Che materia stai cercando?

Istituzioni di diritto privato - definizioni Appunti scolastici Premium

Appunti di Istituzioni di diritto privato contenenti le definizioni di Istituzioni di diritto privato per l'esame della professoressa Petrone sui seguenti argomenti: il diritto privato internazionale, l'incapacità naturale, le associazioni non riconosciute, la prescrizione estintiva, il negozio giuridico, i vizi della volontà, la rappresentanza,... Vedi di più

Esame di Istituzioni di Diritto Privato docente Prof. M. Petrone

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Quelli essenziali sono:

-la volontà

-la dichiarazione

-la causa

quelli accidentali sono:

avvenimento futuro ma incerto che può essere sospensiva se dipende da essa

-la condizione:un

l’efficacia,risolutiva se da essa dipende l’eliminazione degli effetti del negozio.In un negozio

condizionato ci sono due momenti:la pendenza della condizione e l’avveramento o mancanza

condizione è illecita quando è contraria a norme imperative,al buon costume o

della condizione.La

all’ordine pubblico.

un avvenimento futuro e certo dal quale (termine iniziale) al quale (termine finale)

-il termine:è

devono prodursi gli effetti del negozio e può essere precisa) o

determinato(data

di qualcuno)

indeterminato(morte

una clausola accessoria che limita una libertà e può essere un obbligo di dare,di fare o di

-il modo:è

non fare.

Il negozio giuridico ha forza di legge tra le parti e possono produrre (hanno per oggetto

effetti reali

la trasmissione o la costituzione di un diritto reale) oppure (danno luogo cioè ad

effetti obbligatori

un rapporto obbligatorio).

la figura più importante di divergenza tra volontà e dichiarazione e la sua

SIMULAZIONE:è

peculiarità è che le divergenza è voluta e concordata dalle parti al fine di creare una situazione

apparente di fronte ai terzi.

6-I VIZI DELLA VOLONTà:

Essi producono l’annullabilità del negozio e sono l’errore,il e la

dolo violenza.

L’errore consiste in una falsa conoscenza della realtà e può essere errore-ostativo(contrasto tra

dichiarazione e volontà) o errore-vizio(incidente sul processo di formazione della volontà),in

entrambi i casi produce l’annullabilità del negozio ma a condizione che sia abbia

essenziale(che

svolto un ruolo determinante nella conclusione del contratto) e (la controparte usando

riconoscibile

la normale diligenza avrebbe potuto accorgersene).

Il può essere quando sono presenti il raggiro,l’errore del raggirato e l’inganno

dolo determinante

della controparte e senza il quale il negozio non si sarebbe concluso;reticenza tacere circostanze

che avrebbero convinto la controparte a rinunciare all’atto;abbiamo invece quando

dolo incidente

la vittima se non fosse stata raggirata avrebbe stipulato il contratto ad altre condizioni,e può quindi

chiedere il risarcimento dei danni.

La consiste in una minaccia rivolta ad una persona allo specifico scopo di estorcerle il

violenza

consenso alla stipulazione del contratto.

è la funzione economico-sociale che il negozio tende a realizzare(scambio bene-

LA CAUSA:

prezzo);la sua mancanza o la sua illiceità(quando è contraria a norme imperative,all’ordine pubblico

e al buon costume) determinano la nullità.Ogni negozio deve avere la sua causa perché deve

corrispondere ad uno scopo socialmente apprezzabile.

l’istituto con cui un soggetto(rappresentato) attribuisce ad un altro

7-LA RAPPRESENTANZA:è

soggetto (rappresentante) il potere di sostituirlo nell’attività giuridica;la rappresentanza può essere

il rappresentante agisce in nome e per conto dell’interessato,oppure

diretta,quando indiretta

quando il rappresentante agisce solo per conto dell’interessato.Il negozio giuridico unilaterale con

cui una persona conferisce ad un’altra il potere di rappresentarla si chiama (che può essere

procura

o e o con il quale il rappresentato fa cessare gli effetti

speciale generale tacita espressa).L’atto

della procura si chiama il rappresentante è portatore di interessi propri o di terzi in

revoca.Se

contrasto con quelli del rappresentato si ha e il negozio è annullabile su

conflitto di interessi

domanda del rappresentato se il conflitto era conosciuto o riconoscibile dal terzo; nel conflitto di

