Che materia stai cercando?

Lingua e Letteratura Inglese – linguistica generale Appunti scolastici Premium

Appunti di Lingua e Letteratura Ingleselinguistica generale. Nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: Aspetti teorici e metodologici
• Principi generali caratteristici delle lingue naturali (arbitrarietà del segno, carattere articolato del linguaggio).
• Diversi punti di vista secondo... Vedi di più

Esame di Lingua e letteratura inglese docente Prof. C. Consani

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Alcuni corollari generali della fonetica articolatoria

1. Alfabeto fonetico e apparato orale

si sovrappongono (variazioni aperto/chiuso e anteriore/posteriore).

2. Asimmetria dell’apparato di fonazione

anteriore: più mobile, maggiori possibilità articolatorie

posteriore: più rigido, minori possibilità articolatorie.

3. Asimmetria fra contoidi e vocoidi

contoidi: piccolo spazio articolatorio, alto numero di

suoni, differenze meno percepibili

vocoidi: grande spazio articolatorio, limitato numero di

suoni, differenze più percepibili. 21

I suoni del linguaggio e i loro

simboli

L’Alfabeto Fonetico Internazionale

(IPA) 22

Alfabeto IPA (visione generale) 23

Alfabeto fonetico: contoidi 24

Contoidi occlusivi

Labiali labio-dentali dentali palatali velari uvulari faringali glottidali

apico- alveolari retrofl

.

t d

p b t d c k g q

[p] occlusiva bilabiale sorda;

[b] occlusiva, bilabiale, sonora;

[t] occlusiva apico-dentale sorda;

[d] occlusiva apico-dentale, sonora;

t take hat

[ ] occlusiva alveolare sorda (ingl. , );

d day bad

[ ] occlusiva alveolare sonora (ingl. , );

quattro

);

[] occlusiva post-alveolare sorda (siciliano bedda, nudda

[] occlusiva post-alveolare sonora (siciliano );

[c] occlusiva palatale sorda (it. dialettale);

[] occlusiva palatale sonora (it. dialettale, ungherese);

caro esco, banchi, chiedo

[k] occlusiva velare sorda (it. , );

gara, spago, ghiro, ghianda

).

[g] occlusiva velare sonora (it. 25

Tipi di dentale

Diverse articolazioni delle

occlusive dentali a seconda

dell’altezza della punta della

lingua rivolta verso:

Denti B

Alveoli A

Pre-palatale/

post-alveolare C A = t inglese (alveolare)

B = t italiana standard (apicale)

C = t siciliana (retroflessa) 26

Contoidi nasali

labiali labio-dentali dentali palatali velari uvulari faringali glottidali

apico- alveolari retrofl.

m n

[m] nasale bilabiale (it. matto, come);

[] nasale labiodentale (it. infermo, invece);

[n] nasale apico-dentale (it. nuovo, luna);

[] nasale alveolare (ingl. new, nine);

[ ] nasale palatale (it. agnello, bagno);

[] nasale velare (it. ancora, manga, ingl. king, -ing) 27

Contoidi poli- e monovibranti

labiali labio-dentali dentali palatali velari uvulari faringali glottidali

apico- alveolari retrofl.

r R

Poli-v.

Mono-v.

[r]: vibrante apicale (ital. caro, riva, rubo);

[R]: vibrante uvulare (fr. France, Rimbaud);

[]: monovibrante apicale (it. caro, ramo nella pronuncia

regionale veneta). 28

Contoidi fricativi 1

labiali labio- dentali palatali velari uvulari faringali glottidali

dentali inter- alveolari post-alv./pre-pal.

f v s z ç x h

sapone, ape

[ ] fricativa bilabiale sorda (ital. nella pronuncia

toscana); saber, caballo

[] fricativa bilabiale sonora: sp. ;

fune, afa Vater

, ted. );

