Che materia stai cercando?

Economia pubblica

L'appunto intende fornire una trattazione completa dei principali temi dell’Economia Pubblica, con particolare attenzione agli aspetti relativi alla tassazione, al finanziamento della spesa pubblica in disavanzo e alla sostenibilità del debito, avendo come riferimento il quadro istituzionale italiano e, laddove necessario, quello europeo.

Sono presentati e discussi in modo informale... Vedi di più

Esame di Economia pubblica e storia economica docente Prof. M. Serati

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

LÌ L\\N\O\N\@= €Q®\"®W ©U4\ e HCìN=#m &ìPA

CQ" \\ nnc\" ò\ ROmQ. „Nh C\C,, ft"

ll q"etb wpP9, \`\uc\ nei

\ l l'OBi\=\+"ì d\ or\Lc\i\» uy\ e\ìROtTA UN mA

ù\-ù>mMh d&\ hmp com

g ®e"\uovu dM ht*

^q60 .-eO aìRot® ±D oVUc\ CÀO\U\C\ù\&

H ®RCm UN\CO

t Comp\eh®"h® à&\ clQ A,,".,

" \ covti^.\ &ii' Ùt- cwc\ft.

_ -_ \

®i-i\ c\-^-c.'dQ\ù "ci (ì9 "two#Ui`

El

© L.-di c\rc. d£UA p%vt& `¥ CCNìTRQLL\

©L d` C`tC d&, COriì.l

©UL\ù-ò\ \^\uohv& \"r&ndh"\où

Osse&UAu Q N_\ T® P+^C\sWmovu q±ù q"S \w uw

®\\ m"+"\c® €,l À\

soM \l p#\o €cou\OmiQ®

_ \ e

r:^\\o_::u\:`:\=ti l\bahò € qUnllO ò\ w_Cm_COi#C.\o\\± ,"c`

__ ^^,ta[ "r-l

©;ri" èN".C,+ ò,, \"tim::`#n"#"`\OAt`

àu3 ffi eAEsA ue

_ 40 \ \*V\` \ ,m^m\„n\nv\\ riVA\JE

è k"pe"o`y" ,e`,òm ,+ec\ e ,""®V®""

N® \\ mW :n\co è coN®\t®N€ Neces%AR\A p \` "" ecQNom e uoN¢enARA

= \^8n" ò\ p cm * Ù+\`_*^:*h\\un"\ti%h*A o`\\v",o"o

•i.,`,

EEHHmHHUHfl » E

U\ N®V& Q\"„"„\£nUo\ #* ~k`Lò^-ùwyu d&\i® plhC&

Ù P\o\h®\ eLowoM \co`

°&t\\\\h"M\E\=o"hxhi" € s\cw"\" ò&\ h\h\O =

o \o\h c® tic\

Q ò" %\ cl"C\"

T_,_=m`^::\::::`"" "" , ,"\nùòflh ìN,B ,\`"Q

b\"\=p#®*=# `-= ì

"

"AnO NAA Sm_\ CH_T \R®®\m&ù*m "®® W®ncb \ Cù"

nosc"ò \ì"&"\®,"

oh& w\ \®

Shb\ \scQ

P ftù" ehncvQ c" hC,""O ,` --9.OtmoL

® `N Ùv\\cc\ mQh . cJWnCJN

. Ù^`Uy\\CC\ t3C

•. Ù-m qt`lh`c\ mowù\Q` . AnWf^

cevh^C\ \ \iù

€R \T€t9``` l /14

c\ & "n` \w MQQlo` @* enho\

m BN®sc\mRrie < sstlA

nc\%\o"c, \e

l ri\ o\"ovS -lò\ \"€, ò" =-_::= :l------=--: ----::--: ==-: =` ---` = --=

Meò\o cb\ hs&

à`-ù 8\ C"U"Qe #I®

v"®à \l-`\Li òL,_-ò\ ,M\o"ovQ , \" qu&h mCtb

-® nnù"o , "m p,\ 8,m,\, P"ùQ

E VAU= ì\NC#

fiR

F-A

-ho\ SS\ moyùOmi o C tST`_<

\ùQ"S* mK* •3 t®S uah^o® \n \"®uoy"

\ec\,o, c±, h-

\ \\,-`-- _

à`_*-à "u^8e ,\2±

Le#mQ +^®® e@.,

% L%``"+ :\`:i= Ts Ù" T..h:^\nri. b_Qm"n\,h*ù®=**

-m£\omom b # oNCquàdO òft\ COY\S = Toomh vQh g2mpm mQnc`

LDri=&°omw % *"ù"*^ \\T\:#oC*nmUQm&e-®Q tN #hh

ù#°% U= \\"nV#mnbo\\` \\\:"%:o-&` ::`VÀrim c evL m" hff

o(hÌ h \cy\c\ * ò\ co\"b`o hbli `^Ll\

S^ ùWY® CN¥

NaTO >¢ o se yW*NQ eN\mARE

àoN eT\ì±A uo N€

"t3t*\ CO

É 6mD c= ®'l -

ftwA" C,N l

® SÌÉffi= eoo"" "oh L u"scxh\ , ù=:=`

l_

® -hùuno COm®ò""ìm = eWM\\nUr`:\::` :-ù

®® -N&°="`*^""±*"°®+n#*+*\stW"* S\ Ch& U``

\°L",_@ o±cm\=v*``*\o:`= `ftò \\ov" `&VO SLLULL Ù"i"+=

y\om s+ pÀ^| òV`L^ -`_ _

pJ\,hLL x "uUn"\=yuT--:o°*\Q E E@MNm x eCOW" n&ù

S*NmWC\ VAUtA

= }\l\^^^^\,\"_`

®&"=#Q"©*T"u`**-,

`±r";^#n#"©±*=Wu"*"##vQQdyyUvyh\®\# \` Cù le SF"

®"\

ÙSC\R " AL emt*ne q

x MAAsTR\cHT `ì \Nt=£TFA\HcAìEàTTo = lNV . PR0n"N I

•,\..ì,` \\...\`` \ì.,`\ ®\l\ #\®ùl\o u\`L:# o\,,e" \, poc" € V¥o,c":._e.\T

e SucL®NO _ '

