Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

3 VALORE E MONETA ............................................................................................................................ 4

3.1 D ............................................................................. 4

AL VALORE DIMENSIONALE AL VALORE COME RELAZIONE

3.1.1 L’ ..................................................................................................................................... 4

ANALISI CLASSICA

3.1.1.1 La determinazione del lavoro astratto ............................................................................................... 5

............................................................................................................................... 6

3.1.2 L’ ANALISI NEOCLASSICA

3.2 M ............................................................................................................................... 6

ONETA E VALORE ‐ .......................................... 6

3.2.1 D ALLA MONETA COME EQUIVALENTE GENERALE ALLA MONETA COME FORMA VALORE

’ ................................................................................................ 7

3.2.2 D ALL EQUIVALENTE GENERALE AL NUMERARIO

3.2.3 L K ........................................................................................................................ 8

E UNITÀ SALARIO DI EYNES

4 IL TENTATIVO NEOCLASSICO DI DETERMINARE I PREZZI ...................................................................... 8

4.1 S ........................................................................................................... 8

CAMBI RELATIVI E PREZZI RELATIVI

4.1.1 I : ’ .......................................................................... 9

PREZZI RELATIVI COME PREZZI NUMERICI UN ANALISI CRITICA

............................................................................................ 10

4.1.2 I PREZZI MONETARI NELLA TEORIA NEOCLASSICA

4.2 L ............................................................................................................. 10

A MISURA NUMERICA DEI BENI

5 LA PRODUZIONE ............................................................................................................................... 11

5.1 L : ’ ................................................................... 11

A PRODUZIONE NELLE TEORIE DOMINANTI UN ANALISI CRITICA

5.1.1 P ...................................................................................... 11

RODUZIONE E VALORE NELLA TEORIA FISIOCRATICA

............................................................................................................................. 11

5.1.2 L’ ANALISI NEOCLASSICA ‐ ‐ ................................................................. 11

5.1.3 L’ ANALISI DELLE IMMISSIONI EROGAZIONI O ANALISI INPUT OUTPUT

5.2 P , ..................................................................................... 12

RODUZIONE FUNZIONI DI PRODUZIONE E TEMPO ............................................................. 13

5.3 L

A PRODUZIONE COME PROCESSO MACROECONOMICO DI CREAZIONE

................................................................................................................................. 14

5.3.1 I

L TEMPO QUANTICO

CONSUMO, PREZZI E VALORI ............................................................................................................ 15

6

6.1 I ...................................................................................................................................... 15

L CONSUMO

6.1.1 I : ’ ................................................................. 15

L CONSUMO COME FUNZIONE DEL REDDITO L ANALISI KEYNESIANA

: ’ ................................................... 16

6.1.2 I

L CONSUMO COME DISTRUZIONE DI REDDITO L INTERPRETAZIONE QUANTICA

, .................................................................................................................. 17

6.2 C ONSUMO PREZZI E VALORI

PROFITTI, RISPARMI E INVESTIMENTI ............................................................................................... 18

7

7.1 L ...................................................................................................................... 18

A TEORIA DEL PROFITTO

................................................................................................................................ 19

7.1.1 D AI PREZZI AI VALORI

7.1.2 D ................................................................................................................................ 19

AI VALORI AI PREZZI .................................................................................................................... 20

7.2 R

ISPARMI E INVESTIMENTI

7.2.1 B IS‐LM ................................................................................................ 21

REVE ANALISI CRITICA DEL MODELLO

8 LA TEORIA DEL CAPITALE E DELL’INTERESSE ...................................................................................... 22

8.1 C .............................................................................................................................. 22

APITALE E TEMPO

8.1.1 I ‐ .................................................................................................................................. 23

L CAPITALE TEMPO

Pagina 2 di 39

8.1.2 I ..................................................................................................................................... 24

L CAPITALE FISSO .......................................................................................................................... 25

8.2 C APITALE E INTERESSE

8.2.1 C .................................................................................................................................. 25

APITALE E VALORE

’ ..................................................................................................................... 25

8.2.2 I

L PROBLEMA DELL INTERESSE ( ‐ ) ............................ 26

8.2.3 L’ INTERESSE COME REDDITO MICROECONOMICO SE CONSIDERIAMO SOLO IL CAPITALE TEMPO

8.2.4 L’ ( ‐ ) ........................................ 27

INTERESSE COME REDDITO MACROECONOMICO CONSIDERANDO IL CAPITALE FISSO

9 L’AMMORTAMENTO DEL CAPITALE FISSO ......................................................................................... 28

9.1 A ................................................................................................................ 28

MMORTAMENTO E LAVORO

9.2 A ................................................................................................................. 29

MMORTAMENTO E VALORE ................................................................................................................ 30

9.3 A MMORTAMENTO E REDDITO

’ ............................................................................................ 31

9.4 L’

ANALISI QUANTICA DELL AMMORTAMENTO

L’INFLAZIONE ................................................................................................................................... 32

10

10.1 I , ...................................................................................................... 32

NFLAZIONE EQUILIBRIO E IDENTITÀ

10.1.1 L ’ ......................................................................... 32

E IPOTETICHE CAUSE MICROECONOMICHE DELL INFLAZIONE

10.1.1.1 Inflazione dovuta al comportamento dei consumatori .................................................................. 33

10.1.1.2 Inflazione dovuta alle scelte del settore pubblico ......................................................................... 33

............................................................................................................. 33

10.1.2 C REDITO BANCARIO E INFLAZIONE ’ ...................................................................................... 34

10.2 L’

ANALISI MACROECONOMICA DELL INFLAZIONE

“ ” , ................... 34

10.2.1 L A NECESSITÀ DI RISPETTARE EMPIRICAMENTE LA DISTINZIONE TRA MONETA REDDITO E CAPITALE

DEFLAZIONE E DISOCCUPAZIONE ...................................................................................................... 35

11

11.1 L : ............................................................................................. 35

A DISOCCUPAZIONE NOTE INTRODUTTIVE

: ’ ............................................................................................... 36

11.2 L

A DEFLAZIONE L ANALISI TRADIZIONALE

11.3 L : ’ .................................................................................................... 37

A DEFLAZIONE L ANALISI QUANTICA ’ ’ ................ 37

11.3.1 L A CRESCITA ESPONENZIALE DEL CAPITALE PATOLOGICO ALL ORIGINE D INFLAZIONE E DISOCCUPAZIONE

11.3.2 R .......................................................................................... 38

IASSUNTINO SU INFLAZIONE DISOCCUPAZIONE

................................................................................................................................... 39

11.3.3 L A STAGFLAZIONE

Pagina 3 di 39

3 Valore e moneta

Fisicamente eterogenei, i beni e i servizi prodotti devono poter essere espressi in un’unità comune che li

renda commensurabili. In assenza di tale unità, la teoria economica sarebbe priva della possibilità di

misurare il proprio oggetto d’indagine e l’economia non potrebbe neppure essere considerata una

disciplina scientifica.

3.1 Dal valore dimensionale al valore come relazione

3.1.1 L’analisi classica Smith introduce la distinzione fra:

Per i classici, contrariamente a quanto affermano i neoclassici, il valore valore d’uso: esprime l’utilità di un

d’uso (utilità) di una merce è una condizione necessaria ma non oggetto particolare. Ogni oggetto

atto a soddisfare dei bisogni umani

sufficiente per determinarne il valore o per derivare un denominatore possiede un valore d’uso che non si

comune per commensurare le merci. riduce a una semplice enumerazione

di attributi fisici e che rappresenta

È ovvio anche per i classici che, parafrasando Marx, “ Nessuna cosa può una qualità economica indispensabile

”, che le merci abbiano un valore di

essere valore, senza essere oggetto d’uso affinché gli oggetti si trasformino in

scambio e che fra di esse siano scambiate nel rispetto di questo valore merci.

(scambio tra equivalenti) e che questo valore (di scambio) rappresenti il valore di scambio: il valore d’uso è il

comun denominatore delle merci. prerequisito all’esistenza di un valore

di scambio, cioè quel valore che si

Ciò che per loro non è corretto è affermare che sia il valore d’uso concretizza nel potere di acquistare

(utilità) a determinare il valore (di scambio) delle merci; per i classici le altri beni che il possesso di un

merci posseggono un valore (che coincide poi con quello di scambio) oggetto comporta. Per gli autori

prima ancora che esse siano scambiate sul mercato dei prodotti. classici, a differenza dei neoclassici,

non si tratta del valore che le merci

Per loro non è dunque lo scambio in sé a regolare la grandezza del acquisterebbero durante il loro

valore delle merci ma, al contrario, è la grandezza di valore della merce scambio sul mercato dei prodotti, ma

a regolare i rapporti di scambio di quest’ultima, in altri termini non è del valore con il quale esse si

presentano sul mercato per essere

l’atto dello scambio a definire il valore di scambio di una merce. scambiate.

