Che materia stai cercando?

Storia dell'arte moderna I - le varie scuole pittoriche Appunti scolastici Premium

Appunti di Storia dell'arte moderna I per l'esame della professoressa Longo sui seguenti argomenti: le scuole pittoriche, Caravaggio, il Barocco, i suoi caratteri fondamentali e i maggiori interpreti, Rubens, Gian Lorenzo Bernini, Francesco Borromini, i centri italiani del barocco,... Vedi di più

Esame di Storia dell'arte moderna docente Prof. L. Longo

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

BAROCCO (da 1630 ca.)

 Quadro storico:

o crisi economica in Europa; peste in Italia

o Urbano VIII Barberini

 Nuova immagine alla Chiesa, trionfante e grandiosa per suggestionare i fedeli

 Condanna Galileo Galilei

o Francia > Re Sole

o Inghilterra > Carlo II Stuart

o Rivolta sud Italia contro viceré spagnoli

 Maggiori interpreti:

o Bernini

o Pietro da Cortona

o Borromini

 Caratteri fondamentali:

o Queste caratteristiche prendono il via da soluzioni messe a punto da Carracci, suoi allievi e

Rubens:

 Concezione dinamica e teatrale dello spazio

 Uso di effetti illusionistici

 Grandiosità delle forme (pittoriche, scultoree ed architettoniche)

 Uso contemporaneo delle 3 arti per moltiplicare l’effetto scenografico

o Barocco = strumento della Chiesa per rendere tangibile la propria magnificenza, presenza

terrena del divino

o Questi anni coincidono con Rivoluzione scientifica di Galileo

 GIAN LORENZO BERNINI

o Architetto, pittore, scultore (dal padre, Pietro Bernini) e scenografo > integrazione scultura-

architettura per accrescere effetto scenografico > combinazione di + materiali per

accrescere senso illusorio (bronzo, marmi colorati e pittura)

o Esordi: realizzazione scultoree di estremo dinamismo > “Giove, la capra Amaltèa e un

satiro” 3

o 1606 a Roma, si impone all’attenzione del CARDINALE SCIPIONE BORGHESE che gli

commissiona alcune statue per la sua villa suburbana:

Ratto di Proserpina

Enea e Anchise

David Apollo e Dafne 4

Pontificato di URBANO VIII = molte commissioni

o Baldacchino bronzeo per l’altare maggiore di San Pietro

 Monumento funebre di Urbano VIII

Chiesa di San Francesco a Ripa

o Cappella Cornaro > Estasi di Santa Teresa – teatralità, lo spettatore viene coinvolto

 Cappella Altieri > Monumento alla Beata Ludovica Albertoni – atmosfera vibrante,

 scena viva

o Papato ALESSANDRO VII – imprese di grande rilievo

 Colonnato di San Pietro = forma ellittica; due file di portici, “abbraccio

architettonico”, punto di fuga verso l’osservatore.

 * facciata di San Pietro: Carlo Maderno, il disegno prevedeva 2 campanili

mai realizzati

Cattedra di San Pietro (nella Basilica) : articolata scenografia dove la reliquia del

 trono ligneo (ritenuta al tempo, di Pietro) viene

sostenuta dalle statue bronzee dei 4 dottori della

Chiesa, in un trono dorato; diversi materiali

impiegati. Particolare della Colomba

Sant’Andrea al Quirinale

 La scala regia: mette in comunicazione il Colonnato di San Pietro con gli

 appartamenti papali; accelerazione prospettica facendo convergere 2 file di

colonne ioniche e riducendo progressivamente l’altezza del vano (soffitto).

All’accesso della gradinata c’è la Statua equestre di Costantino.

Monumento funebre ad Alessandro VII: articolata

 struttura con drappo rosso; porta = passaggio a

vita ultraterrena; scheletro che regge clessidra =

simboleggia il tempo; Virtù cardinali (Carità,

Verità, Prudenza e Giustizia) accompagnano il

defunto in preghiera. Il tutto è inquadrato in una

cappella decorata a stucco dorato, con marmi e

affreschi.

