Che materia stai cercando?

Geografia economico-politica - turismo golfistico - Tesina Appunti scolastici Premium

Tesina descrittiva di Geografia economico-politica sul turismo golfistico. Nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: la nascita del “ golf ”, regole , un colpo dal tee di partenza, regole di base, il golf nel mondo e in Italia, golf club il Picciolo, Golf Club Le Madonie.

Esame di Geografia economico politica docente Prof. C. Cirelli

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Regole

Un colpo dal tee di partenza

Il golf è uno sport disciplinato con numerose regole, apparentemente complicate: dovendo prevedere

varie situazioni di gioco (su cui influiscono morfologia dei campi, situazioni ambientali, vantaggi

assegnati ai giocatori (i cosiddetti "handicap"), materiali a disposizione, tipi di competizione) le regole

del golf sono aggiornate e pubblicate con cadenza quadriennale a cura di enti preposti ("Governing

Body"): per l'Europa è il Royal & Ancient Golf Club of St. Andrews (R&A), in Scozia; per l'area

americana la United States Golf Association (USGA).

La regola fondamentale è citata sul retro del libro delle Regole del Golf: Gioca la palla come la trovi.

Gioca il campo come lo trovi. Se non puoi fare l'una o l'altra cosa fai quel che è giusto, ma per sapere

ciò che è giusto devi conoscere le Regole del Golf.

L'importanza di conoscere le regole per un giocatore di golf è massima: si tratta probabilmente

dell'unico sport in cui ognuno è arbitro di sé stesso, e quindi onestà e rispetto devono far parte del

bagaglio di ogni golfista. Inoltre, esistono procedure da seguire per non incorrere in penalità o

semplicemente per sfruttare a proprio favore determinate situazioni. Ecco perché è richiesto un esame

delle regole, da sostenere presso uno dei circoli riconosciuti dalla Federazione.

Durante lo svolgimento delle gare ufficiali, più che dei veri e propri arbitri ci sono degli osservatori.

Ogni concorrente è tenuto in pratica ad autocontrollarsi. In caso di controversie ci si appella ad un

3

apposito comitato, il cui scopo principale è quello di far sapere ai giocatori cosa prevedono le regole

nel caso specifico.

La maggior parte delle regole indica come comportarsi nei casi particolari, come per esempio nel caso

la palla finisca in un Ostacolo d'Acqua, o finisca fuori dai limiti del campo. ma non mancano regole

destinate a scoraggiare il gioco lento, che anzi si vanno man mano inasprendo con l'aumentare dei

praticanti: ad esempio giocare una palla "provvisoria" quando è probabile che si sia persa la propria,

onde evitare di perdere tempo nella ricerca.

Principalmente si distinguono due tipi di gioco. Nel gioco "a buche" (Match Play), si affrontano due

giocatori: si assegna un punto al giocatore che conclude la buca nel minor numero di colpi (tenuto

conto dell'handicap e delle penalità) e il vincitore è colui che al termine del percorso ha vinto più

buche. Nel gioco "a colpi" (Stroke Play) il vincitore è il concorrente che ha percorso l'intero campo nel

minor numero di colpi (sempre tenendo conto dell'handicap e delle penalità).

Ma non è stato sempre così, anzi è molto probabile che i golfisti per almeno 300 anni abbiano giocato

praticamente senza regole scritte tanto semplice era il "loro" gioco che si distingueva da altri giochi di

"bastoni e palle" solo per il fatto che si dovesse concludere con la palla infilata dentro una buca.

L'introduzione delle regole scritte portò un minimo di ordine ma di certo tali regole furono mutuate da

altre tra cui con ogni probabilità vi furono quelle di un gioco francese detto jeu de mail.

Regole di base

Sulla copertina delle Regole del golf viene citato il principio più importante dello sport, che sarebbe:

« Gioca la palla come la trovi. Gioca il campo così come è. Se nessuna delle due cose è possibile, fai

quello che è giusto. Ma per fare il giusto devi conoscere le Regole del Golf »

(Regole del Golf e Regole per lo Status del dilettante)

Un giocatore all'apice del backswing mentre esegue il primo colpo dall'area di partenza.

All'inizio di ogni buca la palla va colpita in un'area di partenza prestabilita, detta Tee di Partenza.

Quando si gioca in gruppo, si dice che il giocatore avente il diritto di partire per primo (quello con

l'handicap più basso o perché indicato dal comitato oppure per sorteggio) abbia l'onore. In ogni buca

successiva, ha l'onore colui che conclude la buca precedente con il punteggio minore; in caso di parità,

si mantiene l'ordine dell'ultima buca giocata. Per ogni colpo successivo, la palla dovrebbe essere colpita

nel punto in cui si è fermata, fino a quando finisce in buca. In diversi casi previsti dalle Regole, essa

può essere però spostata prima di effettuare un colpo: questo può avvenire senza penalità o viceversa

con uno o due colpi di penalità. Spostare una palla significadropparla in un punto che permette di

continuare il gioco senza problemi. Non si può colpire la palla mentre è ancora in movimento per il

colpo precedente. Solo per il primo colpo di ogni buca è consentito usare un supporto chiamato

anch'esso tee, che serve a sollevare lievemente la palla da terra.