Ma allora cos’è che permette di rendere commensurabili i diversi valori pur

La trasformazione in merce:

d’uso prodotti? essendo un prerequisito

indispensabile, il valore d’uso non è

Rifacendoci a Marx, se si prescinde dal valore d’uso dei corpi delle sufficiente a garantire la

merci, l’unica qualità comune che rimane loro è quella di essere trasformazione dei beni fisici in merci

prodotto del lavoro. Ed è proprio il lavoro che le rende commensurabili in ragione del fatto che l’utilità non

e che può fungere da misura del valore. può essere misurata, né

cardinalmente, né ordinalmente.

Esse non hanno dunque valore se non per il lavoro impiegato a è il principio stesso del

Lavoro:

produrle. Marx sostiene dunque che un bene ha valore soltanto perché valore non può quindi avere un

in esso viene oggettivato, o materializzato, lavoro astrattamente valore. Il lavoro misura i prodotti, il

umano e che la maggiore o la minore quantità di lavoro incorporato loro valore, ma non misura se stesso.

Il lavoro non ha quindi valore, né

nelle merci è la sola causa della variazione del loro valore. come creatore di valore, né come

Il lavoro è dunque, per i classici e la loro teoria del valore‐lavoro, misura di valore.

l’unica misura possibile del valore di una merce; questo valore è

identificato con il lavoro incorporato nelle merci ed è considerato come una sostanza economica

paragonabile a quelle presenti nel mondo fisico.

In altri termini l’espressione sociale del valore è il risultato del processo di produzione e richiede la

riduzione del lavoro concreto a semplice lavoro astratto e indifferenziato.

Proprio qui sta l’errore dei classici: prodotto (misurato) e lavoro (misurante) non appartengono

logicamente alla stessa categoria economica, altrimenti il lavoro sarebbe contemporaneamente

Pagina 4 di 39

misurante e misurato o, in altri termini, se il lavoro (misurante) fosse una sostanza paragonabile a quelle

presenti nel mondo fisico sarebbe misurabile come una merce e ciò renderebbe necessario trovare un’altra

unità di misura comune a tutte le merci, lavoro incluso, come dice

Marx: Marx distingue fra lavoro astratto (o

sociale) e lavoro concreto.

“ i beni fisici devono essere misurati economicamente e non è corretto sostenere – Il carattere concreto del lavoro è

perché si tratterebbe di un ragionamento circolare – che l’unità di misura utilizzata a legato alla produzione fisica ed è

questo scopo deve a sua volta essere misurata all’origine delle differenze materiali

Ciò nonostante Smith e tutti i classici tentarono di dimostrare che, tra i valori d’uso prodotti.

riuscendo a misurare in un qualche modo la quantità di lavoro, In quanto lavoro astratto (o sociale)

potremmo finalmente misurare simultaneamente il valore del creatore di valore di scambio, il

lavoro è considerato nel suo aspetto

prodotto (alla pagina precedente, in rosso, sottolineiamo però indifferenziato e omogeneo di lavoro

l’impossibilità logica che questo possa mai avvenire). sociale.

Data l’impossibilità logica a che questo avvenga, ci limitiamo ad Per Marx è al lavoro astratto che

affermare che le merci sono il risultato del lavoro e trovano la loro spetta il compito di fungere da

omogeneità in una misura comune che è il lavoro socialmente misura economica del valore. Il

lavoro concreto dà forma alle varie

necessario alla loro produzione. Infatti, sostenere andando oltre, che merci e la sua esistenza ne

l’unità di misura debba o possa a sua volta essere misurata, significa caratterizza l’utilità stessa ma il loro

accettare l’idea che le merci siano misurate da una merce, mentre è valore non può essere determinato

chiaro che, come misurante, l’unità di misura deve essere distinta dalle dal lavoro concreto.

merci che è chiamata a contare. Questo compito spetta

esclusivamente al lavoro astratto

A questo proposito e giustamente, Marx definisce la differenza fra che, per l’appunto, diventa l’unità di

lavoro concreto e lavoro astratto (o sociale) lasciando a quest’ultimo misura dei beni prodotti ma che non

il compito di fungere da misuratore di valore. può essere a sua volta misurato in

termini fisici

Sarebbe dunque questo “lavoro astratto”, per Marx, l’origine del

valore delle merci. Ciò nonostante se tentiamo di misurare questo

lavoro astratto ci scontriamo con il paradosso di misurare con un ipotetico misurato invece che con un

misurante (che per sua stessa natura e definizione non può logicamente essere misurato).

Se da una parte affermiamo dunque che il lavoro è il principio creatore del valore dobbiamo altresì esser

d’accordo sul fatto che esso stesso non possa possederne alcuno e deve essere rigorosamente distinto dalla

categoria delle merci che misura.

3.1.1.1 La determinazione del lavoro astratto

La determinazione del lavoro astratto, che non può essere logicamente misurato (lo abbiamo appena visto),

è eminentemente sociale e dipende dall’insieme del sistema economico considerato. La concezione

dimensionale del valore va quindi sostituita da una concezione più evoluta in cui il valore è definito come

una relazione di natura sociale.

È l’insieme di questi rapporti sociali che determina la relazione tra lavoro astratto (o sociale) e prodotto e

che permette dunque di esprimere il valore di scambio di una merce. Usando le parole di Marx:

“ la relatività delle merci fra loro non consiste soltanto nel rapporto in cui esse si scambiano l’una con l’altra, ma nel rapporto tra

tutte le merci e questo lavoro sociale in quanto loro sostanza

Il valore non è dunque una dimensione del prodotto, ma piuttosto la sua misura in lavoro astratto,

sociale ed il suo fondamento è la relazione di equivalenza tra merci prodotte e lavoro socialmente

necessario (questo non significa che il lavoro socialmente necessario possa essere misurato).

Pagina 5 di 39

Purtroppo, anche dopo aver praticamente negato l’esistenza di una misura dimensionale del valore (che si

presterebbe dunque a sua volta ad essere misurata), Marx non abbandona l’idea, comune a tutti gli autori

classici, che il valore vada misurato in tempo di lavoro.

Inoltre, a parte l’impossibilità di identificare il valore con una dimensione (e quindi anche con il tempo),

questa idea si scontra con il problema della riduzione del lavoro complesso a lavoro semplice (come fare a

paragonare un minuto di un avvocato con uno di una cassiera?) e quindi dell’eterogeneità dei lavori. In

di scambio come relazione tra prodotto e lavoro è

definitiva, dunque, la definizione classica del valore

accettabile solo se si abbandona ogni tentativo di misurare il lavoro in un’unità dimensionale. Abbiamo

dunque capito che il lavoro non può materializzarsi nei prodotti, pur essendo la fonte del loro valore.

3.1.2 L’analisi neoclassica

Nell’analisi neoclassica la funzione dell’utilità non si limita a definire la condizione necessaria perché le

merci siano prodotte e abbiano un valore di scambio, ma costituisce l’elemento essenziale per la

determinazione dei prezzi (relativi) ai quali le merci vengono scambiate (e quindi anche del loro valore).

Il tentativo è così quello di arrivare a esprimere numericamente i prezzi (ed il valore) delle merci mediante

la determinazione del loro rapporto di scambio; dalla relazione tra lavoro e prodotto si passa alla relazione

tra merci e l’accento si sposta dalla produzione allo scambio. Le merci giungono sul mercato dei prodotti

senza che se ne conosca il valore e spetta allo scambio determinarlo.

Lo scopo della teoria neoclassica non è semplicemente di affermare che se due merci si scambiano tra di

loro una è la misura dell’altra (che ogni scambio stabilisca un’equivalenza lo si sa fin dai tempi di Aristotele),

ma di dimostrare che il rapporto di scambio è determinato dall’equilibrio tra domanda e offerta; non si

tratta quindi di limitarsi a descrivere lo scambio, ma di determinarlo.

