Che materia stai cercando?

Economia e direzione delle imprese II - servizi pubblici Appunti scolastici Premium

Appunti di per Economia e direzione delle imprese II per l’esame del professor Quaglia. Gli argomenti trattati sono i seguenti: i servizi pubblici, la definizione delle strategie di sviluppo territoriale, il processo di evoluzione strategica, la promozione dell’immagine territoriale.

Esame di Economia e direzione delle imprese II docente Prof. G. Quaglia

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

“L’insieme delle azioni collettive poste in atto per attivare in una specifica area o territorio nuove

attività economiche o produttive, favorire lo sviluppo delle imprese locali e migliorare l’immagine

complessiva del luogo”.

Texier-Valle, 1992:49

“Insieme di attività tese a potenziare la posizione competitiva della città nel confronto

internazionale per attrarre gli investimenti produttivi; migliorare l’immagine dell’area urbana ed il

benessere della popolazione”.

Paddison, 2001

La competizione fra territori che abbiamo detto che è stata dalla globalizzazione economica e

finanziaria, dall’integrazione economica e monetaria, dall’interconnessione delle reti di

comunicazione, dal decentramento amministrativo, per cui il territorio ha più possibilità di riforma

degli enti, tutte queste motivazioni hanno determinato quella che fino a poco tempo fa non c’era: la

competizione fra territori, la competizione avviene essenzialmente su 2 piani:

-Capacità di attrarre risorse ed investimenti dall’esterno;

-Piano più interno, puntare a rafforzare/migliorare la competitività delle imprese locali.

Relazioni

I territori per raggiungere… devono essere in grado di realizzare un sistema di relazioni per

difendersi dai concorrenti e per quindi non lasciarsi soffocare in quelle che sono i propri vantaggi

competitivi, il marketing, può svolgere un… che è fatto da un insieme di relazioni tra il marketing ed

il marketing dei beni industriali, vuol dire che… proprie aziende allora ecco un tipo di marketing è

quello che è volto a migliorare/potenziare/comunicare… quei tipi di prodotti è un modo per

promozionare un aspetto del territorio, ma poi c’è l’altro marketing che riguarda i servizi, turistici,

sportivi, tutta l’altra parte che riguarda la qualità della vita di un territorio, promozionare l’Università

di Torino ed il Politecnico, significa promozionare un aspetto importante della città di Torino; se si

pensa che le due università di Torino, hanno insieme 100.000 studenti, con una popolazione

dell’università di torino che è 950.000, vuol dire che più di 1% sono studenti che stanno a Torino,

promozionare il sistema formativo, accademico e dell’istruzione di una città vuol dire

promozionare… costruiranno un domani la città. Il marketing territoriale, non è un qualcosa di

indistinto, il marketing dell’istruzione, cultura e formazione, promoziona gli aspetti socio-

assistenziali, per esempio Torino è chiamata la città del Cottolengo, perché la presenza di questa

ha un ruolo essenziale e significativo, per certe fasce di popolazione. E’ un servizio.

Il sistema delle relazioni tra i vari aspetti di marketing costituiscono il territoriale.

Le funzioni del marketing territoriale

Le funzioni (4), mix di relazioni che comporta:

1) Radicamento dell’esistente: rafforzamento del tessuto produttivo locale,

ne abbiamo parlato quando ci sono le funzioni di un piano strategico, deve in primo non

lasciarsi scappare quello che già c’è sul territorio, per valorizzarne le specificità, il passato

che ah generato quelle presenze dev’essere….

2) Promozione del nuovo: sviluppo di una nuova imprenditorialità,

creare nuove opportunità di insediamento di imprese o aziende, promozione che possano

favorire, per lo sviluppo di nuove, inserire il territorio nelle scelte a livello nazionale o

internazionale, sfruttando nuove tecnologie.

3) Innovazione

E’ volta alla promozione del trasferimento di conoscenze e alla diffusione di nuove

competenze, favorire il trasferimento di cultura, è una funzione importante del marketing

territoriale

4) Attrazione: investimenti esogeni a recuperare una migliore, all’area di riferimento,

queste 4 funzioni non sono assestanti, sono correlate strettamente tra di loro, non si può dimentica

una funzione, perché se non si va in una direzione che non è completa. Lettura complessiva pur

andando ad analizzare… Gli obiettivi del marketing territoriale

Obiettivo del marketing territoriale è quello di far si che quel territorio possa usufruire lo sviluppo

sostenibile, la cornice l’obiettivo quadro di tutti gli altri obiettivi è quello di riuscire a creare per quel

territorio l’immagine di uno sviluppo sostenibile (attento, attenzione alla compatibilità ambientale,

rapporto per l’industria molto produttivo e salvaguardia dell’ambiente,...

