Che materia stai cercando?

Informatica di base - Appunti

Appunti con riassunto di Informatica di base per l'esame del professor Buscaglia. Gli argomenti che vengono trattati sono i seguenti:
1. Foglio di calcolo;
2. Database;
3. Reti internet;
4. La funzione somma;
5. Gli strumenti di automazione e di elaborazione del calcolo.

Esame di Informatica di base docente Prof. A. D'Aguanno

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Associazioni  fra  i  daE  

Una   associazione   rappresenta   un   legame   logico   tra   diversi   ogge:   della   realtà.   Il   fa>o   che   l’a>rice   Uma  

Thurman  recita  nel  film  Pulp  Fic8on  è  un  esempio  di  associazione  fra  a>ori  e  film,  ovvero  un’associazione  

che   me>e   in   relazione   un   ogge>o   dell’insieme   degli   a>ori   (ovvero   Uma   Thurman)   e   il   corrispondente  

ogge>o   dell’insieme   dei   film   (ovvero,   Pulp   Fic8on).   Una   associazione   può   avere   arietà   arbitraria,   ovvero  

può  porre  in  relazione  fra  loro  un  numero  arbitrario  di  ogge:.  Nel  nostro  esempio,  l’associazione  recita_in  

fra  a>ori  e  film  è  binaria,  perché  pone  in  relazione  gli  a>ori  con  i  film.  

Le   associazioni   possono   essere   cara>erizzate   anche   rispe>o   al   numero   di   ogge:   che   possono   essere   messi  

in   relazione   fra   loro,   per   ciascuno   degli   insiemi   di   ogge:   coinvol8   nell’associazione.   Nel   caso   delle  

associazioni  binarie,  si  parla  di  associazioni  mol8-­‐a-­‐mol8  e  uno-­‐a-­‐mol8.  Si  ha  un’associazione  molE-­‐a-­‐molE  

quando  un  ogge>o  di  un  insieme  è  messo  in  relazione  con  uno  o  più  ogge:  dell’altro  insieme  e  viceversa.  

Nel   nostro   esempio,   l’associazione   recita_in   fra   a>ori   e   film   è   di   8po   mol8-­‐a-­‐mol8,   perché   un   a>ore   può  

recitare   in   uno   o   più   film   e,   d’altro   canto,   un   film   è   interpretato   da   diversi   a>ori.   Si   parla   di   associazione  

uno-­‐a-­‐molE  quando  un  ogge>o  di  un  insieme  è  messo  in  relazione  con  uno  o  più  ogge:  dell’altro  insieme  e  

ogni   ogge>o   di   questo   secondo   insieme   corrisponde   un   solo   ogge>o   del   primo   insieme.   Ad   esempio,  

l’associazione  regia  che  me>e  in  relazione  i  regis8  con  i  film  è  di  8po  uno-­‐a-­‐mol8,  perché  ad  ogni  regista  

possono  essere  associa8  uno  o  più  film  (tu:  quelli  che  lui  ha  dire>o),  mentre  ogni  film  ha  un  solo  regista.  

Un   caso   par8colare   di   associazione   uno-­‐a-­‐mol8   è   l’associazione   uno-­‐a-­‐uno,   dove   ad   ogni   ogge>o   di   un  

insieme  corrisponde  un  solo  ogge>o  dell’altro  insieme  e  viceversa.  

!

Schema  e  istanza  di  una  base  di  daE  

La  descrizione  delle  cara>eris8che  dei  da8  di  una  base  di  da8  facendo  uso  di  un  modello  dei  da8  cos8tuisce  

lo  schema  della  base  di  da,.  Lo  schema  fornisce  una  descrizione  intensionale  del  contenuto  della  base  di  

da8,   sostanzialmente   invariante   nel   tempo.   Cambiamen8   allo   schema   si   ritengono   operazioni   poco  

frequen8,  necessari  per  adeguare  la  base  di  da8  a  nuovi  requisi8  sui  da8;  normalmente  i  DBMS  me>ono  a  

disposizione   opportuni   comandi   per   la   definizione   e   la   modifica   dello   schema.   Il   primo   passo   nello   sviluppo  

di  una  base  di  da8  è  rappresentato  dalla  definizione  dello  schema.  

I   da8   contenu8   in   un   certo   momento   nella   base   di   da8   hanno   stru>ura   conforme   allo   schema   della   base   di  

da8  stessa  e  cos8tuiscono   lo  stato  corrente  o   insieme  delle  istanze  della  base  di  da8  (parte  estensionale).  Lo  

stato  varia  molto  frequentemente  nel  tempo  per  rifle>ere  gli  aggiornamen8  apporta8  ai  da8  (inserimen8,  

cancellazioni,   modifiche).   L’inserimento   dei   da8   nella   base   di   da8   rappresenta   il   passo   successivo   nello  

sviluppo  di  una  base  di  da8,  ovvero  il  popolamento  iniziale  della  base  di  da8.  Il  DBMS  garan8sce  che  ogni  

stato  sia  valido,  ovvero  che  i  da8  inseri8  e  modifica8  verifichino  la  stru>ura  e  i  vincoli  sui  da8  defini8  nello  

schema.  

!

Il  modello  relazionale  

Come   esempio   di   modello   dei   da8   per   basi   di   da8,   consideriamo   il   modello   relazionale   introdo>o   nel   1970  

da   Ted   Codd,   che   rappresenta   il   modello   dei   da8   sul   quale   si   basa   la   maggior   parte   dei   DBMS   oggi  

disponibili.  

In   un   modello   relazionale   i   da8   sono   memorizza8   in   tabelle,   de>e   relazioni,   composte   da   un   certo   numero  

di   colonne,   de>e   aQribuE,   e   da   un   certo   numero   di   righe,   de>e   tuple.   Ad   esempio,   la   tabella   seguente,  

denominata  regista,  rappresenta  un  insieme  di  regis8  di  film.    

Ogni  riga  della  tabella  rappresenta  un  singolo  regista,  cara>erizzato  da  un  iden8ficatore  univoco,  un  nome,  

un   cognome,   dal   sesso   e   dalla   nazione.   Osserviamo   che   in   una   tabella   di   una   base   di   da8   relazionale,   tu:   i  

valori  presen8  in  una  colonna  appartengono  allo  stesso  Epo  di  dato  o  dominio.  Ad  esempio,  il  nome  di  un  

regista  è  un  valore  di  8po  stringa  di  cara>eri,  come  anche  il  cognome  e  la  nazione.  In  generale,  le  righe  di  

una   tabella   di   una   base   di   da8   relazionale   rappresentano   specifici   ogge:   o   legami   fra   ogge:   del   mondo  

reale;  gli  a>ribu8  defini8  per  la  tabella  forniscono  l’interpretazione  dei  da8  che  compaiono  nelle  varie  righe.  

