Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

materiale didattico è un complesso che prevede l’utilizzo di: - un

libro di testo di base; - materiali di rinforzo e recupero altri dal

libro di testo; - materiali audio e video; - Internet; - guide

didattiche per i docenti; - prove di verifica graduate; - un sito in

cui raccogliere materiali e valutazioni in modo ordinato.

La lingua dell’interazione in classe: Il foreigner’s talk, espressione

dal significato negativo, indica i tentativi di un madrelingua di farsi

capire con sintassi elementare, coordinazione di frasi, gestualità

accentuata che sono spesso controproducenti perché non rispettano

la realtà con cui una lingua è effettivamente utilizzata;

Il teacher’s talk è molto simile a quanto visto sopra, ma riguarda il

docente non madrelingua che insegna una lingua straniera. Il

professorese può essere utile solo durante le prime fasi di

insegnamento;

Il teacher’s talking time è un concetto ovvio: più un docente parla,

meno gli studenti parlano e acquisiscono. Studenti come

protagonisti e non (solo) uditori.

Le variabili dell’evento comunicativo seguono l’acronimo

SPEAKING di Hymes che verrà adattato al contesto

glottodidattica: Setting: disposizione dell’aula - l’aula ad U è la

migliore; Partecipanti: studenti e docenti; Ends (scopi): gli scopi

vanno condivisi; il docente deve spiegare perché utilizza

determinate tecniche o attività, Atti: gli atti comunicativi del

docente devono tendere all’effetto sul destinatario e non conta

l’intenzione del mittente; Key (chiave psicologica); Instruments

(mezzi); Norme di interazione: come il docente si pone in termini

di formalità/informalità e uso della lingua straniera; Genere

comunicativo: il monologo, genere che pare stia scomparendo dalla

scena glottodidattica; interventi guida del docente durante visione o

ascolto di testi (percorso guidato); lavori in coppia/gruppo/squadre

(qui è fondamentale la disposizione dell’aula).

Un curricolo è un modello operativo che definisce un profilo

formativo e quindi indica le mete, gli obiettivi e i contenuti che

costituiscono l'oggetto di un corso. Si può dire che un curricolo

fonde le nozioni di programma e di sillabo, in realtà oggi i

curricoli tendono a includere anche sezioni che offrono:

- parametri per variare il curricolo a seconda delle caratteristiche

della situazione didattica, della natura degli allievi, del quartiere in

cui si opera, delle dotazioni glottotecnologiche disponibili, ecc.;

- una guida metodologica relativa alle tecniche didattiche che si

consiglia di utilizzare (o che vengono considerate incongrue con le

premesse del curricolo) per raggiungere gli obiettivi; - una serie di

parametri per la verifica e la valutazione del raggiungimento degli

obiettivi.

Un sillabo è un modello operativo particolare: si tratta infatti di un

elenco dei contenuti, risultato di un processo di analisi dei bisogni

strumentali, senza particolare attenzione alle mete educative.

Negli anni settanta del secolo scorso il Progetto Lingue Moderne

del Consiglio d'Europa ebbe la forza di coinvolgere vari paesi

europei nel tentativo di superare la nozione di "programma" e

diffuse dei sillabi, detti "livelli soglia". Dagli anni Ottanta i sillabi

sono entrati a far parte di un modello operativo più ampio e

complesso, il curricolo. Il concetto di sillabo è presente nella

tradizione italiana anche con la denominazione di "corpus", ma

ormai questo termine viene usato da pochissimi studiosi.

Nella tradizione italiana il programma era una sorta di manifesto,

che indugiava molto sulle finalità e poi passava ad una rapida e

sommaria indicazione dei contenuti e delle metodologie di

insegnamento e di verifica. Negli anni Settanta questo modello è

entrato in crisi; pur continuando a chiamarsi "programmi", quelli

proposti oggi in Italia sono in realtà dei curricoli.

Per progettare un curricolo bisogna prima di tutto definire i bisogni

degli apprendenti.

L’analisi dei bisogni linguistici deve tenere conto di:

- Bisogni pragmatici futuri;

- Bisogno di imparare ad imparare, ossia raggiungimento

dell’autonomia nell’apprendere una lingua;

- Bisogni presenti, quelli dell’ambiente classe, quelli che, se

percepiti e soddisfatti, danno motivazione e portano

all’acquisizione (modello egodinamico).

- Mete dell’insegnamento linguistico: educazione linguistica vs.

istruzione

Le mete educative da perseguire:

- Culturizzazione: la conoscenza e il rispetto dei modelli culturali e

dei valori di civiltà dei paesi in cui si parla la LS;

- Socializzazione: la possibilità di avere relazioni sociali in LS;

- Autopromozione: la possibilità di realizzare un proprio progetto di

vita avendo una maggiore conoscenza del mondo, una maggiore

ricchezza cognitiva, avendo imparato ad imparare e divenendo così

sempre più autonomi.

- Mete glottodidattiche specifiche

Il matema: l'unità minima di apprendimento; può corrispondere a

un obiettivo didattico, ma più spesso, soprattutto in un approccio

comunicativo, ciascun obiettivo comprende più matemi: questa

divisione è essenziale in termini di programmazione didattica: ogni

ora di lezione deve avere un numero accettabile di matemi,

evitando sia il sovraccarico sia la demotivazione.

L’unità minima del processo di acquisizione e si basa su tre

momenti:


ACQUISTATO

2 volte

PAGINE

5

PESO

117.00 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in lingue, culture e società dell'asia orientale
SSD:
A.A.: 2012-2013

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Giulietta01 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Glottodidattica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Ca' Foscari Venezia - Unive o del prof Coonan Carmel Mary.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in lingue, culture e società dell'asia orientale

Letteratura Cinese 1 - Appunti
Appunto
Storia delle religioni e della filosofia della Cina - filosofia della Cina
Appunto
Letteratura italiana - Goldoni e opere
Appunto
Giapponese Classico 2 - lezioni sul secondo modulo
Appunto