Che materia stai cercando?

Gli indicatori Appunti scolastici Premium

Appunti di Metodologia della scienza politica del prof. Cartocci sugli indicatori: il concetto di concetto, intensione ed estensione di un concetto, scala di astrazione e generalità, validità e le tecniche per stimarla, la congruenza degli indicatori.

Esame di Metodologia della scienza politica docente Prof. R. Cartocci

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

IL CONCETTO DI CONCETTO

Weber: “la vita ci offre una molteplicità, senz’altro infinita, di processi che sorgono e

scompaiono in un rapporto reciproco di successione e contemporaneità… e

l’assoluta infinità … non diminuisce anche quando prendiamo in

metodo delle scienze …

considerazione il singolo “oggetto” isolatamente” (Il

1958, 84)

Whorf “il mondo si presenta come un flusso caleidoscopico di impressioni che deve

sezioniamo la natura, la

essere organizzato dalle nostre menti…

e le diamo determinati significati; in larga misura

organizziamo in concetti

perché siamo partecipi di un accordo per organizzarla in questo modo, accordo

che vige in tutte le comunità linguistiche e che è codificato nelle

pensiero e realtà, 1970, 169).

configurazioni della nostra lingua” (Linguaggio,

Sapir: “Quell’elemento del linguaggio che è la parola 'casa' è il simbolo, prima di tutto

e soprattutto, non di una percezione singola, e nemmeno della nozione di un

particolare oggetto, ma di un “concetto”; e, cioè, di un utile recipiente

intellettuale, che contiene migliaia di esperienze distinte ed è pronto ad

linguaggio, 1969, 13)

accoglierne ancora migliaia”(Il

Attraverso i CONCETTI noi :

 conosciamo (o riconosciamo) il mondo, cioè…

 siamo in grado di conferire senso al mondo, quindi …

 siamo in grado di orientarci in esso e …

 di perseguire i nostri progetti di azione

PATRIMONIO CONCETTUALE = E’ l’insieme di categorie

che ci permette di conoscere il mondo e di conferirgli senso.

E’ l’arma che l’uomo ha per agire e sopravvivere nel mondo.

I tre mondi: pensiero, referenti e linguaggio

Rif. Bibl.: Marradi A (1994), Referenti, pensiero e linguaggio; una questione

rilevante per gli indicatori in Sociologia e ricerca sociale, 43, 137-207.

PENSIERO (M2)

REFERENTI (M1) LINGUAGGIO (M3)

INTENSIONE E ESTENSIONE DI UN

CONCETTO

I concetti possono essere studiati in base alla loro utilità e in base al loro

livello di generalità

Di un concetto è possibile analizzare:

L’INTENSIONE L’insieme di caratteristiche che costituiscono il

significato di un concetto

L’ESTENSIONE L’insieme di referenti (oggetti, fenomeni, eventi…)

al quale si riferisce un concetto

AUMENTANDO IL NUMERO DELLE CARATTERISTICHE CHE

COSTITUISCONO L’INTENSIONE DI UN CONCETTO NE

DIMINUISCO L’ESTENSIONE E VICECERSA

Intensione complessa Intensione semplice

Estensione piccola Estensione grande

INTENSIONE E ESTENSIONE SONO UTILI PER INDIVIDUARE

IL LIVELLO DI GENERALITA’ DI UN CONCETTO

SCALA DI

ASTRAZIONE/GENERALITA’

Il meccanismo alla base della scala di generalità prevede che:

riduco

AUMENTANDO INTENSIONE l’ambito empirico di

riferimento e riduco il livello di generalità (e talvolta di astrazione) del

concetto 

DIMINUENDO INTENSIONE amplio l’ambito empirico di

riferimento e aumento il livello di generalità (e talvolta di astrazione) del

concetto

Esempi:

Recipiente Libertà

Recipiente con foro Libertà democratica

Urna Libertà di voto

Urna elettorale Libertà di voto segreto

Urna elettorale cubica Libertà di voto segreto con

deposito di una scheda in un’urna

Urna elettorale cubica usata nel 1948

SCALA DI

ASTRAZIONE/GENERALITA’

Mammifero mezzo di

Quadrupede trasporto

trasporto a

traino animale

Cavallo veicolo a

Cavallo 4 ruote

bianco Pony automobile

fiat Panda

GLI INDICATORI (Marradi 1980, cap 3)

Molti dei concetti di impiegati nelle scienze sociali si pongono

ad un elevato livello di generalità e come tali non possono

essere rilevati direttamente, con una definizione operativa

diretta…. E’ a questo punto che entrano in campo gli

INDICATORI

Gli INDICATORI sono concetti più semplici, “specifici”,

traducibili in termini osservativi, che sono legati al concetto

generale da un rapporto di rappresentanza semantica (di

significato) detto RAPPORTO DI INDICAZIONE.

