Che materia stai cercando?

Economia ed organizzazione aziendale - l'organizzazione Appunti scolastici Premium

Appunti di Economia ed organizzazione aziendale per il corso del professor Ancarani. Gli argomenti trattati sono i seguenti: la definizione personale di organizzazione, la definizione intuitiva, la definizione classica, la definizione avanzata, la differenziazione, l'interdipendenza, la struttura organizzativa.

Esame di Economia ed organizzazione aziendale docente Prof. A. Ancarani

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

• Efficacia: grado di raggiungimento degli obiettivi prefissati

• Efficienza: rapporto risultato/risorse

Line

Ogni subordinato dipende da una sola autorità superiore; c’è relazione diretta tra autorità e responsabilità, nonché

continuità di autorità. Esistono 2 tipi di line:

1) secondo autorità => gerarchia

2) secondo specializzazione => prevale la componente legata alle competenze

Staff

Specialisti con funzioni senza autorità formale ma con autorità funzionale (“è quello che se ne capisce”) e forniscono

supporti specialistici (es.: ufficio tempi e metodi).

La razionalità organizzativa si occupa dei mezzi e non dei fini, che sono esogeni.

Principi base:

• impersonalità: prestazioni prestabilite per tutti, quindi regole espresse, formalizzate ed astratte

• competenza: conoscenza specializzata di tipo procedurale

Struttura: insieme delle modalità con cui ogni organizzazione si gestisce, ovvero governa i processi di:

• differenziazione

• integrazione

5 Modelli di strutture

Si distinguono sulla base dei diversi criteri utilizzati per garantire differenziazione ed integrazione.

Funzionale Divisionale a Matrice

• • •

specializzazione per funzioni Detta anche forma ad M specializzazione multipla

• • •

livelli organizzativi: Specializzazione per output (area, livelli organizzativi:

1. direzione generale prodotto, cliente) 1. direzione generale

2. dip. Funzionali 2. organi sui lati della matrice

C’è un livello in più tra 1) e 2):

3. U.O. (unità operative) 3. U.O. (unità operative)

1a) divisioni

• •

Line è gerarchico e verticale decentramento

Decentramento di responsabilità di

• •

Lo staff è orizzontale risultati economici. mancanza di unità di comando

Lo staff è alle dipendenze della

direzione generale. Svantaggi: Vantaggi: Svantaggi:

Vantaggi: Vantaggi: Svantaggi:

• • •

• • •

Integrazione Orientamento Elimina le eco.

Max. Combinazione Doppia

al risultato

specializzaz. per gerarchia: di scala nelle incrociata di dipendenza e

• U.O.

tempi lunghi. funzione e doppia catena

Privilegia

Sfrutta al max. • • risultato di comando

l’interdipenden

eco. di scala Eccessiva Rende difficile •

• -za ed il

specializzaz. integrazione e Perdita di

Distinta

Rete • coordinamento tempo

standardizzaz. collocazione di

comunicazione Rischio di •

interfunzionale tra le diverse problemi Conflitti per il

e decisione elevati costi di • linee di diversi

semplice coordinamento Maggiore bilanciamento

prodotto

(gerarchia) orizzontale. flessibilità Stabilità agli del potere

• • •

perché Implica molto specialisti

Mantenimento Conflitti tra Difficoltà di

decentralizza il coordinamento funzionali

controllo funzioni monitoraggio

• •

processo tra divisioni

strategico Distribuzione

Minore Concorrenza

• decisionale. Moltiplicazione dello stress

Adatto ad soddisfazione interna nelle

• •

Adatta a grandi di ruolo e

1/pochi del cliente. Adatta risorse

organizzazioni competenze

prodotti organizzazione

• con molti Rischio di media con tanti

Facile valutare prodotti troppa prodotti

i contributi • •

Adatta a rapidi autonomia

delle singole Decisioni

cambiamenti

parti. complesse e

cambiamenti

frequenti

• Adatta in

ambienti

instabili

Oltre a queste 3 strutture se ne aggiungono altre 2 (meno importanti): orizzontale e modulare.

Esistono inoltre anche delle varianti ibride dei modelli sopra indicati. 2

Lettura in classe n° 3 “like a rolling stone” (4 persone devono spostare il masso che blocca la strada che conduce verso casa)

Il problema è organizzativo in quanto siamo di fronte ad un problema/fine comune, che ciascuno da solo non può

risolvere ed è altresì un problema complesso, di tipo relazionale: richiede un accordo su metodologie di svolgimento.

L’esternalizzazione (outsourcing) è una delle soluzioni possibili: nella fattispecie chiamare i pompieri è una possibile

soluzione. Le varianti tecnologiche sono un’altra soluzione (leva etc.), come la ricerca di contributi esterni (coinvolgere

altre persone per limitare lo sforzo).

