Che materia stai cercando?

Lezioni, Management Appunti scolastici Premium

Appunti con sintesi di management basato su appunti presi a lezione della professoressa Ceruti. Utili per il sostenimento della prova scritta, comprende tutto il programma svolto a lezione. Gli argomenti trattati sono i seguenti: impresa, equilibrio di sopravvivenza, capacità produttiva, ambiente, economia, finanziamento.

Esame di Management docente Prof. F. Ceruti

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

REGIONE  DI  SOPRAVVIVENZA.  

 

in  assenza  di  misure  attive  a  rendere  sporadici  i  casi  di  inadempimento,  il  mancato  

avveramento  delle  aspettative  delle  controparti  sottopone  l’impresa  ad  azioni  coattive  

più  onerose  e  abbassa  la  fattibilità  di  stipulare  nuovi  contratti,  aumento  la  possibilità  di  

altri  inadempimenti.  Questo  circolo  viziosa  porta  allo  stato  di  dissesto  e  quindi  al  

fallimento.  

 

La  regione  di  sopravvivenza  è  la  regione  di  equilibrio  

in  un  senso  ben  preciso,  sono  

sempre  possibili  sconfinamenti  dalla  regione  di  equilibrio,  ma  tali  sconfinamenti  

portano  a  situazioni  non  mantenibili,  poiché  questo  sconfinamento  genera  un  

inadempimento  e  una  catena  di  cause-­‐effetti  che  riporterà  il  sentiero  dell’impresa  

entro  la  regione  di  equilibro  o  la  allontanano  sempre  di  più  fino  all’estinzione  forzata.  

 

I  due  scenari  dipendono  dal  grado  di  stabilità  dell’equilibro,  un  equilibrio  si  dice  

stabile  quando  uno  sconfinamento  dalla  regione  di  sopravvivenza  comporterà  una  

catena  cause-­‐effetti  che  riporterà  l’impresa  entro  la  sua  regione  di  sopravvivenza.  

(catena  virtuosa.)  

 

il  gradi  di  stabilità  dell’equilibrio  è  definito  come  il  rapporto  tra  gli  eventi  fronteggiabili  

e  gli  eventi  possibili.  

 

Il  sentiero  futuro  di  un  azienda  risulta  sempre  condizionato  dal  suo  passato.  

I  vincoli  principali  sono  tre:  

l’insieme  degli  impegni  contrattuali  in  atto(contratti  già  stipulati  e  ancora  in  corso  

d’opera)  ,il  complesso  delle  prestazioni  residuali(l’impresa  dispone  dell’impianto  dei  

macchinari,  dei  contratti  di  lavoro  che  ancora  sono  utilizzabili)  e  le  condizioni  sociali  e  

mercantilistiche(l’impresa  lascia  un  immagine  di  se  e  ci  deve  essere  congruenza  con  il  

prodotto).  

 

Da  questi  tre  vincoli  si  delinea  la  

regione  di  prolungamento,  che  in  genere  è  più  

ristretta  rispetto  alla  regione  di  sopravvivenza.  

Questo  ci  porta  a  rilevare  tre  fatti  fondamentali:  la  possibilità  di  rimuovere  i  vincoli  del  

passato,  la   impossibilità   di  prolungare  la  vita  dell’impresa  mantenendo  inalterate  le  

specifiche  caratteristiche,  

la  incompatibilità  tra  l’autosufficienza  globale  e  le  frequenze  di  cambiamenti  specifici.  

 

Un  equilibro  si  dice  programmato  quando  ha  le  seguenti  caratteristiche:  

la  regione  che  vi  corrisponde  è  stata  scelta  tra  in  una  varietà  più  estesa  di  sentieri,  

contiene  caratteri  o  leggi  idonee  a  rendere  non  mantenibile  uno  sconfinamento  dalla  

regione  di  sopravvivenza,  si  evolve  in  modo  da  accrescere  la  determinatezza  della  

regione  di  equilibrio  e  a  ridurre  le  probabilità  di  sconfinamenti.  

