Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

c)  La  disciplina  delle  lobbies  negli  Stati  Uniti  

Gli  stati  uniti  sono  uno  dei  paesi  che  per  primo  hanno  scelto  regolamentazioni  per  quanto  riguarda  le  lobbies.  A  

disciplinare  il  lobbying  risultano  essere,  innanzitutto,  i  singoli  Stati.  Già  dopo  la  Guerra  civile  Alabama,  Georgia  e  

California  adottarono  norme  apposite  contro  la  corruzione  da  lobbying;  nel  1890  fu  la  volta  del  Massachusetts,  che  

obbligò  i  lobbisti  a  registrarsi  come  tali  e  i  loro  datori  di  lavoro  a  tenere  un  libro  contabile.  Nel  1905  il  Wisconsin  andò  

oltre,  stabilendo  che  i  lobbisti  potevano  comparire  soltanto  di  fronte  alle  commissioni  legislative  o  manifestarsi  

attraverso  dichiarazioni  pubbliche.  Due  anni  dopo  viene  istituito  un  comitato  d  cui  obiettivo  consisteva  nel  controllare  

quali  mezzi,  fra  cui  d  denaro,  venissero  usati  per  far  sì  che  i  membri  del  Congresso  approvassero  o  respingessero  

determinati  atti  in  seno  al  Congresso  medesimo.  Nel  1938,  infine,  d  Foreign  Agents  Registration  Act  stabilisce  l'obbligo  

di  registrazione  per  chi  opera  in  rappresentanza  di  interessi  stranieri.  Le  associazioni  dei  lobbisti  rappresentano,  

dunque,  una  realtà  consolidata  nel  contesto  europeo  e,  nel  corso  degli  anni,  esse  hanno  anche  svolto  una  sorta  di  

"funzione  di  supplenza"  nei  confronti  delle  istituzioni,  che  ultime  sono  arrivate  nella  corsa  alla  disciplina  del  fenomeno  

della  rappresentanza  degli  interessi.  Strutturalmente  (e  poi  nello  specifico  dei  rispettivi  codici),  queste  associazioni  si  

richiamano  a  due  diversi  modelli:  da  una  parte,  infatti,  ci  sono  quelle  associazioni/codici  che  si  occupano  

esclusivamente  di  lobbying  e/o  public  affairs,  dall'altra  ritroveremo  alcuni  soggetti  che  già  abbiamo  analizzato  a  

proposito  delle  relazioni  pubbliche,  a  conferma  del  fatto  che  il  lobbying    pur  se  presenta  dei  propri  tratti  distintivi  -­‐  ha  

molto  in  comune  con  le  relazioni  pubbliche.  A  fronte  di  questa  differenza,  è  comunque  importante  sottolineare  come  

si  tratta  di  associazioni/codici  sostanzialmente  convergenti  nell'individuazione  dei  valori  professionali  di  riferimento  e  

delle  corrispondenti  regole  deontologiche.  

 

6.Le  associazioni  professionali  

Le  associazioni  che  operano  in  ambito  europeo,  e  il  cui  contributo  è  stato  determinante  per  l'attuazione  del  Libro  

verde  suda  trasparenza,  sono  numerose  e  diverse:  alcune  -­‐  come  Seap  (Society  of  european  affairs  professionals)  ed  

Epaca  (European  public  affairs  consultancies'  association)  si  rivolgono  indistintamente  a  tutti  i  professionisti  del  

lobbying  che  operano  in  ambito  comunitario.  Altre  si  rivolgono  invece  esclusivamente  a  coloro  i  quali  svolgono  attività  

di  lobbying  presso  il  Parlamento  europeo.  Peraltro,  queste  associazioni  sono  le  uniche  a  parlare  espressamente  di  

lobbying,  laddove  le  altre  preferiscono  utilizzare  la  più  generica  (e  neutra)  espressione  di  public  affairs.  A  questa  

seconda  categoria  appartiene  certamente  1  Association  ol  ac  credited  lobbyists  to  the  european  parliament  (Aalep),  

associazione  creata  «dai  lobbisti  per  i  lobbisti»  (come  si  legge  nello  Statuto),  nata  con  l'intento  di  fungere  da  punto  di  

riferimento  per  le  varie  e  diverse  organizzazioni  europee  che  operano  nel  settore  della  rappresentanza  degli  interessi,  

e  nel  contempo  di  operare  essa  stessa  come  strumento  di  mediazione  tra  i  soggetti  che  cercano  una  rappresentanza  e  

i  lobbisti  competenti  già  operanti  in  ambito  comunitario.  Infine,  nel  panorama  europeo  operano  quelle  associazioni  -­‐  

come  Ipra  -­‐di  cui  abbiamo  già  parlato  a  proposito  delle  relazioni  pubbliche,  a  conferma  di  quella  tendenza  in  virtù  della  

quale,  sebbene  il  lobbying  appaia  come  un  settore  distinto  dalle  più  generali  relazioni  pubbliche,  è  comunque  in  

questo  contesto  che  esso  nasce  e  si  sviluppa,  e  pertanto  vi  sono  dei  valori  che  esso  condivide  con  le  stesse  relazioni  

pubbliche.  Circa  i  valori  cui  queste  associazioni  si  ispirano,  molto  ci  dicono  i  rispettivi  statuti.  L'elemento  ricorrente  è  

senza  dubbio  quello  della  necessità  di  valorizzare  la  professione,  obiettivo  che  si  realizza  garantendo  l'attuazione  delle  

best  practices,  predisponendo  strumenti  idonei  a  tutelare  la  reputazione  dei  professionisti,  infine  stabilendo  regole  di  

condotta  che  devono  essere  rispettate  nell'esercizio  dell'attività  di  lobbying.  Come  appare  evidente,  in  questa  

prospettiva  i  punti  di  contatto  tra  il  lobbying  e  le  relazioni  pubbliche  sono  molti.  L'altro  punto  su  cui  le  associazioni  

garantiscono  il  proprio  impegno  è  quello  dell'affermazione  di  un  dialogo  costante  e  proficuo  con  le  istituzioni  

comunitarie:  se  al  lobbista  è  infatti  chiesto  di  mantenere  i  più  alti  standard  di  professionalità  ed  etica,  è  altresì  

necessario  che  esso  trovi  interlocutori  disposti  a  dialogare  sui  temi  rispetto  ai  quali  egli  svolge  la  propria  attività  di  

rappresentanza.  A  fronte  di  questi  obiettivi  che  appartengono  all'area  dell'esercizio  della  professione,  il  contributo  

delle  associazioni  emerge  anche  in  relazione  alla  necessità  di  migliorare  l'immagine  delle  lobbies  in  Europa.  Secondo  

Aalep,  in  particolare,  quella  del  lobbista  rappresenta  infatti  una  professione  articolata  e  complessa,  che  prevede  

capacità  di  ricerca,  analisi,  monitoraggio,  ascolto,  lavoro  di  gruppo,  rappresentanza  di  interessi.  Proprio  in  ragione  

della  difficoltà  del  lavoro  che  il  lobbista  è  chiamato  a  svolgere  egli  è  stato  spesso  giudicato  in  maniera  negativa;  per  

ovviare  a  ciò,  è  necessario  invece  dimostrare  che  d  lobbista  è  un  professionista  in  possesso  di  una  solida  preparazione  

e  che  mette  al  primo  posto  d  rispetto  di  valori  eticamente  condivisi.  Formazione  e  deontologia  rappresentano  quindi  

le  due  parole  chiave  che,  secondo  Aalep,  il  lobbista  deve  avere  sempre  presenti.  Va  tuttavia  sottolineato  come,  se  

tutte  le  associazioni  concordano  circa  la  necessità  di  adottare  comportamenti  necessariamente  corretti,  solo  Aalep  e  

Eulobby  196  associano  questa  esigenza  alla  centralità  della  formazione  e  dell'aggiornamento  professionale.  

 

 

7.  I  codici  deontologici  dei  lobbisti  europei    

Affermata,  dunque,  la  centralità  dell'etica  e  della  deontologia  che  le  menzionate  associazioni  richiedono  a  tutti  i  propri  

iscritti  (ma  che  in  genere  auspicano  in  relazione  a  tutti  coloro  che,  in  Europa,  svolgono  attività  di  lobbying),  occorre  

  33  

chiedersi  su  quali  valori  i  relativi  codici  si  fondano:  quali  valori  le  associazioni  ritengono  irrinunciabili  e  quali  sanzioni  

esse  prevedono  nei  casi  di  una  loro  violazione.  Le  risposte  a  queste  domande  acquisiscono  un'importanza  tanto  

maggiore  laddove  si  consideri  il  ruolo  che  la  Commissione  europea  ha  riconosciuto  loro,  stabilendo  che  ai  lobbisti  che  

entrano  in  contatto  con  i  suoi  membri  o  funzionari  sono  applicabili  o  il  Codice  di  condotta  recentemente  varato  o,  in  

alternativa,  gli  esistenti  codici  europei,  se  essi  contengono  norme  comparabili  con  il  modello  previsto  dalla  

Commissione  stessa.  La  Commissione  aveva  ipotizzato  di  potersi  assumere  in  prima  persona  l'onere  dell'applicazione  

dei  codici  stessi,  ossia  la  possibilità  di  adottare  sanzioni  nei  casi  di  comportamenti  deontologicamente  scorretti.  Quello  

delle  sanzioni,  peraltro,  è  il  punto  più  debole  di  tutti  i  codici  che  andremo  a  breve  ad  analizzare:  d  Code  of  Conduct  di  

Seap.  il  Code  of  Ethics  and  Practice  di  Aalep,  d  Code  of  Lobbying  Ethics  di  Eulobby,  d  Code  of  Conduct  di  Epaca,  infine  d  

Codice  di  Bruxelles  per  la  condotta  dei  public  affairs  di  Ipra.  Tutti  questi  codici  dedicano  infatti  uno  spazio  assai  

circoscritto  al  tema  e,  proprio  in  ragione  di  ciò.  sono  stati  spesso  soggetti  a  critiche.  Un  esempio  emblematico  in  tale  

senso  è  quello  del  codice  Seap.  Nel  2006,  questo  codice  è  stato  intatti  soggetto  a  una  profonda  revisione,  che  si  è  resa  

necessaria  in  quanto  la  precedente  versione  appariva  oltremodo  debole  sul  versante  delle  sanzioni.    

Il  tema  delle  sanzioni  è  altresì  presente  nel  codice  di  Aalep,  dove  si  prevede  che  in  caso  di  violazione  del  codice  

denunciata  da  un  socio  nei  confronti  di  un  altro  socio,  il  presidente  dell'associazione  nomini  una  commissione  formata  

da  tre  membri,  i  quali  dovranno  cercare  di  mediare  e  di  arrivare  a  una  soluzione  amichevole  della  vertenza.  Nel  caso  in  

cui  non  si  arrivi  a  tale  composizione,  e  ove  la  violazione  sia  particolarmente  grave,  la  commissione  fissa  una  sanzione,  

che  poi  l'Assemblea  dovrà  ratificare.  La  massima  pena  possibile  consiste  comunque  nell'espulsione  dall'associazione.  

In  tutti  gli  altri  casi  esaminati,  il  tema  delle  sanzioni  è  assolutamente  marginale,  o  addirittura  non  trattato.  

a)  I  doveri  di  apertura  e  trasparenza    

Se  dovessimo  indicare  i  valori  cardine  su  cui  si  fonda  la  professione  del  lobbista    e  di  conseguenza  i  valori  il  cui  

richiamo  è  posto  generalmente  all’inizio  di  tutti  i  codici  non  cadremmo  certo  in  errore  individuando  tali  valori  

nell'apertura  e  nella  trasparenza.  Questi  valori,  nella  stragrande  maggioranza  dei  casi,  vengono  ricondotti  al  ruolo  che  

le  lobbies  svolgono  nel  processo  democratico:  in  quanto  fattori  di  mediazione  tra  la  società  civile  e  gli  organi  della  

Comunità,  i  professionisti  del  settore  devono  infatti  garantire  di  operare  sempre  nel  rispetto  dei  più  elevati  standard  

qualitativi  e,  ancor  più,  dei  prìncipi  deontologici  (Seap).  Ne  deriva  che  il  lobbista  non  deve  mai  perdere  di  vista,  come  

obiettivo  primo  del  proprio  operare,  d  rispetto  nei  confronti  delle  istituzioni  europee,  che  nel  caso  del  codice  Aalep  si  

declina  in  relazione  al  Parlamento  europeo,  nel  suo  complesso  e  relativamente  ai  suoi  membri  e  funzionari.  Tema  del  

rispetto  che  ritroviamo  anche  nel  codice  di  Eulobby  che  richiama  i  lobbisti  a  comportarsi  sempre  in  modo  eticamente  

corretto    privilegiando  l'onestà  e  l'integrità  nei  rapporti  professionali,  nonché  il  rispetto  nei  confronti  dei  propri  

committenti  e  delle  istituzioni  europee  presso  cui  si  opera.  Obiettivo  principale  di  tale  previsione:  preservare  e  

incrementare  la  fiducia  delle  istituzioni  comunitarie  nei  confronti  dell'attività  di  rappresentanza  di  interessi  svolta  dai  

lobbisti.  Come  si  accennava  in  precedenza,  perché  tutto  ciò  si  realizzi  è  necessario  che  il  lobbista  adotti  

comportamenti  professionali  ispirati  alla  massima  apertura  e  trasparenza.  Ciò  significa  che  il  lobbista  deve  dichiarare  

non  solo  il  proprio  nome  e  gli  interessi  che  rappresenta,  ma  anche  il  nome  del  cliente  i  cui  interessi  sta  

rappresentando.  Nel  rapportarsi  con  le  istituzioni  comunitarie,  deve  garantire  la  verità  e  l'accuratezza  delle  

informazioni  che  offre,  e  deve  evitare  qualsiasi  comportamento  che  possa  indurre  in  errore  l'istituzione.  Non  deve,  

infine,  cercare  di  ottenere  informazioni  dalle  istituzioni  comunitarie  in  maniera  illecita  o  disonesta.  Se  Seap  individua  

esplicitamente  questi  valori  come  punti  fondanti  della  professione,  il  codice  Aalep  li  considera  invece  come  

esemplificazione  di  un  più  generale  dovere  di  professionalità,  che  si  realizza  appunto  attraverso  l'assunzione  di  

comportamenti  ispirati  alla  massima  trasparenza:  trasparenza  nel  dichiarare  i  propri  interessi,  la  propria  associazione  

di  appartenenza,  i  clienti  rappresentati.  Come  appare  evidente,  c'è  una  perfetta  sintonia  quanto  alle  modalità  

attraverso  cui  la  trasparenza  stessa  si  traduce  nella  pratica.  Il  dovere  della  piena  e  totale  trasparenza  incontra,  un  

unico  limite  nell'obbligo,  in  talune  circostanze  ben  definite,  di  garantire  la  riservatezza  delle  informazioni  ricevute.  

Anche  in  questo  caso,  non  si  tratta  di  valori  in  contrasto  l'uno  con  l'altro:  il  principio  della   riservatezza   non  riguarda  

infatti  l'attività  svolta  o  gli  interessi  rappresentati,  bensì  si  applica  in  quei  casi  in  cui  d  lobbista  sia  venuto  a  conoscenza  

di  informazioni  riservate  che  gli  possono  essere  state  confidate  da  membri  o  funzionari  delle  istituzioni  europee  solo  

ed  esclusivamente  in  ragione  della  sua  attività  professionale.  

b)  I  doveri  di  onestà  e  integrità    

Gli  altri  due  doveri  rispetto  ai  quali  si  registra  una  piena  convergenza  di  tutti  i  codici  esaminati  sono  quelli  di   onestà  e  

integrità.  Questi  doveri,  secondo  il  codice   Seap,  si  richiedono  sia  nella  vita  personale  che  in  quella  professionale,  e  

soprattutto  nel  declinarsi  dei  rapporti  con  le  istituzioni  comunitarie,  i  cui  funzionari  e  membri  non  devono  essere  

soggetti  a  influenze  improprie.  Onestà  e  integrità,  dunque,  come  strumenti  di  garanzia  a  tutela  della  reputazione  della  

professione  prima  ancora  che  del  professionista.  Il  codice  di   Aalep  distingue  invece  a  seconda  che  i  suddetti  valori  

emergano  nella  fase  di  informazione  (in  questo  senso  il  lobbista  deve  assicurare  che  le  informazioni  che  offre  siano  

accurate  e  complete;  non  deve  fare  nulla  che  possa  indurre  in  errore  il  suo  interlocutore;  deve  rispettare  il  diritto  del  

pubblico  a  che  le  informazioni  siano  accurate  e  precise)  piuttosto  che  in  quella  di  persuasione  (su  questo  versante,  il  

  34  

lobbista  non  deve  indurre  i  membri  o  i  funzionari  europei  a  violare  le  rispettive  norme  di  condotta,  né  adottare  alcuna  

forma  di  corruzione  nei  loro  riguardi).    

Non  particolarmente  dissimile  è  il  codice  di   Eulobby,  secondo  cui  il  lobbista  deve  impegnarsi  a  fornire  informazioni  

corrette,  aggiornate  e  accurate*  deve  altresì  intervenire,  e  questo  è  un  aspetto  che  non  ritroviamo  negli  altri  codici,  

qualora  si  accorga  che  un  altro  lobbista  sta  fornendo  informazioni  che  non  sono  accurate.  E  infine  tenuto  a  provvedere  

all'aggiornamento  costante  delle  stesse  informazioni.  Nei  suoi  rapporti  con  le  istituzioni  comunitarie,    e  soprattutto  

con  il  Parlamento  europeo,  cui  il  codice  specificamente  si  rivolge  il  lobbista  deve  evitare  qualsiasi  situazione  in  cui  

possa  emergere  un  conflitto  di  interessi.  Nel  contempo,  deve  astenersi  da  qualsiasi  comportamento  che  possa  indurre  

i  membri  e  i  funzionari  del  Parlamento  a  violare  i  rispettivi  codici  di  condotta.  Il  riconoscimento  e  la  condivisione  del  

valore  dell'integrità,  considerato  singolarmente  e  nelle  sue  diverse  accezioni,  rappresenta  anche  la  base  su  cui  

costruire  quelli  che  possiamo  definire  i  comandamenti  della  professione.  

 

8.  Work  in  progress:  lobbying  e  associazioni  professionali  in  Italia    

Sebbene  con  alcuni  anni  di  ritardo  rispetto  all'Europa  e,  ancor  più,  al  resto  del  mondo,  anche  in  Italia  negli  ultimi  tempi  

ha  cominciato  a  diffondersi  una  cultura  professionale  del  lobbying,  tale  per  cui  del  fenomeno  si  è  iniziato  a  parlare  

nella  sua  dimensione  più  positiva.    

L'associazione  "Il  Chiostro"  si  propone  di  realizzare  sui  principi  del  pluralismo  e  della  democrazia  valori  condivisi  per  

tutti  coloro  che  operano  nel  settore  della  rappresentanza  di  interessi:  in  assenza  infatti  di  un  sistema  politico-­‐

istituzionale  pluralista  e  democratico,  sono  le  stesse  lobbies  a  perdere  parte  della  propria  ragion  di  esistere.  

L'associazione  ritiene  di  dover  contribuire  a  fare  chiarezza  presso  l'opinione  pubblica,  definendo  la  precisa  identità  del  

lobbying  e  di  conseguenza  distinguendo  il  lobbying  stesso  da  tutte  le  altre  attività  con  cui  esso  tende  a  essere  

solitamente  confuso.  In  terzo  luogo,  e  si  tratta  del  profilo  che  ci  riguarda  più  da  vicino,  lo  scopo  è  quello  di  ottenere  

una  regolamentazione  «chiara,  semplice  e  non  viziata  da  pregiudizi».  All'associ  azione  possano  iscriversi  

esclusivamente  professionisti  in  possesso  di  un  diploma  di  laurea  in  discipline  giuridiche,  politiche,  economiche,  sociali  

e  della  comunicazione.  A  tutti  i  professionisti  iscritti  all'associazione  compete  il  rispetto  del  Codice  etico  e  della  

deontologia  professionale.  Esso  si  apre  con  l'indicazione  dei  valori  etici  su  cui  si  fonda  la  professione  del  lobbista:  

integrità,  onestà,  diligenza,  correttezza,   sincerità,  lealtà,  riservatezza  e  professionalità.  Questi  principi  operano  sia  nei  

rapporti  tra  i  lobbisti  e  i  decisori  pubblici,  sia  nei  rapporti  tra  lobbisti.  Ai  soci  dell'associazione,  che  in  quanto  tali  sono  

tenuti  al  rispetto  del  codice,  si  chiede  di  divulgare  questi  principi  presso  i  propri  collaboratori.  Nei  rapporti  con  le  

istituzioni,  il  lobbista  si  impegna  ad  agire  con  trasparenza,  dichiarando  «la  sua  identità  e  qualificazione  professionale  ».  

In  nessun  caso,  il  lobbista  deve  adottare  comportamenti  che  possano  «costituire  impedimento  anche  parziale  della  

libera  attività  dei  pubblici  funzionari  nell'esercizio  delle  loro  funzioni».  

L’esigenza  di  trasparenza  emerge  anche  in  relazione  a  quelle  che  il  codice  indica  come  cause  di  incompatibilità.  Lo  

svolgimento  dell'attività  lobbistica  è  infatti  incompatibile  con  l'assunzione  di  cariche  di  organi  elettivi  nazionali  e  

internazionali,  nonché  di  incarichi  negli  organismi  costituzionali,  nella  pubblica  amministrazione,  nelle  istituzioni  

europee.  Non  si  trovano  in  con-­‐dizione  di  incompatibilità,  ma  non  possono  assumere  incarichi  all'interno  

dell'associazione,  i  soci  che  «svolgono  le  funzioni  di  relazioni  istituzionali  presso  organismi  costituzionali,  camere  

parlamentali,  governo,  ministeri,  autorità  indipendenti,  regioni,  enti  locali  in  genere,  pubblica  amministrazione  a  

livello  nazionale  o  locale,  istituzioni  europee  e  ogni  altra  autorità  pubblica  cui  sia  conferito  dalla  Costituzione  o  dalla  

legge  la  facoltà  di  stabilire  norme  con  valore  eli  legge».  Altro  punto  che  viene  diffusamente  trattato  nel  codice  è  quello  

relativo  alla  corruzione,  problematica  questa  che  spesso  viene  alla  luce  allorquando  si  parla  di  lobbying.  L'impegno  

dell'associazione,  in  questo  senso,  è  chiaro:  evitare  qualsiasi  situazione  in  cui  l'immagine  del  lobbista  può  essere  

associata  all'idea  della  corruzione.  Quindi,  divieto  di  svolgere  qualsiasi  attività  di  finanziamento  della  politica.  A  questo  

divieto  si  associa  un  ulteriore  divieto,  che  ha  a  che  fare  con  gli  omaggi,  i  regali  o  i  doni  che  d  lobbista,  neda  sua  attività,  

potrebbe  fare  ai  funzionari  pubblici  con  cui  entra  in  rapporto.  Il  valore  di  questi  doni  non  può  infatti  eccedere  «la  

normale  consuetudine  augurale  in  oc-­‐casione  delle  festività,  o  la  normale  cortesia  ed  educazione  in  occasioni  

particolari».  Le  sanzioni,  in  caso  di  violazione  del  codice  deontologico  spettano  al  Collegio  disciplinare.  Esso  è  

composto  da  tre  componenti  scelti  tra  i  soci  che  non  esercitano  più  la  rappresentanza  di  interessi,  magistrati  in  

pensione  e  professori  universitari;  a  tutti  questi  soggetti  è  richiesto  il  possesso  di  indiscussa  moralità  e  indipendenza.  

Le  sanzioni  che  il  Collegio  disciplinare  può  adottare  si  distinguono  in  base  alla  gravità  della  violazione:  abbiamo,  il  

biasimo  formale  (quando  la  violazione  sia  «accertata  ma  apprezzabile  come  modesta»),  la  censura  formale  (quando  la  

violazione  commessa  è  «significativamente  lesiva  dei  principi  indicati  nel  codice  deontologico»),  l’espulsione  (quando  

«la  gravità  del  comportamento  determini  un  serio  nocumento  ai  principi  di  deontologia  e  all'immagine  

dell'associazione  o  della  professione,  o  consegua  direttamente  a  un  reato  connesso  con  lo  svolgimento  dell'attività»).  

In  particolare,  a  differenziare  il  biasimo  formale  dalla  censura  formale  è  la  diversa  modalità  di  comunicazione  della  

sanzione  e  la  relativa  pubblicità:  nel  primo  caso,  si  tratta  di  una  lettera  inviata  all'associato,  nel  secondo  caso,  si  tratta  

di  una  decisione  resa  pubblica  nell'ambito  dell'associazione.    

 

  35  

CAPITOLO  5°-­‐  Comunicatori  istituzionali  

 

1.  La  comunicazione  pubblica:  definizioni  e  ambiti  

 

Comunicazione  pubblica  =  fenomeno  nuovo  nel  contesto  sociale,  culturale  e  giuridico  dell’Italia  affermatosi  negli  anni  

90  in  coincidenza  con  il  processo  di  riforma  della  pubblica  amministrazione.  Una  realtà  che  è  conseguenza  della  

nascita  di  una  cultura  della  comunicazione  delle  istituzioni  pubbliche  in  virtù  della  quale  si  è  registrato  un  esodo  di  

professionisti  della  comunicazione  con  competenze  di  alto  livello  verso  la  PA  e  la  creazione  di  nuove  figure  

professionali.  La  comunicazione  pubblica  è  frutto  di  2  processi  di  riforma  (uno  interno  e  uno  esterno  alle  istituzioni)  

che  si  intrecciano  con  il  processo  di  crescita  della  cultura  democratica  del  nostro  paese.  Infatti  la  nozione  di  com.  

pubblica  si  lega  a  quella  di  democrazia:  la  democrazia  d  un  paese  si  misura  anche  con  delle  possibilità  di  

partecipazione  dei  cittadini  alla  vita  culturale,  sociale  e  politica  in  quanto  essi  sono  messi  nella  condizione  di  conoscere  

i  contenuti  dell’azione  dello  stato  e  le  modalità  di  attuazione.  Si  ha  vera  democrazia  quando  lo  scambio  d  informazioni  

tra  stato  e  cittadini  è  la  regola  e  non  l’eccezione.  

Sul  significato  di  “comunicazione  pubblica”  si  sono  confrontati  numerosi  studiosi:  

 

•  Roberto  Grandi  “è  una  comunicazione  realizzata  da  una  PA  che  utilizzando  i  media  pubblicizza  presso  i  diversi  tipi  di  

pubblici  (interni  ed  esterni)  le  norme,  le  attività,  le  funzioni,  l’identità  e  il  punto  di  vista  dell’ente  al  fine  di  garantire  ai  

cittadini  il  diritto  all’informazione,  rafforzare  l’immagine  dell’ente  pubblico,  permettere  ai  cittadini  di  esprimere  in  

maniera  attiva  i  diritti  per  giungere  ad  una  amministrazione  condivisa”  

 

•  Franca  Faccioli  “è  una  disciplina  in  

progress:  è  lo  strumento  che  permette  ai  diversi  attori  della  sfera  pubblica  di  

entrare  in  relazione  fra  loro,  confrontare  i  punti  di  vista  e  valori  per  raggiungere  l’obiettivo  comune  di  realizzare  

l’interesse  della  comunità”  

 

•  Paolo  Mancini  “alla  base  di  essa  sta  la  necessità  di  persuadere  i  cittadini  della  validità  delle  scelte  operate  e  di  

metterli  al  corrente  delle  decisioni  assunte  e  occasioni  offerte:  in  questo  modo  si  attua  il  diritto  all’informazione”  

 

•  Gregorio  Arena  “la  funzione  pubblica  della  comunicazione  è  anche  specialistica  e  diffusa  che  postula  la  presenza  

nelle  amministrazioni  da  un  lato  di  professionalità  specializzate  in  materia  dall’altro  di  una  generalità  di  dipendenti  

consapevoli  della  valenza  comunicativa  della  propria  attività”  aggiunge  “essa  non  può  essere  fine  a  se  stessa:  oggi  per  

le  amministraz  comunicare  è  inevitabile  ma  la  comunicazione  non  è  un  fine  ma  uno  strumento  che  le  PA  possono  

utilizzare  per  il  perseguimento  di  obiettivi  fissati  dalla  legge”  

 

•  Carla  Bertolo  “strumento  di  integrazione  e  condivisione,  controllo  e  riconoscimento  che  si  integra  con  trasparenza  

nel  modo  di  vita  dei  cittadini  e  organizzazioni.  La  com.  pubblica  si  caratterizza  come  una  azione  comunicativa  per  

l’espressione  di  cittadinanza:  una  correlazione  che  sempre  più  consolida  le  sue  antiche  radici  per  riconoscersi  

nell’etica  della  responsabilità  che  è  l’humus  condiviso  per  le  qualità  delle  relazioni  istituzioni-­‐cittadini  e  che  definisce  

oggi  lo  stadio  di  sviluppo  della  società  democratica.  La  comunicazione  si  considera  come  un  sistema  di  soggetti  che  

scelgono  la  direzione  delle  loro  azioni.  La  professionalità  con  i  suoi  valori  e  routine  ha  un  proprio  ruolo  nella  

costruzione  della  relazione  comunicativa”  

 

•  Alessandro  Rovinetti  distingue:    

4. comunicazione  politica  —>  attività  dei  partiti,  gruppi  organizzati,  cioè  l’area  chiamata  a  esprimere  la  

rappresentanza  politica  nella  PA.  Si  occupa  del  confronto  di  idee,  conoscenza  delle  strategie  delle  forze  politiche,  

gestione  delle  campagne  elettorali,  dibattito  politico  ecc.    

5. comunicazione  istituzionale  —>    attività  di  comunicazione  della  pa  centrale/locale,  aziende  sanitarie,  comunità  

montane,  enti  che  erogano  servizi  pubblici.  Nasce  per  informare  sull’organizzazione  politico-­‐amministrativa  degli  

enti,  far  conoscere  la  normativa,  garantire  trasparenza  delle  decisioni  ecc.  

6. comunicazione  sociale  —>  attività  di  istruzioni,  enti  pubblici,  associazioni  private  non  profit  che  si  occupano  della  

promozione  dei  servizi  pubblici,  aspetti  sociali,  comportamenti  e  elle  abitudini  dei  cittadini.  In  particolare  le  

campagne  destinate  a  favorire  i  cambiamenti  o  modi  nuovi  e  condivisi  di  essere  abitanti  della  nostra  città.    

 

a.  Quando  le  istituzioni  iniziano  a  comunicare  

 

Le  istituzioni  comunicano.  Da  sempre  i  politici  hanno  necessità  di  relazionarsi  con  i  cittadini:  nelle  piazze,tramite  la  

stampa,  in  radio,  web,  manifesti  stradali  e  tramite  forme  d  marketing  non  convenzionali  in  casi  come  le  campagne  

elettorali.  Far  politica  impone  di  farsi  conoscere  dagli  elettori  e  stabilire  cn  loro  un  rapporto  fiduciario  producendo  atti  

  36  

il  cui  risvolto  pratico  si  realizza  con  l’esercizio  del  diritto  di  voto.  Ma  comunicare  significa  anche  stabilire  relazioni  cn  gli  

altri  soggetti  politici  (avversari/alleati),  con  le  istituzioni  (locali,nazionali,internaz),  con  le  imprese,  con  la  finanza  e  con  

i  media.  Nasce  l’esigenza  di  affidare  ai  professionisti  l’attività  di  comunicazione  che  ciascun  soggetto  svolge:  figure  

intermedie  chiamate  PORTAVOCI.  Esso  porta  a  conoscenza  dell’opinione  pubblica  le  idee  e  l’operato  del  politico  che  

rappresenta  contribuendo  a  rafforzare  il  rapporto  fiduciario  tra  i  2.    

