Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

AUTORE DEL RIASSUNTO: Alessandro Pometto (a.a. 2013/2014)

ARGOMENTI:

 La ragione moderna nell’occidente

 La logica classica e quella modale

 Il linguaggio

 Le teorie giuridiche con autori principali (Giusnaturalismo; positivismo; realismo)

 La semantica cognitiva

 La morale 1

FILOSOFIA DEL DIRITTO

Fenomenologia (Husserl) ≠ Filosofia analitica (Wittgenstein), che tratta lo studio dei temi partendo dallo

studio del linguaggio. In Italia Bobbio, Tarello (Guastini), Scarpelli (Jori), Conte (Rossetti…)

Diritto positivo (positum = posto, dal legislatore umano) si contrappone al diritto naturale (non posto, ci

arriva da Dio o dalla Ragione, v. Locke e Hobbes). Il diritto naturale italiano è fondamentalmente legato alla

religione cattolica (D’agostino, Cotta)

di Lutero a Wittenberg rompono l’idea unica di una sola religione. Come possono idee

Nel 1518 le tesi

diverse di una divinità fondere un diritto naturale comune? Ciò che accomuna tutti rimane la ragione

Nel 1900 nasce il positivismo giuridico con Hart e Kelsen

Una terza grande teoria è il realismo giuridico: il diritto come sequenza di decisioni dei giudici. È il sistema

di common law, nel quale il giudice non si limita ad applicare la legge come nella civil law.

Quindi, le tre maggiori teorie giuridiche sono: positivismo, naturalismo e realismo giuridico.

L’ontologia sociale è lo studio degli oggetti sociali (es, il denaro) che non riducono la loro essenza alla

forma ma hanno a che fare intrinsecamente con un insieme di regole

Università moderna: definita da Kant nel Conflitto delle facoltà (universitarie), deve essere liberamente

accessibile e finanziata con denaro pubblico (ricerca non condizionata da ragioni economiche). Gerarchia

universitaria: laureati, dottori, ricercatori, professori associati e ordinari -> comunità di dotti che studiano e

si interessano a trasmettere il sapere, ed è una comunità autonoma perché sui dotti in quanto tale solo i dotti

possono giudicare.

 L’università all’interno dello stato non ha un potere ma nessuno può limitare la sua libertà di ricerca.

all’interno dello stato perché è il

Deve mantenere una funzione di critica luogo dove la ragione deve

essere autorizzata a parlare in pubblico. Le convinzioni non devono essere imposte da nessuno.

 “università senza condizione”:

Derridà riprende il discorso di Kant in distingue tutte le altre istituzioni

di ricerca dall’università perché quelle hanno uno specifico scopo (spesso economico), mentre in

università si fa ricerca pura, non deve essere rivolta per forza ad una immediata applicabilità. La vera

università esiste solo negli stati democratici perché solo qui è riconosciuta libertà accademica.

problemi dell’istruzione) dice che ciò che non è più condivisa è

John Searle (occidente e multiculturalismo:

l’idea di ragione da dopo la seconda guerra mondiale. Possono esserci diversi tipi di razionalità connesse

alla cultura. Nella cultura occidentale è al centro la ragione che presenta 6 caratteristiche:

1. La realtà esiste indipendentemente dalle rappresentazioni umane

2. Almeno una delle funzioni del linguaggio è quella di comunicare

3. La verità è un problema di accuratezza della rappresentazione

4. La conoscenza è oggettiva

5. Logica e razionalità sono formali

6. Gli standard intellettuali non sono alla portata di tutti

LA REALTA’ ESISTE INDIPENDENTEMENTE DALLE RAPPRESENTAZIONI

1) UMANE:

l’unico modo che abbiamo di percepire la realtà è

Questo non è scontato, nasce nel 600 con Cartesio:

attraverso gli occhi, e se c’è qualche distorsione nella nostra visione non possiamo capirlo. Non sappiamo se

ciò che vediamo esista davvero così. Noi presupponiamo che ciò che vediamo esista, ma non possiamo

dimostrarlo. Ed è la presupposizione che fonda l’idea di razionalità occidentale 2