Distruzione della teoria in 4 righe (una critica più approfondita alla teoria neoclassica viene fatta nel

capitolo 4): è nella fase di aggiustamento tra domanda e offerta che si può parlare di processo di

determinazione dei prezzi, ma siccome in questa fase i prezzi relativi non sono ancora conosciuti, non si

capisce come sia possibile descrivere l’interazione tra due forze la cui entità non è ancora stabilita.

3.2 Moneta e valore Quando tutte le merci sono riferite

sempre alla stessa merce scelta come

3.2.1 Dalla moneta come equivalente generale alla moneta equivalente, quest’ultima diventa il

come forma­valore rappresentante universale del valore

di scambio, l’equivalente generale.

Per i classici lo scambio sul mercato dei prodotti avviene tra merci di Una merce particolare riceve la

ugual valore ed è quindi nello scambio che il valore di una merce si forma generale di equivalente,

manifesta nella sua forma più semplice (si manifesta non significa che perché tutte le altre merci ne fanno il

si determina, ma che si rende visibile qualcosa che esiste già a priori materiale della loro forma di valore

al contrario del pensiero neoclassico). Non sorprende dunque che per generale.

unitaria,

essi la moneta sia inizialmente identificata con una merce il cui ruolo

è quello di fungere da forma‐equivalente.

Per i classici la moneta avrebbe un valore, determinato prima dello scambio, derivato dal tempo di lavoro

necessario alla sua produzione (ad esempio la quantità di lavoro necessaria ad estrarre un grammo d’oro).

Per questa ragione lo scambio tra merci e moneta è visto dai classici come un semplice scambio tra oggetti

misurati.

L’introduzione della moneta quale equivalente‐generale, che avviene per i classici tramite l’arbitraria

attribuzione di un prezzo monetario al vero equivalente‐generale, ovvero il tempo di lavoro “sociale”, è

necessaria perché la misura del valore in tempo non permette di attribuire alle merci una forma numerica.

Pagina 6 di 39

Tutta la costruzione classica si basa sull’assunto che l’equivalente‐generale sia una merce misurabile (il

tempo di lavoro sociale) che viene poi associata, tramite dei prezzi monetari arbitrari, alla moneta; ma in

realtà tutto crolla perché abbiamo visto che non è possibile che il misurante sia al contempo misurabile.

Inoltre la concezione classica della moneta quale equivalente generale impedisce che i prezzi di discostino,

anche solo momentaneamente, dai valori (perché altrimenti non sarebbe rispettata la legge degli scambi

tra equivalenti) e dunque impedisce pure di spiegare la remunerazione del capitale fisso (spiegazione che

necessita un grado di libertà dei prezzi rispetto ai valori).

Negli scritti di Marx, al concetto di equivalente generale viene affiancato quello di forma‐valore. La moneta non è più identificata in

una merce, ma in una semplice forma numerica cui spetta il compito di esprimere il

valore delle merci prodotte. È però doveroso osservare che Marx non approfondì Il concetto di numerario che il padre

sua intuizione e che, malgrado fosse perfettamente a conoscenza

abbastanza questa dell’economia neoclassica Walras

delle difficoltà insite nell’identificazione della moneta con un equivalente generale che introduce negli Elementi di economia

non sia soltanto numerico, non abbandonò mai l’idea che il valore di scambio potesse pura è ambiguo, perché talvolta è

essere espresso mediante l’uso di una moneta‐merce. riferito a una merce scelta come

equivalente generale talaltra a una

3.2.2 Dall’equivalente generale al numerario semplice unità di misura numerica.

Secondo Walras è alla domanda ed all’offerta che spetta il duplice Se identifichiamo la moneta con la

merce scelta come numerario, il

compito di rendere omogenee le merci e di riferirle all’equivalente problema con il quale siamo

generale rendendo quindi possibile, poi, esprimerle anche confrontati è quello dell’unità di

numericamente. misura comune in cui tutte le merci,

numerario incluso, devono essere (lo

Questa forma numerica, espressa in termini di prezzi relativi e quindi stesso problema dei classici)

priva di una vera e propria dimensione (numero puro), verrebbe a espresse.

scambio a mano a mano che domanda ed offerta,

determinarsi nello

guidate dall’utilità attribuita dai consumatori ad una merce, neutralizzano le proprie forze nel processo di

aggiustamento verso l’equilibrio (il “luogo” in cui lo scambio effettivamente si concretizza).

Al di là dell’assurdità dell’idea di poter misurare una merce in termini di un'altra (che è più o meno come

2

misurare i Kg in m ), quello che fanno i neoclassici è associare, analogamente a quanto fatto dai classici, ad

una merce‐numerario‐misurante scelta fra la totalità di quelle prodotte, un prezzo monetario arbitrario

che esprime numericamente il suo valore per poi poter misurare numericamente il valore di tutte le altre

merci grazie alle relazioni di scambio che intercorrono fra queste e la merce‐numerario alla quale abbiamo

arbitrariamente attribuito il primo prezzo numerico (o monetario).

Purtroppo l’impossibilità logica di determinare i prezzi relativi, che vedremo in un prossimo capitolo, si

oppone al tentativo neoclassico di associare le merci ai numeri puri, ma a Walras va comunque

riconosciuto il merito di essersi rifiutato di associare il valore delle merci ad una dimensione economica

delle stesse. Per Walras, infatti, il valore è una semplice relazione di scambio tra beni prodotti che non si

identifica con alcuna dimensione tangibile ed è pura forma numerica (il numerario per l’appunto). Che il

valore non si identifichi in alcuna dimensione tangibile è vero, ma che questa relazione tra merci e

numerario sia realizzata tramite lo scambio, lo vedremo, è un’assurdità.

Inoltre va ricordato che, anche ammettendo che si potesse scegliere una merce quale equivalente

generale al quale attribuire un prezzo monetario che si ripercuotesse poi su tutte le altre attraverso lo

scambio, non significherebbe ancora in nessun caso che, in quanto unità di misura, il numerario o prezzo

monetario che dir si voglia si identificherebbe con quella merce: anche se si usa una merce come moneta, è

errato dedurre che la moneta è merce; la moneta è un semplice numero che esprime il valore di una

merce ma non può essere essa stessa una merce (

se un’azienda produce una patata che costa 1 CHF è errato dire che i

)

lavoratori possiedono 1 CHF di salario e le aziende una patata: vi è un’unica patata il cui valore è numericamente espresso in 1 CHF

L’eterogeneità dei tempi di lavoro da una parte e l’impossibilità logica di determinare i prezzi relativi

dall’altra sono la causa del fallimento del tentativo comune ai classici ed ai neoclassici di associare un

Pagina 7 di 39

numero alle merci. Bisognerà attendere fino a Keynes e alle sue unità di Le unità di salario sono l’unità di

salario prima di poter intravvedere una via d’uscita capace di condurre a misura del prodotto, e quindi le unità

una soluzione che permetta di conciliare l’esigenza della determinazione di conto di cui dispone l’economia e

ciò che ci permette di esprimere il

del valore con quella della sua identificazione con una pura relazione è il

valore dei beni prodotti: il valore

numerica. dei salari

rapporto che il pagamento

permette di stabilire tra i prodotti e

3.2.3 Le unità salario di Keynes le unità di salario (che in se e per se,

Secondo Marx “il lavoro deve produrre immediatamente il valore di senza pagamento salariale, non

hanno alcun valore).

scambio, ossia denaro. Esso deve perciò essere lavoro salariato”; è però

a Keynes che dobbiamo l’intuizione secondo cui le unità di salario (wage È quindi grazie all’intermediazione

monetaria svolta dalle banche nel

units) sono l’unità di misura del valore: nell’analisi monetaria della pagamento dei salari che i prodotti

produzione sviluppata nella Teoria generale ritroviamo l’idea classica possono essere contati in unità di

secondo cui il lavoro è l’unico fattore macroeconomico della salario (l’unità di salario in sé e per sé

produzione, ma questa volta l’espressione sociale del lavoro non è però non esprime nessun valore se non è

più riferita al tempo, ma ai salari monetari. associata al pagamento di un salario

per mezzo di una banca)

