Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

6

48. VALUTAZIONE DIRETTA / INDIRETTA............................................................................................................91

49. L’APPROCCIO IN TERMINI DI PREZZO EDONISTICO.................................................................................92

49.1. L CD..........................................................................................................93

A STIMA DELLE FUNZIONI DI DOMANDE INVERSE

50. IL METODO DELLA VALUTAZIONE CONTINGENTE MVC........................................................................94

51. GLI APPROCCI BASATI SUI COSTI DI SPOSTAMENTO...............................................................................94

52. IL CONTROLLO DELL’INQUIN: TEORIA VS PRATICA................................................................................97

53. LE REGOLAMENTAZIONI DIRETTE: FILOSOFIA DEL TIPO “COMANDO E CONTROLLO”............97

54. IL PROBLEMA..........................................................................................................................................................99

55. LA GIUSTIFICAZIONE RAZIONALE DELLO SCONTO..................................................................................99

55.1. I TSPT....................................................................................................................................................................100

L

55.2. C COS................................................................................................................................100

OSTO OPPORTUNITÀ SOCIALE

55.2.1. Risultati analitici.............................................................................................................................................101

55.2.2. La curva di indifferenza sociale SS’................................................................................................................102

55.3. C ..............................................................................................................................................................103

ONCLUSIONI

56. LE CRITICHE ALL’OPERAZIONE DI SCONTO.............................................................................................104

56.1. P .......................................................................................................................................104

REFERENZA TEMPORALE PURA

56.2. R ..................................................................................................................................................104

ISCHIO E INCERTEZZA

56.3. L’ .............................................................................................................................104

UTIL MARG DECRESC DEL CONSUMO

56.4. I ....................................................................................................................................................105

COSTI OPPORTUNITÀ

56.5. L ...............................................................................................................................................105

E GENERAZIONI FUTURE

57. UN’ALTERNATIVA ALL’AGGIUSTAMENTO DEI TASSI DI SCONTO.....................................................106

58. I VALORI AMBIENTALI.......................................................................................................................................108

59. ETICA DELL’AMBIENTE E PRESERVAZIONE DELLA SPECIE................................................................108

60. LA RICERCA DI UNA NUOVA ETICA DELL’AMBIENTE............................................................................109

60.1. A ....................................................................................................................109

NTROPOCENTRISMO VERSUS ECOCENTRISMO

60.1.1. L’ecocentrismo: la Land Ethic........................................................................................................................109

60.1.2. L’ecocentrismo: l’ipotesi Gaia........................................................................................................................110

60.2. G ........................................................................................................................110

IUSTIZIA COMPENSATIVA E DISTRIBUTIVA

60.3. I ..........................................................................................................................111

NDIVIDUALISMO VERSUS COLLETTIVISMO

61. INTRODUZIONE.....................................................................................................................................................113

62. LE CURVE DI CRESCITA.....................................................................................................................................113

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 7

63. IL TASSO DI SFRUTTAMENTO..........................................................................................................................114

64. COSTI E RICAVI.....................................................................................................................................................114

64.1. L ................................................................................................................................115

A MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO

64.1.1. Osservazioni....................................................................................................................................................115

64.2. L .................................................................................116

E SOLUZIONI IN TERMINI DI LIBERO ACCESSO E DI PROPRIETÀ COMUNE

64.3. L ..................................................................................................................................116

A SOLUZIONE DI LIBERO ACCESSO

64.3.1. Osservazioni alla soluzione di libero accesso.................................................................................................116

64.4. L .............................................................................................................................116

A SOLUZIONE DI PROPRIETÀ COMUNE

65. IL VALORE DELLA PRESERVAZIONE DELLA SPECIE..............................................................................117

65.1. I ......................................................................................................................................117

NTRODUZIONE DI ESTERNALITÀ

65.2. C ..............................................................................................................................................................118

ONCLUSIONI

66. L’INTERPRETAZIONE DELLA REGOLA FONDAMENTALE DI UTILIZZO DELLE RISORSE

RINNOVABILI...............................................................................................................................................................118

66.1. R .................................................................................................................................................119

EGOLE MARGINALISTE

66.1.1. La regola fondamentale per l’uso ottim delle risorse rinnovabili..................................................................119

66.2. U ..................................................................................................119

NA VISIONE ALTERNATIVA DELLE REGOLE MARGINALISTE

66.3. L .................................................................120

A REGOLA DI UTILIZZO PER LE RISORSE RINNOVABILI QUANDO I PREZZI CAMBIANO

66.3.1. Spiegazione intuitiva della regola di utilizzo delle risorse rinnovabili..........................................................121

66.3.2. Due regole generali per l’utilizzo delle risorse rinnovabili............................................................................121

67. INTRODUZIONE.....................................................................................................................................................123

68. LA REGOLA FONDAMENTALE DI UTILIZZO DELLE RNR.......................................................................123

68.1. R H > 0.............................................................................................................124

EGOLA DI OTELLING CON COSTI DI ESTRAZ

69. IL GRAFICO DELL’USO OTTIMALE DELLE RNR........................................................................................127

70. I PREZZI DELLE RNR E LA TEORIA SOSTITUTIVA....................................................................................127

71. GLI EFFETTI DERIVANTI DALLA VAR DEI PARAMETRI.........................................................................128

71.1. L VAR .............................................................................................................................................................129

A DI S

71.2. L VAR PB .........................................................................................................................................................129

A DI

71.3. L VAR ...........................................................................................................................129

A DELLO STOCK DELLA RISORSA

71.4. L VAR C...........................................................................................................................130

A DEL COSTO DI ESTRAZIONE

71.5. L VAR ...........................................................................................................................................130

A DELLA DOMANDA

72. IL MONOPOLIO E IL TASSO DI SFRUTTAMENTO DELLE RNR..............................................................130

73. UNA SINTESI DELLE REGOLE OTTIMALI DI USO DELLE RI..................................................................132

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 8

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 9

1. INTRODUZIONE

La fig. 1.1 presenta uno schema riassuntivo di alcuni tra i concetti le idee più significative che

hanno influenzato gli economisti dell’ambiente, mostrando le loro origini fino alle dottrine passate.

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 10

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 11

2. IL PARADIGMA ECONOMICO CLASSICO

L’economia politica neoclassica sottolineava la capacità del mercato di stimolare sia la crescita sia

l’innovazione, ma rimaneva pessimista nel lungo periodo, reputando che la posizione finale - lo

stato stazionario - coincidesse con un livello di esistenza di mera assistenza.

2.1. ADAMO SMITH (1723 - 1790)

Con la dottrina della mano invisibile, sosteneva che il comportamento razionale mirato all’interesse

personale avrebbe potuto realizzare anche gli interessi della collettività nel suo insieme, mentre lo

stato assumeva un ruolo importante nel garantire solo i servizi di sorveglianza.

L’elemento vitale per il progresso sociale ed economico, quindi, consisteva nel permettere che gli

scambi avvenissero in mercati di libera concorrenza.

2.2. THOMAS MALTHUS (1766 - 1834)

Pessimista, nel lungo periodo, come Smith circa le prospettive di crescita economica di lungo

periodo, poiché identificava i vincoli nella scarsità di terra fertile coltivabile e, quindi, temeva la

presenza di rendimenti decrescenti nella produzione agricola.

Il vincolo di scarsità assoluta della terra, data in q.tà fissa, implicava, al crescere della popolazione,

la riduzione dell’offerta pro capite di cibo, con conseguente caduta dei livelli di vita a quelli di

sussistenza e la cessazione della crescita della popolazione.

2.3. DAVID RICARDO (1772 -1823)

Anche nel modello di Ricardo la crescita economica si esaurisce nel lungo periodo a causa della

scarsità di risorse naturali ma anche a causa del fatto che la terra disponibile varia per qualità e la

società è costretta a spostarsi su terre meno fertili.

La fig. 1.2. mostra come la curva del prodotto totale (soggetta a rendimenti decrescenti) rimane

fissa, mentre l’innovazione (i fertilizzanti) sposterebbe la curva del prodotto totale verso l’alto,

facendo aumentare il prodotto per unità di input, senza, tuttavia, eliminare la tendenza verso

rendimenti decrescenti.

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 12

2.4. JOHN STUART MILL (1806 - 1873)

Concepiva il progresso economico come un gara tra cambiamento tecnico e presenza di rendimenti

decrescenti in agricoltura, ma, a differenza degli atri economisti classici, considerava con ottimismo

il lungo periodo quando si sarebbe raggiunto lo stato stazionario, pensando che in tale stadio il

progresso avrebbe fornito gli elementi di sussistenza.

2.5. KARL MARX (1818 - 1883)

Mutuò la teoria del valore - lavoro degli economisti classici, secondo i quali il lavoro era l’unica

fonte di prodotto economico netto e fu ugualmente pessimista circa il futuro del livello di vita della

classe lavoratrice, all’interno della socialista capitalista.

La società capitalista sarebbe stata inevitabilmente rovesciata da una lotta di classe (lavoratori

contro imprenditori) per la conquista del potere sociale.

Marx prevedeva un saggio di profitto declinante nel tempo, una crescente indigenza per i lavoratori

e molti monopoli.

Si può sostenere che Marx fece ricorso a quello che noi oggi chiamiamo un approccio in termini di

“bilancio dei materiali”: il concetto è quello di ridurre la q.tà di lavoro necessaria al processo

produttivo (labour saving), per accrescere la produttività e il plusvalore e, quindi, il saggio di

profitto e l’accumulazione del capitale.

Ma nel lungo periodo le nuove tecnologie imporrebbero dei gravi costi sull’ambiente, “costi di

classe”.

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 13

2.6. Economisti Neoclassici

A partire dal 1870, comincia a svilupparsi il pensiero economico neoclassico.

Viene abbandonata la teoria del valore - lavoro;

il prezzo di un bene non è più = misura del costo del lavoro stesso;

ma è = scarsità del bene stesso.

L'attività economica reale viene vista come:

incrocio tra offerta di un bene (= q.tà disponibile) e domanda (= q.tà richiesta) = prezzo di

mercato del bene.

Metodologicamente, i neoclassici introducono:

il calcolo marginalista = studio delle relazioni tra variazioni piccole o incrementali.

Viene accantonato lo studio del modello di crescita di lungo periodo (dal 1870 al 1950).

I neoclassici ritenevano che la loro teoria del mercato fosse:

• neutrale e scevra di giudizi di valore;

• la definizione di un insieme di leggi economiche paragonabili a quelle della fisica di Newton:

• basato su un modello di natura umana dell'individuo razionale ed egoista.

Nella sua versione moderna il modello neoclassico ipotizza:

• un individuo economico con preferenze rappresentate da curve di indifferenza;

• che agisce in base alla massimizzazione dell'utilità.

In questo modo l'individuo economico:

• compie scambi al margine per garantirsi un'uguale soddisfazione personale;

• le preferenze degli individui vengono rivelate dalle scelte che essi compiono;

• l'efficienza della scelta compiuta esprime il comportamento razionale.

2.6.1. Criterio di desiderabilità sociale

Viene espresso in termini di CRITERIO DI PARETO:

è uno stato sociale in cui è impossibile migliorare la posizione di un individuo senza peggiorare

quella di un altro.

Si dimostra che ogni equilibrio concorrenziale è un ottimo paretiano sotto un insieme di ipotesi

restrittive:

• perfetta informazione;

• assenza di esternalità, ecc.

Il teorema fondamentale dell'economia del benessere:

• legittima il comportamento razionale come socialmente desiderabile;

• giustifica alcuni interventi dello Stato nei casi in cui il privato non può massimizzare il benessere

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 14

collettivo, cosiddetti "fallimenti del mercato".

2.6.2. Visione generale neoclassica

Lo Stato viene, dunque, rappresentato come spinto da motivazioni etiche, che

• interviene nel mercato solo nell'interesse pubblico,

• per risolvere il contrasto tra razionalità individuale ed etica collettiva,

• dal momento che eticità e moralità non sono riconosciuti a livello del singolo individuo.

2.7. Economisti umanistici

Gli umanistici, che rappresentano una posizione minoritaria,:

• rifiutano il modello dell'individuo economico razionale;

• in sostituzione, adottano un modello di psicologia comportamentista,

• che pone l'enfasi sull'esistenza di una gerarchia di bisogni,

• anziché su un insieme di desideri tra loro sostituibili.

