Che materia stai cercando?

Infermieristica - Appunti

Appunti di Infermieristica per l'esame della professoressa Bianca Dell'Olivo, Gli argomenti che vengono trattati sono i seguenti: il miglioramento della sicurezza e della salute, i riferimenti normativi, la classificazione dei rischi, lo stress, il burnout.

Esame di Infermieristica docente Prof. B. Dell'Olivo

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

modo nei casi in cui i lavoratori esercitano un controllo

limitato sul lavoro e ricevono un appoggio ridotto.

CAUSE DI STRESS DA LAVORO

Lo stress legato al lavoro affligge quasi un lavoratore su tre

nei 15 stati dell’Unione Europea.

Le donne risultano essere le più colpite, ma per entrambi i

sessi, lo stress può rappresentare un problema in tutti i

settori e a tutti i livelli di un’organizzazione.

Una delle cause più comuni è la mancanza di controllo del

proprio lavoro.

Il 35% dei dipendenti, sostiene di non avere alcuna autorità

sull’ordine delle proprie mansioni e il 55% afferma di non

avere alcuna influenza sul tempo di lavoro.

EFFETTI SULLA PROGRAMMAZIONE DEL LAVORO SULLA

SALUTE: LAVORO A TURNI

HARRINGTON (1978) ha affermato che può esistere un

collegamento tra lavoro notturno e disturbi della

digestione, e tra lavoro a turni e stanchezza.

In uno studio condotto di recente sugli infermieri del turno

di notte, KOBAYASHI (1999) hanno riscontrato bassi livelli di

attività di cellule killer e di cortisolo durante il turno di

notte, stabilendo quindi che il turno di notte fosse

altamente stressante e potesse essere dannoso per la

biodifesa.

BOGGILD e KNUTSSON (1999) hanno rilevato che, per i

turnisti veniva riscontrato un aumento del rischio di

patologia cardiovascolare pari al 40%, rispetto ad un

gruppo di controllo di operatori non turnisti.

PERCHE’ QUESTO INCREMENTO DELLO STRESS CONNESSO

AL LAVORO?

Dal lavoro manuale al lavoro mentale

Riorganizzazioni e fusioni

Espansione rapida del settore dei servizi

Flessibilizzazione del lavoro

Interfaccia lavoro casa

Orari di lavoro e straordinari

RISCHI PSICOSOCIALI: STRESS, BURNOUT E MOBBING

Da una recente indagine realizzata dalla Fondazione

Europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di

lavoro, condotta su 21.500 lavoratori europei, è emerso che

i più comuni problemi di salute collegati al lavoro sono:

• Il mal di schiena ( accusato da un lavoratore su 3)

• Lo stress di cui è vittima il 28% dei lavoratori

• I disturbi muscolari al collo e alle spalle (23%)

• La sindrome di affaticamento psicologico, il c.d.

burnout (23%)

Sono sempre più diffusi i rischi psicosociali legati al lavoro

ed i loro effetti includono lo stress da lavoro, le vessazioni

meglio definite come mobbing o violenze morali.

IL BURNOUT

Il termine BURNOUT proviene dal gergo sportivo: negli anni

30 veniva utilizzato per indicare la condizione di quegli

atleti che, dopo un periodo di successi, improvvisamente

andavo in crisi e non riuscivano a dare più nulla dal punto

di vista agonistico.

ASPETTI STORICI: approccio clinico focalizzato sui sintomi

del burnout, prima metà degli anni 70, negli Stati Uniti

Patologia professionale osservata sempre più

frequentemente tra gli operatori socio sanitari,

caratterizzata da un rapido decadimento delle prestazioni

professionali. (FREUDENBERGER 1974)

APPROCCIO SOCIALE: studio delle emozioni in ambiente di

lavoro.(MASLACH 1976)

Sindrome di esaurimento emozionale, depersonalizzazione

e riduzione delle capacità personali che può presentarsi in

persone che per professione si occupano della gente.