S l` Q\\\ wuQwNunh. ;Nti`T:i=u-t±"± ( no§ v"m ,, ti-\

SU

StXìNTA`A N q±

"\uc\ od ui\c\ conVQ^8ev\\c\

B>®mCW \n Ut-NO] ~® R`F" q®lhcù Pch S`±=± ^ow voùuc\no i\\mh"

^Nt\ +

Tm ie\i e`C`q \nA h M"# i coh u pm,lulo w v" so^o ewhhlo

des®=® N,A'S.C\TA FEì€LL' t\±-

•-.-... -`---...--..--.`: .-`

wANmA#\ €

SVANTAS\ `` @ì& mOùL"OVu òMT

ì l

ò i -p\hcL"tiom\C"ò":ù* ® =L:oU=::==::n\-ii

©®= #ì E ` ò:"::io` \-i;:: eT+ *S.:o:.®"q"\. c"oQm.*.Vì

®®®®%cSùmò\mbi:ntic:`mW±`,`::` ``l\ù òt\\ oùn A e S ò\ ""

VANTr;ffi l

-8à,`:=:"\hD ù`o ti ò\ sQLLL-ù -"o-"ù-ù\ ,mo ®h pbb",`

+i\c\ \qQQ e 20ll

© UùLùt\ pù \ohe

6 ù\"à t N¥Q:ù_=_`ù\,L_ì"=ì\\:\n,="nt`:*:#t\ h®Q##-`}

ò:e®\m# d\=*#u \`vi%à:L:\,à*: io\\ ,, oft®-s¥ch"® ", ""n®yh

òN e\®\ \ com# ecSv\o m\c,\

\ ch\ òOn_0

UaA , \nò\c\ , "svL`

oC\no\ iuw, \\\u\u , \wu,._`

L:` #:o,ì=: : :i,:,¥_ "_\\J"?:ì: "pt , \®®*\\, :®mm"pmQOg "

HEmH Mmdm fflm REEm fiuBHmmm p mmmnE BimmHHH

\

~~ tS\SCSN\ UN\RS\ UU\O\ CDv\ò\ UbVQ

\qQL e^O` "st cQWLQ

\\ MùÙ",LO ckL

mmH`R] P

\=±`ì=Ai\A t®` \` Un\OV" WOvu+GM\C\+ ( C®W m\obu\ Nc`ùc®^ lsÙ .`.,5

-® Pwhì w`\\ \^À*\m\ C\m`\ UM € 8hh c®lph dù Mofte¢\c\ cNm ec"';\chLÈ

~-m\® \"Mob\\oJm " * q"&m\ c\\ hP W®o\Qyv\c\^"\®ìLL

\lùe é cblqb w wcù "tm\\nQ®

EE = CMg\ cb ùù\gùb VW\C® O\C"mùab òcN qoarm U€

\ hwàc\

*OCOLA\ " Cg\ S\ -- G^ecL&. ì &ò^t*L"0 , TùR" --pLLkò`

Ù" L.ù"ùe

ò\ ®àey" ti

+ *no `` eNT" ùR" QN±+ *o+£^+M":[U^€

:&``\ :N`ù`-ùù `Nò" o "#ù mC\L^O€ìCQ`\O"\L*

òÙB\ \`Ves"\ \ùQ^wc* "\ .oMnoh òE\ F*

® iAhcto s¥G*=

\

:'*iQ, `5 "S ò, cL\*\\

{"àu\\QmCì __ \\ hmom ò\ ù\o"m * S^ ChQ

.""e c\" tà\ \\ ù&st

S^-*G\"\® M\WUì Oh& po®u\® \\ u#"` `

® "=#:ftÈÈ\Ti^à::h ; L m\\ „\\i\ùri

BTS^o „ GQ`m+®V=Ùe*eJ\o w --~~--

+ s"\®

qL eìm \+A

`\ Bn® Gb`ù_cN\\c` \s

B e&,"PO V'5 ùù\ ¥* \\ i"ò.4"T4\¥

LR L* \® M`rù\Où \_\ L_`,

\Àn" Sù òLti e

*àso bmp 4`++ \c\ spc\ x

m L *wm\ S ¥%yhm h c\qolse*2oM "m`ò. `~

òM®ù \ p8\ eq--" ò, ©st.dù de

coù ®\oti d&

; se si ìcrBe

OS%gt`\hA IU ON \ Ef@ SC3SffiN\ehG .`

p" Ct\\ \\ÀjE ® vec\"c\ ch& q"d®

® AnchQ ce uw\ oi\+\\ySQ\^o òn\L'`^\OV& movù\Q` è^c\mQ ò\\i\ei\m v"

vn:"* ":\ qT\\W®ù\`-Q;::àiù:==--\ =nàl: ri`\-nàn i-"€®`

`Si+ocy` s\NN€TR\C\ e= SHC€# AS\m"exxR,\ci

ue é cQ\ph ck" outi yu\\o

l TmA

s\ m"eTR\Co

S s®CK cNenù> à:M"h `g±ù NU`90V\ùW € ctì^

mù mo,

p\-hc® m®h\O espm&Nc\`

Solo QLc" ¢Qym gov® colph ,. =\\Otk p\L\

ASMUtTR\Cl =

= SCmC*

£t,. À. x uM M e®y\cb w p\Thà" mn"^A cE\nhQ\\`\ti y\®n ®w®

t" \cL,loSO

o#\cQb\\ c\ "h ¥&

U. N`"o sto\s\. ùUQ ecE cié cùìwh ò\ " eA\L-o®T o"c\

\\UE-`o` ù aC\LNC\^u SOU® OLuW\ p&nn

® S\ t£ntQ`c\ Q\\m Ò\ swg"ÀÀOv" ctll '±L±L ® é t\L^ìmxh\ o sp\vq"

