Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

4. PRINCIPIO   DI   RESPONSABILITA’   PENALE   PERSONALE   divieto   di   resp.   Penale   per   fatti  

  

altrui.  Un  fatto  per  essere  fonte  di  responsabilità  penale  deve  essere  attribuibile  al  soggetto  che  

l’ha  posto  in  essere  anche  psicologicamente,  cioè  deve  esserci  un  rimprovero.  La  responsabilità  

oggettiva  è  bandita,  ma  esiste  (es.  reato  di  rissa).  Non  è  ammessa  la  responsabilità  di  persone  

non  fisiche.  

5. PRINCIPIO  DI  UMANITA’  DELLE  PENE    è  bandito  il  ricorso  a  pene  disumane  che  infliggono  

sofferenze  al  condannato.    

 

  IL  REATO  

 

Il  reato  è  un  comportamento  che  viola  una  disposizione  di  legge.  L’elenco  dei  reati  cambia  in  base  alla  

sensibilità   del   legislatore.   L’illecito   penale   ha   la   sanzione   più   pesante   del   nostro   ordinamento   le  

sanzioni  incidono  sulla  libertà  personale  (il  bene  che  ci  è  più  caro).    

Le  sanzioni  penali  sono  trattate  all’ART.17  del  CP.  i  reati  si  distinguono  in:  

  Delitti    puniti  con:    

1. Ergastolo  (sostituisce  la  pena  di  morte)  

2. Reclusione  (da  15  giorni  a  24  anni)  

3. Multa   (incide   per   meccanismo   di   conversione:   se   non   viene   pagata   dopo   i   solleciti   è   convertita  

in  prescrizioni,  limitazioni  della  libertà  personale  controllata.    

 

Contravvenzioni    punite  con:    

• Arresto  (da  5  giorni  a  3  anni)  

• Ammenda    (pena  pecuniaria  che  se  non  viene  pagata  si  converte  in  arresto.  

 

L’arrestato   e   il   recluso   stanno   in   carcere.   I   delitti   sono   i   reati   più   gravi   e   le   contravvenzioni  

solitamente  quelli  meno  gravi.    

 

 

  E’  REATO  UN  FATTO  UMANO  CHE  LEDE  O  METTE  IN  PERICOLO  INTERESSI  DI  PRIMARIA  

IMPORTANZA,  O  NEI  QUALI  NON  E’  POSSIBILE  TENTARE  DIVERSI  STRUMENTI  DI  

DISSUASIONE  DELL’ILLECITO.    

 

 Ai   fini   dell’esistenza   del   reato   è   necessario   che   la   condotta   leda   o   metta   in   pericolo   l’interesse  

protetto.    

Un  comportamento  è  reato  se:  

È  antigiuridico    elemento  oggettivo  

• È  rimproverabile    elemento  soggettivo  

• È  tipico:  descritto  in  una  norma    elemento  oggettivo  

 

 

   

 

Elementi  costitutivi  del  reato    

  FASI  DEL  REATO:  

Ideazione  (non  punibile).  

Preparazione  

Esecuzione  

Consumazione  

  3  

 

  GLI  ELEMENTI  COSTITUTIVI  DEL  REATO  

  ELEMENTI   OGGETTIVI   DEL   REATO:   consentono   di   identificare   il   reato   nella   sua   specificità.  

 Sul  piano  oggettivo,  è  necessario  che  il  fatto  tipico  non  sia  realizzato  in  presenza  di  situazioni  

che  rendano  lecita  la  sua  commissione  (cause  di  giustificazione).    

  1. ELEMENTI  POSITIVI:  

Ci   devono   essere   perché   sussista   il   reato.   Hanno   a   che   fare   con   la   tipicità   del   reato,   ovvero,   con   la  

conformità  del  fatto  rispetto  alla  norma  penale.  

 

 

CONDOTTA:   è   un   comportamento   umano   che   può   concretarsi   in   un’azione   o   omissione.   Non  

• esistono   reati   senza   condotta   (principio   di   materialità)   Non   si   può   essere   puniti   per   i  

  

pensieri   (Es.   pedofilia).   La   progettazione   di   un   reato   non   è   punibile   se   non   nel   caso   di  

associazione   a   delinquere   (3   o   più   persone   associate   per   compiere   un   reato);   non   è   punibile  

l’istigazione   a   commettere   un   reato,   se   chi   viene   istigato   commette   reato   è   colpevole   anche  

l’istigatore.   Dalla   condotta   deve   essere   scaturito   un   evento   naturalistico.   Il   risultato   del  

comportamento  deve  essere  legato  alla  condotta  tenuta,  da  un  rapporto  di  causaeffetto.  

A   seconda   della   condotta   possono   esserci   reati:   attivi,   omissivi,   a   forma   mista,   libera   (condotta  

non  descritta  dal  legislatore)  o  vincolata  (il  legislatore  descrive  dettagliatamente  la  condotta).  

 

NESSO   CAUSALE:   fra   condotta   tenuta   e   risultato   dell’evento   naturalistico   =   rapporto   di  

• causalità.  Per  verificare  la  presenza  del  nesso  causale  bisogna  eliminare  la  condotta  e  verificare  

se   l’evento   si   sarebbe   verificato   comunque.   Quando   la   condotta   è   omissiva,   l’accertamento  

della  causalità  viene  calcolato  individuando  il  comportamento  che  è  avvenuto;  si  decide  quale  

comportamento  si  sarebbe  dovuto  tenere  e  come  sarebbe  andata  la  vicenda.    

 

EVENTO:   alcuni   reati   esigono   che   dalla   condotta   scaturisca   un   determinato   risultato   materiale.  

• L’evento   è   naturalistico   quando   è   previsto   come   elemento   costitutivo   di   un   reato   e   diventa  

essenziale   alla   sua   realizzazione   (es.   omicidio,   lesioni,   truffa..).   l’evento   di   tipo   giuridico   è  

invece  l’evento  come  lesione  del  bene  protetto  dalla  norma  (es.  ingiuria).    

    2. ELEMENTI  NEGATIVI:  

Non   ci   devono   essere   perché   sussista   il   reato   (Es.   legittima   difesa).   Le   scriminanti,   o   cause   di  

giustificazione,  se  presenti,  fanno  venire  meno  il  reato.    

 

LE   SCRIMINANTI   O   CAUSE   DI   GIUSTIFICAZIONE    Situazioni  che  se  presenti  fanno  venir  meno  il  

reato.  Le  cause  di  giustificazione  possono  essere:  

Comuni:  non  previste  per  singoli  reati,  si  possono  applicare  a  tutti  i  tipi  di  reati  (es.  legittima  

• difesa).  

Speciali:  si  possono  applicare  a  reati  singoli  previsti  dal  codice  (es.  Ingiuria    il  soggetto  viene  

• scriminato  se  l’altro  lo  ha  provocato).    

1. IL   CONSENSO   DELL’AVENTE   DIRITTO   (ART.50   CP):   non   è   punibile   chi   lede   o   pone   in  

pericolo  il  diritto  della  persona  che  lo  autorizza  a  farlo,  avendone  il  diritto.  Non  è  valido  

per  tutti  i  diritti.  I  requisiti  del  consenso  sono:  che  deve  provenire  dal  titolare  del  diritto,  

deve   essere   libero,   non   viziato   da   violenze   e   minacce   e   deve   riguardare   un   diritto  

disponibile   (diritti   patrimoniali;   integrità   sessuale   di   un   soggetto   >14;   integrità   fisica   se  

per   donazione   organi   (art.5   Cost);   interessi   di   natura   pubblica   o   collettiva).     Il   consenso  

può  essere  implicito  o  orale.  

