Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

I FEDECOMMESSI

ORIGINI DEL FEDECOMMESSO

Probabilmente sorto per beneficiare un terzo che fosse incapace di ricevere per testamento,

consisteva in una preghiera all’erede perché avesse buon cuore di trasmettere al terzo quanto

disponeva confidando sulla sua buona fede. La materia fu inizialmente affidata alla competenza

dei consoli, quindi alla magistratura speciale del pretore fedecommissario e al preside delle

province che giudicavano extra ordinem.

IL FEDECOMMESSO UNIVERSALE

Inizialmente il fedecommissario era considerato in luogo di compratore: l’erede gli faceva una finta

vendita delle cose corporali dell’eredità e per i debiti e i crediti erano concluse delle stipulazioni a

contenuto determinato con cui l’erede si faceva promettere dal fedecommissario di essere

indennizzato di tutto quello che avrebbe pagato per l’eredità e il fedecommissario si faceva

promettere dall’erede che gli avrebbe restituito tutti i crediti esatti.

I SENATOCONSULTI TREBELLIANO E PEGASIANO

Sotto Claudio fu emanato il senatoconsulto Trebelliano il quale disponeva che il fedecommissario

fosse da ritenersi in luogo di erede accordando direttamente a lui e contro di lui in via utile quelle

azioni che sarebbero spettate all’erede e contro l’erede. Per evitare il rifiuto in massa delle eredità

fedecommissarie da parte degli eredi, sotto Vespasiano fu emanato il senatoconsulto Pegasiano

che dispose una quota di riserva a favore dell’erede, ¼ , e se l’erede non adiva spontaneamente,

poteva esservi costretto e perdeva la quarta. Giustiniano abrogò il Pegasiano conservandone la

quarta a favore dell’erede e la possibilità di costringerlo.

SOGGETTI GRAVATI E REQUISITI DI FORMA

Il fedecommesso universale gravava sull’erede testamentario o sull’erede ab intestato ma poteva

accadere che fosse lo stesso fedecommissario ad essere pregato di lasciare l’eredità ad altri. Il

fedecommesso doveva risultare da scrittura (testamento, codicilli) o essere attestato da 5

testimoni. Al fine di esaltare la volontà del testatore si giunse a rendere cogente il fedecommesso

affidato con le sole parole all’onerato : se recalcitrante gli veniva deferito il giuramento.

IL FEDECOMMESSO PARTICOLARE

L’ereditando poteva chiedere per fedecommesso che fossero lasciate a taluno singole cose. I

fiduciari potevano essere l’erede testamentario, il fedecommesso universale e l’erede legittimo, ma

anche il legatario. Oggetto di un lascito per fedecommesso poteva essere una cosa determinata

che poteva appartenere all’ereditando al fiduciario o ad un terzo.


PAGINE

2

PESO

40.20 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza
SSD:
A.A.: 2008-2009

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Novadelia di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Istituzioni di diritto romano e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Brutti Massimo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Istituzioni di diritto romano

Riassunto esame Istituzioni di Diritto Romano, docente Brutti, libro consigliato "Il Diritto Privato nell'antica Roma", Massimo Brutti
Appunto
Storia di diritto romano - Appunti
Appunto
Lezioni, Istituzioni di diritto romano
Appunto
Diritto romano - Appunti
Appunto