[f]: fricativa labiodentale sorda (it. vino cava

[v]: fricativa labiodentale sonora (it. , );

think, three cinco

[]: fricativa interdentale sorda (ingl. ; sp. );

they, this vida

[]: fricativa interdentale sonora (ingl. ; sp. )

sera casa sonno

[s]: fricativa alveolare sorda (it. , , );

rosa sbaglio sosia

[z]: fricativa alveolare sonora (it. , , ); 29

Contoidi fricativi 2

labiali labio- dentali palatali velari uvulari faringali glottidali

dentali inter- alveolari post-alv./pre-pal.

f v s z ç x h

scena ascia scimmia

[ ] fricativa prepalatale sorda (it. , , );

jour jamais

[] fricativa prepatale sonora (fr. , , toscano

agile ); ich

[ç] fricativa mediopalatale sorda, “ich-Laute” (ted. ,

rechnen ); doch lachen

[x] fricativa velare sorda, “ach-Laute” (ted. , ,

hijo

sp. ); amigo negar, lago

[] fricativa velare sonora (sp. , it. nella

pronuncia toscana). house hint haben hell

[h] fricativa glottidale (ingl. , , ted. , ). 30

Contoidi laterali

labiali labio- dentali palatali velari uvulari faringali glottidali

dentali apico- alveolari post-alv./pre-pal.

l lana gala

[l] laterale apicodentale (it. , );

light line

[] laterale alveolare (ingl. , );

aglio sbaglio

[] laterale palatale (it. , );

will call little

[] laterale velare (ingl. , , ). 31

Approssimanti

labiali labio- dentali palatali velari uvulari faringali glottidali

dentali apico- alveolari retroflessa

w j () buono

[w] approssimante labiale arrotondato (it. ,

muovo ); piede

[j] approssimante palatale non arrotondato (it. ,

cambio ); lui nuit

, ).

[] approssimante palatale arrotondato (fr. 32

Contoidi affricati

I contoidi affricati sono formati dalla coarticolazione di un’occlusiva

seguita dalla fricativa realizzata nello stesso luogo articolatorio.

[pf] affricata labiale sorda (ted. Pferd, Pfad);

[] affricata apico-dentale sorda (it. ozio, azione, zio);

[] affricata apico-dentale sonora (it. zona, zero, razza

‘pesce’);

[] affricata palatale sorda (it. cena, calce, cento);

[] affricata palatale sonora (it. gente, agio, girare);

[kx] affricata velare sorda (ted. kann, kommen nella

realizzazione dei dialetti meridionali). 33

Limite vocoidi/contoidi 34

Le dimensioni di variazione articolatoria

s. chiusi

s. anteriori s. posteriori

s. aperti 35

Vocoidi

Graffi-Scalise Versione IPhA 36

Vocoidi anteriori 1

[i] vocoide anteriore chiuso non arrotondato (it. lino; fr. lit,

prix, nid; ted. Sie, Liebe; ingl. bee, seen, eat, sheep);

[] vocoide anteriore chiuso rilassato non arrotondato (ingl.

it, ship);

[e] vocoide anteriore semichiuso non arrotondato (it. sera,

detto);

[] vocoide anteriore semiaperto non arrotondato (it. bene,

leggere, leggere);

[æ] vocoide anteriore aperto non arrotondato (ingl. bad,

back, catch, man);

[a] vocoide anteriore di massima apertura non arrotondato

(it. tana, paglia, balla). 37

Vocoidi anteriori 2

[y] vocoide anteriore chiuso arrotondato (fr. lutte, urne,

sûr; ted. über, fühlen);

[] vocoide anteriore chiuso rilassato arrotondato (ted.