Al contrario, i teorici umanistici sottolineano che:

• i gusti non sono statici, indipendenti e determinati da fattori genetici,

• ma, di fatto, interdipendenti e possono mutare nel tempo (in quanto appresi dalla cultura).

In assenza di una teoria che spieghi come vengono determinati i gusti, diversi da uomo a uomo, e

come cambino nel corso del tempo, i neoclassici considerano i gusti esogeni, con la conseguenza

che gusti e bisogni non sono separabili.

Recentemente, i teorici i della "teoria del capitale umano" hanno affermato che tutti gli agenti

economici, di fatto, possiedono un insieme di "preferenze stabili", fondate sui bisogni umani

fondamentali, che non possono essere scambiati senza minacciare la sopravvivenza umana.

2.7.1. Critica degli umanistici alla teoria neoclassica della razionalità

Gli umanistici sostengono che gli individui sono capaci di compiere azioni squisitamente

altruistiche.

Vale un concetto di razionalità estesa:

ordinamenti multipli di preferenze che coesistono all'interno dello stesso individuo (interesse

personale e altruistico).

Le motivazioni altruistiche potrebbero essere giudicate > a quelle personali in termini morali,

poiché gli individui hanno il senso del bene comune.

Con questo tipo di premesse, il sistema economico dovrebbe essere affidato alla direzione centrale

dello Stato, che non sarebbe più semplicemente ridotto alla correzione dei fallimenti del mercato.

2.7.2. Visione generale umanistica

L'approccio umanistico cerca di limitare il meccanismo di mercato per favorire un maggior

intervento dello Stato per promuovere una distribuzione del reddito più egalitaria.

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 15

3. LA TEORIA ECONOMICA DAL II DOPOGUERRA

La teoria neoclassica assumeva come fondamento che il sistema economico operasse al livello di

attività corrispondente alla piena occupazione della forza lavoro.

Ciò grazie all'ipotesi della flessibilità dei saggi di salario, i quali aumenterebbero o diminuirebbero

fino al raggiungimento della piena occupazione.

L'esperienza storica degli anni tra le due guerre (anni venti e trenta), quando, invece, la

disoccupazione di massa divenne la regola, portò alla formulazione della teoria di Keynes.

Tale teoria poneva in rilievo l'intervento dello Stato ed auspicava spese pubbliche finanziate col

disavanzo.

Così, durante gli anni 1950, la crescita economica, causata dall'innovazione tecnologica, sembrava

offrire un progresso senza limiti.

3.1. La nascita dell'ambientalismo

Durante gli anni 1960, l'inquinamento ambientale aumentò e divenne un problema sempre più

diffuso e furono, quindi, elaborate nuove teorie ambientaliste, alcune delle quali si opponevano

nettamente alla crescita economica.

Questi eventi fecero in modo che gli economisti riconsiderassero il problema della scarsità delle

risorse.

Tra il 1870 e il 1970, sembrava alla maggior parte degli ambientalisti che la crescita economica

potesse essere sostenuta senza limiti.

Dopo il 1970, si continuò a pensare così: ciò che si richiedeva era un sistema di prezzi che

funzionasse in maniera efficiente e che fosse in grado di favorire livelli più elevati di attività

economica, mantenendo, tuttavia, un livello accettabile di qualità ambientale.

L'effetto di impoverimento derivante dall'esaurimento delle risorse sarebbe stato controbilanciato da

cambiamenti tecnici quali sostituzioni e riciclaggio delle risorse non rinnovabili.

A partire dal 1970 si sono formate quattro visioni dell'ambientalismo, v. Fig. 1.3.

queste posizioni vanno da un estremo di crescita senza limiti all'altro estremo di rifiuto totale della

crescita economica.

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 16

È stato rispetto a questo scenario di ideologie che l'economia dell'ambiente si è costituita come

sottodisciplina.

In particolare, gli ecocentristi, nel libro I limiti dello sviluppo, la crescita economica di lungo

periodo era incompatibile con l'ambiente.

Ma c'è stata anche l'approccio dei limiti sociali.

La tesi contro la crescita è stata sostenuta anche da analisi che:

mettono in luce i costi sociali e ambientali derivanti da una società in crescita economica continua;

il paradosso di Easterlin: la ricchezza materiale e la felicità umana non sono strettamente correlate;

la nozione di Hirsch di beni posizionali, il cui godimento è ristretto a un piccolo gruppo ma c'è

l'illusione che tutti, un giorno, possano prendere parte al consumo di questi beni;

l'analisi di Scitovsky dell'economia senza felicità.

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 17

4. L’ECONOMIA ISTITUZIONALISTA

Questa dottrina è una collezioni di visioni differenti.

Ha adottato un paradigma basato sul processo, all’interno del quale l’economia viene presentata

come un processo dinamico.

Il cambiamento socio – economico va spiegato con riferimento al determinismo culturale,, un

complesso crescente di idee, tendenze e credenze.

Le preferenze degli individui sono preferenze apprese che cambiano nel corso del tempo e ogni

agente avrà non solo preferenze individuali ma anche collettive.

I problemi ambientali vengono considerati un risultato inevitabile della crescita economica nelle

economie industriali avanzate e tengono conto dei costi sociali dell’inquinamento.

Viene sollecitato l’intervento dello stato per controllare l’attività delle imprese transnazionali.

Rimangono, però, divisi sul grado dell’intervento richiesto per raggiungere il consenso sociale:

alcuni auspicano un sistema autoritario, altri un sistema socialista decentrato.

5. IL MODELLO DI MERCATO DI GESTIONE DELL’AMBIENTE

Vi sono due varianti di questo modello:

 l’approccio dei diritti di proprietà;

 l’approccio del bilancio dei materiali.

5.1. L’approccio dei diritti di proprietà

Dapprima, alcuni studiosi hanno sostenuto che i problemi dell'inquinamento si sarebbero potuti

risolvere in maniera adeguata attraverso un processo di ridefinizione della struttura esistente

dei diritti di proprietà, in particolare con una speciale interpretazione del “teorema di Coase”.

5.1.1. Una speciale interpretazione del “teorema di Coase”.

Secondo Coase, sotto alcune ipotesi, la soluzione più efficiente alle situazioni in cui si manifestano

dei danni ambientali a causa dell'inquinamento consiste in un processo di contrattazione tra colui

che inquina e colui che viene inquinato, in cui ciascuno potrebbe compensare l'altro in base al

possesso o meno di diritti di proprietà: se è l'inquinatore a possedere il diritto, allora chi viene

inquinato può “risarcirlo” affinché non inquini; se è, invece, chi subisce l'inquinamento che

possiede il diritto, allora l'inquinatore può risarcirlo affinché questi sopporti il danno.

5.1.2. L'approccio basato sul paradigma dei diritti di proprietà

L'approccio all'economia dell'ambiente basato sul paradigma dei diritti di proprietà è più sofisticato.

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 18

Le assunzioni neoclassiche cruciali (ad esempio, la massimizzazione dell'utilità) sono state estese

per comprendere anche le attività dei funzionari del settore pubblico (facendo ricorso alla

letteratura sulle scelte collettive) e, contemporaneamente, sono state mantenute le nozioni di

razionalità estesa (ovvero, il possesso di motivazioni diverse dal mero interesse personale).

5.1.3. Spiegazioni sociobiologiche dell'“agente economico razionale”,

Sono state proposte anche spiegazioni sociobiologiche dell'“agente economico razionale”, secondo

le quali il comportamento mirante alla soddisfazione dell'interesse personale è geneticamente

programmato nell'uomo e, perciò, inevitabile.

A livello del singolo individuo, si ipotizza che l'agente compia degli scambi al margine per

identificare posizioni che gli garantiscano un'uguale soddisfazione, ma al modello tradizionale si

aggiunge l'idea di una “ignoranza razionale”, cioè a dire, si pensa sia razionale per gli individui

avere un'informazione non completa prima di prendere una decisione, perché l'informazione

è scarsa e costa - ad esempio, tempo, fatica e denaro -per ottenerne una quantità maggiore.

5.1.4. Funzione dei diritti di proprietà in un sistema di mercato

Si sostiene poi che in un sistema economico con diritti di proprietà ben definiti e trasferibili gli

individui e le imprese hanno ogni incentivo ad utilizzare le risorse naturali nel modo più

efficiente possibile.

I mercati e i prezzi nascono dal comportamento economico collettivo, a patto che sia possibile

l'esclusione - cioè a dire, a patto che qualunque agente che consumi un bene possa escludere altri

individui dal consumo del medesimo bene - e che esistano diritti di proprietà.

5.1.4.1. Fallimento del mercato

L'inquinamento ambientale è allora una forma di fallimento del mercato, che deriva di solito

dall'eccessivo sfruttamento di risorse di proprietà comune o non possedute da nessuno: il mercato

fallisce quando i diritti di proprietà non sono specificati in maniera adeguata o non sono

controllati da coloro che possono trarre beneficio personale dall'impiegare le risorse nel modo per

loro più proficuo.

5.1.4.2. Fallimento dello Stato

Secondo l'approccio dei diritti di proprietà ci si dovrebbe opporre, tuttavia, ad un intervento

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 19

sempre più massiccio da parte dello Stato, dal momento che la proprietà pubblica di molte risorse

naturali è la causa dei conflitti per il controllo delle risorse: esisterebbe una sorta di “fallimento

dello Stato”, che porta a sostenere che la teoria del settore pubblico dovrebbe essere fondata sulle

medesime ipotesi - l'interesse personale, ad esempio - utilizzate nell'analisi del comportamento

individuale privato, con il decision-maker che cercherà di massimizzare la propria utilità e non

quella di una qualche istituzione o quella dello Stato, in qualunque situazione si venga a trovare. Il

settore pubblico, d'altro canto, non offre incentivi ai politici o ai propri dipendenti per resistere alle

pressioni provenienti da particolari gruppi di interesse, i cui vantaggi spesso vanno a spese di quelli

della società.

L'errata allocazione delle risorse ambientali non è, quindi, solo un problema di fallimento del

mercato ma anche di fallimento dello Stato dal momento che alcune politiche d'intervento da

parte dello Stato sono state esse stesse la causa della distruzione dell'ambiente: ad esempio, i

conflitti per l'uso della terra negli ecosistemi delle zone umide (wetland) e conseguenti livelli

subottimali di protezione delle zone umide sia nei Paesi industrializzati che in quelli in via di

sviluppo.

5.1.5. Approccio biologico deterministico

I sociobiologi interpretano le scoperte della biologia molecolare come la dimostrazione che la natura

umana è determinata dai geni e che le caratteristiche degli individui sono una conseguenza delle

loro proprietà biologiche.

Attraverso un processo di evoluzione darwiniano la società umana, come il resto della natura,

progredisce attraverso la sopravvivenza dei più adatti in competizione tra di loro e, nel corso

dell'evoluzione, la selezione naturale ha prodotto forme generali di organizzazione sociale basate

sulla componente genetica.

Per alcuni, quindi, il processo con cui opera- il mercato competitivo rappresenta nient'altro

che un processo di sopravvivenza di tipo darwiniano: la competizione garantisce che tra i

sopravvissuti ci saranno solo coloro che di fatto massimizzano i profitti e, quindi, ciò che conta per

la teoria è se essa prevede in modo corretto questo risultato.

In questo senso, allora, il mercato concorrenziale determinato da fattori genetici sarebbe un

prodotto della selezione naturale e, perciò, dovrebbe essere in un qualche senso ottimale o

adottivo.

I meriti dell'approccio biologico deterministico verranno esaminati in maniera critica dopo la

discussione sullo sviluppo sostenibile (p. 35), ma, fin da ora, possiamo dire che esiste una evidente

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 20

circolarità nell'argomentazione sociobioeconomica.

5.1.5.1. Critica da parte dei sostenitori dei diritti di proprietà

Questi sostenitori dell’approccio dei diritti di proprietà ammetterebbero probabilmente che i mercati

sono imperfetti, ma, nello stesso tempo, sottolineano che questi fallimenti non ammetterebbero che

l'azione collettiva sia preferibile, dal momento che il meccanismo di mercato viene giudicato

superiore a qualunque altra alternativa.

L'azione contraria creerebbe problemi ambientali anziché risolverli.

5.2. L’approccio in termini di bilancio dei materiali.

I critici più innovatori hanno cercato di incorporare nell'analisi economica i modelli di bilancio dei

materiali e i limiti imposti dall'entropia.