È logico che sia così perché non possiamo affermare, immaginando un’economia in cui i Solamente nel pagamento dei salari ,

salari complessivi siano 100, che lo stipendio pagato loro non ha alcun valore se non per mezzo dell’intermediazione,

nell’istante in cui i prodotti da essi fabbricati sono scambiati: I prodotti fabbricati bancaria le unità di salario diventano

valgono 100 unità di salario ancora prima dello scambio, che è esattamente quanto reddito; il reddito è dunque il

dovrebbero spendere i lavoratori se volessero acquistare le merci prodotte da loro stessi prodotto‐nella‐moneta, la quale

quantità di lavoro impiegata

(e dicendo che i salari pagati sono 100 non ci riferiamo alla (moneta) non ha però alcun valore

quanto piuttosto direttamente alla “quantità di valore” che si è generata, intrinseco in sé e per sé (il reddito

indipendentemente dalla quantità di lavoro concreto impiegata) non ha valore in sé … ESPRIME un

La misura del valore creato dal lavoro richiede quindi l’intervento valore).

della moneta in quanto forma‐valore puramente numerica che, per Ne consegue che il reddito non è il

mezzo dei salari, attribuisce questa stessa forma‐valore alle merci prezzo del prodotto, non è nemmeno

rendendole di conseguenza commensurabili. la contropartita, ma é l’espressione in

unità di salario del valore dei beni

Per Keynes, in ogni caso, l’unità di salario non è il prezzo del lavoro prodotti (ocio: non è la moneta che

(perché sennò sarebbe una merce ma noi sappiamo che in quanto esprime il valore ma il reddito!!!)

misurante, il lavoro, non può essere anche misurato) e contare il lavoro Attenzione a non confondere le unità

in unità di salario non significa misurarne il valore. di salario (che diventano reddito nel

pagamento dei salari) con la

la misura del valore richiedeva

Keynes, pur comprendendo che moneta: la moneta è distrutta una

l’intervento della moneta in quanto forma‐valore puramente numerica volta effettuato il pagamento,

che potesse associare numericamente i prodotti ed i numeri, non riuscì a mentre le unità di salario continuano

a esprimere il valore del prodotto

spiegare il modo in cui questa associazione avveniva (noi ora lo registrato contabilmente all’attivo

sappiamo: vedi box a lato). delle banche incaricate

4 Il tentativo neoclassico di determinare i prezzi dell’accreditamento dei salari.

La moneta sarebbe l’unità di misura solo

se il pagamento dei salari definisse lo

4.1 Scambi relativi e prezzi relativi scambio tra la moneta e i prodotti; in

realtà, l’operazione con la quale i prodotti

Partiamo dall’equazione seguente, che mette in relazione la domanda e sono integrati nella moneta è la

formazione dei salari. Le unità di salario

l’offerta di tavoli e la domanda e l’offerta di sedie in un mercato e definiscono il prodotto‐nella‐moneta e

cerchiamo, tramite il metodo neoclassico, di trovare il prezzo relativo non si identificano né con la sola moneta,

dei tavoli in termini di sedie: né con il prodotto.

È proprio a questo proposito che

(domanda e offerta devono essere uguali per forza) Keynes distingue bene fra la moneta

di conto e la moneta‐stock.

Cerchiamo di essere più formali e diciamo che nel nostro sistema ci sono

3 tavoli e 2 sedie e che il prezzo dei tavoli è x e quello delle sedie y,

Pagina 8 di 39 3 3

otteniamo il seguente sistema: dal momento che noi vogliamo trovare il prezzo dei tavoli in

2 2

funzione delle sedie ci accorgiamo che il sistema non è determinato e che possiamo risolverlo attribuendo

qualsiasi valore ad x e qualsiasi altro ad y senza inficiare il rispetto del sistema.

Per venire in nostro aiuto la legge di Walras ci dice però che, in un sistema in equilibrio di scambi relativi tra

due beni distinti, l’offerta di un bene equivale alla domanda dell’altro (dal momento che non ci possono

essere ne eccessi di domanda ne eccessi di offerta) e la nostra equazione può dunque essere riscritta nel

seguente modo:

3 2 , a questo punto il sistema viene risolto facilmente e troviamo che o, in altri termini, che il

2 3 0.67,

è ovvero che un singolo tavolo vale 0.67 sedie.

prezzo relativo del tavolo in sedie, in equilibrio,

Questa conclusione, purtroppo, dipende in modo decisivo dallo statuto logico della legge di Walras. È

cioè di fondamentale importanza stabilire se l’uguaglianza necessaria tra la somma delle domande e la

somma delle offerta sia una vera e propria legge o una semplice tautologia priva di qualsivoglia valore

euristico.

La legge di Walras è senz’altro valida quando viene riferita al prezzo d’equilibrio, ossia al prezzo definito

dallo scambio effettivo tra le merci offerte e domandate sul mercato. I neoclassici affermano quindi che gli

agenti modificano domanda ed offerta di beni in funzione di prezzi che possono esistere solo dopo che

questi scambiano (e che quindi non possono avere nessuna forza, nemmeno esistere, durante il processo

di aggiustamento).

La sola conoscenza di cui si possa disporre prima dello scambio è che la misura dell’offerta di sedie è

uguale alla misura della domanda di tavoli e che la misura dell’offerta di tavoli è uguale a quella della

domanda di sedie ma il sistema, fuori dall’equilibrio, non ci consente di determinare questa misura.

Uno scambio puramente immaginario (quello che a rigor di logica è l’unico a potersi verificare nel processo

di aggiustamento) non stabilisce nessuna misura comune tra sedie e tavoli e non consente di attribuire

alcun significato euristico alla legge di Walras al di fuori dell’equilibrio; inoltre questo significa che nella

fase di aggiustamento, dove i prezzi dovrebbero venir determinati, le equazioni indipendenti che formano il

sistema dell’equilibrio economico generale sono inevitabilmente indeterminate come quando eravamo

3 3 è indeterminato: da notare che, nella realtà, i prezzi delle patate sono

arrivati a dire che il sistema 2 2

noti anche PRIMA di procedere all’acquisto!!!!

4.1.1 I prezzi relativi come prezzi numerici: un’analisi critica

Gli autori neoclassici pensano di poter derivare i prezzi numerici dalle relazioni di scambio tra beni reali

attraverso la determinazione dei prezzi relativi e l’applicazione della legge di Walras alla fase di

aggiustamento tra domanda e offerta che precede lo scambio (purtroppo abbiamo visto che questa legge si

scambio): essere coscienti che l’agente A desideri scambiare 1 tavolo contro 2 sedie

applica solo nello

permette forse di stabilire un’equivalenza numerica tra 1 tavolo e 2 sedie? Assolutamente no, per la

semplice ragione che, al di fuori dell’equilibrio, la legge non stabilisce l’equivalenza dei termini di uno

scambio puramente virtuale.

La teoria neoclassica è ancorata alla nozione di prezzi relativi e non permette la determinazione dei prezzi

nella loro duplice veste di misura numerica e di rapporti tra beni distinti.

Il tentativo neoclassico di misurare i beni determinandone i prezzi relativi fallisce perché non passa, prima,

attraverso la trasformazione degli stessi in numeri. La loro eterogeneità fisica e l’assenza di una dimensione

economica misurabile oggettivamente si oppongono ad una misura diretta delle merci.

L’operazione che consente di misurare i prodotti è duplice e comporta:

Pagina 9 di 39

1. La trasformazione delle merci in numeri

2. Il conteggio o la contabilità delle merci‐numeri

4.1.2 I prezzi monetari nella teoria neoclassica

In conformità con il postulato di omogeneità, per i neoclassici la moneta non farebbe altro che interporsi

nello scambio diretto tra sedie e tavoli, senza modificare i termini dello scambio reale, ma scomponendolo

in due operazioni complementari: vendita e acquisto.

Pur supponendo che il prezzo relativo di sedie e tavoli possa essere determinato nel momento in cui A

vende il suo tavolo per 10 unità di moneta, com’è possibile che il suo successivo acquisto di sedie definisca

lo stesso prezzo relativo? La vendita del tavolo e l’acquisto delle sedie avvengono in due momenti, cronologicamente

separati. Sono quindi diverse le sedute di mercato che corrispondono a queste due transazioni. E siccome ogni seduta di mercato

determina i suoi prezzi d’equilibrio, non si vede perché quelli determinati nella fase in cui il tavolo è venduto debbano

corrispondere a quelli della fase in cui le sedie sono acquistate.

L’invariabilità nel tempo dei prezzi relativi non è un postulato della teoria neoclassica, né potrebbe

logicamente esserlo. Ne consegue che il prezzo monetario delle sedie non è determinato da quello dei

tavoli. Tra una seduta di mercato e l’altra, le preferenze dei consumatori possono cambiare e così i prezzi

relativi. Siccome non possiamo imporre l’inalterabilità nel tempo dei prezzi relativi, siamo costretti a

concludere che i prezzi monetari non possono essere considerati come la semplice trasposizione

monetaria dei prezzi relativi.