interessi rientra il soggetto che svolge contemporaneamente due

contratto con se stesso(unico

parti,es.compratore e venditore oppure rappresentante del venditore che acquista per se la merce che

il venditore vuole alienare) che è annullabile su domanda del rappresentato ed è valido nei casi

previsti dalla legge.La o che eccede i limiti delle facoltà conferite al

rappresentanza senza poteri

rappresentante non produce alcun effetto sulla sfera giuridica del rappresentato,il negozio è perciò

rappresentato può approvare ciò che è stato fatto da altri,senza che egli avesse dato

inefficace.Il

loro il potere di rappresentarlo,con una dichiarazione chiamata ha effetto retroattivo e

ratifica,che

può essere espressa o tacita. negozio è invalido

8-INVALIDITà ED INEFFICACIA DEL NEGOZIO GIURIDICO:il

quando è viziato o difettoso e la sua invalidità può assumere due forme: la e l’annullabilità.

nullità

e per essere tale deve essere contrario alla legge o a

Il negozio non produce alcun effetto

nullo

norme imperative oppure deve mancare uno dei suoi elementi essenziali;la nullità può essere

parziale se si riferisce ad una o più clausole del negozio,oppure totale se riguarda l’intero

negozio.Se le parti stipulano un nuovo negozio eliminando il vizio che determinava la nullità del

precedente allora si ha una negozio invece produce tutti i suoi effetti a

rinnovazione.Il annullabile

meno che venga accolta l’azione di annullamento,che ha effetto retroattivo e che quindi elimina tutti

gli effetti che il negozio aveva prodotto.In particolare il negozio è annullabile per incapacità legale

o naturale,per vizi del consenso o nei casi previsti dalla legge.

Il negozio giuridico si dice quando è inidoneo a produrre effetti verso tutti o alcuni sogg.

inefficace

Tutela giurisdizionale dei diritti:

instaura se tra me e un’altra persona sorge una controversia circa la

-processo di cognizione:si

controversia di un diritto soggettivo a mio favore e ha il compito di individuare il comando

contenuto nella norma di diritto sostanziale applicabile al caso concreto.

-processo instaura se Tizio condannato a pagarmi i danni non ottempera a

di esecuzione:se

quest’obbligo e la sua finalità consiste nel realizzare il comando contenuto nella sentenza.

-processo servirmene durante un processo di cognizione per evitare che Tizio si

cautelare:posso

spogli dei suoi beni e m’impedisca di soddisfarmi su di essi.

entrambe prove costituenda,ossia prove che sorgono

9-CONFESSIONE E PRESUNZIONE:sono

durante il giudizio.La è la dichiarazione che una parte fa di fatti a sé sfavorevoli e

confessione

favorevoli all’altra parte ed è una dichiarazione di scienza;è se resa in giudizio facendo

giudiziale

piena prova,stragiudiziale se resa fuori dal giudizio e si dice quando la parte aggiunge

qualificata

anche fatti o avvenimenti che in un certo modo giustificano il fatto confessato.Per si

presunzione

intende un argomento o congettura già provati attraverso cui si giunge a considerare provata

un’altra circostanza;può essere se è proprio la legge a darle questo potere,assoluta quando

legale

non ammette prova contraria viceversa si dice relativa.

prima del giudizio in cui sono addotte e sono prove

Prove precostituite o documentali:esistono

raggiunte tramite documenti:atto redatto da un notaio o da un altro pubblico

pubblico,documento

ufficiale nell’esercizio delle sue funzioni.Fa piena prova fino a querela di falso della provenienza

del contenuto ma non della verità delle affermazioni in esso contenute;scrittura qualsiasi

privata

documento sottoscritto da un privato fa prova solo contro chi ha sottoscritto il documento e solo se

questi riconosca come vera la sottoscrizione.

diritti reali attribuiscono al titolare il potere di utilizzare il bene e sono

10-DIRITTI REALI:i

caratterizzati da tipicità e assolutezza,ossia non si possono costituire diritti reali diversi da quelli

previsti dal codice civile;bisogna distinguere la (ius in re propria) dagli iura in re aliena

proprietà

ossia i e servitù) e quelli (pegno ed

diritti reali di godimento(enfiteusi,usufrutto di garanzia

ipoteca). può essere privato di tutto o in parte dei beni di sua proprietà,l’esproprio è

PROPRIETà:nessuno

legittimo per causa di pubblico interesse e contro il pagamento di un’indennità.La proprietà è

pubblica o privata(che è riconosciuta e garantita dalla legge);il proprietario ha il diritto di godere e

di disporre delle cose in modo pieno ed esclusivo:

-diritto di decidere se,come e quando utilizzare la cosa;

di godere,ossia

-diritto godere del “valore di scambio” della cosa,cioè di poter cedere ad altri i

di disporre,ossia

diritti sulla cosa ottenendo corrispettivi.

