Che materia stai cercando?

Infermieristica in ginecologia

Appunti di infermieristica specialistica basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni del prof. Meucci dell’università degli Studi di Firenze - Unifi, facoltà di Medicina e Chirurgia, Corso di laurea in infermieristica. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Infermieristica specialistica docente Prof. F. Meucci

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

indtrodotto attraverso il canale vaginale e la cervice all'interno della cavità

uterina, per andare a vedere le alterazioni della parete (polipi, iperplasia..),

permette di introdurre l'anidride carbonica e può essere un secondo livello per

valutare la pervità delle tube. Può essere doloroso e può dare problematiche,

perchè si può avere stimolazione vagale, così come quando viene insufflata

anidride carbonica potrebbe comparire un dolore sulla spalla destra. Una volta

terminato può lasciare dolorabilità per alcune ore, ma anche un sanguinamento

modesto. Esame molto importane per la diagnostica perchè pemette di

prelevare un campione anche per un esame gitogenetico.

 vulvoscopia

 colposcopia : non dà problematiche particolari, si percepisce solo un fastidio. Vi

si arriva perchè c'è una risposta alterata sul pap test.

LEZIONE 2 16/10

l'infermiere, a prescindere dal luogo in cui si trova a lavorare, dovrà comunque

occuparsi di preparare il paziente. Quindi dovrà informare sulla procedura da eseguire

e le eventuali complicanze, ma anche rassicurare. Tutte le persone hanno lo stesso

diritto di accesso alle informazioni. Dobbiamo rassicurare i dubbi e le preoccupazioni,

che comunque non possiamo di certo eliminare; non serve a nessuno dire il falso, in

quanto devono sapere la verità, a cosa andranno incontro, per poter affrontare meglio

le situazioni. Inoltre, per tutta quella che può essere l'indagine ginecologica, dato che

l'utero si trova anteriormente alla vescica, dobbiamo invitare alla minzione spontanea,

perchè facilita il riuscire a palpare gli annessi interni, oltre a ridurre il fastidio che la

donna proverebbe a vescica piena. Si deve poi garantire un ambiente adeguato e

confortevole; è importante, nella cura dell'ambiente, considerare che la donna qui si

vedrà analizzare la parte più intima di sé, quindi sarà importante posizionare il letto

non al centro della stanza, soprattutto negli ambulatori, ma ad un lato della stanza, in

modo che si senta più a suo agio e sia meno contratta. Inoltre può disturbare

notevolmente il tono di voce usato, ma anche i sanitari che si mettono a parlare con

un altro paziente. È importante cercare di ottenere un ambiente meno asettico e più

accogliente. Infine si deve anche favorire il posizionamento del paziente. Il lettino

ginecologico è uno dei pochi che si discosta dagli altri e pone la donna in una

posizione non naturale, e soprattutto se anziana dobbiamo stare particolarmente

attenti, ad esempio coprendo la zona intima mentre si aspetta il ginecologo.

Percorso del paziente: si parte dall'origine del problema, attraverso tutti i segni

e sintomi, individuando a che livello si vogliono risolvere (ospedale, ambulatorio o

consultorio). I segni e i sintomi servono per formulare la nostra diagnosi

infermieristica. La diagnosi permette poi di scegliere il metodo di trattamento,

domicialiare o ospedaliero, e poi viene programmato il trattamento.

Diagnosi infermieristiche: quando si parla di diagnosi infermieristiche si una il

plurale perchè ovviamente potrenno essere più di una. La prima cosa da fare è

stabilire quali sono, e stabilire la priorità. Si dovrà dunque fare la valutazione della

complessità assistenziale. L'informaizone alla paziente deve essere fatta soprattutto

nella preospedalizzazione, per permetterle di arrivare al giorno dell'intervento con la

giusta preparazione (es: non deve bere, ma se non glielo diciamo e beve, salta

l'intervento) e soprattutto con una tensione minore, perchè sa a cosa andrà incontro.

L'informaizone dipende sia dal paziente, ma anche dal contesto e dall'ambiente. Gli

strumenti a nostra disposizione sono molteplici; la più importante è la scheda

infermieristica, in quanto è fondamentale scrivere e documentare tutto. Si cerca di

avere uno strumento di lavoro che permetta di semplificare tutto il processo

assistenziale e la documentazione. L'infermiere può essere sia infermiere di processo

che di percorso, perchè sarà necessaria anche una continuità assistenziale con il

territorio. Inoltre serve fin dal ricovero, perchè con la preospedalizzazione si riesce a

programmare il percorso del paziente.


PAGINE

4

PESO

44.00 KB

AUTORE

engyfro

PUBBLICATO

5 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in infermieristica (BORGO SAN LORENZO, EMPOLI, FIGLINE VALDARNO, FIRENZE, PISTOIA, PRATO)
SSD:
Università: Firenze - Unifi
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher engyfro di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Infermieristica specialistica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Firenze - Unifi o del prof Meucci Francesco.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Infermieristica specialistica

Urologia medica
Appunto
Infermieristica Clinica Specialistica, Urologia
Appunto
Infermieristica Clinica Specialistica Reumatologia
Appunto
Infermieristica clinica Specialistica
Appunto