Che materia stai cercando?

Farmacologia del diabete

Appunti di farmacologia: lezione frontale integrata con studio autonomo dal libro di testo di riferimento, dell’Harrison e con articoli di PUB MED.

Ottimo per: preparare l’esame; preparare il test di abilitazione; preparare il concorso nazionale di specializzazione.

Esame di Farmacologia generale e farmacoterapia docente Prof. G. Minotti

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

FARMACOLOGIA DEL DIABETE

Sindrome iperglicemica iperosmolare: severa iperglicemia, intensa disidratazione, iperosmolarità plasmatica.

Rapporto tra diabete e sindrome metabolica.

Ciascuno dei 2 è un fattore di rischi o indipendente per lo sviluppo di malattia cardiovascolare.

Questo non è un argomento secondario. Probabilmente della glicosilazione abbiamo studiato l'emoglobina glicata. È la punta di un

iceberg. Un pz con un'anomalia alla glicemia a digiuno al di sotto de limite minimo per il diabete o un'intolleranza al test da carico ha

qualche altro milioncino dell’emoglobina glicata.

L'importanza nelle patologie cardiovascolare dei fattori di glicazione che sono sempre più coinvolti nella patogenesi dell'ipertensione

dell'aterosclerosi e della ridotta sensibilità a stimoli vasodilatatori come quelli mediati dal NO. Questo si mette in moto da prima di

essere francamente diabetici. ancora prima di avere una emoglobina glicata significativa per il diabete.

[studiare i prodotti glicati avanzati].

Insulina.

Effetto metabolico.

Serve ad abbassare la glicemia. La possiamo abbassare in vario modo:

togliendo il glucosio dal sangue → c'è il problema della captazione da parte dei trasportatori.

Indirizzarlo verso vie metaboliche che lo fanno sparire. O viene accumulato, oppure scompare pe ricomparire sotto forma di ATP.

Entra e tanto per capirsi non è nella condizione di rientrare nel sangue. Questo processo di farlo scomparire è accompagnato da una

inibizione della via inversa: inibisce la glicogenolisi. Un modo semplice per riversare glucosio nel sangue è quello di resintetizzarlo a

partire da sorgenti non glucidiche (gliconeogenesi). L'insulina inibisce la gluconeogenesi. Una crisi ipoglicemica da insulina parte da

questi meccanismi. Anche quando pensiamo di aver dato la dose sufficiente, basta un piccolo squilibrio tra quanta insulina data e

quanto pasto facciamo, tra quando le prendiamo e quando mangiamo, per avere un rischio di ipoglicemia. L'azione sul metabolismo

glucidico è indirizzata ad accumulare, prevenire la glicogenolisi e inibire la gluconeogenesi.

La stessa cosa si vede sui lipidi. Abbiamo visto con i farmaci contro le dislipidemie. Le VLDL quando vengono riconosciute

dalla lipoproteinlipasi, sganciano acidi grassi che vengono captati dal tess adiposo sotto forma di trigliceridi. L'insulina previene il

riversamento di acidi grassi nel circolo attraverso i trigliceridi. Tutto è orientato verso l'anabolismo. Gli acidi grassi sono

fondamentali nella malattia diabetica.

Sulle proteine stesso discorso. L'insulina è un classico ormone anabolizzante. Tutto è orientato verso la sintesi di proteine. C'è una

inibizione del catabolismo proteico. Per cui l'insulina per definizione è un ormone anabolizzante.

Se immaginiamo nel tempo un pz di mezza età che passa attraverso IFG, IGT e poi diventa diabetico franco ce lo aspettiamo

dapprima obeso e poi perde peso. I farmaci antidiabetici si segnalano per far aumentare peso.

Terapia DM.

Somministrazione insulinica:

• insulina ad azione ultra rapida

• rapida

• intermedia

• lenta.

Queste sono le curve della glicemia quando infondiamo glucosio in un pz a cui abbiamo dato insuline di vario tipo.

L'insulina aspartico che viene fatta per pochissime modifiche è una insulina che garantisce un controllo metabolico rapidissimo

l'insulina glargina consente un controllo prolungato nel tempo. È più di una ultra lenta.

Tra questi due estremi ci sono l’insulina regolare, quella lenta e quella ultra lenta.

Tutte queste cose sono state fatte nel tempo superando alcuni ostacoli:

insuline estrattive

insuline umane ricombinanti → è stato sufficiente lavorare su determinate sequenze per modificare il tempo di insorgenzza di azione

e il tempo di durata. Nella vita pratica succede che se devo andare a fare un pranzo, la uso perché voglio uno stretto controllo

metabolico. Quanto tempo prima me al devo prendere l'insulina?

Se faccio una rapida devo anticipare l'intervallo di tempo tra la somministrazione e il pasto.

Un ultra lenta o peggio sulla glargina chiedo un controllo tonico di base.

Con quelle lente o ultra lente m basta una somministrazione alla sera. Con la glargina me ne basta 1.

Forse le ultra lente stavano dando segnali di tipo epidemiologico di una maggiore incidenza di tumori tra coloro che ne facevano uso.

Questa è una cosa caratteristica di alcuni farmaci, soprattutto di quelli che esercitano un tono metabolico prolungato. Non c'è una

prova convincente che una insulina ultra lenta o glargina possano aumentare l'incidenza di tumori. È vero anche che prima di

spargere terrorismo culturale in una popolazione complessa dei pz diabetici, bisogna stare attenti. questo vale anche per l'eccessiva

enfasi data agli ultimi farmaci antidiabetici come gli analoghi del GLP1. Sono stati accolti come panacea, ma dopo 2 anni sono stati

messi sotto stretta sorveglianza perché provocano malattie infiammatorie e proliferativa del pancreas.

Non c'è categoria di farmaci contro il diabete per possibili gravi effetti collaterali.

Una volta che abbiamo preso confidenza con le insuline è l'esperienza che ci guida.


PAGINE

4

PESO

128.77 KB

PUBBLICATO

4 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia
SSD:
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Gabriel_strife di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Farmacologia generale e farmacoterapia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Campus biomedico - Unicampus o del prof Minotti Giorgio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Farmacologia generale e farmacoterapia

Farmacodinamica
Appunto
Farmaci antiaggreganti
Appunto
Farmaci anti dislipidemici
Appunto
Farmaci del sistema cardiovascolare
Appunto