  4  

2.  ESERCIZIO  DI  UN  DIRITTO  O  ADEMPIMENTO  DI  UN  DOVERE  (ART.51):  non  è  punibile  

chi  commette  un  fatto  che  è  di  suo  diritto  perché  gli  è  stato  ordinato  o  sta  eseguendo  un  

dovere   (es.   diritto   di   cronaca:   il   giornalista   che   diffama   un   personaggio   citando  

espressioni   dichiarate   da   una   persona   non   è   punibile   perché   rientra   nel   diritto   di  

cronaca;  altro  esempio  è  il  dovere  di  educazione  dei  genitori  nei  confronti  della  prole).  Il  

dovere  può  provenire  da  norme  giuridiche  o  da  un  ordine  della  pubblica  autorità  (es.  un  

agente  che  sequestra  una  persona  da  arrestare).    

3. LEGITTIMA   DIFESA   (ART.   52):   non   è   punibile   chi   reagisce   ad   una   aggressione   per  

difendere   un   diritto   proprio   o   altrui   da   un   pericolo   attuale   di   un’offesa   ingiusta.   La  

reazione   contro   l’aggressore   deve   essere   l’ultima   alternativa   possibile   per   difendere   il  

diritto   protetto.  Un   altro   requisito   importante   è   che   la   difesa   deve   essere   proporzionata  

all’offesa:   ci   deve   essere   proporzione   tra   i   beni   che   l’aggressore   mette   in   pericolo   e   i  

diritti  dell’aggressore.    

4. STATO   DI   NECESSITA’   (ART.54):   non   è   punibile   chi   ha   commesso   un   fatto   per   esservi  

stato  costretto  dalla  necessità  di  salvare  sé  stesso  od  altri  dal  pericolo  di  un  danno  grave  

alla   persona,   pericolo   da   lui   non   volontariamente   causato,   né   altrimenti   evitabile,  

sempre  che  il  fatto  sia  proporzionato  al  pericolo  (es.  il  caso  degli  alpinisti:  uno  taglia  la  

fune   e   lascia   morire   l’altro   per   salvarsi).   Inoltre,   non   deve   esserci   un   particolare   dovere  

giuridico   di   esporsi   al   pericolo.   Lo   stato   di   necessità   è   una   scriminante   che   non   può  

valere  per  le  forze  dell’ordine  o  per  chi  ha  causato  il  pericolo  volontariamente.    

5. USO   LEGITTIMO   DI   ARMI   (ART.53):   per   i   pubblici   ufficiali   (P.U.)   che   utilizzano   armi   per  

respingere  la  violenza  o  per  vincere  una  resistenza  all’autorità.    

  Le  scriminanti  vengono  applicate  anche  se  sono  sconosciute  al  reo.  Operano  oggettivamente.  

 

 

ELEMENTI   SOGGETTIVI   DEL   REATO:   è   necessario   che   la   realizzazione   del   fatto   tipico   sia  

 avvenuta   da   un   soggetto   imputabile,   e   che   sia   rimproverabile   al   soggetto   che   lo   ha   posto   in  

essere    COLPEVOLEZZA  (elemento  psicologico  del  reato).  Per  essere  colpevoli  bisogna  essere  

imputabili  (NB    VEDI  IMPUTABILITA’).  La  colpevolezza  può  assumere  tre  forme:  

 

DOLO   (ART.42):   è   un   atteggiamento   mentale.   Il   delitto   è   doloso   quando   è   secondo   l’intenzione,  

quando  l’evento  dannoso  e  pericoloso  è  preveduto  e  voluto.  Il  dolo  si  compone  di  due  atteggiamenti:    

  1. La  rappresentazione  e  previsione:  il  soggetto  prevede  la  possibilità  di  causare  un  evento.  

(elemento  intellettivo)   +  

2. La  volizione:  la  volontà  di  causare  l’evento.  (

elemento  volitivo).  

 

 

Le  forme  di  dolo:  

Intenzionale:  il  soggetto  è  certo  che  l’evento  si  verificherà.  La  previsione  è  al  massimo  grado,  

 così  come  la  volizione.  

Diretto:   la   previsione   c’è,   ma   non   vi   è   lo   scopo   diretto   di   provocare   un   determinato   evento  

 (l’elemento  volitivo  è  lievemente  attenuato).    

Eventuale:  il  soggetto  non  aveva  previsto  in  termini  di  certezza  l’evento,  ma  solo  la  possibilità.  

 La  previsione  è  meno  intensa,  la  volizione  c’è  in  termini  di  accettazione  e  non  di  desiderio.  È  

una  forma  molto  simile  alla  colpa  cosciente,  in  quanto  l’evento  non  è  mai  stato  desiderato,  ma  

soltanto   accettato.   La   differenza   è   che   nella   colpa,   il   soggetto   non   si   rende   conto   della  

possibilità  (non  ci  pensa).  

Di   impeto:   il   soggetto   esegue   immediatamente   la   condotta,   di   solito   vi   è   un   sentimento   di  

 rabbia  o  gelosia.      

  5  

Di   premeditazione:   trascorre   del   tempo   prima   di   commettere   il   reato.   Il   soggetto   studia   un  

 piano   per   commettere   il   reato   (è   la   forma   di   dolo   più   grave).   La   premeditazione   è  

un’aggravante  della  pena,  se  si  agisce  di  impeto  ci  può  essere  uno  sconto  di  pena.    

Di   proposito:   trascorre   del   tempo   prima   che   il   soggetto   commetta   l’azione,   ma   non   ha  

 provveduto  alla  pianificazione.      

Dolo  generico:  il  legislatore  non  chiede  che  il  soggetto  agisca  per  un  fine  specifico.  

 Dolo  specifico:  il  legislatore  richiede  uno  scopo  particolare  (es.  corruzione  di  minorenni).    

 

COLPA   (ART.43):     si  differenzia  dal  dolo  perché  in  essa  non  vi  è  mai  la  volizione.  Il  delitto  è  colposo  

quando   è   contro   l’intenzione,   quando   l’evento   non   è   voluto   ma   si   realizza   comunque   a   causa   di  

negligenza,   imprudenza   o   imperizia   (violazione   di   regole   cautelari   generiche),   ovvero   per  

inosservanza  di  leggi,  regolamenti  o  discipline.  Si  può  classificare  la  colpa  in:  

Generica:  violazione  di  regole  cautelari  generiche.  

 Specifica:  violazione  di  regole  cautelari  specifiche.  

 Cosciente:  con  previsione.  L’evento  viene  previsto  come  possibile  ma  non  è  voluto,  il  soggetto  

 respinge   l’idea   che   l’evento   si   verifichi   (molto   simile   al   dolo   eventuale).   Si   distingue   dal   dolo  

poiché  il  soggetto  è  sicuro  che  l’evento  non  si  verificherà.    