2) ALMENO UNA DELLE FUNZIONI DEL LINGUAGGIO E’ QUELLA DI COMUNICARE

La funzione comunicativa non è forse la più importante nel linguaggio, esso ci permette di vedere il mondo

in un determinato modo. La funzione primaria del linguaggio è la capacità rappresentativa della realtà, e

solo dopo viene la comunicazione delle situazioni relative agli oggetti (che esistono indipendentemente dal

linguaggio)

3) LA VERITA’ E’ UN PROBLEMA DI ACCURATTEZZA DELLA RAPPRESENTAZIONE

Idea di verità come corrispondenza. Non importa tanto la veridicità di ciò che si dice, quanto la

rappresentazione efficace di ciò che vediamo. Non è sempre necessaria accuratezza scientifica nei discorsi.

4) LA CONOSCENZA E’ OGGETTIVA

Il discorso razionale deve avere come obiettivo una conoscenza oggettiva che non dipende dalle

rappresentazioni particolari, e anche se non ci si riesce, il discorso razionale deve almeno tenderci. Una

rappresentazione che può essere ritenuta valida anche da chi inizialmente non lo pensava

5) LOGICA E RAZIONALITA’ SONO FORMALI

La correttezza di un ragionamento non dipende dall’oggetto di cui si parla. È la forma del discorso che

lo rende razionale, non il suo contenuto. Un discorso può essere razionalmente giusto, ma falso. Questo è

evidente nel processo (penale soprattutto) in cui anche applicando le giuste procedure non si può garantire

l’innocenza o colpevolezza.

6) GLI STANDARD INTELLETTUALI NON SONO ALLA PORTATA DI TUTTI

Come per le doti fisiche, non tutti hanno le stesse capacità cognitive. Benché tutti gli uomini sono

razionali, non tutti riescono a raggiungere gli stessi gradi di razionalità. E questi gradi di razionalità possono

essere classificati (insegnante che mette i voti) LA LOGICA

sono diverse, non c’è nessuna relazione necessaria tra ciò che esiste e ciò che è

Logica e razionalità

razionale. La logica è in senso tecnico formale, e la correttezza formale dipende soltanto dalla correttezza

del ragionamento.

Nel sillogismo, se sono vere le premesse la conclusione non può che essere vera (logica deduttiva). Ma

come si verifica la verità delle premesse? Corrispondenza con la realtà: osservazione di vari casi che mi

portano a pensare che sia sempre così = induzione

 Induzione: dallo speciale al generale, vero finché non si trova il contrario

 Deduzione: dal generale allo speciale, se è corretto è vero

 Abduzione: osservazione di tante realtà diverse per un caso particolare (Sherlock Holmes)

l’algebra con i sillogismi,

A metà 800 Boole cerca di rappresentare e riesce. È possibile ridurre la

(teoria dell’incompletezza) dimostra

matematica a logica? No, ma forte corrispondenza. Nel 1931 Godel che

non tutta la matematica è logica. Il grande progresso che Boole fa compiere alla logica e la tematizzazione

della divisione tra piano semantico e piano sintattico: il logico inglese riconosce che la validità del processo

dei

di analisi non dipende dall’interpretazione simboli che sono utilizzati, ma unicamente dalle leggi sulla

loro combinabilità. Esplicitazione della connessione tra logica e matematica.

l’enunciato è descrittivo

Molti enunciati che usiamo non sono descrittivi della realtà. Se si può vedere se è

(domande, promesse…) è difficile stabilire se sono veri o

vero o falso. Ma per altri enunciati non descrittivi

falsi e si può non riuscire. 3

 Se l’enunciato descrittivo serve per dare un giudizio estetico dipende se estetica oggettiva, soggettiva o

intersoggettiva

 Worph e Shapir studiano linguaggio dei nativi americani in cui esistono 4 parole per descrivere i colori