Un territorio è facile da promozionare, se ha in se le caratteristiche di un territorio dove c’è lo

sviluppo sostenivile:

Equilibrio e coesione sociale: le classi sociali una contro l’altra, tra varie fasce della popolazione

non c’è lo sviluppo sostenibile, per esempio Le favelas di Rio de Janeiro, non c’è equilibrio

Competitività economica

Sostenibilità ambientale

Obiettivi strategici:

-Sviluppo chiave di lettura slide: abbiamo detto che anche per il marketing territoriale, avere in

mente un piano strategico, allora per dare a quest’attività di marketing, sapere quello che quel

territorio può offrire è un risultato di un interna audit.

-slide cioè riuscire a far sì che in quel territorio approdino quelle energie, a rendere sostenibile lo

sviluppo di quel territorio (attrarre imprese inquinanti, terziario avanzato…) attrarre tipologie di

presenze che siano funzionali a quell’idea di territorio che...

Nella promozione dell’immagine di quello che è e di quello che vuole diventare… dell’istruzione,

della ricerca e alla presenza di fonderie, attività industriali che sono più legate ad una Torino di 20

anni fa. Privilegiare l’arrivo da fuori di competenze che siano in linea a quel obiettivo …

Obiettivi operativi cioè concreti: analizzare la domanda, segmentarla (per poter offrire una

risposta),

non basta dire, bene per raggiungere quell’obiettivo dobbiamo sviluppare … sviluppi questa

capacità attrattiva ai livelli culturali nella fruizione del territorio, può servire un centro congressi

significativi,

Effettuare una comunicazione che sia efficace.

Gli ATTORI

Si hanno 3 livelli: locale: è quello che avviene a livello comunale, provinciale, regionale: livello

meso e nazionale livello macro.

Locale

Istituzioni locali che si distinguono in 3 livelli e 2 tipologie: pubblico e privato che devono

concorrere tutte due alla promozione.

Qual è la cosa essenziale? E che ci sia un disegno complessivo e che tutti vadano nella stessa

direzione, che ci sia un sistema, capacità di lavorare insieme, di avere gli obiettivi comuni. In

alcune… in alcuni uffici ce ancora la tentazione di non mettere in comunione le intuizioni, le cose

che si viene a conoscenze, le conoscenze che si hanno, si sprecano energie e non si va da

nessuna parte, le relazioni sono essenziali, familiare, associative ed operative, il segreto è quello

di riuscire a lavorare insieme.

A livello meso ci sono attori di promozione territoriale pubblici o privati.

Regionale

Sono gli stessi autori che sono a livello locale che messi assieme fanno associazioni di categoria a

livello nazionale.

Nazionale

La Rai, tutto quello che è operativo ed è concentrato a livello Nazionale, questi sono i livelli e gli

attori del marketing territoriale.

Sintesi di che cos’è, cosa significa la strategia,… che cosa dev’essere e deve fare in sintesi il

piano strategico:

Sintesi: Il piano strategico di promozione territoriale identifica una serie di azioni con cui

orientare le componenti tangibili ed intangibili del territorio verso il soddisfacimento degli

stimoli provenienti dai gruppi di domanda territoriale considerati prioritari. Lavorino e

crescano avendo chiaro quell’obiettivo, ai cittadini non interessa avere il programma, ma

interessa di più sapere quel è il progetto.

Il processo di verifica


PAGINE

14

PESO

764.00 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in economia e direzione delle imprese
SSD:
Università: Torino - Unito
A.A.: 2014-2015

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Diletta.Macario di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Economia e direzione delle imprese II e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Torino - Unito o del prof Quaglia Giovanni.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Economia e direzione delle imprese ii

Riassunto esame economia e direzione delle imprese II, prof. Tardivo, libro consigliato Creazione di valore per l’impresa, Tardivo, Quaglia
Appunto
Economia e direzione delle imprese II, Economia Torino
Appunto
Riassunto esame Economia e direzione delle imprese II, prof. Tardivo, libro consigliato La creazione di valore
Appunto
Domande e Risposte Creazione di valore per il territorio - Prof. Quaglia
Appunto