Che materia stai cercando?

Estetica delle arti (prof. Goldoni)

Schema per esame di estetica (prof.Goldoni): cos'è l'arte (Kant, Gadamer, Aristotele, Platone); cos'è un medium (McLuhan, adorno, Benjamin, Debord); documenti( libro verde, manifesto della cultura, Convenzione di Faro); Florida e Landry. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Estetica delle arti docente Prof. D. Goldoni

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Chiede ai cittadini di partecipare attivamente nel riconoscimento dei valori dell'eredità culturale, invita gli

stati membri a promuovere un processo di valorizzazione partecipativo fondato sulla sinergia fra:

pubbliche istituzioni

– cittadini privati

– associazioni

– comunità di eredità

Art. 2:

eredità culturali = insieme di risorse ereditate dal passato che le popolazioni identificano come riflesso ed

espressione dei loro valori, credenze, conoscenze e tradizioni, in continua evoluzione (tutti gli aspetti

dell'ambiente che sono il risultato dell'interazione nel corso del tempo tra popolazioni e luoghi)

comunità di eredità = insieme di persone che attribuisce valore ad aspetti specifici dell'eredità culturale e

che desiderano nel quadro di un'azione pubblica, sostenerli e trasmetterli alle generazioni future.

Cos'è l'arte?

Platone & Aristotele

Platone: parla di arte nella Repubblica

l'arte è imitazione di qualcosa (oggetti, natura) che è di per sé imitazione delle idee → l'arte è “3

• gradi lontano dal vero” → rende l'anima prigioniera di questo mondo, anziché spingerla verso le idee

l'arte è negativa: corrompe l'anima → re e filosofi devono essere distaccati dalle emozioni → l'arte

• è tramite privilegiato delle passioni. L'arte può esistere solo se assoggettata alla filosofia per

meglio comprendere la verità. Limitata a sé l'arte è falsa.

l'arte non ha propria autonomia: assoggettata alla filosofia allo scopo di educare.

Nella dialettica realtà apparenza il compromesso non è possibile. Ogni apparenza è tradimento della verità:

- reali sono le idee

• - illusioni le cose di questo mondo

solo nelle Leggi indica positiva un'arte simbolica (egiziana) libera dalle illusioni e rivolta a verità eterne →

funzione di educazione.

Aristotele:

L'arte è imitazione → ha un proprio fondamento naturale: l'imitare è connaturato agli uomini. Tutti

traggono piacere dalle imitazioni. Termine Mimesis usato in ampio spettro semantico tra simulazione e

rappresentazione

nella simulazione è implicito l'inganno → accettato e apprezzato

• nella rappresentazione è implicita la connotazione della riproduzione, fabbricazione → manufatto

riprodotto senza pretendere di sostituirsi all'originale.

Alla base del fare arte c'è una tecnica → riconoscimento della piena autonomia dell'arte (opposto a

Platone)

Ogni forma d'arte è imitazione della natura (in senso positivo) le produzioni artistiche si distinguono dalla

natura perchè sono quelle cose che si trovano nell'animo dell'artista → la prod. Art. non si identifica solo

con la mera attività pratica. L'artista può rappresentare le cose in 3 modi:

1. come furono o sono

2. come si crede o si dice siano

3.come dovrebbero essere

L'arte non è mero gioco formale ma tende a configurarsi come mezzo per rappresentare l'essenza delle cose.

Ciò che l'arte rappresenta non è inganno ma realtà che può essere oggetto di sapere. Per A. l'arte esercita una

funzione purificatrice (catarsi), librando l'anima dalle passioni che essa rappresenta → ruolo educativo per

l'uomo. La mimesis di A. è attiva e autonoma

Arte come creatività

kant & Gadamer

Kant → critica del giudizio → affronta il tema del sentimento (cos'è il bello?)