Incosciente:  senza  previsione,  non  si  prevede  il  verificarsi  dell’evento.  (Es.  buttare  la  sigaretta  

 dal  balcone  e  dar  fuoco  a  un  passante).    

 

PRETERINTENZIONE  (ART.43):  oltre  l’intenzione.  Si  verifica  quando  si  va  oltre  l’intenzione,  quando  

dall’azione   o   dall’omissione   deriva   un   evento   dannoso   o   pericoloso   più   grave   di   quello   voluto  

dall’agente.   Es.   chi   con   l’intenzione   di   percosse   cagiona   la   morte   di   un   soggetto;   oppure,   quando   un  

soggetto  cagiona  l’interruzione  di  gravidanza,  con  azioni  dirette  a  provocare  lesioni  alla  donna.    

La  preterintenzione  è  più  grave  della  colpa  ma  meno  grave  del  dolo.    

 

RESPONSABILITA’   OGGETTIVA   (ART.42):  si  ha  quando  l’vento  è  posto  a  carico  del  soggetto  agente  

sulla   base   del   solo   rapporto   di   causalità,   indipendentemente   dalla   presenza   di   dolo   o   colpa.   Il   C.P.  

prevede   diversi   casi   di   resp.   Oggettiva,   come   ad   esempio,   il   concorso   di   persone     chi   prende   parte   a  

una  rissa  in  cui  un  soggetto  viene  per  esempio  ucciso,  risponde  del  reato  anche  se  non  è  stato  l’agente  

a  provocare  direttamente  la  morte.       elementi  positivi:  

-­‐  evento  

-­‐  condotta  

-­‐  nesso  causale  

elementi  oggettivi     elementi  negativi  

-­‐  scriminanti  o  cause  di  

gjustilicazione      

elementi  costitutivi  del  

reato   colpevolezza:  

-­‐  dolo  (forme  di  dolo)  

elementi  soggettivi     -­‐  colpa  (forme  di  colpa)  

-­‐preterintenzione    

 

 

  6  

LE  CIRCOSTANZE  DI  REATO  

 

Le   circostanze   di   reato   sono   elementi   accidentali   che   possono   verificarsi   o   meno;   se   ci   sono   il   reato  

diventa   reato   circostanziato.   Le   circostanze   permettono   al   giudice   di   andare   al   di   sotto   o   al   di  

  

sopra  del  massimo  della  pena  (fascia  edittale).  Le  circostanze  si  suddividono  in:  

Aggravanti  (ART.59):  aumentano  la  gravità  e  quindi  e  quindi  aumentano  la  pena.  Si  imputano  

• solo  se  conosciute  dal  reo  o  ignorate  per  colpa.  (es.  l’aver  agito  per  motivi  futili,  aver  commesso  

un  reato  per  occultarne  un  altro,  aver  commesso  un  reato  a  danno  di  minore  o  incapace  di  int.  

E  volere,  etc..)  

Attenuanti:   diminuiscono   la   gravità   e   quindi   diminuiscono   la   pena.   Si   imputano   in   ogni   caso,  

• anche   se   sconosciute   al   reo.     (es.   l’aver   agito   per   particolari   motivi   etici,   l’aver   tentato   di  

riparare  al  danno  provocato,  l’aver  agito  di  impulso,  etc..).  

Comuni:  sono  previste  dal  CP  nella  parte  generale,  sono  le  più  numerose.    

• Speciali:  previste  dal  CP  nella  parte  speciale  

• Ad  effetto  comune:  aumentano  o  diminuiscono  la  pena  fino  ad  1/3  

• Ad  effetto  speciale:  aumentano  la  pena  oltre  1/3    

• Definite:  fanno  riferimento  a  situazioni  ben  determinate  e  definite  in  modo  tassativo.  

• Indefinite:  fanno  riferimento  a  situazioni  più  generiche.  

• Obbligatorie  

• Facoltative  

• Oggettive:  analizzano  la  gravità  dell’offesa  e  la  qualità  delle  condizioni  dell’offeso.  

• Soggettive:  analizzano  la  qualità  e  le  condizioni  del  colpevole  e  i  rapporti  tra  colpevole  e  offeso.    

 

In  caso  di  singola  circostanza  il  giudice,  stabilita  la  pena  base,  applica  la  circostanza  secondo  quanto  

stabilito  dalla  legge.    

In  caso  di  concorso  di  circostanze,  vi  sono  due  possibilità:  

1. Concorso  di  circ.  omogeneo  (ART.63):   il   giudice,   stabilita   la   pena   base,   applica   tanti   aumenti  

o  tante  riduzioni  quante  sono  le  circostanze.  È  un  concorso  che  si  verifica  quando  vi  sono  solo  

attenuanti  o  solo  aggravanti.    

2. Concorso   di   circ.   eterogeneo   (ART.69):   se   vi   sono   sia   aggravanti   che   attenuanti,   il   giudice  

deve  pesarle,  creando  un  giudizio  di  bilanciamento.  Se  vi  è  prevalenza  di  attenuanti,  il  giudice  

applica  solo  le  riduzioni;  se  vi  è  prevalenza  di  aggravanti,  si  applicano  solo  gli  aumenti;  se  vi  è  

equivalenza,  non  si  applicano  ne  le  attenuanti,  ne  le  aggravanti.    

  IL  REATO  TENTATO  (ART.56)  

 

Si  ha  quando  il  soggetto  agente  non  riesce  a  portare  a  termine  l’iter  criminoso  o  non  riesce  a  realizzare  

completamente   la   sua   condotta,   oppure   compie   la   condotta   ma   non   riesce   a   cagionare   l’evento  

naturalistico.   Nel   reato   tentato   il   soggetto   vuole   commettere   il   reato,   ma   qualcosa   va   storto.   La  

punibilità   sorge   solo   con   l’inizio   dell’esecuzione   del   reato   (vedi   fasi   del   reato),   l’ideazione   non   è  

punibile.  Il  tentativo  viene  punito  in  modo  meno  grave  rispetto  al  delitto  completo  (-­‐1/3  o  2/3  della  

pena);  nel  caso  di  ergastolo,  la  pena  minima  per  il  tentativo  è  12  anni.  Il  delitto  tentato  è  comunque  

punito  per  due  ordini  di  ragioni:    

Oggettiva:  La  messa  in  pericolo  del  bene  protetto.  

• Soggettiva:  la  pericolosità  sociale  del  soggetto.    

 

(ART.56)   “risponde   di   delitto   tentato   chi   compie   atti   idonei   e   diretti   in   modo   non   equivoco   a  

  

commettere  reato”!    requisiti  oggettivi  per  l’esistenza  del  tentativo  di  reato:    

L’idoneità:   l’atto   deve   presentare   un   grado   apprezzabile   di   possibilità   di   andare   a   segno  

o determinando  la  lesione  dell’interesse  protetto.  

Non   equivocità   degli   atti:   l’atto   deve   essere   di   per   sé   in   grado   di   determinare   l’intenzione  

o dell’agente.    

 

  7  

 

in  base  alla  condotta  si  può  avere:  

Tentativo  incompiuto:  il  soggetto  non  riesce  a  realizzare  completamente  la  sua  condotta  (vi  è  

• solo  la  preparazione).  

Tentativo   compiuto:   la   condotta   viene   messa   in   atto   ma   non   si   raggiunge   l’obiettivo   (non   si  

• verifica  l’evento).  In  questo  caso  vi  è  l’esecuzione  ma  non  la  consumazione.    