 

Per  l’area  istituzionale  la  comunicazione  è  essenziale  soprattutto  oggi.  Anni  fa  infatti  la  PA  era  in  “segreto”  e  chiusa  nei  

confronti  dei  cittadini.  Dagli  anni  80  è  iniziato  un  processo  di  riforma  che  si  articola  in  4  fasi:  

1.  inizio  anni  80:  Italia  esce  dalla  crisi  e  vede  la  comunicazione  uno  strumento  per  rafforzare  il  ruolo  dello  stato.  Essa  è  

un  «bisogno  aziendale».  In  questo  periodo  si  afferma  il  diritto  all’esternazione  delle  amministrazioni  in  quanto  tali.  

2.  metà  anni  80:  la  comunicaz  mantiene  il  suo  carattere    divulgativo,esternativo,  unilaterale.  Comunicano  sia  governo  

sia  enti  locali  e  i  temi  oggetto  sono  legati  a  cause  sociali  (droga,  aids,  razzismo..).  

3.  anni  90:  approvazione  delle  nuove  leggi  in  materia  di  trasparenza  e  diritto  di  accesso.  Le  istituzioni  cominciano  a  

interagire  cn  i  cittadini  (anche  se  ci  sono  difficoltà)      

4.  fine  anni  90:  «comunicazione  del  cambiamento»  =  irrisolta  partecipazione  dell’opinione  pubblica  al  raggiungimento  

dei  traguardi  delle  riforme  interne    e  internazionali  destinate  a  mutare  i  connotati  costituzionali  stessi  del  Paese.    

 

L’introduzione  della  comunicazione  nella  PA  si  configura  come  tappa  di  un  lungo  percorso  volto  a  stabilire  un  rapporto  

di  fiducia  tra  utenti  e  servizi  pubblici  per  legittimare  e  rafforzare  il  ruolo  del  settore  pubblico  nell’area  dei  servizi  di  

interesse  generale,  per  ristabilire  un’immagine  positiva  delle  pubbliche  istituzioni,    e  per  contrastare  processi  di  

frammentazione  e  disintegrazione  sociale.  Il  comunicatore  pubblico  diventa  una  professionalità  strategica:  è  una  

risorsa  per  lo  sviluppo  democratico,  attiva  risorse,  favorisce  lo  scambio  di  informazioni.  Esprime  la  propria  

responsabilità  verso  i  cittadini,  con  un’azione  ispirata  a  regole  di  autonomia,  riflessività,  ricerca  e  creatività.    

Alla  comunicazione  si  è  attribuito  un  ruolo  fondamentale,  si  afferma  che  “la  buona  amministrazione  è  quella  che  sa  

comunicare”.    

Comunicare  si,  ma  cosa  ?  Franca  Faccioli  propone  5  diversi  microsettori  in  cui  essa  si  declina:  

•  comunicazione  normativa,  il  cittadino  deve  conoscere/comprendere  le  leggi  

•  comunicazione  delle  attività  istituzionali,  far  conoscere  al  cittadino,  in  primis  tramite  i  media,  le  attività  svolte  

•  comunicazione  di  pubblica  utilità,  facilitare  i  cittadini  nel  rapporto  con  PA  e  utilizzo  servizi  pubblici  

•  comunicazione  per  la  promozione  d’immagine,  istituzioni  valorizzano  i  successi  raggiunti  rispetto  gli  obiettivi  

prefissati  e  alle  aspettative  dei  pubblici  di  riferimento  

•  comunicazione  sociale,  educare  il  cittadino  su  aspetti  riguardanti  la  vita  collettiva  (incentivando  a  diminuire  

comportamenti  pericolosi)  

 

A  questi  5  corrispondono  4  settori  che  individua  Arena:  

1.  COMUNICAZIONE  DI  CERTEZZA.  Regolazione  dei  rapporti    fra  i  soggetti  membri  dell’ordinamento,  applicazione  di  

norme,  consentire  la  conoscibilità  giuridica  di  un  atto.  Strumenti:  certificazioni,  verbalizzazioni,  notificazioni,  

pubblicazioni  sui  fogli  legali,  registri.  

2.  COMUNICAZIONE  DI  SERVIZIO.  

-­‐  Realizzata  vs  l’esterno.  Informa  i  cittadini  (info:  servizio  necessario  per  gli  utenti).    

-­‐  Realizzata  vs  l’interno.  Si  pone  come  strumento  per  il  dialogo  tra  le  diverse  istituzioni,  centrali  e  locali.  

3.  COMUNICAZIONE  DI  INNOVAZIONE.  fa  capo  all’attività  degli  Uffici  Relazioni  con  il  Pubblico  (URP).  “innovazione”  =  

sono  le  attività  di  ascolto  non  fine  a  se  stesso  ma  finalizzato  a  recepire  le  proposte  che  dai  cittadini  possono  derivare  

per  migliorare  i  servizi  offerti.  

4.  COMUNICAZIONE  DI  CITTADINANZA.  mira  a  modificare  i  comportamenti  dei  soggetti  a  cui  si  rivolge.  Perché  essa  

abbia  successo,  è  fondamentale  l’atteggiamento  dei  soggetti  che  comunicano  e  quindi  la  loro  condivisione  della  

visione  del  mondo  oggetto  della  comunicazione.  “di  cittadinanza”  =  rende  i  soggetti  cui  si  rivolge  (cittadini,  dipendenti  

pubblici)  soggetti  consapevoli  di  attività  finalizzate  alla  soddisfazione  di  interessi  di  carattere  generale.  obiettivo:  

convincere  i  destinatari  ad  assumere/abbandonare  comportamenti  che  influiscono  sugli  interessi  generali.  

 

Comunicazione  =  Realtà  complessa:  

1.  per  la  molteplicità  dei  destinatari  della  comunicazione  

2.  diversità  dei  temi  trattati,  eterogeneità  degli  strumenti  e  dei  linguaggi  utilizzati:    

4.  comunicazione  informativa:  obiettivo—>far  conoscere  ai  cittadini  l’operato  della  PA,  norme,  servizi  ecc.  

5.  comunicazione  persuasoria:  obiettivo—>sensibilizzare  i  cittadini  su  determinati  temi  (interesse  generale)  e  far  si  

che  adottino  un  determinato  comportamento  

6. comunicazione  promozionale:  obiettivo—>rafforzare  nel  cittadino  l’immagine  d  una  PA  efficiente  

7.  comunicazione  di  servizio:  obiettivo—>è  il  cittadino  che  comunica  esigenze,  problemi,  richieste  e  la  PA  ascolta  

  37  

attivamente  

Comunicazione:  diventa  uno  strumento  idoneo  e  funzionale  ad  acquisire  visibilità,  ottenere  consensi,  legittimare  l  

attività  svolta.  Il  panorama  della  comunicazione  è  complesso  ma  deontologicamente  soggetto  a  esigenze  e  regole  

diverse.  

 

2.  I  professionisti  della  comunicazione  istituzionale  

 

In  italia  la  comunicazione  porta  un  grande  apporto  dal  punto  d  vista  normativo:  Parlamento  e  Governo  sono  

intervenuti  molto  negli  ultimi  anni.  Nuova  legge  “è  necessario  che  l’istituzione  comunichi,  che  abbia  un  atteggiamento  

attivo  nei  confronti  dei  cittadini  e  dei  mass  media  dotandosi  delle  strutture  e  professionalizza  atte  ad  agire  con  

successo  in  un  contesto  in  cui  son  richieste  competenze  specifiche.  La  legge  recupera  questi  concetti  e  colloca  in  una  

nuova  prospettiva  strutture  già  esistenti  (es.  Urp)  ma  afferma  anche  nuovi  principi  con  i  quali  delinea  l’attività  che  la  

PA  svolge  per  garantirsi  fiducia  e  affidabilità.  Punto  nevralgico:  distinzione  tra  

•  attività  di  informazione  (rivolta  ai  media)  =  trasferimento  di  info,  necessaria  trasparenza.  

All’attività  di  informazione  provvedono  2  strutture:  

-­‐  PORTAVOCE  -­‐  svolge  l’attività  di  comunicazione  politica,  è  in  diretta  collaborazione  con  gli  organi  di  informazione  

-­‐  UFFICI  STAMPA  -­‐  attività  indirizzata  ai  mezzi  di  informazione  di  massa.  Al  vertice  dell’ufficio  opera  un  coordinatore  

(capo  ufficio  stampa)  che  cura  i  collegamenti  con  gli  organi  di  informazione    

•  attività  di  comunicazione  (esterna,  rivolta  verso  i  cittadini,  interna  se  realizzata  nell’ambito  della  amministrazione  

stessa)  =  promozione  di  contenuti,  valori,  immagine  

(la  pa  non  solo  informa  ma  interagisce  coi  cittadini  per  migliorare  il  suo  rapporto  con  loro)  

La  legge  attribuisce  agli  URP  e  sportelli  per  il  cittadino/per  le  imprese/sportelli  unici  della  PA/polifunzionali  che  

svolgono  funzioni  di  comunicazione  pubblicai  n  senso  stretto.  Urp  hanno  duplice  funzione:  informano  il  cittadino  sulle  

attività  della  PA  e  ascoltano  le  istanze  dei  cittadini.    

 

E’  difficile  distinguere  i  2  ambiti  ma  ci  sono  dei  parametri  per  fare  chiarezza:  

-­‐  finalità  perseguite    

—>  informazione:  la  trasmissione  ha  funzione  di  pubblicità  e  diffusione  di  dati          

—>  comunicazione:  trasmissione  ha  valore  di  condivisione  di  info  al  fine  di  condizionare  il  comportamento  delle  parti  

d  un  processo  

-­‐  atteggiarsi  dei  rapporti  tra  amministrazione  e  cittadino:  

—>  informazione:  rapporti  di  tipo  unilaterale  (pa  mette  a  disposizione  le  info)  

—>  comunicazione:  rapporti  di  tipo  bilaterale,  scambio  di  info  (pa  ha  un  ruolo  attivo)  

-­‐  strumenti  di  trasmissione  utilizzati:  

—>  informazione:  mezzi  di  comunicazione  di  massa(stampa,  radio)  

—>  comunicazione:  avviene  in  forma  diretta  (tramite  accesso  agli  uffici  della  PA)  

 

PORTAVOCE  e  URP=  svolgono  funzioni  nevralgiche  per  il  corretto  funzionamento  dell  amministrazione  e  per  l  efficacia  

dei  rapporti  tra  essa  e  i  cittadini.  La  direttiva  “Attività  di  comunicazione  delle  pubbliche  amministrazioni”  individua  

questi  compiti:    

9. garantire  un’informazione  trasparente  sul  loro  operato  

10. pubblicizzare/consentire  l’accesso  ai  servizi  promuovendo  nuove  relazioni  coi  cittadini    

11. promuovere  efficienza  e  efficacia  dei  prodotti/servizi  tramite  un  adeguato  sistema  d  comunicazione  interna.  

A  svolgere  attività  di  informazione/comunicazione  devono  essere  figure  professionali  (civil  servant),  specialisti  con:  

profonda  sensibilità  nei  confronti  delle  problematiche  di  tipo  creativo  

approfondita  conoscenza  dei  media  

reale  competenza  nel  marketing  

 “comunicatore  istituzionale”  —>  sorta  di  guida  per  il  cittadino-­‐utente  alla  PA,  e  contemporaneamente  un  

comunicatore  dei  servizi/atti/comportamenti/proposte  della  stessa.  E’  un  ruolo  essenziale  per  regolare  i  rapporti  tra  

cittadino  e  istituzioni:  devono  avere  specifiche  qualità  professionali  e  personali.    

Professionalità  =  capacità  di  valutare  i  fattori  variabili  di  un  contesto  in  continua  trasformazione,  definire  migliori  

strategie  per  il  raggiungimento  degli  obiettivi  di  comunicazione,  pianificare  la  comunicazione  con  i  canali  più  

appropriati.  Essa  non  è  solo  quella  di  un  esperto  della  tecnologia  o  di  un  bravo  addetto  stampa  ma  di  qualcuno  che  sia  

capace  di  organizzare  e  coordinare  tutte  le  diverse  forme  di  comunicazione  secondo  una  coerente  politica  di  

comunicazione  e  strategie  comuni.  Solo  così  le  amministrazioni  possono  raggiungere  efficacemente  

cittadini/imprese/associazioni/enti  per  influire  sul  loro  comportamento  in  funzione  di  obiettivi  più  complessi.    

Le  professionalita  che  operano  nella  comunicazione  istituzionale  sono  diverse  tra  loro,  a  cominciare  dal  diverso  status  

professionale  che  contraddistingue:  

  38  

-­‐ coloro  che  lavorano  negli  uffici  stampa  (svolgono  attività  di  informazione  e  comunicazione);  è  richiesta  l’iscrizione  

all’albo;  

-­‐ coloro  che  lavorano  negli  Urp.  

 

a) Uffici  relazioni  con  il  pubblico  -­‐  URP  

 

Strutture  di  riferimento  sul  fronte  della  comunicazione.  Sono  diverse  le  professionalità  che  vi  operano:  

1. Tecnici  delle  relazioni  con  il  pubblico  (front-­‐office:  gestiscono  rapporto  diretto  con  cittadino)  

2. Documentaristi  (back-­‐office:  gestione  delle  banche  dati)  

3. Comunicatori  pubblici  (responsabili  delle  strategie)  

2006  —>   Associazione  Italiana  della  comunicazione  pubblica  istituzionale  ( Compubblica)  ha  formulato  una  proposta  

per  la  distinzione  di  due  profili  professionali:  

1. Comunicatori  pubblici  —>  comprende  coloro  che  sono  responsabili/dirigono  le  strutture  di  comunicazione  e  

hanno  competenze  per  quanto  concerne:  -­‐  elaborazione  di  progetti,  piani  di  comunicazione  e  marketing,  

campagne  informative  -­‐  coordinamento  comunicazione  interna  e  esterna  -­‐  coordinamento  attività  back-­‐office  e  

front-­‐office  -­‐  presentazione  di  progetti  per  il  miglioramento  interno/esterno  -­‐  coordinamento  delle  procedure  per  

i  reclami/segnalazioni…  -­‐  promozione  e  sviluppo  di  progetti  nel  campo  dei  new  media  -­‐  miglioramento  servizi  agli  

utenti  -­‐  coordinamento  degli  Urp  dei  diversi  enti  -­‐  comunicazione  interna  (definizione  mission,  strategie,  

obiettivi..)  -­‐  gestione  relazione  con  enti,  imprese,  istituzioni  -­‐  definizione  di  progetti  esecutivi  online  -­‐  ecc.  

2. Addetti  alla  comunicazione  e  alla  relazione  con  il  pubblico  —>  colui  che  presiede  il  front  e  il  back-­‐office,  è  il  

responsabile  dello  svolgimento  delle  attività  di  competenza  del  front/back-­‐office:  -­‐  responsabile  dei  procedimenti  

per  la  concreta  attuazione  dei  diritti  d’accesso  e  partecipazione  -­‐  realizzazione  del  materiale  informativo  per  la  

promozione  dei  servizi  e  prestazioni  dell’ente  -­‐  attività  di  informazione,  consulenza,  orientamento  e  assistenza  

degli  utenti  -­‐  rilevazione  dei  bisogni  e  attese  degli  utenti  -­‐  analisi  dei  fabbisogni  del  territorio  -­‐  controllo  qualità  

delle  informazioni  e  dei  contenuti  -­‐  eccc.  

In  questi  uffici  operano  figure  professionali  diverse.  Alle  due  categorie  si  richiede  un  bagaglio  culturale  differente.    

1993:  era  emersa  la  necessita  di  individuare  personale  della  PA  da  collocare  nei  neonati  uffici  e  la  selezione  si  svolgeva  

utilizzando  come  criteri:  

-­‐ motivazione  verso  il  tipo  d  lavoro  richiesto  

-­‐ auto-­‐candidatura  

In  questo  modo  gli  Urp  erano  costituiti  da  personale  privo  di  un’adeguata  competenza.  

1995:  viene  stabilita  l’obbligatorietà  di  una  formazione  specifica  per  il  personale  degli  Urp  (indicando  le  competenze  

informatiche,  statistiche  e  manageriali  che  esso  doveva  possedere).    

La  formazione  professionale  dei  comiunicatori  pubblici  avveniva  grazie  a  precise  strutture  es.  Scuola  superiore  della  

pubblica  amministrazione  /  Scuola  superiore  dell’economia  e  finanze  e  le  altre  scuole  pubbliche  e  private  aventi  

finalità  informative  e  in  possesso  di  specifici  requisiti  (esperienza,  professionalità…).  Indicazioni  più  precise  sullo  

svolgimento  della  formazione  sono  contenute  nel  regolamento  (legge  150)  che  stabilisce  i  requisiti  di  cui  bisogna  

essere  in  possesso  per  svolgere  l  attività  di  comunicatore  pubblico:  

-­‐  laurea  in  scienze  della  comunicazione  /  relazioni  pubbliche  -­‐  chi  non  la  possiede  ma  è  in  possesso  di  un  titolo  di  

specializzazione  o  perfezionamento  post-­‐laurea  

-­‐  per  gli  altri:  corsi  di  formazione  teorici  /  pratici  

Regolamento  prevede  inoltre  la  durata  complessiva  del  percorso  formativo  sia  differenziata  in  funzione  del  ruolo  

ricoperto  al  interno  della  amministrazione  (responsabile  o  non)  e  dell’esperienza  di  lavoro  maturata  nel  settore  (meno  

o  più  di  2  anni).La  formazione  deve  avere  una  componente  teorica  e  una  pratica  (es.  laboratori  per  sperimentazione  di  

tecnologie  e  processi  innovativi…).  

Il  regolamento  prevede  anche  altre  nozioni,  per  esempio:  

-­‐  evoluzione  della  comunicazione  e  info  istituzionale  -­‐  tecniche  e  strumenti  di  comunicazione    -­‐  predisposizione  di  piani  

di  comunicazione  e  campagne  di  informazione  -­‐  marketing  politico….  

 

a) Uffici  stampa  

 

Strutture  di  riferimento  sul  fronte  dell’informazione.  Nodo  critico  rappresentato  dal  rapporto  con  la  professione  

giornalistica.  La  legge  prevede  che  negli  uffici  stampa  operino  2  diverse  professionalità:    

-­‐ addetto  stampa  -­‐  gestisce  una  singola  attività  o  settore  all  interno  dell  ufficio  

-­‐ capo  ufficio  stampa  -­‐  organizza  e  dirige  l’ufficio,  responsabile  delle  strategie,  cura  l’immagine  dell’amministrazione,  

mantiene  rapporti  con  i  giornalisti,  coordina  e  attività  di  informazione  

Rispetto  al  portavoce  (terza  figura  professionale-­‐  versante  dell’informazione)  gli  uffici  stampa  assumono  un  ruolo  

meno  politico  istituzionale  e  più  amministrativo  e  di  servizio,  garantendo  il  massimo  grado  di  trasparenza,  chiarezza  e  

  39  

tempestività  nel  collegamento  con  gli  organi  dell  informazione.  I  coordinatori  e  i  componenti  degli  uffici  non  possono  

esercitare  per  la  durata  del  loro  incarico  altre  attività  professionali  nei  settori  della  radio,  tv,  giornalismo,  stampa,  pr.    

Capo  ufficio  e  addetti  hanno  in  comune  che  devono  essere  GIORNALISTI  regolarmente  iscritti  all’Ordine  (in  possesso  

del  bagaglio  culturale    e  tecnico  precedentemente  acquisito  nel  percorso  formativo).    

Reclutamento  del  personale:  la  selezione  avviene  in  via  prioritaria  per  coloro  che  sono  già  in  ruolo  nella  PA  e    solo  nel  

caso  non  vi  siano  risorse  disponibili  si  può  fare  ricorso  a  personale  estraneo  alla  PA  da  selezionare  tramite  la  

contrattazione  collettiva.  Il  personale  esterno  deve  essere  iscritto  all’albo.  Le  amministrazioni  possono  confermare  

l’attribuzione  delle  funzioni  di  informazione  al  personale  di  ruolo  che  già  svolge  tale  funzione  anche  se  esso  risulta  

provvisto  del  predetto  requisito.  La  legge  garantisce  la  possiblita  di  iscrizione  all’albo  dei  pubblicisti  a  seguito  della  

frequenza  di  un  corso  di  formazione  e  della  presentazione  della  domanda  con  allegata  la  documentazione  che  attesti  il  

carattere  giornalistico  dell’attività  svolta.  

 

3.  Le  criticità  della  comunicazione  istituzionale  in  Italia    

 

 La  comunicaizone  istituzionale  svolge  un  ruolo  strategico  per  il  sistema-­‐paese  quanto  al  corretto  declinarsi  dei  

rapporti  tra  sistema  politico  istituzionale  e  sistema  dei  media.  Se  manca  il  presupposto  della  professionalità  risulta  

difficile  ipotizzare  uno  statuto  deontologico  efficace  e  condiviso.    

 

a. il  problema  del  riconoscimento  professionale  

 

I  comunicatori  istituzionali  vantano  un  singolare  trattamento:  in  quanto  inseriti  nella  PA  godono  del  trattamento  

professionale  tipico  del  dipendente  pubblico.  Sono  tenuti  al  rispetto  delle  notte  e  se  le  violano  sono  soggetti  a  dei  

procedimenti  disciplinari.  Anomalia:  il  comunicatore  istituzionale  incarna  una  professionalità  diversa  rispetto  al  

giornalista  tout  court,  ma  diversa  anche  dal  generico  dipendente  della  PA:  esso  è  un  professionista  della  

comunicazione  che  per  la  complessità  dei  compiti  che  è  chiamato  a  svolgere  e  per  il  ruolo  nevralgico  dell’editore  per  

cui  lavora  (Stato),  deve  essere  tanto  in  possesso  di  professionalità  quanto  disciplinato  da  specifici  codici  deontologici  e  

vigilato  nell  esercizio  della  sua  professione  da  un  autorità  altrettanto  competente  nel  settore.  I  comunicatori  

istituzionali  ne  sono  consapevoli  e  da  anni  rivendicano  la  legittimazione  professionale  e  la  conseguente  certificazione.  

Gia  nel  1997  Stefano  Sepe  sottolineava  come  la  legittimazione  professionale  dei  comunicatori  pubblici  passa  

attraverso  l  analisi  di  due  elementi:  

-­‐ identità  -­‐  insieme  di  tratti  tipici  di  un  gruppo  

-­‐ capacità  -­‐  specificità  tecniche  dei  componenti  del  gruppo  

Alcuni  anni  dopo  queste  riflessioni  sono  state  approfondite  da  Rovinetti  secondo  cui  la  legittimazione  e  quindi  il  

riconoscimento  dello  status  di  “professione  riconosciuta”  deve  necessariamente  passare  attraverso  la  

CERTIFICAZIONE:  momento  conclusivo  di  un  percorso  coerente  intrapreso  dai  comunicatori  che  non  hanno  mai  

abbandonato  la  strada  del  riconoscimento  professionale.  La  certificazione  rappresenta  una  riposta  moderna  a  chi  già  

esercita  questa  professione  e  borra  farlo  senza  soggiacere  a  strumentalizzazioni  e  condizionamenti.  Essa  è  intesa  come  

“acquisizione  dello  status  professionale”  e  come  “condizione  essenziale  per  fare  il  salto  di  qualità”.  E’  una  grande  

occasione  per  uscire  da  una  fase  artigianale.  E’  una  reale  opportunità  tesa  a  impedire  che  nelle  istituzioni  pregala  un  

innaturale  alleanza  tra  coloro  che  nell’apparato  politico  e  tecnico  vorrebbero  ricondurre  i  comunicatori  pubblici  nei  

recinti  della  propaganda.    

Per  uscire  dalla  fase  artigianale  e  approdare  nella  professionalità  occorre  che  la  certificazione  sia  garantita  da  

associazioni  competenti  e  che  sia  attribuita  verso  la  verifica  di  elementi  certi  e  verificabili.  Rovinetti  richiama  

l’attenzione  rulla  necessita  di  modificare  il  sistema  in  vigore  riformando  gli  ordini  esistenti  e  dando  spazio  

all’autonomia  e  alle  associazioni.  

Rovinetti  indica  5  elementi  per  ottenere  la  certificazione:  

1. appartenenza  alla  categoria  professionale  (effettivo  esercizio  dell’attività)  

2. possesso  di  caratteristiche  culturali  e  professionali  

3. adesione  ai  codici  deontologici  della  categoria  

4. garanzia  dell’aggiornamento  professionale    

5. accettazione  dell’intervento  degli  organi  di  controllo  in  caso  di  comportamenti  contrari  alle  norme  di  categoria  o  

ai  codici  deontologici  

Le  affermazioni  di  Rovinetti  sono  riprese  dalla  Compubblica  che  negli  ultimi  anni  ha  affermato  che  “il  prossimo  

impegno  dell’associazione  sarà  quello  di  definire  lo  status  giuridico  dei  professionisti  della  comunicazione,  nel  ambito  

della  contrattazione  collettiva  nazionale.  Vuole  dare  il  riconoscimento  giuridico  a  una  categoria  professionale  specifica  

nel  mondo  della  PA  in  cui  senza  adeguate  competenze  e  definizione  di  ruoli,  anche  le  migliori  intenzioni  rischiano  di  

verificarsi  inadeguate  e  insufficienti.    

 

  40  

2005:  Compubblica  vara  il   Manifesto  della  comunicazione  pubblica  in  Italia  in  cui  si  è  puntato  il  dito  sulla  necessita  di  

professionalizzare  il  lavoro  che  i  comunicatori  pubblici  vengono  a  svolgere  negli  uffici  stampa  piuttosto  che  negli  Urp.  

Rischio  che  corriamo  oggi  è  infatti  di  vedere  intelligenze  e  volontà  dei  dipendenti  pubblici  e  studenti  frustrate  da  una  

inaccettabile  carenza  di  scelte  e  decisioni.  E’  grave  anche  per  il  pericolo  di  restituire  alle  spire  della  propaganda  una  

importante  funzione  interna  alle  organizzazioni  e  una  indispensabile  relazione  con  i  cittadini  per  capire  di  più  e  

scegliere  meglio.  A  chiedere  questo  è  in  primis  la  realtà  sociale  del  nostro  Paese  secondo  cui  occorre  occupare  con  più  

certezze  e  meno  improvvisazione  il  territorio  di  confine  tra  istituzione  e  cittadini/dipendenti  spesso  lasciato  al  

disincanto,  alle  strumentalizzazioni  per  restituirlo  all’impegno  e  alla  competenza”.  E’  su  questi  temi  che  si  gioca  il  

futuro  della  democrazia.    

 

2008:  Nell’ambito  degli   Stati  generali  della  comunicazione  pubblica  in  Italia  e  in  Europa,  Compubblica  ha  accolto  

l’invito  del  ministro  Brunetta  che  ha  chiedo  ai  comunicatori  di  dare  una  mano  alla  PA.  Le  sfide  che  la  comunicazione  

dovrà  affrontare  sono:  

-­‐ Cittadinanza  amministrativa  attiva:  rispondere  ai  bisogni  dei  cittadini  in  modo  concreto  coinvolgendoli  nella  

valutazione  dei  servizi  erogati  tramite  informazione  e  condivisione  (potenziando  strumenti  d’ascolto,  promuovendo  

esperienze  di  cittadinanza  attiva…es.  volontariato)  

-­‐ Organizzazione  delle  strutture  e  dei  servizi  di  comunicazione:  comunicazione  deve  essere  strategia,  risorsa,  servizio  

per  farsi  modalità  di  governi.  Bisogna  dare  piena  attuazione  alla  legge  150  con  le  adeguate  risorse  economiche  e  

promuovere  la  testine  della  comunicaz.  istituzionale  come  sistema  integrato  

-­‐ Formazione:  investire  sulla  formazione  continua  e  strutturata  delle  professionalità  promuovendo  momenti  di  

confronto  qualificato  sulle  principali  tematiche  della  comunicaz.  pubblica  con  attenzione  ai  processi  di  innovazione.  

Diviene  strategico  incentivare  i  rapporti  con  il  mondo  accademico  e  i  sistemi  di  comunicazione,  implementando  il  

know  how  (avvicinare  i  giovani  alla  comunicazione  pubblica)  

-­‐ Innovazione  tecnologica:  componente  propulsiva  dei  meccanismi  di  riforma  amministrativa.  Operativamente  

occorre  progettare  sistemi  e  soluzione  Ict  in  prospettiva  integrata  con  le  strategie  organizzative  e  di  comunicaz.  e  

partecipazione,  integrare  strumenti  e  misure  per  rendere  attuabile  l’integrazione  e  interconnessione  dei  sistemi  

all’interno  della  PA  

-­‐ Europa:  questa  prospettiva  è  una  realtà  concreta  nella  vita  quotidiana  (caratterizzata  dalla  mobilità  territoriale  dei  

cittadini)  fondamentale  per  la  progettazione  di  un  sistema  al  passo  con  le  esigenze  dei  cittadini.  Bisogna  mantenere  

un  continuo  confronto  con  le  realtà  europee  

-­‐ Professioni:  il  tema  del  riconoscimento  professionale  rimane  centrale  e  urgente.  E’  necessario  ridefinire  il  profilo  

professionale  del  comunicatore  pubblico  come  professione  di  ampio  respiro  tale  da  includere  al  suo  interno  tutti  i  

diversi  ambiti  di  attività  (urp,  web,  ascolto,  pianificazione..).  Obiettivo:  avere  un  professionista  con  capacita  

polivalenti  in  grado  di  operare  in  istituzioni  pubbliche,  enti  e  imprese  con  funzioni  di  interesse  collettivo.  

 

b.        criticità,  ritardi  e  resistenze  nell’attuazione  della  legge  n.  150  

 

Area  problematica:  sorti  della  legge  150  che    è  oggetto  di  sistematici  ritardi,  resistente  e  criticità  nella  sua  attuazione  e  

applicazione.  La  sua  approvazione  ha  coinvolto  gran  parte  del  Parlamento  che  ha  superato  la  tradizionale  dialettica  

maggioranza-­‐opposizione:  essa  è  una  buona  legge  ma  ha  incontrato  ritardi  nella  sua  attuazione  e  applicazione.  Il  

presidente  di  Compubblica,  Gerardo  Mombelli,  ha  osservato  che  ancora  oggi  è  elevato  il  numero  delle  PA  che  evadono  

l’obbligo  di  informare  e  comunicare  con  i  cittadini.  L’entrata  in  vigore  di  questa  legge  pero  non  ha  risolto  i  problemi  

legati  alla  gestione  dei  processi  di  comunicazione  anche  se  ha  contribuito  all  affermazione  della  comunicazione  

pubblica  nel  quadro  sociale,  culturale  e  giuridico.  Ha  un  limite,  non  superato:  aver  trasformato  la  comunicaz.  pubblica  

“da  negata  in  conflittuale”.    