!

Basi  di  daE  relazionali  

Una  base  di  da8  relazionale  è  quindi  una  collezione  di  tabelle  che  rappresentano  gli  ogge:  e  le  associazioni  

fra   ogge:   che   cara>erizzano   la   realtà   di   interesse.   Osserviamo   che   i   legami   fra   i   da8   di   tabelle   diverse  

vengono  espressi  per  mezzo  di  valori  comuni  presen8  nelle  tuple  di  tali  tabelle.  

!

Schema  di  una  base  di  daE  relazionale  

Vediamo  ora  come  è  definito  lo  schema  di  una  base  di  da8  relazionale.  

Prima   di   tu>o   introduciamo   la   nozione   di   schema   di   relazione,   che   è   cos8tuito   dal   nome   r   della   relazione   e  

dall’insieme  degli  a>ribu8  che  cos8tuiscono  la  relazione.  

!

Istanza  di  una  base  di  daE  relazionale  

I  da8  che  compongono  le  relazioni  di  una  base  di  da8  ne  cos8tuiscono  l’istanza.  In  par8colare,  si  definisce  

istanza  di  una  relazione  r  l’insieme  delle  tuple  definite  sugli  a>ribu8  di  r.  

Si  definisce  istanza  di  base  di  daE   l’insieme  delle  istanze  di  relazione  di  ciascuna  relazione  che  cos8tuisce  la  

base  di  da8.  

!

Il  conceQo  di  chiave  primaria  nelle  basi  di  daE  relazionali  

Un  conce>o  di  fondamentale  importanza  nelle  basi  di  da8  relazionali  è  quello  di  chiave  primaria  (primary  

key)  u8lizzata  per  iden8ficare  in  modo  univoco  ogni  tupla  di  una  tabella.  Una  chiave  primaria  può  essere  

cos8tuita  da  un  singolo  a>ributo  oppure  può  essere  composta  da  più  a>ribu8.  

Livelli  di  astrazione  nei  DBMS  

Una   base   di   da8   ges8ta   da   un   DBMS   può   essere   vista   a   tre   livelli   di   astrazione,   a   ciascuno   dei   quali  

corrisponde  una  descrizione  dei  da8  so>oforma  di  uno  specifico  schema.  

Lo  schema  logico  fornisce  la  descrizione  dell’intera  base  di  da8  per  mezzo  del  modello  dei  da8  del  DBMS  

u8lizzato.   Nel   nostro   caso,   abbiamo   considerato   DBMS   relazionali,   in   cui   cioè   il   modello   dei   da8   u8lizzato   è  

quello  relazionale.  

Lo   schema  fisico  descrive  l’organizzazione  fisica  dei  da8  in  termini  di  stru>ure  fisiche  di  memorizzazione  e  di  

accesso,  come  ad  esempio,  file  sequenziali  su  disco.  

Uno  schema  esterno  o  vista  descrive  una  porzione  dell’intera  base  di  da8,  limitata  ai  da8  che  cos8tuiscono  

la   specifica   visione   di   singoli   uten8   o   gruppi   di   uten8,   facendo   uso   del   modello   dei   da8   u8lizzato   dal   DBMS,  

che  per  noi  è  il  modello  relazionale.  

!

Linguaggi  per  le  basi  di  daE  

I  DBMS  me>ono  a  disposizione  i  seguen8  principali  linguaggi  per  basi  di  da8:  

Linguaggio   di   definizione   dei   da8   o   DDL   (Data   Defini8on   Language),   ovvero   un   linguaggio   per   la  

■ definizione  dello  schema  logico  e  degli  eventuali  schemi  esterni.  

Linguaggio   di   manipolazione   dei   da8   o   DML   (Data   Manipula8on   Language),   ovvero   un   linguaggio  

■ per  formulare  interrogazioni  e  modifiche  sui  da8  (ovvero,  inserimen8,  cancellazioni,  aggiornamen8)  

della   base   di   da8.   Spesso   si   indica   con   linguaggio   di   interrogazione   (query   language)   il   so>oinsieme  

delle  istruzioni  DML  per  la  formulazione  di  interrogazioni.  

Nei   DBMS   relazionali   ques8   due   linguaggi   sono   parte   di   un   unico   linguaggio   denominato   SQL,   che   è   uno  

standard  per  i  DBMS  relazionali.  Ad  oggi  la  versione  più  recente  dello  standard  è  SQL/2003.  Analizzando  i  

prodo:   DBMS   sul   mercato,   si   notano   differenze,   a   volte   anche   sostanziali,   tra   lo   standard   e   le  

implementazioni   del   linguaggio   SQL   offerte   dai   diversi   DBMS.   Molto   spesso,   l’aderenza   allo   standard   è  

garan8ta  solo  per  i  costru:  consolida8  del  linguaggio,  mentre  ogni  sistema  realizza  le  funzioni  evolute  di  

SQL  in  modo  fortemente  dipendente  dall’implementazione.  

!

Differenze  fra  le  basi  di  daE  e  i  fogli  di  calcolo  

Spesso,   gli   uten8   che   si   avvicinano   per   la   prima   volta   al   mondo   delle   basi   di   da8   si   pongono   alcuni  

interroga8vi:   “quale   differenza   c'è   fra   una   base   di   da8   e   un   foglio   di   calcolo?”,   “quando   è   opportuno  

u8lizzare   una   base   di   da8   per   memorizzare   le   informazioni   di   interesse?”   e   ancora   “quando   è   meglio  

impiegare  un  foglio  di  calcolo?”.  

In  verità  il  confronto  fra  basi  di  da8  e  fogli  di  calcolo  è  improprio:  si  tra>a  di  due  soTware  con  finalità  molto  

diverse,  accomuna8  soltanto  dal  fa>o  che  entrambi  memorizzano  da8  in  stru>ure  di  forma  tabellare.  

