del SIOPE ha dunque richiesto, l’individuazione di codici gestionali delle entrate e delle

uscite uniformi su tutto il territorio nazionale per tipologia di enti. Questa fase rappresenta uno dei

momenti più delicati e complessi dell’attuazione del SIOPE, in quanto la codifica gestionale è individuata

9 10

attraverso un processo che vede coinvolti RGS-IGEPA , BDI, ISTAT, CNIPA , Conferenza Unificata e

rappresentanti delle amministrazioni coinvolte.

La codifica gestionale costituisce una classificazione economica delle entrate e delle spese che dedica

particolare attenzione alla individuazione del comparto di appartenenza dei soggetti da cui provengono le

8 Venturini D., Beltrami A., Siope ed enti locali

9 Ispettorato Generale per la finanza delle P.A.

10 Centro Nazionale per l’informatica nella P.A.

entrate e a cui sono destinate le spese. Ciò avviene coerentemente con la classificazione economica

11

prevista dal SEC’95 senza incidere sugli attuali sistemi contabili dei vari comparti delle p.a.

Affinché il SIOPE possa raggiungere i suoi obiettivi, è determinante il comportamento dei singoli Enti

soggetti alla codifica. In tal senso, questi devono attenersi ad alcune raccomandazioni fornite dal Ministero

dell’Economia e delle Finanze. Si tratta di regole minime necessarie per garantire una corretta attribuzione

dei codici gestionali ai titoli di entrata e di spesa da cui dipende ovviamente la correttezza e l’attendibilità

delle informazioni fornite dal SIOPE.

In particolare gli enti devono:

 provvedere ad una tempestiva regolarizzazione delle riscossioni e dei pagamenti effettuati in

assenza dell’ordinativo di incasso e di pagamento, evitando l’imputazione provvisoria ai capitoli

inerenti le entrate e le spese per partite di giro;

 uniformare la codificazione alle istruzioni del Glossario dei codici gestionali, definiti per ciascun

comparto, dai decreti del Ministero dell’Economia e delle Finanze e in presenza di una riscontrata

non corretta applicazione della codifica, alle indicazioni fornite dal Dipartimento della Ragioneria

Generale dello Stato;

 applicare i codici gestionali diversi. Ne consegue che non è possibile utilizzare un unico codice per

pagare o riscuotere somme di diversa natura;

 individuare il codice gestionale da applicare ad ogni titolo di entrata o di spesa, solo tra quelli

previsti per la voce economica cui il titolo si riferisce.

L’avvio a regime del SIOPE è avvenuto in diversi periodi temporali:

 per lo Stato la codifica gestionale delle spese è già operativa dal 1° gennaio 2003;

 Per le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano la codifica gestionale è operativa dal 1°

gennaio 2006;

 per gli enti locali la codifica gestionale è stata definita con il decreto n.11745 del Ministro

dell’Economia e delle Finanze del 18 febbraio 2005 ed è operativa dal 1° gennaio 2006 per le

province e i comuni con popolazione superiore a 20.000 abitanti, e dal 1° gennaio 2007 anche per i

comuni con popolazione inferiore a 20.000 abitanti, le comunità montane e isolane, le città

metropolitane e le unioni di comuni;

 per le università compresi i dipartimenti e gli altri centri con autonomia finanziaria e contabile, la

codifica gestionale è stata definita con il decreto n.11746 del Ministro dell’Economia e delle

Finanze ed è operativa dal 1° gennaio 2006;

11 Venturini D., Beltrami A., Siope ed enti locali

 per gli enti di ricerca la codifica SIOPE è operativa dal 1° luglio 2007;

 per gli enti del comparto sanitario (aziende sanitarie ed ospedaliere, policlinici universitari, istituti

di ricovero e cura a carattere scientifico e istituti zooprofilattici sperimentali) la codifica SIOPE è

operativa dal 1° gennaio 2008.

Gradualmente, il SIOPE coinvolgerà a regime tutte le Amministrazioni Pubbliche individuate nell’elenco

annualmente pubblicato dall’ISTAT.

6. Il funzionamento del sistema informativo

Ogni ente soggetto alla codifica SIOPE trasmette giornalmente al proprio tesoriere una distinta contenente

gli ordinativi di incasso e di pagamento, provvisti della codifica stabilita dai decreti ministeriali: il Tesoriere,

infatti, non può accettare reversali di incasso o mandati di pagamento prive della codifica gestionale.