Mülze, Hütte);

[ø] vocoide anteriore semichiuso arrotondato (fr. feu,

pneu, creux; ted. hören);

[œ] vocoide anteriore semiaperto arrotondato (fr. seul,

peur; ted. Hölle, Löffel). 38

Vocoidi posteriori

[u] vocoide posteriore chiuso arrotondato (it. tubo,

mucca);

[] vocoide posteriore chiuso rilassato arrotondato

(ingl. good, book; ted. Mutter);

[o] vocoide posteriore semichiuso arrotondato (it.

come, onore; fr. mot; ted. holen);

[] vocoide posteriore semiaperto arrotondato (it.

pilota, cosa, occhio; fr. corps; ted. Wolle; ingl. not,

what);

[] vocoide posteriore semiaperto non arrotondato

(ingl. cut, up);

[] vocoide posteriore aperto arrotondato (fr. âme,

bas; ingl. father, half). 39

Vocoidi centrali e v. nasalizzati

[] vocoide centrale medio (fr. mener, je vais; ted. bitte);

[] vocoide centrale semiaperto (ingl. girl, bird, hurt);

[] vocoide centrale semiaperto (ted. der, Vater).

[

] vocoide anteriore semiaperto non arrotondato nasalizzato (fr. fin, pain,

paindre) ;

[œ] vocoide anteriore semiaperto arrotondato nasalizzato (fr. brun, défunt,

humble);

[

] vocoide posteriore semiaperto arrotondato nasalizzato (fr. bon,

long,vont);

[

] vocoide posteriore aperto non arrotondato nasalizzato (fr. grand, blanc,

tendre). 40

Posizioni della lingua nei vocoidi 41

Il trapezio vocalico nell’apparato orale 42

Trascrizione fonetica (esercitazioni)

pialla imbiancare

[pjalla] [imbjakare]

incidente scegliere

[inidnte] [eere]

obiezione bagnasciuga

[objettsjone] [baauga]

zio ascendente

[tsio] [aendnte]

giugno canottiera

[uo] [kanottjra] 43

Fonetica e fonologia

Fonetica Fonologia

Studia i suoni del linguaggio • Studia la maniera in cui i

dal punto di vista della loro: suoni del linguaggio vengono

utilizzati dalle singole lingue

• produzione per formare unità

(fonetica articolatoria) significative.

• percezione

(fonetica uditiva) • Descrive i sistemi

• propagazione nel mezzo fonologici delle singole

(fonetica acustica, oggi lingue e il loro

strumentale) .

funzionamento 1

Fonetica e fonologia

(

in relazione alle opposizioni tipiche dello strutturalismo)

Fonetica Fonologia

• Suoni del linguaggio • Sistemi fonologici

delle singole lingue

• Sostanza • Forma

• Piano • Piano

dell’espressione dell’espressione 2

La distribuzione dei suoni sull’asse

sintagmatico

Le distinzioni operate a livello fonetico tra vocoidi e

contoidi hanno dei riflessi da un duplice punto

di vista:

1) natura fisico-acustica dei suoni;

2) loro combinazione nel continuum del linguaggio

(asse sintagmatico). 3

I suoni del linguaggio umano ordinati lungo la

“scala di forza consonantica” o “scala di sonorità”

-

+ Occlusive sorde

f Occlusive sonore

o s

r Fricative sorde o

z

a Fricative sonore n

c Nasali o

o

n Laterali r

s Vibranti

o i

n Approssimanti t

n

t [i] [u] à

i

c [e] [o]

a [a] +

- 4

La sillaba dal punto di vista fonetico

«La sillaba è un insieme di suoni pronunciati con

un’unica emissione di voce».

• Criteri: sonoro (tradizione grammaticale) o fisico-

muscolare (Stetson) o della preminenza (Jespersen).

• Riferimento: alla scala di forza consonantica o scala

di sonorità.

• Ambito: fonetica articolatoria o acustico-percettiva. 5

La sillaba dal punto di vista fonologico

La sillaba corrisponde ad una unità astratta, vale a

dire che riflette un criterio di organizzazione dei

suoni nella catena del parlato.

• Criteri: organizzativo (rapporti fra i suoni).

• Riferimento: alla competenza del parlante e ai

parametri delle singole lingue.