Rapporto:  Situazione  e  tendenze  della  comunicazione  istituzionale  in  Italia  (2000-­‐2004)  realizzato  dallo  Iulm  e  dal  

Dipartimento  della  funzione  pubblica.  Nell’indagine  emerge  un  pregiudizio  nell’attuazione  di  funzioni  professionali  e  

prestazioni  che  sono  ineludibili  e  implicite  (quelle  di  info  e  comunicaz).  Ci  sono  alcuni  vincoli    posti  dalla  legge  150  che  

trovano  ancora  resistenze:  questo  tema  si  ricollega  al  ritardo.  Nella  PA  vi  sono  molti  nemici  della  riforma  e  della  legge  

150  :  essi  sono  i  nostalgici  dei  cittadini-­‐sudditi  (coloro  che  preferiscono  i  cittadini  senza  alcun  diritto  di  partecipazione  

e  controllo).  Si  traduce  in  un  atteggiamento  ostile  nei  confronti  dei  professionisti  che  dall’esterno  vengono  a  operare  

negli  uffici  stampa  o  negli  Urp  e  in  uno  scarso  spirito  di  collaborazione  tra  i  diversi  uffici.  Su  quest  ultimo  fronte  si  è  

pronunciata  la  Compubblica  nel  documento   Comunicazione  è  cittadinanza.  La  comunicazione  pubblica  oggi  (2004)  :  il  

permanere  nell’organizzazione  di  un  modo  di  essere  e  operare  per  parti  separate  e  il  dominio  esclusivo  del  patrimonio  

di  conoscenze  rischiano  di  ridurre  il  cambiamento  generale  connesso  alla  comunicazione.  L’altro  fattore  di  resistenza  

riguarda  le  professionalità  utilizzate:  anche  se  la  legge  si  esprime  chiaramente,  la  PA  continua  ad  avvalersi  del  

personale  interno  privo  d  una  competenza  specifica.    

Fra  gli  elementi  di  difficoltà  che  impediscono  un  percorso  lineare  e  corretto  nella  definizione  dei  profili  personali  

  41  

adeguati  ne  evidenziamo  2:  

1. pianificazione  di  uffici  e  servizi  pensata  in  una  logica  di  piante  organiche  e  livelli  retributivi    

2. convinzione  che  ruoli  e  qualifiche  siano  immutabili  rispetto  alla  realtà  in  continua/rapida  trasformazione  

Dal  ritardo  deriva  un  grave  danno  per  l’amministrazione:senza  specializzazione/formazione/reale  e  provata  

professionalità  ogni  attività  di  comunicazione  è  inefficace.  Per  far  fronte  ai  ritardi  occorre  un  cambiamento  etico  e  

culturale  di  cui  parla  Paolo  Scandaletti.  —>  criticità:  in  Italia  son  molti  i  problemi  da  risolvere  come  il  binomio  

“riconoscimento  della  professione/deontologia”.  Finche  l  esercizio  della  professione  del  comunicatore  pubblico  non  

verrà  riconosciuto  professionalmente  non  si  registreranno  passi  in  avanti.  Aggravante:  i  comunicatori  pubblici  da  

tempo  concordano  nell  individuare  la  soluzione  prospettata  come  l’unica  in  grado  di  garantire  il  salto  di  qualità,  sia  per  

chi  opera  nel  settore  sia  per  coloro  che  sono  i  primi  destinatari:  i  cittadini.  Per  passare  dalle  parole  ai  fatti  si  devono  

verificare  3  pre  condizioni:  

1. definire  bene  il  crinale  tra  informazione  e  comunicazione,  tra  quella  politico-­‐istituzionale  e  quella  di  servizio  

2. per  la  selezione/formazione  del  personale  smettere  di  ricorrere  ai  corsi  di  sanatoria  

3. si  esige  una  cultura  professionale  matura  +  flessibilità  

Se  si  soddisfano  queste  condizioni  il  riconoscimento  professionale  è  più  vicino.  Esse  non  si  impongono  solo  ai  

professionisti  ma  anche  ai  pubblici  dipendenti  nel  loro  complesso.    

 

4.  Il  contributo  delle  associazioni  professionali  per  una  cultura  della  comunicazione  istituzionale    

 

La  complessità  dello  scenario  in  cui  si  muovono  i  comunicatori  istituzionali  trova  conferma  anche  dal  punto  di  vista  

associativo,  dove  si  registra  la  compresenza  di  una  molteplicità  di  soggetti,  diversi  in  primis  per  la  provenienza.    

-­‐ In  alcuni  casi  (Ordine  dei  giornalisti  che  operano  negli  uffici  stampa)  sono  associazioni,  l’adesione  alle  quali  p  

condizione  per  l’esercizio  della  professione;    

-­‐ in  altri  casi  (Compubblica)  sono  associazioni  volontarie  altamente  rappresentative  della  categoria  che  riconosce  

loro  un  ruolo  fondamentale  e  strategico;    

-­‐ in  altri  casi  sono  gruppi  di  lavoro  (UrpdegliUrp,  Ferpi-­‐PA)  nati  per  incentivare  lo  sviluppo  della  professione  e  la  

riflessione  sui  problemi  ad  essa  connessi.  

I  com.  istituzionali  possono  accedere  alle  associazioni/sindacati  che  operano  con  riferimento  all’amministrazione  nel  

suo  complesso  e  /  o  a  singoli  uffici.  —>  realtà  associative  che  privilegiano  tre  chiavi  di  lettura:  

1. impegno  per  il  consolidamento  del  dibattito  sulla  comunicaz  istituzionale  

2. affermazione  dei  relativi  profili  professionali  

3. attenzione  rivolta  alla  deontologia  

 

Quanto  alla  prima,  i  soggetti  presi  in  esame  (Compubblica,  Gus,  UrpdegliUrp,  Ferpi-­‐PA)  hanno  l’obiettivo  di  portare  

all’attenzione  della  società  civile  il  dibattito  culturale  sulla  comunicazione  pubblica  in  se  considerata,  sul  ruolo  che  

essa  svolge  nelle  attività  della  PA,  sui  profili  professionali  che  in  essa  operano.  Ma  anche  un  dibattito  sulla  efficacia  

delle  norme  giuridiche  e  sul  loro  stato  di  attuazione.    

Questi  temi  rientrano  nelle  attività  che  lo  statuto  riconosce  per  Compubblica,  associazione  nata  nel  1990.  Essa  deve  

contribuire  alla  modernizzazione  della  PA  e  alla  crescita  di  qualità  dei  servizi,  promuovendo  l’affermazione  del  ruolo  

della  comunicazione  nell’ambito  delle  attività  delle  istituzioni  pubbliche,  enti  economici  e  loro  utenti.  Opera  per  la  

crescita  culturale  e  sociale  di  questa  attività.  Obiettivo  primario:  riconoscere  e  valorizzare  ogni  forma  e  sede  delle  

attività  rappresentate.    

>   Manifesto  della  comunicazione  pubblica  in  Italia:  

-­‐ consapevolezza  che  la  com.  pubblica  sia  un  fattore  di  traino  per  il  rinnovamento  delle  istituzioni  

-­‐ necessità  di  un  impegno  forte  e  costante  x  la  crescita  culturale/sociale  

Nascono  iniziative,  di  cui  l’associazione  deve  farsi  promotrice,  che  ruotano  in  5  aree  di  intervento:  

1. cultura  e  deontologia  della  professione  —>  accrescere  sensibilità  sociale  e  preparazione  professionale  tecnologica  

2. conoscenza  del  fenomeno  —>  importanza  del  ruolo  della  comunicazione  pubblica  e  istituzionale  

3. promozione  del  dibattito  culturale  —>  promuovere  iniziative  culturali/professionali  x  favorire  un  libero  confronto  

di  opinioni  

4. dialogo  interno  e  esterno  —>  favorire  l’aggregazione  delle  diverse  figure  professionali  +  istituzione  di  rapporti  

ottanici  e  permanenti  con  i  settori  politici  e  d  comunicazione  

5. riflessione  e  programmazione  —>  analisi/elaborazione  collettiva  sulla  comunicazione,  in  merito  alla  sua  funzione  

di  promozione  delle  istituzioni  sociali/servizi  pubblici  e  della  loro  conoscenza  da  parte  degli  utenti  

 

Attività  dell’associazione  è  orientata  su  questi  temi:  

-­‐ son  stati  stabiliti  rapporti  di  collaborazione  cn  le  università  e  le  istituzioni  

-­‐ si  e  cercato  di  portare  all’attenzione  del  pubblico  dibattito  e  delle  istituzioni  il  problema  del  RICONOSCIMENTO  

  42  

PROFESSIONALE    

-­‐ adozione  di  un  Codice  deontologico  e  di  buona  condotta  per  i  comunicatori  pubblici  

-­‐ certificazione  dei  profili  professionali  

-­‐ ideazione  di  occasioni  di  incontro/confronto  

-­‐ creazione  della  Feacp  (federazione  europea  delle  associazioni  di  comunic  pubblica)  

 

UrpdegliUrp  —>  obiettivo  di  sostenere  e  valorizzare  la  funzione  d  comunicazione  nel  ambito  delle  istituzioni  

pubbliche,  vista  come  strumento  di  miglioramento  delle  relazioni  cn  i  cittadini.    

Gus  (giornalisti  uffici  stampa-­‐1965)  —>  esigenza  di  stabilizzare  l  opinione  pubblica  e  le  amministrazioni  sui  temi  della  

comunicazione  istituzionale  si  sposa  cn  la  necessita  di  focalizzare  l  attenzione  sulle  specificità  dei  giornalisti  il  cui  

editore  è  la  PA  =  far  conoscere  alle  aziende  pubbliche  e  private,  alla  stampa,  agenzie  la  necessità  di  una  collaborazione  

con  i  colleghi  giornalisti  al  fine  di  fornire  loro  info  corrette  e  trasparenti.    

—>  duplice  esigenza:  

1. dare  visibilità  a  una  professione  

2. stabilire  maggiore  collaborazione  col  mondo  dei  media  

Le  professionalità  di  chi  opera  nel  settore  non  sempre  sono  pienamente  riconosciute,  volutamente  osteggiate  da  chi  

invece  dovrebbe  adoperarsi  per  la  loro  legittimazione.    

Su  questi  temi  si  concentra  la  maggior  parte  del  lavoro  delle  associazioni.  Es.  Compubblica  ha  lottato  x  l’applicazione  

della  legge  150.  Obiettivi  —>  favorire  scambio  di  esperienze,  riconoscimento  professionale,  corsi  di  formazione  e  

aggiornamento,  relazioni  più  forti  con  le  università…..  

La  realizzazione  di  sei  richiede  l’ampio  consenso  di  coloro  che  operano  nel  settore.  In  Compubblica  i  soci  si  distinguono  

in:  

-­‐ effettivi  —>  personale  interno/esterno  della  PA,  docenti  universitari  del  settore…  L’ammissione  all’Associazione  in  

qualità  di  socio  effettivo  (partecipa  all’assemblea  dei  soci  e  ha  diritto  di  voto)  avviene  su  richiesta  del  singolo  al  

Consiglio  direttivo  (cui  compete  la  decisione  finale).  

-­‐ sostenitori  —>  associazioni,enti,  istituti  che  effettuano  ricerca  culturale  e  tecnologica  e  delle    relative  applicazioni  

nel  settore  della  comunicazione,  studenti  di  SdC..  

-­‐ onorari  —>  nominati  dall’Assemblea  su  proposta  del  Consiglio  direttivo  tra  persone  che  hanno  recato  un  notevole  

contributo  allo  sviluppo  degli  studi/ricerca/applicazione  nel  settore  della  comunicazione  

La  qualità  di  socio  si  può  perdere  per:  

-­‐ decesso,  dimissioni,  morosità  

-­‐ indegnità  —>  deliberata  dall’Assemblea  dei  soci  su  proposta  del  Consiglio  nei  casi  di  ripetuta  violazione  delle  norme  

dello  statuto  

-­‐ condanne  cn  sentenza  definitiva  per  reati  dolosi  contro  persona/patrimonio/PA  

-­‐ per  i  COMPORTAMENTI  DEONTOLOGICAMENTE  SCORRETTI  non  c’è  nulla  che  faccia  esplicito  riferimento  

-­‐ esclusione  —>  il  socio  può  far  ricorso  al  Consiglio  il  cui  giudizio  è  inappellabile  

 

Sul  tema  del  riconoscimento  professionale:  è  attivo  il  gruppo  di  lavoro  Comunicazione  pubblica  e  marketing  

territoriale  —>  intenti  più  operativi  che  teorici.    

-­‐ Compubblica:  colloca  il  discorso  in  un  quadro  ampio  

-­‐ Ferpi-­‐pa:  affronta  il  problema  da  una  prospettiva  piu  di  ricerca.  Nasce  con  l’obiettivo  di  procedere  a  un  censimento  

dei  comunicatori  che  oggi  lavorano  nella  PA  centrale  e  locale  (stabiliti  contratti  con  le  uni).  

 

Tema  della  DEONTOLOGIA  (adozione  d  codici  deontologici)—>  CRITICITA’  che  riguardano  i  soggetti  che  possono  

adorare  le  sanzioni  (PA  e  Ordine  per  i  giornalisti-­‐sovrapposizione  di  competenze).  

A  fronte  di  una  serie  di  codici  deontologici  che  dettano  le  norme  comportamentali  richieste  ai  professionisti  che  

operano  nel  settore,  mancano  degli  adeguati  meccanismi  sanzionatori.  Non  esiste  legame  fra  norme  deontologiche  e  

regole.  

 

5.  Lo  statuto  deontologico  del  comunicatore  istituzionale  

 

Le  regole  di  condotta  che  un  comunicat.  istituzionale  deve  rispettare    nell  esercizio  della  sua  attività  professionale  

provengono  da  fonti  diverse:  

Sono  fonti  normative,  che  vantano  il  massimo  grado  di  vincolatività:  

-­‐ Codice  di  comportamento  dei  dipendenti  delle  pubbliche  amministrazioni  :  -­‐  Premessa:  prima  che  il  sistema  

divenisse  complesso  come  oggi,  norme  dettagliate  sarebbero  state  superflue  perché  le  regole  di  comportamento  

esistevano  e  senza  essere  scritte  venivano  rispettate.  Con  il  passare  del  tempo  la  burocrazia  ha  perso  la  mentalità  

che  assicurava  questo  stato  di  cose  (venivano  compiuti  atti  illeciti).  Il  pubblico  impiego  italiano  aveva  smesso  di  

  43  

attirare  lavoratori  motivati  e  qualificati  e  aveva  subito  un  decadimento.    -­‐  istituzione  del  Codice:  l’obiettivo  era  

offrire  alcune  regole  di  comportamento  che  vadano  al  di  la  del  rispetto  della  legge  e  dell’astensione  dai  reati.  Essi  

servono  a  mantenere  livelli  di  correttezza  più  elevati  rispetto  a  quelli  che  assicurano  le  norme  penali  che  sono  

norme  pesanti.  I  codici  di  comportamento  sn  più  ordinari,  di  uso  quotidiano.  Questo  codice  mira  a  costruire  una  

morale  collettiva  del  pubblico  impiego  basato  sull’idea  di  moralità  o  correttezza  e  onestà.  Anche  se  è  vincolante  per  

tutti  i  dipendenti  delle  PA  esso  non  è  uno  strumento  generalmente  condiviso:  sindacati,  dipendenti  pubblici,  

sindacalisti  ecc  hanno  manifestato  dubbi  sulla  sua  efficacia  e  utilità.    

-­‐ Carta  dei  doveri  del  giornalista  e  degli  uffici  stampa:  la  vincolatività  è  un  richiamo.  Afferma  che  le  attività  di  info  e  

comunicaz.  devono  avvenire  nel  rispetto  delle  norme  vigenti  in  tema  di  segreto  di  stato,  d’ufficio  e  tutela  della  

riservatezza  dei  dati  personali  in  conformità  ai  comportamenti  richiesti  dalle  carte  deontologiche.  Richiamo  alla  

deontologia  :  riferito  ai  giornalisti  che  svolgono  attività  di  info,  i  quali  sono  assoggettati  a  queste  norme  che  

disciplinano  l’esercii  o  della  professione  giornalistica  nel  suo  complesso  e  in  relazione  alla  Carta  dei  lavori.  

-­‐ Codice  deontologico  di  buona  condotta  dei  comunicatori  pubblici:  codice  della  Compubblica.  Vincolante  per  tutti  

quelli  che  aderiscono  all’associazione  che  lo  sottoscrive.  Esso  comprende  un  ampio  corpus  di  norme  cui  purtroppo  

non  corrisponde  un  adeguato  apparato  sanzionatorio.  Limiti:  vincola  solo  gli  iscritti  ed  è  povero  dalla  capacita  di  

sanzionare  i  comportamenti  deontologicamente  scorretti.  Per  gli  iscritti  a  Compubblica  le  sanzioni  sono  quelle  

previste  dallo  statuto.    

Le  norme  contenute  nei  tre  codici  mettono  in  luce  significativi  punti  di  contatto  che  contribuiscono  a  definire  lo  

statuto  deontologico  del  comunicatore  istituzionale.    

 

a. Il  dovere  di  essere  al  servizio  del  cittadino  e  delle  istituzioni  

 

Primo  dovere:  emerge  in  relazione  alla  natura  del   civil  servant  che  contraddistingue  la  professione  in  esame.Il  

comunicatore  istituzionale  ha  un  obbligo  generale  nei  confronti  del  cittadino  verso  il  quale  deve  operare  nel  rispetto  

dei  principi  di  disciplina  e  onore  su  cui  la  Costtituzione  pone  l  accento.  Questa  visione  trova  spazio  nei  codici  

deontologici  che  specificano  le  modalità  con  cui  essa  si  declina.  I  cittadini  hanno  diritto  d’informazione,  di  accesso  e  

partecipazione  alle  attivita,  ai  servizi  e  alle  opportunità  offerte  dalla  PA.  Il  cittadino  vanta  nei  confronti  della  PA:  

-­‐ diritto  d’accesso  (possibilita  di  visionare  documenti,  ottenere  info..)  

-­‐ diritto  di  partecipazione  (dare  proprio  contributo  x  migliorare  funzionamento  della  PA)  

Essi  trovano  realizzazione  attraverso  i  principi  di  sussidiarietà,  trasparenza,  efficacia  che,  negli  anni  90,hanno  

rinnovato  l’immagine  della  PA  nei  modi  di  relazionarsi  con  il  cittadino  e  le  altre  amministrazioni.  

Questi  diritti  trovano  piena  realizzazione    se  la  comunicaz.  pubblica  favorisce  l’accesso  alle  info,  promuove  la  

trasparenza,  garantisce  efficacia  dell’azione  amministrativa,  incentiva  la  partecipazione  del  cittadino.    

Non  fa  il  bene  dell  amministrazione  il  comunicatore  pubblico  che  pone  ostacoli  all  accesso  dei  cittadini  alle  info  o  che  

offre  loro  info  incomplete  o  errate  (che  ha  interesse  proprio  più  che  per  l  amministrazione).  Per  evitare  cio,  i  codici  

individuano  una  serie  di  comportamenti  giuridicamente,  deontologicamente  e  eticamente  corretti  cui  il  com.  pubblico  

deve  attenersi  nel  esercizio  della  sua  professione  =  descritti  dall’art  8:  diritto  d  accesso  alla  pa,  diritto  all  ascolto,  

diritto  di  informarsi  e  essere  informato.  Ma  in  che  misura  la  violazione  si  configura  come  scorretta?    

-­‐ diritto  d’accesso:  il  comunicatore  risponde  in  maniera  dolosamente  incompleta  o  errata,  di  conseguenza  il  cittadino  

non  viene  informata  e  gli  viene  negata  a  priori  la  possibilita  d  assumere  comportamenti  che  avrebbe  potuto  fare  

propri  

-­‐ diritto  d  ascolto:  riguarda  il  miglioramento  delle  qualità  dei  servizi  erogati.  La  PA  può  commettere  errori,  offrendo  

ai  cittadini  servizi  non  rispondenti  a  una  specifica  necessita,  oppure  non  attiva  servizi  di  cui  il  cittadino  avverte  la  

necessita.  Per  evitare  cio,  è  essenziale  che  la  PA  comunichi  con  il  cittadino  e  che  presti  massima  attenzione  a  cio  che  

gli  dice  e  che  adegui  la  propria  offerta  di  servizi.  

-­‐ diritto  di  informarsi  ed  essere  indormato:  i  comportam.  scorretti  cui  il  codice  fa  riferimento  sono  tanti:  1.  quando  

questo  diritto  non  viene  riconosciuto  a  tutti  i  cittadini  ma  solo  ad  alcuni  d  essi,  cosi  da  offrire  un  vantaggio  ai  singoli  

piuttosto  che  alla  collettività.    2.  quando  si  fa  ricorso  a  un  linguaggio  volutamente  oscuro  o  a  strumenti  non  

accessibili  ai  più,  privando  ampi  settori  di  beneficiare  d  determinati  servizi  /  opportunità  

Alla  funzione  di  servizio  che  il  com.  istituz.  deve  assolvere  verso  i  cittadini  corrisponde  una  eguale  funzione  di  servizio  

che  opera  nei  riguardi  della  PA.  Qui  risiede  la  differenza  tra  comunicatori  istituzionali  e  giornalisti.  Vale  per  i  com  

pubblici  il   Codice  deontologico  e  d  buona  condotta  dei  comunicatori  pubblici:  essi  devono  rispettare  i  doveri  di  

disciplina  e  onore  anche  nei  riguardi  del  proprio  “editore”.  Questo  principio  ricorre  in  diverse  fonti:  

1. Codice  deontologico  e  d  buona  condotta  dei  comunicatori  pubblici   —>  stabilisce  l  obbligo  x  il  com  pubblico  di  

contribuire  al  buon  funzionamento  della  PA  nel  suo  declinarsi  sia:  -­‐  verso  l’interno  (assicurando  la  circolazione  dell  

info  relativa  alla  mission,  strategia,  obiettivi..)  —>  sono  comportamenti  deontologicmente  scorretti  quelli  del  

singolo  ufficio  della  PA  che  si  pone  in  antagonismo  verso  altri  uffici,  nella  convinzione  che  il  proprio  successo  passi  

per  il  discredito  degli  altri,  e  quelli  della  PA  che  non  incentiva  il  dialogo  e  scambio  di  buone  pratiche  tra  gli  uffici.  -­‐  

  44  

verso  l’esterno  (assicurando  promozione  dell  identità  dell  amministrazione  d  appartenenza)  —>  sono  

comportamenti  deontologicmente  scorretti  quando  viene  meno  l  impegno  a  promuovere  l  identità  dell  

amministrazione    

2. Codice  di  comportamento  dei  dipendenti  delle  PA  —>   richiama  al  rispetto  deil  dovere  costituzionale  di  servire  

esclusivamente  la  nazione  con  disciplina  e  onore  e  rispettare  i  principi  di  buon  andamento  e  imparzialità  dell  

amministrazione  

 

L’obbligo  di  servizio  che  grava  sui  com  istituzionali  si  declina  anche  in  base  ai  rapporti  tra  cittadino  e  PA,  che  il  

comunicatore  deve  favorire  e  incentivare  rimuovendo  gli  ostacoli  che  possono  frapporsi  fra  i  2  soggetti.  Su  questo  

principio  si  soffermano:  

Codice  di  comportamento  dei  dipendenti  delle  PA  —>   il  comportamento  del  dipendente  dev  essere  tale  da  stabilire  un  

rapporto  di  fiducia  e  collaborazione  tra  cittadini  e  PA  

Carta  dei  doveri  dei  giornalisti  degli  uffici  stampa  —>  il  compito  del  giornalista  che  opera  nelle  istituzioni  è  quello  di  

favorire  il  dialogo  tra  ente  e  utente,  operando  per  la  perfetta  conoscenza  delle  norme,  piena  trasparenza  dell  

attività  amministrativa,  miglioramento  servizi  e  rimozione  degli  ostacoli  che  si  frappongono  alla  loro  piena  fruibilità  

=  serve  per  rendere  conoscibile  l  istituzione  ai  cittadini  e  di  farla  rispettare.  

 

b.  I  doveri  di  indipendenza  e  trasparenza    

 

Sono  doveri  del  com.  istituzionale  che  trovano  riconoscimento  anche  in  altre  professioni  della  comunicazione:  

giornalisti,  pubblicitari  (pubblicità=sempre  riconoscibile),  lobbisti  (trasparenza=rendere  visibili  gli  interessi).  

Nella  comunicaz.  istituzionale  questi  doveri  trovano  disciplina  a  più  livelli:  

-­‐ livello  generale    (con  riferim.  a  dipendenti  pubblici  nel  complesso)  —>     Codice  di  comportamento  sei  dipendenti  

delle  pubbliche  amministrazioni.  Vi  è  necessita  che  i  comportamenti  professionali  dei  dip.  pubici  si  ispirino  ai  

principi  e  siano  esemplificazione  degli  obblighi  di  diligenza,  imparzialità  e  lealtà  che  qualifichino  il  corretto  

adempimento  della  prestazione  lavorativa.  Essi  devono  prendere  le  decisioni  a  cura  dell’interesse  pubblico  

mantenendo  una  posizione  di  dipendenza  evitando  situazioni/comportamenti  che  possano  nuocere  agli  interessi  o  

all  immagine  della  PA.    Con  specifico  riferimento  al  comunicatore  pubblico,  il  riferimento  all  autonomia  e  all  

indipendenza  si  trova  nel   Codice  deontologico  e  d  buona  condotta  dei  comunicatori  pubblici  —>  necessita  che  essi  

assicurino  di  non  trovarsi  in  posizione  d  conflitto  di  interessi  e  di  nn  utilizzare  x  interesse  personale  informazioni  di  

cui  dispone  per  lo  svolgimento  del  proprio  ufficio.  Essi  devono  anche  garantire  l  assenza  di  conflitti  fra  le  proprie  

attività  e  quelle  della  PA  d  appartenenza.    

-­‐ nel  dettaglio  —>   Carta  dei  doveri  dei  giornalisti  degli  uffici  stampa.  Prende  in  esame  il  giornalista  che  opera  nell  

ufficio  stampa  di  una  PA.  Ribadisce  che  il  giornalista  deve  operare  nel  rispetto  di  due  principi  1.  diritto  delle  

istituzioni  pubbliche  a  informare  2.  diritto  dei  cittadini  di  essere  informati    Sono  entrambi  espressione  di  libera  

manifestazione  del  pensiero.  L  ufficio  stampa  rappresenta  un  crocevia  delle  info:  da  un  lato  il  giornalista  racconta  

l’ente,  dall  altro  è  portatore  delle  esigenze  dei  cittadini.  =  Necessita  di  separare  il  ruolo  del  giornalista  degli  uffici  

stampa  da  tutti  gli  altri  ruoli  cui  la  legge  attribuisce  lo  svolgim.  di  attività  di  info  e  comunicaz.  evitando  situazioni  di  

confusione.  Il  giornalista  deve  operare  con  la  consapevolezza  che  la  responsabilità  verso  i  cittadini  nn  può  essere  

subordinata  ad  alcuna  ragione.  Egli  deve  separare  l’informazione  dalle  altre  attività  di  comunicazione.    

-­‐ norme  specifiche  son  poi  dedicate  ai  GIORNALISTI  che  operano  nel  ambito  di  istituzioni  pubbliche  di  tipo  

ASSEMBLEARE  (es.  Parlam).  In  questi  contesti  il  giornalista  deve  operare  nel  rispetto  della  dialettica  tra  le  forze  e  

soggetti  che  hanno  un  ruolo  diverso  riportando  le  posizioni  corrette  senza  censure/forzature.      

 

Al  dovere  di  indipendenza  si  sposa  quello  d  trasparenza:    

-­‐ Codice  di  comportamento  dei  dipendenti  della  PA:    individua  un  nesso  tra  l  obbligo  d  trasparenza  e  quello  di  

imparzialità.  Il  dipendente  pubblico  deve    •  favorire  l  accesso  ai  cittadini  delle  info  e  fornire  tutte  le  notizie  

necessarie  per  valutare  le  decisioni  della  PA  e  i  comportamenti  dei  dipendenti  •  assicurare  la  parità  di  trattamento  

tra  i  cittadini  che  vengono  in  contatto  con  la  PA  •  respingere  illegittime  pressioni  (puo  opporsi  ad  esse)  

-­‐ Codice  deontologico  e  di  buona  condotta  dei  comunicatori  pubblici:  esso  scioglie  i  dubbi  che  potevano  esserci  in  

relazione  alla  duplice  natura  di  servizio  del  attività  del  com.  pubblico.    Su  esso  grava  •  imparzialità  e  indipendenza  

v/cittadini  •  spirito  di  sacrificio,  correttezza  e  disponibilità  v/cittadini  •  correttezza,  rispetto,  spirito  d  collaborazione  

v/amministraz  di  appartenenza  e  colleghi.  —>  punto  m:  impone  ai  comunicatori  d  essere  al  servizio  dell  

amministrazione  in  nome  della  quale  si  comunica,  nella  misura  in  cui  la  comunicazione  non  contrasti  l’interesse  

generale  legato  alla  mission.  

 

c.  Tutela  della  riservatezza,  promozione  dell’immagine  e  aggiornamento  professionale  

 

  45  

Ultimo  nucleo  di  doveri—>categoria  ampia  in  cui  confluiscono  obblighi  propri  della  professione  e  finalità  cui  essa  deve  

ispirarsi.  

1.   Codice  deontologico  d  buona  condotta  dei  comunicatori  pubblici   —>  dovere  di  tutelare  la  riservatezza  dei  cittadini.  

Nello  svolgimento  della  propria  attività  il  com.  pubblico  è  obbligato  a:  

-­‐ ricercare  equilibrio  e  compensazione  tra  le  esigenze  di  informazione  e  comunicazione  

-­‐ principi  di  trasparenza  ed  efficacia  della  pa  

-­‐ diritti  e  liberta  fondamentali  delle  persone  fisiche  e  giuridiche  (in  particolare  nel  trattam  dei  dati  personali)  

E’  un  dovere  che  non  viene  meno  alla  conclusione  del  rapporto  d  lavoro  tra  comunicatore  e  PA,  ma  un  obbligo  i  cui  

effetti  si  propagano  nel  tempo.  Richiama  la  necessita  d  continuo  aggiornamento  professionale  per  garantire  Servizi  di  

Qualità.  

2.   Codice  di  comportamento  dei  dipendenti  della  PA:    contribuire  alla  promozione  dell  immagine  della  PA  che  il  

comunicatore  istituzionale  e  tenuto  ad  adempiere.  Dovere  che  si  applica  ai  comportamenti  adottati  nella  vita  sociale  e  

lavorativa.  Il  dipendente  a   diretto  contatto  col  pubblico  presta  attenzione  alle  domande  di  ciascuno  e  fornace  

spiegazioni  (risponde  ai  loro  reclami).  Nella  trattazione  delle  pratiche  rispetta  l’ordine  cronologico.  La  promozione  

dell’immagine  della  PA  si  realizza  anche  con  la  comunicazione:    

-­‐ nei  testi  scritti  il  dipendente  usa  un  linguaggio  chiaro  e  comprensibile  

-­‐ garantisce  il  rispetto  degli  standard  d  qualità  e  quantità  (acquisibili  tramite  percorso  formativo  che  non  si  esaurisce  

nel  momento  dell’assunzione  ma  continua  in  tutta  l  esperienza  professionale)  

-­‐ assicura  continuità  del  servizio  

Un  altro  dovere  del  com.  pubblico  è  rendere  accessibile  l’amministrazione  al  cittadino.    