\\-es* \c\ o"``\ òcu pS

MT#\ ®L€

un R\\€®®,

\ \ \vùeQNù G\"i\c"e\ ® ò\®ccuph o pQ\^ 9tVu wum u\\Ù®

q\ù P®\ Q\ Fù n\CC\ C*ò"

oe®`\ *`;\\ù\ì® ` Ìa±ìQif®~-±%,*@___\ *` *_m°"`Ò` @

ésq;P=----f--:--- --- ,--_ -_ ---

n "cQb u^\co gQmhs& -\o \\bm® Cwc®\c\"m à"ù py"y" e ù\\` \n\uùuQ

impi"^òTh\ùR Q\\`\v*m^O ùu q\+Qm mmbu ,i

¢= AsS\\"M"`=R\\= =( e%*„% *À `p*\%&W®#%=„# `d#*m v `

tsèLmlu w & O\C" M sÙ`"h Ql\ àù K

®`\w^mLm\\ R S"K S\MMe"\c®`

-\\\t` A#-,l),=`,. ,\\\\`, \G&=`-T -,.f\, (``)"\:l\--\-_-. ,

®,\:-?,'+_iì:_\: `:.ì

r` ,-`

-D Scop à`L`\\ `=\+e\TQ`\ Q\\\C\{^LL` lù J\`\` \` ` òl bioCL®J`L9 g®\Ul lJ^,y+ C_l€\ ì`{\_l ;^Je

+ \l,VN:t\+ m (: cc\"`Lìs'm \\^VQ\\\Ck```-\ `=À\\C \

e*&®\#" -

+ ÌL t®LA NC\O -_ì, _ `- _ •.ì {;

G U`ù pcLLùCUi1ò c\\ q\^A}LO Tb\^nwo

c P\cccìb w hì"\\n i"\ùV\ \` \e i"`o`sQ §`±+ù`e \&gp _€ ^l. p\L eLmpo

im CLÀ\m*nh^o b\\c\wc\c\`

\\c\\Ì\ \ \n e\hnh\ e uscTh> ùxl Ne^® u-c

©®" \mP+À qOSOh su QuC"hh TOù>UL\ ` `+\LQ\Lh A \n p«®p `

NCOu ,,

€ ù Q®\ùh\ e sQ"^&\

-®QntN®sc` su \mpi"òThùni còNC\" c^ bnnMu òLh \PÀhCh

L\8Ncok

®ìi±Le±±±+±±±±=±±± \\ ^ i Ct\\ ' NA nO\Xì=\\\C\\X

* csLLL Ì"ùSh cm N*^SQ.> i \ PX"m U9N®no unC^ / ò\ q.`+ti &\

òN \mPùu"® eLo`\ow\\LQ. ¢±&L PìL:+ì*

ùR NcN® G\ tacoJ\cb

=±=±==±======±±======a±___.._g±\±±±±±±±==\±±:=±±±±±±±È±¢:= \\\ \ == # \&# \oeL°€:Q"# £e"# hh \`"

m^*e`'où ò\ c\"muoyW mo^ò\ù

® ecteLLù s"Q scev\cm\Q

-à,,i`%* -=*ù-*"`-yL_ & \ _S`\, ut

®A"AhoN€\` \ ® <8"ìn ò_Q_LLtC\

® ¢+\\\J\^ \\` __-

\\..ù t€ " \`£ mk± ,, o",."vQ^to

eN#OVU q\\ QQn+CQ"\\\

"mah N*tt\ c\ ct' ^ eN"uuvu tòv ^u"LT`.`i,

l

Ì\ _ ,-

LD=%u\Qu=:n::= NùQ^+\o+*^ \:\+òQu c*Noi\ "

-&Q^ eN"® \t` ®nLQNWWLL^\ ":=:-^T\.,.

-==--:::ì -: -: :::f --::_=--=-=::::=---=--- qùC",à` ,

Ù," \\ qLmQ

`\ ue \vh`nc\ \t\

m#" t\hVT* SeCOnòQ

\cft LQ\ C"rft`\\Qù

-OSs*_NA®±l

à±\ C` gù®QO COVUq\LÙ`nm c cù\¢g*"\"`

mì Offi€màr" P\ q`O\xtiCX\ CùBnìLt`leL Cb c\S"co\+o" chQ pnL;g&^^ntQv\o

comq*n++ \n \\t*'\O\ COÙ\LxW\1n"

ò\ M"Se "LLù

*NL* "\ ù \` G\cLLìyùQ^C\m®h Em ,£stY- h

e\+^>oqe\t L®u\ C\Lm COuò SC® -ecol\om\Cu

REG\ONl

+\t-\€ " RS\ON\ \

`--` I`----r_--_~Vlt_- C\mP` C L®m"tìic\, QCNMQ.)