Ritratti di Bernini: effige a mezzo busto in marmo

o  Scipione Borghese

 Urbano VIII

 Costanza Bonarelli

 Luigi XIV 5

o Fontane

 Fontana dei Fiumi, fulcro di Piazza Navona, commissionato dal papa INNOCENZO X

PAMPHILI; personificazione dei 4 fiumi + importanti e noti all’epoca (Europa >

Danubio; Asia > Gange; Africa > Nilo; America > Rio de la Plata); importante è

l’elemento paesaggistico della rupe, che sostiene l’obelisco e dove si annidano

animali e piante.

 Fontana del Tritone, Piazza Barberini; conchiglia aperta sostenuta da 4 delfini; un

tritone soffia in una bùccina da cui esce l’acqua

 Fontana delle Api, conchiglia aperta su cui si posano le api, simbolo dei Barberini

 Barcaccia, ai piedi di Piazza di Spagna; motivo di un’ampia barca dalla chiglia

bassissima

o Architettura

 Palazzo del Louvre, 1655, quando va in Francia (e fa ritratto Luigi XIV)

 Palazzo Montecitorio

 FRANCESCO BORROMINI

o Si forma come scalpellino nel cantiere del Duomo (Milano), collabora con Bernini e

apprende il mestiere di architetto a contatto con Carlo Maderno.

 Ha una particolare attenzione per i particolar decorativi

 Forza le superfici, continuo movimento fra spazi concavi e convessi

 Impostazione antimonumentale (anche per opere monumentali…)

 Finalità della sua architettura: impatto lento e meditativo > NB: ≠ Bernini = impatto

scioccante

 Molte opere per ordini minori (es. Filippini)

o Prime grandi commissioni:

 Ricostruzione del convento e della chiesa dell’Ordine dei Trinitari San Carlo alle

quattro fontane (1637): interviene direttamente sulle strutture architettoniche;

trasforma la struttura da cruciforme a un’ellissi contornata da 4 grandi nicchie;

continua dilatazione e tensione dello spazio con forme concave e convesse.

6

 L’oratorio dei Filippini: (1637-1640) grande spazio concavo scandito in 2 ordini;

giganteschi pilastri, archi a volta intrecciati

 Cappella di Sant’Ivo alla Sapienza: (primi

anni ’40) cappella annessa all’università;

Borromini controbilancia il lato

semicircolare preesistente, con una serie

di sporgenze convesse sul tamburo; la

cupola, composta da una stella a 6 punte,

si sviluppa lungo tutta l’altezza della

chiesa, restringendosi fino alla lanterna

(convessa, che culmina in un alto

coronamento a spirale)

o Commissioni sotto il pontificato di INNOCENZO X PAMPHILI

 Rinnovamento interno di San Giovanni in Laterano: (1646) rispetta struttura

preesistente per volere del committente; per ovviare ai problemi di staticità della

costruzione, ingloba i vecchi pilastri a due a due, formando enormi colonne; lo

spessore dei muri viene raddoppiato; navate minore con cupolette o con volte a

botte ribassate con monumenti decorativi

 Chiesa di Sant’Agnese in Agone: Piazza Navona (1653-1657); iniziata da Carlo

Rainaldi, immaginava una pianta a croce greca; Borromini sostituisce la pianta con

una struttura ottagonale; facciata = riprende idea di Carlo Maderno x San Pietro,

ma arricchita da forme concave

 Collegio di Propaganda Fide: (1664-1662), per i Gesuiti; + annessa cappella-chiesa

dei Re Magi; arretramento della zona centrale; simmetria volumi dei 2 ordini di

finestre in armonia con l’edificio; chiesa dei Re Magi = volta ribassata scandita da

costoloni

o Galleria di Palazzo Spada (1652-1623): commissionata

dal CARDINALE BERNARDO SPADA; regole

prospettiche x illusionismo ottico; finge spazio +

profondo; man mano le colonne diventano + corte, le

volte cassetto nate si abbassano e il pavimento si

eleva di quota; lunga ca. 8mt ne sembra 40;

illusionismo basato sulla progressiva convergenza

degli elementi architettonici + lontani.