Il tesoriere provvede poi a trasmettere una serie di flussi all’archivio informatico del SIOPE, la cui gestione è

stata affidata dal Ministro dell’Economia e delle Finanze alla BdI nell’ambito del servizio di tesoreria statale,

sulla base di un’apposita convenzione stipulata il 1° marzo 2003, e in considerazione del ruolo svolto dal

sistema bancario che gestisce il maggior numero di servizi di cassa per gli enti pubblici.

In particolare i tesorieri degli Enti trasmettono:

 a cadenza non predefinita, l’Anagrafe tesoriere/ente. Si tratta di un flusso contenente le

informazioni relative all’adesione o alla cessazione del servizio di cassa per conto di un ente;

 giornalmente, i flussi relativi alle entrate e alle uscite dell’ente e i flussi relativi alle variazioni

intervenute nelle entrate e nelle uscite. Tali variazioni possono derivare dall’esigenza di correggere

segnalazioni errate presenti in flussi di entrate o uscite già inviati;

 mensilmente, un flusso relativo alla situazione delle disponibilità liquide degli enti. Esso deve essere

inviato dai tesorieri entro il giorno 20 del mese successivo a quello cui si riferiscono gli importi;

 al termine di ogni mese, devono tempestivamente inviare alla BdI un flusso riassuntivo di

quadratura. Per ciascun ente dovrà essere inviato il totale degli importi mensili per singola tipologia

(entrate, uscite, variazioni).

Ai fini del riconoscimento degli enti all’interno del SIOPE, a ciascuno di questi è assegnato dall’ISTAT un

codice identificativo.

La piattaforma informatica per la trasmissione dei dati all’archivio del SIOPE si basa sull’interconnessione

tra la RNI( rete nazionale interbancaria) e la RUPA (rete unitaria per la P.A.). Il funzionamento del SIOPE è

raffigurato in figura.

Tutti gli enti che partecipano alla rilevazione hanno, poi, la possibilità di acquisire il patrimonio di

informazioni del SIOPE collegandosi alla banca dati secondo quelle che sono le modalità tecniche di accesso

al SIOPE, definite dagli stessi gruppi di lavoro che hanno predisposto la codifica gestionale.

Il protocollo di colloquio prevede lo scambio di diverse tipologie di flussi fra i Tesorieri degli Enti e

la Banca d’Italia. I flussi scambiati si possono classificare come segue:

 Flussi Anagrafici

 Flussi relativi alle operazioni e alle disponibilità liquide

Anagrafe tesoriere/ente

Diagnostico anagrafe B

tesoriere/ente

Anagrafi ente, CGU, A

CGE, Cat. BI

T N

Operazioni di Uscita

E C

S Variazione Uscite

O A

Operazioni di Entrata

R Variazioni Entrate

I d’

E Disponibilità liquide

R Diagnostico acquisizione

I I

T


PAGINE

15

PESO

834.78 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Il seguente progetto si occupa di analizzare il SIOPE, in particolare la codifica gestionale ed il sistema
informativo adottato. Verrà trattato inizialmente il caso nazionale e poi nello specifico il caso calabrese
ponendo attenzione ai vantaggi che tale sistema apporterà dal punto di vista economico. Il SIOPE1 (Sistema Informativo delle Operazione degli Enti Pubblici) è un sistema di rilevazione telematica
degli incassi e dei pagamenti effettuati dai tesorieri (cassieri) delle Amministrazioni Pubbliche per garantire
la rispondenza dei conti pubblici alle condizioni previste dalla legislazione comunitaria. Esso nasce dalla
collaborazione tra Ragioneria Generale dello Stato, Banca d’Italia e ISTAT, in attuazione dell’articolo 28
(commi 3, 4, 5) della legge 289/2002 (legge finanziaria 2003).


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in ingegneria gestionale (CROTONE, ARCAVACATA DI RENDE)
SSD:
Università: Calabria - Unical
A.A.: 2005-2006

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher CarmineRotondaro di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Sistemi informativi della pubblica amministrazione e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Calabria - Unical o del prof Frega Nicola.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in ingegneria gestionale (crotone, arcavacata di rende)

Caso di studio - Pianificazione strategica della società dell'informazione
Esercitazione
Progettazione di sistemi informativi
Esercitazione
Teoria di tecniche di programmazione
Appunto
Teoria di Ricerca operativa
Appunto