ò-N-Ùi1 ``t Q\"^"stù ti\hN

© NÙT`S`3 \ Q"n®8Qb pù \mLcC`ù L Qy®"yne`

© = ù\ +q`cLol\ h«\ N\1TS 2e \`\5`is 3

E=

r- ` q\oùvù u\` ww`::\R¢:u\\+X eCO`\O\? \ =\ €::=i^\O=C:ì,`=r::s:,*

c*t\:m w Q\l\ymw"nb-G\uùS q*M" m\ hmq* ò&\ \\w\\p òù

P\L F"qh e òN .hnm ò\ c\\;^cTù cb\ +w\hm e^+,\ope+

__ . . ,, l ` , -`

®S@±=±±±= i` ±g tiywV\"ua ò\ Bondi o \w m\L\ào nML*o\+\

^e8\om Tù \n ù"coUò\ con 9\L \pt\ocop,h m\n`o" d*l

\o", obe"_"_o x>ì-©.j ùLuQ Wò\ù ò"\ p\` eUm@s c S\Sb`

~ A"w"i" ^. b\n&qn.uùu ò\ hwÒ\ mc\"LC\ ( `uoNe \^\uoh« \m@--`

Oq= = co^ \nsiv\òso p eèt-eL\\cìqù \e r"®on\ Gsov\o cc\mbQn

o^\ o"® \ (us\o" "m à\"m\`Ch i `P` \e\nhè 3u\ cmsLtR\`¢

ù*gLnQ& c\ scQnù.® à\ &^oùLLst^\cL C sE"p\oN€T`

-LP O"\` m\.nù

\` tW ùC\n\O LaX\ ò\ ù\&\^Lo" ò\%\&\ Ct\ O\a\mVÒ ^ e z

© ftnò\ c\\ C,QSoyu\ ( W"C\ e "\\U\i\ctR* X \CT, UQ\UPnsstL`

\vàQvNeh ù*LÀ\Lh

-p h\wL` ò\ \" stGmL* \ nh¢n tievù` /., =

m hnob CÀ«"u%`\® lC^ p"*v*C\uoyu

® q\q^ beV"hCL®\Y& ®r*`nC\ WY\Cbu

ò\ w qw*# ò\ %N\L"P eLow®\A\Lo i \dQO "`LeVùB, \®n¢y\+t comp€±hm

ri E`L\aA++O s.\ h®&\"C®nA

c=MPRE ._-_-... -

@ \ # v*®Lu" €3L}nO

® tTJ`"e\O ò\ SUSSV`ò\U\^ù\ eà eCOwQ"Qm1!yh> 5 CO\P^±UIQ Pt\mS `\.\

q\c# c eo/\

.B c"gTm `\ eN+cù" \e ¢CQ" o\®+uàhn\òòNQ tìA (No m&&"omuL\„ùi*ùw s®c,u"u\

ft"",ff ,`

E=E=m til®^cio eU h\Qs#qM" ù ,M`o\* c\Lù o^^fi"1ò qu\4ó\\cVm Mq\onc\\

ft66cÙ.u=

bùV\ù\ \ seùm®\\& \òa& \ Q\A*t\ w"\"\mk\+e ik` b^ÀJ`O^st C" b2\`h#\ .

€ì9V\\O Stù

e\\ c¢b\e"v_,

-L® Fuy\\\onC\y\O _QL / \` sc" `±"LAic\ \"\\'\L\m"\hvaR \\ hnoi\+\ ò\ u\h ùlù

mQ\OY\\ Q\`U qXJUe(" coy+.i"\2"L+nù3 cÀ`Lh& O\ NLL"L\c"" e`o^om`U + soyU

g±\ ^on c,\ soy\o \ ,i""h=h st*^\Qh m +e^m\n\ ò\ CO"mgen® L \\ §`\:Àe cie-onconQ_`

CBS€RVAubN i_ .'

®Ge` € \`Q \ m`>\g\oN bZ\^+Llln c"n cl\ qu"h k`wòì

6:`\'®-oùW\`ù ùc=pù \ ùù stùhÙ.iQli ò\V"M\sccm \: c\uAù\h \ \" eh\i

`som mlh P"i C pLo giL \K±^sQhì` mù t¥"ì\^ L\c"o moh3

E=

Fìm® " `STA+A B\ L\TTjT\

r-,-----,=-----,----`- --__ _ \"PY® ò\ N®4*"M \ ùhQv\^ ò\ Vc"htkt

Là ---àQ nRCe* ùà hÀ\ , ¥.V `" _\_"_P^Y"__r: ^:`_gt.*:h\.:rm^Q:^"::,`„=\l

QLn="=## ==ù:+ -ì\` Uc: ` CR\`=\ i €R``AN"ìA` PW SC\`\\®n\ `"mO "\r``

i\\eQmL\NR \L C,&"\tO _T±±_i±L

CÒSt\ euCt±ì`>\& e& C* W\XXi PNXj

•Se i\L\ ^ U\\no h cc^l\ùm\eA4 `

A m N\ O v\\ \\ O_Ltu±u ^ veMLc*" 'ge(hm\nQ o"c\v\cb

-® 9Qivd\ wmP\n\e c\wuc\\\c #\ \+Qb^+

'n ±*vm x M`*Q \ P^®yù /O CQ\`T\`ìbb\"O\U€ t

7`,P"\

© ì"UN ANNO <®REm== Ts==ù>o \ u°:hw7pLu(, n'\ :=®®n\ vA

Le N\"& s.no O\CcLÀ\Ftt\\`cLh e `&vw c\ah3 Q+ pou* un ®tmAo

av\\`® ^ cavu"

< ®Q\P\ \tij L^ Ù\``" gs^ € mh ``\S`

s# Ql€sn=+TO z nE"J1\oyu

iX)® UN AN® •.`,` `:` ,

s€ \\® = lc\ SQnuQl^& \€ OmT\ vA riD ```.``: ` . .

.., gJl`\\ \\,\,`,l •_-,,rh,ì ,\,j\r

NCN iLv'\* \'TTì` ti nC

= ,-_.,\(`&T\.,.t-,` e€\

\`ù \\ \``\`~ì ``n\_À``m: € fi1\\i'

vW" eq

#\w"u q"

L® sth \ùvN\ei" p` <

Lou"À` o\ùo ec

4. SCHEMI ALTERNATIVI DI FINANZIAMENT0 DELLA SPESA PUBBLICA.

Se il Governo decide di aumentai.e la Spesa Pubblica G (o i Trasferimenti TR), allora deve

anche reperire i fondi necessari per finanziare questa sua maggiore spesa. Di fatto, il Govemo può

flnanziai.e un aumento della spesa pubblica G in tre modi altemativi:

® Può indebitarsi presso il pubblico, ossia emettere titoli del debito pubblico e venderli ai

privati, utilizzando il ricavato per finanziare ìa maggjore spesa pubblica. Si parla in

questo caso di finanziamento mediante indebitamento;

® Può indebitarsi presso la Banca Centrale, ossia emettere titoli del debito pubblico e

venderli alla Banca Centrale. Si parla in questo caso di finanziamento mediantg

monetizzazione (clel debito pubblico) perché l'acquisto dei tito`1i` del dèbito pubbiico d~a

parte dellà Bà_nca centra,e determina un aumento de,la Base Monetaria e, quirÌC,i'

l'emissione di moneta;

® Può aumentare le tasse (a somma fissa o proporzionali al reddito) in modo da mantenere

H_ il bilancio pubblico in pareggio, Si pai.la in questo caso di_finanziamento mediante

prelievo fiscaJ9.