E mentre l'inquinamento viene visto come un segnale di fallimento del mercato si riconosce anche

che esso è un fenomeno diffuso e inevitabile (a causa delle leggi della termodinamica), che richiede

l'intervento dello stato attraverso un pacchetto di strumenti di regolamentazione e di incentivi.

6. L'APPROCCIO DI POLITICA ECONOMICA: STANDARD FISSI

VERSUS ANALISI COSTI BENEFICI

Sono stati proposti due approcci alternativi:

• analisi costi - benefici

• standard fissi.

6.1.1. Standard fissi

Gli standard macroambientali potrebbero comprendere la politica di suddivisione della terra tra i

vari usi e la definizione di livelli di qualità dell'aria e dell'acqua, standard di vincoli effettivi.

Non è più accettabile, ormai, l'assioma di sostituibilità infinita e di tassi di sconto positivi, nonché la

fiducia nelle capacità di resistenza di lungo periodo da parte dell’ecosistema.

In questo ambito è stato suggerito un approccio alla politica economica in termini di "margine di

sicurezza".

Nel caso di probabili danni ambientali localmente irreversibili provocati dallo sviluppo economico è

stato proposta l'idea del "progetto ombra", secondo i quali dovrebbero essere aumentati i costi del

progetto di sviluppo responsabile di questi danni di una ammontare sufficiente a rimpiazzare il

patrimonio ambientale perduto.

6.1.2. Analisi costi benefici

Si pensa che siano necessarie reinterpretazioni radicali del metodo e delle tecniche dell'analisi costi

benefici (ACB): ad esempio, i sostenitori dell'ACB estesa, in contrapposizione all'ACB tradizionale,

hanno adottato un approccio in termini di "sensibilità ai valori", secondo criteri di decisione non in

termini di efficienza.

La valutazione delle politiche ambientali che coinvolgono rischi e costi considerevoli per le future

generazioni ha anche spinto alcuni studiosi a considerare le implicazioni di sistemi etici alternativi.

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 21

7. VALORI ECONOMICI E VALORI AMBIENTALI

gli economisti si sono concentrati sul valore monetario che viene espresso attraverso le preferenze

individuali del consumatore: su questa base il valore nasce solo se c'è interazione tra un soggetto e

un oggetto.

I valori economici assegnati sono espressi in termini della disponibilità individuale a pagare (DAP)

e della disponibilità ad accettare una compensazione (DAC).

Esistono tre relazioni fondamentali tra i valori della politica economica e dell'etica:

• i valori espressi attraverso le preferenze individuali;

• i valori collettivi che trovano espressione attraverso le norme sociali;

• i valori delle funzioni fisiche dell'ecosistema.

La deep ecology pone l'enfasi, soprattutto, sulla distinzione tra

• valore strumentale (= valore posseduto dagli individui) e

• valore intrinseco, non collegato alle preferenze.

Nozione di valore di esistenza

Per quanto riguarda la valutazione monetaria dei beni ambientali, benché siano stati fatti notevoli

progressi, è ancora in stato di transizione.

Poichè non esistono una curva di domanda e un prezzo di mercato per molti beni ambientali, sono

stati elaborati alcuni metodi per la stima del valore che utilizzano valutazioni di mercato con quattro

tecniche di raccolta dati:

• il metodo dei costi di spostamento

• il participation / unit day value

• valutazione in termini di prezzi edonistici

• valutazione contingente.

Inoltre, i valori non di uso (le eredità e i valori di esistenza) e il valore di opzione dovrebbero essere

calcolati come una parte del valore economico totale.

8. CRESCITA E SVILUPPO ECONOMICO SOSTENIBILE

Negli anni 1980 si è assistito ad un riorientamento di una parte del pensiero ambientalista e il

termine sostenibilità è apparso nella World Conservation Strategy.

La conoscenza accumulata nelle scienze naturali dovrebbe essere applicata ai processi economici.

Ad esempio, i volumi e il tasso di materie prime messe in lavorazione (materia ed energia) che

passano attraverso il sistema economico sono soggetti a un vincolo di entropia, che il mercato da

solo non è in grado di rispecchiare, per cui si rende necessario l'intervento pubblico.

I moderni sistemi economici non hanno ciò che si chiama un

teorema di esistenza = la garanzia che ad un qualunque ottimo economico sia associato uno

stabile equilibrio ecologico.

L'ottimalità paretiana di un'allocazione, ad esempio, è indipendente dal fatto che la quantità di

materie prime messe a lavorazione sia o meno sostenibile sotto il profilo ecologico, per cui esiste il

rischio che alcune situazioni di esternalità rilevanti sotto il profilo ecologico possano provocare

danni all'ecosistema stesso.

Una definizione operativa di sviluppo sostenibile potrebbe essere:

lo sviluppo sostenibile implica la massimizzazione dei benefici netti dello sviluppo economico sotto

il vincolo del mantenimento dei servizi e della qualità delle risorse naturali nel tempo

oppure

lo sviluppo economico deve includere, non solo incrementi nei redditi reali pro capite, ma anche

altri elementi che entrano nella definizione di benessere sociale.

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 22

Ciò implica l'accettazione delle seguenti regole:

 utilizzare le risorse naturali a un tasso < a quello di rigenerazione delle risorse stesse;

 ottimizzare l'efficienza nell'utilizzo delle risorse non rinnovabili con il vincolo della

sostituibilità tra risorse e progresso tecnologico.

Inoltre, sviluppo economico e conservazione delle risorse naturali sono così collegate:

1. relazione di complementarità: fino a un certo livello di utilizzazione dello stock delle risorse è

probabile che esista uno scambio tra sviluppo economico e servizi dello stock di risorse naturali;

2. oltre questo livello, è probabile che lo sviluppo economico implichi riduzioni di alcune delle

funzioni dell’ambiente naturale (fornitura di materie prime, assimilazione rifiuti, offerta di

paesaggi, ecc.).

9. PARADIGMA ECOLOGISTA E PARADIGMA ECONOMICO CO-

EVOLUZIONISTA

9.1. Paradigma ecologista

I sostenitori del primo approccio [Norgaard 1984] hanno posto seriamente in dubbio la validità sia

del determinismo biologico che del determinismo culturale come spiegazioni dello sviluppo e del

cambiamento, poiché la realtà, dal loro punto di vista, è più complessa e dinamica a causa

dell'esistenza di una costante e attiva interazione tra l'organismo e l'ambiente in cui esso vive.

Gli organismi, soprattutto gli uomini, non ricevono un ambiente dato e costante, ma cambiano ciò

che trovano e sono continuamente alla ricerca di alternative; in questo senso, gli organismi non sono

semplicemente il risultato, ma anche le determinanti dell'ambiente in cui vivono.

Lo sviluppo economico può, perciò, essere considerato sia un processo di adattamento ad un

ambiente che cambia continuamente, sia esso stesso origine del cambiamento dell'ambiente.

Esistono tre fonti distinte di modificazione dell'ambiente, nessuna delle quali, però, presa

singolarmente, spiega tutto il cambiamento:

a) la rottura dell'equilibrio ecologico, definito come la combinazione di un metodo e di un tasso

di utilizzo delle risorse che l'ambiente è in grado di sostenere per lunghi periodi;

b) le esigenze di compatibilità tecnica;

c) e, infine, lo sviluppo di nuove categorie di bisogni al variare del costo reale della vita.

Lo sviluppo è allora un processo di spostamento attraverso una successione di nicchie ecologiche,

dove l'occupazione di una nicchia è variabile e, inoltre, può accadere che una nicchia venga distrutta

con mezzi estranei al processo di sviluppo proprio di una società.

Nel corso del tempo, il processo di sviluppo si traduce in un livello crescente di sfruttamento delle

risorse ambientali, la quantità disponibile di bassa entropia viene ridotta in seguito allo sfruttamento

delle risorse naturali e alla produzione di rifiuti, i sistemi di produzione economica divengono più

indiretti e complessi col procedere dello sviluppo e, di conseguenza, per la gestione di questi sistemi

complessi diviene rilevante il lavoro compiuto dagli scienziati naturali sulle strutture di dispersione.

Di nuovo, sembra che l'evoluzione di questi sistemi sia né completamente deterministica né

totalmente stocastica, ma piuttosto sia una combinazione delle due componenti.

9.2. L’approccio co-evoluzionista

L'approccio co-evoluzionista, dove con il termine

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 23

co-evoluzione = ci si riferisce ad un processo di retroazione in corso tra due sistemi in

evoluzione,

ha cercato di stabilire un legame tra ecologia e teoria economica.

Durante la co-evoluzione, all'interno dei sistemi vengono prodotti dei surplus di energia, che

divengono poi disponibili per stimolare nuove interazioni tra i sistemi in questione, se le interazioni

risultano favorevoli per la società, il processo di sviluppo continua. D'altro canto, i sistemi di

retroazione dello sviluppo co-evoluzionista si spostano spesso dall'ecosistema al socio-sistema,

ossia, i sistemi di produzione divengono più indiretti e complessi ed aumenta lo sfruttamento delle

risorse ambientali; di conseguenza, dal momento che l'apprendimento, la conoscenza e l'evoluzione

sono interrelati, non si sfrutta l'ulteriore possibile sviluppo co-evoluzionista la cui ampiezza e grado

rimangono incerti e che determinerà il livello di tollerabilità della sopravvivenza.

I limiti fisici allo sviluppo sono manifestazioni della crescente complessità del sistema

produttivo.

Poiché ciò che serve per la sussistenza individuale dipende dalla tecnologia e dalla cultura della

società contemporanea, è evidente che, al crescere della complessità del sistema sociale, aumentano

anche le cose necessarie per la sopravvivenza. Le preferenze cambiano perché, come conseguenza

dello sviluppo, si è modificato il contesto in cui gli individui apprendono le loro preferenze, e

questo fornisce una giustificazione sia del «paradosso di Easterlin», (cioè, l'esistenza di dati che

non indicano una stretta correlazione tra ricchezza materiale e felicità dell'uomo), sia delle

spiegazioni in termini o dell'interdipendenza tra le preferenze (ipotesi del reddito relativo) o dei

«beni posizionali».

Si può pensare che i modelli di steady state richiedano la selezione deliberata di un nuova nicchia di

un tipo particolare, cioè a dire, di una nicchia che sia in grado di offrire la prospettiva di una

permanenza duratura (si parla allora di sostenibilità).

Alcuni che reclamano la necessità di strategie volte ad uno sviluppo economico più sostenibile

invocano un maggiore intervento da parte dello Stato che imponga, ad esempio, regolamentazioni

più rigide per la protezione della qualità dell'ambiente, adducendo come motivazione che l'ottimalità

paretiana è indipendente dal fatto che la quantità di materie prime messe a lavorazione nel sistema

economico sia o meno sostenibile sotto il profilo ecologico. D'altro canto, questa posizione a favore

del intervento dello Stato implica anche l'accettazione di una qualche morale globale operante nei

riguardi della sopravvivenza, poiché, diversamente, esiste la possibilità che possiamo scambiare la

sopravvivenza e un livello più basso di «qualità» della vita con un orizzonte temporale più breve

associato ad un livello di «qualità» della vita più elevato.

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 24

ECONOMIA DELL’AMBIENTE

Cap. 2

IL SISTEMA ECONOMICO CIRCOLARE

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 25

10. VISIONI RIDUZIONISTICHE E VISIONI OLISTICHE DEI SISTEMI

ECONOMICI E DELL'AMBIENTE

La figura 2.1 rappresenta un quadro stilizzato delle interazioni tra sistema economico e

ambiente; per ora, il diagramma è volutamente non dettagliato, ma lo renderemo più significativo a p. 46.

Il quadrato, o «matrice», che appare in alto rappresenta il sistema economico: tra breve

specificheremo gli elementi della matrice, ma, per il momento, ricordiamo che i manuali di economia si occupano solo

di questa matrice.

Il quadrato in basso rappresenta l'ambiente, formato da tutte le risorse in situ quali le fonti di

energia, le zone peschiere, la terra e la capacità di assimilazione dei rifiuti da parte dell'ambiente.

Ovviamente, anche all'interno di questa matrice esistono delle interazioni: la quantità di acqua, ad

esempio, influisce sulle riserve di pesca, le foreste influenzano la quantità di acqua e la qualità del terreno, la quantità di

.

prede è determinante per il numero dei predatori

L'economia dell'ambiente si occupa di entrambe le matrici della figura 2.1 e, in particolare, delle

interazioni tra le due matrici

cioè a dire,

 studia in che modo la domanda di acciaio influisca sulla domanda di acqua,

 o che effetti abbia la variazione della dimensione del sistema economico («la crescita economica») sulle funzioni

dell'ambiente.