(li distinguono tutti ma non hanno parole per descriverli). Questo perché in molti casi non serve il

massimo grado di precisione per descrivere la realtà. Sono enunciati descrittivi che usiamo tutti i giorni

senza il massimo grado scientifico e questo spesso è determinato da contesto e necessità (la verità è

implicita nel discorso).

o Per il diritto, che un enunciato sia scientificamente vero è giuridicamente irrilevante (le

prove non parlano finché il diritto non gli dà la parola)

 Solo per gli enunciati descrittivi vale il sillogismo. Con Boole si scopre che ci sono processi per

arrivare a conclusioni senza logica aristotelica.

Wittgenstein cambia la prospettiva dei filosofi quando si approcciano al linguaggio (ordinario). Era allievo

di Russell (formalizzazione logica della matematica). Secondo Wittgenstein se non sono enunciati descrittivi

con valore scientifico non bisognerebbe parlare. E il linguaggio gestuale (Sraffa)?

È possibile applicare la logica al linguaggio. Prendiamo P e Q come due enunciati descrittivi (proposizioni

atomiche) che rappresentano un singolo stato di cose, e li mettiamo in relazione con dei connettivi, formando

così delle proposizioni con un valore di verità che dipende anche dalla verità delle proposizioni atomiche.

L’implicazione si può tradurre come “se… allora”, quindi per esempio:

P Q PeQ PoQ P>Q

V V V V V piove (Pv) allora porto l’ombrello (Qv) è vera

Se

V F F V F piove (Pv) allora non porto l’ombrello (Qf) è falsa

Se

F V F V V se non piove (Pf) resta vero sia portare o non portare l’ombrello

F F F F V Mentre

l’idea di riformare il linguaggio ha molto successo verso il XX secolo (es, con l’Esperanto, lingua comune a

tutti gli esseri umani). Rispetto ad una lingua naturale, l’esperanto è completamente costruita a tavolino.

Diversi tipi di linguaggio:

 Naturale: si impara senza studiare, è la nostra lingua madre

 Artificiale:

 Scientifico: non vuole assomigliare a quello naturale ma ha scopo preciso di descrivere uno

specifico ambito

 Non scientifico: stessa funzione di quello naturale, ma costruito a tavolino (esperanto,

klingoniano…)

E il diritto? Si innerva sul linguaggio naturale comune, ma non è esclusivamente naturale perché i termini

che costituiscono il linguaggio naturale sono:

 Polisemici: hanno più significati

 Ambigui: a parità di enunciato, finché non è chiaro il contesto potrei non capire

 Vaghi: possibilità di descrivere un oggetto con un termine

Queste tre caratteristiche rendono il linguaggio ordinario espressivo (pregio) ma sono anche il suo limite

(difetto, per il diritto).

Per cui, se il diritto si basa unicamente sul linguaggio naturale, allora anche il linguaggio del diritto sarà

polisemico, ambiguo e vago. Non sarebbe poi possibile riformare il diritto in un linguaggio scientifico

(specialmente nei paesi democratici) per cui il diritto non sarebbe conoscibile da tutti. Anche se spesso nel

4

diritto chi parla lo fa per vincere, non per dare la verità, e quindi potrebbero far comode le caratteristiche del

linguaggio naturale.

Per cercare di ridurre il più possibile l’indeterminatezza, il diritto da dei significati specifici alle parole (es, il

termine interessato nella l. privacy). Sono definizioni stipulative, che danno a determinate parole un

significato specifico. Attraverso queste definizioni, il diritto cerca di disciplinarsi. Il diritto può quindi

considerarsi un linguaggio amministrato. Il legislatore e i giudici pongono la definizione delle parole, e la

dottrina non ha mai lo stesso valore.

≠ dal linguaggio naturale che non è amministrato, nella maggior parte dei casi il significato è condiviso

(una delle funzioni del linguaggio è comunicare; solipsismo: impossibilità di capirsi). Se fosse amministrato

non ci si potrebbe più capire perché ognuno attribuirebbe significati diverse alle parole.