Esaminiamo ora, nell'ambito di un semplice modello IS-LM, gli effetti e le implicazioni

economiche relativi ad ognuno di questi tre diffei.enti metodi di finanziamento del[a spesa pubblica,

E-j! tenendo presente che nella realtà il Govemo utilizza in modo combinato queste modalità altemative

di finanziamento. SPESA PUBBLICA FENANZEATO ESCLUSIVAMENTE

AUMENT0 DELLA

IND EBITAME NTO

T EmMiT E finanziare la maggiore spesa

Per

che i titoii del debito pubblico emessi

Sotto l'ipotesi rivati che li haniio acquistati e,

ricchezza dai

ubblica non siano conside[.ati una

®g±±±g±±±g±g=]±±=±±=±±±g±=±±g±;i (in questo caso si osseiverebbe un

ulteriore spostamento verso destra della curva IS), un aumento della spesa pubbiica G finanzia[o

tramite indebitamento determina uno spostamento ve[.so destra della curva IS da IS a IS'.

L'equilibrio del sistema economico si modifica da E ad E', con un aumento del livello

d'equilibrio del reddito e del tasso d'interesse ed uno spiazzamento della sp±s_a_per invesèm_e_pti l

(grafico l ), in base al seguente meccanismo di aggiustamento:

Y Y'

Esiste un acceso dibattito tra keynesiani e monetaristi riguardo la rea!e efficacia di una

politica fiscale espansiva finanziata tramite indebitamento, dibattito che è legato all'entità deHo

spiazzamento della spesa per investimenti.

Secondo i keynesiani (grafico 2) lo spiazzamento degli investimenti è contenuto e, quindi, la

politica fiscale espansiva finanziata con indebitamento è efficace perché essi ritengono che la LM

sia molto piatta (h molto grande) e la IS sia molto inclinata (b molto piccolo).

CASO CR`Si

GRAF[CO 2: CASO KEYNESIANO -B9© mòRbùC` "ho

spi azzam e nto

Y'

I keynesiani ritengono che h sia molto grande perché la domanda d.i moneta] pi.esenta

un'elevata componente specu[ativa, ossia esiste un elevato grado di sostituibilità tra la moneta e le

altre attività finanziarie nel portafoglio degli individui al variare del tasso d'interesse. Il fatto che h

sia molto grande comporta che in presenza di un eccesso di domanda di moneta sia sufficiente un

piccolo aumento del tasso di interesse per riportare l'equilibrio sui mercati finanziari.

Per contro, b sarà molto picco[o perché, in realtà, la spesa per investimenti2 non dipende

tanto dal tasso d'interesse, quanto, piuttosto, dalle aspettative degli investit,oi.i. Il fatto che b sia

piccolo comporta che, anche in presenza di un aumento del tasso d'interesse, l`effetto negativo sugli

investimenti è comunque limitato, tale da rendere efficace una politica fiscale espansiva finanziata

tramite indebitamento .

Secondo i monetaristi (grafico 3) lo spiazzamento degli investimenti è elevato e, quindi, la

politica fiscale espansiva finanziata con indebitamento è inefficace perchè essi ritengono che la LM

sia mo[to inclinata (h molto piccolo) e la IS sia molto piatta (b molto elevato).

CASO CRESC"

GRAFICO 3: CASO MONETARISTA -®© \"òQbh""h>

-` Y

Y Y'

Essi ritengono che h sia molto piccoio perché gli individui detengono (e domandano)

moneta essenzialmente per assicurarsi la liquidìtà necessaria pef regolare le transazioni, e iìon pei.

ragioéii speculative, cosi' che esiste un limitato gi.aclo di sostituibiiità tra la moiieta e le altre attività

finanziarie nel portafoglio degli individui al vai.iare del tasso d'interesse. Il fatto che h sia molto

' Si ricorda che la domaiida reale di moneta L(i, Y) ha equazione L = kY -hi

2 Si ricorda che la spesa per investimenti I(i, Y) ha equazione I = Io -bi + dY

Y Y" Y`

L'effetto netto sulla domanda di questa manovra sarà pertanto positivo e quindi

ADt; Y1; L1>¥; iT; IJ

L'equi[ibrio del sistema economico si muoverà da E ad E" con un aumento del livello

_ _ _ ___ _ ______ _ _____ ]=

±:±±!iui librio ±e±=s£:dito e del .taSSO d' i±£±±±±±±z±I±±±±±Ì±±±=i=±±1±:EgHi±§::i£=L±i:E£±£gH2H£:±:]!j

VL£±Éiɱ±±9Sɱ±l CaSi9±jL±±±±Zi±!=±g!=±g£g:=j:=É£!2j±g!:==:±±gj=E').

Il minore aumento del tasso d'interesse d'eauilibrio detei.mina uno sDiazzamento degli

investimenti Diù conteiiuto risDetto a auello generato dal finanziamento con Éffi. Per contro,_s±

verifica uno s erché la ma

iazzamento dei consumi ressione fiscale riduce il reddito

onibile delle fami

Il minore aumento del livello d'equilibrio del reddito (Y"<Y') indica che questo duplice

Spiazza`riento (degli investimenti e dei consumi) risulta complessivamente superiore rispetto a

quello generato da un finanziamento con indebitamento.

Ne consegue che una fiscale espansiva finanziata mediante un aumento delle

imposte a somma fissa risulta ella stessa manovi.a finanziata con indebitamento.

2. Aumento delle imposte proporzèomali a] reddito.

Un aumento della spesa pubblica può essere fmanziato mediante un aumento delle [asse

proporzionali al reddito (ossia mediante un aumento dell'aliquota fiscale t rispetto all'iniziale livello

d'equilibrio del reddito), in modo tale da mantenere a priori (ex - ante) il bilancio pubblicc) in

pareggio: AG--L\TA --YoAt

Anche in questo caso (vedi gi.afico 5) l'aumento della spesa pubblica G determina uno

spostamento verso destra della curva IS da IS a IS' (da E a E', come nel caso con indebitamento)

perché GT; AD1; YT,

mentre la maggiore aliquota fiscale t farà ruotare la curva IS verso sinistra da IS' a IS" perché

tT;c# (moltipl icatoi.e)J ;

OSSla

t1`;YDJ; CJ;ADJ; YJ,,

Di nuovo la curva IS non ritoma nella sua posizione iniziale, ma si ferma in una posizioiie

intermedia, perché l'iniziale effetto diretto positivo della maggioi-e spesa pubblica sulla domanda

5

C. AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA FENAN ZIAT O ESCLUSIVAMENTE

TRAMITE M0NETIZZAZI0NE.