La proprietà si estende in linea verticale teoricamente all’infinito ma il proprietario non può opporsi

ad attività di terzi ad una determinata altezza che non si abbia interesse ad escludere;in senso

orizzontale invece si estende entro i proprio confini.

La proprietà si acquista a titolo originario con l’occupazione(se le cose non sono di nessuno),con

l’invenzione(cose trovate e consegnate al sindaco dopo un anno diventano proprie), con

l’accessione(cose attirate nell’orbita di una proprietà) o per usucapione.Inoltre può essere acquistata

a titolo derivativo. alla persona a cui favore è costituita lo stesso potere di godimento che

11-ENFITEUSI:attribuisce

spetta al proprietario,salvo l’obbligo di migliorare il fondo e di pagare al proprietario concedente un

canone periodico e che non può superare i limiti massimi stabiliti per legge.

diventa proprietario del fondo mediante il pagamento di una

Potere di affrancazione:l’enfiteuta

somma corrispondente a 15 volte il canone annuo.Un potere inverso spetta al concedente:il diritto

alla devoluzione.Per esercitarlo ci vuole un’inadempienza qualificata dell’enfiteuta(deterioramento

del fondo,mora nel pagamento di 2 annualità).L’estinzione dell’enfiteusi si verifica:

per il decorso del termine,oppure per il perimento del fondo,o per effetto dell’affrancazione oppure

prescrizione estintiva. nel peso imposto sopra un fondo(fondo servente) per l’utilità

12-SERVITù PREDIALE:consiste

di un altro fondo (fondo dominante);principi fondamentali:la servitù può imporre al proprietario del

fondo servente un dovere negativo di non facere,o di pati,mai un dovere positivo(facere);la servitù

presuppone che i fondi appartengono a proprietari diversi;i fondi devono trovarsi in una situazione

topografica tale che l’uno possa arrecare utilità all’altro.La costituzione può avvenire in due

modi,coattivamente se imposta dalla legge oppure per volontà dell’uomo.Si estinguono per rinuncia

da parte del titolare,per confusione o per prescrizione estintiva ventennale.Esistono servitù

che attribuiscono al proprietario del fondo dominante il potere di fare qualcosa al

affermative

proprietario servente un pati,oppure che attribuiscono al proprietario del fondo

servitù negative

dominante il potere di vietare qualcosa al proprietario del fondo servente che è tenuto quindi ad un

non facere. (figa):diritto di godere della cosa altrui con l’obbligo di rispettarne la destinazione

USUFRUTTO

economica che si può acquisire per legge,volontà dell’uomo o per usucapione.I diritti

dell’usufruttuario sono :

-possesso della cosa

-frutti naturali e civili della cosa

-alienabilità (pappone)

del diritto di usufrutto

L’obbligo fondamentale dell’usufruttuario è quello di restituire la cosa.

Si estingue per:

-scadenza o

del termine morte dell’usufruttuario

-prescrizione estintiva ventennale

-consolidazione(usufrutto e nuda proprietà nella stessa persona)

-il totale perimento della cosa

-l’abuso che faccia l’usufruttuario del suo diritto

deve distinguere fra

13-POSSESSO:si

-detenzione:avere la disponibilità della cosa pur riconoscendo che è di altri,a quali bisogna rendere

conto dell’uso della cosa;

-possesso ad avere il potere di fatto sulla cosa si vuole escludere ogni volontà di

pieno:oltre

restituirla o di riconoscerne diritti di altri.Il invece è colui che non ha

possessore mediato

detenzione del bene ma al quale il detentore deve rendere conto dell’utilizzo del bene stesso.

