Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

ALTERNATIVE  ALLA  PRIVATIZZAZIONE  (PER  RISOLVERE  LA  DOMINANZA)  

La  privatizzazione  risolve  i  problemi  delle  imprese  pubbliche  descritti  sopra?  La  

privatizzazione  in  parte  allevia  il  problema  del  patronage,  ma  la  dominanza  rimane  per  intero.  

Ci  si  domanda  quindi  se  ci  sono  delle  forme  diverse  dalla  privatizzazione  in  grado  di  risolvere  

questo  problema.  

Le  tendenze  sono  delle  politiche  di  ristrutturazione  sono  diverse:  

1. Innovazioni  di  corporate  governance:  per  monitorare  l’impresa  devo  per  forza  

privatizzarla?  Non  posso  colmare  le  asimmetrie  informative  tra  proprietà  e  manager?  

Si  che  posso,  ristrutturando  la  governance;  

2. Not-­‐for-­‐profit:  coinvolgimento  di  soggetti  not-­‐for-­‐profit.  

 

Innovazioni  di  corporate  governance  

Oltre  alla  privatizzazione  devo  fare  dei  cambiamenti  a  livello  di  governance:  

Privatizzazione  parziale:  quando  una  parte  del  capitale  azionario  viene  venduta  a  

• privati  o  messa  sul  mercato  in  borsa.  Il  controllo  però  rimane  nelle  mani  dell’azionista  

pubblico  (lo  stato).  L’obiettivo  è  trovare  un  alleato  che  controlli  il  comportamento  del  

manager.  L’alleato  è:    

Il  mercato  finanziario  nel  caso  di  collocamento  in  borsa,  attraverso  

o l’indicizzazione  delle  azioni  col  prezzo  che  induce  i  manager  a  perseguire  

obiettivi  di  efficienza.  In  questo  modo  si  espone  al  mercato  pubblico  le  

prestazioni  del  manager;  

Un’azienda  di  privati  facente  parte  di  un  mercato  in  cui  il  manager  può  

o costruirsi  una  reputazione.    

Riforma  del  CDA:  evitare  di  inserire  i  manager  con  conflitti  di  interesse  nel  CDA  e  

• inserire  invece  dei  rappresentanti  esperti,  esterni  ed  indipendenti  dal  management  

così  da  contrastare  la  dominanza  manageriale  potendo  contemporaneamente  

raggiungere  obiettivi  di  collettività.  

 

Tuttavia  le  innovazioni  nella  governance  potrebbe  non  avere  gli  effetti  desiderati  in  

quanto:  

La  privatizzazione  parziale  lascia  il  controllo  nelle  mani  della  proprietà  pubblica  e  

• quindi  non  elimina  le  interferenze  dei  politici;    

Gli  “outside  directors”  possono  essere  il  veicolo  di  pressioni  da  parte  dei  politici  eletti,  

• più  che  guardiani  dell’interesse  collettivo.  

 

Not-­‐for-­‐profit  

Ci  siamo  mossi  sempre  tra  impresa  pubblica  e  impresa  privata  for-­‐profit:  in  mezzo  ci  sono  

dei  modelli  ibridi  che  possono  migliorare  le  performance  del  benessere  collettivo.  

Sono  imprese  di  dimensioni  tipo:  ospedali  americani,  università  Bocconi.  Chi  fonda  queste  

imprese  che  obiettivo  ha?  Obiettivo  di  interesse  generale?  Solitamente  i  

destinatari  sono  di  

due  categorie:  

Soci-­‐NFP  tipo  “club”:  svolge  servizi  per  i  soci.  Gruppi  di  cittadini;  

• Collettività-­‐NFP  tipo  “servizio  pubblico”:  svolge  un  servizio  per  la  collettività.  

 

Caratteristiche  economiche:  

NDC  (Non-­‐Distribution-­‐Constraint):  le  NPF  hanno  un  vincolo  di  non  distribuzione  degli  

• utili  che  vengono  sempre  reinvestiti.  Non  ha  dei  proprietari  e  quindi  non  devo  

remunerare  nessuno.  Quindi  chi  governa  l’impresa  non  ha  obiettivo  di  profitto;  

Patrimonio  netto  vincolato  agli  scopi  sociali  per  cui  l’impresa  è  nata;  

• Creazione  di  utile  ammessa  e  desiderata;  

  29  

Chi  sono  quindi  i  padroni?  Sono  gli  

stakeholders,  gli  utenti  che  beneficiano  del  

• servizio;  

Rappresentanza  stakeholder:  si  forma  un  comitato  (ha  diverse  forme)  che  elegge  il  

• CDA.  

 

Finanziamento  (come  si  finanziano  non  essendoci  azionisti?):  

Utili  re-­‐investiti:  il  capitale  proprio  alla  fondazione  è  zero,  ma  nel  tempo  si  forma  un  

• patrimonio  netto  grazie  al  reinvestimento  degli  utili;  

Capitale  di  debito:  come  le  imprese  normali;  

• Attraverso   donazioni.  

 

Vantaggi:  

Forma  societaria:    

• Non  ci  sono  azionisti,  quindi  niente  distribuzione  degli  utili  e  conseguente  costo  

o risparmiato  per  l’impresa;  

Mancanza  di  dividendi:  deriva  sempre  dalla  non  distruzione  degli  utili  che  

o vengono  reinvestiti.    

Motivazioni  del  personale  (

Donate  labour):  lo  staff  è  consapevole  che  i  loro  sforzi  non  

• verranno  espropriati;  ovvero  sono  soddisfatti  dal  fatto  che  stanno  facendo  qualcosa  

per  altri.  Chi  ha  questa  propensione  lo  fa  gratis;  

Sviluppo  del  servizio  basato  su  

aspetti  sociali:  esistendo  legami  sociali  tra  la  comunità  

• si  evitano  comportamenti  opportunistici.  O  comunque  si  evita  di  fare  azioni  

indesiderate  perché  altrimenti  la  comunità  “punisce”.  

 

Svantaggi:  

Potere  discrezionale:  anche  nelle  NFP  i  manager  possono  avere  potere  discrezionale.  

• Se  finanziate  da  finanziamenti  pubblici  devono  essere  monitorate  e  valutate!  Inoltre  

anche  gli  stakeholder  devono  controllare,  altrimenti  il  servizio  evidentemente  non  

sarebbe  necessario.  

 

CONCLUSIONI  

1. Le  imprese  pubbliche  sono  soggetti  importanti  nell’economia;  

2. Le  imprese  pubbliche  servono  per  obiettivi  di  tipo  sociale  e  per  regolare  i  monopoli;  

3. Tuttavia,  c’è  stata  un’ondata  di  privatizzazioni,  perché?  

a. Finanza  pubblica;  

b. Patronage  e  Discrezionalità  dei  manager.  

4. Funzionano  le  privatizzazioni?  Dipende…  

5. Allora  si  trasforma  l’impresa  con  iniziative  di  innovazione  di    governance  e/o  NFP.  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

    30  

La  Liberalizzazione  

 

UTILITIES  E  TLC:  DETERMINANTI  DEL  MONOPOLIO,  ATTIVITÀ  REGOLATE  E  LIBERE  

Quali  sono  le  condizioni/criteri  per  scegliere  se  una  certa  attività  all’interno  della  filiera  va  

liberalizzata  o   regolata?  Tutte  le  riforme  del  settore  si  basano  su  questa  distinzione.  

All’inizio  di  ogni  trasformazione  di  questi  settori  c’è  un  test  svolto  per  ognuno  degli  stadi  

della  filiera.  Questa  attività  è  un’attività  di  monopolio  naturale  o  si  può  affidarla  al  mercato  

concorrenziale?  In  quale  attività  la  concorrenza  non  è  desiderabile?  In  quale  non  è  

preferibile?    

Se  la  concorrenza  non  ci  può  essere,  essendo  in  regime  di  monopolio:  

Si  necessita  l’intervento  pubblico  perché  il  privato  non  produce  il  benessere  

• maggiore.  L’intervento  pubblico  si  concretizza  nella   regolazione:  regole  vincolanti  

poste  alle  azioni  delle  imprese;  

Se  invece  la  concorrenza  è  desiderabile  e  possibile,  l’attività  viene  liberalizzata.  

 

Quali  sono  le   condizioni  da  verificare?  

C’è  un  

monopolio  naturale?  Ci  si  riferisce  alla  subaddittività  dei  costi;  

• Investimenti  irrecuperabili?  

Se  le  condizioni  sono  verificate  allora  la  liberalizzazione  non  è  possibile  e  quindi  si  passa  

alla  regolazione.  

 

Ad  esempio  le  attività  di  telefonia  fissa  sono  liberalizzate  (non  solo  Telecom)  ma  Telecom  

è  ancora  oggi  regolato:  si  parla  di  regolazione  parziale,  fino  a  quando  il  “monopolista”  ha  

ancora  una  forte  presenza  nel  mercato.  