Un aumento della spesa pubblica può essere finanziato indebitandosi con la Banca Centrale,

ossia mediante la vendita di titoli del Tesoro Banca Centrale che, acquistandoli, crea base

In questo caso ( vedi spesa pubblica G determina uno

grafico 6) l'aumento de]la spostamento

verso ciestra della curva IS da IS a IS' (da E a E', come nel caso pre c edente)

mentre la creazione di base monetaria e la conseguente maggiore offerta di moneta sposteranno !a

curva LM verso il basso (verso destra) da LM a LM' perché

H T,®,¥T>Lmt;ADT®

L'effetto netto di questa manovra sulla domanda aggregata sarà certamente positivo e

l'equilibrio del sistema economico si muoverà da E ad E", con Lin aumento del livello d'equilibrio

Nb del reddito e de] tasso cl'interesse, dove, in generale, l'aumento del livello del reddito risu]ta

superiore e que11o del tasso d'interesse jnferiore rispetto a quanto si è verificato nel caso di

fmanziamento con indebitamento

GRAFICO 6 @.y 4`4\

6 ;cccb spQ"mgnb

©NC=¢

®m=¢ "A®Ns,ù

w\ Q^"®

In questo caso, infatti, l'aumento de]l'offerta di moneta tende ad attenuare l'aumento del

tasso d'interesse determinato dalla maggiore spesa pubblica G e, di conseguenza, a ridurre l'entità

r- dello spiazzamento degli investimenti I (che, ad esempio, sarà tanto più piccolo quanto maggiore

NO

rT- sarà l'impatto della politica monetaria espansiva indotta su[ tasso d'interesse, rappresentato dallo

spostameiito verticale della LM). Per contro, iion si ha spiazzamento, bensì stiinolazione dei

consum i perché la politica monetaria espansiva indotta aumeiita ulterioi.mente il reddito d'equilibrio

L'effetto netto di spiazzamento generato da una politica fiscale espansiva finanziata ti.amite

monetJ.zzazione teiide peftanto ad essei.e trascurabiJe e, in pailicolari circostanze, può anche essei.e

nujlo (i" = i), se i responsabili di politica economica sono abili nel gestire lo spostamento deW

cui.ve IS ed LM.

' Tra le tre modalità di finanziamento disponibili, la monetizzazione tende dunque ad

assicurare la massima efficacia di una politica fiscale espansiva.

Tuttavia, questa modalità di finanziamento di una maggiore spesa pubblica aumenta l'offerta

di moneta nel sistema economico e, quindi, genera iin aumento generalizzato del livello dei prezzi

n-el sistema economico, ossia genera inflazione.

®® R.*uk#=# \É

•. _ ,, l - \,t

® Finon""nb \ùq\\o s\E&"Q pu"Qc*

_ FW COV\ ù®bÀ® eUùstL®

'`> qm COv\ q"UO \\SL"

© €cou®wtù ùù bevus"

•-> n"m\

@ \\ b+lcw" cù" tih3

® uE

co"ò,"o", p"l,m\"o^,, `,

L

À`oi® à&`h, pb

® &,wT`P*

V `,``'`. \'\

@% *è"\b,.lùò

é s-e òN-"LD

5. IL PR0BLEMA DELLA SOSTENIBILITÀ DEL DEBITO PUBBLICO.

L______ Lo Stato può finanziare i flussi in uscita del bilancio della Pubblica Amministrazione,

costituiti dalla spesa pubblica G, dalla spesa per trasferimenti TR e dalla spesa per interessi sullo

stock di debito pubblico (i.B t_[), mediaiite i flussi in entrata generati dal complesso delle imposte T.

Se le uscite totali superano le entrate totali, il bilancio de[la Pubblica Amministrazioiie

registra un saldo negativo, e lo Stato deve necessariamente fare fronte all'eccesso di spesa mecliante

indebitamento, ossia prendendo a prestito risorse dalla collettività attraverso l'emissione di titoli del

debito pubblico che verranno collocati presso i privati, generando un aumento nello stock esistente

di debito (AB), oppure presso la Banca Centrale, generando creazione di base monetaria (AH).

Il vincolo di bilancio per lo Stato al tempo t può, pertanto, essere rappresentato dalla

seguente espressione : ® Gt +TRt +rBt_i =Tt +AB+AH

dove Gt è la spesa pubblica per beni e servizi, TR{ sono i trasferimenti della Pubblìca

G5T;E:ove Gt è [a spesa pubb]

Amministrazione (pensioni, spesa assistenziale, ecc.), rBt_i è 1a spesa reale per interessi sullo stock

di debito pubblico esistente all'inizio del tempo t, T sono le imposte btali, AB =Bt -Bti è la

variazione ne[lo stock di debito pubblico derivante dali'indebitamento presso i privati,

AH =Ht -Ht_i è la creazione di base monetaria derivante dall'indebitamento presso la Banca

Centra\e. -È> \t*\ &LLE\lANl€ i.appresenta il disavanzo primario, il vincolo di

D, =(G,+TR,)-Tt

Considerato che

bilancio dello Stato può essere risci.itto come

Dt +rBt_i =Bt -Bt_i +JÈÉ

Se lo Stato decide in ogni periodo di finanziare la spesa in eccesso

(Dt +rBt_i ) esclusivamente mediante indebitamento, ossia mediante emissione e vendita di titoli

del debito pubblico ai privati, piiò sorgei.e un problema di sostenibilità del debito pubblico: JEa±9±

o rtel.à

interessi sul debito e questo com

mano che il debito s.i accumula, infatti, crescei.à la spesa per debito per

lo Stato dovrà emettere in misui.a crescente nuovo

che, in ogni per.iodo, crescenti interessi sul

disavanzo primario e pagare i

risorse necessarie per finanziare l'eventuale autoalimenta, con il debito accumuiato che

accumulato. In sostanza, il debito pubblico si

debito

produce continuamente (ed in modo crescente) nuovo debito per fmanziare la crescente spesa per

interessi.