 

Il  reato  tentato  punisce  solo  i  delitti  (dolo),  non  si  possono  tentare  le  contravvenzioni.  -­‐.-­‐‘      

Il  reato  può  non  essersi  consumato  per  diverse  ragioni,  tra  cui:  

L’intervento  di  un  soggetto  terzo.  

o Il  soggetto  si  è  fermato  volontariamente  senza  portare  a  termine  la  sua  condotta  (es.  punto  la  

o pistola   ma   non   sparo)     (ART.56)   Desistenza   volontaria   (si   verifica   nel   tentativo   incompiuto).  

In  questo  caso  si  risponde  solo  degli  atti  messi  in  atto  fino  al  momento  della  desistenza.    

Il  soggetto  si  pente  della  condotta  e  cerca  di  rimediare;  condotta+controcondotta.  (es.  sparo  a  

o un   uomo,   lo   ferisco   ma   poi   chiamo   l’ambulanza).   (ART.56)   Recesso   attivo   (   si   verifica   nel  

  

tentativo   compiuto).   In   questo   caso   si   risponde   del   tentativo   ma   con   un   ulteriore   sconto   di  

pena.    

  IL  CONCORSO  DI  PERSONE  NEL  REATO  

 

(ART.110):   “Quando   le   persone   concorrono   nel   medesimo   reato   ciascuna   soggiace   alla   pena   per   quel  

reato”.   fattispecie   mono-­‐soggettiva   (ci   si   comporta   come   se   avesse   agito   un’unica   persona).   Il  

  

concorso   si   distingue   dall’associazione,   poiché   sussiste   solo   un   semplice   accordo   tra   le   persone  

coinvolte,  non  vi  è  un  progetto  prestabilito  allo  scopo  di  commettere  reati.    

I  requisiti  del  concorso  di  persone:  

Pluralità  di  soggetti:  il  minimo  di  persone  è  2.  

• Realizzazione   di   un   fatto   tipico   (requisito   oggettivo):   ciascun   concorrente   deve   aver   fornito   un  

• contributo  obiettivamente  rilevante  (deve  esserci  la  condotta  di  tutti).  

Elemento   soggettivo:   in   ogni   concorrente   vi   sono   la   coscienza   e   la   volontà   di   commettere   il  

• fatto  criminoso  e  la  volontà  di  concorrere  con  altri  alla  realizzazione  di  un  fato  comune.    

 

Circostanze:  

Aggravanti:  quando  il  numero  di  compartecipi  è  pari  a  5,  se  si  è  promotori,  organizzatori,  e  per  

• chi  ha  una  posizione  di  autorità,  per  chi  ha  indotto  al  reato  un  minore  o  un  soggetto  affetto  da  

infermità  psichica.    

Attenuanti:  per  chi  ha  dato  un  contributo  minimo,  per  chi  è  stato  indotto  a  commettere  reato.    

 

  L’ASSOCIAZIONE  DI  PERSONE  

 

(ART.416):   “Quando  tre  o  più  persone  partecipano  per  commettere  dei  delitti  sono  puniti”.    

L’associazione  di  tre  o  più  persone  allo  scopo  di  commettere  delitti  (es.  associazioni  mafiose),  è  punita  

per  il  solo  fatto  di  essersi  associati,  con  una  pena  da  3  a  7  anni  (per  chi  l’ha  costituita).  Per  il  fatto  di  

partecipare,  la  pena  è  da  1  a  5  anni.    

I  requisiti  dell’associazione:    

Almeno  3  partecipanti,  

• Deve  sussistere  un  vincolo  fra  i  partecipanti,  

• C’è  un  progetto  con  una  precisa  distinzione  di  ruoli,  

• Lo  scopo  è  quello  di  commettere  reati,  

• Si  è  puniti  anche  per  il  solo  fatto  di  essersi  associati  (1-­‐5  anni).  

 

 

 

  8  

REATO  DIVERSO  DA  QUELLO  VOLUTO  DAI  CONCORRENTI  (ART.116):  se  più  persone  si  accordano  

per   commettere   un   reato   ma   questo   è   diverso   da   quello   che   si   voleva,   chi   lo   commette  è   comunque  

responsabile   e   se   questo,   si   ricollega   al   reato   che   si   voleva   commettere,   sono   punibili   anche   le   altre  

persone  che  volevano  commettere  il  reato  accordato  precedentemente.  

 

MUTAMENTO   DEL   TITOLO   DEL   REATO   (ART.117):   se   per   le   condizioni   o   le   qualità   personali   del  

colpevole,  muta  il  titolo  di  reato,  anche  coloro  che  vi  sono  concorsi,  rispondono  dello  stesso  reato.  (es.  

se  uno  dei  soggetti  del  concorso  è  un  pubblico  ufficiale,  il  titolo  del  reato  cambia  e  la  pena  aumenta  

per  il  soggetto  portatore  del  ruolo,  ma  anche  per  gli  altri    (es.  appropriazione  indebita  =  peculato).  

  CONCORSO  DI  REATO  

 

Quando  una  persona  commette  più  reati,  si  può  avere:  

Concorso  omogeneo:  vengono  commessi  reati  dello  stesso  genere.  

• Concorso  eterogeneo:  vengono  commessi  reati  diversi.  

• Concorso  formale:  vengono  commessi  reati  diversi  con  una  sola  azione/omissione  (es.  viaggio  

• ad  alta  velocità  e  investo  più  pedoni).  In  caso  di  concorso  formale  di  reati  vi  è  un  aumento  di  

pena.  Si  aumenta  la  pena  del  reato  più  grave  commesso  fino  a  tre  volte  (cumulo  giuridico).    

  L’IMPUTABILITA’  

 

E’  requisito  della  colpevolezza  (elemento  soggettivo  del  reato).  (ART.85):  “Nessuno  può  essere  punito  

per  un  fatto  previsto  dalla  legge  come  reato,  se  nel  momento  in  cui  lo  ha  commesso  non  era  imputabile.”    

È  imputabile  il  soggetto  capace  di:  

Intendere:  capacità  di  rendersi  conto  della  realtà  esterna  e  del  significato  delle  proprie  azioni.  

• Volere:   capacità   di   autodeterminare   i   propri   comportamenti,   in   conformità   delle  

• rappresentazioni  compiute.  

  CAUSE  CHE  ESCLUDONO  LA  CAPACITA’  DI  INTENDERE  E  VOLERE,  E  QUINDI  L’IMPUTABILITA’  

 

Infermità  di  mente:  

Non  è  imputabile  chi  nel  momento  in  cui  ha  commesso  il  fatto,  era  per  infermità  in  tale  stato  di  

• mente   da   escludere   la   capacità   di   intendere   e   volere   =   vizio   di   mente   totale   (ART.88).   I  

soggetti  con  tale  infermità  vengono  assolti  o  hanno  diritto  a  una  pena  ridotta,  se  parzialmente  

incapaci  (vizio  parziale)  

Chi   nel   momento   in   cui   ha   commesso   il   fatto   era   per   infermità,   in   tale   stato   di   mente   da  

• scemare   grandemente,   senza   escluderla,   la   capacità   di   intendere   e   volere,   risponde   del   reato  

commesso  ma  con  una  pena  diminuita  =   vizio  parziale  di  mente   (ART.89).    