7

 PIETRO DA CORTONA

o (Pietro Berrettini), considerato fra i + impo del barocco italiano; comincia come allievo di

Andrea Commodi; formazione a Roma (gli commissionano copie di Raffaello e Tiziano);

nominato principe dell’Accademia di San Luca

o Grandi commissioni:

 Martirio della Santa nella chiesa di santa Bibiana: (1624) committenza CARDINALE

FRANCESCO BARBERINI (nipote Urbano VIII)

 Ratto delle Sabine: (1629) presso la Villa di Castel Fusano (ora distrutta) della

famiglia SACCHETTI (cerchia Barberini) > evidenzia maturità pittorica; rimandi a

Annibale C., Raffaello e Tiziano ma anche a Bernini

 Il trionfo della Divina Provvidenza: (1633-1639) decorazione (affresco) della volta di

Palazzo Barberini; articolata allegoria dei Barberini, figure sul fondo reggono un

lauro che glorifica la famiglia (api = stemma famiglia), personificazioni delle Virtù

(Fede, Speranza e Carità) e della Religione che tiene in mano le 2 chiavi simbolo

dell’autorità papale e personificazione di Roma che regge Urbano VIII; opera di

grande coinvolgimento scenico e molta luminosità (dai veneti) > nuovo

orientamento al Classicismo

 Affreschi per alcune sale di Palazzo Pitti a Firenze: (1637-1647) committenza da

parte del GRANDUCA FERDINANDO II DÉ MEDICI

 Stucchi e affreschi illusionistici per Galleria che unisce palazzo Pamphili e chiesa di

Sant’Agnese in Piazza Navona (metà anni ’50)

o Opere architettoniche:

 Ristrutturazione Chiesa di San Luca (diventata “dei Santi Luca e Martina”) promossa

da lui e cardinale Barberini: (1635-1650) struttura divisa su 2 piani, parte inferiore

Cappella di Santa Martina con una volta appiattita a lacunari; superficie muraria

estremamente mossa; facciata leggermente convessa divisa in 2 ordini con paraste

e colonne (da Michelangelo)

 Santa Maria della Pace, facciata: (1656-1657) base della facciata su un portico

circolare, con 2 strutture laterali concave tipo esedra, che contrastano con zona

superiore della facciata convessa

8

 CENTRI ITALIANI DEL BAROCCO

o TORINO > GUARINO GUARINI

 Cappella della Santa Sindone: modifica strutture preesistenti; interno = serie di

piccoli ambienti circolari disposti a triangolo su una pianta circolare; elemento

novità = coronamento della cappella; tamburo anulare scandito da 6 arcate sul

quale si imposta la cupole, decorata con un intreccio “a paniere” che sfocia nella

guglia

 Chiesa di San Lorenzo e Palazzo Carvignano: movimento della facciata articolato su

pieni e vuoti

o LOMBARDIA > Accademia Ambrosiana di Belle Arti:

 CERANO (Giovan Battista Crespi): propensione narrativa, quadri sulla vita di CARLO

BORROMEO, opere con molto coinvolgimento emotivo

 GIULIO CESARE PROCACCINI

 MORAZZONE (Pier Francesco Mazzucchelli): con Procaccini e Cerano “Martirio

delle Sante Rufinia e Seconda”, dipinto a 3 mani ma insieme omogeneo

 DANIELE CRESPI

 FRANCESCO CAIRO

 TANZIO DA VARALLO: stretto contatto con Caravaggio

 EVARISTO BASCHENIS: particolari nature morte con strumenti musicali

o VENEZIA

 BERNARDO STROZZI: “La cuoca” attenzione alla resa realistica, coloristica di

stampo manierista

 BALDASSARRE LONGHENA:

 “Cà Pesaro”

 “Santa Maria della Salute”: struttura a pianta centrale, scandita da 8

facciate sulle quali si erge una cupola emisferica attorniata da statue; forte

impatto visivo 9


PAGINE

17

PESO

1.20 MB

AUTORE

summerit

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Appunti di Storia dell'arte moderna I per l'esame della professoressa Longo sui seguenti argomenti: le scuole pittoriche, Caravaggio, il Barocco, i suoi caratteri fondamentali e i maggiori interpreti, Rubens, Gian Lorenzo Bernini, Francesco Borromini, i centri italiani del barocco, il rococò in Europa.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in beni culturali
SSD:
Docente: Longo Lucia
Università: Trento - Unitn
A.A.: 2012-2013

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher summerit di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia dell'arte moderna e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Trento - Unitn o del prof Longo Lucia.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Storia dell'arte moderna

Storia dell'arte moderna
Appunto
Storia dell'arte moderna - Appunti
Appunto
Storia dell'arte Moderna I
Appunto
Filologia italiana - lezioni
Appunto