 

ANALISI  DELL’EQUILIBRIO  DI  SOPRAVVIVENZA  

 

Analizzare  l’equilibrio  sostanzialmente  consiste  nell’esaminare  quale  conclusioni  posso  

essere  tratte  dalle  condizioni  di  autosufficienza  e  di  irriducibilità.  

 

Le  relazioni  all’interno  dell’impresa  si  dividono  in:  

relazioni  tecniche,  relazioni  

organiche,  relazioni  finanziarie  e  relazioni  economiche.  

 

 

1)RELAZIONI  TECNICHE  

 

Le  relazioni  tecniche  sono  tutte  quelle  operazioni  di:  fornitura  di  materie  prime,  

consegna  di  prodotti  finiti,   processo  di  produzione  e  prestazioni  di  lavoro  dell’impresa.  

Un’operazione  tecnica  è  per  definizione  il  minimo  di  operazioni  per  la  trasformazione  

degli  input  in  output,  si  compone  di  3  parti:   l’impianto,  il  lavoro  umano  e  la  materia  

prima.  

Più  operazioni  tecniche  in  successione  formano  un  ciclo  produttivo  e  un  ciclo  di  

impianto.  

 

I  cicli  operativi  possono  essere;  

-­‐ convergenti,  da  più  input  si  produce  un  output  

-­‐ divergenti  ,  da  un  solo  input  si  producono  più  output  

-­‐ radiati,  da  più  input  si  producono  più  output  (es.  chimica)  

   

Più  cicli  operativi  connessi  formano  una  reticolo  operativo,  ogni  impianto  ha  invece  un  

ciclo  totale  d’impianto  che  è  composto  da  reiterati  cicli  parziali  di  impianto,  operazioni  

di  utilizzazione  e  operazioni  di  smantellamento  finale.  

   

CAPACITÀ  PRODUTTIVA:  rappresenta  la  quantità  di  output  producibili  in  un  intervallo  di  

tempo.  

La  scala  produttiva  è  la  capacità  produttiva  installata  in  azienda,  di  solito  non  è  mai  

uguale  alla  massima  capacità  produttiva  ma  deve  essere  abbastanza  da  non  lasciare  

insoddisfatta  la  domanda.  

 

CAP.PROD=POTENZIALITÀ  X  TEMPO  UTILIZZO  X  RESA(%)  

 

-­‐ La  potenzialità  è  la  quantità  di  output  ottenibile  per  unità  di  tempo,  è  legata  al  

concetto  di  mix  produttivo,  la  potenzialità  di  targa(monoprodotto)  infatti  è  sempre  

minore  alla  potenzialità  di  mix(multiprodotto).  

-­‐ Il  tempo  di  utilizzo,  rappresenta  il  tempo  in  cui  il  macchinario  è  in  funzione,  ma  non  è  

uguale  all’anno  solare:  bisogna  considerare,  il  TA(tempo  di  apertura),il  TNU(tempo  

non  utilizzo),  TA-­‐TNU=TUL(tempo  di  utilizzo  lordo),  bisogna  poi  considerare  gli  altri  

elementi  che  incidono  come  il  tempo  utilizzato  per  test  e  manutenzione,  il  tempo  per  

cambio  turno,  il  tempo  per  risettaggio  per  cambio  prodotto  arrivando  al  tempo  

effettivo  di  utilizzo  del  macchinario.  

-­‐ La  resa  è  connessa  ai  rallentamenti  e  agli  scarti  di  produzione,  rappresenta  la  

quantità  percentuale  di  prodotto  finale  conforme.  

 

 

 

Proiezione  di  equilibrio  tecnico:    

Se  i  livelli  virtuali  delle  scorte  e  delle  capacità  inutilizzate  sono  minori  di  zero  questo  

comporta  un  inadempimento  e  quindi  uno  sconfinamento  dalla  regione  di  

sopravvivenza.  

