Che materia stai cercando?

Piccinato - PRG Catania Appunti scolastici Premium

Appunti di Pianificazione territoriale basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni del prof. La Greca dell’università degli Studi di Catania - Unict, Facoltà di Ingegneria, Corso di laurea magistrale in ingegneria edile/architettura. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Pianificazione territoriale docente Prof. P. La Greca

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

La crescita urbana degli anni ’50

Nel 1954 Catania, rapidamente passata a poco meno di trecentomila abitanti per la forte ondata

immigratoria delle campagne esterne, adotta un nuovo pilo regolatore che è lo specchio della

situazione politico-economica del tempo, Il centro storico è classificato, con le aree circostanti

come zona intensiva “A” (18,75 mc/mq), la prima periferia come zona intensiva “B” con 15 mc/

mq e così via, confermando la espansione a macchia d’olio già in atto, con irrisorie previsioni

per servizi e verde ed ignorando il destino di tutto il circostante territorio.

Fortunatamente, nel 1958 questo Piano viene respinto per una più attenta elaborazione, dalla

Regione e la città, nel 1959, si ritrova con il vecchio Regolamento Edilizio, artatamente

modificato con varianti illegittime che ne aumentano ancora le potenzialità edificatorie private.

Il Piano Piccinato per l’Università

Nel 1960 l’Università di Catania impostava autonomamente una sua politica di espansione

acquisendo, con visione lungimirante, ben venticinque ettari a monte della circonvallazione

nord, ancora a pezzi agricoli, per realizzare le nuove sedi del Policlinico e degli istituti Scientifici.

La dimensione urbanistica dell’intervento è evidente e del Piano del nuovo centro universitario

viene incaricato proprio Luigi Piccinato, che ritorna a Catania dopo venticinque anni. Piccinato

redige così il Piano Universitario, controllandone le prime realizzazioni. Il coordinamento

architettonico venne, per breve tempo, curato da Ignazio Gardella.

Il nuovo sindaco di Catania, un giovane avvocato, Salvatore Papale, approfitta della presenza di

Piccinato e gli fa conferire l’incarico per il completamento del piano regolatore del ’54.

Nel 1961, Piccinato propone all’amministrazione di adottare un nuovo Programma di

fabbricazione. Lo strumento così predisposto si rivelò di fatto inattuabile perchè fissava per tutte

le zone di espansione edilizia solo indici di fabbricabilità territoriale media, non applicabili ai

singoli lotti. Come era prevedibile questo strumento non venne neanche preso in

considerazione ed anzi si instaurò un clima di diffidenza generalizzata per il lavoro di Piccinato

che dichiarava la sua indisponibilità a mantenere le altissime densità edificatorie vigenti.

Il nuovo Piano regolatore 1963

Nel 1963 Luigi Piccinato consegna all’amministrazione comunale di Catania il nuovo piano

regolatore, costituito da una zonizzazione acquerellata in scale 1:5.000.

Quali sono i contenuti urbanistici del PRG che Piccinato proponeva per Catania?

1. In primo luogo, Piccinato delimita il centro storico secondo la perpetrazione della planimetria

dell’Ittar (1832), che rappresenta la città barocca della ricostruzione camastriana, e lo

vincola ad interventi conservativi con drastiche limitazioni delle destinazioni d’uso

compatibili. Ma , contemporaneamente vi segna, in scala 1:5.000, tagli, nuovi allineamenti

ed interventi vari per piccola viabilità, slarghi e verde che si spiegano solo con la sua grande

sicurezza progettuale, ma che certamente mal si giustificavano, tanto che vennero poi

disattesi dal decreto approvato del piano regolatore.

2. In secondo luogo, Piccinato delinea per Catania una nuova struttura, aperta verso il territorio

esterno, che si appoggia ad una grande drenante stradale interna, in cerniera fra centro e

prima periferia, che collega i due nuovi centri direzionali (Cibali e Picanello), il nuovo grande

insediamento per edilizia residenziale pubblica di Librino.

3. In terzo luogo, vengono previste numerose altre zone di edilizia residenziale pubblica su un

arco da sud ad ovest e nord, inglobando le aree precedentemente destinate a edilizia

popolare, e altre ampie aree.

4. In quarto luogo, Piccinato distribuisce su tutto il nuovo arco delle aree di espansione, oltre e

dentro la prima periferia, una ricca dotazione di aree per verde e servizi pubblici , pur non

valutandone numericamente le dimensioni, secondo criteri predeterminati, ma ancora una

volta affidandosi alla sua esperienza e sensibilità progettuale. Lo stesso può dirsi del

sistema stradale principale, specie per quello di penetrazione dai comuni collinari vicini e

per le connessioni fra le varie parti della città. I tracciati sono sempre delineati con coerenza

e geometrie convincenti così come lo sviluppo ed ubicazione degli svincoli.

5. Infine, il disegno delle nuove aree di insediamento, residenziale, come produttivo, come di

servizi è di cultura sicuramente organica.

La normativa del PRG è articolata in Norme Generali in cui si sanciscono le modalità di

attuazione del Piano, pubbliche (piani particolareggiati) e private ed in norme Speciali di zona,

molto articolate e di accurata prescrizione tipologica e di destinazioni d’uso, sulla base

dell’esperienza messa a punto con il Piano di Roma del 1960.

Più generali sono le norme per le zone produttive: si prevede infatti un unica zona industriale,

ferroviaria, portuale, con normativa indifferenziata, fidando nel successivo intervento pubblico

particolareggiato. Più definite sono le norme delle zone artigianali, direzionali e balneari. Solo

per i due centri direzionali vengono fissati dei nuovi criteri di proporzionalmente per verde e

parcheggi.

Il Piano regolatore di Catania ha comunque il grande merito di impostare finalmente questa

città, fra le dieci maggiori di Italia. Ha però gli incontestabili limiti di una pianificazione non

ancora interdisciplinare, che rinviava le soluzioni particolari, con eccessiva fiducia in una

successiva pianificazione particolareggiata, mai più perseguita dalle successive amministrazioni

comunali catanesi. Nel piano è tuttavia prevista l’indicazione di zone da ristrutturare per questi

quartieri degradati, senza ulteriori prescrizioni di criteri e modalità di intervento.

Il Piano fu adottato dal comune di Catania nel 1964, senza la firma di Piccinato che non ne

condivise le modifiche introdotte dall’amministrazione comunale, fu infine definitamente

approvato nel 1969.


PAGINE

5

PESO

78.23 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in ingegneria edile/architettura (ordinamento U.E. - durata 5 anni)
SSD:
Università: Catania - Unict
A.A.: 2017-2018

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher FedeCarol di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Pianificazione territoriale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Catania - Unict o del prof La Greca Paolo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!