Si può sostenere che la moneta è un intermediario che consente di scindere il baratto in due operazioni

distinte. La separazione tra vendita e acquisto impedisce però di ridurre i prezzi monetari a un simulacro di

quelli relativi e ci obbliga ad abbandonare la teoria dell’equilibrio economico generale per approfondire

l’analisi dei prezzi assoluti.

4.2 La misura numerica dei beni

L’economia diventa l’oggetto di una scienza esatta soltanto se le merci sono trasformate in numeri e il

merito della teoria neoclassica è quello di aver reso esplicita questa necessità; infatti la trasformazione

delle merci in numeri è la condizione necessaria e sufficiente per consentire l’introduzione di un’unità di

misura invariabile e per fare dell’economia una scienza esatta.

Il tentativo neoclassico fallisce perché basato sull’ipotesi che alla scienza economica si possano applicare gli

stessi strumenti della matematica:

Le operazioni matematiche presuppongono un’omogeneità che è propria dei numeri, ma che non può essere arbitrariamente

attribuita ai beni reali. È vero, come intuito da Walras, che attraverso i prezzi, i beni reali possono essere espressi numericamente e

resi così omogenei, ma i prezzi numerici non sono derivabili dai rapporti di scambio tra prodotti fisicamente eterogenei. Non è

legittimo, anzi diremmo assurdo, supporre che il rapporto tra un tavolo e un altro sia del tutto paragonabile al rapporto tra due

coefficienti numerici uguali e dia quindi 1 come risultato (e che quindi i tavoli scompaiano). È logicamente possibile supporre che da

x tonnellate di grano si possa passare al numero puro x? Una dozzina di autocarri (identici) sono forse uguali al numero dodici?

La sovra‐determinazione del sistema d’equazioni preposto alla determinazione dei prezzi relativi ci

dimostra che i prezzi numerici non sono prezzi d’equilibrio e non è lo scambio relativo a trasformare le

merci in numeri.

La soluzione al problema posto da Walras, ovvero come associare numeri puri ai beni, richiede

l’introduzione di un numerario che non sia un bene reale: la moneta bancaria.

La moneta bancaria in quanto tale non è altro che una forma numerica, del tutto a‐dimensionale e priva di

qualsiasi valore intrinseco. Perché questa forma numerica svolga la sua funzione e diventi il numerario dei

beni prodotti è però necessario che moneta e beni reali vengano associati, che i prodotti diventino cioè il

contenuto reale della forma numerica chiamata moneta. È quindi giunto il momento di approfondire

l’analisi dell’integrazione tra prodotto e moneta ottenuta attraverso la monetizzazione della produzione.

Pagina 10 di 39

5 La produzione

5.1 La produzione nelle teorie dominanti: un’analisi critica

5.1.1 Produzione e valore nella teoria fisiocratica

Secondo una lettura tradizionale del Tableau économique di Quesnay, la Natura sarebbe l’unico fattore

capace di generare un prodotto netto (

importante: conformemente alle leggi termodinamica ed all’equivalenza fra massa

):

ed energia è impossibile che quanto erogato dal processo di produzione sia superiore a quanto immesso

• Gli agricoltori sono la classe produttiva

• Gli artigiani sono la classe dei trasformatori

trasformano le materie prime in prodotti finiti senza attribuire

loro alcun valore aggiunto

• I proprietari fondiari sono la classe aristocratica

consuma parte dei beni prodotti o trasformati dalle altre due

classi ottenuti grazie alla rendita

L’immagine rappresenta lo schema di Quesnay supponendo che gli aristocratici dispongano di un capitale

monetario iniziale di 2 miliardi. Alcune considerazioni:

• Si vede benissimo come gli artigiani vendano i prodotti manufatti per 2 miliardi, anche se il valore delle

materie prime che entrano nella loro produzione è soltanto di 1 miliardo (frecce gialle e verde).

Secondo l’interpretazione tradizionale della produzione come processo fisico, si potrebbe sostenere che il valore dei

manufatti è effettivamente di 2 miliardi perché, oltre al valore delle materie prime (1 miliardo), si deve tener conto dei

prodotti agricoli necessari al sostentamento degli artigiani e alla riproduzione della loro capacità lavorativa; in questo senso

nasce l’idea di consumo produttivo, che indica che l’attività lavorativa degli artigiani è nel contempo l’effetto del loro

consumo di prodotti agricoli e la causa dei prodotti manufatti. Identificare il consumo con la produzione e la produzione con il

consumo non è però una soluzione soddisfacente. Il consumo è il contrario della produzione. Com’è possibile allora

sostenere che il consumo di prodotti agricoli equivale alla produzione di manufatti?

Com’è possibile sostenere che l’autoconsumo di prodotti agricoli riesca a non far diminuire il valore

complessivo della produzione?

L’unica soluzione che permette di giustificare lo schema proposto da Quesnay è basata sull’idea che il

lavoro sia anch’esso creatore di valore. Il lavoro inteso come fattore della produzione non è all’origine di

nuova materia o energia, ma di un “valore” che né Quesnay, né i fisiocrati hanno saputo identificare.

5.1.2 L’analisi neoclassica

Secondo Walras, il prezzo del prodotto nazionale è determinato da uno scambio relativo fra prodotto e

servizi produttori, partendo dall’ipotesi che i servizi produttori siano beni reali. L’indeterminazione del

sistema che ne consegue, analoga a quanto visto nel capitolo 4.1, lascia spazio a una sola conclusione,

logicamente necessaria: il prezzo del prodotto nazionale non può essere stabilito sulla base dell’ipotetico

scambio (relativo) tra prodotto e servizi produttori.

5.1.3 L’analisi delle immissioni­erogazioni o analisi input­output

Sraffa, nel suo Produzione di merci a mezzo di merci, riprende l’analisi input‐output, resa famosa da

Leontief, e tenta di dimostrare che i rapporti di produzione sono in grado di sostituirsi a quelli dello

scambio, consentendo di stabilire precise relazioni di equivalenza tra beni fisicamente eterogenei. L’idea è

che i metodi di produzione determinano un’unica serie dei valori di scambio che, se adottati dal mercato,

permettono di ristabilire la distribuzione originaria dei prodotti, creando così le condizioni necessarie

perché il processo possa rinnovarsi.

Pagina 11 di 39

A lato riproduciamo la tabella utilizzata da Sraffa per

rappresentare i flussi fisici di 3 merci implicate nella

produzione delle stesse merci, considerazioni:

• Sraffa parte dall’ipotesi che il sistema si trova nello stato reintegrativo, e cioè che produca tutto quanto è necessario per

reintegrare le scorte iniziali di ciascuna merce.

• A partire dallo stato reintegrativo e dalla tabella egli deduce che 10q di grano = 1t ferro = 2 porci: ovvero gli unici rapporti fra le

merci che consentano al sistema di reintegrarsi.

• Sraffa utilizza il segno + tra beni fisicamente eterogenei ma almeno evita l’= alla fine delle equazioni (crede che la

determinazione di una ragione di scambio che assicura la ricostituzione delle scorte originarie presso ciascuna industria sia

sufficiente a rendere le merci omogenee, ma rinuncia in ogni caso, lasciando via l’=, a derivare una serie di equazioni da rapporti

tecnici fra beni fisicamente eterogenei)

Il metodo non si differenzia sostanzialmente da quello di Walras e si appresta dunque alle stesse critiche,

prima fra tutte: non è forse vero che i rapporti di scambio proposti da Sraffa non sono altro che la

definizione dello stato reintegrativo? Se così è, non è possibile trovare in Sraffa alcun sistema di

determinazione dei prezzi e ritroviamo così il circolo vizioso della teoria neoclassica: le equazioni possono

essere scritte solo a condizione che si conoscano i prezzi che queste dovrebbero determinare (per Sraffa

questo non è un problema solo perché crede che i rapporti di produzione siano imposti dal sistema stesso).