Carta  dei  doveri  dei  giornalisti  degli  uffici  stampa  —>  formazione  e  aggiornamento  sono  la  base  culturale  del  

giornalista  che  deve  avvicinare  sempre  di  pii  la  PA  al  cittadino  e  rendere  partecipe  il  cittadino  alla  vita  e  attività  della  

PA.    

 

6.  La  comunicazione  istituzionale  in  Europa  

 

L’esigenza  di  dar  vita  a  un  organismo  rappresentativo  delle  organizzazioni  che  nei  singoli  paesi  rappresentano  i  

professionisti  della  comunicazione  pubblica  si  è  concretizzata  durante  il  Com-­‐pa  2004  in  cui  è  nata  la   Federazione  

europea  delle  associazioni  di  comunicazione  pubblica  -­‐FEACP-­‐   cui  inizialmente  hanno  aderito  le  associazioni  nazionali  

in  Francia  Spagna  e  Belhio  poi  si  sono  aggiunte  GB  e  Olanda.    E’  un  associazione  ombrello  in  cii  i  singoli  professionisti  

delle  relazioni  pubbliche  aderiscono  in  virtu  della  loro  adesione  all  associazione  nazionale.  Non  c’e  obbligo  di  

iscrizione.    

OBIETTIVO  della  nascita  di  FEACP  (Carta  di  Bologna)  —>    duplice:  

1. esigenza  d  rafforzare  la  cultura  della  com.  pubblica  nelle  istituzioni  europee  cui  le  associazioni  possono  contribuire  

confrontandosi  sui  temi  di  attualità  e  prospettando  soluzioni  

2. valorizzare  la  professione  di  chi  opera  nel  campo  della  comunicazione  pubblica  :  riconoscimento  dei  rispettivi  

profili  professionali  diventa  condizione  per  la  legittimazione  della  professione  e  garanzia  sia  per  chi  opera  nel  

settore  sia  per  i  cittadini  

>   Manifesto  della  comunicazione  pubblica  in  Europa  2005  —>  garantisce  riconoscimento  professionale  dei  

comunicatori  pubblici.  Il  documento  ribadisce  il  ruolo  di  promozione  dell’unita  dei  comunicatori  pubblici  in  Europa  che  

FEACP  ha  assunto  ponendosi  al  servizio  dello  sviluppo  democratico  dei  singoli  paesi.  Scopo:  favorire  migliore  

comunicazione  pubblica  dell  Europa  in  Europa.    

Per  la  realizzazione  di  questi  obiettivi  è  necessario  che  i  comunicatori  pubblici  non  siano  propagandisti  ma  

professionisti  in  frano  di  rappresentare  le  istanze  delle  Istituzioni  di  cui  sono  portavoce,  cui  si  chiede  un  ascolto  dei  

cittadini  e  un  dialogo  con  loro  sulle  scelte  di  competenza  dell  Unione  così  da  permettere  la  costruzione  di  messaggi  

europei  che  si  rivolgono  al  continente  con  un  linguaggio  di  quartiere.    

 

7.  La  “selva  oscura  del  burocratese”:  una  questione  deontologica?  

 

La  deontologia  ella  com.  istituzionale  presenta  numerose  fonti  tra  loro  convergenti  nell  identificare  la  missione  di  chi  

svolge  tale  professione  e  individuare  i  tranelli  deontologici  da  cui  il  comunicatore  istituzionale  deve  sapersi  guardare.  

Al  repertorio  manca  il  poi  grave   errore  che  può  commettere  un  com.  istituzionale  nel  esercizio  della  sua  

professione(pt  di  vista  deontologico):   non  saper  comunicare.  Puo  essere  conseguenza  d  due  diverse  cause:  

1. non  aver  nulla  da  comunicare  

2. comunicare  con  un  linguaggio  incomprensibile  per  il  destinatario  =  problema  sia  linguistico  che  deontologico  —>  

esso  non  compie  alcuno  sforzo  per  farsi  capire  dagli  interlocutori,  viene  quindi  meno  al  dovere  di  essere  un  civil  

servant  che  è  l’essenza  della  sua  professione.    

>   Elogio  all’oscurità  e  alla  chiarezza,  Massimo  Baldini  2004.  

  46  

Baldini  osserva  che  la  lingua  italiana  ha  subito  profonde  innovazioni  che  pero  nn  han  toccato  il  linguaggio  delle  PA.  

Quello  quotidiano  si  trasformava  adattandosi  alle  esigenze  d  una  società  in  evoluzione,  il  BUROCRATESE  si  è  mosso  a  

velocità  pedonale.  Tra  i  vari  linguaggi  infatti  il  burocratese  è  il  più  rigido,  xk  manifesta  resistenze  a  mutarsi.  E’  

caratterizzato  dall’impersonalità,  impassibilità  descrittiva,  predilezione  per  i  tecnicismi  giuridici  passione  per  le  

formule  rituali.  E’  inoltre  un  linguaggio  lessicalmente  antiquato:  in  esso  la  solennità  è  più  amata  della  chiarezza.  

Muoversi  nella  selva  oscura  del  burocratese  e  quindi  complessa  non  solo  per  i  cittadini  ma  spesso  è  la  PA  a  non  capire  

se  stessa  con  l  aggravante  di  venir  meno  al  suo  dovere  di  servizio  nei  confronti  del  cittadino  ma  anche  a  contribuire  al  

buon  andamento  della  PA.  

Per  ovviare  a  questo  limite:  già  da  anni  la  PA  ha  dotato  i  dipendenti  di  alcuni  strumenti  per  migliorare  la  loro  capacita  

d  comunicazione,  che  non  dovevano  essere  mezzi  ma  veicoli  d  un  cambiamento  strutturale,  strumenti  culturali,  che  

fungono  da  incoraggiamento  e  protezione,  destinati  alla  loro  formazione.  Nel  93,  stesso  anno  dell’adozione  del  

Codice  

di  comportamento  dei  dipendenti  della  PA,  nasce  il    

>   Codice  di  stile  delle  comunicazioni  scritte.  nasce  dalla  convinzione  che  per  ogni  Stato  l  uso  d  un  linguaggio  

comprensibile  a  tutti  è  un  problema  di  civiltà  e  democrazia.  Dev  essere  il  più  possibile  semplice,  chiaro  e  non  lontano  

dalla  lingua  comune.  Cio  non  poteva  dirsi  del  linguaggio  burocratico  (non  fa  comprendere  e  non  sa  esprimersi).    

>  Manuale  di  stile  (1996):  strumento  per  cambiare  la  cultura  e  comportamenti  di  tutte  le  PA.  Strutturato  in  3sezioni:  

-­‐ Guida  alla  redazione  dei  documenti  amministrativi  

-­‐ Guida  alle  parole  della  PA    

-­‐ Guida  all  impaginazione  dei  documenti  amministrativi  

Il  manuale  contiene  regole  per  aiutare  le  PA  a  comunicar  meglio  con  i  cittadini:  consigli  linguistici,  giuridici  e  grafici  con  

l  obiettivo  di  abituare  chi  scrive  a  progettare  il  messaggio  e  a  pensare  prima  ai  destinatari  finali  del  proprio  lavoro.    

Le  PA  devono  mettere  i  cittadini  in  condizione  di  capire  quali  sono  i  propri  diritti  e  doveri.  Spesso  il  linguaggio  tende  a  

rispettare  i  formalismi  giuridici  che  a  trasmettere  disposizioni  importanti  x  la  vita  dei  cittadini.    Scrive  in  maniera  

oscura  e  incomprensibile,spesso  ambigua.  L’obiettivo  del  manuale  è  togliere  confusioni  e  imprecisioni  prendendosi  la  

responsabilità  di  quello  che  vuole  comunicare  (deontologia  corrisponde  a  responsabilità).    

 

 

 

CAPITOLO  6°-­‐  Giornalisti  

 

1.  La  centralità  dell’etica  e  della  deontologia  nell’informazione  

 

Nel  mondo  della  comunicazione  parlare  in  termini  eticodeontologici  è  complesso  perche  entrano  in  gioco  fattori  

diversi    tra  loro:  economici,  politici,  culturali  ,  sociali  e  le  tecnologie  (in  costante  avanzamento).  E’  inoltre  difficile  il  

ragionamento  eticodeontologico  sul  settore  del  informazione,  per  motivi  prima  d  tutto  storici:  laddove  le  deontologie  

della  comunicazione  sono  nate  in  tempi  recenti,  il  giornalismo  moderno  nasce  INSIEME  all  idea  di  DEONTOLOGIA.  

Nascono  i  primi  quotidiani  moderni  e  contemporaneamente  anche  le  prime  forme  d  deontologia  speso  affidate  agli  

editoriali  dei  quotidiani,  contenenti  enunciazioni  d  principio  che  hanno  a  che  fare  con  l’etica  soprattutto.  Sono  

enunciazioni  solenni  che  tendono  ad  associare  l  idea  di  deontologia  con  il  ruolo  cruciale  che  l  informazione  svolge  in  

favore  dell  affermazione  della  nascente  idea  d  democrazia.  La  deontologia  del  informazione  e  stata  per  anni  oggetto  d  

molteplici  studi  provenienti  da  diverse  aree  disciplinari:  filosofi,  sociologi,  giuristi,  politologi.  Da  cio  deriva  un  numero  

enorme  d  articoli,  saggi,  volumi  dedicati  al  problema  specifico  e  gliu  altri  problemi  connessi:  

-­‐ pregio:  aver  indagato  in  modo  approfondito  il  problema  

-­‐ difetto:  aver  dato  l’idea  d  cercare  il  pelo  nel  uovo  

La  deontologia  del  informazione  e  uno  degli  strumenti  utili  a  garantire  al  cittadino  una  corretta  informazione.  Se  è  

vero  che  essa  fonda  se  stessa  sul  valore  della  libertà  d’espressione,  quando  il  ragionamento  si  sviluppa  in  prospettiva  

deontologica  non  è  più  il  profilo  ativo  del  diritto  a  emergere  ma  quello  passivo:  DIRITTO  D  ESSERE  INFORMATO.    

 

a. Le  origini  della  deontologia  del  informazione    

 

Il  primo  quotidiano  moderno  è  nato  nel  1702  in  Inghilterra  quando  inizia    le  proprie  pubblicazioni  il  «Daily  Courant»  —

>  primo  quotidiano  della  storia  e  anche  primo  a  essersi  dato  regole  deontologiche  ante  litteram.  Nel  1  numero  Samuel  

Buckley  pubblica  un  advertisment  che  è  considerato  la  prima  esposizione  organica  d  deontologia  professionale  della  

storia  del  giornalismo:  egli  dichiaro  l  intenzione  d  riportare  cn  assoluta  fedeltà  ogni  notizia  e  annunci    che  avrebbe  

sempre  citato  la  fonte  in  modo  che  il  lettore  potesse  giudicare  la  credibilità  e  imparzialità  delle  info  ricevute  —>  

CREDIBILITY  AND  FAIRNESS  =  VALORI  SU  CUI  SI  FONDA  LA  DEONTOLOGIA  DELL’INFORMAZIONE.    

La  deontologia  del’info  ha  origini  molto  antiche  e  nasce  in  coincidenza  con  l    informazione  moderna.  C’è  pero  chi  

pensa  che  sia  nata  prima  della  comparsa  dei  primi  quotidiani  moderni  sostenendo  che  le  sue  origini  non  sarebbero  

  47  

inglesi  ma  statunitensi,  legate  alla  pubblicazione  sul  «Publick  Occurrendes,  Both  Foreign  and  Domestic»  (giornale  

fondato  a  Boston,1690)  del   Credo  di  Benjamin  Harris  (editore  del  giornale).Harris  spiega  che  il  suo  giornale  raccoglieva  

e  pubblicava  notizie  nel  rispetto  della  verità,  obiettività,    completezza  e  esattezza.  Poi  —>  Rivoluzione  della  PENNY  

PRESS  negli  anni  30  del  XIX.  Attribuisce  nuovo  significato  al  concetto  di  notizia,  e  esalta  il  ruolo  di  giornalista.  Bisogna  

aspettare  i  primi  anni  del  XX  perche  siano  elaborati  i  primi  codici  deont  moderni  centrati  sul  obbligo  d  rispettare  la  

verita,  e  avere  cm  riferimento  il  pubblico  e  non  il  singolo  gruppo  d  interesse.  Nascono  anche  prime  associazioni  di  

giornalisti  tra  la  fine  del  XIX  e  inizio  XX  con  l  obiettivo  d  definire  le  regole  della  professione,  assicurare  l’osservanza  e  

sanzionare  trasgressioni.    

Alla  diffusione  d  codici  deontologici  corrisponde  la  nascita  delle  scuole  di  giornalismo.  La  prima  scuola  venne  fondata  

in  Pennsylvania  nel  1893.  Al  inizio  del  XX  secolo  nascono  le  prime  scuole  universitarie.  I  primi  giornalisti  a  dotarsi  d  un  

insieme  d  regole  scritte  in  cui  sono  codificai  i  doveri  professionali  e  d  un  Tribunale  d’onore  chiamato  a  vigilare  sul  

rispetto  d  tali  regole,  furono  i  giornalismi  polacchi  della  Galizia  seguiti  da  svedesi  e  americani.    

Nei  primi  anni  del  20º  secolo  le  iniziative  si  moltiplicano  soprattutto  in  Europa.  a  tutte  queste  iniziative  si  aggiungono  

le  assunzioni  di  responsabilità  etica  deontologica  che  da  due  secoli  vedono  in  prima  linea  i  quotidiani,poi  radio  e  

televisioni.  Alle  iniziative  di  carattere  nazionale  si  aggiungono  quelle  di  carattere  internazionale.  L'associazione  della  

stampa  Inter  americana  adotta  un  proprio  codice  e  anche  la  federazione  internazionale  dei  giornalisti.  L'unione  dei  

giornalisti  dei  paesi  aderenti  alla  cena  dalla  dichiarazione  dei  diritti  e  dei  doveri  dei  giornalisti  e  il  codice  morale  del  

giornalismo  europeo  nel  1971.  Recentemente  la  deontologia  del  giornalismo  è  entrata  anche  nelle  principali  

organizzazioni  internazionali.  Nel  1982  nasce  il  rapporto  MacBride  sulla  comunicazione  che  fissa  in  appositi  codici  e  le  

norme  di  comportamento  professionale,  e  le  ancora  a  visioni  etiche  non  individualiste  ma  riferite  alle  prevalenti  

responsabilità  verso  il  pubblico.  Nel  1972  a  Parigi  otto  associazioni  internazionali  di  giornalisti  promulgano  i  principi  

internazionali  di  etica  professionale  del  giornalismo  che  mettono  al  primo  posto  la  verità,  l'obiettività  e  l'esattezza,  il  

segreto  professionale,  il  diniego  della  calunnia,  della  diffamazione  e  del  plagio.  

In  tempi  recenti  sul  problema  dell'informazione  intervenuta  l'Unione  Europea  che  ha  adottato  la  risoluzione  numero  

1003  solletica  del  giornalismo.  In  questo  documento  il  consiglio  ribadisce  la  responsabilità  morale  che  hanno  i  mezzi  

comunicazione  nei  confronti  dei  cittadini  e  della  società,  soprattutto  in  un  momento  in  cui  informazione  e  

comunicazione  rivestono  un  ruolo  importante.  L'esercizio  del  giornalismo  comporta  quindi  diritti  e  doveri,  libertà  e  

responsabilità,  e  che  ogni  informazione  conforme  all'etica  richiede  ché  destinatari  siano  considerati  come  persone  e  

non  come  massa.  L'obiettivo  della  deontologia  è  quello  di  garantire  tutelare  le  libertà  di  espressione  e  indiretto  dei  

cittadini  a  ricevere  informazioni  vere  e  opinioni  corrette.  Perché  ciò  avvenga,  è  necessario  che  siano  predisposti  

organismi  o  meccanismi  di  autocontrollo  composte  da  editori,  giornalisti,  stazioni  di  utenti  dei  mezzi  di  comunicazione  

sociale,  rappresentanti  degli  ambienti  universitari  giudiziari,  che  elaborano  risoluzioni  in  su  rispetto  dei  codici  

deontologici  da  parte  dei  giornalisti.  Ciò  aiuterà  il  cittadino  titolare  del  diritto  all'informazione  a  formarsi  un'opinione  

critica  sul  lavoro  dei  giornalisti  e  sulla  loro  credibilità.  

 

B.  Etica  e  deontologia  al  tempo  del  citizen  journalism  

 

La  deontologia  dell'informazione  richiama  l'essenza  della  professione  giornalistica:  il  suo  essere  al  servizio  del  

cittadino  e  nel  contempo  la  sua  indipendenza  rispetto  a  qualsiasi  potere.  Il  nascere  di  iniziative  citizen  journalism  ha  

imposto  di  allargare  la  prospettiva  di  indagine  anche  a  coloro  che  non  sono  giornalisti  ma  esercitano,  con  modalità  

diverse,  il  diritto  d'informazione.  Da  qui  deriva  una  diversa  modalità  di  approccio  al  fenomeno  della  deontologia  non  

più  meramente  giuridica.  Nel  momento  in  cui  a  fare  informazione  non  sono  più  i  professionisti  ma  anche  i  privati  

cittadini,  la  prospettiva  giuridica  non  è  più  sufficiente  a  risolvere  il  problema.  Al  diritto  si  è  quindi  affiancata  la  

prospettiva  etica.  Alla  deontologia  viene  affiancata  la  parola  responsabilità.  Essa  risulta  amplificata  xk  se  le  altre  

deontologie  della  comunicazione  vanno  toccare  diritti  costituzionalmente  garantiti,  nel  caso  dell'informazione  quello  

in  gioco  è  il  diritto  su  cui  si  fonda  il  concetto  di  democrazia:  il  diritto  di  informare,  informarsi  ed  essere  informati.  

Questo  diritto  deve  avere  piena  realizzazione.  Il  tema  della  deontologia  etica  dell'informazione  è  un  grande  spazio  

presso  l'opinione  pubblica,  sia  quella  formata  dagli  addetti  ai  lavori  sia  quella  che  fa  capo  al  cittadino.  A  questa  

centralità  sono  corrisposte  diverse  prospettive  di  studio  del  problema:    

1.  Tema  della  deontologia  viene  declinato  in  rapporto  agli  effetti  che  possono  derivare  da  un'informazione  non  

deontologicamente  corretta.  Il  principio  vale  per  un  avvocato,  medico,  infermiere,  anche  per  una  persona  che  svolge  il  

compito  di  informare.  Queste  professioni  hanno  in  comune  il  fatto  che  si  riferiscono  a  valori  costituzionalmente  

garantiti,  quindi  a  valori  che,  per  la  loro  centralità,  per  l'essenzialità  che  svolgono  nei  confronti  del  cittadino,  il  

legislatore  ha  ritenuto  di  dover  codificare  al  livello  più  alto  gerarchico  delle  fonti.  Il  giornalista  a  svolgere  un'attività  

pienamente  assimilabile  a  quella  del  medico,  con  una  differenza:  il  giornalista  si  scontrano  l'interesse  del  pubblico  a  

ottenere  un'informazione  veritiera,  il  dovere  del  rispetto  delle  regole  deontologiche  e  il  principio  della  libertà  di  

manifestazione  del  pensiero.  La  soluzione,  rispetto  a  questa  convergenza  di  interessi,  è  una:  che  il  giornalista  si  metta  

al  servizio  della  verità  e  del  bene  per  la  collettività.  

  48  

Con  riferimento  al  ruolo  sociale  che  il  giornalismo  svolge,  e  quindi  le  ricadute  sociali  che  possono  derivare  da  una  

informazione  deontologicamente  scorretta,  si  sofferma  Giuseppe  Morello  che  fa  una  premessa  interessante  per  il  

giornalismo  tout  court:  c'è  una  ragione  che  spiega  la  centralità  dell'  etica  professionale,  carta  dei  diritti,  codici  

deontologici,  ed  è  la  rilevanza  che  le  pratiche  dell'informazione  hanno  assunto  nella  vita  sociale  e  la    consapevolezza  

diffusa  che  il  destino  di  una  democrazia  evolutiva  è  affidato  in  parte  all'informazione.  Il  giornalista  ha  sempre  avuto  un  

ruolo  sociale  e  oggi  non  può  non  avvertirne  la  responsabilità.    

Ruolo  sociale  del  giornalismo  e  responsabilità  del  giornalista:  sono  i  perni  su  cui  si  fonda  la  deontologia.  Sono  i  due  

parametri  attorno  ai  quali  bisogna  ragionare  per  migliorare  o  rendere  più  efficaci  gli  attuali  meccanismi  deontologici.  

 

Su  questa  considerazione  si  innesta  il  secondo  filone  di  studi  che  ha  avuto  a  tema  alla  deontologia,  quella  legata  

all'efficacia  degli  attuali  sistemi,  che  sembrano  accomunati  dal  declinarsi  in  chiave  giuridica  prima  che  etica.  Sono  

emersi  diversi  spunti:  

1.  Viali  -­‐>  approfondisce  il  tema  della  deontologia  che  a  che  fare  con  la  molteplicità  di  codici  che  il  giornalismo  ha  

prodotto  negli  ultimi  anni.  Rispetto  a  questa  ricchezza  le  opinioni  sono  discordanti:  

-­‐  secondo  alcuni  l'inondazione  di  carte,  garanzie,  codici,  regole,  diritti,  tutte  tele  in  materia  deontologica,  non  è  che  

il  manifestarsi  di  del  malessere  della  professione  di  cui  abbiamo  parlato  e  del  tentativo  di  esorcizzare  

-­‐  secondo  altri  le  regole  deontologiche  contenute  nella  legge  professionale  non  sono  sufficienti  a  garantire  un  

livello  accettabile  di  correttezza  professionale.    

Secondo  Viali  l'esame  delle  fonti  ci  consente  di  concludere  che  le  regole  deontologiche  esistono  e  sono  numerose  e  

che  in  materia  è  apprezzabile  l'impegno  della  categoria  e  la  presa  di  coscienza  della  loro  importanza.  Per  quanto  

riguarda  l'applicazione  delle  norme,  l'ODG  ha  preso  coscienza  della  funzione  deontologica  e  si  è  avviata  a  un  esercizio  

costante  e  severo  della  relativa  disciplina.  

2.  Boneschi  -­‐>  osserva  come  nonostante  gli  indubbi  passi  avanti  compiuti  sotto  il  profilo  normativo  e  il  proliferare  di  

carte  di  autoregolamentazione,  il  tasso  deontologico  del  giornalismo  italiano  è  in  ribasso:  scarsa  coscienza  

professionale,scarso  controllo  delle  notizie,  poco  rispetto  per  i  diritti  della  persona,  poco  amore  per  la  verità  il  nome  

dell'affannosa  ricerca  dello  scoop  ecc.  C'è  squilibrio  tra  la  crescita  esponenziale  della  responsabilità  civile  dei  giornalisti  

e  quella  disciplinare  negli  ultimi  vent'anni:  a  fronte  di  così  tante  condanne  per  risarcimento  di  danni  a  carico  di  

giornalisti  e  testate  non  corrisponde  un  numero  proporzionale  di  sanzioni  disciplinari  accertate.  

A  fronte  delle  critiche  c'è  chi  plaude  al  meccanismo  posto  in  essere  dalla  deontologia:  meccanismo  che  presenta  

comunque  una  sua  validità.  

Altre  prospettive:  

>  De  Bortoli  -­‐>  secondo  lui  il  comportamento  dei  colleghi  sanzionati  per  violazione  dei  codici  deontologici,  rispecchia  

una  tendenza  tipica  del  nostro  paese,  quella  di  avere  molte  leggi  e  allo  stesso  tempo  rispettarle  poco.  Il  fatto  che  ci  

siano  colleghi  che  non  le  rispettano  questo  non  inficia  il  valore  delle  carte  e  delle  regole  che  comunque  restano  

dettate  dal  buon  senso,  strumenti  indispensabili  per  fare  buona  informazione.  Quale  che  sia  il  giudizio  assunto  nei  

confronti  dei  meccanismi  deontologici,  è  nei  confronti  di  un  giornalismo  che  non  rispetta  il  suo  primo  valore  

professionale  che  il  discorso  sulla  deontologia  richiama  e  si  intreccia  inevitabilmente  con  quello  dell  etica.  I  contributi  

si  moltiplicano  così  come  le  modalità  di  approccio  al  problema:    

1. Etica  applicata  al  giornalismo  tout  court:  il  rapporto  tra  l'etica  e  il  giornalismo  viene  indagato  con  riferimento  ai  

principi  sui  quali  giornalismo  si  basa,  sui  valori  che  l'informazione  giornalistica  deve  garantire.  Occuparsi  di  etica  

significa  capire  quale  possa  essere  il  senso  morale  del  lavoro  dei  giornalisti,  diffusione  delle  notizie,  azione  dei  

media  nella  società.  Alla  base  di  questo  approccio  c'è  la  consapevolezza  del  ruolo  sociale  dell'informazione.  

2. Ragiona  in  termini  di  etica  del  giornalista  con  riferimento  alla  professionalità:  alla  riflessione  sull'etica  del  

giornalismo  si  affianca  quella  sull'etica  del  giornalista.  Due  realtà  che  devono  coincidere.  L'etica  del  giornalismo  è  

l'etica  del  giornalista  cioe  la  sua  coscienza  morale,  come  cittadino  e  come  professionista.  Ma  a  differenza  di  altri,  

chi  opera  nel  campo  dell'informazione  deve  essere  ben  consapevole  delle  possibili  conseguenze  morali,  sociali,  

politiche  e  culturali  di  un  lavoro  che  non  si  esaurisce  in  se  stesso  ma  si  rivolge  a  un  largo  universo  di  cittadini.  Il  

giornalista  deve  attenersi  con  rigore  non  solo  a  rispetto  dei  codici  e  della  legislazione  del  suo  paese  ma  anche  al  

rispetto  della  verità.  

Emerge  quindi  come  i  principi  su  cui  si  fonda  la  deontologia  sono  gli  stessi  su  cui  si  fonda  la  professionalità  

giornalistica.  Su  questo  tema  ha  contribuito  il  lavoro  svolto  da    

>  Alberto  Papuzzi-­‐>  La  condizione  reale  in  cui  un  giornalista  da  un  significato  al  proprio  mestiere  è  il  frutto  di  un  

complesso  di  fattori:  la  sua  personalità  e  le  sue  convinzioni,  la  linea  editoriale  politica  del  giornale,  il  contesto  sociale  

in  cui  opera,  l'argomento  di  cui  deve  occuparsi  ecc.  Questa  complessità  si  rispecchia  in  una  pluralità  di  principi  etici.  

Dire  la  verità  è  soltanto  un  aspetto  dei  compiti  morali  che  riguardano  i  giornalisti,  per  cui  non  può  esistere  un  unico  

modello  etico  ma  si  deve  scegliere  tra  modelli  diversi.  Valori  morali  ma  non  solo:  i  principi  morali  non  esauriscono  il  

quadro  dei  riferimenti  sui  quali  l'etica  giornalistica  appoggia  le  basi,  ma  bisogna  considerare  considerare  altri  elementi:  

i  valori  e  le  virtù.  

  49  

1.  Valori=  si  distinguono  tra  morale  e  non  morali,  definiscono  ciò  che  è  bene  e  ciò  che  è  male,  mentre  principi  ci  

aiutano  a  capire  ciò  che  è  giusto  e  ciò  che  è  sbagliato.  I  valori  non  morali  del  giornalismo  come  competenza,  utilità,  

istruzione,  imprenditorialità.  

2.  Virtù=  qualità  che  caratterizzano  in  senso  positivo  una  persona,  consentendole  di  perseguire  i  principi  etici:  

intraprendenza,  coraggio,  tenacia,  curiosità,  spirito  di  avventura,  prudenza.  

 

2.  Deontologia  e  professionalità:  una  questione  etica?  

 

Definire  in  cosa  consiste  la  professionalità  del  giornalista  non  è  semplice.  >  Vittorio  Roidi  -­‐-­‐>  Può  essere  considerato  un  

bravo  giornalista  quello  che  fa  gli  scoop,  oppure  quello  che  scrive  bene  in  italiano,  o  quello  che  trova  le  notizie,  le  

accerta  e  le  pubblica.  Definire  la  professionalità  del  giornalista  impone  di  prendere  posizione  che  significa  attribuire  la  

palma  di  buon  giornalista  a  colui  il  quale  dà  notizie  dei  fatti.  Il  giornalista  racconta  agli  altri  fatti  accaduti  e  li  interpreta  

e  commenta.  Per  fare  la  deve  utilizzare  la  propria  libertà  che  dalla  costituzione  è  stata  chiamata  libertà  di  stampa,  

perché  all'epoca  della  stampa  era  il  veicolo  dominante  dell'informazione.  Qualsiasi  individuo  comunica  con  i  suoi  simili  

facendo  uso  della  libertà  di  espressione  che  è  garantita  a  ciascuno.  Il  giornalista  mi  ha  un  bisogno  assoluto.    

>  Alberto  Papuzzi:  alla  definizione  di  professionalità    -­‐eccellenza  professionale-­‐  è  dedicato  ampio  spazio  nel  manuale  di  

Papuzzi.  Secondo  lui  l'eccellenza  professionale  presenta  una  triplice  valenza:    

1.  Comprende  e  assorbe  tutti  i  valori  non  morali  e  anche  virtù,  che  servono  per  primeggiare  nella  professione  

giornalistica.    

2.  Assume  il  significato  e  la  funzione  di  un  valore  morale  che  concorre  a  definire  il  sistema  etico  del  giornalismo.  

3.  Si  incrocia  e  si  compenetrano  con  il  principio  della  stewardship,  contribuendo  a  rendere  operante  la  responsabilità  

sociale  di  un  giornalista.  

Eccellenza  professionale  è  sinonimo  del  rispetto  delle  virtù  e  dei  valori  su  cui  si  fonda  la  professione,  è  essa  stessa  un  

valore  di  una  virtù  professionale,  infine  si  richiama  il  concetto  di  responsabilità.  Eccellenza  professionale  intesa  quindi  

non  solo  come  valore  della  professione,  ma  come  valore  all'interno  del  sistema  dell'informazione,  che  produce  effetti  

positivi  anche  sul  versante  del  pubblico  che  della  notizia  è  il  principale  fruitore.  

In  tempi  più  remoti  un  contributo  importante  alla  definizione  della  professionalità  è  venuta  anche  dagli  stessi  

giornalisti.  Sul  finire  del  19º  secolo  il  fondatore  e  direttore  del  Corriere  della  Sera  (Eugenio  Torelli-­‐Violler)  definiva  il  

giornalista  non  come  il  'padrone  del  pubblico'  ma  come  il  suo  servitore:  il  giornalista  deve  fare  il  giornale  non  per  

servire  la  propria  ambizione,  passione,  interessi  ma  per  istruzione  e  divertimento  del  pubblico  il  quale  si  accorge  

subito  se  il  giornalista  ha  un  secondo  fine.  Il  pubblico  compra  il  giornale  per  essere  informato  di  quello  che  accade:  è  

dovere  di  stretta  onestà  per  il  giornalista  di  non  tacergli  nulla.    