   

L’ubriachezza  e  l’intossicazione:  (ART.91  e  ss.)   Esclude  l’imputabilità  

Ubriachezza  fortuita  o  per  forza  maggiore  

• Il  soggetto  è  imputabile  

Ubriachezza  volontaria  colposa  

• Il  soggetto  è  imputabile  (pena  +)  

Ubriachezza  preordinata  

• Il  soggetto  è  imputabile  (pena  +)  

Ubriachezza  abituale  

• Esclude  l’imputabilità  o  la  diminuisce  

Intossicazione  cronica  

 

Il  sordomutismo   (ART.96):  

Non  è  imputabile  il  sordomuto  che,  nel  momento  i  cui  ha  commesso  il  fatto,  non  aveva,  per  causa  della  

sua  infermità,  la  capacità  di  intendere  e  volere.    

 

 

 

  9  

 

Minore  età   ((ART.97-­‐98):  

Due  fasce  di  minori:  

Fino  a  14  anni:  si  è  presunti  incapaci  di  intendere  e  volere  (presunzione  di  non  colpevolezza);  il  

• soggetto  viene  assolto.  

14-­‐18   anni:   il   Tribunale   dei   minorenni   valuta   caso   per   caso.   preferibilmente   si   adottano  

• sanzioni   ridotte   e   si   valuta   la   maturità   del   soggetto   e   il   tipo   di   reato   commesso.   Se   si   viene  

giudicati  imputabili  la  pena  è  comunque  ridotta  di  1/3  e  si  propone  una  soluzione  rieducativa  

  (comunità  per  i  minorenni).  

 

Il   sistema   penale   italiano   prevede   due   tipi   di   sanzioni:   le   pene   e   le   misure   di   sicurezza.   Le   pene  

devono   tendere   alla   rieducazione   del   condannato   e   la   selezione   delle   sanzioni   avviene   attraverso  

l’individuazione   delle   caratteristiche   personali   dell’autore   del   reato.   L’imputabilità   è   la   condizione  

personale  per  l’applicazione  delle  pene;  la  pericolosità  sociale  è  la  condizione  per  l’applicazione  delle  

misure   di   sicurezza.   Il   sistema   a   doppio   binario   italiano   permette   l’accostamento   della   misura   di  

sicurezza   alla   pena   per   i   soggetti   semi   imputabili   pericolosi   o   imputabili   pericolosi.   Essi   sono   prima  

soggetti   ad   una   condanna   di   pena   in   quanto   parzialmente   o   totalmente   capaci   di   intendere   e   volere,   e  

successivamente   sono   sottoposti   a   una   misura   cautelare   in   quanto   socialmente   pericolosi  

(pena+misura  di  sicurezza).    

Le   misure   di   sicurezza   vengono   utilizzate   soprattutto   per   i   soggetti   affetti   da   turbe   psichiche   (es.  

ospedale   psichiatrico   giudiziario).   Altre   misure   sono:   le   colonie   agricole   e   le   case   di   lavoro,   le   quali  

cercano   di   trovare   un’occupazione   agli   internati.   Per   i   minorenni   c’era   il   riformatorio   giudiziario,  

sostituito  ora  con  le  comunità  per  i  minorenni  che  hanno  commesso  reati.    

Tra  le  misure  di  sicurezza  ve  ne  sono  anche  di  non  detentive:  

libertà   vigilata   (-­‐/-­‐   da   arresti   domiciliari):   il   soggetto   è   libero   di   andare   dove   preferisce   ma  

• viene  controllato  dalle  forze  dell’ordine.  

Espulsione  dello  straniero  dal  territorio  

• Divieto  di  frequentare  le  osterie  (1930)    divieto  di  frequentare  alcuni  locali/luoghi  specifici.  

 

Per   essere   sottoposti   alla   misura   di   sicurezza   deve   sussistere   pericolosità   sociale.   La   durata   della  

misura  è  indeterminata,  dura  finché  il  soggetto  viene  ritenuto  socialmente  pericoloso.    

 

  REATI  IN  MATERIA  SESSUALE  E  AFFINI  

(leggi  esterne  al  CP,  inserite  successivamente  nei  “delitti  contro  la  persona”    ART.609  e  ss.)    

 

NORME  CONTRO  LA  VIOLENZA  SESSUALE  (L.n.66/96)  

VIOLENZA  SESSUALE  (ART.3)  

 

(ART.3):  “Chiunque,  con  violenza,  minaccia  o  autorità  costringe  taluno  a  compiere  o  subire  atti  sessuali  è  

punito  con  la  reclusione  da  5  a  10  anni”.    

La  pena  base:  5-­‐10  anni.  

La  violenza  sessuale  è  un  reato  a  forma  vincolata  e  riguarda  persone  costrette  a  compiere  atti  sessuali  

contro   la   propria   volontà.   Oggi   si   fanno   rientrare   in   “atti   sessuali”,   tutto   ciò   che   interessa   le   zone  

erogene  primarie  o  secondarie.    

 

“Alla   stessa   pena   soggiace   chiunque,   induce,   ovvero   convince,   la   vittima   a   subire   o   compiere   atti   sessuali  

attraverso  una  condotta  punibile  dal  diritto”.  Questo  comma  (2)  ha  rilevanza  penale  in  due  casi:  

Abusando  delle  condizioni  di  inferiorità  fisica  o  psichica  della  vittima.  

• Traendo  in  inganno  la  vittima,  sostituendosi  alla  persona  con  cui  il  soggetto  voleva  compiere  

• l’atto  sessuale  (es.  gemelli).    

 

  10  

Il   comportamento   deve   essere   tale   da   compromettere   la   libertà   di   autodeterminazione   del   soggetto  

passivo   nella   sfera   sessuale.   Il   soggetto   attivo   può   essere   chiunque   (quando   possiede   determinate  

qualità  la  pena  è  aumentata  es.  il  tutore).  Questo  articolo  punisce  due  forme  di  condotte:  

  LA  COSTRIZIONE  (comma  1)   E  L’INDUZIONE  (comma  2).  

  

Le  circostanze  di  reato  nella  violenza  sessuale:  

Attenuanti:  casi  di  minore  gravità  prevedono  una  diminuzione  di  pena  fino  a  2/3.    

Aggravanti:    

L’età  della  vittima:    

 <10  anni:  pena  +  (7-­‐14  anni)  

o <14  anni:  pena  +  (6-­‐12  anni).  

o <16  anni:  Se  il  soggetto  attivo  è:  genitore,  tutore  o  figure  educative.    Pena  +  (6-­‐12  anni).  

o

  Le  condizioni  fisiche  e  psichiche  della  vittima:  

 Abuso  di  sostanze  o  uso  di  armi:  pena  +  

o Da  persona  travisata  o  che  simuli  la  qualità  di  P.U.  o  impiegato  di  Pubb.  Servizio.  

o Su  persona  sottoposta  a  limitazioni  della  libertà  personale  (es.  in  ospedale).    

o

Procedibilità:    

Procedibile  a  querela  della  persona  offesa  entro  6  mesi  dalla  commissione  del  reato  (querela  

• non  ritirabile).  