Quadrato di opposizione di Apuleio: nella logica aristotelica classica, 4 tipi di enunciati fondamentali:

A: universale positivo (tutti gli uomini sono bianchi); I: particolare positivo (alcuni uomini sono bianchi); E:

universale negativo (nessun uomo è bianco); O: particolare negativo (alcuni uomini non sono bianchi);

A E rapporto tra A-E: contrarietà (se A è vero E è falso, se A è falso E?)

(se uno è vero l’altro è falso)

Rapporto tra A-O: contraddittorietà

I O

In questo modo, se agli enunciati descrittivi sostituiamo enunciati prescrittivi, cosa succede? (Operatori

deontici, dovere) -> O: obbligatorio; V: vietato; P: permesso; F: facoltativo ( v. logiche modali)

Vp Vp ≡ O┐p (vietato fumare equivale a obbligo di non fumare)

Op Pp ≡ ┐O┐p

Fp ≡ ┐Op

Pp Fp

Se esiste l’obbligo di fare p, non può essere vietato di non fare p. mentre se non c’è l’obbligo, p può essere

comunque permesso: relazione di contrarietà. Se è obbligatorio non è facoltativo, e viceversa: relazione di

contraddittorietà.

Di un enunciato prescrittivo non si può predicare la verità o la falsità. I predicati che si possono applicare alle

norme corrispondono a 3 diverse concezioni del diritto (Bobbio):

 Giustizia: giusnaturalismo, si può comprendere con il confronto con altre norme o principi;

 l’iter prestabilito

Validità: giuspositivismo, la norma è valida se per essere promulgata ha seguito da

altre norme. Il diritto è un sistema autopoietico (che produce se stesso). La logica tradizionale non è

applicabile perché non vale il principio di contraddizione, infatti tendenzialmente il legislatore è

coerente ma è possibile che in un ordinamento ci siano due norme valide ma in contraddizione;

 Efficacia (o effettività): realismo giuridico, x Kelsen hanno lo stesso significato, ma prima:

o Norma effettiva viene effettivamente seguita da consociati o sanzioni effettive

o È efficace se realizza lo scopo per cui è stata creata 5

Tutti i facchini devono portare i bagagli. Pippo è un facchino, pippo deve portare i bagagli. Questa frase non

funziona dal punto di vista logico perché la premessa maggiore e la conclusione sono prescrittive, mentre la

premessa minore è descrittiva. Si mettono insieme enunciati di cui è possibile predicare verità e falsità con

altri per cui non è possibile. Questo è invece possibile nel diritto, per cui ammettiamo come valide delle

inferenza che nella logica non sarebbero valide. Ci sono due tipi di relazioni tra logica e diritto

(contrapposti da Bobbio):

 Logica deontica (G.H. Von Wright 1951 deontic logic): tentativo di studiare le strutture logiche

senza le quali non sarebbe possibile articolare discorsi razionali giuridici. Per esempio, Op > Pp: se

una cosa è obbligatoria implica anche che sia permessa

 Logica dei giuristi: studio dei modi in cui effettivamente i giuristi argomentano. Presuppone logica

deontica. Può variare da sistema a sistema.

All’interno della frase, possiamo distinguere tra enunciati, proposizioni ed enunciazioni. Esse sono parte

dello studio della linguistica.

 Enunciato: componenti materiali della frase (una sorta di analisi grammaticale), suppositio formalis,

interessa la funzione che svolgono gli elementi della frase. è lo studio della sintassi.

 Proposizione: predicare della frase la verità o la falsità. Quelle di cui è possibile farlo sono dette

apofantiche. Non lo sono quelle del diritto, che sono anapofantiche. È lo studio della semantica.

 vedere l’uso e la funzione di una frase quando viene effettivamente pronunciata in un

Enunciazione:

determinato contesto. È lo studio della pragmatica, ed è il punto di vista più rilevante per il diritto,

per cui lo studio delle norme dal punto di vista del linguaggio è possibile solo con lo studio degli

enunciati. Attraverso di essi si può descrivere l’esistenza di un obbligo. Non posso ignorare il

contesto in cui l’enunciato viene effettivamente prodotto.

