Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Dispense delle lezioni di diritto tributario Prof. Giovanni Girelli

dall’altro lato dispone che l’imposta assolta in tali casi deve essere restituita per la

- parte eccedente la misura fissa quando l’atto sia dichiarato nullo o annullato, per

causa imputabile alle parti e con sentenza passata in giudicato, né sia suscettibile

di ratifica, convalida o conferma.

C) Ipotesi in cui il diritto al rimborso si pone in stretta correlazione

a) con le modalità di adempimento del tributo, laddove il diritto al rimborso

può sorgere in relazione all’eccedenza, rispetto all’imposta effettivamente

dovuta

dei pagamenti effettuati in acconto e/o delle ritenute d’acconto subite, ovvero

-

- dei pagamenti eseguiti in via provvisoria (ad es. a seguito di decisioni del giudice

tributario non ancora formalmente passate in giudicato).

b) con le modalità di applicazione del tributo, laddove rilevano i crediti di

imposta che, a vario titolo, la legge riconosce al contribuente e che sono

suscettibili di dar vita ad un diritto al rimborso qualora il loro ammontare sia

superiore a quello del tributo dovuto.

credito IVA per l’imposta assolta o dovuta dal contribuente o a lui addebitata

Esempi: di

a titolo di rivalsa in relazione ai beni o servizi importati o acquistati nell’esercizio

imprese, arti e professioni (artt. 19 e 30 D.P.R. n. 633/1972).

LE PROCEDURE CAMBIANO A SECONDA CHE SI VERTA IN TEMA DI:

1) RIMBORSI AD ISTANZA DI PARTE

RIMBORSI D’UFFICIO

2)

(AD OPERA DIRETTAMENTE DELL’AGENZIA FISCALE)

1) RIMBORSI AD ISTANZA DI PARTE

Incombe sul titolare del diritto al rimborso l’onere di avanzare apposita istanza ai

competenti organi dell’Amministrazione finanziaria

– –

Università del Salento Facoltà di Giurisprudenza A.A. 2009-2010 176

Dispense delle lezioni di diritto tributario Prof. Giovanni Girelli

- entro un termine normalmente di decadenza sancito dalle singole leggi di imposta

ed, in mancanza,

- entro quello di due anni dal pagamento o se posteriore dal giorno in cui si è

verificato il presupposto per la restituzione (art. 21, secondo comma, D.Lgs. n.

546/1992).

L’art. 28- ter del D.P.R. n. 602/1973 disciplina la c.d. compensazione volontaria

di erogazione di un rimborso d’imposta, l’Agenzia delle

disponendo che in sede

Entrate verifica se il beneficiario risulta iscritto a ruolo ed, in caso affermativo,

trasmette in via telematica apposita segnalazione all’agente della riscossione.

Ricevuta la segnalazione l’agente della riscossione notifica all’interessato una

proposta di compensazione tra il credito ed il debito iscritto a ruolo, sospendendo

l’azione di recupero ed invitando il contribuente, debitore, a comunicare entro

sessanta giorni se intende accettare tale proposta.

In caso di rifiuto della proposta di cui trattasi o di mancato tempestivo riscontro,

cessano gli effetti della sospensione e l’agente della riscossione comunica in via

telematica all’Agenzia delle Entrate che non ha ottenuto l’adesione dell’interessato

alla proposta di compensazione.

In quest’ultima ipotesi, riprenderà la procedura esecutiva.

IN MATERIA DI IMPOSTE SUI REDDITI

La disciplina dei rimborsi varia in funzione dei diversi sistemi di riscossione:

1) RITENUTA DIRETTA E VERSAMENTO DIRETTO

Nei casi di ritenuta diretta o versamento diretto, il contribuente può presentare

idonea richiesta (entro il termine di decadenza di 48 mesi dalla data del versamento),

presso l’Ufficio nella cui provincia ha domicilio fiscale, per ottenere il rimborso delle

somme non dovute – –

Università del Salento Facoltà di Giurisprudenza A.A. 2009-2010 177


PAGINE

5

PESO

182.29 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Il diritto tributario è un settore del diritto finanziario caratterizzato dall'avere ad oggetto l'imposizione, a favore di soggetti di diritto pubblico, di prestazioni patrimoniali. Tale branca del diritto pubblico regola i mezzi e le procedure per il reperimento delle risorse finanziarie necessarie al finanziamento della spesa pubblica in generale, ossia delle spese che lo Stato e gli Enti pubblici devono sostenere per poter svolgere le loro funzioni.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza
SSD:
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Daniel Bre di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di diritto tributario e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Perrone Leonardo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto tributario

Riassunto esame diritto tributario, prof. Fantozzi
Appunto
Riassunto esame Diritto Tributario, prof. Fedele
Appunto
Riassunto esame Diritto tributario, prof. Boria. Libro consigliato Diritto tributario, Boria
Appunto
Diritto tributario - videolezioni
Appunto