I   fogli   di   calcolo   consentono   la   memorizzazione   dei   da8   in   una   griglia   di   celle   in   cui   non   esiste   alcuna  

dis8nzione   fra   schema   e   istanza:   l'organizzazione   dei   da8   dipende   dall'utente   che   predispone   il   foglio   di  

calcolo   in   base   alle   sue   necessità.   La   scelta   di   avere   serie   di   da8   omogenei   dispos8   per   riga   o   per   colonna   è  

una  convenzione  che  facilita  la  le>ura  del  foglio  e  l'inserimento  di  formule,  ma  non  è  obbligatoria  e  neppure  

suggerita   in   qualche   modo   dagli   strumen8.   Inoltre,   i   fogli   di   calcolo   sono   concepi8   come   strumen8   di  

elaborazione   e   analisi   dei   da8,   predispos8   per   l'inserimento   di   formule   e   funzioni   di   calcolo   eventualmente  

complesse.   La   possibilità   di   correlare   da8   appartenen8   a   fogli   di   calcolo   diversi   esiste   ma   è   scarsamente  

u8lizzata  e  di  non  facile  realizzazione.  

Al   contrario,   in   una   base   di   da8,   l'organizzazione   dei   da8   in   tabelle   con   uno   schema   ben   definito   è   un  

elemento  fondamentale  e  dis8n8vo,  così  come  la  possibilità  di  correlare  fra  loro  i  da8  appartenen8  a  tabelle  

diverse.   Questo   favorisce   la   memorizzazione   dei   da8   in   modo   efficiente   ed   efficace,   minimizzando   le  

ridondanze  e  facilitando  la  ges8one  degli  aggiornamen8  nel  corso  del  tempo.  

!

Basi  di  daE  su  Web  

A  metà  degli  anni  Novanta  il  Web  era  ancora  formato  in  gran  parte  da   pagine  sta,che,  ovvero  da  documen8  

HTML   il   cui   contenuto   rimaneva   invariato   fino   a   quando   qualcuno   non   lo   modificava   manualmente.   Con  

l'evoluzione  di  Internet,  però,  si  cominciò  a  sen8re  l'esigenza  di  rendere  dinamici  i  contenu8,  ovvero  di  far  sì  

che   la   stessa   pagina   fosse   in   grado   di   proporre   contenu8   diversi,   personalizza8   in   base   alle   preferenze   degli  

uten8,   oppure   estra:   da   una   base   di   da8.   L’idea   era   di   usare   le   pagine   web   come   strumento   per   interagire  

con  una  base  di  da8  in  modo  semplificato,  usando  comandi  preconfeziona8  che  consen8ssero  la  le>ura  ed  

eventualmente  la  modifica  dei  da8  memorizza8  senza  che  l’utente  dovesse  essere  un  esperto  di  basi  di  da8  

o  di  linguaggi  per  le  basi  di  da8.  

PHP   nasce   nel   1994,   ad   opera   di   Rasmus   Lerdorf,   come   una   serie   di   macro   la   cui   funzione   era   quella   di  

facilitare   il   compito   dei   programmatori   nella   personalizzazione   delle   homepage.   In   seguito,   queste   macro  

furono   riscri>e   ed   ampliate   fino   a   comprendere   un   pacche>o   chiamato   Form   Interpreter   (PHP/FI).   Essendo  

un  proge>o  di  8po  open  source,  ben  presto  si  formò  una  comunità  di  sviluppatori  che  portò  alla  creazione  

di   PHP  3.  

Oggi   PHP   è   conosciuto   come   PHP:   Hypertext   Preprocessor,   ed   è   un   linguaggio   di   scrip8ng   completo,  

sofis8cato   e   flessibile,   supportato   pra8camente   da   qualsiasi   server   Web   e   sistema   opera8vo   (Windows   o  

Unix/Linux,   ma   anche   Mac,   AS/400,   Novell,   OS/2   e   altri).   Offre   la   possibilità   di   interagire   con   la   maggior  

parte  dei  database  (SQLite,  MySQL,  PostgreSQL,  SQL  Server,  Oracle,  SyBase,  Access  e  altri)  ed  è  u8lizzabile  

per  i  più  svaria8  8pi  di  proge:.  

!

UElizzo  di  PHP  

PHP   è   un   linguaggio   la   cui   funzione   fondamentale   è   quella   di   produrre   codice   HTML.   Dato   che   PHP   è   un  

linguaggio  di  programmazione,  abbiamo  la  possibilità  di  analizzare  diverse  situazioni  (l'input  degli  uten8,  i  

da8  contenu8  in  una  base  di  da8)  e  di  decidere,  di  conseguenza,  di  produrre  codice  HTML  condizionato  ai  

risulta8   dell'elaborazione.   Quando   il   server   riceve   una   richiesta   per   una   pagina   PHP,   la   fa   analizzare  

dall'interprete   del   linguaggio,   il   quale   res8tuisce   un   file   contenente   solo   il   codice   che   deve   essere   inviato   al  

browser  (in  linea  di  massima  HTML,  ma  può  esserci  anche  codice  JavaScript,  fogli  di  s8le  CSS  o  qualunque  

altro  contenuto  fruibile  da  un  browser,  come  immagini  e  documen8  Pdf).  

Il  codice  PHP  deve  essere  compreso  fra  apposi8  tag  di  apertura  e  di  chiusura,  che  sono  i  seguen8:  

<?php  //  tag  di  apertura  

Codice  PHP  

?>  //  tag  di  chiusura  

Tu>o  ciò  che  è  contenuto  fra  ques8  tag  deve  corrispondere  alle  regole  sinta:che  del  PHP,  ed  è  codice  che  

sarà  eseguito  dall'interprete  e  non  sarà  inviato  dire>amente  al  browser.  Per  generare  l'output  da  inviare  al  

browser  a>raverso  codice  PHP  viene  normalmente  u8lizzato  il  costru>o  

echo.  

!

Costrua  in  PHP  

Come  in  tu:  i  linguaggi  di  programmazione  le  variabili  ricoprono  un  ruolo  fondamentale.  In  PHP  il  nome  

delle  variabili  è  preceduto  dal  simbolo  $  e  non  è  necessario  dichiararle  prima  del  loro  u8lizzo.  

E’   possibile   usufruire   di   operatori   per   eseguire   le   più   comuni   operazioni   matema8che,   operatori   di  

confronto   e   logici.   Sono   inoltre   presen8   stru>ure   di   controllo   e   cicli   (if,   else,   elseif,   for,   while,   …),   array,   e  

cen8naia  di  funzioni  per  la  ges8one  delle  stru>ure.  

Volendo  costruire  pagine  dinamiche  è  possibile  mantenere  in  memoria  le  credenziali  di  un  utente  mediante  

sessioni  oppure  con  l’u8lizzo  di  cookie  e  interagire  con  una  base  di  da8  formulando  interrogazioni  oppure  

aggiungendo,  modificando  o  cancellando  da8.  

!

!

!

!

!

!

!

!

!

!

!

!

!

!

!