Teoria standard del significato: una proposizione ha significato, ma il significato ha 2 livelli:

è l’oggetto

1. Livello del riferimento: a cui il senso linguistico rinvia

2. Livello del senso: il modo in cui un oggetto viene indicato

Per es, creature con reni è ≠ da creature con cuore. In realtà non è diverso l’oggetto perché entrambe si

riferiscono alle stesse creature (chi ha reni ha anche il cuore), sono solo indicati in modo diverso.

 Ogni parola è associata ad un senso

 Parole con sensi diversi possono avere il medesimo riferimento (sinonimi)

 Il senso determina ciò a cui la parola si riferisce (il contesto seleziona il senso specifico)

 Sensi identici non possono indicare riferimenti diversi

Il linguaggio del diritto deve essere chiaro (1 parola, 1 significato) non elegante. Lo sforzo di un testo

scientifico è quello di eliminare ogni ambiguità (al contrario di quello poetico che mira a infiniti significati).

la funzione del linguaggio dell’avvocato è persuadere, creare frasi per cui non si possa dire

Anche se in realtà

con certezza se sia vero o falso ciò che afferma

 Le proposizioni sono portatrici di significati --> le norme sono logoidali (fatte di parole, frasi)

Norme:

 Apofantiche:

o Direttamente: anche della norma si può predicare verità o falsità, ma il riferimento è alla realtà

deontica che preesiste la norma. Giusnaturalismo, la realtà deontica è creata da entità non umane.

Anche una norma positiva è vera, se e solo se corrisponde ad una norma posta per es. da Dio. La

realtà deontica non è posta, preesiste 6

o Indirettamente: un enunciato può avere una forma prescrittiva ma in realtà descrive una realtà

deontica (es, il rettore dice è vietato fumare, e le altre enunciazioni avranno come riferimento

quella: qui è vietato fumare? Si è vero), quindi si può dire se è vero o falso. Uguaglianza

sintattica tra enunciazione descrittiva e prescrittiva. Von Wright. Positivismo. La realtà deontica

è posta dall’essere umano, e può essere posta anche nel medesimo enunciato.

 Anapofantiche:

o Delle norme non si può predicare niente. Intrinsecamente anapofantiche, le norme sfuggono a

qualsiasi possibilità di formalizzazione logica

qualcos’altro di

o Delle norme si può predicare analogo alla verità o falsità. Validità, giustizia,

efficacia. Più forte il valore di validità perché al suo interno c’è già un tentativo di

L’antinomia è possibile nel diritto, infatti ci sono norme apposta per

formalizzazione.

coordinare norme contraddittorie e contemporaneamente valide. Tentativi di trattare le norme

con gli strumenti della logica formale viene a fallire, nei fatti assiomatizzare le norme è privo di

senso, nella migliore delle ipotesi si possono trovare dei criteri che non possono essere violati se

voglio produrre discorsi giuridici coerenti (per. Es se una cosa è obbligatoria è anche permessa).

Ridurre le norme a logica vorrebbe dire fare come nella matematica (tipo sommare le norme, se

il risultato è sbagliato si è sbagliato ad applicare le formule, ma cmq non è possibile).

Delle norme si può anche verificare: ≠ matematica, un teorema non è vero

Verità: verità di corrispondenza (la mela è rossa se e solo se è rossa).

perché rispetta una corrispondenza ma perché ho rispettato un insieme di regole.

Verificabilità: condizioni per cui si riesce a verificare che qualcosa sia vero o falso. Regole di procedura,

insieme di regole che fanno capire come un enunciato è vero. Tutti gli enunciati apofantici e di

corrispondenza sono anche verificabili? Per es dio esiste, potenzialmente si può dire vero o falso ma non si

possono specificare condizioni per cui sia vero o falso.