Il  problema  è  che  nella  filiera:  produzione/importazione,  trasmissione,  distribuzione  e  

vendita  (chi  vende  ha  bisogno  dei  servizi  del  distributore  che  è  unico),  ci  sono  monopolisti  che  

si  alternano  a  attività  liberalizzate.  Quindi  bisogna  verificare  che  tutte  le  imprese  liberalizzate  

(trasmissione  e  distribuzione)  possano  avere  un  accesso  paritario/con  stesse  condizioni  a  

quelle  di  chi  produce  e  vende  (monopolisti).  Altrimenti  uno  degli  attori  ha  un  vantaggio  che  

nel  tempo  ricondurrebbe  alla  ri-­‐monopolizzazione  delle  attività.  

Per  questo  motivo:  

Produzione  e  vendita  –  infrastrutture:  

• No  alla  concorrenza  

o Si  al  monopolio  con:  

o Impresa  pubblica  o;  

§ Impresa  privata  con  regolazione.  

§

Altre  attività  –  trasmissione  e  distribuzione:  

• Si  alla  concorrenza  che  è  desiderabile  e  possibile  con:  

o Liberalizzazioni  e  controllo  Antitrust.  

§

 

Condizione  di  monopolio  naturale  

Quando  c’è  monopolio  naturale  i  costi  totali  per  la  produzione  della  domanda  sono  più  

bassi  del  caso  in  cui  a  produrre  la  stessa  quantità  fossero  più  imprese:  quindi  è  il  male  minore  

il  monopolio  naturale.    

Il  problema  è  che  il  monopolista  naturale  privato  potrebbe  non  fare  efficienza:  prezzi  alti,  

costi  gonfiati,  mancanza  di  innovazione.  E’  necessario  quindi  l’intervento  pubblico  per  

indurre:  

Efficienza;  

• Accesso  alle  reti  da  parti  di  tutti;  

• Accesso  alle  reti  a  condizioni  accettabili.  

  31  

Condizione  di  investimenti  irrecuperabili  

Investimento  irrecuperabile  implica  che  l’uscita  prematura  potrebbe  sancire  una  perdita  

di  valore:  il  mercato  non  mi  riconosce  il  suo  valore  residuo.  

Gli  investimenti  per  la  costruzione  delle  infrastrutture  sono  irrecuperabili.  Questi  

investimenti  per  loro  natura  diventano  forti  barriere  all’ingresso  e  anche  all’uscita,  ciò  

implica:  

Barriere  all’uscita:  chi  è  presente  potrebbe  preferire  rimanere  nel  mercato  anche  in  

• condizioni  di  profittabilità  decrescenti  e  sfavorevoli.  Quindi  diventa  anche  una  

barriera  all’ingresso.  Inoltre  il  valore  riconosciuto  all’uscita  dell’asset  è  molto  incerto;  

Barriera  all’entrata:  costi  elevati  per  gli  investimenti  iniziali.  

  Caratteristiche  degli  investimenti  in  infrastrutture  

Incertezza  sul  valore  futuro  dell’investimento:  gli  asset  di  rete  hanno  una  vita  

• utile  non  paragonabile  con  altri  investimenti;  

Mercato  degli  asset  di  seconda  mano  imperfetti:  aspetto  legato  ai  costi  di  

• transazione,  costi  di  uso  del  mercato.  E’  un  mercato  altamente  imperfetto  perché  

sono  investimenti  molto  specifici.  Come  ad  esempio  una  rete  di  distribuzione  

elettrica  di  Milano  è  molto  diversa  da  quella  di  Torino.  E’  specifico  del  territorio.  

  E’  un  fattore  che  mette  una  pietra  sulla  possibilità  di  concorrenza  (il  monopolio  era  il  

minore  dei  mali):  è  addirittura  sufficiente  la  minaccia  in  ingresso  per  far  si  che  nessuno  

entri.  

 

Implicazioni:  

Barriere  all’uscita  e  all’ingresso;  

• Rischio  di  sotto  investimenti.  

QUADRO  D’INSIEME  DELLE  RIFORME  DEL  MERCATO  E  DELLA  REGOLAZIONE  

Obiettivi  dal  punto  di  vista  economico:  

1. Per  ogni  singola  attività  della  filiera,  il  mercato  è  un  monopolio  naturale?  

Produzione  elettrica  NO,  rete  di  trasmissione  elettrica:  si  per  tutte  le  scelte  

seguenti;  

2. Gli  investimenti  sono  irrecuperabili?  Se  NO:  si  può  affidare  il  monopolio  

parzialmente  attraverso  un  gara  con  la  quale  scelgo  il  migliore;  

3. Le  imprese  sono  presenti  anche  in  mercati  liberi?  Caso  di  Eni:  si!  

 

Se  invece  al  primo  snodo  si  rispondi  NO,  allora  si  rende  più  libero  l’accesso  al  mercato:  

Abolite  le  licenze  (si  hanno  quando  si  ha  un  numero  limitato  di  concorrenti  nel  

• settore);  

  32  

Rompere  il  monopolio:  non  è  sufficiente  perché  chi  ha  operato  nel  settore  da  tempo  ha  

• vantaggi  che  diventano  barriere  all’ingresso  per  gli  entranti.  Occorrono  quindi  due  

misure  complementari:    

Autorità  di  controllo  al  mercato  che  permettere  un  accesso  paritario  (da  non  

o confondere  con  antitrust);  

Antitrust.  

o

  Quadro di insieme

Il mercato è un monopolio

SI NO

naturale?

Importanti

NO SI

investimenti

irrecuperabili? (i) Liberalizzazione

mercato e controllo

Antitrust

(ii) Concorrenza per

il mercato: “gare”

g SI Le imprese

p sono p

presenti NO

anche in mercati liberi?

(iv) Unbundling e

regolazione

l i accesso

alle infrastruture (iii) Regolazione

tariffe + Regolazione qualità

© P. Garrone, Politecnico di Milano 17

LIBERALIZZAZIONE  MERCATO  E  CONTROLLO  ANTITRUST  

La  liberalizzazione  da  sola  non  è  sufficiente.  Bisogna  far  si  che  nei  mercati  ci  sia  

concorrenza  senza  comportamenti  scorretti.  I  commissari  devono  essere  indipendenti  dalla  

politica  e  dall’industria  e  devono  rispondere  solo  all’autorità.  L’antitrust  è  appellabile.    

  Nei  mercati  ex-­‐monopolisti  liberalizzati  il  problema  è  che  c’è  un  ex-­‐monopolista:  

un’impresa  dominante.  Sono  due  i  comportamenti  anti-­‐concorrenziali:  

Abuso  di  posizione  dominante:  è  quella  più  frequente/probabile;  

• Cartello:  due  imprese  che  si  accordano  per  ricreare  il  monopolio  insieme.  

Mentre  avere  una  posizione  dominante  non  è  illegittimo  di  per  se,  ma  lo  è  l’abuso,  nel  caso  

dei  cartelli  l’accordo  tra  concorrenti  è  sempre  vietato/illegittimo  perché  non  è  spontaneo  ma  

voluto.  

Nelle  attività  liberalizzate  è  comunque  necessaria  un  regolazione  da  parte  dell’Antitrust  

che  opera  appunto  nei  settori  liberalizzati.  La  differenza  fondamentale  tra  antitrust  e  

regolazione  è  che:  il  regolatore  agisce  ex-­‐ante  mentre  l’antitrust  interviene  ex-­‐post.  

 

    33  

CONCORRENZA  PER  IL  MERCATO:  LE  “GARE”  PER  L’AFFIDAMENTO  DEL  SERVIZIO  

Abbiamo  visto  l’apertura  della  concorrenza  nel  mercato.  Vediamo  come  liberalizzare  

un’attività  per  il  mercato.  

La  soluzione  classica  è  la  regolazione  economica  che  però  ha  dei  problemi  (che  abbiamo  

visto).  

First  best=massima  efficienza  possibile.    

Second  best=massima  efficienza  che  si  può  raggiungere  sotto  qualche  vincolo.  

Nasce  quindi  un’idea  osservando  che  in  alcuni  settori  si  può  utilizzare  il  seguente  strumento:  

le  gare.  Ci  si  domanda:  non  possiamo  avere  gli  stimoli  della  concorrenza  anche  se  siamo  in  

monopolio?  In  questo  modo  il  monopolista  sentendo  addosso  una  pressione  tipo  quella  

concorrenziale  cercherà  di  massimizzare  gli  sforzi  senza  utilizzare  il  regolatore.  Possiamo  

utilizzare  la  concorrenza  per  il  mercato.  

