Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

tempo in modo che l’attività economica non abbia effetti

- Economia verde deve evolvere nel

sull’ambiente.

L’etica ambientale: la classe di riferimento morale esige l’adozione di una

La regola dello sviluppo economico sostenibile detta del capitale costante

posizione esplicita sull’equità del traferimento di beni fra le persone e nel tempo, ovvero che le

generazioni future hanno il diritto di attendersi un’eredità (contratto sociale intergenerazionale) e

che la generazione attuali ha quindi degli obblighi in riguardo.

L’economia verde sostiene un’estensione della classe di riferimento al fine di includere i diritti

delle generazioni future e studia fino a che punto è possibile attuare queste idde data l’avidità

dell’uomo.

Limiti allo sviluppo, perché arrestarlo.

Possono essere determinati da:

+ crescita,+ rifiuti= danni all’imbiente

- assorbimento dei rifiuti

- disponibilità delle risorse

- aumento della popolazione

Alcuni critici sostengono che i limiti non esistono perché:

- è possibile separare attività economica e ambiente

- nuovi giacimenti vengono scoperti di continuo

l’uomo è in grado di controllare la produzione di scorie tramite il riciclaggio

-

- possiamo sostituire le tecnologie inquinanti con altre che lo siano meno

- teoria domanda-offerta scarse risorse=aumento prezzi=utilizzo più responsabile/altre risorse

Sviluppo sostenibile

Commissione bruntland uno sviluppo che soddisfa le esigenze del presente senza compromettere

le possibilità per le generazioni future di soddisfare i propri bisogni.

Condizioni:

lasciti di capitale questa generazione deve lasciare alla prossima uno stock di capitale non

inferiore a quello che possiede

sostenibilità debole il trasferimento non deve essere inferiore, bisogna dunque compensare le

perdite con il lavoro dell’uomo

sostenibilità forte certi elementi dello stock non possono essere sostituiti

vivibilità sostenibile qualsiasi attività dovrà assicurarsi che la vivibilità di base possa essere

sostenuta

Il principio precauzionale e i livelli minimi di sicurezza

È necessario un compromesso fra impiego di risorse per ottenere benefici economici e la

conservazione di patrimoni per mantenere un flusso di benefici sostenibile.

Bisogna escludere a priori tutte quelle attività di sviluppo che potrebbero portare ad un

deprezzamento del capitale sostenibile dello stock di capitale naturale

Norme per un’utilizzazione

Necessarie correzioni per sopperire all’inadeguatezza del mercato e degli interventi riferiti

- alla valutazione delle risorse ed ai diritti di proprietà

- Mantenimento capacità rigenerativa del capitale naturale rinnovabile ed evitare inquinamento

eccessivo

- Mutamenti tecnologici per favorire il passaggio da capitale non rinnovabile a rinnovabile

- Sfruttare il cnr ad un tasso pari alla creazione di sostituti

Limitare la portata complessiva dell’attività

- economica.

In che modo i mercati usano le risorse con un prezzo e quelle senza?

L’impresa non spreca le risorse che costituiscono costi di produzione, è quandi prerogativa dei

mercati liberi l’incentivo a conservare ciò che deve essere pagato. Esistono servizi ambientali che

non hanno alcun prezzo di mercato, di conseguenza il loro utilizzo produrrà solo costi esterni,

ovvero danni all’ambiente i quali saranno paganti indirettamente o direttamente.

Produzione inquinamento e costi esterni

Quando le imprese decidono il quantitativo di risorse da utilizzare tengono conto solo del loro

prezzo di mercato, ma solo prendendo in considerazione anche i costi esterni sarà possibile

raggiungere un livello di produzione ottimale di mercato guidato dalla ricerca del profitto verso il

livello di produzione socialmente ottimo. La regola della decisione di mercato di un’impresa privata

è che si devono produrre tutte quelle unità di prodotto che consentono all’impresa di ottenere il

bpmn positivo. Si può infine formulare la regola di decisione sociale che dice che i costi esterni

devono anch’essi essere presi in considerazione ovvero chi inquina deve pagare per l’inquinamento

che provoca.

Intervento governativo

I mercati non sono in grado di proteggere l’ambiente, è dunque necessario l’intervento pubblico

tramite norme che regolino lo sfruttamento di risorse di cui nessuno è effettivamente proprietario. È

però possibile che questo intervento fallisca perché ci si potrebbe trovare dinnanzi ad uno stato

dispotico o non abbastanza efficace nel raccogliere informazioni utili per individuare le conseguenze

di un dato intervento o avendo buone intenzioni esso potrebbe formulare linee di intervento senza

l’aiuto di esperti per metterle in pratica.

L’analisi costi-benefici

L’analisi va oltre l’idea di confronto fra costi e benefici, essi vengono definiti in base

costi-benefici

al soddisfacimento dei desideri o delle preferenze, perciò qualsiasi cosa soddisfi un bisogno è detta

beneficio, mentre ciò che ne viene sottratto è definito costo. Questa analisi funziona sul presupposto

che un’allocazione migliore delle risorse è preferita. Un’individuo dovrebbe accettare i benefici se:

[B-C]>0

come formulare una norma di decisione sociale

per decidere se la società stia meglio o peggio è necessario confrontare guadagni e perdite dei singoli

individui ma molti economisti ritengono sia impossibile. In realtà è un processo che facciamo

continuamente giudicando le persone per ciò che hanno. Se il confronto fosse effettivamente

possibile potremmo formulare delle norme di decisione sociale:

- la disponibilità a pagare il grado di preferenza di un prodotto è rivelato dalla disponibilità

degli individui a pagare per esso o per evitarlo se non è gradito o accettare una ricompensa

per preferire qualcosa che altrimenti avrebbero evitato.

- La compensazione ipotetica

L’introduzione della dimensione temporale: lo sconto

Gli individui sono caratterizzati da una preferenza temporale ovvero attribuiscono un peso inferiore

a benefici o costi futuri rispetto ai presenti.

Lo sconto ha di conseguenza effetti negativi sull’ambiente, agendo contro l’interesse delle

generazioni a venire:

- lo sconto rende inferiore il valore effettivo di un danno lontano nel futuro

- abbassa il valore di un progetto che potrebbe avere benefici futuri, rendendone difficile la

giustificazione ed attuazione.

- Influenza le decisioni di estrazione di risorse


ACQUISTATO

4 volte

PAGINE

5

PESO

156.69 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in cooperazione internazionale e sviluppo
SSD:
A.A.: 2014-2015

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher chiara.chialant di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Economia ambientale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Cecchi Claudio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!