Che materia stai cercando?

Disturbi dell'apprendimento e del comportamento – Test Torre di londra

Appunti di Disturbi dell'apprendimento e del comportamentoTest Torre di londra. Nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: Il test è stato ideato per misurare le capacità di mettere in atto processi di decisione strategica e di pianificare soluzioni efficaci tese alla risoluzione di un compito. Per... Vedi di più

Esame di Disturbi dell'apprendimento e del comportamento dal corso del docente Prof. C. Epasto

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Test della torre di Londra (ToL: Tower of London)

Autori

Shallice e McCarthy 1982.

Articolo di riferimento

Shallice, T.(1982). Specific impairments of planning. Philosophical Transactions of the Royal

Society of London, Part. B, 298, 199-209.

Scopo

Il test è stato ideato per misurare le capacità di mettere in atto processi di decisione strategica e di

pianificare soluzioni efficaci tese alla risoluzione di un compito.

Per risolvere molti problemi è necessario anticipare e tenere a mente le conseguenze di un�azione

sulle altre.

Tale interdipendenza di elementi di un problema complesso è di fatto una caratteristica di molte

situazioni della vita quotidiana.

Il test della Torre di Londra è un problema a difficoltà graduale che richiede al soggetto di muovere

delle palline forate, poste in una certa configurazione su una particolare struttura fino a raggiungere

una nuova configurazione . A tale scopo è necessario adottare opportune strategie.

In particolare sono richieste tre operazioni: (a) formulare un piano generale, (b) identificare

sottomete ed organizzarle entro una sequenza di movimenti, (c) conservare le sottomete e il piano

generale nella memoria di lavoro (Morris et al., 1988; Owen et al., 1990; Shallice, 1982). Shallice

chiama in causa il Sistema Attentivo Supervisore (SAS) quale centro presieduto dalla corteccia

prefrontale e deputato a dirigere l�attenzione verso le necessarie sottomete e a trasferire

l�attenzione stessa dalle sottomete allo schema generale( Shallice, 1982 ).

Stimoli

Ci sono numerose variazioni nel modo in cui il test può venir somministrato e sul tipo di misure che

possono essere ottenute.

Nella versione classica di Shallice il materiale è costituito da tre pioli di diversa lunghezza montati

su una struttura di legno e da tre palline di colore diverso, in particolare rosso, verde e blu, che si

infilano.

Il test si compone di una serie di dodici prove di difficoltà graduale a seconda del numero di mosse

che devono essere compiute per arrivare alla soluzione. Si parte sempre da una posizione base.

Esiste una versione computerizzata del test:

ci sono tre aste in ciascuna metà dello schermo di diversa altezza che ricalcano il modello originale.

In ciascuna prova al soggetto viene chiesto di spostare le palline attraverso un display così da

raggiungere la configurazione posta nella metà alta dello schermo. Per spostare la pallina basta

toccare prima questa e poi la posizione libera in una delle altre aste. Quando la pallina viene toccata

, compare un suono e questa comincia a lampeggiare indicando che è pronta per essere spostata. Il

soggetto può eliminare la pallina selezionata toccandola una seconda volta. I movimenti non

corretti, spiegati al soggetto, sono registrati al computer come non risposte. Ai soggetti viene

chiesto di risolvere il compito nel minimo numero possibile di mosse. Quando la prova è risolta con

successo, sul display compare FINISHED e poi la prova successiva.

Per ciascun problema è possibile ricavare una condizione di controllo da usarsi come baseline. In

ciascuna prova di controllo al soggetto è chiesto di seguire una sequenza di singoli movimenti

eseguiti dal computer nella metà alta dello schermo movendo la corrispondente pallina nella

configurazione posta in basso. In ciascuna prova di controllo il movimento delle palline è un�esatta

replica di quelle mosse dal soggetto nella corrispondente prova-test. Questi compiti di controllo

permettono di registrare le seguenti variabili :

-TEMPO DI INIZIO DEL MOVIMENTO (MOTOR INITIATION TIME):tempo tra l�inizio di

ciascun problema e il toccare la prima pallina

.-TEMPO DI ESECUZIONE MOTORIA(MOTOR ESECUTION TIME): tempo tra il toccare la

prima pallina e il completare la sequenza di singoli mosse necessarie per completare il problema.


PAGINE

3

PESO

44.63 KB

AUTORE

Sara F

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Appunti di Disturbi dell'apprendimento e del comportamentoTest Torre di londra. Nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: Il test è stato ideato per misurare le capacità di mettere in atto processi di decisione strategica e di pianificare soluzioni efficaci tese alla risoluzione di un compito. Per risolvere molti problemi è necessario... ecc.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in teorie della comunicazione e dei linguaggi
SSD:
Università: Messina - Unime
A.A.: 2005-2006

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Sara F di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Disturbi dell'apprendimento e del comportamento e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Messina - Unime o del prof Epasto Concetta.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Disturbi dell'apprendimento e del comportamento

Disturbi dell'apprendimento e del comportamento – Dislessia
Appunto
Disturbi dell'apprendimento e del comportamento – Dislessia
Appunto
Disturbi dell'apprendimento e del comportamento – ADHD
Appunto
Disturbi dell'apprendimento e del comportamento – Disturbi dell'apprendimento
Appunto