Che  cos’è  la  concorrenza  per  il  mercato?  E’  la  competizione  ex-­‐ante  per  ottenere  il  diritto  

di  monopolio:  metto  a  gara  il  diritto  di  essere  monopolisti.  Quindi  pur  di  essere  monopolista  

nel  mercato  mi  impegno  a  non  fare  troppo  il  monopolista.  Cosa  mi  spinge  a  fare  un’offerta  

buona?  Il  vincere  la  gara.    

La  PA  è  obbligata  a  fare  gare  per  ogni  fornitura  per  impedire  che  chi  lavora  nella  PA  scelga  

i  fornitori  sulla  base  di  parametri  di  consenso.  

Procedura  della  gara:  

1. Si  specifica  il  mercato  di  oggetto,  i  requisiti  minimi  e  una  data  di  scadenza  del  

contratto;  

2. Si  raccolgono  le  offerte  e  vengono  confrontate.  In  Europa  vige  il  principio  

dell’offerta  più  vantaggiosa  economicamente:  in  realtà  è  un  problema  

multidimensionale;  

3. Al  termine  della  valutazione,  chi  consegue  il  punteggio  più  alto  viene  selezionato;  

4. Viene  stipulato  un  contratto  di  servizio  a  tempo  determinato.  Il  contratto  deve  

prevedere  una  parte  importante  nel  caso  di  rinegoziazione.  

Perché  ha  avuto  così  successo  la  gara?  Se  i  concorrenti  sono  in  un  numero  sufficiente  nel  

mercato  si  realizza  un’efficienza  di  second  best:  il  prezzo  sarà  uguale  ai  costi  medi  e  non  al  

costo  marginale  (first  best).  C’è  efficienza  produttiva:  ci  sono  i  costi  più  bassi.  

Il  modello  semplificato  è  l’asta  inglese:  chi  offre  di  più/meno?  

 

Assunzioni:  

Banditore:  fissa  il  prezzo;  

• Numero  sufficientemente  alto  di  concorrenti;  

• Investimenti  osservabili  e  verificabili:  devo  avere  garanzie  sul  valore  residuo;  

Benefici:  

Efficienza  produttiva:  sopravvive  l’impresa  coi  costi  più  bassi;  

• Efficienza  allocativa:  raggiungo  l’efficienza  allocativa  di  second  best.  Essendoci  tante  

• imprese  il  prezzo  è  molto  vicino  al  costo  marginale;  

Costo  di  individuazione  candidato  e  offerta  molto  basso.  

  34  

CONCLUSIONI  

1. L’attuale  organizzazione  industriale  si  basa  su  di  una  verifica  puntuale  col  test  del  

monopolio  naturale:  

a. Attività  del  monopolio  naturale  destinate  alla  regolazione;  

b. Le  altre  vanno  liberalizzazione,  ma  non  basta  e  serve  quindi  l’antitrust.  

2. Concorrenza  per  il  mercato:  forma  di  liberalizzazione  che  riprende  il  monopolio  del  

punto  1.  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

    35  

La  Regolazione  Del  Monopolio  

 

DEFINIZIONE  E  RILEVANZA  

Abbiamo  un  monopolio,  come  lo  regoliamo?  

Assumono  che  non  ci  siano  asimmetrie  informative:  ci  sono  le  conoscenze  fondamentali  

sulla  domanda  del  mercato  e  sui  costi  dell’impresa.  E’  importante  capire  come  vengono  

costruite  le  tariffe  anche  per  capire  come  vengono  calcolati  i  rimborsi  ad  esempio  in  sanità.  

Non  è  un  problema  tecnico  definire  le  tariffe  perché  stiamo  parlando  di  come  viene  

determinato  il  fatturato  e  i  margini  delle  imprese  che  operano  in  attività  regolate.  Le  

performance  vengono  “decise”  dal  regolatore  quando  stabilisce  la  tariffa  in  quel  settore.  

 

Definizione  

La  regolazione  è  un  intervento  da  parte  dello  stato  che  pone  ex-­‐ante  dei  limiti  alle  

scelte/azioni  delle  imprese  monopoliste.  Sono  delle  decisioni  prese  dallo  stato  che  

condizionano  il  campo  di  gioco  dell’impresa:  

Ci  può  essere  una  limitazione  nell’ingresso  nel  mercato;  

• Regolazione  degli  investimenti:  è  il  regolatore  che  decide  gli  investimenti;  

• Regolazione  dei  prezzi;  

• Regolazione  della  qualità.  

Qual  è  l’obiettivo?  Il  regolatore  ha  l’obiettivo  di  ottenere  il  benessere  collettivo:  scegliere  il  

prezzo  che  massimizza  il  benessere  collettivo.  Stiamo  sempre  parlando  di  regolatori  di  

monopolio  e  non  di  antitrust  (che  interviene  in  tutti  i  mercati  e  agisce  ex-­‐post).  

In  Italia  ci  sono  diversi  soggetti  che  sono  regolatori:  

Nell’energia:  autorities  anglosassoni,  amministrazione  pubblica  indipendente:  

• Non  dipende  dal  governo.  Rispondo  alla  legge  istitutiva.  Inoltre  devono  essere  

indipendenti  dalle  imprese  che  regolano:  per  evitare  di  distorcere  le  scelte  che  

potrebbero  minacciare  il  benessere  collettivo  a  scapito  di  quello  personale/di  

carriera.  Sono  le  commissioni  parlamentari  e  il  primo  ministro  e  il  presidente  della  

repubblica  a  decidere  chi  è  il  regolatore;  

Trasporto  pubblico:  comitati  regionali.  

 

Rilevanza  

Mercati  significati  a  livello  internazionale  

Sono  mercati  in  cui  c’è  un  monopolio  naturale  o  in  cui  c’è  praticamente  un  monopolista.  

Che  peso  hanno  le  attività  regolate  nella  filiera?    

A  livello   mondiale  nel  settore  del  gas  il  35%  degli  investimenti  fissi  fatti  nei  prossimi  25  

anni  sono  nelle  attività  regolate,  il  resto  nelle  attività  libere.  Nel  settore  elettrico  invece  il  

45%  degli  investimenti  dei  prossimi  20  anni  sono  fatti  nelle  attività  di  rete  (trasmissione  e  

distribuzione).  

In   Europa  la  situazione  diversa  perché  è  un  paese  importatore:  prevale  l’investimento  

A  livello   A  livello  

mondiale   Europeo  

  36  

fatto  nelle  reti  e  nelle  infrastrutture  di  importazione  dell’energia  e  anche  negli  stoccaggi.  

Mentre  nell’energia  elettrica  è  il  40%.  Abbiamo  un  peso  significativo,  poco  meno  della  

metà,  per  le  attività  regolate.  

 

Caratteristiche  rilevanti  all’interno  del  portafoglio  corporate  

Perché  un’impresa  vorrebbe  avere  delle  attività  regolate?  Sono  attività  con  rendimenti  

soddisfacenti  ma  sono  molto  stabili.  Per  Edison  il  fatturato  delle  attività  regolate  è  

pochissimo:  l’1%.  Ma  i  margini  (considerando   la  c

risi)  hanno  una   leva  favorevole,  sono  

Attività regolate: Rilevanza

Attività regolate: Presentano risultati prevedibili e

conferiscono stabilità al portafoglio aziendale

Risk se regolazione

l i

High indipendente e informata

se clima istituzionale e

regolamentare stabile

Attività

Low regolate Return

Low Fair High

maggiori  dell’1%.  S ono   quindi  attività  con  marginalità  alta.  Le  attività  regolate  sono  quindi  

Pag. 12

fondamentali  per   le   imprese.  

© P. Garrone, Politecnico di Milano

 

PREZZO  MONOPOLIO  E  PREZZI  DI  FIRST  E  SECOND  BEST  

I   benchmark:  

Prezzo  di  monopolio:  prezzo  che  l’impresa  fisserebbe  in  assenza  di  un  regolatore;  

• Prezzo  di  first  best.  

Stiamo  ipotizzando  che  il  regolatore  sia  pienamente  informato  e  quindi  conosce  i  costi  

dell’impresa,  conosce  quali  dovrebbe  essere  i  costi  standard/efficienti  dell’impresa.  Da  qui  si  

ricavano  le  tariffe.  Negli  ultimi  10-­‐15  anni  però  sono  nati  modelli  più  raffinati:  modelli  che  

partono  dall’assunzione  che  il  regolatore  ha  del  grado  di  incertezza  sulla  realtà  dei  costi  e  

inoltre  non  è  in  grado  di  rilevare  i  comportamenti  dell’impresa  (asimmetria  informativa).  

 

Quali  sono  i   riferimenti  del  regolatore  per   Configurazioni di riferimento

stabilire  le  tariffe?  

