Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

di privatizzazione con il governo etiope, rilevò i terreni che invece avrebbero dovuto essere

restituiti ai vecchi proprietari del posto (Internazionale 2009).

Uno dei più grandi investitori che partecipano alla “corsa alla terra” è l’Arabia Saudita. I

funzionari del governo e del settore agroindustriale saudita cercano terre, soprattutto in paesi

come Mali, Senegal, Sudan ed Etiopia per creare piantagioni, promettendo di aumentare la

produttività del terreno tanto da soddisfare sia le esportazioni, sia i bisogni alimentari del

continente africano. A tali promesse, i governi locali sono più che disponibili a svendere la

terra a prezzi irrisori, magari in cambio del finanziamento di infrastrutture locali.

Il terreno di investimenti maggiormente coinvolto in questo “furto globale della terra” è

certamente l’Africa.

Al disastro ecologico che avanza, occorre trovare una soluzione, o meglio più soluzioni che

prevedano una forte cooperazione a livello locale. Iniziative che necessariamente devono

essere appoggiate e devono coinvolgere gli abitanti delle località interessate, perché un

intervento è adeguato e funzionale solo se rispettoso della cultura, degli usi e costumi locali.

«Né le agenzie per lo sviluppo né le ONG (organizzazioni non governative) riusciranno nel

loro intento se cercano di imporre i loro obiettivi senza tener conto di pratiche, costumi,

regole, leggi, credenze e valori dei popoli interessati» (Kottak 2008).

Occorre, pertanto, intraprendere campagne di sensibilizzazione pubblica sulla necessità di

ripiantare alberi. Fra le varie soluzioni, infatti, vi è quella di puntare a città più verdi.

«A mio modo di vedere, lo spirito harambee avrebbe spinto i kenioti a piantare alberi per

[4]

proteggere il paese dalla desertificazione. Così facendo, avremmo anche salvaguardato il

sostentamento di milioni di piccoli contadini.» (Maathai 2006). Fu allora che nacque il Green

Belt Movement, dall’idea di rinverdire le aree , richiamando di nuovo uccelli e piccoli animali

e rigenerando la vitalità del suolo. Il movimento e le crescenti iniziative, però, richiedevano

persone e istituzioni che fossero disponibili a sponsorizzarli. Infatti il Green Belt Movement,

oltre a un modo per risanare l’ambiente, mirava a offrire un’occupazione remunerata agli

abitanti locali, soprattutto donne , che avendo abbandonato le loro terre ai tempi del

[5]

colonialismo, si ritrovavano senza lavoro. Si trattava di contadine, che non avendo ricevuto

un’istruzione necessitavano di consigli, per cui le guardie forestali spiegavano loro come

gestire i vivai. «Consigliai loro di considerare le piantine in un altro modo. “Non penso che

abbiate bisogno di un diploma per piantare un albero” dissi. “Usate il vostro intuito

femminile. Queste piantine sono molto simili ai semi con i quali avete a che fare tutti i giorni,

di fagioli, di mais e di miglio. Metteteli nella terra. Se sono buoni, germineranno. Se non lo

sono, non lo faranno. Semplice.”» (Maathai 2006). 3

Un’ulteriore testimonianza di quanto sia importante aumentare le aree boschive arriva dal

Burkina Faso. Yacouba Sawadogo è un contadino a cui si riconosce di aver contribuito

largamente allo sviluppo di un’agricoltura basata sulla piantagione di alberi. La sua famiglia

possedeva una grande fattoria nel Sahel occidentale, che tra il 1972 e il 1984 attraversò un

periodo di siccità che decimò la produzione alimentare di tutto il Sahel e vaste distese di

savana si desertificarono. Sawadogo decise di riprendere una tecnica tradizionale che i

contadini avevano usato per secoli che prevedeva di scavare dei pozzi poco profondi -zai- per

raccogliere le acque piovane e farle confluire nelle radici dei raccolti. Prese anch’egli a

scavare zai più grandi, per raccogliere più acqua, e vi sparse dentro del concime durante la

stagione secca. A causa dei semi contenuti nel concime, tra le file di miglio e sorgo,

iniziarono a nascere alberi, che facevano aumentare i raccolti donando fertilità al terreno.

Le tecniche adottate da Sawadogo e dai contadini del Sahel potrebbero aiutare milioni di

agricoltori ad affrontare il riscaldamento globale a cui andiamo incontro, che porterà

maggiore siccità, infestazioni più frequenti e violente inondazioni.