• Ambito: fonologia. 6

fonologico

vita (Onset/Attacco) Ryme/Rima

di

punto Peak/Nucleo (Coda)

dal

sillaba

di (CCC…) V (CCC…)

Modello (gli elementi fra parentesi sono facoltativi) 7

La sillaba come ciclo di sonorità

sonorità V V tempo

$ $ $

$ = confine di sillaba; V = picco di sonorità, apice sillabico. 8

Fonologia classica praghese

N.S. Trubeckoj (1890-1938)

• Esponente della scuola di Praga e autore dei

Grundzüge der Phonologie, 1939

vol. VIII Travaux du Cercle Linguistique de Prague

).

(trad. it.: Fondamenti di fonologia, Torino 1971

• Rifacendosi alla III Tesi del Circolo linguistico di Praga

enuncia la differenza tra:

1. fonetica come scienza che studia i suoni della parole e

2. fonologia come scienza che studia i suoni della langue. 9

Principi di fonologia 1

• La fonologia fa riferimento alla langue e al ‘sistema’, perciò in

questa disciplina hanno valore non gli elementi in sé bensì le loro

relazioni e le relative funzioni.

• La funzione distintiva dei suoni è al centro della fonologia

trubeckojana; tale funzione si verifica all’interno delle opposizioni

distintive o fonologiche

panca~banca, pezzo ~ pazzo ~ pozzo).

(es. pino~tino,

• L’elemento più piccolo in grado di produrre differenza di

significato (‘distintiva’) tra gli elementi di un sistema linguistico è

definito fonema e viene trascritto fra //.

• Il fonema è l’unità minima della fonologia. 10

Principi di fonologia 2

• L’individuazione dei fonemi di un sistema linguistico

avviene attraverso la “prova di commutazione”, il

confronto cioè dei lessemi al fine di individuare l’elemento

che, a parità di condizioni, provoca differenza di

significato:

[ifrno] ~ [ivrno]

f ~ v

• La commutzione f ~ v è l’elemento che provoca la

differenza di significato tra le due parole: ciò significa che

l’opposizione /f ~ v/ nel sistema linguistico dell’italiano

rappresenta una coppia minima e che i due elementi

interessati sono fonemi del sistema fonologico italiano. 11

Principi di fonologia 3

• I fonemi di un determinato sistema linguistico possono conoscere

realizzazioni diverse che prendono il nome di allofoni.

• Gli allofoni non producono differenze di significato, cioè non

svolgono funzione distintiva, ma dipendono:

a) dal contesto fonico e prendono allora il nome di ‘varianti

combinatorie’

(ad esempio, in italiano la nasale davanti ad altro contoide:

paka, ifrno);

b) da caratteristiche personali del parlante e allora si tratta di

‘varianti libere’

(ad esempio, in italiano le diverse realizzazioni di // come

[d] o come [] ). 12

Come funziona un’opposizione fonologica

[paka] ~ [baka]

/p ~ b/

1) occlusiva occlusiva base di

2) labiale labiale comparazione

3) sorda sonora carattere

distintivo 13

Le opposizioni distintive 1

Le opposizioni distintive si classificano in

base a tre diversi criterî:

(a) dal punto di vista del loro rapporto con

tutte le altre opposizioni del sistema;

(b) dal punto di vista dei rapporti che

esistono tra i membri dell'opposizione;

(c) dal punto di vista dell'estensione della

loro validità distintiva. 14

Le opposizioni distintive 1(a)

(a) Dal punto di vista del loro rapporto con tutte le altre opposizioni del

sistema, le opposizioni possono essere:

• bilaterali, se la “base di comparazione” caratterizza solo i due membri

di quella coppia oppositiva

(it. /p~b/ unici fonemi occlusivi e labiali del sistema fonologico it.);

• multilaterali, se la “base di comparazione” si estende anche ad altri

elementi dello stesso sistema fonologico

(in ital. /e~/ …. /~i/, vocoidi anteriori non arrotondati).