Prezzo  di  first  best:  obiettivo   Riferimenti teorici per il regolatore

• ottimo  è  il  prezzo  di  first  best,   Configurazione di first-best

Configurazione ottima per la collettività: massimo benessere

prezzo  ottimo  per  la  collettività  che   collettivo

assicura  il  massimo  benessere   Configurazione di second-best

second best

collettivo.  Si  ricava  la  quantità  e  il   Configurazione ottima per la collettività dato il vincolo di break-even

per l’impresa

benessere  collettivo;   Sub

Sub-ottimo

ottimo rispetto a first-best,

first best ma più sostenibile

Prezzo  di  second  best:  prezzo  più   Con quale configurazione confrontare il benessere che si ottiene

• con price regulation?

realistico  che  deriva  da   Prezzo di monopolio in assenza di regolazione

un’ottimizzazione  vincolata.  Il  costo   Configurazione di un mercato

medio  è  più  alto  del  costo  marginale   prezzo, quantità

tità

(curva  decrescente)  e  quindi  il   benessere collettivo: sovrappiù consumatore, profitto variabile

(

(v = +F),

), p

perdita benessere

prezzo  di  first  best  (uguale  al  costo  

marginale)  non  è  raggiungibile.   © P. Garrone, Politecnico di Milano 16

  37  

Bisogna  trovare  un  prezzo  un  po’  più  alto  che  copra  i  costi  medi  in  modo  che  l’impresa  

non  sia  in  perdita.  Così  però  si  perde  un  po’  di  benessere  collettivo;  

Prezzo  di  monopolio  senza  regolatore.    

 

Scenario  1:  Monopolio  in  assenza  di  regolazione  

Il  regolatore  non  c’è  e  quindi  l’impresa  fissa  un  prezzo  di  monopolio.  La  quantità  ottima  è  

quella  che  massimizza  il  profitto  e  per  cui  i  costi  marginali  =  ricavi  marginali.    

In  questa  situazione:  

Il  giallo  è  il  sovrappiù  del  consumatore;  

• Il  viola  è  il  sovrappiù  del  produttore:  profitti  al  lordo  dei  costi  fissi  (profitto+costi  

• fissi=prezzo  –  costo  variabile  unitario  *  Q  =  profitto  variabile).  Prezzo  –  costo  medio  

*Q  =profitto  al  netto  dei  costi  fissi;  

Giallo  +  Viola  =  sovrappiù  complessivo;  

• Il  verde  è  l’inefficienza  della  situazione.  C’è  una  parte  dei  consumatori  che  sarebbe  

• disposta  a  pagare  un  prezzo  sufficientemente  alto  per  coprire  i  costi  

aggiunti/marginali  che  l’impresa  sostiene,  ma  essendo  fissato  il  prezzo  alto  c’è  una  

perdita.  Se  avessimo  prezzo=costi  marginali  il  benessere  collettivo  sarebbe  tutto  il  

Configurazione di monopolio

triangolo  rettangolo.    

 

  Prezzo monopolio: Inefficienza allocativa

  •Q Quantità, W benessere collettivo, S

C

  sovrappiù consumatori: modesti

  •WL, Perdita benessere: elevata

  S •v , Sovrappiù produttori (profitti variabili):

C

  p, AC, MC positivi

  • , Profitti: positivi

 

  =v -F=(p –AC(Q ))·Q >0

MON MON MON

p

  MON

  WL

AC(Q )

MON

  AC

  MC

  Q

  Q tale che

MON

MR(Q) = MC

  v =(p -c)·Q >0

MON MON

 

  © P. Garrone, Politecnico di Milano 19

Scenario  2:  Prezzo  di  first  best  

Situazione  ottimale  per  la  collettività.  Quantità  e  prezzo  che  rendono  massimo  il  benessere  

collettivo.  Il  regolatore  vorrebbe  il  prezzo  fissato  ai  costi  marginali.  E’  la  quantità  che  verrebbe  

prodotta  se  ci  fosse  concorrenza  perfetta.  In  questa  situazione:  

Il  giallo  è  il  sovrappiù  del  consumatore;  

• Il  sovrappiù  del  produttore  è  zero:  il  prezzo  copre  i  costi  variabili  ma  non  quelli  

• medi;  

Il  benessere  collettivo  coincide  con  quello  dei  consumatori.  

Il  regolatore  si  trova  a  fare  una  scelta:  la  perdita  di  benessere  se  è  contenuta  allora  ci  si  

può  allontanare  dal  first  best,  altrimenti  no.  Qual  è  il  trade  off?  Il  prezzo  di  second  best!    

 

 

 

  38  

Configurazione di first-best

Prezzo first-best: Efficienza allocativa

•Q Quantità, W benessere collettivo, S sovrappiù

C

  consumatori: massimi

•WL, Perdita benessere: nulla

  •v , Sovrappiù produttori (profitti variabili): nullo

  • , Profitti: perdita pari ai costi fissi

S

  C

p, AC, MC

 

  v =(p*-c)Q*=0

(p )Q

=v -F=-F =(p*–AC(Q*))Q*<0

AC(Q*) AC

p* = c MC

Q

Q*=D

Q D (p

(p*=c)

c)

-1

© P. Garrone, Politecnico di Milano 21

Scenario  3:  Prezzo  di  second  best  

Prezzo=costi  medi,  è  il  prezzo  che  assicura  il  più  grande  benessere  collettivo  senza  

mandare  l’impresa  in  perdita.  Si  fa  un’ottimizzazione  vincolata  del  benessere  collettivo  col  

vincolo  di  profitto>0.  

Verde:  perdita  di  benessere;  

• Giallo:  sovrappiù  del  consumatore;  

• Configurazione second-best

Viola:  sovrappiù  del  produttore.    

• Prezzo second-best: efficienza allocativa “buona”

•Q Quantità, W benessere collettivo, S

C

sovrappiù consumatori: “buoni” ma non massimi

•WL,

, Perdita benessere: contenuta?!

•v , Sovrappiù produttori (profitti variabili): pari a

F

• , Profitti: nulli

S

C

p, AC, MC v =(p^–MC)·Q^>0

=v -F=(p^–AC(Q^))·Q^=0

WL

p^=AC(Q^) AC MC

Q

Q^ tale che AC(Q)=D(Q)

© P. Garrone, Politecnico di Milano 24

 

TARIFFE  CON  INFORMAZIONE  COMPLETA  (VEDI  ANCHE  SLIDE  DA  28)  

C’è  un  sussidio  a  copertura  della  perdita  pari  ai  costi  fissi.  Oppure  si  usa  una  tariffa  

particolare:  canone,  parte  della  bolletta  fissa.  Se  il  regolatore  trova  accettabile  la  perdita  di  

benessere  del  second  best,  allora  lo  fa;  altrimenti  può  fare  una  gara!  

 

    39  

Tariffe con informazione completa

Soluzioni al problema del monopolio naturale

Criterio guida: rilevanza della perdita di benessere

collettivo (DWL) passando da first- a second-best

(A) Second-best,

S d b t se perdita

dit b

benessere contenuta

t t

1. Regolazione prezzi second-best

2

2. C

Concorrenza per il mercato

t (

(vedi

di l

lezione

i precedente)

d t )

(B) First-best, se perdita benessere elevata

3.

3 I

Impresa State-owned

St t d (vedi

( di l

lezioni

i i precedenti)

d ti)

4. Regolazione prezzi first-best

(a) Tariffa e sussidio

(a) Tariffa in due parti (prezzo d’uso + canone)

Second  best   © P. Garrone, Politecnico di Milano 26

T=tariffa  unitaria=prezzo  d’uso  del  servizio  unitario;  

• S=Sussidi=somma  traferita  dal  bilancio  dello  stato  al  bilancio  dell’impresa;  

• A=canone  che  il  singolo  utente  paga  all’impresa.  

 

Regolazione  prezzi  second-­‐best  

Con  perdita  contenuta  di  benessere,  il  regolatore  può  fissare  la  

tariffa,  pari  ai  costi  medi,  

al  second  best.  

 

Concorrenza  per  il  mercato  

Altrimenti  se  la  perdita  è  troppo  onerosa,  il  second  best  si  ottiene  con  una  concorrenza  per  

il  mercato.  L’esito  è  lo  stesso:  il  prezzo  unitario  per  il  servizio  è  pari  ai  costi  medi.  

 

First  best  

Impresa  di  stato  

Ad  esempio  le  ferrovie  dello  stato.  Fissa  una   tariffa  che  è  prezzo  per  km  =  costo  marginale.  

La  quantità  di  servizio  sarà  quindi  la  massima  possibile.  L’impresa  però  non  copre  i  costi  

fissi.  Così  lo  stato  trasferisce  la  copertura  dei  costi  fissi  all’impresa  in  un   fondo.  

 

Impresa  privata    

 

Tariffa  first  best  e  sussidio  

Il  sussidio  è  un  finanziamento  dato  a  un’impresa  che  può  essere  anche  privata  e  il  

trasferimento  non  è  interno  al  bilanci  dello  stato  ma  dev’essere  approvato  dal  

parlamento.  L’impresa  fissa  una   tariffa  che  copre  i  costi  variabili  mentre  i  costi  fissi  

vengono  coperti  dai   sussidi.  Un’impresa  che  però  ha  sussidi  non  ha  sufficienti  stimoli  

ad  abbattere  i  costi.    