Watchdog=  espressione  che  è  usata  per  definire  il  ruolo  che  l'informazione  è  chiamata  dalla  società  a  svolgere.  Anche  

un  mastino  se  non  addestrato  da  piccolo  si  accontenta  di  fare  i  propri  bisogni.  Un  giornalista  non  nasce  sentinella  ma  

va  preparato.  Prima  conseguenza:  la  professionalità  richiede  di  essere  perfezionata,  corretta,  adeguata  al  mutare  della  

scenario  sociale  e  culturale,  politico  ed  economico  in  cui  il  giornalista  opera.  Quindi  giornalisti  non  si  nasce  ma  si  

diventa.  Allo  stesso  modo  si  impara  la  professionalità  giorno  dopo  giorno,  spesso  dei  propri  errori.  La  parte  più  

importante  della  professionalità  giornalistica  nel  patrimonio  di  cultura,  tecniche,  sensibilità  che  nasce  

dall'apprendimento,  dallo  studio  che  si  arricchisce  con  l'esercizio  della  pratica  quotidiana  e  la  cura  delle  esperienze.  

Affinché  ciò  avvenga  occorre  che  i  giornalisti  siano  addestrati  a  fare  questa  attività.  Professionisti  o  dilettanti  ma  legati  

da  un'etica  che  imponga  al  servizio  del  cittadino.  Non  mi  posso  improvvisare  medico,  la  giornalista  si.    

Seconda  conseguenza:  la  professionalità  rapporto  stretto  con  le  attività  di  newsmarketing  e  newsgathering  che  

insieme  rappresentano  il  cuore  dell'attività  giornalistica.  Le  cattive  notizie  non  sono  quelle  che  parlano  di  disgrazie  o  di  

eventi  previsti.  Con  l'aggettivo  cattive  si  vogliono  indicare  le  informazioni  sbagliate,  entrate,  false,  arredate  con  

superficialità,  le  notizie  che  il  giornalista  ha  captato  e  diffuso  con  tecnica  sbagliata,  magari  sapendo  di  sbagliare  

volendo  sbagliare.  

Terza  conseguenza:  la  professionalità  viaggia  di  pari  passo  con  la  credibilità.  Ne  consegue  che,  se  il  giornalismo  pecca  

di  credibilità,  la  responsabilità  è  anche  dei  giornalisti  che  troppo  spesso  abdicano  alla  propria  professionalità  non  

sempre  per  motivi  che  hanno  a  che  fare  con  l'ansia  di  fare  una  scoop.  Spesso  si  tratta  di  negligenza:  ogni  categoria  alle  

sue  pecore  nere.  Le  credibilità  e  bassa?    

Quarta  conseguenza:  la  professionalità  si  compone  di  qualità  personali  e  abilità  tecniche.  È  professionale  il  giornalista  

che  rispetta  cinque  parole  chiave  che  la  BBC  ha  individuato  come  valori  irrinunciabile  per  chi  v  svolge  attività  

giornalistica  nell'ambito  del  servizio  pubblico  britannico:  verità  e  accuratezza,  interesse  del  pubblico,  imparzialità  e  

pluralità  di  opinioni,  indipendenza,  responsabilità.  

Nel  nostro  paese  è  stato  Giovanni  Bechelloni  a  fare  un  ragionamento  simile:  descrive  la  professionalità  del  giornalista  

come  il  risultato  di  tre  diverse  componenti:    

1.  professionalità  tecnica,  che  consiste  nell'apprendimento  delle  modalità  di  lavoro  all'interno  dell'organizzazioni  

giornalistiche  

  50  

2.  professionalità  relazionale,  che  risiede  nella  capacità  del  giornalista  di  inserirsi  in  diverse  reti  di  rapporti  sociali,  

assicurandosi  l'accesso  e  la  partecipazione  a  differenti  sfere  della  società  civile  

3.  Professionalità  culturale,  intesa  come  mediazione  interpretativa  necessaria  per  dare  un  senso  agli  eventi  e  per  poter  

spiegare  il  cambiamento.  

>  David  Randall  -­‐>  elenca  le  qualità  d  cui  dev  essere  in  possesso  il  buon  giornalista,  qualità  che  vanno  a  definire  la  sua  

professionalità:  acuto  senso  della  notizia,  amore  per  la  precisione,  mai  fare  supposizioni,  mai  avere  paura  di  sembrare  

stupidi,  diffidare  di  qualsiasi  fonte,  lasciare  a  casa  pregiudizi,  rendersi  conto  che  si  fa  parte  di  un  sistema,  

immedesimazione  con  i  lettori,  ho  voglia  di  farcela.  

Perché  si  possa  parlare  davvero  di  professionalità  è  necessario  che  alle  abilità  tecniche  e  conoscenze  culturali  

corrispondano  anche  qualità  personali.  E  se  si  riassumono  nella  parola  indipendenza:  l'importante  è  che  un  giornalista  

rimanga  una  persona  libera,  autentica,  anche  se  ha  un  padrone.  

 

3.  E  giornalisti  e  il  diritto/dovere  di  cronaca  

 

Il  primo  etico  su  cui  si  fonda  l'attività  giornalistica  è  il  diritto,  dovere  di  cronaca:  valore  che  esemplifica  la  loro  libertà  di  

informazione,  ma  che  emerge  anche  in  relazione  ai  cittadini/  lettori,  titolare  del  diritto  di  informarsi  e  essere  

informati.  Al  diritto  di  cronaca  un  dovere  di  cronaca.  In  questa  duplice  natura  risiede  l'essenza  della  professione  

giornalistica.  

Dal  punto  di  vista  normativo  nessuno  parla  di  diritto  di  cronaca.  Questo  significa  che  abbiamo  a  che  fare  con  una  

interpretazione  del  diritto,  che  è  stato  riconosciuto  dalla  giurisprudenza  e  metabolizzato  dalla  dottrina  anche  in  

assenza  di  un  testo  normativo  che  ne  definisce  i  contenuti.  L'assenza  di  certezza  ha  fatto  sì  che  l'applicazione  del  

diritto  non  sia  mai  stata  pacifica  provocando  contrasti  tra  giustizia  e  stampa.  A  quest'assenza  ha  cercato  di  ovviare  la  

giurisprudenza  che  in  una  sentenza  ha  stabilito  i  limiti  entro  i  quali  il  giornalista  può  esercitare  il  diritto  di  cronaca.  

Limiti  delineano  una  delle  più  efficaci  definizioni  di  cronaca:    

1.  Deve  esserci  un'utilità  sociale  dell'informazione,  cioè  la  notizia  deve  essere  utile  per  il  lettore  perché  se  ne  venisse  

tenuto  nascosto  verrebbe  leso  il  suo  diritto  d'essere  informato.    

2.  Attiene  alla  verità  della  notizia:  la  verità  assoluta.  È  in  questa  tipo  di  verità  che  si  sostanziano  le  principali  regole  

deontologiche  della  professione.  

3.  La  forma  civile  dell'esposizione  dei  fatti  e  la  loro  valutazione  non  deve  eccedere  lo  scopo  informativo  da  conseguire  

ma  deve  essere  chiara  e  leale  evitando  forme  di  offesa.  

Tre  criteri  che  diventano  due  quando  dal  diritto  di  cronaca  si  migra  nell’area  del  diritto  di  critica,  intesa  come  

manifestazione  di  un  giudizio  opinione  che  non  può  pretendere  se  rigorosamente  obiettiva  dal  momento  che  la  sua  

critica  è  fondata  su  una  interpretazione  soggettiva  dei  fatti.  

Il  diritto/dovere  di  cronaca  ha  coinvolto  anche  i  professionisti  del  settore,  nonché  gli  studiosi  della  comunicazione  che  

osservano  il  problema  da  tempo.  Tematiche  lungo  le  quali  la  riflessione  si  è  sviluppata:  

1.  Studi  legati  al  rapporto  tra  libertà  di  espressione  e  diritto  di  cronaca.  Due  sono  le  principali  interpretazioni  che  nel  

tempo  si  sono  consolidate:  una  formulata  nell'ambito  della  scuola  individualista,  ritiene  che  la  libertà  di  informare  è  

libertà  di  manifestazione  del  pensiero  uno  dei  modi  in  cui  si  estrinseca  questo  diritto.  Essa  concerne  un  diritto  

soggettivo  assoluto  non  presuppone  utilità  sociale.  Il  principale  effetto  di  questa  interpretazione  è  garantire  la  

massima  tutela  a  chi  produce  informazione  per  ragioni  professionali,  quindi  ai  giornalisti.  

2.  Funzionalista:  pone  l'accento  sui  diritti  del  fruitore  dell'informazione,  comune  cittadino,  e  gode  di  diritto  passivo  a  

essere  informato.  È  una  interpretazione  che  comprende  diritto  all'informazione  nelle  novero  dei  diritti  sociali,  

finalizzati  a  realizzare  delitti  diritto  all'eguaglianza.  Questo  filone  analizzato  il  rapporto  tra  diritto  di  cronaca  e  esercizio  

dell'attività  giornalistica.  Emerge  che  il  giornalista  ha  la  funzione,  diritto  dovere,  di  fornire  un'informazione  il  più  

possibile  obiettiva,  quindi  imparziale  e  completa,  e  rispettosa  della  personalità  altrui.  È  un'attività  essenziale  per  il  

corretto  declinarsi  dei  rapporti  all'interno  della  società  civile  e  dell'esistenza  della  democrazie,  il  diritto  di  cronaca  può  

e  deve  essere  sottoposto  a  dei  limiti:    

1-­‐convivenza  civile:  il  suo  esercizio  non  può  non  essere  regolato  da  norme  secondo  cui  la  libertà  di  ognuno  di  noi  

finisce  dove  comincia  la  libertà  di  un  altro.  Il  diritto  di  cronaca  è  considerato  la  ragione  del  lavoro  di  informazione  e  

l'argomento  giuridico  che  autorizza  il  giornalista  a  cercare  di  diffondere  le  informazioni.  

 

Circa  la  natura  d  tali  limiti  essa  va  ricercata  in  diritti  egualmente  rilevanti  nella  persona  umana.  La  valutazione  della  

rilevanza  di  tali  diritti  spetta  al  giornalista:  è  responsabilità  sua  individuare  se  e  quando  sia  giustificata  la  violazione  dei  

diritti  della  persona.  Alla  valutazione  della  sua  coscienza  spetta  stabilire  quale  sia  l'atteggiamento  corretto.  

La  valutazione  che  il  giornalista  compie  è  di  2  diverse  tipologie:    

1.  gli  può  essere  chiesto  di  scegliere  se  pubblicare  o  meno  una  notizia  

2.  decidere  sul  come  pubblicare  la  stessa  (con  quali  termini  e  limiti,  risalto,  titolo).    

Un  problema  di  misura,  di  sensibilità,  di  quantità  e  di  qualità.  Questo  è  compito  professionale  e  questione  etica.  

  51  

Pubblicare  è  un  obbligo.  Guai  al  giornalista  che  tiene  la  notizia  (accertata)  nel  cassetto.  Vuol  dire  che  egli  ha  paura  o  

che  teme  di  provocare  reazioni  spiacevoli  mentre  la  conseguenza  della  diffusione  non  lo  deve  interessare.   Pubblicare  

è  un  dovere,  ma  occorre  domandarsi  con  quali  modalità,  linguaggio,  limiti.  —>  si  esprime  la  capacità  (professionale  ed  

etica)del  buon  giornalista.  

Senno  si  corre  il  rischio  di  trasformare  l’informazione,  che  dovrebbe  essere  libera  e  indipendente,  in  informazione  

fatta  di  notizie  ostacolate,  negate  o  piegate,non  veritiera.  Non  è  neanche  una  questione  di  "obiettività",  il  valore  detto  

"deontologico"  e  fondamentale  che  però  è  soggettivo,  nel  senso  che  l'obiettività  è  una  tendenza,  uno  sforzo  di  buona  

fede  e  non  una  misura  accertabile.    

 

4.  I  giornalisti  e  il  problema  dell'obiettività/oggettività  

 

Nel  2003,  sulla  «Columbia  Journalism  Review»,  appare  un  articolo  di  Brent  Cunningham,  giornalista  e  docente  della  

scuola  di  giornalismo  della  Columbia  University,  dedicato  al  tema  dell'oggettività  dell’informazione.  Esso,  tradotto  in  

italiano  e  pubblicato  sulla  rivista  «Problemi  dell'informazione»  ha  riaperto  il  dibattito  nel  nostro  Paese  sul  problema  

dell’oggettività/obiettività  dell'informazione,  che  aveva  preso  avvio  nel  1969,  a  seguito  della  pubblicazione,  su  

«L'espresso»,  di  un  provocatorio  articolo  di  Umberto  Eco.    

In  realtà,  quello  dell’oggettività/obiettività  è  un  tema  ricorrente  quando  si  parla  di  giornalismo,  perché  va  a  toccare  

uno  dei  profili  sociali  e  culturali,  ma  al  tempo  stesso  etico-­‐deontologici,  essenziali  all'informazione:  

l'oggettività/obiettività  come  valore  fondante  e  irrinunciabile.  

Ha  professione  giornalistica,  in  quanto  in  esso  si  traduce  il  rapporto  tra  giornalista  e  pubblico.    

Dario  Antiseri  (1999)—>le  posizioni  su  questo  tema  storicamente  oscillano  tra  chi  considera  l'oggettività  come  mito,  

chi  vede  invece  in  essa  un'ideale  e  chi,  infine,  la  definisce  compito  possibile  

De  Biase  (2003)—>è  impossibile  parlare  di  obiettività  nel  giornalismo  con  obiettività.  Questo  per  due  ragioni  ben  

precise:  

1.  perché  il  giudizio  cambia  in  funzione  del  punto  di  vista  dell’osservatore  

2.  perché  il  significato  e  il  valore  dell'obiettività  dipendono  dai  referenti  percepiti  del  lavoro  giornalistico.    

La  riflessione  sull'oggettività  nel  nostro  Paese  ha  visto  coinvolti  filosofi,  sociologi,  giuristi,  politologi,  massmediologi.  

Punti  che  Cunningham  mette  a  fuoco  nel  suo  saggio:  

•  controverso  rapporto  che  la  stampa  americana  ha  sempre  avuto  con  il  tema  dell'obiettività.  La  stampa  iniziò  ad  

abbracciare  l'obiettività  a  metà  del  XIX  secolo,  quando  la  società  si  allontanò  dalla  religione  e  si  spinse  verso  la  scienza  

e  l'empirismo  per  spiegare  il  mondo.  Da  allora,  il  dibattito  sull'obiettività  non  si  è  mai  sopito.  L'obiettività  è  resistita  

nel  tempo  per  valide  ragioni  1.  niente  di  meglio  l'ha  sostituita  

2.  perché  molti  buoni  giornalisti  credono  nell'obiettività  come  un  obiettivo  necessario  verso  cui  tendere.  L’obiettività  

ci  aiuta  a  prendere  rapidamente  le  decisioni  -­‐  siamo  osservatori  disinteressati  -­‐  e  ci  protegge  dalle  conseguenze  di  ciò  

che  scriviamo.  I  nostri  lettori  hanno  bisogno  più  che  mai  di  resoconti  affidabili,  che  dicano  loro  qual  è  la  verità,  qualora  

la  si  possa  conoscere,  e  che  si  avvicinino  il  più  possibile  alla  verità,  quando  invece  questa  non  sia  del  tutto  afferrabile.    

 

Il  discorso  sull'obiettività  impone,  dunque,  di  tenere  in  considerazione  almeno  altre  tre  

parole  chiave  del  giornalismo,  

che  sono  rispettivamente   verità,  credibilità,  responsabilità.  In  una  parola  quei  valori  che  definiscono  la  professionalità  

del  giornalista.  Con  un  ulteriore  paradosso:  se  si  chiede  infatti  a  dieci  giornalisti  cosa  significhi  obiettività,  si  avranno  

presumibilmente:  «dieci  risposte  diverse»  —>le  leggi  possono  aiutare  i  giornalisti  a  scegliere  la  strada  dell'obiettività.  

Gli  edìtori  illuminati  li  possono  rispettare  in  questa  scelta.  Il  pubblico  può  stimare  di  più  i  giornalisti  che  decidono  di  

andare  in  questa  direzione.  

Ma  la  forza  ultima  che  li  può  indurre  a  uniformarsi  a  un  approccio  obiettivo  nei  confronti  del  mestiere  è  il  loro  senso  di  

responsabilità.  È  un  paradosso:  l'obiettività  del  giornalismo  è  una  questione  soggettiva.    

Nel  nostro  Paese  il  dibattito  sull'oggettività/obiettività  torna  di'  grande  attualità  alla  fine  degli  anni  Sessanta  quando  

Umberto  Eco  scrive  che  l'obiettività  è  un  "mito",  una  manifestazione  di  falsa  coscienza,  ideologia.  Compito  del  

giornalista  è  testimoniare  su  ciò  che  sa  e  deve  testimoniare  dicendo  come  la  pensa  lui.  

Compito  del  giornalista  non  è  

quello  di  convincere  il  lettore  che  gli  sta  dicendo  la  verità,  bensì  di  avvertirlo  che  egli  sta  dicendo  la  "sua"  verità.  Ma  

che  ce  ne  sono  anche  altre.  Il  giornalista  che  rispetta  il  lettore  deve  lasciargli  il  senso  dell’alternativa.  10anni  dopo  

(1979),  Eco  cambia  idea  e  l'obiettività,  da  mito,  diventa  un  ideale  concreto:  l'ideale  cui  deve  tenere  un'informazione  

science  oriented.  

   Tra  il  primo  e  il  secondo  Eco  si  inseriscono  delle  ulteriori  riflessioni  sul  tema  dell'oggettività,  e  significative  

prese  di  posizione  a  favore  della  stessa.    

>  1972,  al  momento  del  suo  insediamento  alla  direzione  del  «Corriere  della  Sera»,  Piero  Ottone  scrive  che  

l'informazione  libera  e  obiettiva  costituisce  il  contributo  della  stampa  affinché  la  società  italiana  migliori  il  sistema  

democratico,  non  rinunciandovi.  Nulla  è  più  benefico  della  verità,  anche  se  amara.  Il  giornale  deve  essere  creduto  da  

tutti.  

  52  

>  Giovanni  Bechelloni,  secondo  lui  l'obiettività  è  un  traguardo  a  cui  mirare  costantemente,  un  obiettivo  da  perseguire  

con  tenacia.  Dietro  l'idea  dell'obiettività,  ci  deve  stare  la  consapevolezza  che  sia  possibile  dare  un'interpretazione  

oggettiva  di  ciò  che  accade:  l'obiettività  diventa  un  concetto  idealtipico,  non  esistente  ma  riconoscibile:  una  tensione  

verso  la  verità.  

Tra  chi  sostiene  che  l'obiettività  sia  un  mito  e  chi  vede  in  essa  un  ideale,  c'è  la  posizione  di  coloro  che  pensano  che  

essa  sia  un  compito  che  il  giornalista,  munito  degli  adeguati  strumenti,  può  realizzare—>  concezione  del  giornalismo  

orientata  al  servizio  nei  confronti  del  cittadino-­‐lettore.  Tra  i  sostenitori  di  questa  "terza  via"  figurano    

>  Dario  Antiseri  —>  distinzione,  concettuale  e  formale,  tra  l'oggettività  di  un'informazione  e  l'obiettività  di  una  

persona:  1  persona  obiettiva  è  una  persona  "onesta",  che  non  vuole  ingannare,  sincera.  L'oggettività  di  una  

proposizione  equivale,  invece,  alla  sua  controllabilità  fattuale.  In  questa  prospettiva  l'obiettività  non  è  garanzia  di  

oggettività.  Un’informazione  è  «sempre  parziale.  La  parzialità  è  il  requisito  di  un’informazione  (cm  la  smentibilità).  Per  

poter  essere  smentita,  un'informazione  deve  poter  essere  controllabile  (il  lettore  può  verificarne  la  falsificabiltà  grazie  

alle  fonti).  I  fatti  possono,  confermare  come  anche  smentire,  mostrare  falsa  qualsiasi    spiegazione.  Nella  controllabilità  

vale  a  dire  nella  falsificabilità  delle  informazioni  consiste  la  loro  oggettivita’.  

>  Massimo  Baldini  —>  recupera  degli  studi  compiuti  da  Philip  Meyer  sul  "giornalismo  di  precisione".  Secondo  Meyer,  è  

tempo  che  il  giornalismo  esca  dalla  bolla  in  cui  è  entrato  a  seguito  dell'  affermazione  del  new  journalism:  il  nuovo  

giornalismo  di  precisione  è  un  giornalismo  scientifico,adottando  il  metodo  scientifico,l’oggettività  scientifica  e  gli  ideali  

scientifici  per  l'intero  processo  della  comunicazione  di  massa.    Egli  afferma  che  un  buon  giornalista  deve  acquisire  

anche  un  po'  di  competenze  epistemologiche.  Queste  gli  garantiranno  una  migliore  comprensione  della  propria  

professione.  I  giornalisti,  al  pari  dei  medici  e  gli  storici,  dovrebbero  porsi  nei  confronti  dei  fatti  con  l'atteggiamento  

tipico  dell'epistemologo  che  interroga  i  fatti,  che  per  natura  "sono  muti"  e  parlano  solo  quando  il  giornalista  li  fa  

parlare  per  ottenere  da  essi  delle  risposte.  Quella  dell'obiettività,  è  per  il  giornalista  una  questione  di  metodo:  una  

questione,  dunque,  che  ha  molto  a  che  fare  con  l'etica  e  la  deontologia  del  professionista.  Ad  accomunare  il  

giornalista,  il  medico  e  lo  storico  c'è  la  consapevolezza  che  i  buoni  giornalisti  sono  parziali,  ma  non  faziosi  

(faziosità=l’idea  che  una  prospettiva  sia  l'unica  prospettiva  o  che  la  propria  prospettiva  sia  comunque  la  migliore,  cioè  

la  più  esplicativa).  Il  buon  giornalista  sa  che  la  selettività  non  è  un  difetto,ma  una  necessità  e  che  essa  non  inficia  

affatto  l'oggettività  dei  suoi  articoli.  L'importante  è  che  giornalista  ricordi  sempre  che  egli  non  è  né  l'umile  schiavo  né  il  

tirannico  padrone  delle  notizie  (o  dei  fatti).  Il  rapporto  tra  il  giornalista  e  le  notizie  si  volge  su  un  piano  di  parità,  di  

scambio  reciproco.  Il  giornalista  senza  le  notizie  è  inutile,  le  notizie  senza  il  giornalista  sono  morte  e  prive  di  

significato.  In  questo  risiede  la  sua  oggettività.  

 

5.  L'ordinamento  professionale  in  Italia    

 

Esercitare  la  professione  giornalistica,  nel  nostro  Paese,  è  una  questione  complessa,  che  in  parte  dipende  dalla  

bravura  del  giornalista:  in  Italia  l'esercizio  dell'attività  giornalistica  è  subordinato  all'iscrizione  all'apposito  albo,che  è  

possibile  solo  a  seguito  del  superamento  di  un  esame  di  stato,  cui  a  sua  volta  si  può  accedere  !  solo  al  termine  di  un  

periodo  di  praticantato  obbligatorio  in  una  redazione  giornalistica  o  a  seguito  della  frequenza  di  una  delle  scuole  di  

giornalismo  riconosciute  dall'ODG.    

Negli  altri  paesi  il  giornalismo  è  una  questione  di  competenza  professionale  del  giornalista,  nel  nostro  Paese  la  

possibilità  di  lavorare  nel  settore  dell'informazione  è  subordinata  alla  concessione  di  una  specifica  qualifica  

professionale.  Al  giornalista  si  applica,  lo  stesso  meccanismo  previsto  per  medici,  ingegneri,  avvocati  ecc.  

Quanto  alle  modalità  attraverso  cui  si  accede  all'esame  di  stato  e,  in  genere,  all'esercizio  dell'attività  giornalista,  la  

fonte  principale  di  disciplina  è  la  legge  n.  69  del  1963  che,  costituisce  anche  la  prima  fonte  in  materia  di  deontologia  

dell’informazione.  

  A)   Le  origini  dell'ordinamento  professionale    

 

L'iter  che  ha  portato  all'istituzione,  nel  1963,  dell'Ordine  dei  giornalisti  (Odg)  è  lungo  e  complesso.  Vizi  e  virtù,  

approfondimenti  e  omissioni  presenti  nella  legge  n.  69  sono,  almeno  in  parte,  conseguenza  di  una  se-­‐  rie  di  eventi  

storici,  politici,  economici  e  culturali  che  hanno  segnato  lo  sviluppo  del  giornalismo  in  Italia  nelle  sue  prime  forme  

professionali.    

Punto  di  partenza  di  una  ricostruzione  di  questo  iter  è  il   1877:  in  quell'anno,  si  costituisce  l'Associazione  della  stampa  

periodica  italiana  nel  cui  statuto  compare  la  prima  documentata  definizione  di  giornalismo  come  prestazione  

intellettuale  a  carattere  professionale.  Lo  statuto  dell’Associazione  prevedeva  che  a  svolgere  attività  giornalista  

fossero  tre  diverse  categorie  di  giornalisti:    

1.  gli   effettivi—>  coloro  che  esercitavano  esclusivamente  l’attività  giornalistica;  

2.   pubblicisti  —>ai  quali  lo  statuto  concedeva  la  possibilità  di  svolgere  l'attività  giornalistica  insieme  a  un'altra  

professione  

  53  

3.   frequentatori  —>personalità  del  mondo  culturale  e  politico  che,  con  carattere  di  periodicità,  pubblicavano  articoli  

su  organi  di  informazione  

Negli  anni  a  seguire  si  costituirono  altre  associazioni  professionali  locali  accomunate  dall'adesione  a  questa  triplice  

partizione:  le  polemiche  e  le  discussioni  che  oggi  investono  con  maggiore  frequenza  la  bipartizione  che  la  legge  n.  69  

fa  tra  pubblicisti  e  professionisti  è  allo  statuto  dell'Associazione  della  stampa  periodica  italiana  che  devono  guardare  

per  trovare  delle  risposte  alle  proprie  domande.    

Il  proliferare  associazioni  di  categoria  sollevarono  l'attenzione  del  fronte  politico  nei  confronti  della  nascente  

professione,  con  il  risultato  di  avviare  una  discussione  in  sede  legislativa  che  si  concretizzò  nell'elaborazione  di  una  

proposta  di  legge  in  cui  veniva  sancito  il  riconoscimento  professionale  e  disciplinato  il  contratto  di  lavoro.  

Nel  frattempo,  cresce  l'interesse  dell'opinione  pubblica  nei  confronti  della  nuova  categoria  professionale,  nonché  

l'attenzione  degli  stessi  professionisti  che,  sempre  nel  1908,  costituiscono  d  proprio  sindacato  (la  Federazione  

nazionale  della  stampa  italiana).  Alcuni  anni  più  tardi  la  Fnsi  promuove  il  primo  censimento  generale  dei  giornalisti  

professionisti  e  propone  l'unificazione  degli  statuti  delle  associazioni  a  essa  federate.  Il  primo  " albo  dei  giornalisti"  

(così  denominato  dalla  Fnsi)  nasce  nel  1924  al  fine  di  istituire  un  elenco  di  giornalisti  per  regolare  l'esercizio  della  

professione  e  l'accesso  alla  stessa.  Furono  gli  stessi  giornalisti  a  optare  per  la  soluzione  dell'albo,  l'iscrizione  al  quale  

diventa  prerequisito  per  poter  esercitare  la  professione.  La  definitiva  versione  dell'albo  è  datata  1926.  Esso  doveva  

essere  un  semplice  strumento  per  ufficializzare  lo  statuto  professionale  dei  giornalisti  ma  in  realtà,  dal  momento  che  

per  esservi  iscritti  occorreva  un  certificato  di  "buona  condotta",  esso  finì  in  breve  tempo  per  diventare  un  utile  mezzo  

per  escludere  dalle  redazioni  le  persone  non  gradite  al  governo.  Dal  punto  di  vista  strutturale,  l'albo  presenta  molti  

tratti  di  similitudine  rispetto  all'attuale  assetto  previsto  dalla  legge  per  la  categoria  professionale  dei  giornalisti,  ma  

anche  alcune  differenze.  

1.  con  riferimento  all'organo  collegiale  cui  spetta  la  tenuta  dell'albo:  un  collegio  composto  di  cinque  membri,  nominati  

dal  Ministero  per  la  Giustizia  con  i  Ministeri  dell'Interno  e  delle  Corporazioni.  Oggi  tutte  le  cariche  all'interno  dell'Odg  

sono  pienamente  elettive  e  il  potere  di  intervento  del  Ministero  della  Giustizia  limitato  nonché  specificamente  

codificato.    

2.  le  leggi  del  tempo  prevedevano  che,  per  potersi  iscrivere  all'albo,  il  giornalista  non  doveva  aver  svolto  attività  in  

contrapposizione  con  gli  interessi  della  Nazione—>la  stessa  iscrizione  era  subordinata  al  possesso  di  una  dichiarazione  

di  compiuta  pratica  rilasciata  dal  direttore  della  testata  e  convalidata  dal  direttorio.  L’iscrizione  all'albo  era  

subordinata  al  possesso  di  una  licenza  di  scuola  media  superiore  o  di  titoli  culturali:per  il  giornalista,  fin  dalle  origini,  

viene  ritenuta  sufficiente  la  licenza  di  scuola  media  superiore.   Ultima  annotazione:  le  sanzioni.  La  tenuta  dell'albo,era  

di  competenza  di  un  apposito  Comitato,  contro  le  cui  decisioni  era  possibile  fare  ricorso  a  una  Commissione  superiore  

per  la  stampa:  commissione  nominata  con  decreto  reale  e  composta  di  dieci  membri,  di  cui  solo  cinque  scelti  fra  

giornalisti  designati  dal  direttorio  del  sindacato  nazionale  fascista.  

L'istituzione  dell'albo  professionale  rientra  in  un  disegno  più  ampio  non  solo  di  controllo,  da  parte  del  regime,  di  tutti  i  

canali  di  informazione,  ma  anche  di  utilizzo  dei  media  stessi  come  strumenti  di  propaganda  e  manipolazione  della  

popolazione.  Questo  passò  attraverso  la  progressiva  epurazione  dalla  categoria  professionale  di  quei  giornalisti  

contrari  al  regime:  ad  essi  venne  vietato  l'esercizio  della  professione  (in  molti  casi,  furono  costretti  a  lasciare  il  Paese).  

La  caduta  del  regime  e  la  fine  della  Seconda  guerra  mondiale  avrebbero  dovuto  incidere  anche  sull'assetto  

professionale  dei  giornalisti,  ma  in  realtà  furono  indirizzati  al  ripristino  della  libertà  di  stampa  come  presupposto  di  

una  corretta  libertà  di  informazione  (libertà  di  manifestazione  del  pensiero  e  il  divieto  di  qualsiasi  censura  preventiva  

sulla  stampa).  Tace  sui  correlati  temi  della  libertà  di  informazione  e  dell'organizzazione  della  professione  giornalistica.    

1943  —>si  ricostituisce  la  Fnsi,  che  immediatamente  ripristina  il  meccanismo  pre-­‐fascista  di  organizzazione  e  gestione  

della  categoria  professionale  dei  giornalisti,  fondato  sui  criteri  della  rappresentatività  dell'elettività  e  della  democrazia.  

