Che materia stai cercando?

Fusto e domande frequenti Appunti scolastici Premium

Appunti di morfologia e fisiologia vegetale sul fusto e sulle domande frequenti basato su appunti personali del publisher presi alle lezioni della prof.ssa Grisafi dell’università degli Studi di Palermo - Unipa, Facoltà di Agraria. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Morfologia e fisiologia vegetale docente Prof. F. Grisafi

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

forma che in sezione trasversale, appare simile ad una v o in certi casi ad

una u . Nei fusti sotterranei e in alcuni fusti,aerei la tendenza dello xilema ad

avvolgere il floema è ancora più pronunciata tanto che nei fasci delle porzioni

centrali della stele lo xilema tende ad avvolgere completamente il floema ,

fasci perixilematici. Struttura secondaria del fusto. Il primo

evento che segna il passaggio dalla struttura primaria alla struttura

secondaria è il de differenziamento delle cellule parenchimatiche situate nei

raggi parenchimatici (cambio interfasciale) all’altezza dei residui del

procambio (cambio intrafasciale) rimasti fra xilema e floema in ogni raggio.

Queste cellule riacquistano la capacità di moltiplicazione , diventando cosi un

meristema secondario ( perché deriva da cellule adulte) . L’unione dei residui

pro cambiali alle neo formate regioni meristematiche forma una cerchia

continua che prende il nome di cambio ( termine usato per designare i

meristemi secondari) cribro vascolari ( perché produrrà tessuto cribro e

tessuto vascolare). Il cambio appare come un cerchio in una sezione

trasversale. Una volta volta formato il cambio produrrà cellule che si

differenziano in xilematiche, sul lato interno e floema sul lato esterno. Ciò

avverrà su tutta la circonferenza del cambio, per cui si formerà una cerchia

continua di xilema all’interno e una continua di floema. Il cambio è costituito

da uno strato di cellule iniziali che si distinguono in due tipi: iniziali fusiformi e

iniziali dei raggi. Più del 90% del cambio è rappresentato da cellule fusiformi.

Le iniziali fusiformi sono allungate in senso assiale , molto appiattite

tangenzialmente e con le estremità affusolate. Dall’attività del meristema

delle iniziali fusiformi si originano gli elementi che costituiscono il sistema

longitudinale dello xilema e del floema. Quando una iniziale fusiforme si

divide tangenzialmente, una delle due cellule figlie rimane cellula iniziale e

l’altra , diventa cellula madre dello xilema se è situata internamente rispetto

alla iniziale cambiale , oppure cellula madre del floema se si trova all’esterno.

Le iniziali dei raggi sono cellule molto più corte delle iniziali fusiformi, hanno

forme isodiametrica. Dalle iniziali dei raggi vengono prodotte cellule allungate

in senso radiale che vanno a formare i raggi parenchimatici, detti anche raggi

midollari, i quali costituiscono il sistema radiale o trasversale dello xilema e

del floema. Il modo con il quale si forma un raggio parenchimatico dalle

iniziali dei raggi è uguale a quello con cui si formano gli elementi del sistema

longitudinale delle iniziali fusiformi: la cellula iniziale si divide tangenzialmente

, una delle due cellule figlie resta cellula iniziale, e l’altra diventa cellula

madre del raggio. Man mano che il fusto aumenta il proprio diametro i raggi

parenchimatici, i quali assicurano il trasporto in senso radiale , aumentano di

numero.

Lo xilema secondario delle dicotilenoni è costituito da diversi tipi di cellule,

delle quali la maggior parte sono allungate in senso assiale e parte sono

allungate in senso radiale. Lo xilema secondario è composto da due sistemi:

il sistema longitudinale e il sistema radiale. Il sistema longitudinale,detto

anche verticale o assiale, è costituito da elementi di conduzione, i vasi, da

elementi meccanici le fibre xilari e da cellule con funzioni di riserva le cellule

parenchimatiche. Il sistema radiale o trasversale è rappresentato dai raggi

parenchimatici che partendo dal midollosi spingono fino alla corteccia. I raggi

sono costituiti unicamente da cellule parenchimatiche allungate radialmente ,

le quali collaborano al trasporto in senso trasversale e possono essere anche

sede di sostanze di riserva. Lo xilema secondario

delle dicotiledoni ha quindi funzioni di conduzioni di riserva e di sostegno,

funzioni che sono affidate rispettivamente a tre differenti tipi di elementi: i

vasi, le cellule parenchimatiche e le fibre. Per la presenza di questi tre tipi di

elementi cosi diversi fra loro , lo xilema secondario delle dicotiledoni risulta un

complesso eterogeneo al quale viene solitamente dato il nome di legno

eteroxilo. Libro secondario delle dicotiledoni, al pari dello xilema secondario è

costituito da un sistema radiale e da un sistema assiale. Il sistema assiale è

formato da elementi di conduzioni, i tubi cribrosi, da elementi meccanici, le

fibre, e da cellule parenchimatiche delle quali alcune hanno funzioni di riserva

e altre , le cellule compagne , collaborano tipicamente nel trasporto delle

sostanze nel floema. Il sistema radiale è rappresentato da cellule

parenchimatiche. Lo xilema secondario dalle

gimnosperme ha una struttura più semplice ed omogenea rispetto allo xilema

delle dicotiledoni. Il sistema longitudinale è costituito da un solo tipo di

elementi, le tracheidi con punteggiature areolate, il parenchima assiale ,

tranne pochissime eccezioni è assente. Le tracheidi sono pressappoco tutte

uguali , sicchè risultano allineate secondo file radiali. Questa regolare

disposizione, insieme alla semplicità di costituzione , conferisce allo xilema

secondario delle gimnosperme un aspetto omogeneo per cui questo viene

detto legno omoxilo. Libro secondario delle gimnosperme è costituito nel suo

sistema longitudinale, da cellule cribrose , cellule parenchimatiche e

comunemente anche da fibre. Il cambio subero

fellodermico. L’epidermide in seguito all’accrescimento in spessore del fusto ,

viene prima o poi lacerato , e ciò evidentemente comprometterebbe la vitalità

dei tessuti sottostanti se al suo posto non venisse formato un nuovo tessuto

tegumentale. Il tessuto di rivestimento che nel fusto in struttura secondaria


PAGINE

6

PESO

18.60 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze e tecnologie agrarie
SSD:
Università: Palermo - Unipa
A.A.: 2017-2018

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher stella.cadente594 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Morfologia e fisiologia vegetale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Palermo - Unipa o del prof Grisafi Francesca.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Morfologia e fisiologia vegetale

Organuli e domande
Appunto
Organuli e domande
Appunto
Caratteristica e struttura fusto
Appunto
Morfologia e struttura del cuore
Appunto