Che materia stai cercando?

Linguaggi della devianza - Appunti Appunti scolastici Premium

Appunti sui Linguaggi della devianza e più precisamente sulla mafia russa e sui riti di affiliazione delle organizzazioni criminali italiane. Nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: la mafia dei Paesi dell’ex Unione Sovietica: entità,attività,il suo ruolo in Italia, i riti... Vedi di più

Esame di Linguaggi della devianza docente Prof. P. Scienze Sociali

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

ministero dell'Interno russo dava una mappa delle organizzazioni criminali: 275

erano considerate a dimensione regionale, 168 operavano a livello internazionale,

150 erano costituite da più gruppi alleati, altre 150 avevano base etnica Le persone

coinvolte in attività criminose come fiancheggiatrici sarebbero circa 3 milioni. I

gruppi criminali sono organizzati in vari modi, in forma più o meno rigida, con

gerarchie interne, o senza regole precise e con una forte dinamica aggregazione-

disgregazione. Alcuni sono eredi di organizzazioni del passato (il riferimento

obbligato è ai cosiddetti "ladri nella legge", una setta segreta attiva già dagli anni '20)

e le mafie etniche (georgiana, cecena, azera, usbeca etc.) operavano già in epoca

precedente e si sono sviluppate ulteriormente soprattutto nelle aree di crisi, segnate

da conflitti e guerre civili, ma si sono spostate sempre più verso Mosca, ritagliandosi

un loro spazio, I rapporti con l'economia legale, con il mondo politico e le

istituzioni, risultano da varie fonti, anche se in buona parte giornalistiche. L'80%

delle imprese privatizzate, degli alberghi e dei servizi sarebbe nelle mani dei gruppi

criminali con la compartecipazione di ministri, politici e uomini di potere. In

particolare le mafie russe controllerebbero il 35% delle banche, circa 2.000 imprese

statali e quasi la metà di quelle private. Si è parlato di 8 potentati economici ("le otto

sorelle") formatisi sotto la protezione di Eltsin Secondo un rapporto del generale

Yegorov, capo del Dipartimento per il controllo del crimine organizzato del

Ministero dell'Interno, molti gruppi criminali hanno al loro interno funzionari

pubblici. Per quanto riguarda i rapporti tra mafie e potere nelle repubbliche ex

sovietiche, ci limitiamo a qualche esempio. In Georgia la mafia è presente ai più alti

livelli del potere: l'ex vice primo ministro Iosseliani era notoriamente un padrino, con

una propria milizia privata, e i beni di prima necessità sono sotto il controllo di

gruppi mafiosi ; in Uzbekhistan , da 23 anni Rashidof col suo gruppo di potere

gestiva i sussidi statali( analogamente alla camorra per i sussidi del terremoto),

corrompendo il partito moscovita aveva potere di vita e di morte,costruendo

addirittura una prigione ; dello stesso tipo di comando feudale-clanico era quello

esercitato da Kunaev in Kazhakistan. Gli altri Paesi ex socialisti sono coinvolti in

attività criminali e vedono il proliferare di gruppi locali e l'intervento di gruppi

stranieri. Summit tra mafiosi siciliani e russi si sarebbero svolti a Varsavia nel marzo

1991 e a Praga nell'ottobre 1992, per prendere accordi sul traffico di droghe, sul

riciclaggio del denaro sporco e per «creare degli squadroni della morte, costituiti

principalmente da uomini dell'ex Kgb, gli stessi che controllano il traffico di droga

proveniente dall'Iran e dall'America Latina» Nel febbraio del 1993 a Sverdlosk, a

mille chilometri da Mosca, al centro del complesso militare-industriale ex sovietico,

si è scoperto che la Banca internazionale della Russia meridionale era creazione di un

mafioso siciliano e di un socio americano . Tra le repubbliche della CSI, l'Ucraina,

l'Azerbaigian, l'Uzbekistan, il Kirghizistan, il Tagikistan sono coltivatori di papavero

da oppio e di cannabis e il Kazakistan e soprattutto il Tagikistan, per la sua vicinanza

con l'Afghanistan, sono dei crocevia del traffico di eroina per il consumo nell'ex

URSS e in Europa. La Romania è diventato un crocevia internazionale anche per la

cocaina. In tali traffici sono implicati anche alti gradi della polizia, collegati con

membri della 'ndrangheta calabrese. In Romania la mafia controlla anche il racket

delle adozioni di minori. In Bulgaria, dopo la crisi delle esportazioni di tabacco,

prima dirette soprattutto in Russia, sono aumentate le coltivazioni di cannabis e di

papavero da oppio e le case farmaceutiche producono sostanze psicotrope e

amfetamine . La Polonia produce amfetamine: il 20% di tali sostanze sequestrate nei

paesi scandinavi negli ultimi anni proveniva da laboratori polacchi. Come abbiamo

già accennato, le attività e le organizzazioni di tipo mafioso nell'ex URSS non sono

una novità in assoluto. Da un punto di vista organizzativo, il precedente più

significativo è rappresentato dai cosiddetti "ladri nella legge" o "ladri che

obbediscono a un codice", cioè criminali organizzati secondo regole rigide, attivi fin