2 tipologie di bello: naturale e artificiale

Genio = facoltà, dono naturale di certi uomini privilegiati, di dare regola all'arte. L'arte è bella quando

assomiglia alla natura → la finalità deve apparire spontanea nonostante sia artificiale. Finalità dell'animo

che produce la regola → e la offre come esemplare da seguire.

L'opera dell'artista (che possiede il genio) non è soltanto piacevole, ma bella e paragonabile alla bellezza

naturale perchè non sottostà a regole male crea. È il genio che da la regola della bellezza all'arte → non imita

nulla, vi può anche essere un non senso originale.

Gadamer: verità e metodo:

critica della coscienza estetica

• analisi ontologica dell'opera d'arte

Critica le tendenze dell'estetica moderna e contemporanea: idea che l'opera d'arte appartiene all'esperienza

del soggetto → non incide sulla conoscenza scientifica della realtà. In questa prospettiva l'arte è solo bella

apparenza = regno ideale di cui il museo rappresenta la forma pubblica d'espressione.

Per Gadamer si accompagna alla retorica dell'artista sradicato dal mondo, del genio, dell'eccezione secondo

la visione romantica.

→ L'arte va invece pensata nella sua relazione con la realtà, come una forma di esperienza, di

conoscenza, un modo di auto-comprensione (riprende Hegel)

Arte = esperienza di verità

Usa la nozione di Gioco (spiele): noi partecipiamo alla logica del logico. Anche l'esperienza artistica si ha un

coinvolgimento.

L'arte inoltre:

tende ad auto-rappresentarsi

– è rivolta ad uno spettatore

– è una trasmutazione in forma

– M. McLuhan

Sociologo canadese. Scuola di Toronto (maggior esp. Assieme a W. J. Ong) → determinismo tecnologico =

mente e cultura influenzate dalla tecnologia di cui la società dispone.

La galassia Gutenberg

Attraverso l'uso di brani di altri autori analizza le civiltà susseguite nella storia dell'uomo fino ad oggi. Esse

sono segnate da tecnologie che le hanno caratterizzate.

Identificate in 3 fasi:

1. predominio dell'oralità

2. predominio della stampa

3. predominio dell'elettricità

Predominio = mezzi di com. che hanno caratterizzato secoli interi di civiltà

Per millenni ha prevalso l'oralità → voce. Nella cultura orale → parola = forza viva, risonante, attiva e

naturale. Crea un processo di tribalizzazione: la sopravvivenza dei componenti di una società dipende dalla

trasmissione del proprio sapere.

L'alfabeto ha aperto la strada alla comunicazione (parole = significato mentale, legato al passato). L'alfabeto

ha reso possibile la com. tra gruppi soc diversi, schematizzando il sapere. La stampa (XV secolo), ne ha

moltiplicato l'effetto. La stampa con la ripetibilità tecnica dell'alfabeto e la diffusione massiccia del sapere ha

estratto le persone fa forme culturali caratterizzate da forme di vita unitari basate sull'interazione faccia a

faccia. La stampa è la tecnologia dell'individualismo, del nazionalismo (barriere linguistiche), della

quantificazione, della meccanizzazione, dell'omogeizzazione. Gutenberg, con la sua invenzione tecnologica

ha aperto la strada all'era moderna.

McLuhan sottolinea per la prima volta l'importanza dei media nella storia umana; in particolare egli discute

dell'influenza della stampa a caratteri mobili sulla storia della cultura occidentale, che vede la nascita

dell'uomo tipografico =condizionato mentalmente e socialmente dall'utilizzo della stampa

Passaggio da un mezzo a quello successivo fa si che i 5 sensi abbiano di volta in volta un primato diverso

(prima l'udito, poi la vista).