Esistono caratteristiche per le quali ogni singolo soggetto è più o meno portato per un determinato compito:

caratteristiche fisiche, creatività, conoscenza, comprensione del problema etc.

L’esito non positivo nella fattispecie può dipendere da: errata progettazione, eccessiva difficoltà del problema (masso

troppo pesante), disarmonia di sforzi, poca motivazione (quanto a quest’ultima, essa può essere aumentata mediante

incentivi di tipo intrinseco o estrinseco, quali una paga etc., oppure in modo coercitivo, cioè con la minaccia).

La vera soluzione, secondo il teorico Barnard, è che il fattore fondamentale è la fiducia (raggiunta di solito mediante

strumenti giuridici quali il contratto): ciò che è importante non è quel che il lavoro significa per ciascuno, bensì ciò che

ciascuno pensa significhi per l’organizzazione.

Catena di montaggio: la fabbrica delle banane. Lettura n° 8.

Serie di operazioni in successione legate le une alle altre. La specializzazione è correlata alla differenziazione ed alla

integrazione. Passaggi essenziali:

1) lavare le banane

2) taglio dei caschi

3) rilavaggio dei caschi più piccoli

4) selezionare le diverse qualità

5) preparare i caschi

6) pesatura delle banane

7) apporre l’adesivo

8) collocazione banane nelle vaschette

9) imballare

Primiero limpiado (3 operai) => griglia (1, formalmente non servirebbe, ma nella realtà c’è) => El Corte (10) => 2°

lavaggio (1) => griglia (1) => selection (6 operai che dividono in 3 categorie i prodotti, le operazioni successive sono

identiche ma su 3 catene diverse) => lavaggio (1/0 a seconda che ci sia controllo o -) => griglia (0: automatico) =>

pesatura (3) => adesivo (9) => vaschette e pellicola (lavoro a coppia) => scatoloni (?).

Nei processi produttivi di tipo industriale i diversi prodotti differenziano anche la catena di montaggio, che non

necessariamente è unica. A cosa serve aver identificato questa sequenza? A provare a ragionare sull’aspetto delle

specializzazioni. Caratteristiche che incidono sulla definizione della specializzazione:

1) fisiche,

2) competenze/esperienze,

3) anzianità (pre-requisito di selezione). Le organizzazioni si danno dei vincoli per gestire in equità i rapporti

interni: esistono regole che sono direttamente definite dalla contrattazione aziendale.

Non è un contesto altamente personalizzato. Si ha spesso la tendenza ad associare la specializzazione con la

personalizzazione. Essere specializzati significa semplicemente avere una focalizzazione costante su una singola

operazione.

Vantaggio della catena “delle banane”: velocità: maggiore produttività

Svantaggio: pochi macchinari e tante persone: è un contesto di tipo labour intensive: alta intensità di lavoro.

È necessario comprendere se, investendo in macchinari, si avrebbe un risparmio: l’automazione non è stata spinta in

questo caso, perché non consente il recupero degli investimenti.

Il layout è una scelta organizzativa che specifica le modalità che vanno ad incidere sull’assetto complessivo.

Osservazione: se anziché avere 3 rulli, se ne usasse uno soltanto e poi si dividessero le qualità alla fine…? Questo

potrebbe avere senso se calcolando i carichi di saturazione ci si rende conto che si può sfruttare meglio l’impianto:

dipende quanti pezzi ogni singola fase (macchinario) riesce a trattare.

La rigidità della sequenzialità è molto vincolante: se si spezza una sola parte della catena si blocca tutto.

Il lavoro è stagionale, i lavoratori lavorano tanto (no sindacati). Un elemento di svantaggio è che non è compreso un

passaggio di conservazione.

Parliamo di “tipologie organizzative”: cerchiamo di raggruppare le organizzazioni a seconda di…:

1) Blau-Scott: “il beneficiario dell’organizzazione”:

a. Mutuo beneficio: sindacati, partiti, associazioni professionali, di categoria etc. I beneficiari sono gli

aderenti

b. A fini di lucro: imprese

c. Di servizio: ospedali, scuole, trasporti, etc.

d. Di benessere pubblico: forze armate, pubblica amministrazione etc.

2) Etzioni: modalità di adesione e meccanismi di controllo (distinzione abbastanza inutile):

a. Organizzazioni coercitive: scuola, leva militare, carcere

b. Utilitaristiche: imprese

c. Normativo-simboliche: sindacati 3

3) Stinchcombe: potenzialità organizzative:

a. Ecologia organizzativa delle popolazioni: guardano alle specie.

