Che materia stai cercando?

I beni, le cose e le pertinenze

Appunti di diritto privato sui I beni, le cose e le pertinenze basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni della prof. Putti dell’università degli Studi del Politecnico delle Marche - Univpm, facoltà di Economia. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Istituzioni di diritto privato docente Prof. P. Putti

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

BENI DIVISIBILI E INDIVISIBILI

 Beni divisibili sono quei beni che hanno ad oggetto cose che possono essere divise in parti omogenee tali da

conservare proporzionalmente il valore dell'intero e senza che vengano meno la possibilità che ogni parte

possa essere utilizzata per l'uso a cui è destinato il bene.

 Beni indivisibili sono quei beni che hanno per oggetto cose che non possono essere frazionate

COSE GENERICHE E SPECIFICHE

 Cose generiche la cosa appartiene ad un genere.

 Cose specifiche la cosa possiede una sua individualità che la distingue all'interno del suo genere

La distinzione tra cose generiche e specifiche dipende dalla considerazione che i soggetti hanno della cosa. Una

stessa cosa può essere considerata come generica o specifica secondo le intenzioni delle parti. La distinzione è

particolarmente rilevante perché la proprietà delle cose generiche passa attraverso l'individuazione della cosa da

trasferire, poiché se la cosa perisce prima della individuazione il venditore non sarà liberato dall'obbligo di fornire

la cosa, poiché questa, appartenendo appunto ad un genere, è sempre reperibile, a meno che per un disastro perisca

tutto il genere.

LE UNIVERSALITA’

Sono gli insiemi di cose mobili o di rapporti giuridici considerati in maniera unitaria. Esse si distinguono in:

 Universalità di fatto, cioè quella pluralità di cose mobili appartenenti alla stessa persona cui è stata data una

destinazione unitaria (art 816). Le caratteristiche che permettono di individuarle sono:

a. L’oggetto rappresentato dai beni mobili

b. L’appartenenza di tali beni ad un stessa persona

c. La destinazione unitaria

Alcuni esempi possono essere una biblioteca, un gregge o una collezione di monete.

Per le universalità di mobili non vale la regola " il possesso vale titolo " nel senso che non si acquista la proprietà

con la semplice trasmissione possesso, ma sarà necessario che il possesso duri per dieci anni. È comunque

possibile che i singoli beni che compongono l'universalità siano oggetto di diversi rapporti giuridici: se si è

possessore di una biblioteca la si può vendere per intero, ma anche alienare singolarmente i libri che la

compongono.

 Universalità di diritto, cioè quella pluralità di rapporti giuridici che si è voluto considerare in maniera

unitaria. Le universalità di diritto si differenziano da quelle di fatto perché non hanno per oggetto beni

mobili, bensì rapporti giuridici patrimoniali. Esempio: l'eredità.

LE PERTINENZE

Prima bisogna fare una distinzione tra:

 Beni accessorio, sono quei beni che, attraverso un rapporto di subordinazione, completano i beni principali

 Beni principale, sono quei beni che hanno un’esistenza propria, autonoma, che non dipende in alcun modo da

altri beni.

Le pertinenze sono le cose destinate in modo durevole a servizio o a ornamento di un’altra cosa. La pertinenza non

è un elemento funzionale della cosa principale perché è dotata di autonomia sia funzionale che materiale. Per creare

il rapporto con la cosa principale sono necessari degli elementi, precisamente:

 L'elemento oggettivo, che consiste nel rapporto di servizio o ornamento rispetto alla cosa

principale.

 L'elemento soggettivo, che consiste nella volontà da parte del proprietario o del titolare di un altro

diritto reale di destinare la cosa al servizio o ornamento della cosa principale.

Una volta costituito il rapporto, la pertinenza segue la sorte della cosa principale; se ad esempio si vende la cosa

principale, s'intende vendere anche la pertinenza a meno che le parti non abbiano convenuto diversamente (art. 818

c.c.).

Le pertinenze possono distinguersi in tre tipologie: 3


PAGINE

4

PESO

29.27 KB

AUTORE

Cogni12

PUBBLICATO

8 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in economia e commercio
SSD:
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Cogni12 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Istituzioni di diritto privato e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Politecnico delle Marche - Univpm o del prof Putti Pietro Maria.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Istituzioni di diritto privato

Riassunto esame Istituzioni di Diritto Privato, prof. Putti, libro consigliato Manuale di Diritto Privato, Alpa
Appunto
Appunti per esame di Diritto Privato
Appunto
Riassunto esame diritto Privato, prof. Mantucci, libro consigliato Istituzioni di diritto civile, Pietro Perlingeri
Appunto
Diritto privato - Obbligazione
Appunto