!

!

!

!

!

!

!

!

!

!

!

!

!

!

!

!

!

!

!

!

!

!

!

!

!

!

!

!

!

!

!

!

!

!

3. RETE  INTERNET  

La  rete  internet  

Internet  è  la  più  grande  rete  telema8ca  mondiale  che  conne>e  a>ualmente  alcune  cen8naia  di  milioni  di  

elaboratori.  Si  avvale  di  stru>ure  fisiche  e  collegamen8  di  vario  8po  (fibre  o:che,  collegamen8  satellitari,  

WiFi)   con   cui   me>e   in   conta>o   dispos8vi   di   varia   natura,   i   cosidde:   host.   Uno   dei   pun8   chiave   che   ha  

determinato   la   sua   affermazione   è   stata   la   capacità   di   creare   uno   standard   de   facto   tra   i   protocolli   di  

comunicazione   delle   diverse   re8,   consentendo   ai   più   svaria8   agen8   di   comunicare   tramite   un   protocollo  

comune,  TCP/IP,  rela8vamente  indipendente  da  specifiche  hardware,  da  sistemi  opera8vi  e  dai  forma8  dei  

linguaggi  degli  appara8  di  comunicazione  (modem,  router,  hub).  

Per   potersi   collegare   ad   Internet,   il   solo   requisito   richiesto   è   la   capacità   di   poter   “dialogare”   con   i   protocolli  

che   controllano   l’invio   e   la   ricezione   dei   pacche9   (unità   elementari   di   contenuto   in   cui   è   suddiviso   un  

messaggio).  

!

Breve  storia  di  Internet:  le  origini  

Per  capire  le  basi  di  Internet  è  istru:vo  ripercorrerne  brevemente  la  storia.  Nel  1958,  in  risposta  al  lancio  

dello  Sputnik  da  parte  dei  sovie8ci,  gli  Sta8  Uni8  avviarono  il  proge>o  ARPA  per  diventare  maggiormente  

compe88vi   in   campo   militare   e   s8molare   una   crescita   in   ambito   scien8fico   e   tecnologico.   Nel   1966,   il  

Dipar8mento  di  Difesa  americano  incaricò  il  gruppo  ARPANET  di  sviluppare  una  rete  di  calcolatori  sicura  che  

potesse   essere   u8lizzata   per   conne>ere   computer   e   condividere   informazioni   di   cara>ere   militare   e  

scien8fico.  L’impera8vo  fu  quello  di  creare  un  sistema  stabile  che  con8nuasse  a  funzionare  anche  nel  caso  

in  cui  una  parte  della  rete  risultasse  danneggiata  (o  verosimilmente  distru>a).  L’idea  centrale  del  proge>o  

era  di  evitare  che  i  calcolatori  fossero  connessi  per  mezzo  di  un’unica  unità  centrale  di  smistamento,  poiché  

questa  sarebbe  stata  inevitabilmente  un  punto  di  debolezza  dell’intero  sistema.  

Nel  1972,  avvenne  la  prima  dimostrazione  del  funzionamento  della  rete  ARPANET  durante  la  quale  furono  

connesse  quaranta  macchine  distribuite  lungo  l’intero  territorio  degli  Sta8  Uni8.  

Per  rendere  effe:va  la  comunicazione  in  rete  di  macchine  differen8,  era  necessario  assicurare  un  metodo  

standard   di   trasmissione   e   ricezione   delle   informazioni.   Ques8   standard   di   trasmissione   furono   chiama8  

protocolli.   Durante   gli   anni   ’80,   l’Interna8onal   Standard   Organiza8on   (ISO)   si   occupò   di   definire   uno  

standard  per  la  connessione  di  sistemi  aper8  in  grado  di  colloquiare  gli  uni  con  gli  altri  (modello  OSI).  Con    il  

termine   standard   si   iden8fica   un   insieme   di   criteri   e   procedure   che   formano   un   modello   predefinito   da  

seguire.  

Grazie   a   questo   lavoro   fu   possibile   offrire   una   base   comune   per   lo   sviluppo   di   standard   per  

l’interconnessione  di  sistemi  e  fornire  un  modello  di  riferimento  con  cui  confrontare  le  varie  archite>ure  di  

rete.   E’   bene   notare   come   tale   modello   non   includa   la   definizione   di   protocolli   specifici   (defini8  

successivamente,  in  documen8  separa8).  

!

L'affermazione  di  Internet  

Nel  1982,  lo  sviluppo  dei  protocolli  TCP  e  IP  ge>ò  le  basi  per  la  realizzazione  dell’a>uale  rete  Internet.  Nel  

1984,   nel   Regno   Unito   fu   sviluppata   JANET,   una   rete   in   grado   di   collegare   università   e   organizzazioni  

scien8fiche   e   militari   che   venne   a   sua   volta   collegata   ad   ARPANET.   Nel   corso   degli   anni   ’80   la   tendenza   a  

collegare  tra  loro  re8  differen8  si  consolidò  e  nel  1990  cessò  l’esistenza  di  ARPANET.  In  parallelo  si  affermò  

sempre   più   Internet,   una   collezione   di   re8   che   comunicavano   tra   loro   ado>ando   il   modello   TCP/IP.   In  

par8colare,   furono   due   i   fa>ori   decisivi   alla   crescita   esplosiva   di   Internet.   Il   primo   fu   il   rapido   incremento   di  

personal  computer  ado>a8  sia  da  uten8  priva8  che  da  aziende,  un  fenomeno  che  riguardò  il  mondo  intero.  

I   pc   diventarono   sempre   meno   costosi   e   sempre   più   poten8   mentre   i   modem,   i   disposi8vi   necessari   per  

collegare   i   computer   alla   rete   telefonica,   migliorarono   le   loro   prestazioni   perme>endo   di   condividere   sia  

testo  che  immagini  e  suoni.  Il  secondo  fa>ore  chiave  fu  l’introduzione  del  World  Wide  Web  che  permise  agli  

uten8   della   rete   Internet   di   ritrovare   le   informazioni   di   interesse,   fossero   queste   testo   piu>osto   che  

immagini,  in  modo  facile  ed  immediato.  

Ad   oggi   la   rete   Internet   è   certamente   la   principale   fonte   di   informazioni   e   di   intra>enimento,   sia   per   le  

imprese  che  per  gli  uten8  priva8.  

!

!

!

!