Procedibile  d’ufficio  per  i  casi  in  cui  sono  coinvolti  minori,  soggetti  incapaci,  se  il  reato  è  messo  

• in  atto  da  P.U.  o  se  il  reato  è  connesso  ad  altro  reato  procedibile  d’ufficio.    

  VIOLENZA  SESSUALE  DI  GRUPPO  (ART.9)  

 

“Consiste  nella  partecipazione,  da  parte  di  più  persone  riunite,  ad  atti  di  violenza  sessuale”.    

La  pena  base:  Chiunque  commette  atti  di  violenza  sessuale  di  gruppo  è  punito  con  la  reclusione  da  6  

a12  anni.  

Aggravanti:  =  violenza  sessuale.  

Attenuanti:  =  per  chi  ha  avuto  un  ruolo  marginale.    

Procedibilità:  d’ufficio.    

  ATTI  SESSUALI  CON  MINORENNE  (ART.  5)  

 

La  pena  base:  da  5  a  10  anni  chiunque  abbia  avuto  rapporti  sessuali  (consenzienti)  con:  

 Minori  di  anni  10:  pena  da  7  a  14  anni.    

• Minori  di  anni  14:  il  consenso  del  minore  in  questo  caso  non  conta.  

• Minori   di   anni   16:   quando   il   colpevole   sia   l’ascendente,   il   genitore,   il   tutore,   una   figura  

• educativa.      

Non   sono   puniti   due   soggetti   minori   di   anni   14   che   compiono   atti   sessuali   (non   sono   imputabili  

entrambi).   Non   è   punibile   nemmeno   il   minore   >14   che   ha   rapporti   con   una   minore   di   <14,   se   la  

differenza   di   età   tra   i   due   non   supera   i   3   anni   (es:   lei   13   lui   15:   non   imputabile;   lei   13,   lui   18:   lui   è  

imputabile).    

Procedibilità:   a   querela   a   meno   che   sia   commesso   dal   genitore,   dal   convivente   del   genitore,   dal  

tutore,  educatore,  etc..  o  se  il  reato  è  connesso  ad  altro  reato  procedibile  d’ufficio.    

  CORRUZIONE  DI  MINORENNE  (ART.  6)  

   

“Chiunque  compia  atti  sessuali  in  presenza  di  minori  di  14  anni  al  fine  di  farli  assistere  è  punito  con  la  

reclusione  da  6  mesi  a  3  anni”.     è   una   forma   di   dolo   specifico   (deve   esserci   quel   fine,   altrimenti   non   è  

reato  di  corruzione  di  minorenne).    

Procedibilità:  d’ufficio.  non  vi  sono  ne  attenuanti,  ne  aggravanti.    

  11  

LA  PROSTITUZIONE  

Disciplinata  dalla  

LEGGE  MERLIN  L.n.75/58    

 

Questa   legge   sancisce   a   chiusura   delle   case   di   prostituzione,   vietandone   l’esercizio   nel   territorio   dello  

Stato.    

La  pena:  E’  punito  dalla  reclusione  da  2  a  6  anni  +  multa,  chiunque:  

Abbia   la   proprietà   o   l’esercizio   di   una   casa   di   prostituzione,   chiunque   la   controlli,   la   diriga   o  

• l’amministri,  ovvero  partecipi  alla  proprietà.    

Conceda  in  locazione  a  scopo  di  esercizio  di  una  casa  di  prostituzione.  

• Tollera  abitualmente  la  presenza   di   una   o   più   persone   che   all’interno   del   locale   si   danno   alla  

• prostituzione.  

Recluti  persone  al  fine  di  farle  esercitare  la  prostituzione,  o  ne  agevoli  a  tal  fine  la  prostituzione  

•   favoreggiamento.  

Induca   persone   a   recarsi   nel   territorio   anche   di   un   altro   stato   al   fine   di   esercitarvi   la  

• prostituzione.  

Chiunque  in  qualsiasi  modo  favorisca  o  sfrutti  la  prostituzione  altrui.    

La   legge   punisce   quindi   l’induzione   alla   prostituzione   (convincere   una   persona   a   prostituirsi)   e   il  

favoreggiamento   alla   prostituzione   (favorire   e   agevolare   l’attività).   Queste   regole   valgono   per   la  

prostituzione   di   persone   adulte.   I   soggetti   che   si   prostituiscono   abitualmente   non   commettono   quindi  

reato,   a   meno   che   svolgendo   la   loro   attività,   non   commettano   altri   reati   previsti   dal   CP   (es.   atti   osceni  

in   luogo   pubblico,   adescamento).   Il   cliente   della   prostituta   non   commette   reato,   a   meno   che   la  

prostituta  non  abbia  <18  anni  e  nei  casi  previsti  dalla  legge.    

 

Aggravanti:  la  pena  è  raddoppiata  (4-­‐12  anni)  se:  

Il  fatto  è  commesso  con  violenza,  minaccia  o  inganno.  

• Ai  danni  di  persona  minore  degli  anni  21,  di  persona  in  stato  di  infermità  di  mente,  

• Se  il  colpevole  è  un  ascendente,  un  affine,  il  marito,  il  fratello,  il  tutore,  etc..  

• Se  il  fatto  è  commesso  da  P.U.    

• Se  il  fatto  è  commesso  ai  danni  di  persone  aventi  rapporti  di  servizio  domestico  o  d’impiego.    

• Se  il  fatto  è  commesso  ai  danni  di  più  persone.    

• Se  il  fatto  è  commesso  ai  danni  di  una  persona  tossicodipendente.    

  NORME  CONTRO  LO  SFRUTAMENTO  DELLA  PROSTITUZIONE,  DELLA  PORNOGRAFIA,  DEL  

TURISMO  SESSUAE  IN  DANNO  DI  MINORI,  QUALI  NUOVE  FORME  DI  RIDUZIONE  IN  SCHIAVITU’.  

Disciplinate  dalla  

L.n.269/98.  

 

Gli   articoli   della   presente   legge   sono   stati   inseriti   nel   CP   agli   ART.600   (bis-­‐septies),   delitti   contro   la  

persone.      

  RIDUZIONE  IN  SCHIAVITU’  e  TRATTA  DI  MINORI  (ART.9)  

 

“Chiunque  esercita  su  di  una  persona  i  poteri  corrispondenti  a  quelli  del  diritto  di  proprietà,  ovvero  chi  

riduce  una  persona  in  condizioni  di  schiavitù  è  punito  con  la  reclusione  da  8  a  20  anni”.    

La  pena  base:  8-­‐20  anni.  In  caso  di  aggravanti  la  pena  aumenta  da  1/3  alla  metà  (in  casi  finalizzati  alla  

prostituzione  o  prelievo  di  organi  di  minori).    

“chiunque   commette   tratta   o   comunque   fa   commercio   di   minori   degli   anni   18   al   fine   di   indurli   alla  

prostituzione  è  punito  con  la  reclusione  da  6  a  20  anni”.  

Procedibilità:  d’ufficio.  

   

 

 

 

  12  

PROSTITUZIONE  MINORILE  (ART.2)  

 

“Chiunque   induce   alla   prostituzione   una   persona   di   età   inferiore   a   18,   ovvero   ne   favorisce   o   sfrutta   la  

prostituzione  è  punito  con  la  reclusione  da  6  a  12  anni  +  multa”.  

La  pena  base:  da  6  a  12  anni  +  multa.    