Nei  confronti  dell'albo  dei  giornalisti,  la  Fnsi  optò  per  mantenere  la  legislazione  del1928  correggendola.  La  tenuta  

dell'albo  fu  affidata  a  una  Commissione  unica,  avente  sede  a  Roma.  Furono  istituite  11  sub-­‐commissioni  territoriali,  

tanti  quanti  all'epoca  erano  gli  Odg  regionali  e  interregionali.    

1946  —>fu  convocata  la  prima  assemblea  generale  dei  giornalisti  italiani,  con  all'ordine  del  giornola  discussione  circa  

le  sorti  dell'albo  e  della  disciplina  giuridica  della  professione.  Nel  documento  con  cui  l'assemblea  chiuse  i  propri  lavori  

si  affermava  che  la  difesa  della  libertà  di  stampa  e  dell'indipendenza  della  categoria  non  è  in  Contrasto  con  un  Odg  

giuridicamente  riconosciuto  ma  rappresenta  una  garanzia  di  stabilità  professionale,  uno  strumento  di  difesa  degli  

interessi  dei  giornalisti,  un  mezzo  per  moralizzare  la  categoria.  

 

B)  La  genesi  della  legge  del  1963    

 

Il  periodo  che  va  dalla  fine  della  Seconda  guerra  mondiale  al  1963  segna  il  momento  di  effettiva  genesi  della  legge  

professionale,le  cui  sorti  sono  oggetto  di  discussione  nell'ambito  dell'Assemblea  costituente  e  poi  del  dibattito  che  

precede  l’approvazione  della  legge  sulla  stampa.  

 Il  punto  attorno  al  quale  la  disputa  si  fa  serrata  è  quello  relativo  all'albo  dei  giornalisti  con:  

  54  

-­‐ taluni  (in  primis  Einaudi)  totalmente  contrari  alla  sua  permanenza  —>  mantenere  l'albo  dei  giornalisti  e  la  relativa  

obbligatorietà  di  iscrizione  era    immorale,  perché  tende  a  porre  un  limite  a  quel  che  limiti  non  deve  avere,  alla  

libera  espressione  del  pensiero.  L'albo  dei  giornalisti  diventerà  cosa  tollerabile  e  potrà  anzi  divenire  fonte  di  onore,  

quando  l'iscrizione,  aperta  a  tutti,  sia  fatta  volontariamente  e  quando  la  non  iscrizione  non  produca  alcun  effetto  

legge.  L'albo  dei  giornalisti  è  un  istituto  assurdo  e  ridicolo,  moralmente  uno  strumento  di  schiavitù,  un  indice  

infallibile  di  tirannia  

-­‐ altri  (tra  cui  Andreotti  e  Mattei)  che  invece  ne  sostenevano  la  piena  legittimità  —>  abolire  l'albo  dei  giornalisti  

significava  fare  tabula  rasa  di  quarant'anni  di  impegno  volto  a  dare  alla  professione  una  certa  stabilità:  i  paragoni  

con  gli  altri  paesi  sono  sempre  utili,  ma  a  patto  che  non  si  dimentichino  le  diversità  di  psicologia  e  di  ambiente  

economico  e  sociale,  che  si  riscontrano  da  popolo  a  popolo.  

 

A  prevalere  fu  la  seconda  impostazione  che  vedeva  nel  Odg  il  mezzo  per  dare  ai  giornalisti  la  possibilità  di  avere  una  

concreta  autonomia.  Essa  si  concretizza  nella  predisposizione,  da  parte  della  FNSI  di  uno  schema  di  legge  articolato  in  

punti:  

1.  Creazione  di  un  Odg  professionale  dei  giornalisti,  articolata  al  suo  interno  in  professionisti  e  pubblicisti.  

2.  Articolazione  dell  Odg  in  consigli  regionali  ciascuno  dei  quali  competente  per  ciò  che  riguarda  la  tenuta  dell'albo.  

3.  Creazione  di  un  consiglio  nazionale  con  sede  a  Roma  avete  poteri  di  appelli.    

4.  Tre  elenchi  speciali  in  aggiunta:  praticanti,  direttore  di  pubblicazioni  tecniche  o  scientifiche,  stranieri.    

5.  Applicazione  delle  pene  previste  dal  codice  penale  per  chi  esercita  la  professione  giornalistica  senza  essere  iscritto  

all'albo.  

Questo  schema  venne  recepito  dal  Ministero  di  Grazia  e  Giustizia  che  presenta  un  disegno  di  legge  con  delle  

modifiche:  enunciazione  esplicita  dei  diritti  e  doveri  del  giornalista  e  la  possibilità  di  presentare  ricorso  contro  le  

deliberazioni  in  secondo  grado  del  consiglio.  Giunto  in  Parlamento  il  disegno  di  legge  diventato  oggetto  di  una  

battaglia,  che  vide  confrontarsi  due  posizioni  diverse.  Venne  presentato  un  altro  disegno  di  legge  in  cui  si  voleva  che  

l'esercizio  della  professione  fosse  subordinato  al  possesso  di  un  titolo  di  laurea.  Ma  non  una  laurea  in  giornalismo  ma  

un  titolo  di  studio  accademico  che  garantisse  il  livello  culturale  degli  stessi.  Egli  replicò  un  deputato  il  quale  indignato  

affermò  che  il  pensiero  non  può  essere  e  non  è  vincolato  a  diplomi  scolastici.  L'orientamento  che  prevalse  fu  il  

secondo.  

Altro  tema  di  discussione  fu  quello  della  distinzione  dei  giornalisti  nei  due  elenchi  dei  professionisti  e  dei  pubblicisti.  

Contro  questa  ipotesi  è  stato  detto  che  nel  giornalismo  non  c'è  arte  maggiore  o  minore.  E  giornali,  le  riviste,  quotidiani  

hanno  pari  interesse  sia  per  i  dei  sia  per  i  professionisti.  Qui  a  prevalere  fu  l'indirizzo  che  sancì  la  definitiva  separazione  

nei  due  elenchi.  

A  finire  in  discussione  fu  la  questione  delle  regole  deontologiche  che  avrebbero  dovuto  trovare  spazio  nell'articolo  46:  

regole  che  riproducevano  il  codice  etico  dei  giornalisti  che  la  FNSI  aveva  approvato  nel  1957.  La  preoccupazione  si  

fondava  sull'idea  che  alcune  delle  cose  previste  nel  codice  etico  sarebbero  state  assurde.  In  un  regime  di  libertà  

risultante  dalla  diversità  delle  opinioni  non  si  deve  fare  questo  obbligo  al  giornalista  di  non  essere  parziale,  di  ispirarsi  

alle  verità  oggettiva.  L  relatore  del  disegno  di  legge  sollevò  obiezioni  circa  la  collocazione  della  norma  all'interno  del  

testo  di  legge:  questa  norma  aveva  a  che  fare  con  il  suo  carattere  molto  pragmatico.  La  seconda  obiezione  verteva  sul  

contenuto  della  norma  che  correva  il  rischio  di  porre  limiti  troppo  severi  e  restrittivi  alla  libertà  di  espressione.  Alla  

fine  si  optò  per  modificare  la  norma  indicando  come  un  unico  limite  alla  libertà  di  informazione  quello  del  rispetto  

delle  norme  di  legge  dettate  a  tutela  della  personalità  altrui.  Approvato  dalla  camera  il  testo  di  legge  arrivo  in  Senato  e  

venne  approvato  senza  emendamenti.  Nel  1963  il  Senato  approvò  l'intero  progetto  di  legge  promulgato  il  3  febbraio  

1963.  Una  legge,  la  numero  69,  rappresenta  un  ponte  tra  il  periodo  pre  fascista  e  quello  post  fascista  e  oggi  

rappresenta  ancora  la  fonte  principale  nel  nostro  paese  per  l'esercizio  della  professione  giornalistica.  

C.  L'ordine  dei  giornalisti  

 

Il  ruolo  dell  Odg  è  quello  di  organo  di  autogoverno  dei  giornalisti.  A  esso  e  all'albo  di  cui  è  responsabile,  devono  essere  

iscritti  tutti  coloro  che,  nel  nostro  paese,  non  svolgono  attività  giornalistica:  I  giornalisti  professionisti,  pubblicisti,  

direttore  di  periodici  specializzati,  giornalisti  stranieri.  

Dal  punto  di  vista  strutturale  esso  è  organizzato  in  una  struttura  collegiale  centrale,  il  consiglio  nazionale,  e  in  una  

serie  di  strutture  collegiali  periferiche,  consigli  regionali  e  interregionali.  Entrambe  le  strutture  hanno  natura  di  

persone  giuridiche  di  diritto  pubblico.  

CONSIGLIO  NAZIONALE  

Il  consiglio  nazionale  è  istituito  presso  il  ministero  della  giustizia  ed  è  composto  di  due  professionisti  e  un  pubblicista  

per  ogni  Odg  regionale  o  interregionale.  Essi,  quando  hanno  più  di  500  iscritti,  eleggono  un  altro  consigliere  nazionale  

ogni  500  professionisti  eccedenti.  Questo  perché  c'è  l'esigenza  di  proporzionalità  tra  numero  degli  iscritti  e  numero  

dei  rappresentanti  in  consiglio  nazionale.  Quest'ultimo  dura  in  carica  tre  anni.  I  suoi  membri  possono  essere  rieletti.  

Non  è  possibile  essere  membri  sia  del  consiglio  nazionale  sia  dei  comitati  regionali.  Nell'ambito  del  consiglio  nazionale  

  55  

vengono  eletti  il  presidente,  il  vicepresidente,  il  segretario  e  tesoriere.  Tutti  confluiscono  nel  comitato  esecutivo,  

composto  di  nove  membri:  sei  professionisti  +2  pubblicisti.  Spetta  al  consiglio  nazionale  la  nomina  del  collegio  dei  

revisori  dei  conti,  formato  di  tre  giornalisti.  

Competenze:  esso  è  organo  consultivo  del  ministro  della  giustizia  per  i  regolamenti  e  progetti  di  legge  che  riguardano  

il  giornalismo.  Svolge  funzione  di  promozione  e  coordinamento  di  tutte  le  attività  culturali  finalizzate  al  miglioramento  

e  perfezionamento  professionale,  esprime  pareri  sullo  scioglimento  dei  consigli  regionali,  decide  sui  ricorsi  in  materia  

disciplinare,  fissa  l'ammontare  delle  quote  annuali  di  iscrizione.È  invece  il  comitato  esecutivo  che  attua  le  delibere  del  

consiglio  nazionale  e  supporta  la  gestione  ordinaria  dell  Odg.    

La  convocazione  del  consiglio  nazionale  e  del  comitato  esecutivo  spetta  al  presidente.  Ciascun  Odg  deve  dotarsi  di  un  

collegio  dei  revisori  dei  conti.  

CONSIGLI  REGIONALI  

Nella  loro  organizzazione  e  ordini  territoriali  sono  composti  di  nove  membri  ciascuno,  di  cui  sei  professionisti  e  tre  

pubblicisti.  Per  poter  essere  eletti  occorre  avere  almeno  cinque  anni  di  anzianità.  L'elezione  viene  scrutinio  segreto  e  a  

maggioranza  assoluta  dei  voti.  I  membri  del  consiglio  regionale  durano  in  carica  tre  anni  e  possono  essere  rieletti.  Nel  

consiglio  regionale  vengono  nominati  presidente,  vicepresidente,  segretario  di  Stato  e  tesoriere.  I  primi  due  devono  

essere  espressione  dei  due  diversi  elenchi  quindi  una  professionista  e  uno  pubblicista.  Al  presidente  spetta  la  

rappresentanza  dell'ordine  dei  giornalisti.  Ha  anche  il  potere  di  convocare  presiedere  l'assemblea  degli  iscritti.  Il  

consiglio  invece  è  il  custode  della  legge  professionale  di  cui  deve  curare  l'osservanza  e  la  tutela  del  titolo  di  giornalista.  

Deve  svolgere  inoltre  attività  finalizzata  alla  repressione  dell'esercizio  abusivo  della  professione.  La  competenza  del  

consiglio  regionale  si  completa  con  il  potere  dissipi  marmi:  adotta  i  provvedimenti  disciplinari  e  vigila  sulla  condotta  e  

il  decoro  degli  iscritti.  Alle  competenze  del  consiglio  nazionale  e  dei  consigli  regionali  si  sommano  quelle  del  ministro  

della  giustizia.  A  esso  compete  l'esercizio  della  vigilanza  sui  consigli.  Egli  può  sciogliere  un  consiglio  regionale  o  

interregionale,  che  non  funziona  regolarmente.  Esso  può  intervenire  quando  hai  trascorso  il  termine  di  legge  senza  

che  si  sia  provveduto  all'elezione  del  nuovo  consiglio  o  quando  vengono  violati  gli  obblighi  a  essa  imposti.  Con  stesso  

decreto  il  ministro  nomina  un  commissario  straordinario,  al  quale  sono  affidate  le  funzioni  fino  all'elezione  del  nuovo  

consiglio  che  deve  avvenire  entro  90  giorni  dal  decreto  di  scioglimento.  

 

D.  L'albo  dei  giornalisti  

 

Istituita  nel  1926,  è  stato  inglobato  nella  legge  69,  fissa  le  norme  che  disciplinano  le  modalità  di  accesso  e  la  tenuta  

dell'albo,  attribuendo  la  piena  competenza  e  responsabilità  di  esso  all'ordine  dei  giornalisti,  attraverso  i  due  consigli.  

Dal  punto  di  vista  strutturale,  l'albo  fotocopia  la  struttura  e  l'organizzazione  dell'ordine  dei  giornalisti:  si  divide  in  

circoscrizioni  regionali  e  interregionali  e  ogni  giornalista  è  tenuto  a  iscriversi  all'albo  corrispondente  della  alla  

circoscrizione  nella  quale  alla  residenza.  Ogni  consiglio  regionale  tiene  rispettivo  albo.  

Al  suo  interno  di  ciascun  albo  presenta  due  diversi  elenchi:  quella  dei  giornalisti  professionisti  e  quella  dei  pubblicisti.  

Nel  primo  confluiscono  coloro  che  esercitano  in  modo  esclusivo  e  continuativo  la  professione  giornalistica.  A  seconda  

appartengono  coloro  che  svolgono  attività  giornalistica  non  occasionale  e  retribuita  anche  se  contestualmente  ad  

altre  professioni  o  in  piedi.  Sono  diverse  le  regole  che  stabiliscono  l'accesso  ai  due  elenchi.  Se  si  aggiungono  altri  

elenchi  a  cui  possono  iscriversi  i  giornalisti  stranieri  e  coloro  che  non  sono  giornalisti  ma  sono  direttori  responsabili  di  

periodici  a  carattere  professionale.  Sono  iscritti  d'ufficio  i  direttore  responsabile  di  giornali  quotidiani  o  periodici  che  

siano  ardere  di  partiti  o  movimenti  politici  o  sindacati.  L'iscrizione  all'elenco  dei  giornalisti  professionisti  a  alcune  

condizioni:  età  non  inferiore  anni  21,  iscrizione  registro  dei  praticanti,  esercizio  continuativo  della  pratica  giornalistica  

per  almeno  18  mesi,  nell'essere  interdetto  dai  pubblici  uffici,  aver  superato  la  prova  di  idoneità  professionale.  

Poter  svolgere  l'attività  giornalistica  informatica  professionale  richiede  un  iter  preciso  e  si  conclude  con  il  

superamento  dell'esame  di  Stato  e  iscrizione  all'albo.  Peter  inizia  con  il  compimento  dei  18  anni  e  sono  lì  può  chiedere  

l'iscrizione  nel  registro  dei  praticanti.  L'iscrizione  subordinata  al  superamento  dell'esame  di  cultura  generale  per  

accertare  l'attitudine  all'esercizio  della  professione.  La  valutazione  effettuata  dalla  commissione  di  cinque  membri  di  

cui  quattro  sono  giornalisti  mentre  il  quinto  è  un  docente  di  scuola  superiore.  Una  volta  iscritto  al  registro  l'aspirante  

giornalista  inizia  il  praticantato  che  deve  durare  minimo  18  mesi.  Si  deve  svolgere  nell'ambito  di  una  redazione  

giornalistica.  Al  termine  dei  18  mesi  il  direttore  responsabile  rilascia  il  praticante  la  dichiarazione  motivata  sull'attività  

svolta  che  ha  un  lasciapassare  per  l'accesso  all'esame  di  Stato.  In  alternativa  il  praticantato,  e  l'aspirante  giornalista  

poi  scegliere  di  frequentare  la  scuola  di  giornalismo.  Non  una  scuola  qualsiasi  ma  solo  una  di  quelle  riconosciute  

dall'ordine  dei  giornalisti.  

L'insediamento  del  nuovo  consiglio  nazionale  ha  rivisto  il  meccanismo  di  selezione  e  riconoscimento  delle  scuole:  sono  

stati  modulanti  nuovi  accordi.  Le  scuole  a  oggi  riconosciute  dall'ordine  dei  giornalisti  sono  13.  Il  numero  degli  studenti  

che  può  accedere  alla  scuola  è  fissato  dallo  dall'ordine  dei  giornalisti  e  tiene  conto  della  capacità  delle  singole  scuole.  Il  

riconoscimento  è  subordinato  al  possesso  di  una  serie  di  condizioni  che  l'odg  stesso  stabilisce:  finalità  formative,  

trasparenza  e  autonomia  delle  fonti  di  finanziamento,  esibizione  delle  convenzioni  stipulate  con  le  imprese  editoriali  

  56  

per  il  necessario  apprendimento  pratico  integrativo  di  quello  svolto  negli  anni  di  formazione,  selezione  pubblica  

obbligatoria  per  i  titoli  ed  esami,  durata  dei  corsi  minima  biennale,  frequenza  obbligatoria,  programmi  didattici  a  

livello  universitario,  composizione  del  corpo  docente  accademico  e  universitario.  

Finita  la  scuola  di  giornalismo  o  Terminati  18  mesi  di  praticantato  aspirante  giornalista  può  chiedere  l'ammissione  

all'esame  di  Stato.  Può  essere  concessa  d'ufficio  dal  consiglio  regionale  o  dall'ordine  dei  giornalisti.  

L'accertamento  dell'idoneità  professionale  consiste  in  una  prova  scritta  e  orale  di  tecnica  e  pratica  del  giornalismo,  

integrata  dalla  conoscenza  delle  norme  giuridiche  che  hanno  attinenza  con  la  mattina  del  giornalismo.  L'esame  si  

svolge  ogni  anno  a  Roma  in  due  distinte  sezioni.  La  commissione  giudicatrice  formata  da  sette  membri:  cinque  

nominati  dal  consiglio  nazionale  e  scelti  tra  giornalisti  professionisti  iscritti  da  non  meno  di  10  anni  all'albo,  i  due  

membri  nominati  dal  presidente  della  corte  d'appello  di  Roma  scelti  13  magistrati  di  tribunale  e  l'altro  tre  magistrati  di  

appello.  Il  superamento  dell'esame  condizione  per  l'iscrizione  all'elenco  dei  giornalisti  professionisti.  Non  è  richiesta  

invece  superamento  di  un  esame  per  l'iscrizione  nell'elenco  dei  giornalisti  pubblicisti  per  cui  è  richiesta  la  

presentazione  dei  giornali  e  dei  periodici  contenenti  gli  articoli  scritti  dal  richiedente  oppure  certificati  rilasciati  dai  

direttori  che  confermino  l'attività  pubblicistica  regolarmente  retribuita  da  almeno  2  anni.  Vanno  presentate  al  

consiglio  territoriale  dell'ordine  dei  giornalisti.  L'Iscrizione  nell'elenco  dei  pubblicisti  prevede  due  requisiti:  

svolgimento  di  attività  giornalistica  continuativa  nell'arco  di  un  biennio,  aver  ricevuto  una  retribuzione  per  tali  articoli.  

Una  volta  in  possesso  dell'iscrizione  all'albo  il  giornalista  può  esercitare  la  propria  attività  professionale.  

 

E.  Il  procedimento  disciplinare  

 

Nei  casi  in  cui  il  giornalista  viene  meno  ai  doveri  previsti  dalla  legge  professionale  quindi  come  è  colpevole  di  fatti  non  

conformi  al  decoro  e  dignità  professionale  oppure  difatti  che  compromettono  la  propria  reputazione  o  dignità  

dell'ordine  dei  giornalisti,  per  essere  attivate  nei  suoi  riguardi  un  procedimento  disciplinare.  Rientrano  in  questa  

categoria  i  comportamenti  deontologicamente  scorretti  che  oltre  a  violare  le  norme  della  carta  dei  doveri  e  degli  altri  

codici  deontologici,  no,  rappresentano  un  oltraggio  al  decoro  e  alla  dignità  della  professione.  Essi  riguardano  il  

corretto  esercizio  dell'attività  professionale  e  la  condotta  delle  scritto  nella  sua  vita  di  relazione.  Le  modalità  di  avvio  e  

svolgimento  del  processo  sono  fissate  nella  legge  69  a  tutela  dell'imputato  e  dell'ordine  dei  giornalisti.  A  differenziare  

l'azione  disciplinare  dalle  attrazioni  è  la  diversità  dei  presupposti  di  finalità:  manca  nell'azione  civile,  penale,  

amministrativa  esigenza  di  tutelare  il  decoro  e  dignità  professionale  che  è  il  pilastro  su  cui  si  fonda  l'azione  

disciplinare.  L'azione  penale  può  essere  intentata  in  via  autonoma  e  non  vincolante  per  l'organo  professionale  che  ha  

sempre  piena  autonomia  e  indipendenza  di  decisioni  e  può  benissimo  ritenere  il  fatto,  che  per  il  giudice  penale  non  

costituisce  reato,  infrazione  di  avere  disciplinari.  Non  va  confusa  inconciliabilità  con  la  dignità  e  decoro  della  

professione.  La  sfera  della  deontologia  è  più  ampia  dell'illecito  penale:  alla  base  di  questa  differenziazione  sta  la  

differenza  fra  l'azione  penale  e  la  deontologia  professionale.  Non  tutto  ciò  che  penalmente  non  è  reato  appare  tale  

anche  in  termini  di  antologici:  esistono  delle  consapevolezze  che  potrebbero  non  rilevare  sul  piano  penale  che  invece  

sono  considerate  illegittime  dall'  Odg.  La  legge  stabilisce  che  l'avvio  al  procedimento  compete  al  consiglio  regionale  

presso  quel  giornalista  è  iscritto.  Una  volta  avviato  il  procedimento  del  consiglio  regionale  compie  l'istruttoria,  al  

termine  della  quale  puoi  scegliere  se  archiviare  la  questione  podere  inizia  la  seconda  fase  del  procedimento  in  cui  il  

giornalista  deve  poter  prendere  parte.  Terminata  l'istruttoria  e  deciso  di  procedere,  il  consiglio  regionale  dovrà  

comunicarlo  al  giornalista  indicandogli  le  prove  raccolte  a  suo  carico.  Il  giornalista  incriminato  potrà  produrre  ulteriori  

prove  a  propria  discolpa.  Egli  dovrà  essere  convocato  a  comparire  davanti  al  consiglio  regionale  in  cui  dovrà  essere  

obbligatoriamente  sentito.  

Terminata  l'udienza  il  consiglio  regionale,  a  votazione  segreta,  adotta  il  provvedimento  disciplinare  e  con  motivazione,  

la  trasmette  al  diretto  interessato  e  al  pubblico  ministero.  Contro  la  decisione  del  consiglio  regionale  il  giornalista  può  

fare  ricorso  al  consiglio  nazionale  che  deve  essere  presentato  entro  30  giorni  dalla  notifica  della  delibera.  Il  

procedimento  segue  lo  stesso  iter  previsto  per  il  giudizio  di  primo  grado  con  la  differenza  che  qui  sussiste  l'obbligo  di  

sentire  preventivamente  il  pubblico  ministero.  Anche  le  pronunce  del  consiglio  nazionale  devono  essere  motivate  e  

notificate  al  giornalista.    

A  caratterizzare  il  procedimento  innanzi  al  Consiglio  regionale  e  quello  successivo  presso  il  Consiglio  nazionale  è  la  

scarsità  di  pubblicità:  cio  si  spiega  in  ragione  del  fatto  che  nel  procedimento  possono  venire  in  discussione  la  stessa  

dignità  umana  e  alcuni  aspetti  della  vita  di  relazione  del  giornalista,  per  cui  la  sua  applicazione  può  essere  assoluta  e  

incondizionata  ma  può  essere  necessario  il  bilanciamento  dei  vari  interessi  in  gioco.  Tutto  ciò  ha  in  parte  influito  

negativamente  sull'immagine  dei  Consigli  regionali  e    

del  Consiglio  nazionale,  che  da  più  patti  sono  stati  spesso  accusati  di  essere  stati  inerti  nei  confronti  di  comportamenti  

deontologicamente  scorretti.  In  realtà  gli  ordini  intervengono  e  sono  intervenuti.    

Le  sanzioni  che  possono  essere  adottate  nei  confronti  del  giornalista  sono  di  diverso  tipo  e  variano  a  seconda  della  

gravità  dell'infrazione  commessa(per  esempio:  il  lungo  esercizio  della  professione  senza  demeriti,  la  giovane  età  o  

l'inesperienza,  l'età  avanzata  o  condizioni  di  salute  malferme,  la  reiterazione  dell’infrazione..).  La  più  blanda  delle  

  57  

sanzioni  consiste  nell'avvertimento:  esso  può  essere  adottato  nei  casi  

di  abusi  o  di  mancanze  di  lieve  entità  (compiute  più  per  leggerezza  che  per  un  consapevole  proposito)  e  consiste  nel  

rilievo  dell'infrazione  e  nel  successivo  richiamo  al  giornalista  all'osservanza  dei  propri  doveri.  L'avvertimento  è  rivolto  

al  giornalista  in  forma  orale:  il  destinatario  del  avvertimento  può,  entro  trenta  giorni,  chiedere  di  essere  sottoposto  a  

procedimento  disciplinare.    

Per  infrazioni  di  maggiore/grave  entità,  la  sanzione  prevista  dalla  legge  è  la  censura,  che  consiste  nel  biasimo  formale  

per  la  trasgressione  accertata.    

Avvertimento  e  censura  —>richiamo  alla  sensibilità  morale  dell'iscritto,  biasimandone  la  condotta.  

Le  due  pene  più  severe  che  possono  essere  comminate  al  giornalista  sono:   sospensione  e  radiazione,  per  la  cui  

determinazione  si  tiene  conto  della  gravità  della  mancanza  compiuta  e,  contemporaneamente,  delle  circostanze  di  

fatto  e  psicologiche  nelle  quali  l'autore  ha  operato  e  alla  condotta  successivamente  tenuta.  La  sospensione  

dall'esercizio  della  professione  (per  un  periodo  non  inferiore  a  due  mesi  e  non  superiore  a  un  anno)  è  la  sanzione  che  

la  legge  prevede  nei  casi  in  cui  il  giornalista  abbia  compromesso  la  dignità  professionale.  La  sanzione  più  grave  che  può  

essere  comminata  al  giornalista  consiste  nella  radiazione  dall'albo,  da  cui  discende  l'impossibilità  di  esercitare  la  

professione:  essa  può  essere  deliberata  solo  in  quei  casi  in  cui  il  giornalista  cn  la  sua  condotta  abbia  gravemente  

compromesso  la  dignità  professionale.  

Contro  le  decisioni  assunte  dal  Consiglio  nazionale  è  possibile  presentare  

impugnazione  presso  il  Tribunale  del  

capoluogo  del  distretto  di  Corte  d'appello  dove  ha  sede  il  Consiglio  regionale  cui  il  giornalista  è  iscritto.    

Contro  le  decisioni  del  Tribunale,  è  ammesso  il  ricorso  in  Corte  d'appello.  Tanto  il  Tribunale  quanto  la  Corte  d’appello  

devono  essere  integrati  nella  loro  composizione  da  un  giornalista  e  un  pubblicista,  scelti  nell'ambito  di  un  elenco  

costituito  ogni  quattro  anni  con  delibera  del  presidente  della  Corte  d'appello  su  designazione  del  Consiglio  nazionale  

dell'Odg.  

Le  decisioni  del  Tribunale  e  della  Corte  d'appello  sono  assunte  in  camera  di  consiglio,  sentito  il  pubblico  ministero  e  gli  

interessati.  Entro  60  giorni  dalla  notifica  della  sentenza  d'appello  è  ammesso  il  ricorso  per  Cassazione.  

   

6.  Le  fonti  della  deontologia    

 

>Vittorio  Roidi  —>  negli  USA  la  libertà  di  informazione    è  tutelata  dal  Freedom  of  Information  Act,  ma  sono  stati  poi  

giornalisti  e  imprenditori  (American  Society  of  Professione  Journalists  e  American  Society  of  Professional  Editors)  a  

dettare  le  norme  di  comportamento,  incentrate  sul  diritto  del  popolo  a  conoscere  i  fatti  e,  di  conseguenza,  sulle  

responsabilità  degli  operatori  dell'informazione  a  fornire  resoconti  completi  e  veritieri.  I  canoni  principali  del  

giornalismo  anglosassone  sono    

-­‐ l’accuracy  (precisione)    

-­‐ fairness  (imparzialità).  

L'incitamento  ossessivo  è  il  telling  the  truth  =  cercare  e  il  dire  a  qualsiasi  costo  la  verità.    

Reporter  —>  disposto  a  frugare  ovunque,  a  porsi  sempre  nel  ruolo  del  watchdog  (cane  da  guardia)  e  per  fare  questo  

deve  essere  libero  e  apparire  neutrale,  affinché  il  lettore  nutra  nei  suoi  confronti  un'autentica  fiducia.  

Il  giornalismo  italiano  presenta  alcuni  punti  di  contatto  cn  questo  modello,  ma  anche  differenze,  a  cominciare  dal  

meccanismo  su  cui  si  fonda  la  deontologia.  A  fronte  di  un  sistema  "liberale",  la  deontologia  dell'informazione  nel  

nostro  Paese  si  caratterizza  per  la  presenza  di  una  molteplicità  di  fonti,  talune  delle  quali  dotate  di  una  forza  

"superiore",  che  deriva  dal  fatto  che  è  la  legge  a  stabilire  la  loro  obbligatorietà  e  vincolatività  nei  confronti  di  coloro  

che  vogliono  esercitare  la  professione  giornalistica.  

 

Fonti  della  deontologia  dell’informazione  che  operano  nel  nostro  Paese:  

Prima  fonte—>  costituita  dall'art.  2  della  legge  professionale  che  stabilisce  i  principi  cardine  su  cui  si  fonda  l'attività  

giornalistica:  è  diritto  dei  giornalisti  la  libertà  d'informazione  e  di  critica,limitata  dall'osservanza  delle  norme  di  legge  

ed  è  loro  obbligo  inderogabile  il  rispetto  della  verità  sostanziale  dei  fatti,  osservati  sempre  i  doveri  imposti  dalla  lealtà  

e  dalla  buona  fede.  Devono  essere  rettificate  le  notizie  che  risultino  inesatte,  e  riparati  gli  errori.  Giornalisti  e  editori  

sono  tenuti  a  rispettare  il  segreto  professionale  sulla  fonte  delle  notizie  e  a  promuovere  lo  spirito  di  collaborazione  tra  

colleghi,  la  cooperazione  fra  giornalisti  e  la  fiducia  tra  la  stampa  e  i  lettori.  

