Che materia stai cercando?

Grotowski, Storia dei generi teatrali popolari Appunti scolastici Premium

Appunti di Storia dei generi teatrali popolari per l'esame del professor Cuppone su Grotowski: È l’esperienza del 900 più interessante perché inscena l’abbandono del teatro, teatro per ritrovare l’autenticità deve rinunciare a se stesso.
Ambiguità tra rappresentazione e realtà vissuta. Carriera di regista di teatro si concentra in una decina d’anni, produce una dozzina... Vedi di più

Esame di Storia dei generi teatrali popolari docente Prof. R. Cuppone

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

dove si nascondevano gli attori per cambiarsi, ora significa “scena”, luogo dove gli attori si

mostrano. Quando la fama di Tespi cresce, la gente accorre da altri paesi si aggiunge

quindi un terzo livello di partecipazione, cioè il pubblico. Ora il coro non c’è più si perdo

il senso dell’origine rituale del teatro, ora è solo scambio di verità tra attore e pubblico, sorta

di narcisismo e voyeurismo. Tespi va allora ad Atene per farsi vedere ed esporta questa

innovazione spettacolare del personaggio SCATTO, LAICIZZAZIONE ulteriore del rito

[ciò che prima era legato alla campagna e alle stagioni, e quindi allo scorrere inesorabile del

tempo, attraverso cui la comunità si esprimeva ora si stempera, da RITO RELIGIOSO a

RITO LAICO, da CONTADINO a CITTADINO, da OGGETTIVO/ECCEZIONALE a

MOLTEPLICE].

Sacrificio è testimone, è martire della verità di ciò che sta succedendo, è testimone con

l’irreversibilità della sua morte, qualcosa si è consumato quindi è vero. CAPRO=CRISTO.

Ci rimangono solo 33 tragedie greche in tutto Sofocle, Eschilo e Euripide ne hanno scritte più di

400.

Identità del coro non è conosciuta, ciò che faceva non si sa, non si hanno musiche o coreografie;

coro utilizza la prima persona, anche se erano 15/20 persone.

Rumore è qualcosa di indefinibile, casuale, non interpretabile, campionandolo e ripetendolo,

manipolandolo lo si porta a diventare suono, armonia, si approda alla musica e al canto in questo

processo si percepisce lo scatto da rito a teatro, dal non senso al senso, dall’oggettivo al soggettivo

[è inavvertibile, è tragico, più tragico di questo non ce n’è]. Teatro scritto è parzialità rispetto alla

possibilità effettiva del teatro come rito parola è chiusura perché esclude tutto ciò che non è se

stessa, quindi è senza senso. Teatro del Novecento si sente soffocare, deve tornare al corpo e fare

sacrificio di se stesso.

Tragedia ammare: Alfonso Santagata, rappresentata per la prima volta a Rimini davanti al

Grandhotel, testo improvvisato e scritto dagli attori, lavoro sulle immagini, nato per essere

rappresentato una volta sola (c caratteristica di evento unico), nelle due repliche assumono

adattamenti che lo rendono comunque specifico.

GROTOWSKI

È l’esperienza del 900 più interessante perché inscena l’abbandono del teatro, teatro per ritrovare

l’autenticità deve rinunciare a se stesso.

Ambiguità tra rappresentazione e realtà vissuta. Carriera di regista di teatro si concentra in una

decina d’anni, produce una dozzina di spettacoli, di cui propone e porta fuori dalla Polonia,

rielaborandoli, solo sei.

Nel 1968 smette con Apocalipsys cum figuris, poi smette di fare spettacolo, ultima rappresentazione

è nel 1975 a Genova, poi scioglie la compagnia.

Inizia la fase grotowskiana del PARATEATRO lavoro antropologico, di ricerca e di esperienza,

organizza momenti di vita in comune nel quale cerca di aumentare la percezione e la comunicazione

tra le perosne. Scappa negli Stati Uniti, ricerca su azioni fisiche origina da Stanislavski, che però

lo faceva per la rappresentazione, per il teatro.

Muore a Pontedera, centro di smistamento della maggior parte delle esperienze di ricerca del

Novecento. Fondazione di Pontedera offre un posto isolato a Grotowsi per continuare nella propria

ricerca, fonda Workcentre of Jerzy Grotowski.

Si forma ad una scuola che è quella del metodo Stanislavski, è già teatro di ricerca della verità, poi

segue un percorso di formazione professionale canonica a Cracovia, dove si diploma in regia.

Stanislavski è il primo a parlare del corpo dell’attore, se l’attore non è credibile, il teatro non è

credibile.

Grotowski cerca di sostanziare la realtà, cerca un’assialità [rapporto tra uomo e uomo]. Carriera è

breve perché non sfrutta le scoperte sulla capacità umana, non è interessato al successo ma alla

verità. Chi dirige un teatro stabile che cura un progetto sul territorio deve essere in linea con il

progetto scopi politici prima di quelli artistici.

Grotowski si rifiuta di lavorare per il comunismo, si accontenta di un teatrino ad Opole, Teatro

delle Tredici File reinventa lo spazio, ripensare collocazione fisica attore/spettatore.

