Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Come scrisse Bettelheim, il mito propone dei

personaggi che il lettore è spinto ad emulare, nella

fiaba invece si propone una situazione familiare, un

personaggio in cui il bambino può immedesimarsi

senza sentirsi costretto a comportamenti particolari.

L’ero del mito insomma è una figura normativo,

l’ero della fiaba è una figura normale. Richardson se

n’era accorto e aveva definito Tom e Sophia delle

persone del tutto ordinarie, mostrando dell’astio

però. Nel suo Grandi Speranze, Pip coglie

l’accezione spregiativa del termine “common” e

cerca di sottrarvisi. Anche Jane Eyre è un

personaggio “common”.

L’essere common aiuta questi personaggi nel

rappresentare quella classe sociale di mezzo che

per il romanzo continentale corrispondeva alla fase

della gioventù.

Un’altra differenza tra il romanzo inglese e quello

europeo riguarda il concetto di democrazia ed

eguaglianza che ci trasmette, quindi ci viene facile

immedesimarci in Tom Jones o in David, sono

vicende che potrebbero capitare a tutti e

probabilmente reagiremmo anche allo stesso modo.

è un messaggio mediocre e incolore, ma la

democrazia non mira a potenziare le grandi

individualità, essendo per natura antieroica.

IL GIARDINO ANTROPOLOGICO

Quasi ad esaltare l’universo incolore degli eroi

common del romanzo inglese, i personaggi che li

circondano sono tutt’altro, inconfondibili.

Orwell scrisse che Dickens percepiva gli esseri

umani come dei caratteri, non in base alla loro

funzione nella società, vedendoli staticamente,

come oggetti o quadri. Seppur in forme più

articolate, anche Fielding e Sterne.

Nel romanzo inglese quanto più numerose sono le

lingue, tanto più inesistente è il dialogo tra l’una e

l’altra e il loro influsso sulla lingua dell’eroe. Infatti,

in queste opere, domina l’equivoco, ovvero lo

scambio linguistico contrapposto alla

comunicazione, frequentissimo in Sterne, ma anche

in Fielding e Dickens.

In Inghilterra il dialogo lo si trova maggiormente

nelle opere di Jane Austen e George Elliot, i due soli

casi in cui l’interesse classificatorio è superato

dall’attenzione verso la mobilità sociale. Nel

romanzo inglese viene meno dunque il dialogo, il

linguaggio non serve a comunicare ma ad

esprimere il proprio status.

ADDIO, MONTI

Nella narrativa inglese la violazione operata dal

mostro è una vera e propria costante. In cime

tempestose, in Frankestain o in cuore di tenebra, la

minaccia investe l’intero universo narrativo. Nei

romanzi di formazione invece la minaccia si

concentra su un unico punto, il protagonista. Lo

schema ricorrente racconta d un protagonista

normale e innocente, accusato ingiustamente e non

in grado di difendersi. La storia solitamente si

conclude con il protagonista condannato all’esilio o

alla fuga. È la versione inglese della metafora

narrativa della gioventù, il viaggio. Gli eroi inglesi

partono sempre contro la loro volontà e senza aver

meritato tale sorte. Più il protagonista si allontana

dal punto di partenza più aumenta l’angoscia di non

essere più se stesso. È a Londra che gli incubi

raggiungono la massima intensità, la metropoli in

cui Tom Jones chiede in moglie una donna che non è

Sophia, o in cui David affronta una delle esperienze

infantili più brutte, la fabbrica di bottiglie. Il viaggio

aiuta i protagonisti ad apprendere non quello che si

potrebbe essere, ma quello che non si vuole essere.

Se si è rimasti completamente passivi ed

immutabili, allora, sarà possibile ritornare indietro.

Nell’ultima pagina dei promessi sposi Renzo

riassume il senso dei suoi viaggi, con un elenco di

cose da non fare, ha imparato a non predicare nelle

piazze, a non alzare il gomito, ecc. anche per

Manzoni il luogo dove si è meno se stessi è la

grande città, Milano.

UR-NOVEL

La sequenza agnizione-eredità è lo schema tipico

dell’happy ending inglese, inesistente invece nel

romanzo europeo.

La borghesia non ha mai disdegnato testamenti ed

eredità, l’idea che la ricchezza provenga da

un’eredità è tipica dell’aristocrazia terriera. A

godere dell’eredità è solitamente un eroe dalla

caratteristiche borghesi alquanto sbiadite. Queste

eredità sono in realtà un atto di giustizia, non sono

doni elargiti da cardinali o altro, sono qualcosa a cui

i protagonisti hanno diritto, un diritto che gli è stato

tolto. Siamo di fronte ad una giustizia fiabesca

quasi, degna dei romanzi familiari che si sognano

nell’infanzia, i finti genitori che sono degli impostori

e gli zii che rimettono le cose al loro posto.

IL GRAN TRIBUNALE DEL MONDO

Nella violenta polemica sul ruolo della rivoluzione

nella storia inglese, nessuno scrisse niente. Solo

dieci anni dopo Edward Thompson scrisse Whigs

and Hunters, in cui parlando del sistema giuridico e

del potere di classe, sosteneva che l’egemonia della

Gentry e dell’aristocrazia settecentesca grazie alle

forze militari o alla mistificazione della stampa, ma

negli studi dei giudici di pace. La legittimità di una

classe dominante e di un intero assetto sociale, è lo

sfondo costante al romanzo di formazione.

In Grandi Speranze, la parte londinese si svolge

interamente nel mondo della legge e si conclude

con la confisca dei beni di Pip; il primo impiego di

David Copperfield è ai commons e una parte

fondamentale della storia è il processo contro Uriah

Heep; o ancora in Tom Jones, ogni episodio è

presentato come una sorta di caso giudiziario, si

inizia con la descrizione del reato, si ascolta

l’accusa, si interroga l’imputato e si arriva alla

sentenza e alla pena.

Un luogo comune della cultura giuridica inglese

recita “justice is as simple as truth”. È un

paradigma che troviamo nel romanzo, il semplice è

offuscato dalla distorsione dell’intreccio, che offre

una versione menzognera ma efficace della verità,

si innesca poi un meccanismo spazio-temporale,si

avrà il ritorno ad un luogo, o un’età, o un episodio,

che ci permette di ripristinare la verità.

NARRATIO VERSUS ROMANZO


ACQUISTATO

11 volte

PAGINE

12

PESO

40.64 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in Lingue moderne per il web
SSD:
Università: Palermo - Unipa
A.A.: 2008-2009

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher purpettta di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Letteratura inglese e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Palermo - Unipa o del prof Altese Maria Paola.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in lingue moderne per il web

Linguistica generale - nozioni generali
Appunto
Green Communication
Tesi
Architettura umanitaria e web 2.0: analisi di due website (ppt corredato alla tesi)
Tesi
Architettura Umanitaria e Web 2.0: analisi di due siti web (web usability e linguistica computazionale)
Tesi