Questo circolo vizioso può portare ad una esplosione del debito, che sfugge al controllo

dello Stato e lo obbliga, nel migliore dei casi, ad abbandonare la strategia di finanziamento

1

mediante indebitamento e ad attiiare una rigida politica fiscale restrittiva per generare avanzi

primari e riuscire a i.idurre l`esistente stock di debito; nel peggiore dei casi, può condurre lo Stato

alla bancarotta e/o al consolidamento e alla ristrutturazione del suo debito, ossia alla decisione da

parte dello Stato di non restituire più il denaro che gli è stato prestato oppure c!i restituire solo i

debiti a scadenza più lunga, ovvero di ridefinire completamente tempi ed oneri per la restituzioiie

del debito contratto.

Per analizzare correttamente il pi.oblema della sostenibilità del debito pubbl.ico, è opportuno

considerare l'andamento nel tempo del debito accLimulato dallo Stato in rapporto al PIL della

nazione, che misura la capacità del paese di creare le risorse per ripagare il debito contratto.

Possiamo ricavare la condizione per la sostenibilità del debito pubblico partendo dal vincolo

di bilancio dello Stato Dt +rBt_i =Bt-Bt~i+AH

Poiché anche il PIL non è costante, ma si evolve nel tempo, defin.iamo il tasso di crescita del PIL

con g, in modo che sia YT--YT_^ +q.YT-^

y, ±,+g)yt-l

Se dividiamo entrambi i membri del vincolo di bilancio dello Stato per il prodotto interno lordo Yt 9

---,-#

otterremo

® ¥+¥-%+#+#

OSSla d,+lb,l=b,+lb,-1

" \ N®S®"®® 1+g 1+g

dove cl, LLt, bt e btl sono i valori rapportati al PIL (Y), rispettivamente del saldo primario, della

variazione della base monetaria e del debito al tempo t e al tempo t-1.

Se riso[viamo la suddetta equazione rispetto a bt otteniamo

uazione di sostenibiiità del debito

cheè l'e che sia iiulla la quota di deficit pubblico finanziata ti.amite

Supponendo, per semplicità,

monetizzazione (Ht = 0) , ricaviamo che la stabilità nel tempo del rapporto det)ito/PIL , vale a dire

bt = bt_] (ossia la sostenibilità del debito pubblico), dipende daÌ1'evoluzione del saldo primario dt e

del rapporto €ra il tasso d'interesse reale r ed il tasso di crescita del PIL reale g:

bt=dt+=bt-l

ln particolare, va ricordato che d, è definito come la differeiiza tra s ubblica ecl entrate

fiscali e, peitanto,se la spesa pubblica eccede le entrate fiscali, allora d, sarà positivo e si avrà un

disavanzo rimai.io, ment[.e nel caso opposto si avrà un avanzo primario. L'equazione cl`i

sostenibilità del debito, quindi, evidenzia che se il disavanzo primario aumenta (dtt), alloi.a bt t e

possono esistere problemi di sostenibilità del debito contratto dal[o Stato.

Il secondo termine dell'equazione mostra che lo stock di debito esistente costituisce un grave

fardello a causa del volume di spesa per interessi ad esso associato e che l'onere di tale spesa sarà

tanto maggiore quanto più elevato sarà il tasso d'interesse r: se rt, allora bt t e ci possono essere

Tuttavia, se il sistema economico cresce, allorapuò

pi.oblemi di sostenibilità. essere in grado di

creare risorse sufficienti a ripagare gli interessi sul debito, senza che si verifichi alcuna es 1osione:

se gt, allora bt Jed i problemi di sostenibilità possono essere risolti. Tutto dipende se g risulta

supe[.iore o infei.iore ad r!

Le implicazioni per la sostenibilità del debito pubblico contenute nell'equazione

bt=dt+#b"

yD\"9àNo" 3Sa"w possono esser facilmente esaminate mediante uii grafico, dove sull'asse vefticale e su quello

orizzontale siano rappresentati rispettiva_mente bt e bt+ In questo grafico l'equazioiie per la

sostenibilità può essere rappresentata mediante una retta avente intercetta pari a d t e pendenza pari

1+r

a ---, mentre la bisettrice del quadrante iiidividua l'insieme dei punti in cui bt = bt_i , ossia il

1+g

rapporto debito/PIL è stabile, costante nel tempo e, pertanto, il debito pubblico risulta sostenibile.

A seconda del valore assunto da d e del rapporto tra r e g, possiamo individuai.e graficamente

quattro differenti situazioni per quanto riguarda il problema della sosteribilità del debito pubblico:

Primo caso: dt>0 (clisavanzo primai.io) e r>g = non sostenibilità

Secondo caso: dt>0 (disavanzo primario) e r<g = sostenibilità

Terzo caso: dt<0 (avanzo primai.io) e r<g 3 sostenibilità

Quafto caso: dt<0 (avanzo pi`imario) e i.>g 3 può esserci non sosteiiibilità

-B> CASO©saP ±i2L¢ .i ±;Jh -. \TAuA \9sD-\9eo

éÉ-

sFnv oQEV. fAvoREvouE

-` òTe\mt%Ce"

#ì = pv\ù"`® bo®

d'interesse reale r è inferiore al tasso

rimario, ma il tasso

uesto caso esiste un disavanzo stabile

esista un livello di

di crescita dell'economia g e questo fa s`i che

debitoffIL ( b* = ±±dt , identificato dal punto di intersezione ti.a la retta che descrive la dinamica

1+g inizialmente si

la bisettrice) verso il quale il sistema converge sia che

del rapporto debitoPIL e Abbiamo, infatti, che, pur in

muova da destra sia che inizialmente si muova da sinistra i.ispetto a b*. nece s sarle

ac!o di creare le risorse

aese è in

rima[.io, l'economia del

resenza di un disavanzo

_per _più che ripagare gli interessi sul debito che lo St_at___o ha coL±±±9: il debito non è destinato ad

esplodere e risulta quindi sostenibile.