In questo senso, l'economia dell'ambiente tende ad essere più olistica rispetto all'economia

tradizionale, perché assume una visione più ampia ed onnicomprensiva del funzionamento del

sistema economico.

Dal momento che l'economia dell'ambiente è più olistica, si è tentati di pensare che sia, in qualche

modo, «migliore» rispetto all'economia tradizionale.

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 26

Si tratta però di una visione ingenua e, in questo libro, anziché cercare una teoria economica

«differente», tentiamo di estendere l'orizzonte del pensiero economico tradizionale.

Questo non significa che non possa esistere una teoria economica «alternativa» (si veda il capitolo

1), ma che questa, qualora esista, dovrebbe modificare i paradigmi del nucleo del pensiero

economico moderno.

11. L'INTERAZIONE TRA AMBIENTE E SISTEMA ECONOMICO

Dobbiamo ora rendere più significativa la figura 2.1 e vediamo quali interazioni abbiano luogo

 all'interno dei sistemi economici,

 quali all'interno dei sistemi ambientali,

 e quali, infine, tra i due tipi di sistemi.

11.1. All’interno dei sistemi economici

Nella figura 2.2 il sistema economico viene rappresentato come un insieme di relazioni tra input e

output; il diagramma appare un po' complicato ma, in realtà, è di facile interpretazione.

C'è un quadrato grande, o matrice, formato da una serie di quadrati o matrici più piccole, con le voci

«beni» e «settori» che compaiono sia sull'asse verticale che su quello orizzontale.

Un «bene» è qualunque cosa venga sottoposta a lavorazione, scambiata e prodotta nel sistema

economico: una fabbrica, ad esempio, una macchina, un televisore.

Nella figura 2.2 tra le voci in entrata della matrice abbiamo anche gli input «primari», tra i quali

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 27

figurano il lavoro e il capitale, ma non la terra che verrà considerata a parte in una successiva

modificazione della figura 2.2.

La voce «domanda finale» fa riferimento all'insieme delle domande che provengono dai

consumatori finali tipicamente le famiglie, domande che si suppone siano determinate da fattori

esterni al modello (sono cioè «esogene»).

I numeri all'interno di ogni matrice piccola indicano il numero di componenti della matrice stessa:

ad esempio, ci sono M settori, N beni e G domande finali.

Sono state contrassegnate le matrici rilevanti:

 così, ad esempio, la matrice A contiene l'input di beni ai settori e, per un dato settore

supponiamo quello dell'acciaio - questa matrice ci dice la quantità di ogni altro bene richiesta

nella produzione dell'acciaio.

 La matrice B indica l'output di ogni bene da parte di ogni settore,

 la matrice C mostra quanto spenda ogni settore per l'acquisto dei fattori primari lavoro e

capitale;

 nella matrice D c'è la domanda finale dei beni, ovvero quanto di ciascun bene venga richiesto

per soddisfare ciascun tipo di domanda finale,

 nella matrice E troviamo, infine, la spesa per ogni input primario secondo ciascuna categoria

di domanda finale.

Rimangono infine la riga e la colonna intitolate «totali», che non sono, in realtà, delle matrici:

1. il quadrato F contiene la domanda totale di beni, costituita sia dalla domanda di beni da parte

dei settori (matrice A) che dalla domanda finale di beni (matrice D ); nella matrice F, tuttavia, questa

domanda totale apparirà come un'unica lista di domande, o «vettore», classificate in base agli N beni: così, ci

potrebbero essere x unità del bene 1, y unità del bene 2, z unità del bene 3, e così via.

2. Nel riquadro G troviamo, sotto forma di vettore, gli output totali di ciascun settore,

3. il vettore H contiene la spesa totale per gli input primari, che si ottiene sommando gli elementi

delle matrici C ed E,

4. il vettore K rappresenta l'output totale di beni,

5. il vettore L gli input totali ai settori,

6. il vettore M la spesa totale per tutti gli input da parte della domanda finale;

7. infine, il riquadro J che indica la spesa totale per tutti i beni e tutti gli input primari, non è né

una matrice né un vettore, ma è uno scalare cioè un numero.

A cosa può servire una rappresentazione del sistema economico come quella nella figura 2.2.?

Innanzitutto, precisiamo che quella della figura 2.2 è una forma particolare di una tavola input -

output che, mostrando le interazioni all'interno del sistema economico, si rivela estremamente utile

per scopi di pianificazione economica.

Se, ad esempio, lo Stato decide di espandere la domanda finale creando inflazione, è utile conoscere

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 28

le implicazioni di questa manovra sulla domanda di lavoro, sulla domanda di acciaio, sulla domanda

di carbone, ecc.

In secondo luogo, anche se questo va oltre gli scopi della nostra analisi, ricordiamo che è possibile

modificare le tavole input - output così da poter valutare l'effetto di prezzo derivante dal

mutamento di alcune caratteristiche chiave del sistema economico: se, ad esempio, decidiamo di

aumentare il prezzo dell'energia elettrica, si può mostrare l'impatto sui costi dei settori che

utilizzano l'energia elettrica.

11.2. All’interno del sistema ambientale

Ma ciò che a noi sta a cuore è l'ambiente. Abbiamo parlato abbastanza dell'analisi I-O per accennare

agli usi che questo approccio potrebbe avere nell'economia dell'ambiente.

Se fosse possibile introdurre nella rappresentazione le funzioni dell'ambiente, saremmo in grado di

vedere l'impatto di un cambiamento economico sull'ambiente, ed è in questo senso che la figura 2.3

estende la figura 2.2, dove non abbiamo fatto altro che prendere la figura 2.2 ed aggiungere

un'altra riga e un'altra colonna:

 la riga aggiuntiva rappresenta i «beni ambientali», intesi come l'insieme di tutte le risorse

naturali, quali la terra, l'aria e l'acqua; nella voce «terra» includiamo le risorse naturali come il

carbone e il petrolio, il patrimonio ittico e le foreste.

La riga intitolata «beni ambientali» indica, perciò, in che modo l'ambiente fornisce input al sistema

economico.

Tutte le matrici nella figura 2.2 erano espresse in termini monetari, nella figura 2.3, tuttavia, la

nuova riga e la nuova colonna saranno espresse in termini fisici.

FIG. 2.3

BENI SETTORI DOMANDA FINALE TOTALE SCARICO RIFIUTI NELL’AMBIENTE

BENI A D F N

SETTORI B G O

INPUT PRIMARI C E H

TOT K L M J P

BENI AMB Q R S

La matrice N = q.tà rifiuti scaricati da consumi misurati da F;

la matrice O = rifiuti prodotti da ciascun settore;

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 29

il vettore P = q.tà complessiva di rifiuti del sistema economico;

la matrice Q = input di beni ambientali, quali acqua e terra;

la matrice S = input tot. di beni ambientali alla domanda dei settori e alla domanda finale.

Di fatto, la figura 2.3 formalizza le relazioni generiche introdotte nella figura 2.1 e se fosse possibile

quantificare le varie relazioni tra beni ambientali e sistema economico, potremmo avere un'idea più

chiara delle interazioni tra il sistema economico e l'ambiente.

Ci preme dimostrare che sistema economico e ambiente sono collegati in vari modi e che, almeno in

linea di principio, è possibile modellare formalmente queste connessioni estendendo l'analisi input -

output originariamente sviluppata per scopi non collegati all'ambiente.

Questo ci permetterà anche di riflettere su cosa faccia l'ambiente per il sistema economico.

12. IL SISTEMA ECONOMICO CIRCOLARE

Se non prendiamo esplicitamente in considerazione l'ambiente, l'economia appare come un sistema

lineare: la produzione P è finalizzata alla creazione di beni di consumo, C, e di beni capitale, K, i

quali, a loro volta, produrranno beni di consumo in futuro; lo scopo dell'attività di consumo è quello

di creare «utilità», U, o benessere.

P C U

K

Tralasciando U e K, possiamo aggiungere il flusso delle risorse naturali N, input per il sistema

economico, ottenendo un quadro più completo e ancora un sistema lineare.

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 30

N P C

Con questo sistema, tuttavia, si considera solo la prima funzione dell'ambiente naturale, quella

di generatore di risorse che servono come input al sistema produttivo

Il quadro rimane ancora incompleto perché non dice nulla circa i prodotti di rifiuto.

Riflettendo un momento, ci si rende conto che l'ambiente naturale rappresenta il deposito ultimo dei

materiali di rifiuto.

Tuttavia, la differenza fondamentale tra sistemi naturali e sistemi economici sta nel fatto che

i primi tendono a riciclare i propri rifiuti.

 I sistemi economici, invece, non hanno questa propensione automatica al riciclaggio.

Ci concentriamo sui rifiuti prodotti dal sistema economico.

I rifiuti compaiono in ogni fase del processo produttivo: la lavorazione delle risorse genera rifiuti,

come ci testimoniano le discariche colme di rifiuti.

Potremmo allora riprendere il sistema lineare ed espanderlo un poco in questo modo:

N C

P

R R R

N p C

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 31

Ora, la cosa interessante qui è la relazione tra N e la somma dei flussi di rifiuti prodotti in ogni

periodo:

la q.tà di rifiuti in ogni periodo è = q.tà risorse naturali

utilizzate.

Ovvero N = R = R + R + R

N p C

Questa equivalenza è assicurata dalla

1° LEGGE DELLA TERMODINAMICA = NON E’

POSSIBILE CREARE O DISTRUGGERE ENERGIA

ma solo convertirla e disperderla.

12.1. Conversione in un sistema circolare

La rilevanza della 1° legge della T. è stata messa in evidenza da BOULDING nel suo famoso saggio

del 1966, “l’economia dell’astronave Terra”.

Secondo questa metafora la terra è un sistema economico chiuso, in cui l’ambiente e il sistema

economico hanno una

relazione di tipo circolare = ogni cosa è un input per qualunque altra cosa.

Alla luce ditale contributo, si può convertire il sistema lineare in uno circolare, nel modo seguente:

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 32

N C

P

R Ambiente come

r collettore di rifiuti

Il quadrato r = è l’attività di riciclaggio (parziale) dei rifiuti R.

Purtroppo, la maggioranza dei rifiuti non viene riciclata.

12.2. Seconda legge della termodinamica

Perché non tutti i rifiuti vengono riciclati?

Qui entra in gioco LA 2° LEGGE DELLA

TERMODINAMICA: il riciclaggio non sempre è

realizzabile perché le materie prime vengono utilizzate

ENTROPICAMENTE, cioè disperse all’interno del

sistema economico stesso.

In altri casi, il riciclaggio non è tecnicamente realizzabile: es. il piombo nel gasolio o l’anidride

carbonica.

L’entropia pone un ostacolo fisico, nel senso che modella il sistema economico come un sistema

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 33

chiuso.

12.3. Risorse rinnovabili e non risorse naturali N

Si può, allora, ampliare nel diagramma il riquadro delle per tenere conto dei

due tipi di risorse naturali:

NON RINNOVABILI (RNR): es. petrolio, carbone.

 RINNOVABILI (RR): es. foreste.

Le RR vanno usate in modo da non superare il loro tasso di capacità di rigenerazione.

Il settore delle risorse naturali appare, allora, così definito:

12.4. Il sistema economico circolare

Il sistema economico circolare, a causa delle leggi della termodinamica, anziché essere aperto

e lineare, diventa chiuso e circolare.

Nella fig. 2.4 mostriamo il quadro completo:

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 34

In questo flusso circolare, denominato bilancio dei materiali, si identificano le funzioni

economiche dell’ambiente:

1. fornire risorse

2. ricettore di rifiuti

3. fonte diretta di utilità (funzione estetica – paesaggistica).

Se scarichiamo i rifiuti R in q.tà > alla capacità di assimilazione A dell’ambiente, poniamo in

forte rischio la terza funzione.

Tutte hanno un valore economico positivo.

Il pericolo nasce dall’utilizzo sbagliato di questi valori economici.

12.5. I teoremi di esistenza

Non abbiamo alcuna analisi che dimostri se un particolare sistema economico sia compatibile con

l’ambiente naturale: non sappiamo, cioè, che cosa occorra perché il sistema economico e l’ambiente

coesistano in equilibrio tra loro. teorema dell’esistenza

Non conosciamo, appunto, il cosiddetto .