Principali  servizi:  la  posta  eleQronica  

La  connessione  a  Internet  rende  disponibile  un  gran  numero  di  servizi,  alcuni  dedica8  all’utenza  privata,  altri  

rivol8   alle   imprese.   In   questa   sezione   prenderemo   in   esame   alcuni   dei   servizi   più   rilevan8   e   diffusi,   in  

par8colare:  

• posta  ele>ronica  

• chat  e  IRC  

• Web  

Il  servizio  di  posta  ele>ronica  (

e-­‐mail)  è  un  metodo  per  inviare  e  ricevere  messaggi  ele>ronici.  Esistono  due  

modi   per   fruire   di   questo   servizio,   in   par8colare   è   possibile   u8lizzare   un’applicazione   dedicata   che  

solitamente  offre  un’interfaccia  semplice  ed  intui8va  (ad  es.  Outlook,  Eudora  o  Pegasus)  oppure  accedere  

dire>amente  al  sito  web  del  fornitore  del  servizio  e  scambiare  i  propri  messaggi  con  l’ausilio  del  solo  web  

browser  (ad  es.  Hotmail,  Gmail,  Yahoo  mail).  

Un   messaggio   e-­‐mail   è   8picamente   composto   da   una   intestazione   e   da   un   testo.   Nell’intestazione   è  

presente  l’indirizzo  nella  forma  <utente@dominio>,  in  cui  l’utente  indica  il  proprietario  di  una  certa  casella  

di  posta  e  il   dominio  indica  le  informazioni  necessarie  a  recapitare  il  messaggio.  Quando  un  messaggio  viene  

inviato   sulla   rete   Internet   subisce   un   processo   di   memorizzazione   e   propagazione.   Questo   significa   che   la  

trasmissione  di  una  e-­‐mail  non  è  un’operazione  istantanea.  Il  messaggio  viene  prima  memorizzato  sul  server  

e  solo  in  un  secondo  momento  inviato  al  des8natario.  

Solitamente   sono   presen8   dei   servizi   accessori   quali   la   no8fica   di   avvenuta   ricezione   del   messaggio   inviato,  

la  possibilità  di  creare  dei  gruppi  di  uten8  ai  quali  inviare  la  medesima  e-­‐mail  ovvero  l’opportunità  di  inserire  

degli   allega8   al   messaggio.   Ul8mamente   si   è   consolidata   l’abitudine   di   offrire   filtri   in   grado   di   bloccare   la  

posta  indesiderata  ( spam).  

!

Principali  servizi:  la  chat  e  IRC  

Con  il  termine   chat  si  iden8fica  un  servizio  che  offre  la  possibilità  di  dialogare  in  tempo  reale  con  conoscen8  

o  persone  del  tu>o  estranee.  E’  solitamente  assicurato  l’anonimato  e  l’iden8ficazione  di  un  utente  avviene  

assegnando   un   nickname.   Lo   spazio   virtuale   in   cui   la   chat   si   svolge   è   abitualmente   chiamato   chatroom.   Il  

servizio  di  chat  con  la  storia  e  la  tradizione  più  importan8  è  certamente  la  Internet  Relay  Chat  (IRC)  nata  nel  

1988.  Il  mezzo  di  comunicazione  fondamentale  in  una  sessione  IRC  è  il  canale,  cos8tuito  da  un  gruppo  di  

uten8   iden8ficato   da   un   nome,   dove   tu:   gli   appartenen8   possono   mandare   messaggi   leggibili   solo   dai  

membri   del   medesimo   gruppo.   Un   canale   IRC   si   crea   automa8camente   al   primo   ingresso   da   parte   di   un  

qualsiasi  utente  che  acquisisce  in  contemporanea  dei  privilegi  che  può  poi  passare  a  qualsiasi  altro  utente  

presente  nel  medesimo  canale.  Ques8  uten8  vengono  chiama8  operatori  di  canale.  E’  presente  anche  un  

altro   8po   di   utenza   con   privilegi   differen8   e   con   compi8   di   amministrazione   del   servizio;   ques8   sono  

chiama8   operatori   IRC.   IRC,   un   tempo   unico   servizio   di   chat   su   Internet,   è   oggi   affiancata   dalle   webchat  

ospitate   da   server   autonomi   e   da   numerose   altre   tecnologie;   sono   molto   u8lizzate,   in   par8colare,   le  

applicazioni   di   instant   messaging   come   ICQ   o   MSN   Messenger   che   generalmente   integrano   anche   posta  

ele>ronica  e  interazione  mul8mediale.  

!

Principali  servizi:  il  Web  

Il   World   Wide   Web   (comunemente   chiamato   Web   o   WWW)   offre   un   metodo   standard   u8le   a   condividere   e  

pubblicare   informazioni   su   Internet.   Ideato   dal   CERN   nel   1989   è   stato   uno   dei   principali   elemen8   che   ha  

portato  all’affermazione  di  Internet.  I  pun8  di  forza  che  lo  hanno  reso  così  importante  sono:  

• aver   introdo>o   un   metodo   standard   con   cui   rappresentare   le   informazioni   e   condividere   risorse  

dando  la  possibilità  di  unire  testo,  grafica,  audio  e  video;  

• l’u8lizzo   di   collegamen8   ipertestuali   (link)   che   consentono   di   indirizzare   il   navigatore   verso   altre  

pagine  web  del  medesimo  sito  o  di  si8  web  differen8;  

• l’introduzione  di  soTware  semplici  ed  intui8vi  che  con  un’interfaccia  grafica  perme>ono  all’utente  

di  passare  da  un  sito  ad  un  altro  e  visualizzarne  le  pagine.  

Posta  ele>ronica,  chat  e  WWW  hanno  contribuito  alla  crescita  esponenziale  di  si8  web  e  all’affermazione  

della   rete   Internet.   E’   bene   so>olineare   come   il   termine   Internet   iden8fichi   una   rete   a   livello   mondiale   e  

non  vada  frainteso  con  le  applicazione  che  si  avvalgono  di  tale  rete  per  comunicare  tra  loro  (browser  web,  

client  di  posta  ele>ronica).  Esiste  quindi  una  differenza  sostanziale  tra  Internet  e  Web.  

!

!

!