Teatro all’italiana è frutto di una concezione voyeuristica, dove c’è chi guarda e chi si fa guardare,

attore fa finta di credere di non essere guardato massimo dell’IPOCRISIA. Grotowski crea per

ogni spettacolo uno spazio diverso spettacolo è rapporto attore/spettatore, è necessario collocarlo

nella maniera più consona. Grotowski mette insieme una compagnia, non di primi della classe ma di

ribelli. Con questo gruppo e Vaschen, il proprio sceneggiatore nonché ispiratori di molti dei principi

del regista, e Duravski, l’architetto delle scenografie, a partire dal 1964 riesce a rivoluzionare il

teatro con questi spettacoli.

Eugenio Barba per alcuni anni fa da assistente a Grotowski e gli costruisce una rete di amicizie

attraverso cui il maestro riesce a mostrare il proprio lavoro [era difficile entrare ed uscire dalla

Polonia].

Il cuore di tutta la filosofia di Grotowski è nel corpo dell’attore formulazione di un Trainig,

tecniche di allenamento non finalizzate all’accumulazione di abilità di spettacolo, ma è una via

negativa per abbandonare gli schemi motori precostituiti. Vale in realtà per qualsiasi essere umano

che volesse reagire con spontaneità ed interezza ad una situazione, non solo per l’attore. Grotowski

non ha mai cercato il teatro, ma sempre qualcos’altro.

“Blasfemo è momento del tremito, si trema quando si tocca qualcosa di sacro. È modo per ristabilire

legami perduti, è lotta contro Dio per Dio”, diverso dalla profanazione, che è non avere il concetto

di sacro.

Ricerca di sacro parte da lontano, pur essendo laico, madre aveva tendenze orientaliste.

Faust, per Grotowski è il ricongiungimento con Dio, non avvicinamento al demonio come

rappresenta la tradizione. Ricerca della dimensione sacra. Chiesa ha quasi sempre avversato il

teatro. Iniziale visione del teatro è associata al pantheon greco che assimila il dio all’uomo. Non è

accettabile per la religione cattolica, per la molteplicità del divina e la contiguità dell’uomo al

divino.

Il cattolicesimo e l’islam credono in una divinità totalmente staccata dall’uomo il personaggio è

l’incarnazione di un principio divino e trascendentale.

Divisione tra Platone (tutto ciò che è rappresentazione è sempre un allontanarsi dalla verità) e

Aristotele (rappresentazione è maniera per immaginare Dio e un principio ispiratore) sulla mimesis.

Ritrovare appartenenza del teatro al rito, in cui si ritrova la necessità del teatro, è sottrarlo alla

mercificazione ricerca del sacro di Grotowski. Se attore fino ad ora è stato una prostituta, perché

vende la propria fantasia e la propria capacità, bisogna farlo diventare santo, ovvero portarlo ad

offrirsi in dono allo spettatore [in termini di rapporto umano]. Mentre fa dono di se, offre in

sacrificio il proprio corpo, si fa trasportare dall’oggettività di ciò che sta succedendo e di ciò che sta

facendo, non finalizzando il proprio operato ad uno scopo o ad un riscontro,ma per puntare alla

condivisione di un evento. Attore sento è colui che riesce a produrre l’atto totale, atto in cui un

uomo nella sua interezza si consegna in mano ad un altro uomo. Sacro è l’oggettivo, ciò che

avviene nonostante noi, che ci trascende per questo ci fa sentire più vivi, si ritorna ad essere un

tutt’uno con ciò che ci circonda. Corpo è il sacro visione assolutamente antireligiosa.

Grotowski utilizza i RISUONATORI gesto alla fine del quale c’è l’emissione di un suono, voce

esprime il corpo. Onde sonore attraversano tutto il corpo nell’emissione di voce. Cavità del viso,

RISUONATORI DI MASCHERA, sono quelli utilizzati nel canto, la voce acquisisce armonici

diversi dalla laringe.

Grotowski vuole usare tutti gli altri RISUONATORI esercizi per abituarsi a convogliare il suono

nelle cavità del corpo, che normalmente non si fanno risuonare. All’ATTO TOTALE si arriva non

per dispersione di se stessi, deve esserci uno spettatore-attore, che si sente di rischiare

qualcosa ripensare lo spazio delle rappresentazioni.

Faust: spettatore è costretto a pensare a se stesso come commensale al banchetto, che partecipa a

quello che sta vivendo e lo rende possibile. Ogni spettacolo è metafora del teatro in sé.

Esercizi sono elemento necessario, ma non costituiscono il processo creativo. Spontaneità e vita

associata alla precisione e al rigore. Corpo deve essere materiale ad un atto psichico, non deve avere


PAGINE

6

PESO

104.97 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Appunti di Storia dei generi teatrali popolari per l'esame del professor Cuppone su Grotowski: È l’esperienza del 900 più interessante perché inscena l’abbandono del teatro, teatro per ritrovare l’autenticità deve rinunciare a se stesso.
Ambiguità tra rappresentazione e realtà vissuta. Carriera di regista di teatro si concentra in una decina d’anni, produce una dozzina di spettacoli, di cui propone e porta fuori dalla Polonia, rielaborandoli, solo sei.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in Tecniche artistiche e dello spettacolo
SSD:
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher giulia.canella di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia dei generi teatrali popolari e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Ca' Foscari Venezia - Unive o del prof Cuppone Roberto.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Storia dei generi teatrali popolari

Da Grotowski a Motus, rapporto spettatore attore, Storia dei generi teatrali
Esercitazione
secoli XII - XVI, Letteratura italiana
Appunto
Lezioni, Etnomusicologia
Appunto
Lezioni, Storia della musica moderna
Appunto