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 35

ECONOMIA DELL’AMBIENTE

Cap. 3

IL SISTEMA ECONOMICO SOSTENIBILE

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 36

13. LE REGOLE PER LA SOSTENIBILITÀ DI SISTEMI ECONOMICI

CHIUSI

Lo sviluppo del modello «chiuso» del sistema economico e dell'ambiente ha sollevato

immediatamente il problema della capacità dell'ambiente di sostenere l'economia, dove sostenere

qualcosa = renderlo duraturo.

Sostenere un sistema economico, tuttavia, non significa solo mantenerlo in vita: può accadere infatti

che esista un'economia duratura in cui, però, il livello di vita peggiora nel corso del tempo, ma

stabilire cosa sia il «livello di vita» rappresenta una questione controversa.

Ovviamente, non può essere un unico valore come il reddito reale pro capite: potremmo, quindi,

pensare al livello di vita come a un insieme o ad un «vettore» di componenti, tra le quali ci sono

1. l'utilità procurata dal reddito reale,

2. la cultura,

3. lo stato di salute

4. il benessere spirituale.

La questione rilevante, allora, diviene la seguente: come dovremmo utilizzare l'ambiente

naturale affinché possa svolgere il suo ruolo nella sostenibilità del sistema economico quale fonte

di un migliore livello di vita?

Nel capitolo 2 sono già state suggerite alcune regole nella gestione delle risorse e dell'ambiente se si

desiderava che quelle funzioni venissero mantenute per lunghi periodi di tempo. Queste regole

comprendevano:

1) un impiego delle risorse rinnovabili tale che il tasso di utilizzo (il tasso di raccolto) non sia

superiore al tasso di rigenerazione naturale;

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 37

2) il mantenimento del flusso di rifiuti nell'ambiente sia pari o al di sotto della capacità di

assimilazione dell'ambiente.

In simboli, le due regole possono essere espresse in questo modo:

[1] u < p

[2] R < A

Se rispettiamo le regole [1] e [2], sappiamo che lo stock di risorse rinnovabili e lo stock di capacità

di assimilazione dei rifiuti da parte dell'ambiente non diminuiranno.

Per ora, ricordiamo alcuni dei molti caveat che si devono tenere presenti in questa fase.

1. Non abbiamo preso in considerazione le risorse non rinnovabili, il cui stock in termini fisici

non può essere mantenuto costante (a meno di non utilizzarle del tutto! )

2. p e A non sono statici poiché possiamo gestire le risorse naturali in modo da migliorare la

produzione sostenuta e la capacità di assimilazione dei rifiuti da parte dell'ambiente

3. Sembra che le regole di gestione dell'ambiente accentuino il ruolo delle risorse naturali e la

capacità di assimilazione dei rifiuti da parte dell'ambiente.

14. COMPLEMENTARITÀ E TRADE-OFF

Dal momento che le risorse non rinnovabili, per definizione, devono essere consumate in un giorno,

è necessario pensare a come modificare le regole di gestione per comprendere anche tali tipi di

risorse.

Esistono due modi in cui esse possono essere integrate nelle regole di gestione dell'ambiente:

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 38

1) assicurare che, quando le risorse non rinnovabili vengono sfruttate, la riduzione del loro

stock venga compensata da un incremento delle risorse rinnovabili

2) Permettere che un dato livello di vita possa essere garantito con una riduzione nello

stock di risorse naturali.

La prima modificazione dà spazio alla sostituibilità tra risorse non rinnovabili e risorse

rinnovabili: a titolo di esempio si può citare la sostituzione dell'energia derivante dal combustibile

fossile con le fonti di energia solare, con il vento, con le maree e con le onde.

La seconda modificazione consente una maggiore efficienza nell'utilizzo delle risorse: oggi le

economie più avanzate utilizzano una quantità minore di energia per produrre una unità del Prodotto

nazionale lordo rispetto a cento anni fa.

L'idea di mantenere lo stock di risorse rinnovabili almeno costanti nel tempo per garantire la

sostenibilità del sistema economico deve essere modificata, al fine di comprendere questi due fattori

che si compensano a vicenda:

a) la necessità di accrescere le risorse rinnovabili per compensare la diminuzione degli stock di

risorse non rinnovabili, e

b)la minore necessità che tutte le risorse servano a sostenere un dato livello di vita poiché sembra

che la considerazione in termini di efficienza si possa applicare anche alle risorse rinnovabili.

Di fatto, senza un'approfondita indagine empirica non siamo in grado di dire quale di questi due

fattori sia più importante.

D'altro canto, esiste un terzo fattore che ha un'importanza maggiore sull'equazione, e cioè, la

crescita demografica: l'effetto dell'aumento della domanda di risorse può «affondare» velocemente

i guadagni in termini di efficienza.

Quello che a noi interessa è stabilire se si possono ottenere dei miglioramenti nel livello medio

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 39

di vita qualora lo stock di risorse naturali si riduca.

La figura 3.1 mostra come potrebbe essere rappresentata la questione:

a) Sull'asse verticale è indicato il livello di vita (LDV),

b)mentre sull'asse orizzontale abbiamo lo stock delle risorse ambientali o «capitale naturale»

(KN); l'origine O rappresenta un certo livello di vita positivo (che potremmo pensare come

un livello di sussistenza),

c) cosicché gli spostamenti verso la parte negativa dell'asse verticale implicano una notevole

riduzione della probabilità di sopravvivenza, una minore alimentazione, un'estrema povertà e,

forse, la fame in corrispondenza del punto L;

d)K . corrisponde al livello minimo di stock di capitale naturale necessario a sostenere un livello

di vita di pura sussistenza.

Si possono allora immaginare due visioni estreme della relazione tra stock di capitale naturale e

LDV.

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 40

14.1. Il primo approccio

Il primo approccio suggerisce che per i sistemi economici caratterizzati da bassi livelli di KN si

possono ottenere miglioramenti nel LDV solo accrescendo il capitale naturale, ovvero, crescita

del capitale naturale e LDV appaiono complementi.

Un sentiero attraverso il quale questi sistemi economici poveri si possono sviluppare è indicato da

K WJ, che denominiamo «paradigma della sostenibilità»:

min

una volta che il sistema economico «è decollato» e raggiunge, ad esempio, il punto W, sarebbe

possibile migliorare il LDV collocandosi in qualunque punto appartenente all'area ombreggiata

PWQ, vale a dire, aumentando, o, almeno, mantenendo costante lo stock di capitale naturale.

Al contrario, un sentiero di sviluppo che aumenti il LDV e nel quale il capitale naturale si riduca

sarebbe possibile, ma, solo temporaneamente, con l’implicazione che sviluppo e ambiente sono

complementi.

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 41

14.2. Il secondo approccio

Il secondo approccio, più tradizionale, è denominato il paradigma del «trade - off»:

suppone che il sistema economico si trovi sempre in un punto come W, e che sia possibile

garantire lo sviluppo solo rinunciando a una parte di KN per ottenere dei miglioramenti nel LDV;

il sentiero, in questo caso, è simile a XWY: se desideriamo più risorse ambientali, il LDV, per

come è stato definito, deve diminuire; se, invece, preferiamo un migliore LDV, dobbiamo allora

ridurre il capitale naturale.

Da questo punto di vista, la stessa situazione si verifica sia in A che in B, ovvero, la situazione

caratterizzata da trade - off è sempre rilevante.

14.3. Approcci intermedi

Tra queste due visioni estreme vi sono ovviamente molte posizioni intermedie.

Sotto l'ipotesi che tutti sarebbero d'accordo sul concetto di K , la situazione di trade-off potrebbe

non essere rilevante finché non venga raggiunto un punto come W, con la conseguenza che si

possono ottenere miglioramenti nel LDV percorrendo il sentiero da W a X a Z, nel quale punto si

raggiungono nuovamente stock minimi di capitale naturale.

In questa variante del modello, ambiente e sviluppo sono complementi solo nelle fasi iniziali dello

sviluppo; una volta che il sistema economico è decollato, essi divengono sostituti, con l'avvertenza

che possono essere scambiati l'uno con l'altro solo fino ad un certo limite e solo per alcune funzioni

ambientali:

Tuttavia, K potrebbe diventare significativamente rilevante, come, ad esempio, nel caso

min

dell'effetto dei residui di gas sulla fascia di ozono, o degli effetti della combustione del combustibile

fossile sulla quantità di anidride carbonica presente nell'atmosfera («l'effetto serra»).

La figura 3.1, che ha uno scopo puramente illustrativo, solleva la questione di come sia realizzabile

un sentiero come WXZ, nel quale il capitale naturale si riduce, se il nostro interesse è rivolto alla

sostenibilità di un sistema economico.

Abbiamo già suggerito in che modo questo sentiero potrebbe essere compatibile con la

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 42

sostenibilità, ossia, mediante incrementi nell'efficienza di utilizzo delle risorse, dove la fonte

principale di questi cambiamenti nell'efficienza è il progresso tecnologico, che, tuttavia, non

dovrebbe essere considerato come un «bene libero», perché produce anche effetti collaterali di

inquinamento.

Abbiamo, infine, rilevato che la crescita demografica potrebbe influenzare negativamente le

possibilità di spostamento verso un sentiero come WXZ nella figura 3.1.

Vi è poi un altro tipo di sostituzione da tenere presente in questo contesto gli economisti parlano

di sostituire il capitale prodotto dall'uomo (K ), come ad esempio i macchinari, le fabbriche e

U

le strade, al capitale naturale.

Se questo è vero, il capitale naturale può diventare non essenziale per il miglioramento del livello

di vita; nei termini della figura 3.1, si può raggiungere il sentiero WXZ rinunciando a K in

N

cambio di K .

U

Se i due tipi di capitale producessero gli stessi miglioramenti nel LDV, saremmo indifferenti tra i

due, oppure potremmo preferire K per altre caratteristiche, ad esempio, per le bellezze

N

paesaggistiche; ma, qualora K permettesse di realizzare un miglioramento maggiore nel LDV,

U

allora la scelta potrebbe ricadere su K .

U

15. LA CONSERVAZIONE DELLO STOCK DI CAPITALE NATURALE

Abbiamo visto nel paragrafo precedente che sia il cambiamento tecnologico- che migliora

l'efficienza nell'utilizzo delle risorse - sia la sostituzione di K con K prodotto dall'uomo - che è

N U

più produttivo - spiegano perché non sia essenziale, dopo tutto, per un sistema economico

sostenibile conservare lo stock di capitale naturale.

15.1. Sostituzione tra K e K

U N

Si presenta subito un problema nella distinzione tra K e K in quanto il capitale prodotto

U N

dall'uomo non è indipendente dal capitale naturale, che spesso è necessario per la produzione di

K .

N

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 43

La prima legge della termodinamica citata nel capitolo 2 ci ricorda che per produrre qualsiasi

bene dobbiamo consumare alcune risorse naturali.

L'idea di sostituzione, allora, potrebbe essere giustificata se potessimo dimostrare che il guadagno di

produttività che si otterrebbe utilizzando K supera la quantità aggiuntiva di risorse naturali che

U

vengono utilizzate nella produzione di K .

U

A questo punto della discussione tutto ciò che possiamo affermare è che questo fatto non è

assolutamente ovvio.

Secondo, sempre per quanto concerne la sostituzione tra K e K , non bisogna dimenticare che il

U N

capitale naturale svolge altre funzioni economiche, dal momento che assolve alle funzioni di

sostegno della vita che non sono garantite dal capitale prodotto dall'uomo: tra queste, ricordiamo

la regolazione del clima, la protezione dei bacini idrografici e il mantenimento dello stock di

risorse biologiche.

Dire che K è più «produttivo» di K , quindi, evade in un certo senso la questione, poiché è

U N

importante considerare la multifunzionalità delle risorse naturali, caratteristica questa che non è

posseduta dal capitale prodotto dall'uomo.

A questo fattore dobbiamo aggiungere anche le differenze nel profilo dell'inquinamento dei due

tipi di capitale: l'utilizzo dell'elettricità prodotta con combustibile fossile, ad esempio, provoca un

inquinamento maggiore dell'utilizzo dell'energia solare, e persino l'energia nucleare, che un tempo ci

si illudeva che fosse pulita e conveniente, non è più considerata nella stessa prospettiva.

Terzo, si tenga presente che la sostituibilità può non essere realizzabile per tutte le risorse

naturali, mentre la teoria economica neoclassica spesso è guidata dall'idea di una sostituzione

perfetta tra gli input, grazie alla quale è possibile, a livello analitico, ottenere risultati che

riducono l'importanza da noi attribuita alle risorse naturali.