Vero-funzionalità: tavole di verità, il valore di verità di un enunciato atomico non dipende dal suo

significato. La verità di una proposizione dipende dalla verità delle proposizioni che la compongono.

Tentativo di ridurre il diritto a entità vero funzionali. Magari si riesce a ridurre piccoli insieme di norme

minori.

La ripartizione aristotelica (nato a Stagira, maestro di Alessandro Magno) del sapere:

 Teorico: migliore di tutti, astratto, si parla unicamente di verità. Es. matematica, filosofia

 Pratico: ha a che fare con le azioni degli uomini quando agiscono in società

o Etica non c’entra con la morale, che è tipica

o Diritto: della politica. Il diritto può essere puro.

o Politica

 Tecnico: ha a che fare con la produzione delle cose.

 (gnoseologia) è il modo in cui gli uomini conoscono la realtà ≠

Epistemologia Ontologia è lo studio di

ciò che esiste, indipendentemente dal modo in cui gli uomini conoscono. Nessun legame necessario fra

i due. Per esempio la prova ontologica dell’esistenza di Dio di sant’Anselmo non vale, perché col fatto di

poter concepire qualcosa non vuol dire che esista, l’esistenza non è un attributo. 7

La logica classica è fondata su ipotesi semantiche che ne caratterizzano la semplicità:

 Bivalenza: i valori di verità degli enunciati sono vero e falso, non altri.

 Vero-funzionalità: il valore di verità di un enunciato dipende dalla verità dei suoi componenti

 Separazione tra semantica e sintassi

 Estensionalità: i significati dei complessi linguistici sono identificabili con le loro estensioni

Ci sono però degli operatori non verofunzionali, gli operatori modali. La modalità è il modo in cui il parlante

si pone rispetto alla verità di ciò che dice; oppure è il modo in cui la verità di una proposizione dipende dal

modo in cui è stata predicata. Non è sufficiente la verofunzionalità per le Logiche modali:

 Aletica: ciò che è necessario

 Deontica: ciò che è obbligatorio

 Epistemica: ciò che si crede IL LINGUAGGIO UMANO

Tutti gli animali hanno un linguaggio, ma quello umano è diverso da tutti gli altri. Innanzitutto gli animali

non hanno struttura fisica per produrre dei suoni da pronunciare, anche se cmq si fanno capire. Il linguaggio

degli animali si basa sui segni, perché il segno assume il suo significato in base alle condizioni in cui è

emesso.

Noi umani non produciamo un’unica serie di suoni, possiamo emettere suoni molto diversi tra loro anche se

non infiniti. Il nostro apparato è in grado di emettere circa una quarantina di suoni diversi, chiamati fonemi.

all’interno di una parola: es, la differenza

Sono i suoni che possono determinare la diversità di significati

tra PANE e CANE è data da un unico fonema. A lingue diverse corrispondono insiemi di fonemi diversi.

C’è una tribù amazzonica con pochissimi fonemi, per cui hanno un linguaggio talmente semplice che non

sembra possibile che possano concepire entità astratte, tipo Dio, la matematica o il diritto. Entità che nascono

quando il linguaggio umano assume un certo tratto di complessità. Idea di diritto connaturata al

linguaggio che noi parliamo.

Le parole hanno funzione simbolica oltre che segnica, possono indicare qualcosa anche al di là di un

contesto (al contrario del linguaggio animale). Il linguaggio umano è discreto perché i suoni si possono

contrapporre l’uno all’altro per dare significati diversi (pane e cane), contrapposto alla continuità del

linguaggio animale che comunque non produce fonemi.