dagli anni '20. Si tratta di una setta segreta formata da ladri che non riconoscendo

l'abolizione della proprietà privata erano anche eversori dell'ordine costituito e

oppositori politici.Oggi i "ladri nella legge", in tutto poco più di duecento, sono

autorità riconosciute del mondo del crimine, ma sono alquanto lontani dalle regole

quasi ascetiche del periodo sovietico Un fenomeno molto più consistente, maturato

all'interno dell'istituzione Partito-Stato era la cosiddetta "mafia sovietica" o "mafia

politica" (Vaksberg 1991). Il termine è usato con due significati, che si intrecciano e

sovrappongono: il PCUS, soprattutto nella periferia, ma con la piena consapevolezza

e complicità dei vertici centrali, agiva con modalità criminali-mafiose (normalità

della corruzione, ricorso sistematico all'estorsione e talvolta anche all'omicidio) e

aveva rapporti continuativi e non episodici con gruppi e personaggi del mondo

criminale. Tale fenomeno, che può considerarsi un aspetto di una realtà più

complessa, che si manifestava con lo sviluppo dell'economia sommersa e del mercato

nero, la cosiddetta "economia-ombra", può spiegarsi come un correttivo all'economia

di piano e una sorta di democratizzazione come risposta alla fossilizzazione del

potere, privo di ricambio, e alla spoliticizzazione di massa. Le istituzioni sovietiche

hanno avuto un ruolo decisivo nella "transizione", gestendo operazioni illegali come

la vendita delle riserve auree e di enormi masse di rubli. Nel corso del 1991

l'ambasciata sovietica di Roma ha svenduto 2.000 tonnellate di oro (per un valore di

22 miliardi di dollari); delle riserve d'oro sovietiche a fine anno non era rimasto

neppure un grammo. L'operazione è stata gestita dal falso monsignore Roberto

Coppola, nominato "console itinerante" dell'URSS, con credenziali firmate da

Eltsin.Le fonti primarie dell’economia illegale russa risiedono nell’acquisto-vendita

dei beni importati e nella truffa finanziaria.Sempre nel '91 il KGB, con la complicità

della criminalità internazionale e probabilmente dei servizi segreti occidentali, portò

a termine una colossale truffa, avviata negli anni precedenti, svendendo 140 miliardi

di rubli (cioè la somma equivalente a tutto il denaro contante esistente in Russia,

corrispondente a 224 miliardi di dollari secondo la quotazione commerciale e a 10

miliardi sul mercato nero) per qualcosa come 7 miliardi e 800 milioni di dollari.Già

nel 1989 la famiglia mafiosa di S. Lorenzo di Palermo aveva acquistato 500 milioni

di rubli. I gruppi criminali hanno comprato i rubli utilizzando dollari falsi e proventi

di traffici illeciti. Nella truffa erano implicati esponenti della vecchia e della nuova

nomenklatura.A ciò si aggiunga la fuga di capitali in valuta straniera dall'ex URSS:

dal '90 al '93 si calcola che abbiano preso il volo 30 miliardi di dollari, ma secondo il

Fondo monetario Internazionale solo nel '92 sarebbero stati esportati illegalmente 17

miliardi di dollari. La svendita del patrimonio dell'ex URSS ha trovato il suo

coronamento con le operazioni di privatizzazione, condotte con una sorta di "furore

ideologico", seguendo i consigli del Fondo monetario internazionale. Dato che i

principali acquirenti sono stati i gruppi criminali, ci si può chiedere: le

privatizzazioni sono state una grande operazione di criminalizzazione dell'economia

o di legalizzazione delle mafie? A Mosca la mafia ha fatto man bassa di negozi,

alberghi e servizi. C'è stato un vero e proprio appalto alla mafia e il capo del

Comitato per la privatizzazione del consiglio comunale lo ha così giustificato: «Se la

mafia garantisce legge e ordine, cibo sugli scaffali e pavimenti puliti, allora io sono

per la mafia». In tal modo la mafia non solo si sarebbe legalizzata ma appare come,

improbabile, garante di legalità.


PAGINE

14

PESO

57.87 KB

AUTORE

Exxodus

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Appunti sui Linguaggi della devianza e più precisamente sulla mafia russa e sui riti di affiliazione delle organizzazioni criminali italiane. Nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: la mafia dei Paesi dell’ex Unione Sovietica: entità,attività,il suo ruolo in Italia, i riti di affiliazione nelle organizzazioni criminali italiane.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze della comunicazione pubblica e d'impresa
SSD:
A.A.: 2009-2010

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Exxodus di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Linguaggi della devianza e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Scienze Sociali Prof.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in scienze della comunicazione pubblica e d'impresa

Riassunto esame Mezzi di comunicazione e modernità, prof. Martino, libro consigliato Thompson
Appunto
Fondamenti di scienze sociali - Il problema del significato nelle scienze strutturali, Bourdieu
Appunto
Riassunto esame Fondamenti di scienze sociali, prof. Lombardo, libro consigliato Vocabolario della modernità di Koselleck
Appunto
Criminologia  e sociologia della devianza - Appunti
Appunto