Se la palla esce dai confini del campo (Fuori Limite), oppure se essa non viene ritrovata entro il tempo

stabilito dal regolamento (cinque minuti), possibilmente perché nascosta nell'erba alta, è quindi

dichiarata persa, il giocatore viene penalizzato di un colpo e riprende il gioco con una nuova palla dal

punto in cui aveva tirato precedentemente. Se la palla finisce in acqua, più precisamente in quello che

viene definito Ostacolo d'Acqua, si agisce in base a regole più complesse che prevedono, in alternativa

al giocare la palla dov'è con pesanti restrizioni al comportamento, la penalità di un colpo permettendo

al giocatore di droppare una nuova palla in diversi punti del campo.

IL GOLF NEL MONDO ED IN ITALIA

In Europa vi sono tra i 4.5 e i 5 milioni di giocatori.

In termini globali, possiamo stimare che i giocatori attivi in Europa generino annualmente un flusso

turistico complessivo superiore ai 3.000.000 di persone.

Spagna, Francia, Portogallo, Marocco e Tunisia sono le destinazioni internazionali preferite nel bacino

del Mediterraneo .

Come qualsiasi turista tradizionale, il golfista ricerca principalmente località con un clima più

favorevole rispetto a quello della propria residenza. In tutto il nord Europa, ma anche nell'Italia

settentrionale, i lunghi e rigidi inverni non consentono di praticare il golf ed alimentano, pertanto, il

bisogno di turismo verso mete con un clima più mite e più favorevole.

I fattori che influenzano la scelta del Turista golfistico sono :

FATTORE %

63%

Clima 59%

Compagni di viaggio 33%

Qualità degli hotel 31%

Prezzo 5 28%

Quantità e qualità dei percorsi 28%

Presenza di altre attrazioni

. Le aree del Mediterraneo per i nord europei rappresentano, quindi, le mete favorite più prossime e

comode in grado di garantire soprattutto nei periodi invernali le migliori condizioni per il gioco.

Se non è ancora uno sport di massa in Italia, il golf sembra sulla strada per diventarlo.

L'aumento di tesserati nell'ultimo decennio è stato costante, a ritmo di 3-5˙000 l'anno, con un picco di

oltre 7˙600 tra il 2006 e il 2007, quando si passò da 84˙117 a 91˙791.

L'aumento di quell'anno si ebbe grazie all'idea dei vertici federali di permettere il “Pay and pay” ovvero

il tesseramento libero, cioè non legato all'appartenenza a un club.

Ma i dati che fanno pensare a un vero radicamento di questo sport, non legato a mode momentanee,

sono quelli dei praticanti juniores e anziani. Nel 1986 i ragazzi erano 2˙307, nel

2008 sono stati oltre il quadruplo, 10˙223, di cui 5˙311 con meno di 12 anni e 4˙912 nella fascia 13-18

anni.

Gli over 50 sono 41˙567, di cui 7˙792 hanno più di 70 anni.

Il che è l'ennesima dimostrazione del fatto che questo sport, ha effetti positivi sulla salute e la longevità

– come testimonia anche una ricerca effettuata su 300˙000 golfisti scandinavi da cui risulta che la loro

aspettativa di vita rispetto ai non praticanti è di 5 anni superiore.

Tali benefici ne gode maggiormente il sesso femminile.Golf e donne è «Un binomio fantastico» .

Nel golf infatti la forza fisica non fa la differenza. «Il golf è sensibilità, strategia, concentrazione,

eleganza, intuizione. Tutte doti femminili».

Alle donne poi il golf fa bene: tonifica cosce e gambe, lavora sugli addominali e sui polsi. Con il golf

si dimagrisce, fa bruciare come una faticosa passeggiata di 10 km in montagna!

Inoltre i principi tecnici che regolano lo swing e il gioco femminile, sono assolutamente gli stessi di

quelli maschili. Le donne (e non tutte) hanno minore forza fisica e resistenza e ci sono alcuni

accorgimenti che possono aiutarle. Sia tecnici, sia di attrezzatura, sia di postura.

Ma non è tutto. Secondo la rivista americana Golf for Women sono circa 2 milioni le donne (manager e

libere professioniste) che negli USA giocano a golf, da un sondaggio risulta che:

• il golf aiuta a sviluppare relazioni lavorative (78%)

• la correttezza sul campo da golf equivale a una correttezza sul lavoro (79%)

• il golf aiuta ad assumersi dei rischi (52%)

• si concludono affari sul campo o nei circoli da golf (22%)

• sul campo da golf si conoscono meglio le persone (79%)

In Europa le golfiste sono circa un milione e in Italia circa 22.000, proprio nel nostro paese nel 1994 è

nata l’Italian Lady Golf Association, che si propone di promuovere la disciplina, creare legami tra

golfiste italiane e straniere e promuovere attività ricreative e sociali per tutte le golfiste associate senza


PAGINE

10

PESO

71.75 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in economia
SSD:
Università: Catania - Unict
A.A.: 2010-2011

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Novadelia di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Geografia economico politica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Catania - Unict o del prof Cirelli Caterina.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in economia

Riassunti Geografia Economica
Appunto
Riassunto per l'esame di Geografia Economica, prof. Scrofani, libro consigliato Temi di Geografia Economica, Scrofani e Ruggieri
Appunto