Il possesso si acquista in modo originario o derivativo e si perde se manca la signoria sulla cosa o la

volontà di tenerla.Non sempre chi ha il possesso della cosa è anche il proprietario della stessa;il

possessore in buona fede non è tenuto a restituire i frutti che abbia percepito,invece il possessore di

mala fede deve restituire la cosa con tutti i frutti.Per quanto riguarda le spese si distinguono in

che servono per la produzione dei frutti,ordinarie(si rimborsano se si restituiscono i

.necessarie

frutti) oppure rimborsano sempre).

straordinarie(si

per i miglioramenti il rimborso è dovuto purchè questi sussistano al tempo della restituzione.

.utili che non sono rimborsabili.

.voluttuarie

Il possessore spogliato o molestato è tutelato con particolari azioni,chiamate azioni possessorie:

l’azione consente a chi possiede il bene di tutelarsi qualora venga

di reintegrazione o di spoglio

privato violentemente della disponibilità del bene.Lo spoglio è quando si attua contro la

violento

volontà del possessore.L’azione è concessa al possessore di un bene per far

di manutenzione

cessare le molestie arrecate al suo possesso.

definisce come il mezzo grazie al quale possedendo per un determinato

14-USUCAPIONE:si

periodo di tempo un bene si produce l’acquisto della proprietà e dei diritti reali di godimento.I

requisiti sono il non deve essere vizioso, e il anni per quella ordinaria e 10

possesso,che tempo,20

per quella abbreviata;per quest’ultima occorrono la buona fede,un titolo e la trascrizione del titolo.

in un rapporto tra due parti in virtù del quale una

15-IL RAPPORTO OBBLIGATORIO:consiste

di esse (debitore è obbligata a tenere un certo comportamento oppure deve

o soggetto passivo)

eseguire una prestazione a favore dell’altra parte(creditore il debitore è

o soggetto attivo).Se

inadempiente allora il creditore può invocare misure coercitive sul suo patrimonio.

L’obbligazione si dice se due persone mi devono una somma di denaro e da ciascuna

parziaria

posso pretendere solo la sua parte;nel caso in cui potessi pretendere l’intero da ciascun debitore

allora si avrebbe un’obbligazione ha una presunzione generale di solidarietà quando il

solidale;si

condebitore solidale che abbia già pagato l’intero può agire contro gli altri condebitori (con

un’azione di regresso) affinché ciascuno gli rimborsi la sua parte.

La prestazione del debitore può essere un un e perché sia valida deve

dare,un facere,o non facere

essere possibile,lecita e determinata.

L’oggetto dell’obbligazione è la prestazione dovuta.

Si ha un’obbligazione quando si ha come oggetto una somma di danaro e se tale

pecuniaria il debitore deve sempre la stessa

obbligazione è a termine vale il principio nominalistico,cioè

quantità di moneta indipendentemente dai cambiamenti del potere d’acquisto;il creditore per

tutelarsi stipula interessi e clausole.

Gli sono un particolare tipo di obbligazione,possono essere:

interessi,che

ossia pari al tasso legale del 10%

-convenzionali

che vengono prodotti automaticamente nella misura prevista dalla legge

-corrispettivi

ossia interessi convenzionali che superano una certa misura.

-usurari che scaturiscono quando il debitore è in mora,ossia in ritardo nel pagamento.

-moratori

La differenza tra un debito di valuta e uno di valore è che il primo ha per oggetto una somma di

denaro,mentre l’altro ha per oggetto il valore di un bene e quindi la somma effettivamente dovuta

deve essere determinata precedentemente in base proprio al valore del bene.

il contratto con cui il creditore(cedente) trasferisce a un terzo

16-CESSIONE DEL CREDITO:è

(cessionario) il suo diritto verso il debitore(ceduto) e tale trasferimento può avvenire a titolo

oneroso o a titolo gratuito;non occorre il consenso del ceduto,ma è necessario che il cedente o il

cessionario gli comunichino la cessione;gli effetti rimangono inalterati

e il creditore è obbligato a garantire l’esistenza del credito ma non il fatto che il debitore sia

solvibile.Si hanno due casi:

-pro solvendo quando il cedente si libera solo quando il debitore salda il proprio debito al

cessionario)

-pro soluto quando il cessionario dopo la stipulazione del contratto libera il cedente dai suoi

obblighi. ha quando una persona (delegante) ordina o invita un’altra persona

17-DELEGAZIONE:si

(delegato) ad eseguire o a promettere di eseguire un determinato pagamento a favore di un terzo

soggetto (delegatario).Un terzo può decidere spontaneamente di assumersi il debito di un altro

promettendo al creditore di provvedere lui al pagamento;tale contratto con cui si accordano il terzo

e il creditore si chiama differenza tra delegazione e espromissione è la

espromissione.La

spontaneità. un contratto tra il debitore (accollato) e un terzo (accollante) con cui quest’

18-ACCOLLO:è

ultimo assume l’onere di procurare il pagamento al creditore (accollatario);può essere semplice(il

(l’accordo tra accollato e accollante si

creditore si impegna solo verso l’accollato) oppure esterno

presenta come un contratto a favore di un terzo).