Client  e  server  

I   sistemi   client-­‐server   sono   un'evoluzione   dei   sistemi   basa8   sulla   mera   condivisione   delle   informazioni   fra  

due   calcolatori.   L’idea   centrale   è   che   vi   siano   nella   rete   alcuni   calcolatori   che   offrono   un   servizio   (ad  

esempio  un  sito  Web)  e  altri  che  si  collegano  ad  essi  per  usufruire  del  servizio  (ad  esempio  consultare  un  

sito  Web);  i  primi  prendono  il  nome  di  server,  i  secondi  di  client.  E’  importante  notare  che  client  e  server  

possono   essere   calcolatori   dota8   delle   stesse   capacità   di   calcolo   e   comunicazione:   la   loro   dis8nzione   è   solo  

funzionale,  cioè  è  legata  al  ruolo  che  svolgono  nella  comunicazione.  La  presenza  di  un  server  perme>e  ad  

un  certo  numero  di   client  di  condividerne  le  risorse,  lasciando  che  sia  il   server  a  ges8re  gli  accessi  evitando  i  

confli:  8pici  dei  primi  sistemi  informa8ci.  

Con   il   termine   client,   nel   campo   informa8co,   viene   indicata   una   componente   che   accede   ai   servizi   o   alle  

risorse  di  un'altra  componente,  de>a  server.  In  questo  contesto  si  può  quindi  parlare  di  client  riferendosi  

all'hardware  o  al  soTware.  Un  computer  collegato  ad  un   server  tramite  rete  locale  o  geografica  che  richiede  

uno   o   più   servizi   u8lizzando   dei   protocolli   di   rete,   è   un   esempio   di   client   hardware.   Un   programma   di   posta  

ele>ronica  è  invece  un  esempio  di   client  soTware.  Sono  sempre  di  più  le  applicazioni,  come  il  web,  l'e-­‐mail,  

i  database,  che  sono  divisi  in  una  parte  client  (residente  ed  in  esecuzione  sul  pc  client)  ed  una  parte  server  

(residente  ed  in  esecuzione  sul  

server).  

!

Il  server  

Il   server   è   solitamente   un   programma   soTware,   come   un   server   web,   eseguito   su   un   calcolatore   remoto  

(chiamato   esso   stesso,   per   antonomasia,   “server”).   Un   programma   server,   quando   eseguito,   si   limita   a  

a>endere  una  richiesta  di  servizio  da  parte  di  un  client.  Alcune  operazioni  possono  essere  compiute  solo  dal  

server   perché   necessitano   l'accesso   a   informazioni   o   funzionalità   non   disponibili   sul   client,   o   richiedono  

misure   di   sicurezza   inaffidabili   se   fa>e   lato   client.   I   da8   personali   degli   uten8,   ad   esempio,   non   possono  

essere   disloca8   sulle   macchine   client,   poiché   in   tal   caso   non   ne   sarebbe   garan8ta   la   privatezza.   E’   quindi  

necessario   che   il   server   implemen8   tu>e   le   tecniche   di   ges8one   degli   accessi,   allocazione   e   rilascio   delle  

risorse,  e  condivisione  e  sicurezza  dei  da8.  Ad  esempio,  è  possibile  paragonare  un   server  di  posta  ele>ronica  

ad   un   qualunque   ufficio   postale.   Gli   u8lizzatori   per   accedere   via   client   alla   loro   casse>a   di   posta   ele>ronica  

devono   essere   sta8   autorizza8.   In   modo   analogo,   un   utente   deve   possedere   la   chiave   della   casse>a,   sita  

presso  un  ufficio  postale,  dalla  quale  vuole  prelevare  la  corrispondenza.  

Quando  un  computer  client  si  conne>e  dire>amente  ad  un  server  che  fornisce  accesso  a  una  base  di  da8,  

questa  viene  chiamata   2-­‐7er  architecture  (archite>ura  a  2  livelli).  Recentemente,  è  più  usuale  per  computer  

client,   chiamato   thin   client   che   incorpora   solo   elemen8   di   interfaccia,   conne>ersi   ad   una   applicazione  

eseguita  sul  server  la  quale  rende  possibile  la  comunicazione  con  il  database  del  server.  Quest’ul8mo  ha  il  

compito  di  memorizzare  i  da8  u8lizza8  dall’applicazione.  Una  archite>ura  di  questo  8po  è  chiamata  3-­‐7er  

architecture  (archite>ura  a  3  livelli).  

!

Comunicazione  tra  client  e  server  

I   client   ed   il   server   sono   in   collegamento   tramite   un   protocollo   di   comunicazione   a>raverso   una   rete.   Il  

protocollo  può  essere  in  chiaro  o  in  cer8  casi  cri>ografato.  Nell'ambito  delle  telecomunicazioni,  due  o  più  

macchine   o   host   (computer,   telefono,   stampante,   ecc...)   possono   comunicare   tra   loro   rispe>ando   norme  

che  sono  de>e  protocolli  di  rete.  L'aderenza  ai  protocolli  garan8sce  che  due  macchine  indipenden8  possano  

comunicare  corre>amente.  

Quando   un   client   e   un   server   iniziano   a   comunicare   si   possono   scambiare   pacche:   di   controllo   prima   di  

spedire   i   da8   reali.   Queste   procedure,   de>e   di   handshaking,   preparano   le   due   componen8   alla  

comunicazione   e   sono   alla   base,   ad   esempio,   del   TCP.   Tu>avia   possono   anche   esserci   servizi   che   inviano  

dire>amente  i  da8  come  nel  caso  dell'UDP.  La  maggior  parte  delle  applicazioni,  ad  ogni  modo,  ha  bisogno  di  

inviare  i  da8  in  maniera  sicura  e  affidabile  per  cui  l'handshake  serve  proprio  a  soddisfare  questo  bisogno.  

Quanto  appena  de>o  spiega  come  la  connessione  con  TCP,  ad  esempio,  sia  più  sicura  ma  anche  più  lenta  

perché  scambia  non  solo  da8  reali,  ma  anche  da8  di  servizio.  

!

I  siE  web  staEci  

Il   World   Wide   Web   è   una   delle   maggiori   fon8   di   informazione   a   cui   oggi   possiamo   a:ngere:   avendo   a  

disposizione   un   collegamento   a   Internet   ed   un   browser   Web,   un   soTware   ormai   comune   su   qualsiasi  

computer,   abbiamo   la   possibilità   di   consultare   una   quan8tà   enorme   di   si8   riguardan8   pra8camente  

qualsiasi  argomento.  

Nonostante  le  con8nue  evoluzioni  e  i  diversi  s8li  ado>a8,  i  si8  web  possono  essere  dis8n8  in  due  8pologie  

principali:  

• si8  sta8ci,  

• si8  dinamici.  

