Che materia stai cercando?

Fisiologia e biofisica - gli ormoni Appunti scolastici Premium

Appunti di Fisiologia e biofisica del professor Brizzi sugli ormoni : il sistema endocrino, l'ipotalamo, la connessione delle cellule, il sangue, le caratteristiche degli ormoni, la struttura chimica degli ormoni, il recettore-ormone, le funzioni enzimatiche.

Esame di Fisiologia e Biofisica docente Prof. G. Brizzi

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Fisiologia: (22/02/2007) prof. Brizzi Acampora Pina

Prima lezione:”Gli Ormoni”

Studiare ogni singola parte di un organismo non basta, occorre considerarlo nel suo insieme da un

punto di vista medico. In questa ottica prendiamo in considerazione il sistema nervoso (è necessario

saperne l’anatomia) la cui funzione prevede l’anatomia, la biochimica, il neuromediatore,

l’enzima… Il sistema nervoso è correlato al sistema endocrino e regola la respirazione, l’attività

cardiaca (come abbiamo al 1° semestre)… ‘E necessario vederne i collegamenti!

Questa figura (diapositiva) fa vedere schematicamente i rapporti tra s.nervoso e s.endocrino di cui

occorre sapere cosa sono gli ormoni e i recettori; nello schema si vede che il s.nervoso, attraverso

l’ipotalamo, che è il punto di congiunzione anatomico-funzionale con il resto del corpo, in

particolare con il s.endocrino. La scorsa volta abbiamo visto la congiunzione tra s.respiratorio e

cardiaco che a livello bulbare presentano i rispettivi centri nervosi sotto il controllo del s.nervoso.

Qui (schema) vediamo un’altra cosa: il s.nervoso e endocrino, cioè degli ormoni.

Il s.nervoso va ad incidere, a modulare la produzione ormonale soprattutto tramite l’ipotalamo

(sotto il talamo).

L’ipotalamo, dal punto di vista della grandezza è come una lenticchia, ma dal punto di vista

funzionale ha molte attività: funzione endocrina, produce diversi ormoni, funzione nervosa,

funzione di termoregolazione, regolazione del comportamento alimentare, memoria…

L’ipotalamo non è una struttura isolata, è una specie di passaggio obbligato dal s.nervoso verso il

s.endocrino, quindi tutto ciò viene raccolto dal s. nervoso (dalla corteccia,ad esempio) come le

emozioni, i ricordi, la memoria, il solo pensare può far produrre degli ormoni. Quando pensi ad un

buon pasto, hai l’acquolina in bocca perché produci saliva, enzimi, ormoni prima che lo mangi e

questo significa che quando poi lo mangi trovi il sistema già pronto o abbastanza pronto per la vera

digestione: è una reattività indotta col solo pensiero. Ci sono dei rapporti stretti di tipo ambientale

anche (tramite ricordi, emozioni,…) che ti vanno a controllare, attraverso l’ipotalamo, degli ormoni

o neurotrasmettitori e quindi puoi avere degli effetti in base a un determinato evento. I prodotti

ipotalamici vanno ad influenzare un’altra ghiandola fondamentale, l’ipofisi, che produce altri

ormoni che vanno ad agire sul surrene, sulla tiroide, sulle ghiandole sessuali e garantiscono la

crescita corporea. Il solo pensare scatena un effetto a cascata. Gli ormoni prodotti vanno nel plasma,

modificando la loro concentrazione e avendo degli effetti specifici. Quando si è molto nervosi o si

ha un periodo di forte stress con emozioni varie è possibile avere qualche disfunzione di qualche

ghiandola o ormone: le più frequenti sono le disfunzioni sessuali, specialmente nelle donne e

quando è protratto nel tempo.

Un altro rapporto importante riguarda l’incidenza del s.nervoso su un ormone importante, prodotto

dalla midollare del surrene, l’adrenalina. La midollare del surrene è sotto il controllo del simpatico.

Se tu ti ecciti, hai la stimolazione del simpatico per qualunque ragione – emozionale, fatica… -

andando ad aumentare l’attività fisica, cardiaca, l’attività respiratoria perché c’è il controllo del

simpatico sul bulbo e anche sul surrene. Adesso bisogna vedere che effetto ha l’adrenalina messa in

circolo, in quanto tempo si ha la risposta. In alcuni casi hai risposte, di qualunque tipo –

plasmatiche, di variazioni di ormoni - , di pochi minuti, altre dopo alcune ore e altre a distanza

anche più lunghe. Bisogna andare a vedere l’effetto di queste variazioni che non sono tutte uguali,

non durano tutte 5 minuti, alcune sono anche immediate, altre sono molto lunghe per una serie di

ragioni. La midollare del surrene è l’ultima propaggine del s.nervovo simpatico, che agisce

ovunque. Sistema Endocrino

Il sistema nervoso in sé, fatto di neuroni, è un sistema di comunicazioni tra cellule attraverso le

sinapsi di vario tipo, eccitatorie o inibitorie, attraverso una serie di neuromediatori. ‘E il sistema di

comunicazione più rapido che abbiamo perché si attua attraverso dei potenziali elettrici e quindi la

velocità di propagazione di segnali, da cellula a cellula, è il più rapido che c’è. A livello di sinapsi

c’è un rallentamento di conduzione del segnale perché c’è uno spazio tra le due membrane pre- e

1


PAGINE

4

PESO

32.83 KB

AUTORE

flaviael

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia (ordinamento U.E. - durata 6 anni) (CASERTA, NAPOLI)
SSD:
Docente: Brizzi G.
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher flaviael di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Fisiologia e Biofisica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Seconda Università di Napoli SUN - Unina2 o del prof Brizzi G..

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Fisiologia e biofisica

Fisiologia e biofisica - la memoria
Appunto
Fisiologia e biofisica - vasi sanguigni
Appunto
Fisiologia e biofisica - circolazione sanguigna
Appunto
Fisiologia  e biofisica - recettori tattili, termici, dolorifici
Appunto