Che materia stai cercando?

Fattore Lavoro

Appunti di ragioneria generale e applicata basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni del prof. Montanini dell’università degli Studi del Politecnico delle Marche - Univpm, facoltà di Economia, Corso di laurea in economia e commercio. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Ragioneria generale e applicata docente Prof. L. Montanini

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

FATTORE LAVORO

Il rapporto di lavoro dipendente

I rapporti con il personale dipendente rientrano nell’ambito dell’organizzazione e gestione delle risorse umane, che

rappresenta un’attività importante per il governo delle imprese. Il fattore produttivo acquisito dall’impresa è

costituito dalle prestazioni di lavoro che comprendono sia le attività che derivano dal lavoro manuale ed

esecutivo, sia dalle attività derivanti dal lavoro intellettuale.

Il personale dipendente, fornitore di forza lavoro, riceve dall’impresa un flusso di ritorno composto

essenzialmente da denaro, o comunque da forme di pagamento per la prestazione. Nella prassi i due flussi sono

caratterizzati da un’asincronia temporale, poiché l’utilizzo del fattore lavoro nel processo produttivo avviene,

nell’arco di un dato periodo, in maniera graduale e continua, in anticipo rispetto alle uscite di denaro che si

verificano a intervalli e scadenze predefinite. Dal punto di vista amministrativo, il rapporto che s’instaura

s’inquadra nell’ambito di un’articolata normativa in cui effetto ultimo è quello di segmentare il costo di

acquisizione del fattore lavoro in varie componenti.

Le disposizioni giuridiche di riferimento consistono in alcuni articoli del Codice civile, in alcune leggi speciali,

nei contratti collettivi nazionali di lavoro e i contratti aziendali.

Contratti collettivi nazionali (CCNL) – vengono stipulati fra le categorie sindacali dei soggetti interessati, hanno un’efficacia

generale e determinano in dettaglio il rapporto di lavoro, definendo aspetti economici-retributivi, diritti e doveri delle parti,

condizioni qualitative di svolgimento del lavoro e la frequenza dei rinnovi degli accordi.

Contratti a livello aziendale – hanno validità più limitata rispetto i precedenti essendo stipulati fra il singolo datore di lavoro

e la rappresentanza sindacale presso la propria impresa e disciplinando il rapporto unicamente all’interno dell’impresa stessa.

L’unico vincolo alla loro stipulazione è l’obbligatoria previsione di condizioni più favorevoli ai lavoratori rispetto al

contratto collettivo di categoria.

La struttura del costo del lavoro per l’impresa si compone da quattro voci raggruppabili in:

1. Retribuzione diretta

2. Retribuzione indiretta

3. Contributi sociali e assicurativi

4. TFR

Il complesso di rilevazioni trova riscontro, oltre che nella contabilità generale, in appositi registri che per legge

l’impresa deve tenere e aggiornare costantemente. Questi sono rappresentati da:

 Registro/libro unico, in cui sono indicati i lavoratori subordinati assunti dall’impresa con i relativi dati

anagrafici e lavorativi, e in cui devono essere trascritte tutte le indicazioni collegate alla liquidazione delle

spettanze al singolo lavoratore come le presenze, le ore di lavoro e, distintamente, le ore di straordinario,

l’ammontare delle retribuzioni, delle ritenute fiscali ecc.

 Registro/libro degli infortuni sul lavoro, per l’annotazione cronologica degli infortuni avvenuti all’interno

dell’impresa e dei relativi estremi.

Il flusso di dati provenienti dalle scritture elementari, derivanti dai fogli di presenza e il libro paga, perviene dalla

contabilità generale che lo rielabora secondo varie procedure. È importante osservare che la dinamica di valori e

variazioni proposta per il costo del lavoro nel suo insieme è valida e riproponibile per tutti gli elementi, infatti, a

ognuno di essi sono associabili una fase di liquidazione delle componenti di costi ed una fase di regolamento del

debito.

La liquidazione periodica delle retribuzioni

La retribuzione diretta

Si parla di retribuzione diretta per le competenze spettanti ai dipendenti commisurate al periodo di effettiva

prestazione lavorativa. Essa viene liquidata generalmente mensilmente e calcolata con riferimento al singolo

dipendente sulla base delle ore o giornate di presenza nel mese. Analiticamente comprende:

a. La paga base, come risultante dalle previsioni dei CCNL di lavoro di categoria 1

b. L’indennità di contingenza, cioè il meccanismo che un tempo prevedeva l’adeguamento automatico di

salari e stipendi alle variazioni dell’indice ISTAT del costo della vita. Oggi, tale adeguamento non è più

operante, e per questo in alcuni contratti di lavoro l’indennità è stata assorbita nella paga base.

c. Gli scatti di anzianità

d. Gli eventuali integrazioni retributive accordate per gratificare una specifica professionalità

e. Gli altri elementi specifici per mansioni e per contratto

Oltre al pagamento delle spettanze nette occorre rilevare ad ogni liquidazione altre operazioni di carattere

eventuale o obbligatorio quali:

a. La liquidazione degli assegni familiari

b. Lo storno, dalle retribuzioni lorde, di somme che l’impresa è autorizzata o obbligata a prelevare alla fonte a

vario titolo

c. Il versamento di tali ritenute agli enti autorizzati a riscuoterle

Per calcolare la retribuzione spettante al lavoratore si utilizza la busta paga, ossia un prospetto riepilogativo per la

determinazione della retribuzione netta spettante a un lavoratore dipendente e si compone, di norma:

Retribuzione base

+ Scatti di anzianità

+ Premi di produzione

+ Lavoro straordinario

+ Ferie e Permessi

= Retribuzione lorda (imponibile contributivo ai fini INPS)

- Ritenute previdenziali (INPS) a carico del lavoratore dipendente

= Imponibile fiscale

- Ritenuta fiscale per imposta sul reddito (IRPEF) a carico del lavoratore, determinata in funzione dell’imponibile fiscale

+ Assegni per il nucleo famigliare

- Acconti già percepiti o altre ritenute (es. ritenute sindacali)

= Retribuzione netta percepita dal lavoratore dipendente

Prima ancora di rilevare la determinazione della retribuzione diretta, la contabilità può essere interessata per la

.

concessione di anticipi sulla retribuzione, riconosciuti ad alcuni dipendenti

Liquidazione

 Concessione di anticipi al personale

VF+ Dipendenti c/anticipi*

VF- Banca c/c

* la scrittura da luogo ad una permutazione finanziaria essendo un’operazione assimilabile ad un finanziamento

accordato dall’impresa ai dipendenti. Su queste somme non si calcola né si effettua la ritenuta fiscale e si provvede

in un’unica soluzione con la busta paga del periodo.

 Liquidazione mensile delle retribuzioni lorde

VE- Salari e stipendi

VF- Dipendenti c/retribuzioni

 Liquidazione degli assegni famigliari ossia, una forma d’integrazione salariale, per i dipendenti che hanno

familiari a carico, che viene erogata dal datore di lavoro per conto dell’INPS.

VF+ INPS c/competenze

VF- Dipendenti c/retribuzioni 2

 Applicazione delle ritenute previdenziali a carico dei dipendenti

VF+ Dipendenti c/retribuzioni Tutte le scritture di

VF- INPS c/competenze liquidazione delle ritenute

costituiscono delle

 Applicazioni delle ritenute sindacali permutazioni finanziarie

VF+ Dipendenti c/retribuzioni

VF- Sindacali c/ritenute

Pagamento e ritenute fiscali

 Applicazione delle ritenute fiscali

VF+ Dipendenti c/retribuzioni

VF- Erario c/ritenute

 Pagamento delle retribuzioni nette derivanti dal saldo del mastrino “dipendenti c/retribuzioni”

VF+ Dipendenti c/retribuzioni

VF- Dipendenti c/anticipi

VF- Banca c/c

Un’ulteriore tipologia di ritenute alla fonte sulle retribuzioni è dovuta al meccanismo di imposizione fiscale sui

redditi. L’azienda opera in qualità di sostituto d’imposta, pertanto è obbligata a prelevare l’IRPEF in capo al

singolo dipendente ed al successivo versamento nelle casse dell’erario. In linea con i principi generali del diritto

tributario, il prelievo fiscale va applicato però ai redditi del soggetto d’imposta e ciò comporta che per l’azienda

l’obbligo di ritenuta scatta solo all’atto dell’effettivo pagamento delle retribuzioni. Questo è un aspetto

importante poiché solo le ritenute fiscali hanno questo vincolo di collegamento con la corresponsione, a differenza

delle altre che vanno applicate per competenza a prescindere dal periodo di regolamento delle retribuzioni nette.

L’aliquota media non è predeterminabile, infatti, varia in funzione della posizione fiscale personale del

dipendente. La base imponibile è in ogni caso costituita delle retribuzioni lorde, decurtate unicamente dalle ritenute

di carattere previdenziale. Ciò è dovuto al fatto che sono ritenute ex-lege e pertanto rappresentano un “mancato

reddito” rispetto alle altre che hanno un carattere volontario, e rientrano nel reddito percepito dal soggetto. Infine,

non rientrano nella base imponibile gli assegni famigliari per la loro natura d’integrazione retributiva agevolativa

per determinate situazioni.

 Versamento delle ritenute fiscali che deve avvenire entro il giorno 16 del mese successivo a quello di

corresponsione delle retribuzioni nette ai dipendenti.

VF+ Erario cc/ritenute

VF- Banca c/c

Retribuzione indiretta

La retribuzione indiretta è la componente del costo del lavoro corrispondente a retribuzioni non commisurate a

prestazione lavorativa. Si tratta di somme riconosciute ai dipendenti, in forza di disposizioni contrattuali o di

legge, quali:

1. le mensilità aggiuntive (13esima e 14esima) La caratteristica comune a tutti questi

2. Le ferie elementi retributivi è di essere riconosciuti

3. I permessi in assenza di una controprestazione a

favore dell’impresa.

Le rilevazioni contabili d’esercizio non presentano alcuna differenza rispetto le precedenti, perciò, si può affermare

che la distinzione fra retribuzione diretta e indiretta ha rilievo più in chiave gestionale per delineare le singole

componenti di costo per unità di tempo del fattore lavoro che non dal punto di vista contabile. Nella prassi la

liquidazione periodica delle retribuzioni lorde e lo storno delle ritenute avvengono senza distinguere il tipo di 3


PAGINE

7

PESO

90.59 KB

AUTORE

Cogni12

PUBBLICATO

9 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in economia e commercio
SSD:
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Cogni12 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Ragioneria generale e applicata e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Politecnico delle Marche - Univpm o del prof Montanini Lucia.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Ragioneria generale e applicata

Teoria Ragioneria generale
Appunto
Ragioneria generale e applicata
Appunto
Ragioneria generale e applicata pratica
Appunto
Teoria ragioneria generale ed applicata, prof Del Bene
Appunto