«Gli alberi proteggono le colture dal caldo e aiutano il terreno a conservare l’umidità. Le

foglie che cadono formano una specie di strato protettivo che aumenta la fertilità del terreno e

produce foraggio per il bestiame.» (Internazionale 2009)

Il legno, inoltre, è ancora la principale fonte di energia nell’Africa rurale.

«La crescita del settore agricolo di un paese è la causa principale della riduzione della

povertà. Sovvenzionando alcuni agricoltori, i governi creano la competizione necessaria per

impedire il monopolio sulle sementi che fa lievitare i prezzi a dismisura. La lotta alla fame

non deve concentrarsi sugli aiuti stranieri, ma sulla ricerca.» (Internazionale 2009).

Dopo quattro anni di carestia, il Malawi ha deciso di reagire, ignorando i consigli degli esperti

agricoli favorevoli alla privatizzazione (sistema adottato dalla maggior parte dei paesi in via

di sviluppo) e investendo 60 milioni di dollari di sussidi di stato nell’agricoltura. Il governo

locale ha dato fiducia agli agricoltori, ed ha finanziato programmi di formazione per insegnare

ai contadini nuovi metodi di irrigazione e nuove forme di gestione. Oggi il Malawi è un

grande esportatore di cereali.

La riforestazione che sta rinverdendo il Sahel e le tecniche locali che permettono al Malawi di

aumentare la produzione agricola non sono dovute solo allo scambio di informazioni tra gli

agricoltori e all’assistenza di piccole ONG. Anche le scelte politiche dei governi hanno avuto

(e continueranno ad avere) un ruolo importante.

Nel 2000, grazie alle centinaia di migliaia di donne e uomini coinvolti nel Green Belt

Movement, si contarono più di trenta milioni di alberi piantati solo in Kenya. 4

In Niger sono stati recuperati 5 milioni di ettari di terra improduttiva. I nuovi metodi si sono

diffusi da agricoltore ad agricoltore, e di villaggio in villaggio, quando la popolazione iniziava

a vedere i risultati con i propri occhi.

L’ intervento da parte dei paesi più ricchi non è una soluzione sostenibile, perché richiede un

costante bisogno di finanziamenti esterni.

«Ciò che rende la riforestazione sostenibile è che sono i contadini africani ad avere in mano la

tecnologia: una tecnologia estremamente semplice e gratuita.» (Internazionale 2009).

E l’importazione di specie “straniere”, a scapito delle varietà locali, non può che impedire agli

abitanti di elaborare ed imparare a gestire autonomamente tecniche agricole adatte alla loro

terra, spesso ereditate dai predecessori. Tecniche che, sviluppatesi attraverso la cultura e le

credenze locali, garantivano cibo e acqua per tutti, e il costante rispetto per la terra.

Se davvero l’ obiettivo è la tutela dell’ambiente, sarà opportuno prima di tutto mettere da

parte il nostro etnocentrismo, che ci impedisce di cogliere la bellezza e la ricchezza delle

biodiversità. Dovremo impegnarci a guardare ai diversi paesaggi e alle popolazioni che li

abitano con una mente aperta, che ci aiuti a muoverci nel mondo rispettando e salvaguardando

ogni essere vivente. Consci del contributo che ogni specie offre alla sopravvivenza del

Pianeta. 5


PAGINE

7

PESO

86.31 KB

AUTORE

Moses

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Appunti relativi alla tutela ambientale in Africa con trattazione dei seguenti argomenti: la tutela ambientale, la situazione del Kenya diventato un Paese con aree di fame, deprivazione sociale e povertà, il Kenya descritto da Maathai, l'Arabia Saudita e la "corsa alla terra", le situazioni di disastro ecologico.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze politiche, sociali e internazionali
SSD:
Università: Bologna - Unibo
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Moses di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia e Istituzioni dell'Africa e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Bologna - Unibo o del prof Zamponi Mario.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in scienze politiche, sociali e internazionali

Riassunto esame Scienza politica, prof. Giannetti, libro consigliato Manuale di Scienza Politica Hagu, Harrop
Appunto
Riassunto esame Storia dell'America latina, prof. Zanatta, libro consigliato La dittatura argentina, Marcos Novaro
Appunto
Storia internazionale
Appunto
Riassunto esame Analisi delle Politiche Pubbliche, prof. Lewanski, libro consigliato Politiche Sociali, Ferrera - cap. 1
Appunto