I  si8  web  sta7ci  presentano  contenu8  di  sola  ed  esclusiva  le>ura.  Solitamente  vengono  aggiorna8  con  una  

bassa  frequenza  ed  è  necessario  un  programmatore  che  modifichi  il  codice  della  pagina  (tramite  apposite  

applicazioni)  e  che  lo  carichi  sul  server.  Un  sito  sta8co  ha  sempre  un  numero  finito  di  pagine,  esa>amente  

quan8ficabile.   A   scanso   di   equivoci   bisogna   precisare   che   sito   web   sta8co   non   significa   privo   di  

“animazioni”  ma  ci  si  riferisce  a  semplici  pagine  ipertestuali,  contenen8  testo  e  immagini,  collegate  le  une  

alle  altre  da  pulsan8  e  link  di  navigazione.  Il  maggiore  vantaggio  offerto  da  questo  8po  di  soluzione  è  che  

perme>e   di   essere   più   crea8vi   in   quanto   la   grafica   di   ogni   singola   pagina   può   essere   costruita   su   misura.  

Quando  possibile,  è  la  soluzione  in  grado  di  garan8re  il  più  alto  livello  di  qualità.  

!

I  siE  web  dinamici  

I  si8  web  dinamici  poggiano  su  un’applicazione  che  provvede  a  pubblicare  le  pagine.  Poiché  le  pagine  del  

sito   sono   generate   sul   momento   u8lizzando   un   linguaggio   di   programmazione,   i   si8   web   dinamici  

perme>ono   di   variare   il   contenuto   della   pagina   sulla   base   delle   scelte   dell’utente.   Essi   offrono   quindi   un  

elevato  livello  di  interazione  con  l’utente.  Normalmente,  ma  non  sempre,  le  informazioni  sono  estra>e  da  

un  database  che  le  con8ene.  Una  volta  creata  la  stru>ura  che  dinamicamente  produce  le  pagine,  i  contenu8  

possono   essere   inseri8   e   varia8   senza   conoscere   tecniche   di   programmazione   di   si8   web;   è   possibile   in  

questo  modo  aggiungere  o  rimuovere  pagine,  immagini  e  contenuto  autonomamente.  

Esistono  situazioni  in  cui  la  scelta  tra  si8  dinamici  e  sta8ci  non  si  pone  ed  è  obbligatoriamente  orientata  ad  

un   sistema   di   pubblicazione   dinamico,   in   quanto   è   l’unico   in   grado   di   garan8re   determinate   prestazioni  

essenziali  per  raggiungere  gli  obie:vi  desidera8.  I  casi  più  eviden8  sono  rappresenta8  da:  

• Informazioni   in   tempo   reale:   quando   le   informazioni   devono   andare   online   appena   disponibili,  

come   in   si8   di   news,   l’unica   soluzione   è   un   sito   dinamico   con   un   buon   sistema   di   ges8one   dei  

contenu8   (CMS)   per   pubblicare   le   informazioni   autonomamente.   In   questo   caso   la   rigidità  

nell’aspe>o   o   nella   grafica   che   incornicia   il   contenuto   della   pagina   non   è   certo   un   ostacolo,   anzi,  

nella  fre>a  avere  una  forma>azione  obbligata  è  un  elemento  di  qualità.  

• Aggiornamen8  frequen8:  se  ogni  giorno  le  informazioni  da  modificare,  da  togliere  o  da  aggiornare  

sono   molteplici   risulta   molto   più   comodo   poter   compiere   queste   operazioni   senza   me>ere   mano  

ogni  volta  al  codice  sorgente.  In  una  realtà  aziendale  può  significare  risparmiare  denaro,  potendo  

delegare   il   compito   a   dipenden8   dell’azienda   anziché   a   collaboratori   esterni   capaci   di   u8lizzare  

linguaggi  di  programmazione.  

• Informazioni   ricercabili:   un   sito   web   dinamico   offre   una   maggior   possibilità   di   ricerca  

dell’informazione,  in  quanto  questa  risiede  in  un  database  e  quindi  può  essere  anche  catalogata  (e  

quindi   ricercata)   per   8pologia,   prezzo,   o   altro.   Queste   informazioni   vengono   mostrate   all’utente  

dinamicamente  o  in  base  ai  parametri  con  i  quali  è  configurata  la  richiesta  (ad  esempio,  si  potrebbe  

decidere   di   pubblicare   tu:   gli   ar8coli   in   sconto,   tu:   gli   even8   accadu8   in   una   certa   ci>à   in   un  

preciso  giorno,  ecc…).  

!

HTTP  

L’HTTP,  acronimo  di  Hyper  Text  Transfer  Protocol  (protocollo  di  trasferimento  di  un  ipertesto),  è  il  principale  

standard  usato  per  la  trasmissione  di  informazioni  sul  Web.  In  altri  termini,  HTTP  è  il  linguaggio  con  cui  un  

client  può  richiedere  una  pagina  web  a  un  server  e  con  cui  un  server  risponde  a  tale  richiesta.  

Le  specifiche  del  protocollo  sono  a>ualmente  responsabilità  di  un’organizzazione  denominata  W3C  (World  

Wide   Web   Consor8um).   La   prima   versione   effe:vamente   disponibile   del   protocollo,   la   HTTP/1.0,   venne  

implementata   da   Tim   Berners-­‐Lee   nel   1991   e   proposta   come   documento   (h>p://www.ie….org/rfc/

rfc1945.txt  RFC  1945)  all'ente  responsabile  degli  standard  (IETF)  nel  1996.  Con  la  diffusione  di  NCSA  Mosaic,  

un  browser  grafico  di  facile  uso,  il  WWW  conobbe  un  successo  crescente  e  divennero  eviden8  alcuni  limi8  

della  versione  1.0  del  protocollo,  in  par8colare:  

• l'impossibilità  di  ospitare  più  si8  www  sullo  stesso  server;  

• il  mancato  riuso  delle  connessioni  disponibili;  

• l’insufficienza  dei  meccanismi  di  sicurezza.  

Il   protocollo   venne   quindi   esteso   nella   versione   HTTP/1.1,   presentato   come   RFC   2068   nel   1997   e  

successivamente  aggiornato  nel  1999  come  descri>o  dal  h>p://www.ie….org/rfc/rfc2616.txt  RFC  2616.  

L'HTTP  funziona  su  un  meccanismo  di  8po  client/server:  selezionando  un  link  mentre  si  guarda  un  sito  web,  

il  browser  richiede  le  informazioni  al  computer  server  u8lizzando  il  protocollo  HTTP.  

!

Meccanismo  client/server  e  hQp  

Il  meccanismo  client/server  è  intui8vamente  molto  semplice  da  capire  e  prevede  che  un  programma  client  

acceda  alle  risorse  o  ai  servizi  offer8  da  un  altro  programma,  de>o  server.  Questa  interazione  avviene  ad  

esempio   ogni   volta   che   usiamo   un   browser   (client)   per   accedere   a   un   sito   web   (ospitato   da   un   server).  