(MASLACH 1992)

ESAURIMENTO PERSONALE

DEPERSONALIZZAZIONE

REALIZZAZIONE PERSONALE

Questi tre elementi diminuiscono

DEFINIZIONI DI BURNOUT

Panorama internazionale

• Reazione allo stress cronico, che si manifesta con

sentimenti negativi verso le persone che ricevono un

servizio e verso se stessi (MASLACH E JACKSON 1981)

• Ritirata psicologica dal lavoro in risposta ad eccessivo

stress o insoddisfazione (CHERNISS 1983)

• Sindrome da esaurimento emozionale, da

spersonalizzazione e da riduzione delle capacità

personali che può presentarsi in soggetti che per

professione si occupano della gente (MASLACH 1992)

• Discrepanza tra aspettative professionali dell’individuo

e struttura dell’organizzazione (LEITER 1992)

• Erosione dell’impegno nel lavoro, caratterizzato da tre

fattori: energia, coinvolgimento ed efficacia (MASLACH

ED LEITER 19979

Panorama italiano

• Operatore cortocircuitato (CONTESSA 1981 - 1982)

• Sindrome che coinvolge aspetti psicologici, somatici e

comportamentali, presente in coloro che svolgono

una professione socio sanitaria o educativa, a

contatto diretto con l’utenza, in condizioni stressanti e

non supportate (DEL RIO 1989)

• Squilibrio tra le risorse individuabili disponibili e

richieste ambientali (SANTINELLO 1991)

• Divario tra risorse disponibili e richieste dei pazienti

(ROSSATI E MAGRO 1999)

BURNOUT: COME SI VIVE

Nel costrutto del burnout confluiscono tre dimensioni

(MASLACH 1992)

ESAURIMENTO EMOTIVO: la persona si sente emotivamente

svuotata e annullata dal proprio lavoro, e cerca di evitare il

coinvolgimento riducendo il contatto con gli altri.

DEPERSONALIZZAZIONE: atteggiamento di allontanamento

e di rifiuto nei confronti di coloro che richiedono la

prestazione professionale.

RIDOTTA REALIZZAZIONE PERSONALE: sentimento di

fallimento professionale, perché l’operatore percepisce la

propria inadeguatezza al lavoro.

CAUSE DI BURNOUT:

• INDIVIDUALI: sociodemografiche il genere maschile

ottiene punteggi più alti nella scalata al cinismo, le

donne nella scala dell’esaurimento emotivo

I soggetti con alto livello culturale riportano punteggi più

alti di burnout (forse perché hanno più responsabilità e più

aspettative?)

MASLACH, LEITER, SCHAUFELI 2001

TEMI DEL QUESTIONARIO OCS

• I TRE FATTORI DI IMPEGNO/BURNOUT: energia,

coinvolgimento e efficienza

• LE SEI AREE DI ADATTAMENTO ALLA VITA LAVORATIVA:

carico di lavoro, controllo, riconoscimento, integrazione

sociale, equità, valori

• ELEMENTI DI PERCEZIONE DEL CONTESTO

ORGANIZZATIVO:cambiamento, supervisione,

comunicazione, coesione, sviluppo

LA RICERCA SUL BURNOUT

THE CORRESPONDENCE OF PATIENT STATISFACTION AND

NURSE BURNOUT (LEITER 1998)

OBIETTIVO:

Esaminare la relazione tra burnout negli infermieri e

soddisfazione dei pazienti per l’assistenza ricevuta

CAMPIONI E STRUMENTI: 605 PZ, 711 infermieri di due

ospedali canadesi

MBI GS (LEITER E SCHAUFELI 1996) 16 ITEM: esaurimento,

cinismo, efficacia

Patient judment of hospital quality questionnaire (MATERKO

1990)

RISULTATI:

Le dimensioni dell’esaurimento e del cinismo correlano

negativamente con la soddisfazione percepita dal paziente

per l’assistenza ricevuta

I pazienti assistiti da infermieri che ritenevano significativo

il proprio lavoro erano più soddisfatti su tutti gli aspetti

della loro permanenza in ospedale.