 

Tariffa  in  due  parti  

Altrimenti  un’impresa  che  non  vuole  sussidi  deve  usare  una  tariffa  che  comprende  un  

canone:  tariffa  in  due  parti.  I  costi  fissi  così  li  copre  grazie  al  canone  fisso  (è  un  canone  

d’accesso).  Quest’ultima  soluzione  non  riduce  il  benessere  perché  gli  utenti  pagano  il  

canone  comunque  per  accedere  al  servizio.  Solitamente  il  canone  lo  pagano  solo  coloro  

che  hanno  disponibilità  sufficiente.  

  40  

In  questa  situazione  siamo  comunque  in  un  caso  di  first  best.  Tariffa=costi  marginali,  

quantità  è  quella  massima  e  il  benessere  collettivo  è  massimo.  Tuttavia  parte  del  

beneficio  dei  consumatori  è  estratto  dall’impresa  in  forma  di  canone:  è  un  

trasferimento  di  benessere  da  consumatori  a  impresa.  Siccome  il  canone  è  fisso  non  

riduce  la  quantità  consumata!  Per  questo  siamo  al  first  best!    

Tariffe, canoni, sussidio: Quadro dei settori

regolati

l ti

Costi sostenuti dall’impresa per erogare il servizio

Costi variabili CV: combustibili funzionamento, mc acqua…

Costi fissi F: ammortamenti impianti, personale, interessi...

C

Canone possibile

ibil solo

l se utilizzo

ili continuativo

i i e universale

i l

CV F

Copertura costi a carico di utenti utenti Stato (tasse)

Tariffa d’uso Canone //

First-best con canone (due parti)

Esempi: tlc fisse,

fisse dx gas,

gas …

First-best con sussidio Tariffa d’uso Canone Sussidio

Esempi: servizio idrico, rifiuti urbani…

Second-best senza sussidio Tariffa d’uso //

Esempi: poste, aeroporti…

Fi

First

t / second-best

d b t con sussidio

idi T

Tariffa

iff d’uso

d’ Sussidio

S idi

Esempi: ferrovie, trasporto urbano…

© P. Garrone, Politecnico di Milano 34

PROBLEMI  SUSSIDI  E  TRASFERIMENTI  PUBBLICI  (4A  +  3)  

 

Problema  A:  probabile  maggiore  inefficienza  produttiva  

I  sussidi  generano  un  problema:  costringono  le  imprese  ad  essere  inefficienti.  Un’impresa  

non  fa  del  suo  meglio  se  vive  di  sussidi  pubblici.  Il  cliente  principale  è  lo  stato:  

Interferenza  politica:  per  andare  in  pareggio  devo  avere  un  sussidio:  patronage;  

• Soft  budget:  vincolo  di  bilancio  morbido.  Posso  ripianare  la  perdita  col  sussidio;  

 

Problema  B:  finanziamento  da  bilancio  pubblico  

Minore  trasparenza:  percorso  poco  trasparente,  dalle  mie  tasche  a  dove?  

• Potenziale  iniquità  del  canone;  

• Effetto  distorsivo  delle  tasse:  una  tassa  sposta  le  decisioni.  Riduce  la  

• remunerazione  del  salario.  

 

Queste  problematiche  portano  all’adozione  del  canone  e  non  dei  sussidi.  Perché:  

Evita  interferenza  politica  e  soft  budget;  

• Non  è  finanziato  dal  bilancio  pubblico.  

 

CONCLUSIONI  

Le  attività  regolate  sono  un  pezzo  importante  dell’economia.  Differenza  con  le  attività  

libere?  C’è  un  cliente  principale  che  è  il  regolatore.  

La  tariffazione  può  assicurare  il  first  best  o  un  second  best,  dipende  da  settore  a  settore.  

Abbiamo  visto  la  price  regulation  in  teoria,  vediamo  l’applicazione  nella  prossima  lezione.  

 

  41  

Le  Pratiche  di  Regolazione  dei  Prezzi,  della  Qualità  e  

dell’Accesso  alle  Reti  

 

Unbundling:  ridurre  la  concorrenza  nelle  attività  che  richiedono  l’accesso  alla  rete  per  essere  

svolte.    

 

In  realtà  il  regolatore  deve  scegliere:  il  first  best  a  partire  dai  livelli  di  costi  minimi  non  è  

raggiungibile,  non  si  può  aver  insieme  efficienza  produttiva  e  allocativa,  perché  il  regolatore  

soffre  di  asimmetria  informativa.  In  presenza  di  un  vincolo  all’azione  di  un  mercato,  non  è  

possibile  raggiungere  il  benessere  collettivo  massimo:  si  può  raggiungere  una  situazione  di  

second  best.  

 

PRATICHE  DI  REGOLAZIONE  DEI  PREZZI  (EFF.  PRODUTTIVA  E  ALLOCATIVA)  

Abbiamo  i  visto  i  modelli  teorici  in  cui  il  regolatore  conosce  i  costi  delle  imprese  (i  costi  sia  

attuali  ma  anche  quelli  efficienti/standard/minimi):  ha  piena  informazione  e  conosce  anche  

tutte  le  informazioni  derivate  da  scelte  passate.  Il  regolatore  in  realtà  non  dispone  di  piena  

informazione:  

Cost-­‐plus:  o  persegue  l’efficienza  allocativa.  Il  regolatore  si  accontenta  dei  costi  così  

• come  l’impresa  li  ha  (AS-­‐IS)  e  su  questa  base  mi  preoccupo  dell’efficienza  del  

mercato;  

Price-­‐Cap:  oppure  persegue  l’efficienza  produttiva.  Storicamente  il  modello  inglese  

• ha  notato  che  le  imprese,  che  forniscono  i  nostri  servizi,  erano  inefficienti  nei  costi.  Si  

è  quindi  scelto  di  applicare  una  regolazione  dei  costi.  

 

Modello  cost-­‐plus  

E’  un  modello  storico.  Il   Regolazione “cost-plus”

regolatore  anticipa  le  imprese  

ponendo  un  vincolo  sui  ricavi  

complessivi  calcolati  a  partire   Modello cost-plus o “rate-of-return”

dai  costi.  

Costi  della  gestione   Allowed revenues = costs + r RAB

operativa  +  i  costi  del   r: Rendimento consentito al capitale investito

capitale=ricavi  complessivi   RAB: capitale investito

consentiti.  Le  tariffe  sono  

composte  da  due  addenti.  La   “Plus”:

parte   Plus  (remunerazione  del   r X RAB RAB: Regulatory Asset Base,

Immobilizzazioni materiali ed

capitale  investito)  come  la  si   immateriali

“Cost”:

stima?  Mentre  i  costi  sono  certi,   r: rendimento del capitale

Costi gestione

sul  Plus  c’è  più  incertezza.  Il   e

ammortamenti

t ti

Plus  rappresenta  in  prima  

approssimazione  le  

immobilizzazioni.  Il  vero  

problema  rimane  quindi  il  fissaggio   d

el  livello   consentito  di  rendimento  del  capitale   r .  

© P. Garrone, Politecnico di Milano 8

Il  regolatore  cosa  fa?  

Fissa  il  vincolo  dei  ricavi  complessivi;  

• Il  cost  plus  lo  fissa  in  base  ai  costi  richiedendo  la  contabilità  dell’impresa  (AS-­‐IS);  

• Il  rendimento   r  del  capitale  invece  è  calcolato  come  il  WACC;  

• A  questo  punto  il  regolatore  fissa  i  costi  del  servizio.  

  42  

Regolazione “cost-plus”

Costi osservati da contabilità

Costs Personale in attività regolate

Materiali e servizi (esterni) in attività regolate

A

Ammortamenti

i e accantonamenti

i allocati

ll i ad

d att reg

r RAB RAB osservata da contabilità e r stimata da regolatore

Oneri finanziari per capitale debito per attività regolate

Utile per capitale azionario per attività regolate

Imposte sul reddito

Allowed Revenues

Eventuali  variazioni  da  preventivo  a  consuntivo  possono  essere  ripianate  nelle  tariffe  

dell’anno  successivo.    

© P. Garrone, Politecnico di Milano 10

  Implicazione  per  la  collettività  

Come  sta  la   collettività?    

L’efficienza  allocativa  è  buona:  tariffe  più  basse  di  così  non  si  può!    