Anche  se  questo  processo  è  nascosto  all’utente,  ogni  volta  che  viene  richiesta  una  pagina  web  (indicandone  

l’indirizzo   o   selezionando   un   link)   il   browser   compone   una   richiesta   h>p   e   la   invia   al   server.   Il   server  

interpreta   la   richiesta   e   risponde   con   un   messaggio   HTTP   di   risposta.   Una   richiesta   HTTP   è   cos8tuita   da  

un’intestazione   (header)   e   un   corpo   (body).   L’intestazione   con8ene   l’indirizzo   della   pagina   richiesta,   ovvero  

le   informazioni   necessarie   a   individuare   la   pagina   sulla   rete   e   alcune   informazioni   aggiun8ve   rela8ve   al  

richiedente.  Il  corpo  con8ene  eventuali  parametri  (ad  esempio  parametri  di  ricerca)  associa8  alla  richiesta.  

Anche   un   messaggio   HTTP   di   risposta   con8ene   un’intestazione   e   un   corpo.   L’intestazione   con8ene  

informazioni   rela8ve   al   server   che   ha   risposto   e   al   8po   di   risposta   (ad   es.,   richiesta   andata   a   buon   fine,  

errore).   Il   corpo   invece   con8ene   la   pagina   effe:vamente   richiesta   che   il   client   (8picamente   un   browser)  

interpreterà  e  mostrerà  all’utente.  

Perché  tale  meccanismo  funzioni  è  necessario  avere  un  indirizzo  univoco  per  ogni  pagina  presente  sul  Web.  

Nel  WWW  tale  compito  è  affidato  agli  URI,  iden8fica8vi  univoci  indipenden8  dal  protocollo  di  rete  ado>ato,  

che  consentono  di  ritrovare  con  precisione  una  specifica  risorsa  imponendo  una  sintassi  chiara,  semplice  ed  

efficace.   Un   esempio   di   URI   è   cos8tuito   da   qualsiasi   indirizzo   di   un   sito   web,   così   come   compare   sulla   barra  

degli  indirizzi  del  browser  quando  si  accede  a  un  sito.  

!

I  metodi  uElizzaE  da  HTTP  

Per   effe>uare   una   richiesta,   HTTP   me>e   a   disposizione   due   principali   metodi:   GET   e

  POST.   Il   metodo   GET   è  

usato  per  o>enere  il  contenuto  della  risorsa  indicata  come  URI  (come  può  essere  il  contenuto  di  una  pagina  

HTML).  Il  metodo  POST  è  usato  di  norma  per  inviare  informazioni  al  server  (ad  esempio  i  da8  di  un  form).  In  

questo  caso  l'URI  indica  che  cosa  si  sta  inviando  e  il  body  ne  indica  il  contenuto.  

Le   pagine   web   e   gli   elemen8   grafici   trasferi8   in   questo   modo   sono   invia8   so>o   forma   di   pacche9,  

contenen8  il  messaggio  HTTP  di  risposta.  Per  questa  ragione  solitamente  le  pagine  web  non  sono  scaricate  

istantaneamente  ma  si  adeguano  all’ordine  di  arrivo  dei  pacche:.  

HTTP  differisce  da  altri  protocolli  come  FTP,  per  il  fa>o  che  le  connessioni  vengono  generalmente  chiuse  una  

volta  che  una  par8colare  richiesta  (o  una  serie  di  richieste  correlate)  è  stata  soddisfa>a.  Ciò  significa  che  la  

richiesta   di   una   pagina   è   completamente   indipendente   dalle   richieste   successive,   anche   di   pagine   dello  

stesso   sito.   Questo   comportamento   rende   il   protocollo   HTTP   ideale   per   il   World   Wide   Web,   in   cui   le   pagine  

molto   spesso   contengono   dei   collegamen8   (link)   a   pagine   ospitate   da   altri   server.   Talvolta   però   pone  

problemi   agli   sviluppatori   di   contenu8   web,   perché   ad   ogni   richiesta   di   un   utente   non   si   hanno   più  

informazioni   rela8ve   alla   precedente   richiesta   (stato   dell’utente).   Supponiamo   ad   esempio   che   si   richieda  

una  pagina  inviando  contestualmente  le  informazioni  rela8ve  alla  propria  iden8tà  (ad  es.,  login  e  password).  

Se,  una  volta  ricevuta  la  pagina  richiesta,  si  effe>ua  una  successiva  richiesta  di  un’altra  pagina  dello  stesso  

sito,   le   informazioni   inviate   in   precedenza   non   sono   più   disponibili.   Ciò   costringe   ad   u8lizzare   dei   metodi  

alterna8vi  per  conservare  lo  stato  dell'utente  (ad  esempio  servendosi  dei  cookie).  

!

Definizione  di  URL  

URI   (Universal   Resource   Iden8fier)   è   uno   standard   per   esprimere   nomi   e   indirizzi   di   ogge:   (risorse)   su  

Internet   (nel   caso   del   web,   tali   risorse   sono   pagine   di   si8).   Tu>e   le   istruzioni   di   accesso   ai   vari   specifici  

ogge:  disponibili  secondo  un  certo  protocollo  sono  codificate  come  una  stringa  di  cara>eri  che  definisce  

l’indirizzo  dell’ogge>o  cercato.  

A>raverso   lo   standard   URI,   il   WWW   è   stato   in   grado   di   iden8ficare   risorse   accessibili   tramite   il   proprio  

protocollo,  HTTP,  e  tramite  tu:  gli  altri  protocolli  esisten8  (FTP,  Telnet,  Gopher,  WAIS,  ecc.).  

Un  esempio  di  una  risorsa  iden8ficata  per  mezzo  di  URI  è  dato  dal  seguente  indirizzo:  

hQp://islab.dico.unimi.it/main.php?obj=project  

in  cui:  

• hQp  iden8fica  il  protocollo  di  comunicazione  (de>o  anche  schema  dell’URI)  

• islab.dico.unimi.it  iden8fica  il  nome  del  server  completo  di  dominio  (è  da  notare  come  in  questo  

esempio   non   compaia   www.   che   è   un   nome   convenzionale   e   non   obbligatorio   di   una   macchina).  


PAGINE

22

PESO

330.45 KB

AUTORE

Paraz92

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in fisioterapia
SSD:
Università: Milano - Unimi
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Paraz92 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Informatica di base e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Milano - Unimi o del prof D'Aguanno Antonello.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!