Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

L’isola linguistica ugro-finnica

Le lingue ugro-finniche, sono un gruppo linguistico diffuso soprattutto nell'Europa

orientale e settentrionale.

Diversamente dalla maggior parte delle lingue europee le lingue ugro-finniche non hanno un

legame di parentela con la famiglia delle lingue indoeuropee.

Il luogo d'origine delle lingue ugro-finniche non è stato localizzato con certezza. Generalmente si

presume che la Russia centrale e settentrionale ad ovest dei monti Urali sia la locazione più

probabile, probabilmente nel periodo del III millennio a.C. Ciò viene suggerito dall'alta

differenziazione intralinguistica nella medesima famiglia nella zona centrale del fiume Volga,

l’ungherese, il finlandese e l’estone.

Le più conosciute sono sicuramente

L’ungherese appartiene al sottogruppo ugro delle lingue uraliche: ad oggi la maggioranza dei

parlanti di tale lingua risiede in Ungheria, ma grandi gruppi vivono nei paesi contermini come

Austria, Slovacchia, Croazia, Serbia, Romania e Ucraina.

dell’ungherese è ritenuta l’ugro-finnico,

La lingua genitrice o proto-uralica datato 4000-2000 a.C. e

situato nella zona tra i fiumi Volga e Kama e i Monti Urali.

La storia della lingua ungherese attraversa due percorsi paralleli: da un lato quello politico-

culturale, che ha portato, in parte, alla formazione della lingua, e dall’altro, quello che prende in

considerazione gli sviluppi interni della lingua stessa.

Le prime attestazioni della lingua ungherese sono titoli, nomi tribali, personali e di luogo e nomi

comuni che compaiono in fonti arabe, persiane, bizantine e europee occidentali dal X al XII secolo.

Il primo documento scritto che contiene un ungherese continuo è un orazione funebre datata 1200

circa.

Dalla fine del XV secolo, oltre la letteratura religiosa, troviamo testi di natura secolare, comprese

lettere e cronache storiche, libri medici e calendari.

Nel XVI secolo abbiamo i primi testi ungheresi stampati scritti in latino.

La riforma promosse l’unificazione linguistica e l’insegnamento; i primi segni di comparsa delle

norme scritte risalgono al XVI secolo. grazie anche all’opera

A partire dal XIX secolo comincia a emergere un idioma letterario unificato,

di intellettuali illuministi che propugnavano una maggior diffusione dell’ungherese e contrastavano

l’uso diffuso del tedesco.

Nella battaglia tra modernisti e conservatori ebbero la meglio i primi, grazie ai quali l’ungherese

acquisto uno statuto ufficiale nel 1844.

Il vocabolario ungherese è stato profondamente influenzato da altre lingue, circa l’80% della

con notevoli prestiti dall’iraniano,

moderna lingua scritta e parlata è fatta di elementi ugro-finnici

dal turco, dal greco, dalle lingue slave e dal tedesco.

Il finlandese fa parte del sottogruppo finnico-baltico delle lingue ugro-finniche e, più da lontano, è

correlato con l’ungherese.

Il finlandese presenta prestiti dal finnico e da altre lingue finnico-baltiche che ammontano a circa un

centinaio. Sono termini che si riferiscono alla natura e all’ambiente, alla tecnologia, agli edifici, ai

mezzi di sussistenza, alla società e alla cultura.

La storia della lingua vede anche la presenza di un altro tipo di influenze: quella slava, prima, e, più

quella dell’antico

tardi, russo.

Il finnico assorbì prestiti germanici, sia prima che dopo la sua differenziazione in un separato

gruppo di dialetti, parlati nella Finlandia settentrionale.

Per il finlandese lo svedese è stato, dal XIII fino al XIX secolo, la fonte principale del nuovo

vocabolario e ancora oggi è largamente diffuso come lingua nazionale, anche se sta largamente

cadendo in disuso.

La lingua scritta cominciò a formarsi durante il periodo riformistico, infatti a partire dal XVI secolo

vennero pubblicate grammatiche e dizionari.

Il finlandese nel 1863 è divenuto lingua ufficiale e oggi è anche lingua dell’UE.

L’estone fa parte, come del resto il finlandese e l’ungherese, del sottogruppo finnico-baltico delle

lingue ugro-finniche ed è lingua ufficiale in Estonia.

La più antica storia dell’Estonia, prima della differenziazione delle lingua finnico-baltiche è simile a

quella del finlandese.

Oltre all’influsso degli antichi dialetti baltici e di quelli tedeschi antichi, il lessico estone è

profondamente influenzato dall’antico lettone.

Solo nel 1919 l’Estonia divenne indipendente e cessarono i suoi scontri avvenuti prima con i re

teutonici e Danesi, poi con l’amministrazione tedesca e in seguito con Russia e Svezia.

L’influsso principale è del tedesco baltico, che è molto evidente nel lessico.

Il francien e il francese

Molti testi francesi antichi sono scritti, se non proprio in dialetto, almeno in un francese fortemente

dell’Île-de-France

caratterizzato da strutture dialettali. Comunque il dialetto , al quale oggi ci si

riferisce con il termine francien, acquistò molto prestigio.

Parigi, fino al X secolo, fu la sede di riferimento della monarchia, ma anche dell’istruzione, della

giustizia e del potere ecclesiastico del regno.

Alla fine del XIII secolo, l’uso scritto dei dialetti diversi dal francien è stato molto discontinuo.


PAGINE

6

PESO

185.53 KB

AUTORE

ninja13

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Scienze Geografiche per l'ambiente e la salute
SSD:
A.A.: 2012-2013

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher ninja13 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Geografia delle lingue e toponomastica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Palagiano Cosimo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Geografia delle lingue e toponomastica

Geografia delle lingue e toponomastica - Appunti parte seconda
Appunto
Per una geografia del Lazio, De Vecchis - Appunti
Appunto
Didattica della geografia 2 - Appunti
Appunto
Didattica della geografia 1 - Appunti
Appunto