-- Eiììè -- L®±eNb\ùò

• -

-ffi>CASO® `, dT>¢ ; A,>a _®\l"A`q]OiS

sfiAvoQgVOU= l® Co»SLg n-> q :

© s" +o"e"

!IGE _ffi&1 © NC` WÒLìC"

bt =dt+=bt-l bt-l

[a contemporanea presenza di un disavanzo primario soprattutto, di un

uesto caso allen do

orta che, anche

tasso d'interesse [.eale r maggiore del tasso di crescita del PIL reale

da un ra orto debitoffIL molto basso, non si ra erà mai Lina situazione stabile (ia retta che

Il debito cresce nel

descrive la dinamica del rapporto debito/PIL non incrocia mai la bisettrice).

iiii= etto al PIL e uesto indica che l'economia del paese non è in gi.ado

o in misura ma iore ris are neanche i soli interessi sul debito che ìo Stato ha contratto:

creare le risorse necessarie

il debito è destinato ad esplodere e, pertanto, non è sostenibile.

- eS\Q `` NO\ sQsttm\b\e

_ __-

-D> CASO®gaP £iÌLÓ ., J±;ri -. `TAuA `9sD-\9eo

S"V OeEV. fAVOREVOt£

JjzLJ22aZ+ÉÉ£

-. òTS,*Q"e"

#ì = p`\ù"\ù bo® al tasso

d'interesse reale r è inferioi.e

rimario, ma il tasso

uesto caso esiste un disavanzo stabi le

livello di

di crescita dell'economia g e questo fa sì che esista un

debito/PIL ( b* = ±±dt , identificato dal punto di intersezione tra la retta che descrive la dinamica

1+g sia che inizialmente si

la bisettrice) verso il quale il sistema converge

del rapporto debito/PIL e a b*. Abb.iamo, infatti, che, pur in

muova da destra sia che inizialmente si muova da sinistra rispetto nece ssarl e

rac!o di creare le risorse

aese è in

l'economia del

rlmarl o ,

di un disavaiizo lo Stato ha contratto: il debito non è destinato acl

1i interessi sul debito che

iù che ri

esplodere e risulta quindi sostenibile.

__-

+ E9® -- sosteNb\rù -® mALiA \C®2

-p CASO©`` dT<¢.i~'9 ® \G\8Si^e\8e `` ùQìO^L\± e moyh\\c"®"

~^C\8ei^QC\L l ù «LLO`® C^^Ì*

-:\'ìè.L:`' ìN`ii. c-Qw `\.è-òL àQb\TR\

rFEZ5f5fflH, ' r$34%EJ ® \QCR `` Jw`t*m TMc\mN\

ND® "\*® "S\OÙ®

La contemporanea presenza di un avanzo primario e di un tasso d'interesse reale superiore al tasso

di crescita dell'economia fa s`i che, formalmente, esista un livello di equilibrio per il rapporto

debito/PIL (b*), identificato dal punto di intersezione tra la retta che descrive la c!inamica del

rappofto debito/PIL e la bisettrice.' i:ale live1[o d'equilibrio, tuttavia, non è stabile, nel senso che non

verrà mai raggiunto dal sistema economico, che si allontamrà da esso sia che inizialmente si trovi a

L sinistra`(bo < b *) sia che inizialmente si trovi a ciestra (bo > b*). Queste due different.i situazioni

iniziali hanno peraltro differenti implicazioni per quanto riguarda la sostenibilità del debito.

Intatti, se il sistema economico parte alla sinistra di b* (bo < b *), allora si avrà una continua

e costaim diminiizione deL rapporto debitom nel coi.so del tempo (bt < bt+ Vt ) e quindi i[ debito

non rischia mai di esplodere (anche se non si riesce a raggiungere un equilibrio stabile) e risulta

sostenìbìle. . C\ SX = SOSten\b`t `

`ì ùp^& se<=`i:. -NQ:=m 7

® ESrTO

dT<¢,-q _® mL\A LCtXì/Z®\O

" cASO© ,` fAw oeEv ouE

dffi ..tì1l_` bt -bt-l®

®b* 1+r

bt =dt +_1-=E'!

ll

' 'll !

I

Il l

l bo ®D

'l avanzo prlmarlo e

contemporane a

iù favorevole per la presenza di un

uesta è la situazione una continua e

tasso d'interesse reale che comporta

di un tasso di crescita del PIL superiore al anche quaiora il

corso del tempo (bt < bt_„Vt),

costante diminuzione del rapporto debito/PIL nel Il sistema non i.ischia mai di

sia molto elevato.

livello iniziale del rapporto

convergerà verso, un equilibrio stabile (b* < 0), dove lo Stato risulterà addirittur±ireditoreL£J±gg

In questo contesto il debito risulta, owiamente, sostenibile.

deb.itore. ® ES\® `' sosten\b\Àò

- -=

® Neù àLy" ù¥ Lc"


ACQUISTATO

7 volte

PAGINE

49

PESO

18.09 MB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

L'appunto intende fornire una trattazione completa dei principali temi dell’Economia Pubblica, con particolare attenzione agli aspetti relativi alla tassazione, al finanziamento della spesa pubblica in disavanzo e alla sostenibilità del debito, avendo come riferimento il quadro istituzionale italiano e, laddove necessario, quello europeo.

Sono presentati e discussi in modo informale il primo e il secondo teorema dell’economia del benessere, che costituiscono i fondamenti dell’Economia Pubblica e vengono introdotti alcuni concetti base della contabilità pubblica. In seguito si affrontano a livello di modellistica i temi del finanziamento della spesa pubblica, della sostenibilità del debito pubblico e del livello di tassazione ottimale.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in economia aziendale
SSD:
A.A.: 2017-2018

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Angila945 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Economia pubblica e storia economica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Carlo Cattaneo - Liuc o del prof Serati Massimiliano.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Economia pubblica e storia economica

Storia economica
Appunto
Economia pubblica
Appunto
Appunti di analisi di bilancio
Appunto
Organizzazione e Sistemi informativi
Appunto