Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Dispense delle lezioni di diritto tributario Prof. Giovanni Girelli

Tale principio sancito in via generale dall’art. 11 disp. prel. Cod. Civ.

è stato ribadito in materia tributaria dall’art. 3, legge 27 luglio 2000, n.

212: quanto disposto dall’art. 1, secondo comma, (in materia di

- salvo

norme interpretative autentiche) le disposizioni tributarie non

hanno effetto retroattivo.

- Relativamente ai tributi periodici le modifiche introdotte si

applicano solo a partire dal periodo d’imposta successivo a quello

in corso alla data di entrata in vigore delle disposizioni che le

prevedono.

garantire l’effettiva e preventiva informazione del contribuente e

Ratio:

tutelare l’affidamento di costui.

LA NORMA DI INTERPRETAZIONE AUTENTICA

l’adozione

Art. 1, secondo comma, Legge n. 212/2000: di norme

interpretative in materia tributaria può essere disposta soltanto in casi

eccezionali e con legge ordinaria, qualificando come tali le disposizioni

di interpretazione autentica. In tal caso possono avere anche efficacia

retroattiva.

essendo le norme dettate dall’articolo 11 disp.

N.B.: prel. cod. civ. e

dall’art. 3 della L. n. 212/2000, contenute in leggi ordinarie, si ritiene

che esse possano essere derogate espressamente o tacitamente da altra

legge ordinaria.

In genere si distingue tra: – –

Università del Salento Facoltà di Giurisprudenza A.A. 2009-2010 44

Dispense delle lezioni di diritto tributario Prof. Giovanni Girelli

RETROATTIVITÀ PROPRIA: quando la fattispecie prevista dalla

norma e gli effetti conseguenti ad essa si collocano nel passato rispetto

alla pubblicazione della legge.

Esempi: norme che prolungano esenzioni o agevolazioni temporanee

originariamente previste per un periodo di tempo già trascorso.

RETROATTIVITÀ IMPROPRIA: quando la legge dispone per il

futuro, ma in relazione a fatti e situazioni verificatisi anteriormente alla

sua entrata in vigore.

In particolare, si assumono a presupposto del tributo fatti verificatisi nel

passato.

Esempi: un provento realizzato nel passato che sia assoggettato a

tassazione da una norma successiva.

N.B.: in materia tributaria, per le norme impositrici (che introducono

una nuova imposta, aumentano l’aliquota di una imposta, eliminano o

l’efficacia retroattiva della norma

riducono un trattamento agevolativo),

deve essere coordinato con il principio costituzionale (art. 53 Cost.) di

attualità della capacità contributiva.

IL MOMENTO FINALE DI EFFICACIA DELLA NORMA

Si applicano anche qui le norme generali.

 Anzitutto deve rilevarsi che la stessa legge può prevedere il proprio

TERMINE FINALE DI EFFICACIA (in materia tributaria è

frequente nella previsione di regimi agevolativi di durata limitata);

 ABROGAZIONE ESPRESSA O TACITA da parte di un altro atto

normativo di rango pari o superiore;

 LA DICHIARAZIONE DI INCOSTITUZIONALITÀ.

– –

Università del Salento Facoltà di Giurisprudenza A.A. 2009-2010 45


PAGINE

5

PESO

174.61 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza
SSD:
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Novadelia di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto Tributario e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Salento - Unisalento o del prof Girelli Giovanni.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto tributario

Diritto tributario - Fonti
Appunto
Diritto tributario - Efficacia nel tempo della norma tributaria
Appunto
Diritto tributario - fonti
Appunto
Diritto tributario - le norme
Appunto