 Caratteristiche del linguaggio umano:

(entro limiti ben precisi) ≠ Continuità

1. Discretezza

2. Doppia articolazione:

Non c’è nessun motivo o regola prestabilita per decidere il modo in cui le lettere si combinano

a. fra loro in una lingua

Non c’è nessun motivo logico per cui una parola abbia quel significato, non c’è relazione tra

b. la

parola e la cosa (si invece nella magia) mi ha colpito…) potenzialmente non

3. Ricorsività: (Maria mi ha colpito, i ragazzi hanno detto che Maria

c’è limite alle frasi che possiamo costruire, solo nel linguaggio umano si può aggiungere un pezzo al

discorso senza che esso cambi significato. Nessun linguaggio scientifico ha questa caratteristica 8

Competenza ≠ esecuzione: Anche se dal punto di vista della competenza posso continuare all’infinito,

4. l’esecuzione è sempre necessariamente finita. Siamo competenti nella nostra lingua naturale per cui

possiamo riconoscere ogni esecuzione anche se non l’abbiamo mai sentita.

 La competenza linguistica è particolare. Il modo in cui apprendiamo la nostra lingua madre è un

mistero. Teoria di Chomsky: il cervello umano è fatto in modo da imparare il linguaggio, l’uomo

non è l’animale che parla ma quello che impara a parlare una lingua specifica.

5. Grammaticalità: conseguenza della competenza, grammaticalmente ci sono regole per produrre

enunciati validi in una lingua.

Il linguaggio è ciò che accomuna tutte le lingue. Ci sono caratteristiche comuni a tutte le lingue, che la

linguistica predilige considerare sotto forma orale e non scritta perché:

 Esistono lingue parlate non scritte

 Il bambino impara a parlare e non a scrivere

 La lingua parlata cambia, la scrittura è una registrazione del modo in cui ciò avviene

 Legame indissolubile negli ordinamenti moderni tra lingua scritta e diritto

 Ogni lingua è stratificata: ci sono diversi modi per parlare la stessa lingua e ognuno è almeno

potenzialmente in grado di esprimersi in tutti i registri. I promessi sposi sono lo standard dell’italiano,

che prima di allora non esisteva (lingua scritta che diventa ufficiale di un paese che ancora non esisteva)

 Langue ≠ Parole (Saussure, inventore della linguistica moderna). La Langue è il sistema linguistico

astratto). La Parole è l’effettiva esecuzione di una parola.

parlato da un insieme di parlanti (es italiano La

Parole senza langue non esiste, bisogna fare riferimento al contesto in cui la parole è detta.

Conoscere una lingua vuol dire conoscere anche la sua enciclopedia e non solo il dizionario, cioè le

informazioni che non si possono desumere dalle parole.

 Codice e messaggio. Il codice fornisce le unità di base che permettono di costruire il messaggio. I

fonemi sono messi insieme per costruire i messaggi. Tutte le lingue hanno questa struttura.

 Non c’è esecuzione senza competenza.

Competenza ed esecuzione. La competenza su un certo

linguaggio è una conoscenza che si assume nei primi anni di vita è diversa da tutti i tipi di conoscenza.

Le competenze specifiche di un parlante sono: fonologica, morfologica, sintattica, semantica.

 Fonologica: riconosciamo subito il modo corretto in cui si mettono insieme le lettere nella ns lingua

 –

Morfologica: capire la forma della parola e modificarla correttamente (dolce-dolcemente si, ferro

ferroviariamente no). Anche la competenza di mettere insieme + parole per formarne una.

 Sintattica: modo in cui mettiamo insieme le parole in un enunciato

 Semantica: significato che intercorre tra le parole. Il parlante sa riconoscere il significato delle

sono sinonimi). Capire come le parole devono stare all’interno di un

parole. (Avaro e spilorcio

enunciato a seconda del loro significato.

