Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

La legge distingue diversi gradi di invalidità, a seconda dei quali sono previsti

benefici diversi:

- superiore ad un terzo ci si deve chiedere però di quale capacità

lavorativa si tratta: la persona ha diritto alla qualifica di invalido

civile e, quindi, alla concessione eventuale di prestazioni protesiche

o ortopediche;

- se superiore al 45%: la persona ha diritto all’iscrizione nelle liste

speciali per l’assunzione obbligatoria al lavoro;

- se pari o superiore al 74%: la persona ha diritto all’assegno mensile

come invalido parziale;

- se 100%: la persona ha diritto alla pensione di inabilità come

invalido totale e, se si tratta di soggetti non deambulanti e non

autosufficienti, ha altresì diritto all’indennità di accompagnamento.

Pensione di inabilità per invalidi civili: superiori a 18 anni di età, per i quali sia

stata accertata una totale inabilità lavorativa (100%) al compimento del

sessantacinquesimo anno di età, in sostituzione di tale pensione erogata dalla

Prefettura viene corrisposta, da parte dell’INPS, la pensione sociale. Se però

l’importo di tale pensione è inferiore a quello ottenuto come inabile dalla

Prefettura, verrà corrisposta dal Ministero dell’Interno una differenza a titolo di

assegno ad personam.

L’indennità di frequenza: è una prestazione mensile che viene concessa ai

mutilati ed agli invalidi civili minori di 18 anni che presentino difficoltà

persistenti a svolgere i compiti e le funzioni proprie della loro età, nonché ai

sordi parziali, quando si riconosce che abbiano necessità di frequentare scuole e

centri di formazione professionale e di riabilitazione.

Persona affette da cecità totale o parziale: rientrano nel novero dei ciechi civili

solo coloro che lo sono dalla nascita, oppure quelli che lo sono divenutia causa

di malattie o infortuni (non quelli per guerra o servizio o lavoro, per i quali

provvedono altri disposti di legge).

- cieco assoluto: persona che abbia perso totalmente la vista o che sia

limitato alla mera percezione dell’ombra e della luce; per questa ca

aumento del 45% in caso di minori ciechi assoluti pluriminorati.

Inoltre, essi hanno diritto anche alla pensione di inabilità.

- i ciechi parziali si suddividono in decimisti (solo assegno mensile

di assistenza) e ventesimisti (pensione di inabilità).

I sordomuti: quale che sia la causa dell’infermità e l’epoca nella quale essa si sia

instaurata, presentano una notevole difficoltà comunicativa, da cui deriva

l’elevato grado invalidante dell’infermità stessa ed il notevole handicap che ne

deriva alla persona nello svolgimento della sua vita di relazione. Dal punto di

vista legale, si considera sordomuto il minorato sensoriale dell’udito affetto da

sordità congenita o acquisita durante l’età evolutiva, che gli abbia impedito il

normale apprendimento del linguaggio parlato. Il sordomutismo è tabellato con

un valore fisso dell’80% di invalidità permanente (d.m. 5/2/1992). L’art.4 della

legge 508/1988 riconosce una speciale indennità definita indennità di

comunicazione in favore dei sordomuti minori di 18 anni, titolari dell’assegno

mensile di assistenza: per poter beneficiare di detta indennità occorre accertare

preliminarmente la condizione di sordomutismo e stabilire che si tratti di sordi

perlinguali. Anche ai sordomuti può essere corrisposta un’indennità di frequenza

incompatibile però con l’indennità di comunicazione.

Legge 5 febbraio 1992 n. 104: “legge quadro per l’assistenza, l’integrazione

sociale ed i diritti delle persone handicappate”. Nel nostro Paese sono state

emanate nel passato diverse norme a tutela di singole categorie di handicappati:

minorati della vista e dell’udito, motulesi, neurolesi, poliomielitici, ecc.. L’intera

materia è stata infine riordinata dalla legge in esame. Tale importante

provvedimento supera il concetto di assistenzialismo diffuso e rivolge attenzione

ai diritti, alle esigenze ed alle aspettative delle persone in difficoltà. Queste

garanzie vengono estese anche agli stranieri residenti, domiciliati o aventi

stabile dimora nel territorio italiano. I benefici che la legge garantisce ai

portatori di handicap, mirano a compensare le diverse situazioni di svantaggio

nelle quali esse si trovano ed a favorirne la piena integrazione nella vita sociale e

nel mondo del lavoro. Al fine di definire quale sia il grado di ripercussione sulla

complessiva validità della persona esaminata, occorre accertare nei singoli casi:

- l’entità effettiva della perdita anatomica o funzionale totale o

parziale di organi o apparati, incluso gli arti;

- la possibilità o meno dell’applicazione di apparecchi di protesi.

Stabilire ciò significa valutare la natura ed il grado dell’invalidità permanente.

Chiunque presenti un certo grado di invalidità permanente potrà rientrare nel

novero delle persone handicappate, sempre che si realizzino le altre due

condizioni di legge, oltre quella di minorazione fisica, psichica o sensoriale,

stabilizzata o progressiva, e cioè la difficoltà di apprendimento,(per i minori) , la

difficoltà persistente allo svolgimento dei compiti e delle funzioni proprie

dell’età, la difficoltà di integrazione lavorativa. In ultimo, il vero signum

specificationis e cioè che dall’invalidità permanente derivi anche un effettivo

processo di svantaggio sociale o di emarginazione.


PAGINE

13

PESO

99.33 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Esame: Igiene
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia (ordinamento U.E. - durata 6 anni) (CASERTA, NAPOLI)
SSD:

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher valeria0186 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Igiene e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Seconda Università di Napoli SUN - Unina2 o del prof Angelillo Italo Francesco.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Igiene

Igiene - acqua
Appunto
Igiene - efficacia clinica
Appunto
Igiene - programma
Appunto
Ginecologia e ostetricia - ciclo mestruale
Appunto