Qualsiasi criterio va bene, ma è fondamentalmente inutile.

Weber (studioso della burocrazia durante l’impero austro-ungarico) ha identificato le caratteristiche fondamentali della

burocrazia: ha fornito l’idealtipo che ci permette di affermare se un’organizzazione è tanto o poco burocratica:

• misura degli spostamenti rispetto a…

• possibilità di definire un continuum lungo il quale collocare le organizzazioni.

Abbiamo uno strumento secondo una caratterizzazione massima e minima.

Tipologie organizzative:

• sistemi meccanici (catena di montaggio, modello funzionale, etc.) vs. organici (+ flessibile + adattamento)

Lezione pomeridiana Orario del martedì 10:00

Cartomed: lettura numero 7

Azienda (media) di produzione: opera nel settore industriale (secondario), originariamente produceva macchinari, poi

ha attuato una diversificazione:

1) macchinari per tovaglioli ed etichette

2) cuscinetti

Nasce monoprodotto: logica funzionale. Per ragioni tecnologiche passa alla diversificazione: con la stessa tecnologia

riesce a produrre anche altri beni. Si creano due reparti, definite minifabbriche, che fa pensare a due sezioni di per sé

compiute. Si formano team di produzione, flessibili (con buona capacità di adattamento), ma con perdita di tempo nelle

consegne: è un problema di “riallocazione”. Lavorando a commessa, ogni commessa va in coda a quella successiva.

Anche nel settore ricerca e sviluppo si ha una ripartizione tra progettazione macchine/cuscinetti.

Sulle vendite vale il criterio geografico (6). Anche gli approvvigionamenti sono divisi per prodotti, ma l’80% dei

fornitori è comune. Esistono conflitti (elemento umano, tecnologie, cambiamento mercato del futuro).

Il problema riorganizzativo dipende da quanto sul serio i responsabili prendono le indicazioni dell’andamento del

mercato, le problematiche di innovazione tecnologica.

Un consiglio per risolvere queste problematiche è la organizzazione di unità divisionali, per due ragioni:

1) correlazione = alto grado di sovrapposizione tra gli aspetti caratterizzanti dei prodotti. Si potrebbe attuare una

diversificazione correlata. La ragione vera della correlazione era che, con gli stessi macchinari, riuscivano a

produrre diversi prodotti.

2) Eccesso di risorse all’interno dell’organizzazione.

19 ottobre ’04 Fino a pag. 98 per compitino

Approcci

1) razionalista: fondato su analisi statistico matematiche sui presupposti della completezza e dell’esaustività dei

dati

2) estemporanea: nasce dalla crisi del modello razionalista, si fonda sulla dinamica tentativo-errore, rinuncia alla

possibilità della progettazione.

3) Possibilista: anche questo nasce dalla crisi del modello razionalista, flessibilizza la progettazione.

Sono 3 approcci direttamente riferibili a culture diverse.

In chiave razionalista

Alla definizione della struttura organizzativa si arriva tramite il processo organizzativo.

Il processo organizzativo comprende:

• l’individuazione di aree e flussi di attività

• la definizione di funzioni specifiche

• l’istituzione di line e staff

• la ripartizione delle attività secondo specializzazione

• l’elaborazione di procedure

La definizione formale della struttura organizzativa comprende (la dimensione totale di vita interna):

• la descrizione grafico-funzionale: ovvero l’organigramma

• il compendio delle procedure operative

• il repertorio dei sistemi informativi

La progettazione dell’organizzazione aziendale (Mintzberg e le configurazioni organizzative)

Domanda di partenza: se l’organizzazione è l’insieme delle modalità secondo le quali viene effettuata la divisione del

lavoro in compiti distinti (differenziazione) e viene realizzato il coordinamento tra tali compiti (integrazione), come

dovrebbe essere progettata tale organizzazione?

Risposta: Le variabili o gli elementi dell’organizzazione debbono essere scelti in modo da raggiungere un’armonia e

una coerenza interna e nel contempo anche una coerenza di fondo con la situazione dell’azienda (dimensioni, età,

ambiente, sistema tecnico etc.). 4


PAGINE

8

PESO

62.09 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in ingegneria informatica
SSD:
Università: Catania - Unict
A.A.: 2002-2003

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher melody_gio di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Economia ed organizzazione aziendale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Catania - Unict o del prof Ancarani Alessandro.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Economia ed organizzazione aziendale

Economia ed organizzazione aziendale - il Project Managemet
Appunto
Economia ed organizzazione aziendale - come studiare le organizzazioni
Appunto
Economia ed organizzazione aziendale - Appunti
Appunto
Economia ed organizzazione aziendale - come studiare le organizzazione seconda parte
Appunto