D'altro canto, queste ultime non sono identiche alle altre risorse perché tra le molte loro funzioni c'è,

ad esempio, il mantenimento dei cicli biogeochimici nell'ambiente, dal quale dipende la stessa

sopravvivenza dell'uomo: solo se potessimo sostituire interamente queste funzioni potremmo

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 44

sostituire K con K .

N U

15.2. Il progresso tecnologico

Non esiste alcun dubbio che il progresso tecnologico sia una fonte importante di accrescimento dell'efficienza''.

I caveat, a questo punto, sono di due tipi:

1) non è detto che la nuova tecnologia inquini meno;

2) è lecito chiedersi se il progresso tecnologico continuerà per sempre, o almeno per un lungo

periodo di tempo.

Qualcuno risponderebbe che la capacità inventiva dell'uomo mostra scarsi segni di rallentamento -

se mai nel ventesimo secolo è aumentata.

Ma questa visione ottimistica sul ruolo svolto dalla tecnologia nell'affrancarsi dalle risorse naturali

dipende dall'esistenza di una qualche risorsa che si rinnova in maniera quasi indefinita e che,

alla fine, sostituisce le risorse non rinnovabili quando queste si sono esaurite.

Nella letteratura si parla di tecnologia sostitutiva: un esempio è l'energia proveniente dai reattori

autofertilizzanti veloci, quella prodotta dai reattori a fusione e, infine, l'energia derivante dalla

conversione dell'argillite petrolifera.

Potranno esistere delle tecnologie sostitutive che ci possono affrancare dalle risorse naturali; ma è anche vero che queste

tecnologie non possono essere realizzate assumendo semplicemente che esistano.

15.3. Sostenibilità incertezza e irreversibilità

Se potessimo avere la certezza dei benefici derivanti dalla sostituzione del capitale naturale con il

capitale prodotto dall’uomo, allora il trade off tra i due non costituirebbe un problema serio; nella

realtà, non conosciamo con certezza le modalità di funzionamento dell'ambiente, sia al suo interno

che nelle interazioni con il sistema economico.

Inoltre, la decisione di rinunciare al capitale naturale presenta un tallone d’Achille costituito dal

problema delle irreversibilità: se commettiamo un errore, spesso non è più possibile porvi

rimedio.

Le foreste tropicali, ad esempio, non possono essere create, almeno in modo fattibile, ed è assai

difficile rendere nuovamente coltivabili le terre desertificate: se una specie si estingue, non è più

possibile farla ricomparire.

La presenza congiunta di incertezza e irreversibilità dovrebbe, quindi, renderci più circospetti

prima di rinunciare al capitale naturale.

Nei termini della figura 3.1, questo significa che la curva del trade off ZXWY è più piatta:

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 45

riduzioni di K possono permettere miglioramenti sostenibili nel LDV solo per un periodo di tempo

N

limitato.

15.4. La capacità di recupero

Grande attenzione è stata posta in anni recenti ai problemi che devono fronteggiare le nazioni più

povere del mondo, che, invariabilmente, dipendono dalle risorse naturali in modo molto più

diretto rispetto ai sistemi economici più avanzati.

Nei Paesi più poveri, per combustibile di solito si intende il legname, l'acqua zampilla senza alcun

trattamento direttamente dalle sorgenti in superficie e da quelle sotterranee, le case sono di legno, le

provviste di cibo dipendono da una agricoltura di sussistenza e, quindi, dalla qualità del suolo.

La sostenibilità di queste società dipende in maniera evidente dal mantenimento degli stock di

risorse naturali, che, tuttavia, possono essere conservati senza che questo implichi la sostenibilità

della società stessa, dato il basso margine di flessibilità: bastano, infatti, pochi anni di siccità, una

guerra o una crisi drammatica perché la società venga fatta arretrare di molti anni per quanto

riguarda le sue prospettive di sviluppo.

Se, invece, gli stock risorse fossero più grandi, ci sarebbe un maggior margine di flessibili per adeguarsi a questi

«shock» esterni.

Ora, poiché il capitale prodotto dall'uomo spesso non è disponibile in queste società, non

possiamo affermare con certezza che esso assicurerebbe una capacità di recupero uguale, se non

addirittura maggiore: potrebbe accadere, ma non possiamo verificarlo perché esso non è disponibile.

In questi casi, una maggiore quantità di capitale naturale può significare una maggiore

capacità di ripresa dagli shock e, quindi, una società più sostenibile.

15.5. Equità intergenerazionale

Un’altra ragione per conservare lo stock di risorse naturali è quella di assicurare un uguale

accesso ad esso alle varie generazioni.

L’equità intergenerazionale fa riferimento all'idea di uguaglianza o giustizia tra generazioni diverse,

istanza che, se accolta come obiettivo sociale (lo vedremo nel capitolo 14), segnerebbe un punto a

favore della conservazione di K .

N

Ogni irreversibilità implica l’eliminazione di una alternativa per le generazioni future, poiché non è possibile garantire

l'accesso alle risorse se queste si sono estinte.

15.6. I diritti in natura

Nessuno pone in dubbio che gli uomini possiedono dei diritti: ma si può dire lo stesso anche per gli altri esseri viventi?

D'altro canto, se accettiamo che gli animali abbiano dei diritti, uno di questi è certamente quello di

vivere per poter esercitare gli altri diritti.

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 46

Quando distruggiamo il capitale naturale stiamo invariabilmente distruggendo l'habitat,

ossia, l'ambiente di cui gli animali hanno bisogno per la loro stessa esistenza; è, quindi,

probabile che la riduzione di K sia in conflitto con i diritti degli animali.

N

15.7. Il significato della costanza dello stock di capitale naturale

La nostra discussione ha suggerito che la sostenibilità può essere analizzata in termini del requisito di

mantenimento dello stock di capitale naturale, requisito che implica l'esistenza di «limiti» posti dal funzionamento

dell'ambiente nel suo ruolo di sistema di sostegno per l'economia.

Quanto sia possibile rendere meno stringente quel requisito dipende dalle nostre idee sul:

a) grado di sostituibilità tra risorse rinnovabili e risorse non rinnovabili

b) tra capitale prodotto dall'uomo e capitale naturale

c) dal ruolo del progresso tecnologico nel ridurre il fabbisogno di risorse naturali quali input per

un miglioramento unitario nel livello di vita,

d) dagli effetti della crescita demografica sul deperimento dello stock di capitale naturale.

Le implicazioni sono di questa natura:

1. Il capitale naturale è costante se la sua non cambia: di fatto, non abbiamo

quantità fisica

alcun modo di sommare quantità fisiche differenti (ad esempio, tonnellate di carbone, metri cubi

di legname, litri di acqua).

L'approccio economico tradizionale imporrebbe di valutare ogni tipo di risorsa in termini

monetari e poi di calcolare, per somma, il valore monetario aggregato, se questo fosse possibile.

2. Potremmo ragionare in termini del valore unitario dei vizi di K cioè a dire, potremmo fare

ser N

riferimento ai e cercare di mantenere costanti questi in termini reali; a

prezzi delle risorse naturali

patto di credere che i prezzi riflettono la scarsità assoluta - questione che verrà discussa nel

capitolo 16 - abbiamo che prezzi reali costanti implicheranno uno stock costante di capitale

naturale nel senso appena definito.

Molte risorse, tuttavia, non hanno prezzi osservabili, per cui avremo bisogno di trovare in

qualche modo dei prezzi impliciti o prezzi «ombra».

3. Potremmo pensare a un dei flussi di risorse che derivano dallo stock di capitale

valore costante

naturale; diversamente dal caso dei prezzi costanti, si permetterebbe alla quantità di

diminuire, ma al prezzo di salire, mantenendo il valore costante.

15.8. Stock esistenti e stock ottimali di capitale naturale

La conservazione dello stock di capitale naturale è compatibile con parecchie situazioni.

Lo stock in questione potrebbe essere quello esistente nel momento in cui vengono prese le

decisioni - lo denomineremo stock potrebbe essere lo stock che .

esistente - oppure, dovrebbe esistere

Secondo la teoria economica ci sono dei costi e dei benefici derivanti dalla modificazione dello

stock di capitale naturale;

• se viene ridotto, deve esserci qualche scopo: lo spazio lasciato libero dalle foreste, ad esempio,

serve all'agricoltura.

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 47

• Ogni opera dell'uomo che distrugge una risorsa naturale ha, quindi, dei benefici in termini

dei guadagni che derivano dall'uso al quale è destinata la terra; analogamente, l'impiego

dell'atmosfera o degli oceani come «ricettori di rifiuti» produce dei benefici in quanto i mezzi

alternativi di smaltimento dei rifiuti sono spesso più costosi;.

• l'ambiente, quindi, nella sua funzione di ricettore di rifiuti, riduce i costi di produzione e delle

attività di consumo.

D'altro canto, la distruzione dell'ambiente ha anche dei costi dal momento che molte persone

usano le risorse ambientali, ad esempio, quando ammirano la natura nei momenti di svago, per

scopi scientifici o per la caccia.

L'ambiente possiede non solo dei «valori d'uso», ma anche un «valore di esistenza», come

dimostra il fatto che a molti piace pensare che l'ambiente vada conservato per se stesso.

Questi valori «non d'uso» devono allora essere sommati ai valori d'uso per ottenere il valore

delle risorse o dell'ambiente conservati (si veda il capitolo 9).

economico totale

Nella figura 3.2 viene raffigurato confronto tra i costi e i benefici:

il

• sull'asse orizzontale compare lo stock di capitale naturale, mentre

• sull'asse verticale sono indicati i costi e i benefici. K ,

La curva dei costi indica che, al crescere dello stock di capitale naturale ci sono dei costi

N

crescenti nella forma dei benefici perduti per non aver conservato l'ambiente; la curva dei benefici

rappresenta i benefici sia per coloro che utilizzano che per quelli che non utilizzano le risorse

naturali.

L'analisi economica indicherebbe in K* lo stock ottimale di risorse naturali:

N

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 48

• se lo stock esistente si trova alla destra di K* allora ci sarà un beneficio in termini netti a

N

ridurre lo stock, ovvero, a danneggiare e distruggere l'ambiente;

• K* ,

ma, se lo stock esistente è collocato alla sinistra di allora saranno necessari dei

N

miglioramenti nella qualità dell'ambiente.

Lo sviluppo sostenibile sarà compatibile solo se ci troviamo

alla sinistra del punto di ottimo indicato nella figura 3.2, o in

coincidenza con esso, dal momento che la sostenibilità è

compatibile con l’accrescimento delle risorse naturali.

15.8.1. Alcune osservazioni.

1) Si è indotti a pensare che in molti Paesi in via di sviluppo gli stock esistenti siano inferiori

al livello ottimale.

In qualche misura, perciò, per questi Paesi risultano quasi inutili le considerazioni in merito a ciò che costituisce

precisamente un ottimo.

2) La seconda osservazione si ricollega all’identificazione dell’ottimo nella figura 3.2 :

l'affermazione secondo la quale gli stock di capitale «dovrebbero» essere ottimali risulta, infatti,

essere una tautologia, mentre la caratteristica interessante dell'ottimalità consiste nel modo in cui

vengono calcolati i benefici derivanti dall'accrescimento del capitale naturale.

In questo contesto, il fattore critico sta nel riconoscimento della multifunzionalità delle

risorse naturali, compreso il loro ruolo di sistemi integrati di sostegno alla vita.

E’ ancora una questione aperta fino a che punto l'analisi costi benefici riesca a «catturare» le

funzioni di sostegno alla vita come, ad esempio, i contributi ai cicli geochimici.

Di fronte all'incertezza e ai fenomeni di irreversibilità, la conservazione del patrimonio esistente

potrebbe essere una strategia profondamente avversa al rischio o, in altri termini, persino nei

Paesi in cui sembrerebbe possibile ridurre gli stock di capitale naturale esistono i rischi

seguenti:

a) la nostra comprensione delle funzioni di sostegno alla vita da parte dell'ambiente è imperfetta;

b) la nostra capacità di sostituire quelle funzioni, anche qualora la loro perdita sia, in teoria,

reversibile, presenta dei limiti;

c) le perdite sono spesso irreversibili.