• L’efficienza  produttiva  invece?  Perché  l’impresa  dovrebbe  fare  innovazione  per  

• ridurre  i  costi?  Se  li  riduce,  nella  tariffa  dell’anno  successivo  il  margine  che  ha  

creato  verrà  espropriato  dalla  tariffa  che  verrà  abbassata  ancora  visto  che  viene  

calcolata  sulle  base  dei  costi!  Inoltre  se  l’impresa  non  si  impegna  ad  abbassare  i  

costi,  le  tariffe  salgono:  siamo  ancora  in  presenza  di  un  vincolo  morbido;  

Costi  amministrativi  elevati:  l’attività  del  regolatore  è  onerosa  se  ci  sono  tante  

• imprese.  

  Implicazione  per  l’impresa  

Com’è  un’impresa  regolata  così?    

E’  un  impresa  sicura  perché  è  assicurato  un  rendimento  essendo  praticamente  zero  

• il  rischio  di  default.    

Per  questo  si  era  investito  tanto  nel  passato  in  queste  imprese;  

• Non  necessariamente  efficienti.  

 

Modello  price-­‐cap  e  cenni  a  modello  yardstick  

A  partire  dal  mercato  delle  telecomunicazioni  del  Regno  Unito  nasce  questo  modello.  

Rispetto  al  cost-­‐plus,  i  ricavi  smettono  di  inseguire  i  costi:  i  ricavi  sono  formula  based  e  non  

cost  base;  vengono  aggiornati  nel  tempo  secondo  una  formula  e  non  più  basati  sui  costi.  Si  

smette  di  assicurare  che  i  ricavi  coprano  i  costi  (come  invece  accadeva  nel  modello  cost-­‐plus).  

I  ricavi  sono  indipendenti  dai  costi.  

 

Il  regolatore  cosa  fa?  

Guarda  i  costi  solo  all’inizio  del  periodo  regolatorio,  tenendo  conto  però  di  eventi  

• straordinari  e  investimenti.  Dopo  il  regolatore  non  osserva  più  i  costi.  Solo  all’inizio  

viene  calcolato  il  prezzo  al  cost-­‐plus;  

Negli  anni  successivi  come  vengono  aggiornati  i  ricavi?  Con  una  formula  di  due  

• parametri  fondamentali:  

RPI:  tasso  di  inflazione;  

o Tasso  annuo  di  variazione  reale  dei  ricavi:  fattore  X.  X=  previsto  come  

o necessario  per  portarsi  alla  frontiera  delle  imprese  più  efficienti  e  solitamente  

positivo.  X  può  essere  anche  negativo:  se  lo  è  anche  in  termini  reali  i  ricavi  

consentiti  aumentano;  

  43  

Terminato  il  periodo  regolamentare  si  ricalcolano  i  ricavi  col  metodo  cost-­‐plus.  Se  

però  l’impresa  avesse  diminuito  i  costi  in  misura  maggiore  bisogna  darle  un  

premio.  Per  questa  ragione  si  usa  un  incentivo:  il  profit  sharing.    

In  realtà  però,  non  tutti  i  ricavi  vengono  aggiornati:  si  porta  fuori  la  parte  plus  e  la  

parte  degli  ammortamenti.  Si  applica  solo  ai  costi  operativi.  

 

Efficienza  produttiva:  è  un  sistema  bastone  e  carota.  E’  un  sistema  in  cui  si  apre  una  

relazione  tra  impresa  e  regolatore:  i  ricavi  si  calcolano  secondo  la  formula  predefinita  ma  i  

costi  (comprensivi  di  quelli  del  capitale)  dell’impresa  possono  evolvere  nel  migliore  dei  modi  

possibili.    

Carota:  se  i  costi  vengono  ridotti  in  maniera  superiore  rispetto  ad  X,  allora  il  margine  

eccessivo  (extra-­‐profitto)  è  dell’impresa!  

Bastone:  l’impresa  riduce  i  costi  ma  in  maniera  più  blanda  e  va  in  “perdita”  nel  senso  che  

l’extra-­‐profitto  è  negativo.  L’impresa  non  ha  ridotto  i  suoi  costi  al  tasso  previsto  dal  

regolatore.  

In  questo  modo  l’impresa  è  consapevole  che  se  riduce  i  suoi  costi  il  margine  che  crea  è  suo,  

così  si  raggiunge  l’efficienza  produttiva.   Regolazione “price-cap”

Revenue-cap: Possibili scenari diversi per il margine, a

seconda del controllo sui costi esercitato dall’

dall impresa

Esempio: X positivo (prevista diminuzione ricavi)

CASO A CASO B

Impresa “batte” regolatore Regolatore “batte” impresa

Costi impresa

CAP

C

Costi

ti impresa

i Periodo Periodo

Anno 1 Anno 4 Anno 1 Anno 4

regolatorio

l t i regolatorio

l t i

© P. Garrone, Politecnico di Milano 18

Profit  Sharing:  formula  introdotta  per  far  fronte  al  problema  della  disincentivazione  alla  

riduzione  dei  costi  all’avvicinarsi  del  termine  del  periodo  (perché  la  riduzione  dei  costi  poi  

sarebbe  estratta  e  inglobata  visto  che  il  cap  verrà  ricalcolato  col  metodo  cost-­‐plus).  Questa  

formula  prevede  che:  i  ricavi  consentiti  non  partano  dai  costi  reali  dell’impresa  ma  da  un  

livello  intermedio  tra  i  costi  reali  e  il  livello  di  riduzione  attesa  in  base  al  fattore  X.  

  Implicazioni  per  la  collettività  

Come  sta  la  collettività?  Due   correzioni  rispetto  al  cost-­‐plus:  

Efficienza  produttiva:  i  costi  vengono  costantemente  ridotti.    

• Ogni  anno  bisogna  ridurre  i  costi  dell’X%,  altrimenti  i  prezzi  non  coprono  i  

o costi  medi;  

  44  

Stimoli  alla  riduzione  dei  costi,  la  diminuzione  eccessiva  dei  costi  va  a  

o beneficio  dell’impresa  per  gli  enti  di  regolazione  e  in  parte  nel  primo  anno  di  

ripianificazione;  

Possibile  inefficienza  allocativa  dovuta  ad  asimmetrie  informativa:  

• Nel  periodo  regolatorio  non  vengono  effettuate  rilevazioni  dei  costi;  

o Prezzo  di  norma  superiore  ai  costi  d’impresa;  

o

Costi  amministrativi  contenuti.  

  Implicazioni  per  l’impresa  

Dinamica  organizzativa  e  tecnologica;  

• Propensione  agli  investimenti  mista;  

• Elevata  propensione  ad  investimenti  cost-­‐reducing;  

o Scarsa  propensione  ad  investimenti  quality-­‐enhancing;  

o

Esposizione  non  nulla  a  rischi  economico  finanziari:  

• Copertura  dei  costi  assicurata  solo  con  costante  recuperi  di  produttività;  

o Remunerazione  investitori  variabile.    

o Pratiche regolazione prezzi: conclusioni

Cost-plus

Riduzione mark-up prezzo-costo

Equilibrio economico finanziario

Appropriato per settori maturi

Limitate possibilità recupero efficienza

Pi

Price-cap (

(anche

h yardstick)

d ti k)

Riduzione costi impresa

Appropriato per settori in crescita o con storici deficit

efficienza

Investimenti: problema aperto

quale regolazione assicura efficienza dinamica?

  © P. Garrone, Politecnico di Milano 23

PRATICHE  DI  REGOLAZIONE  DI  QUALITÀ  DEL  SERVIZIO  (EFF.  DINAMICA)  

 

Il  problema  della  qualità  dei  servizi  

I  problemi  di  qualità  ci  sono  stati  sia  prima  che  dopo  le  riforme.  Cosa  spinge  l’impresa  a  

fare  attività  per  migliorare  la  qualità?  Un  monopolista  che  ragioni  ha  per  migliorare  la  qualità?  

Qualsiasi  intervento  regolamentare  della  qualità  richiede  diverse  attività:  

1. Definizione  del  concetto  di  livello  ottimo  di  qualità;  

2. Campagne  di  monitoraggio  della  qualità;  

3. Intervento  di  regolazione.  

   

 

  45  

Definizione  del  concetto  di  livello  ottimo  di  qualità  

Definire  il  livello  di  qualità  ottima:  non  vuol  dire  assenza  di  disturbi.  E’  un  compromesso  

tra  i  costi  della  qualità  e  i  benefici  della  qualità.  Questi  costi  che  si  sostengo  per  aumentare  

la  qualità  non  so  costanti,  ma  crescono  perché  è  sempre  più  difficile  migliorare  la  qualità  

(passare  da  100  minuti  di  interruzione  a  99  costa  poco,  mentre  passare  da  1  a  0  costa  

molto).  Per  i  ricavi  no  c’è  un  beneficio  marginale  crescente.  Qual  è  il  punto  qualità  ottima?  

Quando  il  beneficio  è  più  alto  del  costo  va  bene,  ma  l’ottimo  è  quando  il  beneficio  totale  è  

massimo.    

