Che materia stai cercando?

Diritto musulmano e dei Paesi islamici – Furu al- fiqh

Appunti di Diritto musulmano e dei Paesi islamici sul Furu al- fiqh. Nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: le persone, la famiglia musulmana, cause di nullità del matrimonio, gli effetti del matrimonio, cause bilaterali, cause legali.

Esame di Diritto musulmano e dei Paesi islamici docente Prof. S. Caprioli

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

I FURU’ AL-FIQH:

Vengono divisi in regole di culto, cioè le regole relative al rapporto tra la creatura e il Creatore; e i

rapporti giuridici che si svolgono in dimensione orizzontale tra la creatura e i suoi simili.

LE PERSONE:

1. In diritto musulmano, affinché sia attribuita la qualità di soggetti di diritto occorre essere

uomo. Perché sia riconosciuta la qualità di soggetto di diritto è necessario che il feto sia del

tutto distaccato dall’alveo materno, che sia vivo e che sia vitale.

2. Particolare requisito richiesto per l’attribuzione della capacità giuridica è l’appartenenza

all’Islam. La gente del Libro è titolare di determinati diritti solo nel rapporto di dhimma. La

Gente degli Idoli è assolutamente priva di capacità giuridica.

3. Ultimo requisito è la libertà. La schiavitù può derivare solo da prigionia di guerra o da

nascita. Per quanto riguarda i modi di estinzione della schiavitù abbiamo cause volontarie

unilaterali (affrancamento: puro e semplice, sottoposto a condizione [affrancamento post

mortem]; affrancamento per atto di ultima volontà); cause bilaterali (affrancamento

convenzionale) e cause legali (madre di figlio del padrone).

La capacità giuridica si perde per morte, effettiva e presunta (assenza), e per apostasia.

Sono cause di limitazione della capacità d’agire (compiere atti giuridici):

1) Il non aver raggiunto la pubertà, avendo riguardo anche alla capacità di amministrare bene il

proprio patrimonio. Per le femmine oltre a questi due requisiti è richiesta anche o la

completa emancipazione da parte del padre o l’aver consumato un matrimonio o l’essere in

età abbastanza avanzata.

2) Imperfezioni fisiche e infermità di corpo e di mente. Nonché il fatto di trovarsi in stato di

gravissima malattia che possa implicare il pericolo di morte.

3) Sesso: 2 femmine = 1 maschio. La subordinazione della donna non cessa mai, cambiano

solo le persone alle quali è soggetta.

4) Comportamento riprovevole: non comportarsi nella vita giornaliera secondo gli ideali etico-

religiosi dell’Islam.

5) Stato di insolvenza: è una causa di impedimento alla libera disponibilità dei propri beni.

LA FAMIGLIA MUSULMANA:

E’ basata sul vincolo di sangue e ha carattere patriarcale. Ne fanno parte: i figli legittimi nati dal

matrimonio, i figli nati dalla relazione del padrone con la propria schiava, i figli riconosciuti

mediante una formale dichiarazione di paternità.

Il matrimonio (nikàh) viene concepito come un contratto di scambio. Le prestazioni sono il

pagamento dell’uomo di una somma (mahr), che aveva originariamente la natura di un corrispettivo

per il godimento fisico della donna, costituente la controprestazione di quest’ultima. Il mahr, come

il prezzo nella compravendita, è requisito essenziale, deve essere determinato o determinabile, deve

consistere in cose che abbiano un’utilità e che siano commerciabili; il marito è responsabile per

l’evizione e i vizi occulti delle cose oggetto del mahr.

Quanto ai soggetti del contratto di matrimonio essi sono:

1. Futuro sposo: deve essere musulmano e avere le necessarie capacità fisiche e mentali

(l’insolvente, il prodigo, il pazzo, lo schiavo affrancato convenzionalmente dal proprio

padrone non possono contrarre matrimonio senza l’autorizzazione di colui che integra la

volontà dell’incapace di agire).

2. La donna è soggetto solo nella costruzione malichita, mentre è solo oggetto per quella

shafiita.

3. Il wàli al-nikàh è soggetto per gli shafiiti, integra solo la volontà della donna per i malachiti.

Il consenso, che deve essere libero e non viziato (annullabilità), va scambiato attraverso un’offerta e

un’accettazione, in modo puro e semplice. 1


PAGINE

3

PESO

20.21 KB

AUTORE

flaviael

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza
SSD:
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher flaviael di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto musulmano e dei Paesi islamici e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Tor Vergata - Uniroma2 o del prof Caprioli Severino.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto musulmano e dei paesi islamici

Diritto musulmano e dei Paesi islamici - il modello egiziano
Appunto
Diritto musulmano e dei Paesi islamici - Appunti
Appunto
Diritto musulmano e dei Paesi islamici - Domande
Esercitazione
Diritto musulmano e dei Paesi islamici - modello ottomano
Appunto