* * *

• proporzionali, se il rapporto oppositivo dei due membri è comune

anche ad altre coppie oppositive ;

(in ital. /p~b/, /t~d/, /f~v/)

• isolate, se il rapporto tra i due membri della coppia non ricorre in altre

opposizioni del sistema /i~e ~ ~ a ~ ~ o ~ u/ ~ /

(in un sistema vocalico del tipo l’opp. /e è

isolata perché non ha l’equivalente tra i vocoidi posteriori). 15

Le opposizioni distintive 1(b)

(b) dal punto di vista dei rapporti che esistono tra i membri della

coppia oppositiva, le opposizioni possono essere:

• privative, se un membro della coppia oppositiva è caratterizzato da un

tratto assente nell’altro

(it. /p~b/ uguale “base di comp.”, ma sonorità presente ~ assente);

il membro privo del tratto oppositivo è detto “non marcato” (/p/), l’altro

è detto “marcato”;

• graduali, se i suoi membri presentano gradi diversi della stessa proprietà

~i

(in ital. /e~ / relativamente al grado di apertura);

• equipollenti, se il rapporto oppositivo dei due membri è logicamente

equivalente

(in ital. /p~t/ il cui carattere oppositivo è rappresentato da labiale ~ dentale). 16

Le opposizioni distintive 1(c)

(c) dal punto di vista dell’estensione della loro validità distintiva, le

opposizioni possono essere:

• costanti, se mantengono il loro valore oppositivo in tutte le condizioni

del sistema

(in it. /p~t/ mantiene il proprio valore in tutte le posizioni della parola e in

tutti i tipi di sillaba, tonica e atona);

• neutralizzabili, se i suoi membri possono perdere il valore distintivo

in determinate situazioni

(in ital. le opposizioni /e~/, /o~/perdono il loro carattere oppositivo in

sillaba atona).

• Quando si neutralizza un’opposizione bilaterale e privativa, come in

tedesco e in russo quella tra /cont. occl. sordi ~sonori/ in fine di

parola, allora si produce un “arcifonema” cioè un elemento

fonologico caratterizzato dalla base di comparazione dei due fonemi

neutralizzati

(in tedesco Rat~Rad, foneticamente [R:t], fonologicamente /RT/, dove /T/

rappresenta l’arcifonema <occlusiva, dentale>. 17

Sintesi

Prova di commutazione fonologia

(a) (b)

coppie minime variazioni libere

it. [mano]~[nano],

ingl. [sin]~[si]

fonemi

/m, n/; /

ital. ingl. /n,

varianti varianti

combinatorie allofoni libere

it. bako, ifrno it. fonoloia

fonolodia 18

fonoloia

I sistemi fonologici di alcune

lingue europee moderne

•Quadri riassuntivi

•Principi di funzionamento

•Esemplificazione 19

Il sistema fonologico dell’italiano standard

• Il sistema fonologico dell’italiano standard è basato sul

toscano letterario del Trecento divenuto standard di

riferimento per lo scritto nel corso del 1500 (dibattito sulla

“questione della lingua”).

• Quando si è posto il problema della lingua standard

nazionale (1861), la proposta avanzata da A. Manzoni, di

diffondere attraverso la scuola il fiorentino parlato dalla

classe borghese, è stata adottata dal Regno d’Italia; tuttavia

l’alto livello di analfabetismo (1861: 78%) ha di fatto

rallentato e limitato tale programma.

• Ciononostante lo standard fonologico italiano riconosciuto,

insegnato a scuola e di seguito illustrato fa riferimento

proprio alla varietà toscana. 20

Sistema fonologico dell’italiano standard 1 21

Annotazioni sul sistema consonantico 1

• Carattere ‘isolato’ di [] rispetto alla correlazione di

sonorità che riguarda /p~b, t~d, k~g, ~, ~ ,

f~v, s~z/.