  Il problema della qualità del servizio

 

 

  Definizione del livello ottimo della qualità

  Esempio: interruzioni nella distribuzione elettrica

  Costi della Benefici per

qualità

  consumatori

 

 

  Massimo

  Beneficio netto

beneficio

netto

tt

 

 

 

  Qualità

Nr massimo minuti Nr minimo minuti

  ottima

interruzione / anno interruzione / anno

  Qualità del servizio

© P. Garrone, Politecnico di Milano 28

 

Campagne  di  monitoraggio  della  qualità  

Perché  è  necessario  monitorare?  

1. Non  è  possibile  assumere  in  generale  la  benevolenza  di  proprietà  e  manager;  

2. Insufficienza  di  prescrizioni  “Command  and  Control”  (standard  di  qualità):  

a. C’è  asimmetria  informativa  tra  regolatore  e  l’impresa;  

i. Difficoltà  nell’individuare  il  livello  ottimo  di  qualità  da  parte  del  

regolatore.  C’è  bisogno  che  il  regolatore  conosca  perfettamente  

benefici  costi  della  qualità;  

ii. Per  l’impresa  sono  poco  credibili  i  controlli  successivi.  E’  comunque  

possibile  che  chi  degrada  la  qualità  possa  godere  di  una  forma  di  

protezione.  Non  è  credibile  che  ci  sia  un  controllo  a  tappeto  da  parte  

del  regolare  che  individui  in  maniera  certa  l’entità  del  degrado  della  

qualità  e  il  responsabile.  L’impresa  sa  che  dei  controlli  accurati  e  non  

impugnabili  non  siano  credibili.  

3. In  monopolio  i  ricavi  dal  mercato  non  riflettono  il  livello  di  qualità  servito.    

a. In  concorrenza  è  l’impresa  stessa  che  ha  sufficienti  motivazioni  per  offrire  

un  servizio  di  qualità  superiore  per  ottenere  ricavi  più  alti,  prezzi  più  alti,  

nuovi  clienti.  Sono  le  imprese  che,  con  ottica  di  profitto,  aumentano  la  

qualità  del  servizio  spontaneamente,  altrimenti  potrebbero  perdere  quote  di  

mercato;  

b. Dove  non  c’è  concorrenza,  il  monopolista  non  ha  benefici  nell’aumento  della  

qualità  perché  ciò  non  si  riflette  in  quote  di  mercato  maggiori  o  nella  

possibilità  di  aumentare  i  prezzi.  

   

 

  46  

Bisogna  quindi  intervenire:  

Raccogliendo  molte  informazioni  per  definire  standard  minimi  di  qualità  con  

• C&C;  

Regolamentare  con  incentivi  per  il  miglioramento  della  qualità  con  premi  e  

• punizioni.  

  Intervento  di  regolazione  

In  Italia  è  obbligatorio  fare  un’analisi  dell’impatto  della  regolazione:  tutte  le  misure  

introdotte  debbono  essere  verificate  (analisi  costi/benefici  dell’effetto  della  regolazione  ex  

post).  

(SLIDE  35)Questa  molteplicità  di  cause  possibili  può  essere  sfruttata  con  opportunismo.  

 

Che  cosa  è  stato  fatto  dall’autorità  per  intervenire  sulla  qualità:  

1. Raccolta  delle  informazioni:  campagna  di  misura  per  registrare  in  maniera  curata  

delle  qualità;  

2. Interventi  per  proteggere  i  clienti  peggio  serviti:  ci  si  è  posti  il  problema  dei  

danni  più  gravi.  Sono  stati  definiti  dei  minimi  di  standard  di  servizio:  se  il  

disservizio  supera  un  certo  livello  il  distributore  ha  una  sanzione  ma  senza  

ricercare  il  responsabile.  

3. Promozione  miglioramenti  qualità  con  regolazione  economica:  ha  agganciato  

le  tariffe  alla  qualità  del  servizio.  Il  vincolo  sui  ricavi  consentito  al  distributore  in  

realtà  si  aggiorna  verso  l’alto  se  la  qualità  migliora,  altrimenti  si  aggiorna  verso  il  

basso.  Sono  stati  posti  dei  target  differenziati  per  zone  e  per  livello  di  qualità  di  

quel  momento..  

 

Il  caso  della  distribuzione  dell’energia  

Vediamo  come  si  è  fatto  fronte  a  questo  problema  nel  settore  dell’energia  elettrica.  Fino  al  

2000  l’autorità  si  è  impegnata  sul  fronte  sul  livello  di  qualità  di  distribuzione  in  bassa  tensione  

di  energia  elettrica.  Ha  quindi  avviato  una  serie  di  programmi  articolati:  

1. Ricognizione  dei  problemi  importanti  della  qualità;  

2. Definizione  di  indicatori  che  rappresentassero  il  livello  superiore  o  inferiore  tra  i  

diversi  distretti  in  Italia;  

3. Avviare  delle  campagne  di  misura:  disporre  di  strumenti  e  attività  che  in  diversi  

punti  della  rete  misurassero  vigorosa  questi  indicatori  (numero  delle  

interruzioni/durata  delle  interruzioni);  

4. Introdotte  le  regolazioni.  

 

PRATICHE  DI  REGOLAZIONE  DELL’ACCESSO  ALLE  RETI  

Considerazione  sulle  attività  liberalizzate.  Qual  è  una  delle  fonti  del  vantaggio  di  posizione  

dominante  di  uno  degli  attori  operanti  nella  attività  liberalizzate?  E’  integrato  a  monte  nella  

attività  di  rete  che  sono  in  monopolio.  Vuol  dire  che  uno  dei  player  ha  il  controllo  esclusivo  di  

un  asset  fondamentale.  Il  regolatore  deve  quindi  garantire  un  acceso  alle  reti  paritario.  

Un’area  della  regolazione  è  quindi  l’accesso  alle  reti.  

 

Regolazione  dell’accesso  alle  reti  

Immaginiamo  che  non  ci  sia  regolazione,  vediamo  quali  possono  essere  i  comportamenti:  

Discriminazione  dei  concorrenti  nell’accesso  alla  rete:  impedire  l’uso  delle  reti  

• ai  suoi  concorrenti  o  comunque  rendere  inefficiente  e/o  inefficace  il  loro  utilizzo;  

Allocazione  opportunistica  dei  costi  comuni:  se  un’impresa  ha  attività  sia  nei  

• mercati  liberi  che  non,  se  carica  tutti  i  costi  comuni,  edifici  ad  esempio,  nel  mercato  

  47  

dov’è  monopolista,  allora  il  costo  delle  attività  di  monopolio  cresce  e  le  tariffe  

coprono  una  parte  dei  costi  della  attività  in  concorrenza.  Così  si  alleggeriscono  i  

costi  nelle  attività  concorrenziali  e  si  caricano  su  quella  d  monopolio;  

Strategie  “deep-­‐pocket”:  profitti  elevati  ottenuti  nell’attività  di  monopolio  

• finanziano  strategie  aggressive  nel  mercato  concorrenziale.  

 

Come  interviene  il  regolatore?  

1. Obbligo  di  TPA:  i  detentori  della  rete  devono  concedere  accesso  partitario  a  

concorrenti  e  divisioni  del  proprio  gruppo;  

2. Unbunding:  separazione  tra  attività  di  monopolio  e  l’attività  concorrenziale.  

Separazione  di  che  forma?  Ha  assunto  diverse  forme  durante  il  tempo.  

 

Unbundling  

Separazione  proprietaria:  il  proprietario  della  rete  non  deve  avere  controllo  dei  

• player  presenti  nelle  attività  liberalizzate;  

Separazione  societaria:  le  imprese  possono  avere  lo  stesso  proprietario  ma  

• legalmente/giuridicamente  devono  essere  indipendenti.  E’  un  intervento  sui  

comportamenti;  

Separazione  funzionale:  impone  regole  stringenti  di  governance.  

  Separazione  proprietaria  

Vuol  dire  vendere  le  reti/infrastrutture  (Eni).  

I   vantaggi:  

Annulla  qualsiasi  motivazione  a  comportamenti  anti-­‐concorrenziali  (vertical  

• forclosure).  Non  ha  più  alcun  interesse!  

Consente  una  coerenza  nell’ottica  strategica.  

Gli  

svantaggi:  

E  se  ci  fossero  delle  sinergie  tra  attività  di  rete  in  monopolio  e  attività  

• liberalizzate?    

Crea  un  rischio  sui  mercati  azionari:  l’obbligo  di  vendita  è  un  obbligo  grosso  e  

• oneroso.  

  Separazione  societaria  

Abbiamo  società  di  capitali  indipendenti.  Devono  avere  bilanci  distinti  e  assicurare  agli  

azionisti.  Riduce  le  capacità  di  avere  atteggiamenti  anticoncorrenziali  grazie  ai  due  

bilanci  distinti  e  trasparenti,  però  non  annulla  le  motivazioni.  Chi  è  separato  

societariamente  non  può  farlo  ma  vorrebbe!  E’  stato  la  norma  nel  settore  del  gas,  

distribuzione.  

