Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Perché venivano richiesti i consilium sapientis?

Non sempre i giudici erano dotti

a) Giudice straniero no0n conosceva il diritto locale in realtà gli statuti non erano così ampi

b) Per valorizzare i dottori della città veniva meno il principio d’imparzialità

c) Per non rispondere di eventuali errori nel giudicato in sede di sindacato

d)

Tutte queste ipotesi potrebbero essere contraddette ma a loro volta s’integrano e potrebbero essere

vere in epoche diverse.

La presenza del consiglio di sapio ha portato due conseguenze molto importanti:

- aumento del prestigio dei giuristi

- penetrazione del diritto dotto nella pratica i consilia iniziano ad essere conservati

In quanto il problema giuridico poteva

riproporsi

Ne furono fatte importanti raccolte ma l’opinione più I più preziosi sono quelli pro parte in

accreditata divenne quella di Bartolo da quanto motivati con abbondanza di

Sassoferrato considerarata sempre giusta e argomentazioni

vincolante in ogni caso: opinio batoli. Le raccolte più importanti furono fatte da:

Dino del Mugello

Orlando da Ponte

Tutte prodotte dopo il 1250 cioè dopo che

entrambe i corpora iuri sono entrate nella pratica

delle glosse.

Non si sa bene quando inizio l’usanza dei consilia, abbiamo però un

- Decretale d’Innocenzo III nel quale dice che:

“ ”

IL GIUDICE NON DEVE PRONUNCIARE LA SUA SENTENZA SECONDO IL PARERE DI ALTRI

fu data un’interpretazione restrittiva di tale decretale, intendendo con altri le persone esterne al

campo giuridico, e si continuò nella pratica.

- Speculum iudiciale di Guglielmo Durante dice che:

il papa non accettò ma allo stesso momento continuava trattarsi di una “C

ONSUETUDO GENERALIS IN

ITALIA

- Giovanni d’Andrea nella glossa ordinaria al liber sextus e alle clementine sterilizza ulteriormente

il pensiero d’Innocenzo III

- Tractatus de consiilis habendis

Non ci si può però fidare pienamente di tali concilia in quanto:

1) Sono distaccati dalla fattispecie concreta

2) Non è facile distinguere i pro parte ( non sempre veritiere poiché rafforzavano le

argomentazioni a favore della parte richiedente; sono cmq i più innovativi poiché

interpretano le norme fino al massimo grado)dai pro veritate ( più rappresentative) in quanto

raccolte tutte insieme Varietà d’interpretazioni =

incertezza del diritto.

IV

Il concetto di diritto comune non deriva però dalla cultura romana dove al massimo esisteva un

.

DIRITTO NATURALE RICONOSCIUTO COMUNE DA TUTTE LE GENTI

Nel medioevo è: . E nel sistema di diritto comune le fonti sono

IL DIRITTO COMUNE A TUTTE LE GENTI

così ordinate:

STATUTO CONSUETUDINI DIRITTO COMUNE

e DIRITTO LOCALE

Il diritto canonico in questa epoca sovrasta il romano in quanto vi sono problemi di diversa

risoluzioni: Nel mondo romano erano semplici interessi che

diventavano illeciti solo nel momento in cui

superavano una certa quota

USURA Si tiene conto di un passo del vangelo che può

essere interpretato in più modi: Per evitare l’usura s’inserì il

“ ”

MUTUM DATEM NIHIL INDE SPERANTES guarentigiato con il quale si

S. Geronimo = ciò che era dato doveva essere poneva nell’atto il limite

restituito nulla di più. all’interesse

Altro istituto importante che legava il diritto civile con quello canonico all’epoca era il giuramento

con il quale le cause laiche finivano nell’ambito ecclesiastico. In alcuni casi nacquero veri e propri

accordi tra comune e chiesa . V

Giurisdizioni speciali:

Giurisdizione Mercantile

Si sviluppa separatamente dalla legislazione ordinaria;

non trova fondamenta nel diritto romano ma utilizza norme che derivano dal diritto internazionale

consuetudinario.

Consolati sono o tribunali speciali sia marittimi che si formano nei porti

In ogni porto ci possono essere più consolati, uno per ogni stato che gestisce li i

propri interessi; nei porti più piccoli può esistere un solo consolato dove però

possono operare giudici di più nazionalità

Sia commerciali in quanto il diritto marittimo non è che una branca del

commerciale.

Nella giurisdizione mercantile si vengono a creare anche degli istituti non esistenti nelle

giurisdizioni ordinarie:

Lettere di cambio nelle quali ci si riconosceva debitori nei confronti di un altro mercante e si

consentiva ad un nostro debitore di saldare il debito presso il nostro creditore, ciò facendo si evitava

di portare con se soldi liquidi

All’interno delle città si sviluppano i ceti dei mercatores che danno origine alle corporazione e alle

associazioni di mestiere Nascita delle giurisdizioni CORPORATIVE

Nascono le giurisdizioni e corporative che

INTER SUPRA

gestiscono i rapporti tra le varie corporazioni

Nascita della istituzione corporativa A questa ci si rivolgeva nel

MERCANZIA

delle corporazioni. grave caso di DENEGATA

- presso questa si confrontavano gli interessi tra .

GIUSTIZIA O PRESUNTA TALE

cittadini e forestieri cioè nel caso in cui il

- non era solo un tribunale, aveva il potere di fare mercante non avesse avuto

delibere sulle materie di propria competenza credito dalle altre città si

sarebbe dovuto rivolgere alla

propria mercanzia per farsi

riconoscere il credito e

promuover un azione di

rappresaglia

Giurisdizione feudale

Edictum de beneficiis – Corrado II il Salico 1037

Il feudo può essere sottratto al vassus per giusta causa e deve essere giudicato da pari.

Giurisdizione organizzata attorno al concedente e quindi unica e particolare.

Eccezione Veneziana

Venezia è costituita solo dalle isolette della laguna nelle quali la popolazione si riparò all’arrivo dei

longobardi, quindi costituisce una giurisdizione molto vicina a Bisanzio.

VI

Ha uno sviluppo particolare dal 1200:

- hanno il doge (evoluzione linguistica del romano dux)

- consilii quindi più di un console

- corte particolare, (ne placiti, ne romano canonico ) composte da 40 saggi cittadini che giudicano

con il supporto dello statuto VII


ACQUISTATO

5 volte

PAGINE

11

PESO

65.30 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza
SSD:
A.A.: 2008-2009

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher trick-master di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia del diritto processuale e degli ordinamenti giudiziari e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Roma Tre - Uniroma3 o del prof Ascheri Mario.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Storia del diritto processuale e degli ordinamenti giudiziari

Accusa e inquisizione - Dezza
Dispensa
Storia del diritto processuale - Slides intero corso parte prima
Dispensa
Appunti sulla tortura giudiziaria - Serges
Dispensa
Processo romano-canonico - Montanari, Soccorsi, Pulimanti
Dispensa