• Nasali: si noti che [] e [] sono varianti

combinatorie, per cui non compaiono nell’inventario

dei fonemi.

• L’opposizione semplice ~ raorzata ha valore

fonologico per 15 contoidi, (ad esempio: cade ~

cadde, rupe ~ ruppe, calo ~ callo, ecc.),

ma non per [], [], [], [ ], [] sempre raorzate in

posizione intervocalica e per [z] sempre scempia.

• Opposizioni a basso ‘rendimento fonologico’

/ ~/, /s ~ z/ (ad es. rat a ~rada, presnte

preznte). 22

Annotazioni sul sistema consonantico 2

Nel sistema fonologico basato sul toscano certe parole provocano il

raddoppiamento della consonante iniziale della parola successiva,

“raddoppiamento (fono-)sintattico”. Si tratta di:

• tutte le parole con accento sull’ultima sillaba: ad es. però, così, cantò

[canto bene/ cantò bbene], inclusi i monosillabi ‘forti’, cioè quelli che

possono avere l’accento di frase: ad es. tre ccani/cinque cani; già che >

giacché, già mai > giammai;

• i monosillabi deboli cioè non accentati, come: e, o, da, fra, se, ma, ecc.

(ad es.: e llui, ma ppoi, se mmai, da llui).

Motivi sincronici del “radd. fono-sint.”.

In italiano le vocali accentate finali sono brevi, ma la struttura sillabica non

vc

ammette vocali accentate brevi seguite da consonante semplice (*- ),

bensì solo vocali accentate lunghe o vocali accentate brevi seguite da

consonante lunga: il “radd. f.-s.” produce questa seconda condizione

(*- vc) > -vcc vc$c) .

, sillabicamente 23

Sistema fonologico dell’italiano standard 2 24

Annotazioni sul sistema vocalico

• Le opposizioni tra le vocali medie anteriore e

posteriore /e ~ , o ~ /sono a basso ‘rendimento

fonologico’ (ad es. pesca ~ pska, venti ~ vnti,

botte ~ btte, fosse ~ fsse).

• Queste stesse opposizioni si neutralizzano in

ventino ‘moneta da 20 £’ e

sillaba atona:

venticello venti vnti

con [e], rispetto a ~ ;

infossare fosse

con [o] rispetto all’opposizione ~

fsse

• La posizione dell’accento può svolgere funzione

distintiva: kapitano ~ kapitano, akora ~

akora, kapita ~ kapita. 25

Sistema fonologico francese standard: consonantismo 26

Sistema fonologico francese standard: vocalismo 27

Sistema fonologico spagnolo standard: consonantismo 28

Sistema fonologico spagnolo standard: vocalismo 29

Sistema fonologico inglese standard: consonantismo 30

Sistema fonologico inglese standard: vocalismo 31

Sistema fonologico tedesco standard: consonantismo 32

Sistema fonologico del tedesco standard: vocalismo 33

Sistemi

fonologici

italiano e

inglese a

confronto:

consonan-

tismo 34


PAGINE

127

PESO

6.02 MB

AUTORE

Sara F

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Appunti di Lingua e Letteratura Ingleselinguistica generale. Nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: Aspetti teorici e metodologici
• Principi generali caratteristici delle lingue naturali (arbitrarietà del segno, carattere articolato del linguaggio).
• Diversi punti di vista secondo cui è possibile esaminare una lingua naturale
(sincronia/diacronia, variabilità diastratica, diafasica e diamesica).
• La lingua come sistema di comunicazione.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in mediazione linguistica e comunicazione interculturale
SSD:
A.A.: 2007-2008

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Sara F di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Lingua e letteratura inglese e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Gabriele D'Annunzio - Unich o del prof Consani Carlo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Lingua e letteratura inglese

Traduzione testi e frasi, Lettorato di lingua inglese
Esercitazione
Lingua e Letteratura Inglese - Romanticismo
Appunto
letteratura inglese - Inglese I
Appunto
Letteratura inglese
Appunto