Il rapporto obbligatorio solitamente si estingue con

19-ESTINZIONE DELL’OBBLIGAZIONE:

l’adempimento,che sussiste nell’esatta realizzazione della prestazione dovuta e per essere regolare

luogo e il tempo dell’adempimento.

sono importanti il destinatario del pagamento,il

Si ha quando tra due persone intercorrono rapporti reciproci,tali rapporti possono

compensazione

estinguersi senza provvedere all’adempimento;la compensazione non è ammessa tra

un’obbligazione civile e una naturale.

nella stessa persona si riuniscono le figure di debitore e di

Confusione:quando

creditore,l’obbligazione si estingue.

un contratto con il quale i soggetti di un rapporto obbligatorio sostituiscono un nuovo

Novazione:è

rapporto a quello originario.

è la rinunzia del creditore al credito; consiste in un negozio unilaterale recettizio.

Remissione estingue l’obbligazione liberando il debitore quando la prestazione è

L’impossibilità sopravvenuta

diventata impossibile senza colpa del debitore.

il debitore non esegue la prestazione dovuta è

20-INADEMPIMENTO E MORA:se

ed è obbligato a pagare anche i danni che la mancata esecuzione provoca al

inadempiente

creditore.Si ha quando la prestazione eseguita differisce da quella

adempimento inesatto

dovuta,inadempimento quando non solo la prestazione non si è verificata ma ormai non

assoluto

potrà più essere eseguita e quando la prestazione non è stata ancora

inadempimento relativo

eseguita ma può ancora verificarsi.

Il ritardo o inadempimento relativo si chiama che può essere ex re,ossia

mora debendi

automaticamente per il fatto del solo ritardo,oppure ex persona mediante un atto di costituzione in

mora con cui il creditore richiede per iscritto l’adempimento.

I suoi effetti sono:

- l’obbligo di risarcire il danno per il ritardo

-il passaggio del rischio,ossia se la prestazione diventa impossibile l’obbligazione si estingue.

che dipende dal comportamento del creditore;se il creditore è in mora il

Mora credendi:ritardo

debitore non deve pigli interessi ne i frutti della cosa e può pretendere il risarcimento dei danni.

il debitore non adempie la prestazione dovuta,il

Responsabilità patrimoniale del debitore:se

creditore può promuovere un processo esecutivo per espropriare i beni del debitore.

e ipoteca

21-I DIRITTI REALI DI GARANZIA :pegno

un diritto reale di garanzia su una cosa mobile del debitore o di un terzo,che il creditore

Pegno:è

può acquistare per concessione del proprietario,a garanzia del suo credito;il pegno comporta al

creditore anzitutto una prelazione sul ricavato della vendita del bene e poi il diritto di trattenere il

bene ma il dovere di custodirlo.

un diritto reale di garanzia su un beni immobili o diritti reali immobiliari che attribuisce

Ipoteca:è

al creditore il potere di espropriare il bene sul quale l’ipoteca è costituita e di essere soddisfatto con

preferenza sul prezzo ricavato dall’espropriazione.

Caratteristiche ulteriori dell’ipoteca:

-specialità:l’ipoteca non può cadere se non su beni determinati

-indivisibilità:l’ipoteca sussiste per intero sopra tutti i beni vincolati.

Esistono vari tipi di ipoteche:

alcuni casi è proprio la legge a stabilire che il creditore meriti particolare protezione

-legale:in sentenza che condanni il debitore a pagare una somma di denaro,costituisce

-giudiziale:qualsiasi

titolo per iscrivere ipoteca

dichiarazione unilaterale del concedente.