I   comportamenti   puniti   sono   principalmente:   l’induzione,   il   favoreggiamento   e   lo   sfruttamento     

sono  tre  comportamenti  che  caratterizzano  il  reato  di  prostituzione  anche  per  i  soggetti  maggiorenni.  

Per   chi   ha   rapporti   sessuali   con   minori   e   ne   trae   vantaggio   economico,   la   pena   è   distinta   a   seconda  

dell’età  del  minore:  

Minore  tra  14  e  16    reclusione  da  2  mesi  a  5  anni.    

• Minore  tra  i  16  e  i  18  anni    reclusione  da  6  mesi  a  3  anni  +  multa.  

• Minore  <14    il  soggetto  risponde  del  reato  di  violenza  sessuale  a  danno  di  minorenne.    

 

Aggravanti  :=  a  quelle  della  violenza  sessuale    

Attenuanti:   per   i   soggetti   che   usufruiscono   della   prostituzione   minorile   ma   che   hanno   meno   di   18  

anni.  La  pena  è  ridotta  da  1/3  a  2/3  e  la  sanzione  detentiva  è  alternativa  a  quella  pecuniaria.    

  PORNOGRAFIA  MINORILE  (ART.3)  

 

La  pedofilia  di  per  sé  non  è  un  fatto  che  assume  rilievo  giuridico,  è  una  tendenza,  un’inclinazione  e  il  

legislatore   non   la   punisce.   La   pedofilia   non   si   configura   quindi   come   reato   (solo   comportamento  

deviante).  Il  legislatore  può  punire  solo  i  fatti  e  le  azioni  tipiche  di  chi  ha  una  tendenza  alla  pedofilia.  

La  pornografia  minorile  disciplinata  dalla  presente  legge  è  stata  introdotta  all’art.600  del  CP.    

La   legge   sanziona   tutti   gli   attori   che   intervengono   nel   mercato   pedopornografico,   da   produttore   al  

consumatore.  È  pornografico  il  materiale  che  evoca  oggettivamente  la  sessualità  umana.  È  stato  anche  

introdotto   il   concetto   di   materiale   pornografico   virtuale   (immagini   virtuali   realizzate   utilizzando  

immagini   di   minori   o   parti   di   esse,   anche   se   il   minore   non   è   stato   fisicamente   coinvolto   in   un   atto  

sessuale).    

È  punito:  

Con   la   reclusione   da   6   a   12   anni   +   multa,   chi   induce   o   utilizza   minori   di   anni   18   nella  

 realizzazione  di  esibizioni  pornografiche  o  produce,  commercia  materiale  pornografico.  

Con  la  reclusione  da  1  a  5  anni  +  multa,  chi  divulga,  distribuisce  o  pubblicizza  materiale  pedo-­‐

 pornografico  o  informazioni  volte  allo  sfruttamento  sessuale  di  minorenni.    

Con  la  reclusione  fino  a  3  anni  +  multa,  chi  offre  o  cede  ad  altri  materiale  pedo-­‐pornografico.  

 Con  la  reclusione  fino  a  3  anni  +  multa,  chi  si  procura  o  detiene  materiale  pedo-­‐pornografico  (il  

 soggetto  deve  essere  consapevole  che  si  tratti  di  soggetti  minorenni).    

 

Aggravanti:   se   il   materiale   è   di   alta   qualità,   se   il   fatto   è   commesso   da   un   genitore   o   una   figura  

educativa,   se   il   minore   è   minacciato,   se   il   minore   è   molto   piccolo   (<14)   o   affetto   da   patologie  

psichiche,  se  il  fatto  è  commesso  da  P.U.    

Attenuanti:  se  il  soggetto  non  è  consapevole,  se  il  materiale  non  è  chiaro  ed  è  in  numero  limitato.  

Procedibilità:  d’ufficio.  

  TURISMO  SESSUALE  (ART.5)  

 

Si   punisce   l’attività   di   promozione   e   organizzazione   di   viaggi,   non   il   turista.   “Chiunque   organizza   o  

propaganda   viaggi   finalizzati   alla   fruizione   di   attività   di   prostituzione   a   danno   di   minori   o   comunque  

comprendenti  tali  attività,  è  punito  con  la  reclusione  da  6  a  12  anni  +  multa.”    

È  un  reato  specifico    è  necessario  che  il  viaggio  sia  finalizzato  alla  prostituzione  del  minore  (altro  es.  

corruzione   di   minorenne).   Sono   sanzionate   anche   le   condotte   che   riguardano   i   paesi   esteri.  

L’organizzatore   risponde   del   reato   anche   se   il   viaggio   non   si   fa   nel   concreto   e   anche   se   una   volta  

organizzato  nessuno  usufruisce  del  turismo  sessuale.    

Aggravanti:  se  il  fatto  è  commesso  ai  danni  di  un  minore  <14.    

  13  

  IL  REATO  DI  STALKING    

Reato  introdotto  con  

decreto  legge  (Dl)  n.11/2009    

Nel  CP  è  stato  inserito  all’ART.612  bis  con  il  nome  “delitto  di  atti  persecutori”.  

 

“E’   punito   chi,   con   condotte   reiterate   (reato   abituale)   minaccia   o   molesta   una   persona   in   modo   da  

cagionare  un  perdurante  stato  di  ansia,  paura  e  timore  per  la  propria  incolumità  o  per  quella  di  altra  

persona  vicina,  comportando  nel  tempo,  un  cambio  di  abitudini  di  vita  della  vittima”.    

 

Le  molestie  messe  in  atto  dal  soggetto  attivo  invadono  la  vittima  nella  sua  sfera  personale  e  ne  porta  

ansia,   angoscia,   paura   per   la   propria   incolumità   o   quella   dei   propri   cari   e   costringono   la   vittima   a  

modificare  le  proprie  abitudini  di  vita.    

Aggravanti:   se   il   fatto   è   commesso   dal   coniuge   legalmente   separato,   se   è   un   ex   fidanzato   della   vittima,  

se  la  vittima  è  minorenne,  incinta  o  disabile.  

Procedibilità:   il  reato  è  procedibile  per  querela  entro  6  mesi,  ed  è  consentito  il  ritiro  della  stessa.  Si  

procede   d’ufficio   se   la   vittima   è   disabile   o   minorenne   o   se   il   fatto   è   connesso   ad   un   altro   reato  

procedibile  d’ufficio,  (se  vi  è  stata  un’ammonizione).    

Due  fasi:  

1. L’ammonimento   la   vittima   prima   di   fare   querela   può   rivolgersi   in   questura   e   lo   stalker  

  

viene   convocato   e   ammonito.   Se   questi   ha   il   porto   d’armi   può   essere   sospeso.   Se   la   condotta  

continua  dopo  l’ammonizione,  diventa  un  reato  procedibile  d’ufficio.    

2. Dopo   la   querela   può   esserci   un   divieto   di   avvicinamento   ai   luoghi   frequentati   dalla   vittima  

durante   il   procedimento.   Lo   stalker   può   inoltre   avere   un   limite   di   distanza   da   cui   deve   stare  

rispetto  alla  vittima.  

  REATI  CONNESSI  AL  NUCLEO  FAMILIARE  (ART.570  e  ss.  C.P.)  