 

 

 

 

 

2)RELAZIONI  ORGANICHE  

 

Riguardano  il  sistema  decisionale  dell’impresa,  l’organico  dell’impresa  si  compone  di;  

-­‐ Organico  ristretto,  tutto  il  personale  legato  all’impresa  da  contratti  di  lavoro  

subordinato  

-­‐ Organico  esteso,  organico  ristretto  più  i  lavoratori  che  collaborano  in  modo  

continuativo  con  l’impresa  

-­‐ Organi  d’impresa,  tutti  quei  soggetti,  individuali  o  collegiali  che  operano  in  nome  e  

per  conto  dell’impresa  rappresentandola  presso  terzi.  

 

 

 

Tre  principi  alla  base  delle  relazioni  organiche:  

1-­‐  Assenza  e  riempimento  dei  vuoti  di  potere,  deve  sempre  esserci  un  soggetto  

incaricato  di  decidere,  per  ogni  elemento  x  che  descriva  il  contenuto  di  uno  scambio  ci  

deve  essere  sempre  una  persona  abilitata  a  determinare,  approvare  e  accettare  il  

carattere  x.  

 2-­‐  Assenza  di  conflitti  di  potere,  non  devono  esserci  due  organi  abilitati  a  

rappresentare  l’impresa  per  un  dato  elemento  del  contenuto,  si  creerebbero  

inevitabilmente  conflitti  di  potere.  

3-­‐  Coordinamento  delle  decisioni,  i  possibili  rapporti  per  il  coordinamento  sono:  un  solo  

organo  che  si  occupi  di  entrambi  i  lavori,  due  organiche  lavorano  su  lavori  diversi  ma  in  

parallelo  oppure  un  terzo  organo  che  ha  il  potere  di  decidere  per  entrambi.  

 

Altri  due  principi  importanti  sono  la  congruenza  professionale  e  il  principio  di  

responsabilità.  

 

Ogni  componente  dell’organico  può  essere  visto  come  un  trasduttore,  l’insieme  di  tutti  

i  trasduttori  elementari  forma  il  trasduttore  globale.  

La  capacità  organica  del  trasduttore  globale  è  maggiore  della  somma  di  quelle  

individuali(elementari)  per  l’effetto  di  specializzazione,  poiché  vi  è  una  distribuzione  di  

ruoli  più  specializzati  e  quindi  una  maggiore  congruenza  professionale.  Vi  è  in  aggiunta  

l’effetto  di  assorbimento,  ovvero  quel  dispendio  di  capacità  organica  utilizzata  per  il  

coordinamento  delle  decisioni.  

 

Proiezione  dell’equilibrio  organico  

capacità  organica  >  fabbisogno  di  capacità  organica.  

 

Dove  la  capacità  organica  consiste  nella  massima  quantità  di  informazioni  e  decisioni  

che  possono  essere  elaborate  dal  trasduttore  globale  per  il  prolungamento  della  vita  

dell’impresa.  

Mentre  il  fabbisogno  rappresenta  la  quantità  di  capacità  organica  necessaria  per  la    vita  

dell’impresa.  

Principio  di  livellamento,  quando  la  capacità  organica  è  molto  maggiore  al  fabbisogno,  

si  tenderà  a  modificare  il  piano  di  sviluppo  in  modo  da  utilizzare  tutta  la  capacità  

organica  inutilizzata.  

 

 

 

 


PAGINE

10

PESO

122.35 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Esame: Management
Corso di laurea: Corso di laurea in economia e amministrazione delle imprese
SSD:
A.A.: 2015-2016

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher pier.rove di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Management e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Milano Bicocca - Unimib o del prof Ceruti Francesca.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Management

Riassunto esame Management, prof. Del Bosco, libro consigliato Economia e Gestione delle Imprese, Misani, Ordanini, Perrini
Appunto
Management
Appunto
Management - Appunti
Appunto
Istituzioni di economia - sintesi integrata con appunti
Appunto