 

Separazione  funzionale  

Ridefinizione  dell’organizzazione  e  della  governance.  Non  è  possibile  che  un  manager  

passi  da  Snam  rete  gas  a  Eni,  non  si  può  condividere  lo  stesso  sistema  informativo,  nel  

CDA  non  possono  sedere  le  stesse  persone.  Annulla  le  motivazioni?  No,  però  le  rende  

più  difficili,  come  quella  societaria.  

 

Siccome  non  c’era  separazione  proprietaria  i  grandi  campioni  nazionali  non  sviluppavano  le  

reti  di  interconnessione.  Ad  esempio  se  Eni  non  sviluppa  i  gas  dotti  verso  la  svizzera  significa  

che  gli  svizzeri  non  possono  entrare  in  Italia  e  viceversa.  Il  fatto  che  ci  fossero  operatori  

integrati  verticalmente  è  la  ragione  per    cui  le  reti  non  vengono  sviluppate  creando  colli  di  

  48  

bottiglia  verso  gli  altri  paesi  impedendo  l’ingresso  di  altri  paesi.  Quindi  si  formano  tanti  

mercati  nazionali  separati  e  non  uno  unico.  

 

L’UE  ha  proposto  che  gli  stati  membri  entro  il  2011  dovevano  decidere  tra  separazione  

proprietaria  o  una  forte  separazione  funzionale.  L’Italia  scelse  la  forte  separazione  funzionale:  

Eni  ha  riformulato  separando  in  maniera  fortissima  Snam  rete  gas.  Quest’anno  però  è  passato  

l’obbligo  di  separazione  proprietaria  perché  c’è  il  rischio,  nella  rete  del  gas,  che  Eni  venga  

venduta  ad  un  mafioso  russo.  Anche  se  il  problema  non  è  questo…Il  problema  è  che  

l’acquirente  di  Eni  potrebbe  portare  un  monopolio  peggiore  (perché  quello  addirittura  lo  

produce  il  gas).  

Due  soluzioni  a  questo  problema  attuale:  

1. Vendere  il  30%  di  quota  di  Snam  rete  gas  a  di  cassa  depositi  e  prestiti.  Questo  

renderebbe  difficilmente  scalabile  il  gruppo.  

2. Inserire  una  Golden  Share:  diritto  di  veto,  da  parte  del  rappresentate  di  cassa  deposito  

e  preesisti,  su  operazioni  di  vendita  che  possano  compromettere  la  sicurezza  

nazionale.  

 

Alla  fine:  ci  dobbiamo  ricomprare  Snam  rete  gas  per  garantire  la  liberalizzazione.  

   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

    49  

La  Regolazione  delle  Telecomunicazioni  

 

ACCESSO  ONE  WAY  

L’incumbent  offre  accesso  alla  rete  ai  nuovi  entranti.  Il  regolatore  però  deve  assicurare  che  

non  si  verifichino:  vertical  forclosure  e  price  squeeze.  Per  evitare  questi  comportamenti  

scorretti:   Separazione  delle  attività:  in  Italia  si  applica  una  separazione  funzionale;  

• Regolazione  della  tariffa  di  accesso  che  l’entrante  paga  all’incumbent  per  utilizzare  

• l’infrastruttura.  

Rispetto  agli  altri  settori  a  rete  le  TLC  hanno  una  specificità  importante:  anni  2000  con  la  

rete  telefonica  in  rame  si  può  trasportare  non  solo  voce  ma  anche  connessione  dati  a  banda  

larga  (ADSL).  Ciò  può  dare  l’opportunità  all’entrante  di  differenziarsi  rispetto  all’incumbent:  

l’entrante  ha  una  maggiore  capacità  di  differenziazione.  Questa  opportunità,  dal  punto  di  vista  

regolatorio,  pone  maggiore  enfasi  sull’efficienza  dinamica,  rispetto  a  quella  statica:  ovvero  la  

capacità  delle  imprese  regolate  di  introdurre  innovazioni  commerciali  e/o  di  contenuto.  Nel  

TLC  quindi  si  è  parlato  molto  di  quanto  il  regolatore  dovesse  incentivare  l’innovazione  

secondo  due  modalità:  

Service  Based  Entry:  entrare  sfruttando  l’infrastruttura  dell’incumbent  e  

• differenziarsi  offrendo  servizi  differenziali;  

Facility  Based  Entry:  costruire  proprie  infrastrutture  per  differenziarsi  rispetto  

• all’incumbent  introducendo  innovazioni.  

 

Ciò  ha  portato  a  tre  grandi  famiglie/modalità  di  accesso:  

1. Accesso  virtuale:  l’entrante  (OLO)  non  fa  alcun  investimento  in  infrastrutture.  Così  

però  non  può  differenziare  la  propria  offerta.  Prende  quello  che  l’incumbent  gli  da;  

2. Accesso  condiviso:  l’OLO  deve  compiere  investimenti  infrastrutturali  (tuttavia  

limitati)  per  scindere  i  due  tipi  di  traffico  (dati  e  voce)  ottenendo  così  una  certa  

capacità  di  differenziare  la  propria  offerta;  

3. Accesso  diretto:  l’OLO  ha  un  uso  esclusivo  del  “doppino”.  L’incumbent  perde  

completamente  il  cliente  finale.  Ovviamente  sono  necessari  investimenti  elevati.  

L’offerta  è  completamente  differenziabile.  

 

Più  aumenta  l’efficienza  dinamica,  più  nel  lungo  periodo  dovrebbe  affermarsi  anche  

l’efficienza  statica  (almeno  allocativa).  

 

Come  indurre  l’entrante  a  fare  questi  investimenti?  Questi  investimenti  non  possono  

essere  compiuti  subito  dopo  la  liberalizzazione.  Nasce  la  “teoria  della  

ladder  of  investment”  

(scala  degli  investimenti).  Questa  teoria  dice  che  al  principio  della  liberalizzazione  ai  nuovi  

entranti  dev’essere  facilitata  la  service  based  entry  tramite  la  fissazione  di  tariffe  basse.  

Occorre  far  realizzare  dei  profitti  in  questa  fase  all’impresa  e  fargli  acquisire  l’esperienza  

necessaria  per  permanere  nel  mercato.  Man  mano  che  aumentano  i  profitti  bisogna  cercare  di  

spostare  la  modalità  di  entrata  verso  la  facility  based  entry  attraverso  con  due  modalità:  

Alzando  la  tariffa  di  accesso;  

• “Clausola  del  tramonto”:  smettere  di  regolamentare  questa  tipologia  di  accesso.  In  

• questo  caso  l’entrante  deve  negoziare  da  solo  con  l’incumbent  la  tariffa.  

A  questo  punto  l’impresa  ha  abbastanza  profitti  ed  esperienza  per  compiere  degli  

investimenti.  

Si  continua  così  con  questa  logica  per  superare  il  monopolio  naturale  anche  nell’ultimo  

miglio!  

 

  50  

Replacement  vs  Stepping  Stone  Effect  

Stepping  Stone  Effect:  limitare  il  più  possibile  l’effetto  di  rimpiazzo  per  far  si  che  le  

• imprese  compiano  questi  passi  successivi  (stepping  stone,  quelle  messe  sui  fiumi  

per  poterli  attraversare);  

Replacement:  disincentivo  da  parte  del  monopolista  a  introdurre  innovazioni  

• radicali  perché  tanto  i  profitti  realizzati  sostituirebbero  quelli  attuali.  

Si  applicano  tariffe  basati  sui  costi  col  CAP.  

 

ACCESSO  TWO  WAY  

E’  un  caso  tipico  della  telefonia  mobile.  Perché  è  opportuno  che  network  distinti  si  

interconnettano?  Perché  è  opportuno  che  gli  utenti  VF  possano  parlare  con  utenti  Wind  ad  

esempio?  Per  le  esternalità  di  rete:  il  valore  del  telefono  mobile  aumenta  al  crescere  degli  

utenti.  

 

Modello  


ACQUISTATO

2 volte

PAGINE

124

PESO

31.71 MB

AUTORE

Gidan8

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in ingegneria gestionale
SSD:
Docente: Grilli Luca
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Gidan8 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Economia dei Servizi e delle Reti e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Politecnico di Milano - Polimi o del prof Grilli Luca.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea magistrale in ingegneria gestionale

Riassunto esame Business Intelligence e Data Mining, prof. Vercellis, libro consigliato Business Intelligence e Data Mining, Vercellis
Appunto
Economia dei Sistemi Industriali - Appunti
Appunto
Sistemi di Produzione Automatizzati - Appunti
Appunto
Industrial Technologies
Appunto