Dato che gli indicatori sono, per loro natura, concetti specifici,

per riuscire a cogliere la complessità di un concetto

generale E’ SEMPRE NECESSARIO RICORRERE A PIU’

INDICATORI.

Allo stesso momento UNO STESSO CONCETTO

direttamente operativizzabile PUÒ ESSERE

INDICATORE DI CONCETTI GENERALI DIVERSI

Il rapporto di indicazione:

- E’ un rapporto di rappresentanza semantica

- Dipende dal contesto (non è fissato una volta per tutte!)

- Ha una natura stipulativa (il ricercatore ne è responsabile)

- Non necessariamente deve essere individuato prima della

rilevazione dei dati

- Presuppone sempre la presenza di una parte indicante e

di una parte estranea

Validità e le tecniche per stimarla

L’estensione semantica di un concetto può essere

rappresentato graficamente da un’ipotetica nuvola…

Concetto generale

IND 2 IND 3

La sovrapposizione semantica tra due concetti è detta VALIDITÀ.

La validità può essere definita come una proprietà del rapporto

tra un concetto generale e il suo indicatore ed è tanto maggiore

quanto più alta la parte indicante rispetto a quella estranea. La

validità non si può misurare, ma al massimo stimare.

Per stimare la validità di un indicatore rispetto ad un altro è possibile

analizzare il grado di corrispondenza tra le due registrazioni in

matrice che rappresentano quegli indicatori

CRITERION-RELATED VALIDATION =

 Un supposto indicatore del

concetto A viene stimato valido quando è correlato con qualche altro

indicatore – già accertato come valido – dello stesso concetto.

CONSTRUCT VALIDATION =

 consiste nel valutare le relazioni del

supposto indicatore del concetto A con (supposti) indicatori di altri

concetti. A seconda di come l’andamento di queste relazioni si conferma

alle nostre aspettative basate sulla natura dei concetti interessati,

otteniamo indicazioni sulla validità del supposto indicatore, e

indirettamente anche degli altri.

Definizione di Validità

La VALIDITA’ è una proprietà

dell’indicatore, è un giudizio che diamo su

quanto sia stretta la rappresentanza

semantica di un indicatore con il suo

concetto generale. Si tratta di un giudizio

dato alla luce di una riflessione concettuale,

e inoltre di ogni genere di risultanze

empiriche, provenienti dal mondo dei

referenti (dichiarazioni di esperti, di

ricercatori, di collaboratori) o dal mondo della

matrice (correlazioni fra vettori)

Definizione tratta dal “Glossario della collana di

Metodologia”

LA CONGRUENZA DEGLI INDICATORI

Se un concetto è abbastanza generale da non suggerire

direttamente una definizione operativa è implicito che

esso verrà rappresentato da più di un indicatore…

Concetto generale IND 4

IND 1 IND 2 IND 3

Per stimare la validità di un indicatori si possono impiegare

anche tecniche che partono dall’analisi della

CONGRUENZA DELL’INSIEME DEGLI INDICATORI

impiegati per rilevare lo stesso concetto generale

Campell & Fiske (1959) propongono di migliorare la stima

della validità di un indicatore attraverso:

VALIDAZIONE CONVERGENTE

LA VALIDAZIONE DISCRIMINANTE

LA

DAI CONCETTI GENERALI AGLI INDICATORI

La rilevazione empirica di un concetto generale passa attraverso 4 fasi:

1) l’articolazione di un concetto in dimensioni (aree tematiche)

2) La scelta degli indicatori per ogni dimensione

3) L’operativizzazione degli indicatori

4) La costruzione degli indici

Naturalmente può accadere che:

1) alcune dimensioni siano scomponibili in ulteriori sotto-dimensioni

2) alcune delle dimensioni di un concetto generale siano direttamente

operativizzabili (cioè rappresentino degli indicatori)

Libert

à Libertà

Libertà religiosa Libertà politica di voto

Libertà di stampa

N° direttori giornali N° testate

puniti per reati indipendenti

di opinione

Partecipazione politica Freq. discussioni politiche

amici

Freq. Iscrizione Freq. discussioni politiche

Lettura politica partito in famiglia

in quotidiani


PAGINE

24

PESO

318.61 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze e politiche dell'organizzazione
SSD:
Università: Bologna - Unibo
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher valeria0186 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Metodologia della scienza politica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Bologna - Unibo o del prof Cartocci Roberto.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Metodologia della scienza politica

Esercizi - monovariata
Esercitazione
Analisi della varianza
Appunto
Regressione e correlazione
Appunto
Analisi monovariata
Appunto