Nella versione riproposta da Pasinetti le righe possono

essere sommate in quanto trattano quantità

“omogenee” (

la prima riga ci dice che 240g di grano + 90 g di

) ma le colonne no (

grano + 120 g di grano = 450g di grano la

prima colonna ci dice che per ottenere 450g di grano occorrono 240g

), ed infatti Pasinetti rinuncia giustamente ad usare il segno + nelle colonne.

di grano, 12t di ferro e 18 kg di tacchini

Poi, per distinguere consumi da investimenti (cosa

che Sraffa non fece) Pasinetti introduce il settore

finale (

una riga che esprime il flusso di lavoro in ciascuna

industria espresso in uomini anno, ed una colonna che esprime i

).

consumi totali di ciascuna merce, espressi in termini fisici

A questo punto il sistema sembra in grado di mettere in evidenza l’esistenza di un prodotto netto (nelle

parole di Pasinetti un reddito nazionale netto, ovvero le 60 ore di lavoro che risultano nella colonna a

destra ma che non figurano nell’ultima riga quale consumo) e la riproduzione di uno stato stazionario

(stato reintegrativo per Sraffa).

La tabella va però corretta nella tavola 5.4 in quanto le

60 ore di lavoro finale sono il risultato del consumo di

180g di grano e 30kg di tacchini … di modo che nessun

prodotto netto, logicamente, può essere derivato da

nessuna di queste tabelle.

5.2 Produzione, funzioni di produzione e tempo

L’analisi più diffusa della produzione è riconducibile alla teoria neoclassica e all’elaborazione delle

cosiddette funzioni di produzione. Semplificando, possiamo affermare che le funzioni di produzione sono

rappresentazioni matematiche del saggio di produzione di una merce relativamente ai fattori che entrano

come input nel processo produttivo (generalmente, lavoro e capitale) e del tempo che questi fattori

utilizzano. Ritroviamo quindi, per le funzioni di produzione, lo stesso problema dell’eterogeneità fisica (ma

ignoriamolo per un momento ed andiamo oltre).

La produzione è in generale considerata un’attività di trasformazione e quasi unanimemente descritta

come un processo che si svolge nel tempo continuo e il cui risultato è funzione del periodo durante il

quale è svolta tale attività.

Pagina 12 di 39

Per semplificare manteniamo costante il capitale e rappresentiamo la funzione di produzione nel modo

seguente (ipotizzando che l’efficacia marginale del lavoro sia decrescente otteniamo che il prodotto è una

funzione decrescente del tempo continuo):

Facciamo subito notare come sia il prodotto finale sia il lavoro sono misurati in

quantità fisiche anche dopo che all’inizio del riassunto abbiamo dimostrato come sia

impossibile misurare quantità oggi più che mai “astratte” di lavoro in termini fisici.

Il prodotto sarebbe dunque l’integrale della produzione su un lasso di tempo. Ciò è

dovuto essenzialmente alla produzione concepita come un’attività di trasformazione

alla quale è possibile applicare i principi validi in campo fisico, in particolare nella

meccanica classica. In questa rappresentazione vale dunque l’analogìa:

prodotto = produzione * ∆t → distanza = velocità * ∆t

Purtroppo, sebbene sia possibile distinguere concettualmente la produzione (un’attività) dal suo risultato (il

prodotto) così come è possibile in fisica distinguere la velocità dalla distanza, produzione e prodotto sono i

due termini di un’identità poiché si misurano l’un l’altro (la produzione è ciò che misura il prodotto):

un auto il

Il prodotto è una misura della produzione e la produzione lo è del prodotto (se abbiamo prodotto

cui valore è misurato in 100CHF non possiamo non affermare che anche la produzione equivale a 100CHF);

quindi, in realtà, la relazione fra produzione e prodotto è la seguente:

prodotto = produzione * 1

Mentre è possibile determinare la velocità (istantanea) prima che uno spazio finito sia effettivamente

percorso, è impossibile conoscere il valore della produzione (istantanea) senza riferirsi al prodotto ottenuto

in un periodo di tempo non nullo): in fisica possiamo affermare che un automobile che viaggia a 100 km/h ha una velocità

istantanea di 100km/h, ma sarebbe folle affermare che una produzione di 100 auto/ora equivalga ad una produzione istantanea di

100auto/h ogni

100auto/h (se facessimo così dovremmo ammettere che la produzione di auto in 1 secondo sia infinita perché

istante con infiniti istanti in 1 secondo ci darebbe una produzione di 100*∞ = infinito)

In un senso preciso, la produzione è dunque un’azione, come la velocità, ma, al contrario di questa, la sua

azione non si esercita in modo continuo in ogni istante del periodo di tempo al quale si riferisce. La

produzione è un avvenimento istantaneo che si riferisce a un periodo di tempo finito.

5.3 La produzione come processo macroeconomico di creazione

Come abbiamo visto, la produzione è un’operazione istantanea definita dal suo stesso risultato: il

prodotto. Soltanto riferendosi alla relazione d’identità tra moneta e prodotto è possibile analizzare la produzione in quanto

fenomeno economico. Keynes lo aveva intuito: fa testo il costante richiamo alla necessità di esprimere il valore del prodotto in

unità di salario e di considerare il lavoro come l’unico fattore macroeconomico della produzione.

Il pagamento di terra e di capitale richiede la spesa di un reddito preesistente, mentre il pagamento del

lavoro porta alla nascita di un reddito dapprima inesistente (

ecco perché il pagamento dei salari è l’unica operazione

).

che può portare alla nascita di reddito, l’unico fattore macroeconomico della produzione

È lo scambio assoluto tra moneta e prodotto (che avviene nel momento del pagamento dei salari) che

trasforma il prodotto reale in una somma di moneta‐reddito.

Affermare che il reddito corrisponde o equivale al prodotto è errato, perché il reddito non è la

contropartita monetaria del prodotto, ma la sua stessa definizione economica. Letteralmente parlando, il

reddito è il prodotto reale perché definisce l’unità della moneta e del suo contenuto reale e nel contempo quella del prodotto e

.

della sua forma monetaria Se reddito e prodotto fossero due entità distinte sarebbero cumulabili e la produzione avrebbe la

.

facoltà di creare due volte più ricchezza (reddito+prodotto) di quanto logicamente consentito Come i contabili nazionali ben

sanno, prodotto nazionale e reddito nazionale sono invece i termini di un’identità: il prodotto nazionale è l’aspetto reale del reddito

.

nazionale e il reddito nazionale è l’espressione monetaria del prodotto nazionale

Pagina 13 di 39

Se da un punto di vista prettamente fisico vige la legge di Costi macroeconomici della produzione

Lavoisier, secondo la quale tutto è trasformazione in economia, (solo i salari):

invece, si attribuisce a materia ed energia una nuovo forma‐ costi di produzione non coperti dalla

utilità. L’uomo concepisce le nuove forme‐utilità ed è mediante il spesa di un reddito preesistente. La

suo lavoro che si realizza l’unità tra forma e contenuto: copertura di questi costi definisce nel

contempo una formazione e una spesa di

• Il prodotto “reale” nasce all’istante preciso in cui reddito: il reddito formato nel momento

materia ed energia acquistano la forma‐utilità che in cui i salari sono pagati è

istantaneamente prestato dai lavoratori

l’uomo ha già concepito idealmente o astrattamente alle aziende,

alle banche e dalle banche

solo nel momento in cui l’ultimo bullone è stato appiccicato alla che alimentano così il pagamento dei

macchina: un istante prima non possiamo logicamente parlare di salari.

mezza macchina perché il prodotto è la macchina nella sua interezza

ed esiste solo a partire dall’istante in cui è completa, non prima Costi microeconomici della produzione:

costi di produzione coperti dalla spesa di

• In termini monetari, il prodotto nasce quando, un reddito preesistente

attraverso il pagamento del lavoro, viene attribuita Quanto di tempo:

un’espressione numerica alla forma‐utilità. periodo richiesto dalla produzione fisica

delle nuove forme‐utilità. Emettere il

La produzione in quanto creazione non ha alcun costo, né ‐t sotto forma di

periodo di tempo t

microeconomico, né macroeconomico. Produrre significa 0 1

quanto significa effettuare un’operazione

attribuire una forma numerica a beni e servizi trasformandoli da istante, permetta di

che, in un solo

oggetti fisici in merci. A partire dal momento in cui il risultato ripercorrere t ‐t in un movimento

0 1

della produzione non è più concepito solo come oggetto fisico ma ondulatorio di flusso‐riflusso.

come l’unità del prodotto fisico con la sua forma numerico‐

monetaria (come prodotto‐nella‐moneta), si capisce bene che l’intero prodotto è un prodotto netto. Il

reddito generato dalla produzione è in effetti un prodotto interamente nuovo, risultato dello scambio

assoluto tra prodotto e moneta.