Con l'era elettrica (dal telegrafo alla televisione) prevale di nuovo l'udito (si parla di ri-tribalizzazione) →

nuova società di tipo comunitario dalle dimensioni allagate (villaggio globale) → uomo elettrico = colui che

vive in un'epoca nella quale la nuova tecnologia elettrica è tendenzialmente organica, anziché meccanica:

estende anziché gli occhi, il nostro sistema nervoso centrale a tutto il pianeta

Alla base del pensiero di McLuhan (e della cosiddetta “Scuola di Toronto”, di cui egli, insieme a W. J. Ong, è

il maggiore rappresentante) troviamo un accentuato determinismo tecnologico, cioè l'idea che in una società

la struttura mentale delle persone e la cultura siano influenzate dal tipo di tecnologia di cui tale società

dispone.

Gli strumenti del Comunicare (1964)

Saggio maggiormente conosciuto di McLuhan. Inaugura uno studio innovativo nel campo della “ecologia dei

media”. Forte uso di metafore.

Afferma che è importante studiare i media non tanto in base ai contenuti che essi veicolano, ma in base ai

criteri strutturali con cui organizzano la comunicazione. → pensiero notoriamente sintetizzato con la frase

"il medium è il messaggio" = sta ad indicare che il vero messaggio che ogni medium trasmette è costituito

dalla natura del medium stesso. È la particolare struttura comunicativa di ogni medium che lo rende non

neutrale: suscita negli utenti-spettatori determinati comportamenti e modi di pensare, e porta alla formazione

di una cera forma-mentis. McLuhan afferma che il contenuto della trasmissione ha in realtà un effetto

minimo sulla società, e che quindi se, ad esempio, la televisione trasmettesse programmi per bambini o

spettacoli violenti, l'influenza di questo medium sarebbe la stessa. McLuhan osserva che ogni medium ha

caratteristiche che coinvolgono gli spettatori in modi diversi; ad esempio, un passo di un libro può essere

riletto a piacimento, mentre (prima dell'avvento delle videocassette o dei DVD) un film deve essere

ritrasmesso interamente per poterne studiare una parte. A volte si incorre al detto il medium è il Massaggio

→ richiama il concetto di intorpidimento = il predominio di un mezzo massaggia la psiche

(inconsapevolezza dell'utilizzo di quel mezzo). Nel senso di rassicurazione (tv = mezzo di conferma, mezzo

che massaggia, consola, rassicura)

Classificazione dei media in:

CALDI: (radio, foto) alta definizione, orientati verso un solo senso, non richiedono partecipazione

• attiva delle persone

FREDDI: ( gesto, parola, tv) a bassa definizione → bisogno di completamento delle info trasmesse,

• più coinvolgimento da parte dei fruitori, fornisce una quantità limitata di info.

Ogni mezzo è il perfezionamento del mezzo precedente. Siamo continuamente esposti alle tecnologie nella

vita quotidiana → considerate delle estensioni dei nostri corpi (medium come protesi) → narcosi di Narciso

- come qualcosa di esterno e e indipendente da noi → si realizza tra uomo e tecnologia un rapporto di

servomeccanismo (effetti di intorpidimento)

L'artista = unico uomo a non essere intorpidito dalla tecnologia → è consapevole dell'adattamento dei diversi

fattori della vitta individuale e sociale alle nuove estensioni

Villaggio globale = metafora adottata da McLuhan per indicare come, con l'evoluzione dei mezzi di

comunicazione, tramite l'avvento del satellite che ha permesso comunicazioni in tempo reale a grande

distanza, il mondo sia diventato “piccolo” e abbia assunto di conseguenza i comportamenti tipici di un

villaggio. Le distanze siderali che in passato separavano le varie parti del mondo si sono ridotte e il mondo


PAGINE

10

PESO

135.20 KB

AUTORE

salola

PUBBLICATO

7 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in economia e gestione delle arti e delle attività culturali (Facoltà di Economia, di Lettere e Filosofia)
SSD:
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher salola di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Estetica delle arti e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Ca' Foscari Venezia - Unive o del prof Goldoni Daniele.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!