Considerato  un  «vero  e  proprio  codice  deontologico  delle  modalità  di  esercizio  della  professione,  l’art.2  rappresenta  la  

norma  centrale  dell'intera  legge.  Con  chiarezza  il  Parlamento  ha  affermato  che  il  diritto  di  informare  e  di  criticare  

costituisce  allo  stesso  tempo  un  diritto  (insopprimibile)  e  un  obbligo  (inderogabile)  del  giornalista.  Dunque  egli  deve  

considerare  la  propria  liberta’  come  un  requisito  indispensabile  alla  sua  attività.  

I  punti  che  l'art.  2  tocca  hanno  dunque  a  che  fare  con  quel    diritto/dovere  di  informazione  che  caratterizza  l'attività  

giornalistica.  Diritto/dovere  che  si  riassume  nel  primo  comma,  dove  la  libertà  di  informazione  e  di  critica  viene  definita  

come  "diritto  insopprimibile  dei  giornalisti",passibile  di  essere  assoggettata  a  limitazioni:  

-­‐ assonanza  tra  quanto  previsto  dalla  legge  professionale  e  le  numerose  fonti,  nazionali  e  intemazionali,  che  indicano  

  58  

nella  tutela  della  dignità  umana  l'unico  limite  che  può  essere  portato  alla  libertà  di  espressione  

-­‐ diritto  di  informazione  e  di  critica  incontra  discende  invece  dall'obbligo  di  verità  che  il  giornalista  è  tenuto  a  

rispettare  

A  chiarire  la  portata  e  il  significato  di  questa  prima  parte  dell'art.  2  hanno  provato  in  molti:  

>  Roidi  —>  il  diritto  alla  libertà  è  riaffermato  con  forza  inusitata,  se  si  esamina  il  linguaggio  usato  dal  legislatore.  E’  

insopprimibile,  irrinunciabile.  La  verità  è  inderogabile.  E  naturalmente  sostanziale,  che  quella  oggettiva  il  più  delle  

volte  è  introvabile.  Per  questo  il  giudice,  allorché  intende  verificare  se  il  diritto  di  cronaca  è  stato  esercitato  con  

correttezza,  controlla  se  il  giornalista  ha  fatto  tutto  ciò  che  era  nelle  sue  possibilità  per  trovare  la  verità.    

Il   secondo  comma  dell'art.  2  tratta  invece  dei  casi  in  cui  il  giornalista  cade  in  errore  e  dunque  pubblica  notizie  inesatte  

o  incomplete.  In  questi  casi,  la  legge  prescrive  l'obbligo  di  porre  riparo  all'errore.  È  la  legge  sulla  stampa  a  indicare  

nella  rettifica  tale  strumento.    

Il   terzo  comma  spiega  cosa  intende  la  legge  nella  sezione  dedicata  al  procedimento  disciplinare  quando  ci  dice  che  il  

procedimento  si  attiva  in  tutti  quei  casi  in  cui  il  giornalista  viene  meno  al  decoro  e  alla  dignità  della  professione.  Qui  i  

destinatari  della  previsione  sn  giornalisti  e  editori:  essi  sono  tenuti  al  rispetto  del  segreto  professionale  e  a  

promuovere  lo  spirito  di  collaborazione  tra  colleghi,  la  cooperazione  tra  giornalisti  ed  editori,  e  la  fiducia  tra  la  stampa  

e  i  lettori,    sia  nella  vita  personale  che  in  quella  professionale.  

Fin  qui  i  pregi.  Ci  sono  anche  vizi  formali  e  sostanziali  che  hanno  in  parte  contribuito  a  rendere  più  complesso  lo  

scenario  all'interno  del  quale  si  muove  la  deontologia.  

1. manca  nell'art.  2  una  definizione  di  giornalismo  =  cosa  grave  perché  risulta  difficile  ragionare  in  termini  di  

deontologia  e  professionalità  in  relazione  a  un  contesto  che,  a  monte,  non  vìene  definito.  

2. la  genericità  della  formulazione  dell'art.  2  non  aiuta  il  giornalista  a  capire  con  certezza  quali  siano  i  comportamenti  

lesivi  del  decoro,  della  dignità  professionale,  della  reputazione  e  della  dignità  dell’ODG.  

È  per  rispondere  a  tali  lacune  che,  a  partire  dalla  fine  degli  anni  Ottanta,  nel  nostro  Paese  sono  nate  una  serie  di  

iniziative  di  carattere  deontologico  il  cui  obiettivo  consisteva  nel  dare  risposta  alle  molte  domande  che  la  legge  

professionale  lasciava  prive  di  risposta.    

Queste  iniziative  sono  di  diverso  tipo:    

-­‐ da  una  parte  abbiamo  infatti  le  "carte  dell'autonomia  professionale"  =  documenti  deontologici  nati  su  iniziativa  

dell’Odg,che  vincolano  l'intera  categoria  professionale  dei  giornalisti  per  il  fatto  stesso  del  coinvolgimento  dell'Odg;    

-­‐ dall'altra  abbiamo  i  codici  deontologici  nati  in  seno  alle  redazioni  di  testate  giornalistiche.    

In  entrambi  i  casi,  si  tratta  di  documenti  che  testimoniano,  la  difficoltà  che  il  nostro  Paese  ha  incontrato  nel-­‐  l'aprirsi  a  

forme  di  deontologia.  

 

 7.  Le  carte  dell'autonomia  professionale    

 

La  decisione  di  sintetizzare  al  massimo  la  parte  dedicata  ai  diritti  e  ai  doveri  del  giornalista  nell'ambito  della  legge  

professionale  ha  posto  problemi  di  carattere  deontologico  che  sono  stati  in  parte  sciolti:  tale  scelta  implicava  che  

fossero  i  giornalisti  a  dotarsi  autonomamente  di  regole  deontologiche,  che,  per  la  natura  dei  temi  trattati  e  la  tipologia  

degli  interessi  in  gioco,  appariva  più  opportuno  che  avessero  una  fonte  "professionale"  piuttosto  che  legislativa.  

Di  questo  potere  di  autodisciplina  i  giornalisti  non  hanno  fatto  un  uso  celere:  son  passati  30anni  prima  che  i  valori,  i  

principi,  i  diritti  e  i  doveri  che  un  giornalista  deve  rispettare  nell'esercizio  della  propria  professione  si  traducessero  in  

un  codice  di  autodisciplina  organico  e  strutturato.  In  questo  lasso  di  tempo  sono  nate  iniziative  destinate  a  porre  

rimedio  a  casi  e  situazioni  che  per  la  loro  natura  e  per  la  tipologia  dei  soggetti  coinvolti,  richiedevano  un  uento  

specifico.  

 

Il  vero  problema  non  consiste  però  nel  fatto  che  ci  siano  state  iniziative  che  hanno  "anticipato"  l'adozione  della  Carta  

dei  doveri:  il  problema  è  che  dopo  l'entrata  in  vigore  della  Carta  dei  doveri  l'Odg  ha  approvato  ulteriori  documenti  

deontologici  che  nulla  aggiungono  alla  Carta  dei  doveri.  Erano  davvero  necessari  questi  ulteriori  documenti?  risp.  nel  

prossimo  cap  

Un  giornalista,  quale  che  sia,  su  carta,  su  video,  su  onde  hertziane,  wireless  o  su  filo  telefonico,  deve  avere  un  volto,  

una  finalità,  dei  valori  di  riferimento.  Non  può  essere  un  comunicatore  qualsiasi.    

 

 

a)  La  Carta  dei  doveri  del  giornalista    

 

Il  lungo  iter  che  porta  all'adozione  nel  1993,  da  parte  dell'Odg  e  della  Fnsi,  della  carta  dei  doveri  del  giornalista  è  lo  

specchio  di  una  difficoltà  che  i  giornalisti  italiani  hanno  sempre  trovato  a  codificare  quei  valori  etici  e  deontologici  che  

rappresentano  i  pilastri  su  cui  si  fonda  la  professione.    

I  giornalisti  italiani  han  sempre  avuto  un'idea  chiara  di  quali  valori  dovessero  essere  parte  del  proprio  statuto  

  59  

deontologico:  già  nel  1932  Luigi    Barzini  elencò  in  dieci  regole  quelli  che,  a  suo  avviso,  erano  i  principi  irrinunciabili  che  

il  giornalista  doveva  aver  presenti  nell'esercizio  della  sua  professione.  Tali  principi  erano:    

  1)  La  raccolta  delle  notizie  è  il  primo  compito  del  giornalista.  Essa  non  deve  essere  automatica,  ridotta  a  un  

ricevimento  burocratico  di  telegrammi,  fotogrammi,  servizi  di  agenzia,  note,  annunzi,  programmi,  ristampe,  rapporti.    

  2)  La  ricerca  dei  fatti  precisi  e  delle  esatte  nozioni  che  rendono  la  notizia  chiara  e  attraente  alla  lettura,  

interessante  per  il  pubblico,  è  dovere  del  giornalista.    

  3)  Mai  il  giornalista  deve  sovrapporre  la  sua  persona  all'argomento,  se  non  è  assolutamente  necessario  e  

inevitabile.  La  parola  "io"  non  deve  mai  apparire  a  meno    che  la  personalità  dello  scrittore  non  sia  parte  integrante  

dell'argomento,  o  non  domini  e  valorizzi  l'argomento.    

  4)  Egli  deve  esercitare  un  grande  buon  senso,  uno  spirito  critico  che  gli  permetta  di  eliminare  le  insignificanze  e  

ritenere  tutto  quello  che  precisa  e  definisce.  Non  deve  mai  coprire  la  povertà  dei  suoi  dati  con  ricami  retorici,  

sentimentali,  filosofici  ma  far  scaturire  nell'animo  dd  lettore  i  sentimenti  e  le  persuasioni  dall'evidenza  dei  fatti  o  delle  

ragioni  esposti.    

  5)  Tardività  e  prolissità  sono  la  negazione  del  giornalismo.  Il  corrispondente  e  il    cronista  debbono  dire  subito  e  

bene  tutto  quello  che  sanno,  e  che  a  loro  volta  risulta  vero  ed  esatto.  Alla  notizia,  anche  se  breve  e  secondaria,  vanno  

dedicate  tutte  le  risorse  della  narrazione:  chiarezza,  ordine,  precisione,  rigore,  sobrietà.    

  6)  Il  giornalista  deve  considerare  l'informazione,  in  molti  casi,  solo  come  guida  e  scoprire  il  resto  cercando,  

scavando,  interrogando,  consultando  con  massima  prontezza  e  il  più  grande  scrupolo.    

  7)  Così  nelle  interviste,  occorre  ricordare  che  i  lettori  sono  interessati  soltanto  alle  idee  dell'intervistato,  alla  

sua  persona,  a  tutto  quello  che  lo  concerne,  che  lo  presenta,  che  lo  definisce,  e  che  giustifica  l'intervista.  

L'intervistatore  non  si  imponga  mai  all'attenzione  del  lettore.  Egli  è  zero.    

  8)  Le  notizie  di  ogni  genere,  lunghe  o  corte,  vanno  scritte  con  semplicità,  evitando  le  forme  e  le  parole  che  il  

giornalista  non  userebbe  conversando  o  scrivendo  ad  un  amico.  bisogna  sempre  avere  presente  che  si  parla  al  

pubblico,  cioè  a  tutti,  e  non  a  una  categoria  di  persone  specialmente  competenti  della  materia  trattata.  Una  notizia  

anche  di  carattere  tecnico,  resa  chiara  e  accessibile,  è  letta  dalla  totalità  dei  lettori  e  ha  quindi  il  cento  per  cento  di  

efficienza,    

  9)  il  principio  della  notizia  ha  dunque  una  parte  importantissima  e  deve  rispondere  soprattutto  alle  domande  

che  inconsciamente  il  lettore  rivolge  allo  scrittore,  le  quali    riguardano  i  punti  essenziali  di  ogni  narrazione.  Queste  

domande  alle  'quali  bisogna  rispondere  subito  sono  generalmente  sei:  chi,  cosa,  dove,  come,  quando,  perché.  

  10)  tutto  quello  che  si  scrive  deve  essere  rigorosamente  vero.  Non  cercare  ai  effetti  di    esagerazione,  o  peggio  

di  invenzione.  La  verità  è  sempre  più  interessante  di  qualsiasi  fantasia.  Chi  deroga  a  questo  dovere  merita  le  più  

severe  sanzioni.  Il  giornalista  come  informatore  del  pubblico,  ha  una  delicata  missione  di  fiducia.  La  stima  del  pubblico  

non  si  acquista  che  con  la  propria  professionalità  

 

Selezione  della  notizia,  chiarezza  espositiva,  imparzialità,  rispetto  del  lettore,  tempestività,  capacità  di  indagine,  

indipendenza,  competenza  tecnica,  completezza,  ricerca  della  verità:  sono  questi  i  principi  fondamentali  che  Barzini    

identifica  come  caratterizzanti  la  deontologia  del  giornalista  che  trovano  spazio  nella  Carta  dei  doveri  del  giornalista.L’  

espressione  di  quella  coscienza  deontologica  del  giornalismo  italiano  nella  carta  si  traduce  in  una  rivisitazione  e  

sistematizzazione  delle  fonti  giuridiche  preesistenti.  

È  dinanzi  al  tentativo  del  sistema  politico  di  “mettere  il  bavaglio"  alla  stampa,  che  la  stampa  stessa  ritrova  una  sorta  di  

"coscienza  di  classe":  a  Carta  dei  doveri  vien  considerata  un  atto  di  consapevolezza  della  classe  giornalistica  di  fronte  a  

un  tentativo  di  prevaricazione.  Fu  a  quel  punto  che  la  classe  giornalistica  italiana  insorse  non  solo  rivendicando  il  

diritto  di  pubblicare  le  notizie  ma  pure  reclamando  il  principio  di  autogovernarsi,  cioè  di  non  accettare  nessuna  tutela  

decisionale  in  materia  deontologica.    

La  Carta  dei  doveri  del  giornalista  vede  la  luce  in  un  particolare  momento  storico:  i  valori  su  cui  essa  insiste    

sono  autonomia  e  indipendenza,  cui  si  associa  il  richiamo  al  senso  di  responsabilità.  Ma  se  è  vero  che    l'autonomia  e  il  

senso  di  responsabilità  del  giornalista  costituiscono  la  base  di  un  corretto  esercizio  della  professione(Viali)  essi  da  soli  

non  bastano  se  non  sono  sorretti  da  una  forte  coscienza  deontologica  che  significa  capacità  di  governare  e  

interpretare  deontologicam.  ed  eticam.  il  rapporto  con  la  società  civile.  

Strutturalmente,  la  Carta  dei  doveri  si  articola  in  tre  sezioni:  una  premessa,  dove  vengono  richiamati  l'art.  21  della  

Costituzione  e  l'art.  2  della  legge  professionale,  che  rappresentano  i  punti  di  partenza  rispetto  ai  quali  la  Carta  dei  

doveri  si  pone  in  linea  di  continuità.    

I  principi  su  cui  si  fonda  l'attività  giornalistica  e  i  doveri  al  cui  rispetto  il  giornalista  è  tenuto  nell'esercizio  della  sua  

professione.  L'assenza  di  una  sezione  dedicata  alle  sanzioni  non  è  casuale,  se  si  considera  la  premessa:  come  

continuum  della  legge  professionale,  è  alla  legge  professionale  stessa  che  la  Carta  dei  doveri  rimanda  per  tutto  ciò  che  

riguarda  il  procedimento  disciplinare  e  l'adozione  di  sanzioni.  

Nella  premessa,  la  Carta  dei  doveri  individua  le  norme  cui  essa  si  richiama  nelle  libertà  di  informazione  e  di  opinione  i  

principi  cardine  su  cui  si  fonda  l'attività  giornalistica.  Essa  si  conclude  rimarcando  l'importanza  del  rapporto  fiduciario  

  60  

tra  il  mondo  dell'informazione  e  i  lettori:  un  rapporto  che  i  giornalisti  vogliono  rinsaldare  attraverso  la  sottoscrizione  

della  Carta.  

La  sezione  dedicata  ai  principi  si  apre  con  un  riferimento  alla  figura  del  cittadino,  nei  confronti  del  quale  il  giornalista  

ha  una  responsabilità  che  prevale  su  qualsiasi  altra  e  che  non  può  essere  subordinata  a  nessun  interesse  personale  o  

di  parte.  Il  giornalista  deve  rispettare,  coltivare  e  difendere  il  diritto  all'informazione  di  tutti  i  cittadini;  questo  ricerca  e  

diffonde  ogni  notizia  o  informazione  che  ritenga  di  pubblico  interesse  nel  rispetto  della  verità  e  con  la  maggiore  

accuratezza  possibile.  Il  giornalismo  richiede  di  essere  esercitato  superando  gli  ostacoli  che  possono  talvolta  frapporsi  

tra  il  giornalista  e  l'informazione,  avendo  sempre  come  riferimento  l'interesse  del  pubblico.  

In  termini  di  doveri  questo  significa  che  il  giornalista  è  responsabile  del  proprio  lavoro  verso  i  cittadini  e  deve  favorire  

il  loro  dialogo  con  gli  organi  d'informazione.  Al  giornalista  non  si  richiede  tuttavia  soltanto  di  astenersi  da  

comportamenti  che  possano  ledere  la  corretta  informazione  del  cittadino:  gli  si    

chiede  di  farsi  parte  attiva  per  la  sua  realizzazione.  Perché  ciò  avvenga  è  necessario  che  il  giornalista  preservi  la  

propria  indipendenza:  egli  potrà  accettare  «indicazioni  e  direttive  soltanto  dalle  gerarchie  redazionali  della  sua  

testata.  

Dovere  di  informazione  rappresenta  l'unico  limite  che  la  nostra  Costituzione  e  gli  altri  documenti  adottati  in  ambito  

internazionale  pongono  alla  libera  manifestazione  del  pensiero.  Al  rispetto  della  dignità  dell’uomo  si  sommano  i  valori  

che  rappresentano  la  base  di  ogni  costituzione  democratica+  principio  della  riservatezza  che  è  diventato  nel  corso  del  

tempo  valore  altrettanto  nobile  e  degno  di  tutela.    

 

Spostandoci  sul  versante  dei  doveri,  si  ricollega  alla  prima  situazione  descritta  la  possibilità  per  il  giornalista  di  fare  

riferimenti  non  discriminatori,  ingiuriosi  o  denigratori  a  fatti  privati  solo  quando  sia  di  interesse  pubblico.  Quanto  al  

diritto  alla  riservatezza,  la  possibilità  di  pubblicare  notizie  sulla    

vita  privata  è  ammessa  solo  quando  tali  informazioni  siano  di  chiaro  e  rilevante  interesse  pubblico.  Il  giornalista  deve  

comunque  sempre  rendere  note  la  propria  identità  e  professione  quando  raccoglie  tali  notizie.  Nella  stesura  dei  propri  

articoli,  il  giornalista  non  deve  rendere  noti  i  nomi  di  persone  coinvolte  in  casi  di  cronaca,  a  meno  che  ciò  sia  di  

interesse  pubblico.  In  nessun  caso  possono  essere  resi  noti  se  ciò  metta  a  rischio  l'incolumità  delle  persone,  ne  altri  

elementi  che  rendano  possibile  una  identificazione  (fotografie,  immagini,  ecc.).  

Es.  non  possono  essere  altresì  pubblicati  i  nomi  delle  vittime  di  violenze  sessuali    

C’è  l’obbligo  di  correggere  gli  errori  o  le  inesattezze  in  cui  il  giornalista  può  incappare  e  il  dovere  di  osservare  il  segreto  

professionale.    

Molteplici  e  diversi  sono  i  doveri  che  gravano  sul  giornalista:  

•  quelli  relativi  al  diritto  di  rettifica  e  di  replica,  principi  già  sanciti  dalla  legge  sulla  stampa—>Il  giornalista  rispetta  il  

diritto  inviolabile  del  cittadino  alla  rettifica  delle  notizie  inesatte.  Rettifica  con  tempestività  e  appropriato    rilievo,  

anche  in  assenza  di  specifica  richiesta,  le  informazioni  che  dopo  la  loro  diffusione  si  siano  rivelate  inesatte  o  errate:  

tempestività,  eguale  rilievo  e  autonomia  sono  i  principi  che,  

se  rispettati,  garantiscono  al  cittadino  che  il  giornalista  si  sta  assumendo  la  responsabilità  di  aver  fornito  

un'informazione  sbagliata.    

•  relativi  ai  casi  in  cui  la  persona  oggetto  della  notizia  sia  coinvolta  in  vicende  giudiziarie—>  il  giornalista  deve  prestare  

attenzione  a  non  dare  notizia  di  accuse  che  possano  danneggiare  la  reputazione  e  la  dignità  di  una  persona  senza  

garantire  opportunità  di  replica  all'accusato.  Nel  caso  in  cui  ciò  sia  impossibile  ne  informa  il  pubblico.  In  ogni  caso  

prima  di  pubblicare  la  notizia  di  un  avviso  di  garanzia  deve  attivarsi  per  controllare  se  sia  a  conoscenza  

dell'interessato.  Il  giornalista  deve  garantire  la  presunzione  di  innocenza  di  cui  ogni    cittadino  gode  in  virtù  di  quanto  

stabilito  nella  Costituzione:  in  tutti  i  casi  di  indagini  o  processi,  il  giornalista  deve  sempre  ricordare  che  ogni  persona  

accusata  di  un  reato  è  innocente  fino  alla  condanna  definitiva  e  non  deve  costruire  le  noti-­‐zie  in  modo  da  presentare  

come  colpevoli  le  persone  che  non  siano  state  giudicate  tali  in  un  processo.  Il  giornalista  non  deve  altresì  pubblicare  

immagini  che  presentino  intenzionalmente  o  artificiosamente  come  colpevoli  persone  che  non  siano  state  giudicate  

tali  in  un  processo.  In  caso  di  assoluzione  o  proscioglimento  di  un  imputato  o  di  un  inquisito,  il  giornalista  deve  sempre  

dare  un  appropriato  rilievo  giornalistico  alla  notizia,  anche  facendo  riferimento  alle  notizie  e  agli  articoli  pubblicati  

precedentemente.  

Per  evitare  gli  errori  che  sono  sempre  all’ordine  del  giorno,  il  giornalista  deve  prestare  grande  attenzione  alla  ricerca  e  

alla  selezione  delle  fonti:  attività  centrale  che  se  svolta  correttamente,  consente  di  equiparare  la  verità  putativa  alla  

verità  sostanziale.  La  Carta  dei  doveri  ricorda  che  il  giornalista  deve  verificare  le  informazioni  ottenute  dalle  sue  fonti,  

per  accertarne  l’attendibilità.  Alla  verifica  delle  fonti  corrisponde  la  trasparenza  nell'indicazione  delle  fonti  stesse—>  il  

giornalista  deve  cioè  rendere  sempre  note  le  proprie  fonti,  salvo  il  caso  in  cui  le  fonti  stesse  chiedano  di  rimanere  

riservate:  è  tenuto  a  rispettare  il  segreto  professionale.  In  nessun  caso  il  giornalista  accetta  condizionamenti  dalle  

fonti  per  la  pubblicazione  o  la    

soppressione  di  una  informazione.    

Altro  passaggio  chiave:  indipendenza  e  credibilità  dell’informazione,  che  si  lega  strettamente  a  un  problema  che  l'Odg  

  61  

aveva  già  affrontato  nella  carta  Informazione  e  pubblicità.  Nella  Carta  dei  doveri  viene  ribadito  che  il  giornalista  non  

può  accettare  privilegi,  favori  o  incarichi  che  possano  condizionare  la  sua  autonomia  e  credibilità  professionale:  

questo  perché  i  cittadini  hanno  il  diritto  di  ricevere  un'informazione  corretta  e  non  lesiva  degli  interessi  dei  singoli.  

I  messaggi  pubblicitari  devono  essere  sempre  distinguibili  dai  testi  giornalistici  attraverso  chiare  indicazioni  e  che  il  

giornalista  deve  rendere  riconoscibile  l'informazione  pubblicitaria.  

Al  giornalista  si  richiede  di  essere  obiettivo,  completo,  imparziale:  egli  non  deve  omettere  fatti  o  dettagli  essenziali  alla  

completa  ricostruzione  dell'avvenimento.  Questo  vale  sia  per  i  testi  scritti,  quanto  per  le  immagini:titoli,  i  sommari,  le  

fotografie  e  le  didascalie  non  devono  travisare,  né  forzare  il  contenuto  degli  articoli  o  delle  notizie.  Non  deve  inoltre  

pubblicare  immagini  o  fotografie  particolarmente  raccapriccianti  di  soggetti  coinvolti  in  fatti  di  cronaca,  o  comunque  

lesive  della  dignità  della  persona.    

Non  deve  intervenire  sulla  realtà  per  creare  immagini  artificiose.  

—>  Fotogiornalismo  :  invece,  è  ampiamente  trattato  nei  codici  deontologici  adottati  in  molti  altri  paesi.    

—>  Diritto  di  critica:  il  commento  e  l'opinione  appartengono  al  diritto  di  parola  e  di  critica  e  pertanto  devono  essere  

assolutamente  liberi  da  qualsiasi  vincolo,  che  non  sia  quello  posto  dalla  legge  per  l'offesa  e  la  diffamazione  delle  

persone.    

L'ultima  parte  della  carta  è  infine  dedicata  a  due  questioni  specifiche:    

1. Relativa  all'informazione  economica,  che  troverà  approfondimento  alcuni  anni  dopo  in  un  apposito  documento  (la  

Carta  dell'informazione  economica)  —>  a  carta  ricorda  come  il  giornalista:  -­‐  non  possa  subordinare  in  alcun  caso  al  

profitto  personale  o  di  terzi  le  informazioni  economiche  o  finanziarie  di  cui  sia  venuto  comunque  a  conoscenza  -­‐  

non  può  turbare  l'andamento  del  mercato  diffondendo  fatti  e  circostanze  riferibili  al  proprio  tornaconto  -­‐  non  può  

scrivere  articoli  relativi  ad  azioni  sul  cui  andamento  borsistico  abbia  un  interesse  finanziario  -­‐  non  può  

vendere/acquistare  azioni  delle  quali  si  stia  occupando  professionalmente  o  debba  occuparsi  a  breve  termine  -­‐  

deve  poi  rifiutare  pagamenti,  rimborsi  spese,  vacanze  gratuite,  trasferte,  inviti  a  viaggi,  regali,  facilitazioni  da  

privati  o  da  enti  pubblici,  che  possano  condizionare  il  suo  lavoro  e  l'attività  redazionale  o  ledere  la  sua  credibilità  e  

dignità  professionale  -­‐  non  può  assumere  incarichi  e  responsabilità  in  contrasto  con  l'esercizio  autonomo  della  

professione  -­‐  non  può  prestare  il  nome,  la  voce,  l'immagine  per  iniziative  pubblicitarie  incompatibili  con  la  tutela  

dell'autonomia  professionale(sono  consentite,  a  titolo  gratuito,  analoghe  prestazioni  per  iniziative  pubblicitarie  

volte  a  fini  sociali,  umanitari,  culturali,  religiosi,  artistici,  sindacali  o  comunque  prive  di  carattere  speculativo)  

2. attinente  ai  minori,  che  attraversa  trasversalmente  tutto  l'iter  storico  di  consolidamento  della  deontologia  

professionale  nel  settore  dell’informazione  —>  sul  giornalista  grava  l'obbligo  di  tutelarne  la  personalità,  tanto  

quando  il  minore  sia  protagonista  attivo  della  vicenda  quanto  nel  caso  in  cui  egli  sia  vittima  di  un  reato.  I  principi  e  

i  relativi  doveri  enunciati  a  seguire  sono  quelli  previsti  dalla  Carta  di  Treviso(stesso  per  le  persone  disabili).  Altra  

categoria  esplicitamente  tutelata  è  quella  dei  malati:  il  giornalista  deve  evitare  nella  pubblicazione  di  notizie  su  

argomenti  medici  un  sensazionalismo  che  potrebbe  far  sorgere  timori  o  speranze  infondate:  -­‐  non  diffondere  

notizie  sanitarie  che  non  possano  essere  controllate  con  autorevoli  fonti  scientifiche  -­‐  non  citare  il  nome  

commerciale  di  farmaci  e  di  prodotti  in  un  contesto  che  possa  favorire  il  consumo  del  prodotto  -­‐  fornire  il  nome  

commerciale  dei  prodotti  farmaceutici  ritirati  o  sospesi  perché  nocivi  alla  salute.  Il  giornalista  si  impegna  a  usare  il  

massimo  rispetto  nei  confronti  dei  soggetti  di  cronaca  che  per  ragioni  sociali,  economiche  o  culturali  hanno  minori  

strumenti  di  autotutela.    

 

b)  Informazione  e  pubblicità    

   

Pubblicità  redazionale  =espressione  con  cui  si  fa  riferimento  a  un  fenomeno  che  da  più  parti  e  da  molto  tempo  viene  

considerato  come  un  vero  flagello—>designa  tutti  quei  casi  in  cui  il  giornalista  scrive  un  pezzo  a  favore  di  una  ditta,  o  

di  un  prodotto,  e  finge  di  scriverlo  di  sua  iniziativa,  in  buona  fede  quando  invece,  in  realtà,  quell'articolo  è  il  frutto  di  

un  contratto  pubblicitario  occulto.  E’  preoccupante  perché  facilita  un  raccordo  diretto  tra  giornalisti  e  committenti  

pubblicitari  che  può  influire  sulla  linea  editoriale  del  mezzo  di  informazione.  

Su  questo  problema,  una  considerazione—>Se  il  cuore  di  una  professione  è  l'etica,  non  si  può  non  considerare  che  

l'etica  non  ammette  che  un  professionista  "venda"  la  sua  faccia  e  la  sua  dignità  a  favore  di  merci,  perché  la  sua  

credibilità  potrebbe  ricevere  ricadute  negative.  

problema  —>    credibilità  del  giornalista,  che  dalla  commistione  tra  informazione  e  pubblicità  risulta  danneggiata.  

problema  inverso—>casi  in  cui  il  cittadino-­‐lettore  si  sente  portato  a  dare  fiducia  a  quella  determinata  notizia  proprio  

in  ragione  della  credibilità  del  giornalista  che  quella  stessa  notizia  diffonde:  "prima"  della  norma,  esiste  il  principio  che  

interpreta  la  professione  come  servizio  pubblico  (reso  ai  lettori  e  ai  telespettatori)  e  il  giornalismo  come  informazione  

critica.  È  in  virtù  di  questa  immagine  che  il  destinatario  della  comunicazione  giornalistica  valuta  in  termini  di  credibilità  

la  "notizia",  distinguendola  tra  "informazione"  e  "pubblicità".  Ed  è  in  virtù  di  questo  che  l'ordinamento  emana  norme  

sempre  più  chiaramente  dirette  a  tutelare  il  diritto  dei  cittadini  all'informazione  oggettiva  e  dunque  anche  a  ottenere  

che  i  mezzi  di  informazione  concorrano  a  cremare  quella  situazione  di  "fiducia"  in  forza  della  quale  il  fruitore  della  

  62  

comunicazione  decide  se  trattasi  di  comunicazione  oggettiva,  di  informazione,  oppure  di  comunicazione  pubblicitaria,  

di  persuasione  oppure  se  è  in  presenza  di  un  mix  più  o  meno  spregiudicato.  Il  giornalista  professionista  non  può  

spendere  la  sua  immagine,  la  sua  credibilità  e  il  suo  prestigio  a  fini  mercantili  (ibidem).    