5.3.1 Il tempo quantico

La natura della moneta bancaria ci conduce senza scampo alla conclusione che, da un punto di vista

prettamente economico, la produzione è un avvenimento istantaneo con il quale viene attribuita forma

monetaria al prodotto che è così emesso come un tutto indivisibile.

Il semplice fatto che il processo di produzione in fisica richieda tempo mentre in economia la produzione sia

dei salari si riferisce a un periodo di tempo non nullo

istantanea basta per affermare che il pagamento

che, proprio perché colto in un solo istante nella sua interezza, può essere definito un quanto di tempo.

In altre parole, l’emissione di moneta che si identifica col flusso di pagamento dei salari copre

istantaneamente un periodo di tempo finito, lo emette come un quanto. È in questo senso preciso che

Schmitt parla della produzione come fenomeno quantico, come un evento che quantizza il tempo.

L’emissione del prodotto‐nella‐moneta cattura l’aspetto corpuscolare della produzione, mentre l’aspetto

ondulatorio è rappresentato dal flusso monetario che, nel pagamento dei salari, ripercorre

istantaneamente, in un movimento di va‐e‐vieni, l’intero periodo corrispondente al lasso di tempo

necessario per trasformare materie prime ed energia nel prodotto finito.

L’istantaneità della produzione e il suo riferirsi a un periodo di tempo cronologico positivo aprono poi la

strada all’idea che la produzione sia un’emissione di tempo quantico.

Emettere tempo non significa crearlo, ma ripercorrerlo

istantaneamente. Dire che la produzione quantizza una

porzione di tempo continuo (cronologico) vuol dire che essa

emette tempo continuo sotto forma di un’unità insecabile, un

quanto di tempo.

Pagina 14 di 39

6 Consumo, prezzi e valori

6.1 Il consumo

Per i fisiocratici il consumo è ancora considerato un fenomeno fisico. Per i classici è il fine ultimo della

produzione mentre gli autori neoclassici lo hanno analizzato solo all’interno della teoria microeconomica

della domanda, sempre con un’accezione fisica. Solo a partire da Keynes si collega esplicitamente il

consumo alla spesa del reddito, aprendo la strada alla sua analisi macroeconomica.

La relazione introdotta da Keynes è l’identità tra reddito e spesa per consumo e investimento. (1)

del reddito: l’analisi keynesiana

6.1.1 Il consumo come funzione

Per i keynesiani la relazione (1) è una condizione di equilibrio: l’uguaglianza tra R e C+I si verifica solo per

un determinato valore, chiamato reddito d’equilibrio. L’identità è dunque trasformata in un’equazione da

inserire in un sistema per il quale l’offerta globale (misurata dal reddito) è uguale alla domanda globale.

Essendo due le incognite presenti nell’equazione (1) è necessaria un’altra equazione indipendente, perché

una soluzione sia possibile. Questa seconda equazione si riferisce alla funzione di consumo e prende la

forma seguente (1)

(2)

Due osservazioni (nel grafico gli investimenti sono supposti costanti e sommati alla (2) per ottenere la

funzione di domanda aggregata:

a) trasformare l’identità di Keynes in condizione d’equilibrio riduce la determinazione del reddito a una questione di equilibrio

tra domanda e offerta e

b) in economia il consumo si riferisce al reddito disponibile, cioè alla spesa del reddito per l’acquisto finale del prodotto;

è comunque positivo è un grave errore (assenza di reddito significa nessun

affermare che in assenza di reddito il consumo

consumo).

R : dato che il consumo in corrispondenza a un

APPRESENTAZIONE DEL MODELLO

reddito nullo non può non essere che nullo, la funzione del consumo deve

partire dall’origine. Lo stesso vale per la funzione d’investimento (cioè reddito

speso nella produzione di beni di investimento). Ne consegue che la funzione

di domanda aggregata parte dall’origine e quindi nessun reddito d’equilibrio è

determinabile.

Questa conclusione è rafforzata dall’analisi della teoria del moltiplicatore le cui ipotesi sono:

1) la spesa del reddito riproduce reddito e

2) parte del reddito è risparmiata e non è più disponibile

(tesorizzazione).

Un investimento di natura esogena è all’origine di una serie decrescente (a

causa del risparmio) di redditi indotti, tanto maggiore quanto più è elevata

la propensione marginale al consumo. Vediamo il coefficiente di

moltiplicazione: k = 1/(1‐c) (3)

Il valore complessivo del reddito ottenuto grazie all’investimento iniziale ΔI è dato da:

∆ .∆ (4)

Pagina 15 di 39

L’importanza per i keynesiani del moltiplicatore è dovuta alle ricadute positive di un intervento dello Stato in caso di

sottooccupazione. Supponendo un intervento dello Stato di 100, in grado di raggiungere il pieno impiego nel primo periodo, per lo

Stato sarebbe sufficiente, nei periodi successivi, degli investimenti di 20, che vanno a rimpiazzare il reddito perso a causa della

100 (80 è il reddito indotto).

tesorizzazione; in questo modo il reddito disponibile sarà sempre di

Verifichiamo ora l’infondatezza della teoria del moltiplicatore:

• L’idea che il risparmio sia tesorizzato (cioè che vi è una formazione materiale di un tesoro) non è

accettabile perché, come ci insegna la teoria della moneta bancaria, la totalità dei redditi è depositata

viene risparmiata è giocoforza prestata per finanziare una

nelle banche e la parte di reddito che

spesa equivalente. La tesorizzazione è dunque un concetto privo di fondamenta. Anche il fatto di tenere le

banconote sotto il materasso non porta a una tesorizzazione del reddito, ma ad una diminuzione di titoli monetari disponibili;

infatti dietro a ogni banconota vi è un deposito alla banca centrale, che non è annullato nemmeno se la banconota fosse

La teoria verrebbe dunque applicata a un reddito mantenuto costante e l’effetto moltiplicativo

distrutta.

sarebbe miracolosamente infinito!!

• La teoria è contraddittoria: se da una parte accetta che il reddito di oggi è generato dalla spesa del

reddito di ieri, d’altra parte introduce dei redditi autonomi, la cui origine non è legata alla spesa di

alcun reddito. Se vogliamo salvaguardare la coerenza logica e la simmetria della teoria, il reddito di un

periodo è generato dalla spesa del reddito del periodo precedente e dovremmo quindi tornare indietro

nel tempo all’infinito!! Non possiamo accettare che la spesa di reddito generi reddito.

• Sostituendo l’idea della tesorizzazione con il rimborso dell’investimento iniziale tramite le imposte

per cercare di giustificare i redditi indotti decrescenti, il coefficiente di moltiplicazione diventa uguale

a 1 (se tolgo 100 ad alcuni per finanziare l’investimento e quindi li do ai disoccupati, il reddito

disponibile non aumenta ma rimane uguale).

6.1.2 Il consumo come distruzione di reddito: l’interpretazione quantica

Affermando che l’offerta globale (R) è sempre uguale alla domanda globale (C+I), Keynes sottolinea come la

totalità del reddito sia spesa per l’acquisto finale di beni di consumo e di investimento.

Mentre la produzione porta alla creazione di un nuovo reddito, il consumo ne determina la spesa finale e

la distruzione: produrre significa associare prodotto e forma monetaria (prodotto‐nella‐moneta) mentre consumare significa

.

estrarre il prodotto dall’involucro monetario e restituirlo al mondo fisico come valore d’uso

Produzione e consumo formano un’unità: “Tutta la produzione positiva definisce immediatamente un

consumo positivo e uguale” (Schmitt, che parla di production‐consommation). La necessità logica che

produzione e consumo siano contemporanei sembra in contraddizione con la realtà (produzione e consumo

sono separati nel tempo cronologico: il reddito formato in t* è consumato in t ).

2

La conciliazione tra la separazione cronologica di consumo e produzione con la necessità della loro

simultaneità è possibile grazie alla distinzione tra tempo cronologico e tempo quantico: separati nel

tempo continuo, produzione e consumo coincidono nel tempo quantico.

Il consumo (operazione istantanea come la produzione)avviene nell’istante in cui il prodotto abbandona la

sua forma monetaria; nel consumo un deposito bancario si annulla (inversamente con ciò che accade nella

produzione).