3) Osserviamo che c'è la tendenza a definire l'ottimalità in termini di efficienza economica, mentre la

conservazione dello stock di capitale naturale serve a realizzare altri obiettivi sociali; a questo proposito,

la figura 3.2 è utile, ma non comprende i benefici degli stock di capitale naturale che non sono

misurati in termini dell'efficienza, tra i quali troviamo alcuni obiettivi distributivi, sia all'interno

delle generazioni presenti che tra generazioni presenti e future. Ovviamente, dobbiamo avere la certezza

che questi obiettivi non misurati in termini di «efficienza» non possano essere meglio realizzati con la

conversione del capitale naturale nel capitale umano - una questione su cui ritorneremo tra breve.

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 49

4) Una quarta ragione per sostenere che gli stock esistenti sono importanti emerge dalla ricerca recente

sull'uso della disponibilità a pagare e della disponibilità ad accettare una compensazione come misure

del beneficio. Una base concettuale per la stima di un beneficio consiste nel riuscire a determinare cosa

siano disposti a pagare gli individui per assicurarsi tale beneficio: ad esempio, se abbiamo un bene

ambientale e se esiste la possibilità di aumentare la sua dimensione, allora una misura del valore

economico di quell’accrescimento della dimensione consisterà nelle somme di denaro che gli agenti

sono disposti a pagare per ottenere la terra o un'altra risorsa naturale. Non è, quindi, di grande

rilevanza sapere se esista un reale mercato per quel bene ambientale, poiché possiamo

determinare ancora cosa sarebbero disposte a pagare le persone se solo ci fosse stato un mercato

(si veda il capitolo 10). Allo stesso modo, se si deve ridurre la quantità di una risorsa naturale,

possiamo chiedere quale compensazione sarebbero disposti ad accettare gli individui per rinunciare a

questa risorsa. La teoria economica sostiene che la differenza tra le misure della disponibilità a

pagare e della disponibilità ad accettare una compensazione (la «variazione equivalente» e la

«variazione compensativa» del benessere) non differiranno in maniera significativa, ossia, una

misura della disponibilità a pagare in cambio di un piccolo guadagno sarà uguale, all'incirca, a ciò che

viene richiesto per essere compensati per la rinuncia ad una piccola quantità del bene. Sul fronte della

ricerca empirica, invece, giungono conclusioni differenti, nel senso che ci sarebbero grandissime

discrepanze tra disponibilità a pagare e disponibilità ad accettare una compensazione. La prospect

theory, ad esempio, offre una giustificazione logica del perché la compensazione sia molto più grande:

ciò che esiste viene considerato come un punto di riferimento, e l'atteggiamento verso ciò che già si

possiede o si è sperimentato è differente da quello che si assume nei confronti dì una prospettiva di

guadagno; in altri termini, la funzione di valutazione nella figura 3.2 ha un punto d'angolo in

corrispondenza dello stock di risorse esistente. La figura 3.3 è il risultato della modificazione della

figura 3.2: l'esistenza dello spigolo implica che il livello ottimale di K sembra essere quello in

corrispondenza dello spigolo, cioè a dire, stock esistente e stock ottimale di capitale naturale

coinciderebbero, e questo, nei termini dell'idea del«capitale costante» nel contesto di uno sviluppo

sostenibile, implica che si dovrebbe attribuire un valore elevato alle riduzioni dello stock esistente di

capitale - confermando, in tal modo, la visione secondo la quale la conservazione degli stock esistenti

abbia essa stessa un'alta priorità.

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 50

15.8.2. In generale

Mentre nella teoria economica esiste una potente giustificazione per pensare in termini di mantenimento

dello stock ottimale di capitale piuttosto che di quello esistente come condizione fondamentale per la

sostenibilità, esistono tuttavia delle ragioni per la conservazione almeno dello stock esistente di

capitale: per le nazioni povere che dipendono dalle risorse naturali.

La conservazione delle risorse permette di realizzare obiettivi non in termini di efficienza, mentre

l'ottimalità tende ad essere definita unicamente in termini di efficienza. Infine, anche in termini di efficienza,

l'esistenza di una funzione di valutazione che ha un punto d'angolo in corrispondenza della dotazione

esistente di risorse naturali aggiunge importanza alla conservazione degli stock esistenti.

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 51

ECONOMIA DELL’AMBIENTE

Cap. 4

IL LIVELLO OTTIMALE DI INQUINAMENTO

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 52

16. L’INQUINAMENTO COME ESTERNALITA’

La definizione economica di inquinamento dipende da:

• un effetto fisico dei rifiuti sull’ambiente

• da una reazione dell’uomo a quell’effetto fisico, di natura biologica, chimica, ecc.

Chiameremo queste reazioni da parte dell’uomo perdita di benessere.

L’inquinamento può avere due significati economici:

1. un costo esterno, noto anche come esternalità o diseconomia esterna.

2. Oppure un beneficio esterno, noto anche come esternalità positiva o economia esterna.

Siamo in presenza di un costo esterno se prevalgono le due condizioni seguenti:

 un’attività intrapresa da un agente provoca una perdita di benessere a un altro agente.

 La perdita di benessere non viene compensata.

Entrambe le condizioni sono necessarie: infatti, se la perdita viene compensata si dice che

l’effetto è stato internalizzato.

17. IL LIVELLO OTTIMALE DI ESTERNALITÀ

È stato messo in rilievo che

♦ la presenza a livello fisico dell’inquinamento non implica che esista l’inquinamento a

livello economico.

Anche se esiste, l’inquinamento a livello economico è improbabile che esso debba essere

eliminato.

Si può dimostrare questa proposizione con riferimento alla fig. 4.1.

Sull’asse orizzontale = livello di attività economica Q dell’inquinatore.

 Sull’asse verticale = costi / benefici in termini monetari.

 Retta BMNP = BENEFICI MARGINALI NETTI PRIVATI.

(In appendice 1 vedi derivazione formale della retta nel caso in cui l’inquinatore sia un’impresa).

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 53

Chi inquina sosterrà dei costi per la sua attività e, d’altra parte, riceverà dei benefici sotto forma di

ricavi.

La differenza Ricavi – Costi = beneficio netto privato

∆ ∆

La BMNP è la versione marginale = beneficio netto / unitaria attività.

Retta CMAE = COSTO MARGINALE ESTERNO = valore del danno addizionale causato

dall’attività Q (qui è una funzione crescente dell’output Q: in appendice 2 vedi altri funzioni).

Siamo ora in grado di identificare

il livello ottimale di esternalità è là dove BMNP = CMAE

cioè beneficio = costo marginale

in quanto area sotto BMNP = beneficio totale netto privato dell’inquinatore

mentre area sotto CMAE = costo totale esterno.

Si potrebbe, quindi, stabilire che lo scopo di una società consiste nella massimizzazione della

somma dei benefici meno la somma dei costi.

Se così fosse, allora triangolo OXY = area massima del BN

e, quindi, Q* = livello ottimale attività.

Ne segue che, a questo livello di attività,

liv. fisico inquin. = liv. ottim. inquin.

Infine

q.tà ottimale danno economico per liv ottim inquin Q* = area OYQ* = area B in fig. = liv ottim

esternalità.

Formalmente abbiamo che in Q* BMNP = CMAE

Ma dall’appendice 1 BMNP = P – CMA

Dove CMA = costo marg produz prodotto inquinante, P = prezzo.

Da cui P –CMA = CMAE

P = CMA + CMAE = CMAS = COSTO MARG SOCIALE

Ma l’uguaglianza

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 54

PREZZO = COSTO MARG SOCIALE = ottimalità

Paretiana.

18. DEFINIZIONE ALTERNATIVE DI INQUINAMENTO

I testi popolari parlano di eliminazione dell’inquinamento.

Ma, osservando la fig. 4.1. vediamo che ciò è possibile solo non producendo affatto il bene che

inquina.

D’altra parte le leggi della termodinamica implicano che non esiste un bene non inquinante, per cui

avere

Un livello zero di inquinamento = avere un livello zero di produzione.

Tuttavia, la situazione non è così estrema come può sembrare: si tratta di considerare la fig.

4.1. da un importante punto di vista.

Abbiamo visto in precedenza che l’ambiente può essere caratterizzato da una certa capacità di

assimilazione A: esso, cioè, può ricevere un certo livello di rifiuti R, degradarlo e convertirlo in

prodotti non dannosi o addirittura utili.

Allora se

R < A = emerge una esternalità “temporanea” positiva

Se R > A = degrado dell’ambiente.

In presenza di una capacità di assimilazione dell’ambiente, i livelli ottimali di inquinamento

sono espressi nella fig. 4.2.

Al di sotto del livello di attività economica Qa, l’unico tipo di esternalità sarà “temporanea”,

cioè l’ambiente tornerà alla normalità una volta che abbia smaltito i rifiuti.

Da notare che l’analisi non è influenzata dalla posizione dell’origine della curva CMAE.

La fig. 4.2. non modifica sostanzialmente l’analisi precedente circa il liv econom ottim

dell’inquin.

Tuttavia possiamo ora constatare che l’idea di liv zero di inquin non è così banale come

sembrava: il liv zero di inquin rimane ancora un liv non ottim, ma non implica più un liv nullo

di attività economica, come appare dalla fig. 4.2.

Quest’ultima fig mostra anche in che modo

Il liv di attiv econom sia collegato al liv di rifiuti emessi.

Assumendo che i rifiuti siano diret proporz al liv attiv econom, possiamo trasformare una q.tà

di Q in un corrispondente livello di R, così

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 55

Q* = liv ottim attiv econom = R* = liv ottim di rifiuti che producono inquin.

19. TIPI DI ESTERNALITA’

Siamo, ora, in grado di definire qualche altro termine, riferendoci alla fig. 4.1.

Area B Liv ott estern

Area A + Liv ott BNP per inquinatore

B

Area A Liv ott BNS (benefici soc netti)

Area C + Liv ester non ott da eliminare con

D regolamentazione

Area C Liv BNP socialmente ingiustificati

Q* Liv ott attiv econom

Liv attiv econ che produce max BP

Con riferimento alla fig. 4.1. si dimostra che

IN PRESENZA DI ESTERNALITA’ ESISTE UN DIVARIO TRA COSTO PRIVATO E

COSTO SOCIALE

Se questo divario non viene corretto l’inquinatore continuerà ad operare al punto Qπ, dove

BP = A + B+ C =max, mentre

COSTO ESTERNO = B + C +D.

Così

BNS = A + B + C – B – C – D = A – D, cioè < A

dove A = BNS quando attiv inquin = Q*.

Si dice che

Il liv ester = C + D è Pareto rilevante

poiché la sua rimozione porta a un guadagno netto in termini di BS mentre

Il liv ester B è Pareto irrilevante

poichè la sua rimozione non è affatto necessaria.

20. CHI SONO GLI INQUINATORI?

PRODUTTORE DI RICEVITORE DI

ESTERNALITA’ ESTERNALITA’

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 56

Impresa Impresa

Impresa Individui

Individui Impresa

Individui Individui

Stato Impresa

Stato Individui

Lo stato spesso genera effetti esterni attraverso una legislazione e regole deboli.

21. CONCLUSIONI

1. Gli scienziati tendono a definire l’inquinamento in modo diverso rispetto agli economisti

2. Per l’economista l’inquin è un costo esterno che ha luogo solo se uno o più individui

subiscono una perdita di benessere.

3. Anche in questo caso, gli economisti non consigliano l’eliminazione dell’esternalità poiché

Liv ottim estern zero.

4. Ma l’idea di un liv = zero di inquin non è assurda per i seguenti motivi:

5. l’ambiente tende ad avere una CA (capac assimil) > ZERO

6. è possibile separare l’attività economica dagli scarichi di rifiuti mediante l’installazione di

impianti di depurazione.

7. Sono inquinatori non solo le Imprese, ma anche gli individui e lo Stato.

8. Nell’analisi svolta si è supposta la condizione della concorrenza perfetta: se si abbandona

questa ipotesi, alcune conclusioni cambiano.

22. APPENDICE 1: LA DERIVAZIONE DELLA CURVA DEL BMNP

Vediamo, in modo formale, in che modo può essere derivata la curva BMNP, nel contesto della

teoria dell’impresa in concorrenza perfetta.

Nella fig. A 4.1. sono rappresentate:

una curva di domanda

 una curva di CMA per un’impresa in concorrenza perfetta.

 Π

Sottraendo dal prezzo P il CMA, otteniamo una curva del profitto marginale (v. curva sotto) =

∆ ∆ Π

MA = di profitto / unitaria di produzione ( = PROFITTO).