SINDROME DEL BURNOUT NEL MONDO SANITARIO

PIEMONTESE

OBIETTIVI:

• Valutare la presenza e l’intensità della sindrome del

burnout nel campione

• Identificare i fattori che determinano l’insorgere dello

stress nella sanità

CAMPIONE E STRUMENTO:

653 operatori sanitari di 4 ospedali piemontesi

Questionario di MASCH e LEITER (1997) adattamento

italiano a cura del CFS, in collaborazione con il dipartimento

di psicologia dell’Università La Sapienza di Roma

SINTESI DEI RISULTATI

Mancata equità , di opportunità di sviluppo, di possibilità, di

cambiamento

Tutti gli intervistati (ad eccezione dei primari) sottolineano

la carenza di equità come fonte primaria di disagio e stress

CONCLUSIONI:

Alla luce di questi risultati appare evidente la necessità di:

• Affrontare il tema dell’equità di trattamento,

proponendo interventi atti a migliorare la motivazione

individuale, la comunicazione ed il senso di

appartenenza

• Proporre iniziative di sviluppo dell’organizzazione delle

strutture sanitarie

• Definire chiari percorsi di formazione e di carriera per

le professioni sanitarie

PREVENZIONE E GESTIONE DEL BURNOUT

Gli interventi di prevenzione e gestione del burnout

possono essere rivolti:

• AL SINGOLO INDIVIDUO: migliorando la preparazione

professionale, le modalità di relazione e le strategie di

soluzione dei problemi

• AL GRUPPO DI LAVORO: creando una situazione di

lavoro collettiva che privilegi il confronto, la

comunicazione, e la cooperazione

• ALL’ORGANIZZAZIONE

INTERVENTI CENTRATI SULL’ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO

Discrepanza persona/lavoro: problem solving nel contesto

organizzativo

MASLACH E LEITER (1997) individuano sei aree della vita

organizzativa in cui possono verificarsi discrepanze e da cui

partire sia per la terapia che per la prevenzione del burnout

e promuovere l’impegno nel lavoro:

1. carico di lavoro

2. controllo

3. ricompense

4. senso di comunità

5. equità

6. valori

PREVENZIONE DEL BURNOUT A LIVELLO ORGANIZZATIVO

ORGANIZZAZIONE:

1. variare i compiti per sconfiggere la routine

2. prendersi le opportune pause di recupero

GESTIONE:

1. selezione dell’operatore

2. adeguata preparazione professionale dell’operatore

3. ripartizione adeguata dei compiti (in base alle

competenze, abilità, interessi)

CLIMA:

1. presenza di canali comunicativi aperti per la

rilevazione del disagio (superiori, colleghi o

competenti, es. psicologi)

2. ascolto e condivisione (permette di elaborare

emozioni)

3. sostegno affettivo (accettazione anche in caso di

debolezza manifesta)

PROMOZIONE DELL’IMPEGNO DI LAVORO

MISSION

DIREZIONE

SUPERVISIONE

COMUNICAZIONE

VALUTAZIONE

SICUREZZA


PAGINE

20

PESO

85.50 KB

AUTORE

fede1981

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in infermieristica (LODI, PAVIA, TREVIGLIO, VIGEVANO)
SSD:
Università: Pavia - Unipv
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher fede1981 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Infermieristica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Pavia - Unipv o del prof Dell'Olivo Bianca.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Infermieristica

Infermieristica - organizzazione professionale
Appunto
Infermieristica generale - Appunti
Appunto
Infermieristica clinica 2 - Appunti
Appunto
Infermieristica clinica - terapia farmacologica
Appunto