Il consumo del prodotto formatosi a t* è il consumo del prodotto‐nella‐moneta che corrisponde

all’emissione del periodo t ‐t ; il consumo ripercorre, nello stesso istante e in maniera ondulatoria, il

0 1

medesimo periodo della produzione; in altre parole il consumo quantizza il medesimo lasso di tempo

precedentemente quantizzato dalla produzione. Quindi produzione e consumo coincidono nel tempo

quantico.

L’unità di consumo e produzione risulta più chiara se ci si riferisce alla definizione economica di prodotto,

materia, né lavoro materializzato). Risultato istantaneo di un

concepito come quanto di tempo (né

Pagina 16 di 39

movimento ondulatorio che percorre in entrambi i sensi il periodo di trasformazione fisica, il prodotto è

emesso positivamente e negativamente confermando che il consumo è associato alla produzione.

Il consumo coincide retroattivamente con la produzione, poiché le operazioni definiscono l’emissione dello

stesso quanto di tempo. Grazie alla moneta il prodotto può essere espresso numericamente e consente al

consumo di modificare retroattivamente la produzione; cioè grazie alla moneta il consumo può essere

separato cronologicamente dalla produzione e ciò che all’inizio è composto di soli beni‐salario è suddiviso

retroattivamente in altre categorie di beni, senza però opporsi all’identità tra produzione e consumo.

Il reddito creato al momento della produzione non sussiste in quanto tale tra l’istante della sua

formazione e l’istante della sua spesa finale. Il reddito come il prodotto da esso definito ha un’esistenza

istantanea, ma la presenza della moneta permette di gettare un ponte tra il presente e il futuro,

conciliando così l’esigenza di rispettare la simultaneità tra produzione e consumo e la necessità di

accordare un grado di libertà al consumo rispetto alla produzione. Perché il reddito in quanto tale non

sussiste tra l’istante della sua formazione e l’istante della sua spesa finale?

Per rendere, FORSE, più chiare le cose vediamo un esempio (inventato a tavolino per provare a spiegare in

altre parole cosa succede):

Immaginiamo che l’azienda produca

un’auto e che vengano pagati i salari di

100 a chi l’ha prodotta: nello stesso

istante in cui sono pagati i salari si crea

il reddito e ci si dà il prodotto (quanto

di tempo).

Questo reddito sarà speso dai lavoratori

in un tempo cronologico successivo. Ciò

nonostante, al momento stesso della sua

creazione, per mezzo

dell’intermediazione delle banche, è

prestato alle aziende che lo “spendono”

per comprare il prodotto dei lavoratori

che essi stessi non hanno ancora potuto

o voluto comprare: in questo senso

l’esistenza del reddito è istantanea così

come lo sono produzione e consumo

(abbiamo quindi dimostrato che

produzione e consumo coincidono anche

nel tempo cronologico senza bisogno che i lavoratori decidano di spendere il proprio reddito).

A questo punto il reddito è “speso” dalle aziende, ma il deposito bancario non è ancora stato annullato ed ai lavoratori rimane

ancora un numero (corrispondente al capitale delle aziende) che gli consentirà però di consumare lo stesso reddito in un periodo

successivo.

Non possiamo ovviamente affermare che il reddito sarà speso due volte, ma siccome in entrambe le occasioni il consumo si rifà

allo stesso quanto di tempo diremo che, nel tempo quantico, i due momenti cronologici distinti coincidono, sono la stessa cosa: è

per questo che affermiamo che il consumo futuro dei lavoratori modificherà in modo retroattivo quello che non è stato

“completamente” consumato nel periodo precedente (le virgolette stanno a indicare che il reddito è stato si utilizzato nel passato

ma allora non aveva ancora potuto annullare il deposito bancario … vi è stato un consumo nel passato che è però stato ridefinito

retroattivamente nel futuro … ma che in sostanza era già consumo anche nel passato).

6.2 Consumo, prezzi e valori

I prezzi coincidono sempre obbligatoriamente con i valori? I classici hanno espresso questa identità nella

legge dello scambio tra equivalenti (i prezzi si allineano ai valori e non godono di nessun grado di libertà).

Per i neoclassi i prezzi (determinati nello scambio) e i valori sono termini di un’eguaglianza necessaria.

Come è allora possibile che prezzi e valori coincidono e allo stesso tempo si formano i profitti?

Pagina 17 di 39

Secondo la teoria classica del plusvalore (Marx) dato che le merci sono vendute al loro valore, non vi

sarebbe alcun profitto se anche il lavoro fosse una merce (i salari rispetteranno il valore del lavoro); per

questo motivo, secondo i classici, i lavoratori vendono una merce particolare: la forza‐lavoro, il cui valore è

misurato sulla base delle merci necessarie a riprodurre la capacità lavorativa.

In questo modo, oltre a vendere la forza‐lavoro i salariati lavorano per produrre merci che cedono

gratuitamente all’azienda (

es: se per riprodurre la capacità lavorativa fossero necessarie 6 ore, il salario sarà di 6 ore; facendo

).

lavorare per 8 ore, l’azienda ottiene un prodotto di 8 pagando 6, ottenendo quindi un plusvalore di 2

Tuttavia il plusvalore non potrà essere venduto, perché non vi è a disposizione un reddito sufficiente

all’acquisto di tutto il prodotto ( ) e quindi non è in

nelle’esempio: se i salari sono 6, si potranno acquistare solo 6 e non 8

realtà possibile differenziare lavoro e forza‐lavoro.

L’analisi dei neoclassici (proposta da Walras) riduce il profitto al reddito del capitale, identificandolo con

gli interessi. La spiegazione dei profitti normali si spiega considerando il capitale come fattore della

produzione e il profitto come retribuzione di questo fattore, quindi nello stesso modo in cui il lavoro crea

un reddito (i salari).

Il fatto che il capitale incrementi la produttività fisica del lavoro è fuori dubbio, ma perché possa essere

considerato fonte di valore è necessario che la sua remunerazione porti alla creazione di reddito (e

purtroppo solo i salari, lo abbiamo visto, sono capaci di generare reddito in quanto l’acquisto di capitale

richiede la spesa di un reddito ed è impossibile che il pagamento degli interessi avvenga accreditando

direttamente il capitale).

Oltre che sull’identità tra prezzi e valori, l’analisi del profitto deve dunque fondarsi sul fatto che il salario é

l’unico reddito. Keynes nella teoria generale concepisce il profitto come un reddito, ma che non si aggiunge

ai salari nel definire il reddito nazionale (di cui però fa parte). Ciò significa che i profitti (in generale i redditi

non salariali) non possono che essere derivati dai salari. Resta però da definire come, inizialmente

depositato a favore dei soli lavoratori, il reddito salariale sia poi in parte trasferito all’azienda senza che ciò

comporti una trasgressione alla legge dell’identità tra prezzi e valori.

C : la formazione dei redditi non salariali deve essere spiegata riferendosi nel contempo ai

ONCLUSIONE

processi di produzione e di circolazione e, inoltre, rispettando:

a) la legge di identità tra prezzi e valori

b) la legge dell’identità tra salari e reddito nazionale

c) la legge dell’identità tra produzione e consumo.

7 Profitti, risparmi e investimenti

7.1 La teoria del profitto

Punto di partenza: per realizzare un profitto le aziende devono vendere la produzione a un prezzo

superiore ai costi. Com’è dunque possibile che i titolari di reddito acquistino tutto ciò che è prodotto se le

aziende lo vendono a un prezzo superiore ai salari, considerato che il reddito disponibile corrisponde ai

salari?

Esempio: se la produzione ha un valore di 100 e le aziende fissano un prezzo di 200, i titolari di reddito

possono acquistare solo la metà del prodotto (pagano 100 e ricevono 50); 50 unità di salario sono trasferite

invenduti?

alle aziende, ottenendo un profitto di 50. Cosa capita ai prodotti

Pagina 18 di 39


ACQUISTATO

4 volte

PAGINE

39

PESO

1.42 MB

AUTORE

aigim

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in Scienze economiche
SSD:

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher aigim di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Economia e politica monetaria e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Università della Svizzera italiana - Usi o del prof Cencini Alvaro.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in scienze economiche

Riassunto esame Macroeconomia, prof. Blanchard, libro consigliato Macroeconomia
Appunto
Riassunto esame Economia Aziendale, prof. Colombo, libro consigliato Economia, Organizzazione e Management di Giuliani
Appunto
Riassunto esame Teoria finanziaria, prof. Barone-, libro consigliato Investments, Bodie, Kane, Marcus
Appunto
Bilancia Dei Pagamenti, Politica economica
Appunto