In questo modo ∑Π Π

= area sotto curva MA = max

Π

se MA = 0.

Π Π

Il = BN ottenuto dall’impresa e, quindi, MA = BMNP.

E’ VALIDO SOLO IN CONDIZIONI DI CONCORRENZA PERFETTA.

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 57

ECONOMIA DELL’AMBIENTE

Cap. 5

RAGGIUNGIMENTO DEL LIVELLO OTTIMALE DI

INQUINAMENTO ATTRAVERSO IL MECCANISMO

DEL MERCATO

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 58

23. I DIRITTI DI PROPRIETÀ

Nel capitolo 4 abbiamo dimostrato che ≠

Un liv soc ottim di attiv econom da ottimo priv

Se vi sono costi esterni

Come raggiungere, allora, l’ottimo sociale?

In questo contesto sembra necessario l’intervento dello Stato.

Ma approfondiamo il perché i mercati non raggiungono in modo naturale il livello ottimale di

esternalità.

Ronald Coase ha espresso per la prima volta l’idea che i mercati possono essere spinti nella

direzione di garantire la q.tà ottim di esternalità, senza che sia necessaria una regolamentazione su

scala completa.

23.1. Definizione del diritto di proprietà

Un diritto di proprietà si riferisce al diritto all’uso di un bene: questi diritti raramente sono assoluti,

ma risultano circoscritti in qualche misura dalle regole universalmente accettate di una società: ad

esempio, il diritto di coltivare la terra non comprende anche il diritto di far crescere piante d’oppio.

Si dice che i diritti sono “attenuati”.

I diritti possono essere

• Privati

• Comuni (proprietà comune).

24. NEGOZIAZIONI DI MERCATO IN PRESENZA DI ESTERNALITÀ

Nella fig. 5.1. si vede che, in assenza di regolamentazione, l’inquinatore cercherà di operare al

livello di attività Qπ dove i profitti sono Max

Il liv soc utile è, invece, è = Q*, per cui sembra che esista incompatibilità.

24.1. Caso in cui chi viene inquinato possiede i diritti di proprietà

Ciò vuol dire che chi subisce l’inquin ha il diritto di non essere inquinato, mentre l’inquinatore non

ha il diritto di inquinare.

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 59

Ma che cosa accadrebbe se le due parti potessero negoziare sul livello di esternalità.

Supponiamo che la questione sia se spostarsi o meno verso il punto d:

∑Π

in questo caso per l’inquinatore = Oabd

mentre l’inquinato perderebbe Ocd.

Ma poiché Oabd > Ocd, l’inquinatore potrebbe offrire una q.tà > rispetto ad Ocd e < rispetto a Oabd

per compensare l’inquinato.

Con questa negoziazione, lo spostamento verso il punto d rappresenta un miglioramento per

entrambe le parti (detto miglioramento paretiano, perché almeno una parte sta meglio e nessuno sta

peggio).

Analogamente ogni spostamento da O verso d rappresenta un miglioramento sociale e così fino al

punto Q*, mentre a destra di Q* non è possibile dal momento che

∑Π dell’inquinatore sono < alle perdite dell’inquinato.

24.2. Caso in cui i diritti di proprietà appartengono all’inquinatore

Il punto di partenza allora è Qπ: è possibile, anche questa volta, che le due parti giungano ad un

accordo. π

Supponiamo che prendano la decisione di spostarsi da Q indietro verso f.

In questo caso è l’inquinato che può compensare l’inquinatore, per la rinuncia da parte di questi

ad una certa q.tà di attività.

Poiché l’inquinato dovrebbe sopportare una perdita = fhiQπ

se non ci fosse lo spostamento verso f, egli sarà disposto ad offrire una q.tà < a questa.

A sua volta l’inquinatore ∑Π

sarà disposto ad accettare qualsiasi q.tà > di fgQπ = cui deve rinunciare.

In caso di accordo, lo spostamento costituisce un miglioramento sociale, così come qualsiasi

spostamento verso Q* e non oltre.

Q* è ancora una volta il liv di attiv economicamente ottimale.

Quindi, secondo Coase, esiste una tendenza automatica a raggiungere il liv soc ottim e non c’è,

quindi, bisogno di una regolamentazione dell’esternalità da parte dello Stato.

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 60

24.3. 1° critica al teorema di Coase: la concorrenza

In precedenza avevamo sottolineato che l’analisi del liv ottim di estern si basa sull’ipotesi di

concorrenza perfetta.

Per questo motivo, valeva la relazione

BMNP = P – CMA e, quindi,

(BMNP = CMAE) implica (P = CMAS).

Nella teoria della contrattazione si assume che la

BMNP = curva di contrattazione dell’inquinatore.

Supponiamo che non ci sia concorrenza perfetta: in questo caso

≠ ≠

P – CMA è da curva di contrattazione, dal momento che è da BMNP.

Poiché, se chi inquina è un’impresa, la

curva di contrattazione = curva del profitto marginale,

e, sotto l’ipotesi di concorrenza imperfetta,

= ricavo marginale – costo marginale, ossia

BMNP = RMA – CMA.

Poiché in concorrenza imperfetta, ≠

RMA P

perché la curva di domanda giace sopra la curva del ricavo marginale, la soluzione di negoziazione

non vale più.

La rilevanza di questa critica dipende da due fattori:

1. da quanto si ritiene differente sia il mondo reale rispetto all’ideale della concorrenza perfetta;

2. da motivi più complessi illustrati nell’appendice 1.

Esiste la possibilità che la

curva di contrattazione dell’inquinatore = curva che unisce interessi inquinatori e

consumatori

I quali devono negoziare con gli inquinati.

Ora, mentre questo approccio è tecnicamente corretto, esso richiede un coinvolgimento piuttosto

improbabile di produttori (gli inquinatori), consumatori e inquinati in un unico processo di

negoziazione.

24.4. 2° Critica al teorema di Coase: l’assenza di negoziazione e l’esistenza di una transazione

Questa seconda critica riguarda la nostra difficoltà ad immaginare nella realtà degli esempi di

processi di negoziazione di questo tipo.

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 61

Nel capitolo 2 si è visto che è probabile che l’esternalità si diffonda per il principio di bilancio dei

materiali.

La risposta è che esistono certamente degli ostacoli al processo di negoziazione nella forma di costi

di transazione.

Tali costi includono i costi necessari a fare incontrare le parti.

Se i costi di transazione sono molto alti, significa che i costi della negoziazione superano i benefici:

sarà ottimale, in questo caso, che non si realizzi alcuna negoziazione.

Ciononostante, l’argomentazione basata sui costi di transazione ci suggerisce di essere cauti

riguardo alla regolamentazione di un’esternalità.

Innanzitutto la presenza di un’esternalità non significa che si debba fare qualcosa, poiché potrebbe

essere il caso di un’esternalità Pareto irrilevante.

L’esistenza di costi di transazione elevati potrebbe spiegare perché si riveli necessario l’intervento

dello Stato.

Se indichiamo con

T = i costi di transazione

B = beneficio derivante dalla negoziazione

G = costo dell’intervento dello Stato

Allora abbiamo che

Se T < B può avvenire la transazione

Se T > B non avviene la transazione, ma al suo posto ci potrebbe essere un altro meccanismo di

regolamentazione

Se T > G < B è probabile un intervento di regolamentazione da parte dello Stato.

Insomma, potrebbe assumere importanza stabilire chi sostenga i costi di transazione.

25. L’IDENTIFICAZIONE DELLE PARTI COINVOLTE NELLA

NEGOZIAZIONE

Anche se T < B, può accadere che la negoziazione stessa non avvenga.

Molte sostanze inquinanti hanno una durata di vita elevata e possono danneggiare le persone per

anni, con la conseguenza che può verificarsi che non esistano ancora gli individui destinati ad essere

inquinati, rendendo impossibile parlare di due parti che si incontrano per negoziare.

Al massimo potrebbe accadere che la generazione presente negozi nell’interesse delle generazioni

future (compito tipico dello Stato).

Ma le situazioni più frequenti sono quelle caratterizzate dalla proprietà comune (possedute da un

gruppo identificabile), dove il risultato consiste in una limitazione dei diritti degli inquinatori.

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 62

Questa difficoltà di identificazione delle parti si riscontra anche nei casi delle risorse con libero

accesso, cioè di quelle risorse il cui accesso non è posseduto da alcuno individuo.

Infine, anche nel campo dell’inquinamento tradizionale, spesso risulta difficile stabilire l’identità

degli inquinatori e degli inquinati: questi ultimi possono non conoscere la fonte dell’inquinamento

o, addirittura, i danni derivanti: è il caso delle sostanze che inquinano l’aria o l’acqua.

26. LE RISORSE A PROPRIETÀ COMUNE

La soluzione derivante dalla negoziazione dei diritti di proprietà, privati o comuni, è chiamata

soluzione cooperativa ad un problema di rassicurazione: ogni individuo deve essere sicuro che

anche gli altri si comportino in modo cooperativo.

Il punto saliente è che chiunque utilizzi le risorse a proprietà comune è sia l’inquinatore (il

consumatore) sia il beneficiario: nei termini dei diagrammi precedenti questo significa che le curve

BMNP e CMAE appartengono agli stessi individui.

Perciò gli individui razionali e cooperativi valutano i costi e i benefici per arrivare al proprio Q*,

cosicché la somma delle posizioni individuali rappresenterà l’ottimo sociale; nondimeno un

individuo può avere incentivo a spostarsi oltre Q*, qualora giudichi di poter farla franca.

27. LE MINACCE

Un altro problema connesso alla soluzione di negoziazione è che, in assenza di una minaccia

credibile, essa lascia aperta la possibilità di esercitare un’attività economica, lasciando aperta agli

altri inquinatori la possibilità di entrare nel contesto e di richiedere la medesima compensazione.

La situazione, allora, potrebbe meglio essere corretta, negando tale possibilità a chi potrebbe fare

delle minacce.

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 63

ECONOMIA DELL’AMBIENTE

Cap. 6

TASSE E LIVELLO OTTIMALE DI INQUINAMENTO

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc 64

28. INTRODUZIONE

È bene ricordare che si è assunto che la regolamentazione dell’inquinamento sia uno dei modi per

raggiungere Q*, il liv soc ottim di inquin.

Nel precedente capitolo siamo giunti alla conclusione che i mercati in cui vengono negoziate le

esternalità erano possibili solo in un n° limitato di casi, ma che, in generale, era necessaria una

qualche forma di intervento.

28.1. Le tasse pigouviane

Una tassa sull’inquinatore, basata sulla stima del danno procurato (= costo esterno): è questa

la tassa nota come pigouviana, dal nome di Arthur C. Pigou, professore di economia politica

all’università di Cambridge, autore di Economics of Welfare (1920).

Le tasse pigouviane tendono oggi ad essere note come tasse sull’inquinamento (pollution

charges).

Ma nessuno dei tipi di tassa che troviamo nella realtà è simile alla tassa pigouviana teoricamente

corretta: le tasse sull’inquin non sono in generale molto frequenti e la forma di regolamentazione

più frequente è lo standard.

29. LA TASSA PIGOUVIANA OTTIMALE

Si osservi la fig. 6.1. che riprende la rappresentazione dell’inquinamento introdotta nel capitolo 4.

Se imponiamo la tassa t* su ciascuna unità di attività che produce inquinamento si può vedere lo

spostamento della curva BMNP verso sinistra fino al livello BMNP – t*.

L’inquinatore cercherà ora di massimizzare i BNP nel punto Q*: per questo motivo, la tassa t* è una

tassa ottimale perché consente di raggiungere l’ottimo sociale, appunto, in Q*.

Ma in che modo viene definita t*?

La tassa t* = CMAE in corrispondenza del punto di ottimo.

Se un tassa è = CMAE (= danno marg da inquin) in corrispondenza del livello ottimale di

inquin, allora è una tassa pigouviana ottimale.

Vi sono alcuni passaggi necessari per trovare la funzione di danno e il valore monetario di quel

ECONOMIA_DELL_'AMBIENTE.doc


PAGINE

132

PESO

1.20 MB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze politiche e sociali
SSD:
Università: Torino - Unito
A.A.: 2009-2010

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Lamberto991 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Economia dell'ambiente e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Torino - Unito o del prof Dalmazzone Silvana.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in scienze politiche e sociali

Economia Politica-UNITO
Appunto
Esercizi e Appunti, Statistica
Appunto
Lezioni, Statistica
Appunto