Ci sono lingue più evolute o più logiche di altre? No, non ci sono differenze. Pregiudizi anche tra lingua e

difficoltà delle lingue: per i bambini non c’è differenza, la diversità e la difficoltà

dialetto. Pregiudizi sulla

della lingua si considera solo partendo da quella madre, il cui apprendimento è indifferente. 9

I MODELLI MENTALI E I GIUDIZI MORALI (ZAMBON E BUCCIARELLI)

 Teoria dei modelli mentali di Johnson-Laird: quando sentiamo un enunciato ci creiamo un modello

mentale, e questo vale per gli enunciati descrittivi. Il modello mentale può essere sempre più

perfezionato a seconda delle informazioni che abbiamo.

 sono uguali? Riusciamo a visualizzare l’oggetto o l’azione oggetto di

Per gli enunciati prescrittivi

divieto e lo pensiamo come non consentito. La nostra mente può tenere conto del divieto.

 Per i beni immateriali abbiamo dei modelli concettuali. Non riusciamo a visualizzare immediatamente

tutti i significati che si collegano per esempio al diritto di proprietà.

 Comunque non tutte le norme sono entità linguistiche (es consuetudini)

 Teoria dei modelli mentali per i giudizi morali: alla base del giudizio il ragionamento, non esistono

procedimenti prestabiliti. Ragionamento deontico applicato ai contenuti morali

 Principio di indefinibilità della morale: le proposizioni sono morali in base alla nostra specifica

conoscenza. Ragionare in modo deontico non dipende da procedimenti speciali

 Principio dei sistemi indipendenti: emozioni e valutazioni deontiche si basano su sistemi indipendenti

che possono viaggiare in parallelo

 Principio di ragionamento deontico: tutte le valutazioni deontiche dipendono da inferenze (intuizioni o

ragionamento)

 Principio di inconsistenza della morale: possiamo intrattenere senza saperlo delle credenze che sono

tra loro in contraddizione LE TEORIE GIURIDICHE

Come le persone effettivamente pensano le norme e il diritto

IL GIUSNATURALISMO (MODERNO), è la visione del diritto dal punto di vista della giustizia (ciò a cui

l’ordinamento dovrebbe tendere per essere giusto)

Nel Seicento il problema del diritto ed il problema della politica sono inestricabilmente collegati. È il

problema politico di trovare una giustificazione teorica per porre fine alle guerre di religione che hanno

squassato l’Europa tra XVI e XVII secolo quello che i filosofi che si occupano di diritto naturale cercano di

risolvere. Si tratta di trovare le regole essenziali alla creazione e al mantenimento di uno stato, regole che

siano necessariamente obbliganti, indipendentemente dalla morale o dalla religione dei cittadini.

Non esistono né un’unica dottrina né un’una scuola di diritto naturale. Esiste solo, tra Cinquecento e

Seicento, una serie di pensatori che si occupano del problema della convivenza pacifica tra esseri umani

diversi per cultura e religione.

sono l’atto che in Europa cambiano l’idea di divinità.

Le Tesi di Lutero Il giusnaturalismo antico trova la

nell’idea di Dio. Se è diversa l’idea di Dio è diversa l’idea di diritto naturale,

sua fondazione che si basa

sulla ragione, mentre Dio è concepito come essere immensamente razionale.

Aristotele: tutti gli uomini sono razionali. Quindi possono conoscere il diritto naturale, che è razionale.

Ragione come strumento per conoscere il diritto posto da Dio ma anche come sua fondazione

Tutti i tipi di giusnaturalismo sono accomunati da 7 caratteristiche (il modello giusnaturalistico, Bobbio):

L’uomo è tendenzialmente buono o tendenzialmente cattivo. La

1- Presupposta antropologia filosofica.

concezione dell’uomo determina la concezione del diritto naturale 10


ACQUISTATO

6 volte

PAGINE

24

PESO

579.29 KB

AUTORE

bigpome

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in giurisprudenza
SSD:
A.A.: 2014-2015

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher bigpome di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Filosofia del diritto e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Milano Bicocca - Unimib o del prof Rossetti Andrea.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Filosofia del diritto

Lezioni, Filosofia del diritto
Appunto
Appunti Filosofia
Appunto
Filosofia del diritto (Kelsen e Nino)
Appunto
Filosofia del diritto
Appunto