-volontaria:secondo

Caratteristica principale dell’ipoteca è la sua (non esistono ipoteche occulte) che

pubblicità

presenta i seguenti atti:

con cui prende vita l’ipoteca

-iscrizione:l’atto per rendere pubblico il trasferimento dell’ipoteca ad un’altra persona ed ha

-annotazione:serve

efficacia costitutiva ad evitare che si verifichi l’estinzione dell’ipoteca,che scade dopo 20anni

-rinnovazione:serve l’ipoteca e si verifica quando il credito è estinto o quando il creditore

-cancellazione:estingue

rinuncia all’ipoteca;può essere consentita dal creditore o ordinata dal giudice.

il debitore dovesse compiere atti che diminuiscono il suo

22-AZIONE REVOCATORIA:qualora

patrimonio fino a renderlo insufficiente a garantire il soddisfacimento dei diritti dei suoi creditori,a

costoro è concesso il rimedio dell’azione necessari i seguenti presupposti:

revocatoria;sono

-un atto di disposizione ossia un atto con cui il debitore modifichi il suo patrimonio

ossia un pregiudizio per il creditore consistente nel fatto che il patrimonio del

-l’eventus damni

debitore sia insufficiente

ossia il fatto che il debitore sappia di nuocere ai creditori.

-il consilium fraudis

I CONTRATTI: è l’accordo di due o più parti per costituire, regolare, estinguere tra loro un

23-IL CONTRATTO:

rapporto giuridico patrimoniale(è la figura più importante del negozio giuridico).

Gli sono:

elementi essenziali del contratto

- accordo delle parti

- causa lecito, possibile, determinato o determinabile

- oggetto:

se richiesta per la validità del contratto (ad substantiam)

- forma:

CLASSIFICAZIONE DEI CONTRATTI:

il legislatore dedica o meno una disciplina specifica

- tipici/atipici: o contratti plurilaterali

- con due parti con più parti:

o

- a prestazioni corrispettive con obbligazioni a carico di una parte sola

o

- a titolo oneroso a titolo gratuito

a vantaggio della controparte) o di ciascuno

- di scambio(prestazione associativi(prestazione

diretta ad uno scopo comune)

sacrifici certi)o sacrifici incerti)

- commutativi(reciproci aleatori(reciproci

o v. negozio

- a forma libera a forma vincolata:

tra le parti) o tra le parti + consegna del bene)

- consensuali(accordo reali(accordo

x effetto del solo consenso il risultato perseguito) o

- efficacia reale(realizzano efficacia

(obbligano le parti ad attuare il risultato perseguito)

obbligatoria determina il contenuto essenziale;le parti si obbligano a stipulare un

Contratto preliminare:si

successivo contratto definitivo con moltissimi clienti hanno moduli standard di contratto;le clausole

Contratto x adesione:imprese

vessatorie richiedono specifica approvazione e devono essere ben visibili

una parte (cedente) di un contratto originario stipula con un

24-CESSIONE DEL CONTRATTO:

terzo (cessionario) un nuovo contratto di cessione con il quale cedente e cessionario si accordano

per trasferire al cessionario il contratto originario comprensivo di tutti i rapporti,attivi e passivi,

derivanti dal contratto ceduto.Possono cedersi solo i contratti a prestazioni corrispettive se queste

non sono state ancora eseguite. al cessionario ma non l’adempimento da parte del

Il cedente deve garantire la validità del contratto

ceduto ed inoltre è indispensabile il consenso del ceduto.

Per giungere alla stipulazione di un contratto è

25-CONCLUSIONE DEL CONTRATTO:

necessario un periodo di trattative durante le quali le parti sono libere di accettare o meno il

contratto comportandosi secondo buona fede.


PAGINE

15

PESO

215.55 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Appunti di Istituzioni di diritto privato contenenti le definizioni di Istituzioni di diritto privato per l'esame della professoressa Petrone sui seguenti argomenti: il diritto privato internazionale, l'incapacità naturale, le associazioni non riconosciute, la prescrizione estintiva, il negozio giuridico, i vizi della volontà, la rappresentanza, la confessione e la presunzione.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza
SSD:
Università: Messina - Unime
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher valeria0186 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Istituzioni di Diritto Privato e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Messina - Unime o del prof Petrone Marina.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Istituzioni di diritto privato

Appunti vari sul diritto privato
Appunto
Istituzioni di diritto privato - concetti
Appunto
Istituzioni di diritto privato - Domande
Appunto
Istituzioni di diritto privato - le norme giuridiche
Appunto