Che materia stai cercando?

Diritto musulmano e dei Paesi islamici - Appunti

Appunti per l'esame di Diritto musulmano e dei Paesi islamici del professor Caprioli. Gli argomenti trattati sono i seguenti: Furù Al- Fiqh: questi vengono divisi in regole di culto, ovvero quelle regole relative al rapporto tra la creatura e il Creatore; i rapporti giuridici che si svolgono in dimensione orizzontale tra la... Vedi di più

Esame di Diritto musulmano e dei Paesi islamici docente Prof. S. Caprioli

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Cause di nullità del matrimonio sono:

1) La mancanza di uno degli elementi costitutivi (mahr, vincolo e capacità);

2) La parentela di sangue;

3) La parentela di latte;

4) Il vincolo di affinità;

5) La differenza di religione;

6) Per la donna l’esistenza di un precedente matrimonio, per l’uomo è invece nullo il quinto

matrimonio;

7) È vietato il matrimonio tra padroni e propri schiavi;

8) Triplice ripudio;

9) Stato di malattia mortale;

10) Gli impuberi non possono contrarre matrimonio.

Cause di annullabilità sono:

1) I vizi del consenso;

2) I vizi del mahr;

3) L’apposizione al contratto di clausole contrarie alle finalità essenziali del negozio;

4) La mancanza del wàli al-nikàh (secondo gli shafiiti causa di nullità);

5) La disparità si condizione sociale;

6) I vizi redibitori (tra i quali l’impotenza), attraverso l’esercizio del khiyàr al-‘ayb.:

• Annullamento del negozio per vizi occulti: per la donna per vizi sia anteriori sia

posteriori al matrimonio; per l’uomo solo per i vizi della donna anteriori al matrimonio;

• Annullamento del negozio per inesistenza nell’oggetto del contratto delle qualità

pattuite;

• Risoluzione del negozio per inadempimento degli obblighi contrattuali.

Gli effetti del matrimonio sono:

a. Riguardo ai rapporti personali tra coniugi: obblighi e diritti relativi alla convivenza. Al

marito spetta un potere sulla moglie (tra cui il diritto di correzione), e l’obbligo del

mantenimento della moglie;

b. Riguardo ai rapporti patrimoniali tra coniugi: Netta separazione dei beni.

Il matrimonio può venire sciolto per:

• Cause naturali: morte effettiva o presunta;

• Cause volontarie unilaterali: Ripudio semplice (può essere dato solo dall’uomo, che sia

musulmano, anche se schiavo. Sono incapaci di dare ripudio: il pazzo, l’impubere che non

ha attitudine ad amministrare bene il proprio patrimonio. Se è avvenuta consumazione il

ripudio è irrevocabile e immediato; se non è avvenuta i coniugi devono separarsi, durante il

periodo dell’idda il ripudio è revocabile); Triplice ripudio (con effetto di scioglimento

immediato del vincolo matrimoniale e con effetto ulteriore di ostacolo alla stipulazione di un

nuovo matrimonio tra le medesime persone se prima la donna in tal modo ripudiata non ha

contratto e consumato un altro matrimonio); Zihàr (pronuncia del marito di una formula con

la quale egli dichiarava di voler considerare la moglie come la schiena di una donna che gli

era proibito sposare. Ora è un ripudio revocabile durante la separazione fino alla scadenza

del termine assegnato al marito dal giudice su richiesta della moglie); Ilà (giuramento fatto

dal marito di astenersi da ogni rapporto coniugale con la moglie. Il ripudio è revocabile

durante il periodo di idda della donna); li’àn (giuramento del marito, che afferma ‘infedeltà

della moglie: ha per effetto il disconoscimento della paternità. Ulteriore effetto è l’ostacolare

un nuovo matrimonio tra le medesime parti prima che la donna abbia contratto e consumato

un altro matrimonio con persona diversa dal marito).

• Cause bilaterali: Mutuo consenso. Si devono distinguere due forme: una è il pagamento che

la moglie fa al marito di un corrispettivo per essere liberata dal vincolo matrimoniale; l’altra

è un vero divorzio. 2


PAGINE

3

PESO

38.70 KB

AUTORE

nadia_87

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Appunti per l'esame di Diritto musulmano e dei Paesi islamici del professor Caprioli. Gli argomenti trattati sono i seguenti: Furù Al- Fiqh: questi vengono divisi in regole di culto, ovvero quelle regole relative al rapporto tra la creatura e il Creatore; i rapporti giuridici che si svolgono in dimensione orizzontale tra la creatura e i suoi simili.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza
SSD:
A.A.: 2012-2013

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher nadia_87 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto musulmano e dei Paesi islamici e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Tor Vergata - Uniroma2 o del prof Caprioli Severino.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto musulmano e dei paesi islamici

Diritto musulmano e dei Paesi islamici - il modello egiziano
Appunto
Diritto musulmano e dei Paesi islamici - Appunti
Appunto
Diritto musulmano e dei Paesi islamici - Domande
Esercitazione
Diritto musulmano e dei Paesi islamici - modello ottomano
Appunto