È  la  lealtà  verso  il  lettore  a  imporre  che  il  lavoro  giornalistico  e  quello  pubblicitario  rimangano  separati  e  

inconfondibili.  I  tentativi  di  travestimenti,  di  mistificazioni,  di  mescolanze  assumono  forma  e  sostanza  di  inganno  per  il  

lettore,  come  pure  ingannevole  deve  considerarsi  qualsiasi  forma  di  pubblicità  occulta  che  va  combattuta  e  respinta  

perché  è  degenerativa  della  qualità  dell'informazione.    

Titolare  della  responsabilità  in  materia  è,  il  giornalista,  cui  si  chiede  di  vigilare  sui  giusti  equilibri  tra  spazi  redazionali  e  

spazi  pubblicitari,  sulla  separazione  degli  uni  dagli  altri  e  dalle  infiltrazioni  della  pubblicità  indiretta  affinché  un  

giornale  resti  un  giornale  e  non  si  trasformi  in  un  catalogo  commerciale.  È  il  giornalista,  inoltre,  che  ha  interesse  a  

tener  distinto  il  linguaggio  giornalistico,  che  deve  essere  sempre  concreto,  reale,  credibile,  dal  linguaggio  pubblicitario  

che  può  coltivare  l'iperbole,  lo  slogan.  

Sul  problema  della  commistione  tra  informazione  e  pubblicità  l'ODG  inizia  a  riflettere  prima  dell'adozione  della  Carta  

dei  doveri  del  giornalista  e  il  documento  che  ne  deriva  (la  Carta  Informazione  e  pubblicità,  appunto)  risente  di  questo  

"anticipo  temporale":  rispetto  a  tutti  gli  altri  documenti  deontologici  adottati  nel  settore  dell'informazione  dopo  

l'entrata  in  vigore  della  Carta  dei  doveri  (documenti  che  si  caratterizzano  per  un'impostazione  ricorrente  che  pone  al  

centro  dell'indagine  il  giornalista  piuttosto  che  l’informazione)  la  Carta  informazione  e  pubblicità  somiglia  molto  più  

all'allora  Codice  di  autodisciplina  pubblicitaria.    

Sottoscritta  nell'aprile  del  1988  dall'Odg  e  da  una  serie  di  associazioni  (Assap,  Aisscom,  Assord,  Ferpi,  Otep,  Tp)  

operanti  nel  settore  delle  relazioni  pubbliche,  la  carta  si  apre  con  un'enunciazione  di  principio  che  richiama  il  diritto  

del  cittadino  a  una  corretta  informazione.    

Principio  fondamentale  —>  riconoscibilità:  è  necessario  che  il  cittadino-­‐lettore  sia  sempre  messo  nelle  condizioni  di  

riconoscere  quali  notizie,  servizi  o  altre  attività  redazionali  sono  responsabilità  della  redazione  o  di  singoli  firmatari  e  

quali  invece  sono  direttamente  o  liberamente  espresse  da  altri.  Per  questo  motivo,  le  associazioni  che  sottoscrivono  la  

carta  si  impegnano  a  rispettare  la  competenza,  l'autonomia  e  la  specifica  professionalità  delle  altre  categorie;  e  quindi  

di  astenersi  da  iniziative  che  incrocino  o  confondano  le  competenze  di  professioni  diverse.  

Nella  seconda  parte  del  documento  sono  enunciati  i   principi  cui  giornalisti  e  pubblicitari  devono  attenersi  

nell'esercizio  delle  rispettive  e  distinte  attività  professioni:  

1. divieto  di  accettare,  richiedere  ,offrire  compensi  di  alcun  genere  che  possano  confondere  o  sovrapporre  i  ruoli  

professionali.    

2. necessità  della  riconoscibilità  dei  diversi  messaggi:  sebbene  le  attività  economiche,  i  beni  (prodotti  e  servizi)  e  le  

opinioni  di  singoli  enti  e  gruppi  possono  essere  soggetto  di  messaggio  pubblicitario,  di  attività  di  relazioni  

pubbliche  o  di  informazione  giornalistica,  senza  alcuna  limitazione  o  censura  né  reciproco  condizionamento,  nel  

solo  rispetto  delle  leggi  vigenti  o  delle  norme  di  autodisciplina,  è  necessario  che  il  "tipo"  di  messaggio  sia  

riconoscibile  e  la  collocazione  di  messaggi  di  natura  diversa  deve  essere  distinta.  

3. necessità  per  i  diversi  operatori  della  comunicazione  di  agire  con  correttezza  gli  uni  verso  gli  altri,  non  solo  nei  

rapporti  reciproci  ma  anche  nei  confronti  dei  rispettivi  committenti,  ponendo  anche  «la  massi-­‐ma  attenzione  alla  

veridicità  delle  informazioni  trasmesse».  Per  la  professione  giornalistica  questo  si  traduce  nella  verifica  preventiva  

di  attendibilità  e  di  correttezza  di  quanto  viene  diffuso  e  nella  adeguata  correzione  di  informazioni  che  dopo  la  

loro  diffusione  si  rivelino  non  esatte.  

  c)   Informazione  e  minori    

 

Il  secondo   settore  nell'ambito  del  quale  istanze  etico-­‐deontologiche  avvertite  a  livello  sociale  e  professionale  si  

traducono  nell'approvazione  di  un  codice  che  precede  l'entrata  in  vigore  della  Carta  dei  doveri  del  giornalista  è  quello  

legato  ai  minori,   il  cui  rapporto  con  i  media  è  complesso  e  segnato  da  alcune  "invettive"  che  hanno  messo  in  luce  i  

rischi  che  per  un  bambino  possono  derivare  dall'esposizione  ai  contenuti  di  cui  i  media  sono  spesso  veicolo.    

È  nel  contesto  sociale  e  culturale  in  cui  la  televisione  viene  definita  «cattiva  maestra»,  «ladra  di  tempo»,  «serva  

infedele»  —>  nascono  le  regole  deontologiche  che,  a  partire  dagli  anni  Novanta,  si  propongono  di  regolare  il  rapporto  

tra  i  minori  e  i  mass  media.  

A  suggerire  l'opportunità  di  intervenire  nel  settore  fu  anche  la  Comunità  europea  che,  attraverso  la  direttiva  n.  552  del  

1989  propose  un  primo  sostanziale  corpus  di  norme,  cui  i  vari  stati  membri  finirono  in  breve  per  adeguarsi.  Nel  campo  

dell’informazione  si  assiste  in  questo  periodo  all'affermarsi  di  una  più  significativa  attenzione  nei  confronti  

dell'infanzia:  il  minore  comincia  a  essere  considerato  come  titolare  di  diritti  soggettivi  e  di  bisogni  reali  e  non  più  

soltanto  come  "oggetto"  da  commercializzare  o  spettacolarizzare.  

A  essere  ribaltata  è  anche  la  concezione  tradizionale  su  cui  fino  a  quel  momento  si  era  retto  tutto  il  sistema  

dell'informazione:  l'inviolabilità  e  la  sacralità  del  diritto  di  cronaca,  nei  confronti  del  quale  qualsiasi  altro  diritto  veniva  

meno.  A  partire  dalla  fine  degli  anni  Ottanta  ad  affermarsi  è  l'idea  opposta:  è  il  diritto  di  cronaca  a  essere  sacrificato  al  

  63  

diritto  dell’infanzia.  Esso  va  esercitato,  seppur  limitato  esclusivamente  a  un  fatto  che  sia  di  interesse  pubblico,  ma  

deve  trasformarsi  anche  nel  dovere  di  tutela  rafforzata  nei  confronti  del  minore  definito  "soggetto  debole"  perché  

incapace  di  difendersi.    

—>  questo  nuovo  modo  di  vedere  e  considerare  i  minori,  sul  piano  giuridico  e  etico,  si  traduce  nell'adozione  nel  1990  

(5  ottobre),  della  Carta  di  Treviso  per  una  cultura  dell'infanzia,  divenuta  negli  anni  simbolo  dell'impegno  della  

categoria  professionale  dei  giornalisti  per  un’informazione  rispettosa  della  particolare  natura,  età  e  sensibilità  dei  

bambini.  La  Carta  di  Treviso  è  stata  soggetta  a  due  diversi  aggiornamenti:  il  primo,  datato  1995  che  coincide  con  

l'approvazione  del  Vademecum,  la  seconda,  più  recente,  che  risale  d  2006  e  segue  alcune  osservazioni  sollevate  del  

garante  per  la  protezione  dei  dati  personali.    

Dopo  aver  ribadito  i  principi  fondamentali  cui  essa  si  ispira,  la  Carta  di  Treviso  presenta  un  decalogo  di  regole  che  

giornalisti  devono  rispettare  l'esercizio  della  professione.  Primo  gruppo  di  norme  a  che  fare  con  il  problema  

dell'identificabilità  del  minore:  è  un  problema  che  riguarda  qualsiasi  cittadino  privato  che  diventa  oggetto  o  soggetto  

di  notizia.  Ai  giornalisti  si  ritiene  di  garantire  l'anonimato  del  minore  coinvolto  in  fatti  di  cronaca  anche  nonna  

rilevante  ti  penalmente  lesive  della  sua  personalità  come  autore,  vittima  o  teste.  Questa  garanzia  viene  meno  quando  

la  pubblicazione  si  attesa  a  dare  positivo  risalto  a  qualità  del  minore  o  al  contesto  familiare  sociale  in  cui  si  sta  

formando.  Allo  stesso  modo  ma  evitata  la  pubblicazione  di  tutti  gli  elementi  che  possono  portare  la  sua  

identificazione,  come  le  generalità  dei  genitori,  indirizzo,  alla  scuola  eccetera.  Lo  stesso  vale  per  episodi  di  pedofilia,  

abusi  e  reati.  Per  quanto  riguarda  i  casi  di  affidamento  o  adozione  occorre  tutelare  l'anonimato  del  minore  per  non  

incidere  sullo  sviluppo  armonico  della  sua  personalità,  evitando  qualsiasi  forma  di  speculazione.  L'eccezione  alla  regola  

avviene  quando  la  pubblicazione  di  dati  personali  e  la  divulgazione  di  immagine  è  fatta  nell'interesse  del  minore:  essa  

è  ammissibile  purché  siano  stati  tenuti  in  considerazione  il  parere  dei  genitori  e  delle  autorità  competenti.  Altro  tema  

complesso  e  quello  che  riguarda  la  rappresentazione  del  minore  che  si  realizza  attraverso  la  sua  partecipazione  a  

trasmissioni  televisive  o  radiofoniche.  In  queste  situazioni  il  giornalista  deve  evitare  tutto  ciò  che  possa  ledere  la  

dignità  o  turbare  l'equilibrio  psicofisico  del  bambino,  a  prescindere  dal  consenso  dei  genitori.  A  questo  tema  si  lega  

quello  della  rappresentazione  di  comportamenti  lesivi  autolesivi  posti  in  essere  dal  minore  come  suicidi,  fughe  da  

casa.  Rispetta  questi  comportamenti  resta  fermo  il  diritto  di  cronaca  del  giornalista.  Gli  si  chiede  di  non  enfatizzare  i  

particolari  che  possono  provocare  effetti  di  suggestione.  La  carta  si  sofferma  poi  sul  problema  della  

strumentalizzazione  del  minore  che  è  conseguenza  dell'esasperazione  del  sensazionalismo  o  del  pietismo  dei  loro  

confronti.  Il  giornalista  deve  porre  attenzione  e  sensibilità  nella  diffusione  delle  immagini  e  delle  vicende  per  evitare  

che  si  arrivi  a  un  sensazionalismo  che  finisce  per  divenire  sfruttamento  della  persona.  Per  gli  stessi  motivi  viene  posta  

attenzione  nei  confronti  di  strumentalizzazione  che  possono  derivare  da  parte  di  adulti  interessati  a  sfruttare  nel  loro  

interesse  l'immagine  o  la  personalità  del  minore.  Infine  una  annotazione  importante  riguarda  la  natura  del  medio  che  

funge  da  veicolo  per  la  diffusione  dell'informazione.  La  carta  rimarca  l'applicabilità  delle  norme  in  esso  contenute  

anche  al  giornalismo  on-­‐line,  multimediale,  e  altre  forme  di  comunicazione  che  utilizzano  strumenti  tecnologici.  Al  

sistema  dell'informazione  si  chiede  di  aprire  con  il  lettore  un  dialogo  capace  di  andare  al  di  là  della  semplice  

informazione.  Essa  deve  essere  il  più  possibile  approfondita  con  un  controllo  incrociato  delle  fonti,  con  l'apporto  di  

esperti  nel  modo  da  assicurare  un  approccio  al  problema  dell'infanzia  che  non  si  limiti  all'eccezionalità  dei  casi  che  

fanno  clamore  ma  che  approfondisca  con  dibattiti  o  inchieste  la  condizione  del  minore  e  le  sue  difficoltà  nella  

quotidianità.  La  seconda  parte  della  carta  si  concentra  sull'individuazione  degli  strumenti  di  cui  l'ordine  dei  giornalisti  

e  la  FNSI  possono  avvalersi  per  l'attuazione  dei  principi.    

Strumenti  che  i  due  soggetti  rappresentativi  della  categoria  professionale  dei  giornalisti  si  impegnano  ad  attuare:  

Individuare  strumenti  e  occasioni  che  consentono  una  migliore  cultura  professionale.    

Evidenziare  dei  test  di  preparazione  all'esame  professionale  i  temi  delle  informazioni  sui  minori  e  morti  di  

rappresentazione  dell'infanzia.    

Invitare  consigli  regionali  e  le  associazioni  regionali  di  stampa  a  promuovere  seminari  di  studio  sulla  rappresentazione  

dei  soggetti  deboli.    

Attivare  un  filo  diretto  con  le  varie  professionalità  impegnate  per  una  tutela  e  lo  sviluppo  del  bambino.    

Coinvolgere  i  soggetti  istituzionali  chiamati  alla  tutela  dei  minori.    

Consolidare  il  rapporto  di  collaborazione  con  gli  organismi  preposti  all'osservanza  delle  leggi  e  delle  normative  in  

materia  radiotelevisiva  e  multimediale.    

Auspicare  da  parte  di  tutte  le  associazioni  dei  comunicatori  un  impegno  comune  tutelare  l'interesse  dell'infanzia  nel  

nostro  paese.    

Proseguire  la  collaborazione  con  la  Fieg  per  un  impegno  comune  a  difesa  dei  diritti  dei  minori.    

Richiamare  i  responsabili  delle  reti  radiotelevisive,  i  provider,  gli  operatori  delle  forme  multimediali  all'attenzione  ai  

diritti  del  minore  anche  nelle  trasmissioni  di  intrattenimento,  pubblicitarie,  e  nei  contenuti  dei  siti  Internet.  

 

Le  norme  che  regolano  il  rapporto  tra  diritto  d'informazione  e  tutela  dei  minori  si  completano  con  quanto  previsto  dal  

codice  di  autoregolamentazione  tv  e  minori,  adottata  dal  ministero  delle  comunicazioni  il  29  novembre  2002.  Esso  

  64  

dedica  spazio  anche  al  tema  della  rapporto  con  l'informazione.  In  primo  luogo  per  quanto  riguarda  la  partecipazione  

dei  minori  alle  trasmissioni  televisive,  di  intrattenimento  o  di  informazione.  In  entrambi  i  casi  deve  essere  garantito  il  

massimo  rispetto  della  persona  senza  strumentalizzare  l'età  o  l'ingenuità,  senza  affrontare  argomenti  scabrosi,  senza  

arrivate  le  domande  allusive  alla  loro  intimità  e  quella  della  famiglia.  Questo  si  traduce  nell'impegno  a  non  trasmettere  

immagini  di  minori  autori,  testimoni  o  vittime  di  reati  e  garantirne  l'assoluto  anonimato,  a  non  utilizzare  minori  con  

gravi  patologie  o  disabili  per  scopi  prova  propagandistici.  In  ogni  caso  bisogna  garantirne  l'assoluto  anonimato.  Altro  

problema  riguarda  il  contenuto  dei  programmi  informativi  in  quella  fascia  oraria  che  viene  definita  come  "la  tv  per  

tutti".  In  questo  lasso  di  tempo  si  presume  che  il  minore  possa  essere  davanti  alla  tv:  le  imprese  televisive  si  

impegnano  affinché  nei  programmi  di  informazione  si  eviti  la  trasmissione  di  immagini  di  violenza  che  non  siano  

necessarie  alla  comprensione  delle  notizie.  Ciò  significa  che  non  possono  essere  mandati  in  onda  in  queste  fasce  

orarie  sequenze  particolarmente  crude  o  brutali  o  scene  che  possono  creare  turbamento  nel  minore,  oppure  notizie  

che  possono  nuocere  alla  integrità  psichica  o  morale  dei  minori.  

Nel  caso  in  cui  per  casi  di  straordinario  valore  sociale  la  trasmissione  di  notizie,  immagini  e  parole  forti  e  

impressionanti  si  renda  necessaria,  il  giornalista  televisivo  avviserà  gli  spettatori  che  le  notizie,  immagini  e  parole  che  

vengono  trasmesse  non  sono  adatti  ai  minori.  In  riferimento  ai  programmi  in  diretta,  le  imprese  televisive  si  

impegnano  ad  attivare  specifici  corsi  di  formazione  per  sensibilizzare  i  giornalisti  e  i  tecnici  delle  informazione  

televisiva  alla  problematica  tv  e  minori.  

Con  riferimento  alla  televisione  per  minori  le  imprese  televisive  si  impegnano  a  confezionare  programmi  di  

informazione  pensati  specificamente  per  i  minori:  esse  devono  ricreare  le  soluzioni  per  favorire  la  produzione  di  

programmi  di  informazione  destinate  ai  minori,  curati  dalle  testate  giornalistiche  in  collaborazione  con  esperti  di  

tematiche  infantile  e  con  gli  stessi  minori.  Le  imprese  televisive  si  intendono  comunicare  abitualmente  alla  stampa  

quotidiana,  periodica  e  specializzata,  e  alle  pubblicazioni  dedicate  ai  minori,  la  trasmissione  di  tali  programmi  e  a  

rispettare  gli  orari.  All'applicazione  del  codice  prevede  un  apposito  comitato.  In  caso  di  violazione  delle  norme  previste  

dal  codice,  il  comitato  adotta  una  risoluzione  motivata  con  cui  può  ingiungere  all'emittente  di  modificare  o  

sospendere  il  programma,  oppure  di  adeguare  il  proprio  comportamento  alle  norme  previste  dal  codice.  

 

d.  Informazione  e  sondaggi    

 

Sottoscritta  nel  1995  dal  Consiglio  nazionale  dell'Odg  e  da  Assirm  (associazione  che  riunisce  i  principali  istituti  italiani  

che  svolgono  ricerche  di  mercato,  sondaggi  d'opinione  e  ricerca  sociale),  la  Carta  Informazione  e  sondaggi  nasce  in  un  

particolare  momento  storico  (la  crisi  del  sistema  partitico  italiano  a  seguito  della  vicenda  Tangentopoli  e  il  

conseguente  passaggio  dal  sistema  elettorale  proporzionale  a  maggioritario),  nei  confronti  del  quale  fissa  taluni  

principi  etico-­‐deontologici  cui  i  giornalisti  possano  ispirarsi  nel  momento  cruciale  in  cui  essi  "maneggiano"  

l'informazione  politica  —>  essa  rappresenta  il  punto  di  partenza  per  un’attenta  riflessione  sui  rapporti  tra  

informazione  e  politica,  che  sfocerà  nella  legge  sulla  "par  condicio".  In  assenza  di  una  legge  organica  di  sistema,  la  

Carta  Informazione  e  sondaggi  rappresenta  la  risposta  dell'Odg  a  un  problema  che  le  vicende  politiche  e  giudiziarie  

avevano  contribuito  a  rendere  attuale.  Il  problema  di  una  regolamentazione  al  fine  di  ottenere  che  i  sondaggi  non  si  

trasformassero  da  strumenti  di  rilevazione  dell'orientamento  dell'opinione  pubblica  in  strumenti  di  manipolazione  

tendenti  a  influenzare  l'opinione  pubblica  esiste  e  si  pose  con  urgenza  quando  la  scomparsa  di  una  parte  dei  partiti  

tradizionali  e  l'emergere  di  nuove  forze  politiche  fecero  diventare  il  sondaggio  elettorale  strumento  di  consumo  

quotidiano  per  convincere  l'opinione  pubblica  della  forza  crescente  di  ciascuno  di  loro,  e  condizionarla.    

L'Odg  è  costretto  a  intervenire  per  marcare  la  distanza  che  deve  esserci  tra  l'informazione  e  qualsiasi  altra  forma  di  

persuasione  —>  Intenzione  che  emerge  chiaramente  dalle  parole  con  cui  il  presidente  del  Consiglio  nazionale  

accompagnò  la  presentazione  della  carta:  di  fronte  al  boom  dei  sondaggi  non  va  sottaciuta  una  deformazione  dell'uso  

e  della  finalità    di  gran  parte  di  essi  e  una  sempre  maggiore  divulgazione  degli  stessi,  fino  a  stravolgere  il  significato  e  a  

minarne  i  contenuti  scientifici  a  vantaggio  di  istanze  improprie  e  criticabili  dal  punto  di  vista  etico  e  del  rispetto  per  

l'opinione  pubblica.  Si  è  passati  in  un  attimo  dal  sondaggio  come  strumento  di  conoscenza  al  sondaggio  inteso  come  

scoop,  e  al  sondaggio  utilizzato  come  strumento  di  sostengo  di  posizioni  politiche,  come  strumento  per  guadagnare  

consensi  e  demolire  avversari,  con  il  risultato  di  disorientare  e  disamorare  l'opinione  pubblica  e  gli  stessi  addetti  ai  

lavori.  La  Carta  Informazione  e  sondaggi  si  apre  con  un'enunciazione  di  principio:il  diritto  del  cittadino  a  una  corretta  

informazione  si  estende  alla  divulgazione  di  dati  e  informazioni  derivanti  da  sondaggi  di  opinione,  ricerche  di  mercato  

e  a  tutte  le  informazioni  ottenute  con  la  tecnica  del  campione  statistico.  In  capo  al  giornalista  o  a  chi  esegue  il  

sondaggio,  una  precisa  responsabilità  nei  confronti  del  lettore:  è  dovere  di  entrambe  le  parti  fornire  

all'utente/ascoltatore  tutte  le  informazioni  necessarie  e  indispensabili  per  valutare  l'attendibilità  dei  dati,  la  loro  

completezza,  rilevanza  e  significatività  —>  tale  dovere  si  concretizza  nell'obbligo  di  accompagnare  la  pubblicazione  dei  

risultati  del  sondaggio  con  una  serie  di  informazioni  (il  soggetto  che  ha  realizzato  il  sondaggio  e,  se  realizzato  con  altri,  

le  collaborazioni  di  cui  si  è  avvalso;  i  criteri  seguiti;  il  metodo  di  raccolta  delle  informazioni  e  di  elaborazione  dei  

dati…..)  utili  al  cittadino-­‐lettore  per  leggere  il  sondaggio.  Tali  informazioni  sono  le  stesse  che,  pochi  anni  più  tardi,  la  

  65  

legge  sulla  par  condicio  indicherà  come   essenziali  per  la  possibile  pubblicazione  di  un  sondaggio.  Per  contro,  

l'omissione  di  tali  informazioni  pone  gravi  problemi  per  l'etica  professionale  e  per  la  libertà  di  informazione  

democratica:  l'uso  del  termine  "sondaggio"  può  indurre  il  lettore  meno  attento  a  riconoscere  una  particolare  

autorevolezza  e  dunque  ad  attribuire  alle  informazioni  diffuse  una  credibilità  totalmente  diversa.  Altre  problematiche  

di  carattere  etico-­‐deontologico  emergono  poi  in  relazione  alla  tipologia  di  argomenti  oggetto  del  sondaggio.  Esistono  

infatti  problematiche  e  argomenti  complessi  o  delicati  che  per  loro  natura  non  possono  essere  adeguatamente  sondati  

con  qualsiasi  tecnica,  ma  solo  con  il  ricorso  a  tecniche  complesse,  sia  in  termini  di  tempi  che  di  investimenti,  che  di  

competenze  specifiche  da  parte  del  ricercatore.  In  questi  casi,  sarà  necessario  che  il  ricercatore  esprima  un  giudizio  

obiettivo  sulla  adeguatezza  della  tecnica  da  impiegare  e  si  astenga  dal  procedere  a  sondaggi  che  non  diano  sufficienti  

garanzie  dal  punto  di  vista  metodologico.  

 

e)  Informazione  e  salute    

 

È  un'impresa  a  rischio  (scrive  Paolo  Scandaletti)  descrivendo  il  contesto  in  cui  nascono  e  si  consolidano  le  deontologie  

che  hanno  per  tema  il  rapporto  tra  l'informazione  e  la  malattia—>informazione  medico-­‐scientifica:  il  pericolo  per  la  

salute  è  la  prima  preoccupazione  delle  persone  e  richiede  al  giornalista  competenze  multiple,  con  l'impegno  

all’aggiornamento,  e  capacità  linguistiche  non  comuni,  dovendo  tradurre  nozioni  spesso  ardue  per  la  normale  

comprensibilità.  Le  preoccupazioni  sono  le  stesse  che,  dieci  anni  prima,  avevano  spinto  l'Odg  a  sottoscrivere  un  

documento  -­‐  la  Carta  di  Perugia  -­‐  che  è  espressione  della  congiunta  preoccupazione  di  medici,  psicologi  e  giornalisti  

circa  i  rischi  che  possono  derivare  al  cittadino  da  un'informazione  non  corretta  su  temi  cruciali  come  quelli  legati  alla  

salute:  un  diritto  che  la  Costituzione  pone  sullo  stesso  piano  rispetto  ad  altri  diritti  fondamentali  come,  per  esempio,  

quello  alla  libera  manifestazione  del  pensiero.    

Dal  punto  di  vista  strutturale,  essa  si  apre  con  un'affermazione  di  principio  con  cui  medici,  psicologi  e  giornalisti  

individuano  negli  utenti  i  principali  beneficiari  di  un  documento  che  vuole  rappresentare  un  punto  di  riferimento  per  

migliorare  la  qualità  del  nostro  interagire.  Utenti  che  vantano  il  diritto  alla  tutela  della  propria  dignità  personale  e  a  

un'informazione  corretta  e  completa,  che  non  ingeneri  allarmismi  e  ogni  possibile  distorsione  della  verità  né  che  

induca  a  interpretazioni  speculative  o  deformanti  dei  fatti.  Per  la  piena  realizzazione  di  questi  diritti,  i  sottoscrittori  

della  carta  individuano:  

doveri  che  gravano  sul  medico  (sulle  “fonti”)  —>  emerge  il  dovere  di  fornire  al  giornalista  tutti  gli  elementi  necessari  

alla  compiutezza  dell'informazione,  nel  rispetto  delle  norme  che  regolano  sia  il  segreto  professionale  che  il  diritto  

alla  riservatezza  del  paziente.  A  esso  si  aggiunge  il  dovere  che  a  fornire  tali  informazioni  deve  essere  una  fonte  

responsabile,  ossia  una  fonte  autorizzata  a  fornire  le  informazioni  stesse.  A  questo  scopo  ogni  struttura  sanitaria  

deve  dotarsi  di  strumenti  idonei  allo  sviluppo  di  un  corretto  rapporto  tra  le  parti  che  interagiscono  (e  cioè  cittadini,  

pazienti,  sanitari  e  giornalisti)  e  di  un  ufficio  relazioni  con  il  pubblico.  Infine,  le  fonti  sono  tenute  alla  immediata  

rettifica  di  ogni  eventuale  informazione  non  corrispondete  a  criteri  di  correttezza  e  di  completezza.  

doveri  che  si  impongono  al  giornalista  —>  egli  è  tenuto  a  diffondere  informazioni  complete  e  verificate  (acquisite  da  

"fonti  attendibili  e  qualificate"),  contenenti  gli  elementi  necessari  a  non  creare  false  aspettative  nei  malati  e  negli  

utenti  e  distinte  in  maniera  evidente  da  ogni  possibile  forma  di  pubblicità  sanitaria.  Nei  casi  di  diffusione  di  notizie  

inesatte  oppure  non  complete,  il  giornalista  è  tenuto  a  una  rettifica  tempestiva  e  fatta  con  adeguato  rilievo.    

 

f)  Informazione  e  privacy    

 

Rispetto  agli  altri  codici  che  abbiamo  esaminato  il  Codice  deontologico  relativo  al  trattamento  dei  dati  personali  

nell'esercizio  dell'attività  giornalistica  si  distingue  in  quanto  la  sua  adozione  è  conseguenza  di  una  precisa  indicazione  

normativa  che  disciplina  il   diritto  alla  privacy.  Varato  dal  Consiglio  nazionale  dell'Odg  nel  1998,  il  Codice  rappresenta  il  

frutto  di  un  lungo  lavoro  di  mediazione  tra  il  Garante  per  la  privacy,  che  premeva  affinché  venisse  adottato  un  

documento  che  disciplinasse  il  diritto  alla  privacy  nel  contesto  dell'informazione,  e  l'Odg,  che  invece  avanzava  dubbi  e  

perplessità  sull'adozione  di  questo  documento.  Il  codice  cerca  di  conciliare  queste  diverse  esigenze:  esso  non  si  rivolge  

esclusivamente  ai  professionisti  dell'informazione  ma  a  tutti  coloro  che  trattano  dati  personali  per  la  diffusione,  anche  

occasionale,  di  manifestazioni  del  pensiero  nella  stampa  o  negli  altri  mezzi  di  comunicazione.    

Destinatari  del  codice:      

professionisti  dell’informazione  

coloro  che  svolgono  attività  giornalistica.    

In  questa  maniera  il  codice  disciplina  situazioni  in  cui  l'esercizio  del  diritto  di  cronaca  può  andare  a  intaccare  i  diritti  

della  personalità  che  la  legge  pone  sullo  stesso  livello  rispetto  al  diritto  all’informazione  —>  è  il  diritto  alla  privacy  a  

uscirne  rafforzato,  in  quanto  la  disciplina  che  ne  deriva  non  considera  più  la  privacy  stessa  come  pettegolezzo,  come  

foto  furtiva,  come  notizia  riservata:  il  diritto  alla  privacy  viene  associato  a  valori  quali  la  dignità,  l'identità,  l'intimità  

delle  persone.    

  66  


ACQUISTATO

10 volte

PAGINE

77

PESO

1.01 MB

AUTORE

step55

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Esame: Etica
Corso di laurea: Corso di laurea in Scienze e tecniche della comunicazione grafica e multimediale
SSD:

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher step55 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Etica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Istituto Universitario Salesiano Venezia - IUSVE o del prof Betti Raul.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Etica

Riassunto esame Etica, prof. Betti, libro consigliato Etica e Deontologia della Comunicazione d'Azienda di Brioschi
Appunto
Riassunto esame Etica, prof. Betti, libro consigliato Etica e Deontologia della Comunicazione d'Azienda di Brioschi
Appunto
Sociologia generale e dei processi culturali
Appunto
Appunti  Pubblicità
Appunto