Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

La Forma di Stato è l’insieme dei principi e delle regole fondamentali che caratterizzano un ordinamento statale e cioè i rapporti tra lo

Stato e la Comunità dei cittadini singoli o associati.

La Forma di Governo è il complesso delle regole riguardanti la distribuzione del potere tra gli organi di vertice dell’apparato statale

cioè disciplina i rapporti tra gli organi costituzionali.

Aristotele (IV sec. A.C.) distingue le forme di governo in base al numero dei soggetti titolari della

forme buone: monarchia (governo di uno), aristocrazia (governo di pochi) e politeia (governo di molti).

quelle degenerate sono invece tirannia, oligarchia e democrazia.

Macchiavelli che distingue i principati e le repubbliche

Montesquieu tra governi monarchici, dispotici e repubblicani.

Una classificazione recente: lo Stato democratico e quello autocratico.

Le due forme si distinguono per la titolarità, l’esercizio del potere e le modalità di uso di questo.

Stato democratico è caratterizzato dalla titolarità collettiva, un esercizio ripartito del potere e una modalità di formazione delle

decisioni basata sul consenso popolare.

Lo Stato autocratico è invece basato su una titolarità ristretta, un’ esercizio accentrato del potere e una modalità di formazione ed

attuazione delle decisioni basata sull’imposizione

Democrazia significa governo del popolo.

la democrazia degli antichi: era presente nelle città-Stato della Grecia classica dove le decisioni fondamentali erano prese dai cittadini

riuniti in assemblea (Ecclesia) ed erano rese esecutive dal Consiglio dei cinquecento (Boulè) i cui membri erano eletti o sorteggiati a

rotazione tra tutti i cittadini

La democrazia dei moderni è invece rappresentativa, pluralistica. Le decisioni politiche sono adottate da organi rappresentativi e solo

raramente sono prese direttamente dal corpo elettorale.

Lo Stato autocratico ha un carattere negativo, come lo Stato socialista e quello fascista.

Il termine autocrazia significa infatti governo di uno (dittatura, regime autoritario, regime totalitario).

Nella dittatura il potere è nelle mani di un organo di solito monocratico che si divide in due categorie a seconda che sia commissariale

o sovrana.

La dittatura commissariale risale a Roma tra il V e il III sec. a.C. , dove il Dictator è un magistrato straordinario nominato da uno dei

consoli in circostanze eccezionali, come la guerra, ed esercita sia il comando interno che esterno. È un potere legittimo e costituito

perché previsto e disciplinato dalla Costituzione.

La dittatura sovrana, determina la vigenza di una nuova costituzione attraverso l’esercizio di un potere in totale rottura con

l’ordinamento costituzionale preesistente, è quindi un potere illegittimo. deriva da una crisi di regime eLo Stato autocratico ha un

carattere negativo perché comprende tutte le esperienze che non sono qualificate come democratiche. Nell’epoca contemporanea

vengono a farne parte ordinamenti statali tra loro assai lontani e basati su ideologie contrapposte come lo Stato socialista e quello

fascista.

Il termine autocrazia significa infatti governo di uno (dittatura, regime autoritario, regime totalitario).

Nella dittatura il potere è nelle mani di un organo di solito monocratico che si divide in due categorie a seconda che sia commissariale

o sovrana.

La dittatura commissariale risale a Roma tra il V e il III sec. a.C. , dove il Dictator è un magistrato straordinario nominato da uno dei

consoli in circostanze eccezionali, come la guerra, ed esercita sia il comando interno che esterno. È un potere legittimo e costituito

perché previsto e disciplinato dalla Costituzione. Le caratteristiche di questo modello sono l’eccezionalità dei poteri e la temporaneità

della carica.

La dittatura sovrana, determina la vigenza di una nuova costituzione attraverso l’esercizio di un potere costituente in totale rottura con

l’ordinamento costituzionale preesistente, è quindi un potere illegittimo. Quindi essa deriva non da uno stato di emergenza ma da una

crisi di regime e pur presentando le stesse caratteristiche della temporaneità e della eccezionalità dei poteri, non sfocia nel ripristino

della Costituzione ma in una nuova forma di Stato.

Quando si parla di regime autoritario si intendono forme di dominio politico che si fondano su una forte concentrazione di potere, un

basso livello di consenso e di mobilitazione popolare, l’uso della forza e la repressione dell’opposizione. (es. fascismo e nazional-

socialismo)

Le caratteristiche di un regime totalitario sono: la proclamazione di un’ideologia ufficiale dello Stato inculcata con l’utilizzo

manipolato della cultura nelle coscienze dei singoli, la configurazione di un partito unico, in cui gli organi anche se distinti da quelli

dello Stato si sovrappongono a questi, l’esistenza di un capo carismatico che è alla testa del partito e personifica il potere, la

mobilitazione permanente delle masse attraverso un’organizzazione capillare della società volta alla ricerca del consenso popolare ed

infine una struttura poliziesca che prevale su quella militare.

In base a questi criteri si può distinguere, tra Stato democratico, Stato autoritario, Stato socialista e Stato in via di sviluppo:

Pag. 1


PAGINE

2

PESO

23.00 KB

AUTORE

flaviael

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in economia e commercio (BARI, TARANTO)
SSD:
Università: Bari - Uniba
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher flaviael di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto pubblico e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Bari - Uniba o del prof Buquicchio Michele.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto pubblico

Diritto pubblico
Appunto
Diritto pubblico - Appunti
Appunto
Riassunto esame Diritto Privato, prof. Panza, libro consigliato Manuale di Diritto Privato, Torrente, Schlesinger
Appunto
Riassunto esame Diritto Commerciale, prof. Dell'Atti, libro consigliato Diritto delle società, A.A.V.V.
Appunto