 

REATO  DI  MALTRATTAMENTO  (ART.572)  

 

È  punito  con  la  reclusione  da  1  a  5  anni,  chiunque  maltratta  una  persona  interna  al  nucleo  familiare.  Si  

è  in  presenza  di  maltrattamenti  quando  vengono  messi  in  atto  comportamenti  reiterati  di  violenza  

all’interno  del  contesto  familiare.    

  ABUSO  DEI  MEZZI  DI  CORREZIONE  (ART.571)  

 

È  un  reato  molto  simile  al  precedente,  anche  se  è  punito  in  modo  più  lieve  del  maltrattamento.  La  

pena  è  la  reclusione  di  massimo  6  mesi.  

  VIOLAZIONE  DEGLI  OBBLIGHI  DI  ASSISTENZA  FAMILIARE  (ART.570)  

 

Il   soggetto   che   fa   mancare   i   mezzi   di   sussistenza   ai   discendenti   di   età   minore   o   inabili   al   lavoro,   al  

coniuge   dal   quale   non   sia   separato   per   colpa   dell’altro,   o   a   un   discendente   è   colpevole   di   reato   di  

violazione   degli   obblighi   di   ass.   familiare   ed   è   punito   con   la   reclusione   fino   ad   1   anno.   Lo   scopo   è  

sanzionare  la  mancanza  del  principio  di  solidarietà  (economica)  nel  nucleo  familiare.    

Procedibilità:   È   un   reato   procedibile   a   querela   di   parte,   a   meno   che   non   siano   coinvolti   dei   minori  

(proc.  D’ufficio).    

 

 

 

 

 

 

 

  14  

L’INTERRUZIONE  DI  GRAVIDANZA    

Disciplinata  dalla  

L.n.194/78  

(normativa  esterna  al  CP)  

 

Con   l’introduzione   di   questa   legge   si   abrogano   i   delitti   contro   l’integrità   e   la   sanità   della   stirpe  

(stampo  fascista).  In  questa  legge  si  precisa  che  l’interruzione  di  gravidanza  non  è  uno    strumento  per  

il  controllo  delle  nascite,  non  è  quindi  da  considerare  un  contraccettivo.  Ai  consultori  spetta  il  compito  

di  assistere  la  donna,  informandola  sui  suoi  diritti  e  indicandole  i  servizi  sanitari  a  cui  rivolgersi  per  

l’intervento.    

 

Principi  interni  alla  legge:  

Il  consenso  informato  (ART.14):  si  impone  al  medico  che  segue  l’aborto,  di  fornire  alla  donna  

• tutte  la  informazioni  e  le  indicazioni  sulla  regolamentazione  delle  nascite.    

Principio  di  riservatezza  e  anonimato  della  donna:  è    applicato  il  segreto  professionale.    

• Diritto   all’obiezione   di   coscienza:  la  dichiarazione  di  coscienza  deve  essere  preventiva  e  ha  

• effetto   solo   dopo   un   mese   dalla   sua   presentazione.   L’obiezione   di   coscienza   esonera   dal  

compimento   delle   procedure   dell’interruzione   di   gravidanza,   ma   non   dall’assistenza  

antecedente   e   conseguente   all’intervento.   L’obiezione   non   può   essere   invocata   quando  

l’intervento  è  necessario  a  salvare  la  vita  della  donna.  

Il  padre  può  essere  coinvolto  solo  se  la  donna  lo  desidera.    

 

Le  gestanti  possono  rivolgersi  a  un  ospedale  generale  o  specializzato,  solo  entro  i  primi  90  giorni  di  

gravidanza.   Solo   la   madre   può   decidere   se   interrompere   o   no   la   gravidanza,   non   è   necessario   il  

consenso  del  padre.  

 

Le  forme  di  interruzione  di  gravidanza:  

  1. Entro  i  primi  90  giorni  (ART.4):  la   legge   per   permettere   l’interruzione   richiede   che   ci   sia   un  

pericolo   serio   (non   grave)   ed   esso   può   riguardare   la   salute   psichica   della   donna   (ogni  

gravidanza  non  voluta  mette  in  pericolo  la  salute  fisica  della  donna),  la  situazione  economica,  le  

circostanze   del   concepimento,   anomalie   e   malformazioni.   L’accertamento   della   data   del  

concepimento   è   rilevata   dalle   dichiarazioni   della   donna   e   dalle   visite   mediche   effettuate   dal  

consultorio.  Al  termine  del  controllo,  il  medico  rilascia  un  foglio  in  cui  si  attestano  le  condizioni  

della   donna   e   il   certificato   di   interruzione   di   gravidanza.   Il   medico   prescrive   alla   gestante   di  

tornare  7  giorni  dopo  presso  la  struttura  specializzata  per  procedere  all’interruzione  di  grav.  

(possibile  revoca  in  caso  di  urgenze).  

Le  violazioni  interne  a  questa  procedura  comportano  la  reclusione  fino  a  3  anni  per  i  medici  e  

una  multa  per  la  donna.    

 

2. Dopo  i  90  giorni  (ART.6):  la   legge   consente   l’interruzione   di   gravidanza   solo   quando   il   parto  

comporterebbe  un  grave  pericolo  per  la  donna  o  malformazioni  del  feto  che  causerebbero  un  

pericolo   per   la   salute   fisica   e   psichica   della   donna.   Il   pericolo   deve   essere   grave!   Le  

malformazioni  devono  essere  accertate  e  non  previste  (il  feto  non  deve  avere  possibilità  di  vita  

propria).  Se  il  feto  ha  speranza  di  vita,  l’aborto  è  concesso  solo  se  la  donna  corre  un  pericolo  di  

vita  con  il  parto.    

In   caso   di   violazioni   la   gestante   è   punita   con   la   reclusione   fino   a   6   mesi,   mentre   ogni   altro  

responsabile,  con  la  reclusione  fino  a  4  anni.    

 

3. Donna  minorenne  o  interdetta:    

a. Minorenne:   La  donna  in  questo  caso  può  abortire  solo  con  il  consenso  di  chi  sul  di  lei  

esercita  la  potestà  genitoriale.  In  caso  di  pareri  discordanti,  interviene  il  giudice  tutelare  

(G.T.).     il   medico   invia   al   giudice   entro   7   giorni   la   relazione   correlata   del   proprio   parere  

e    il  giudice  decide  entro  5  giorni,  convocando  e  sentendo  l’interessata  e  tenendo  conto  

della  sua  volontà.  

 

  15  


ACQUISTATO

12 volte

PAGINE

31

PESO

394.97 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in servizio sociale (BIELLA - CUNEO - TORINO)
SSD:
Università: Torino - Unito
A.A.: 2014-2015

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher eleonora.demarco di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto penale e penitenziario e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Torino - Unito o del prof Giors Barbara.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in servizio sociale (biella - cuneo - torino)

Riassunto esame Diritto della Previdenza Sociale, prof. Aimo, libro consigliato Diritto della Previdenza Sociale di Persiani
Appunto
Riassunto esame diritto amministrativo, docente Giovanni Garrone, libro consigliato "Compendio di diritto amministrativo"
Appunto
Nozioni generali di diritto amministrativo
Appunto
Riassunto esame Diritto pubblico, prof. Longo, libro consigliato Corso di diritto pubblico di Barbera, Fusaro
Appunto