Che materia stai cercando?

Diritto dell'informazione e della comunicazione – Radiotelevisione Appunti scolastici Premium

Appunti di Diritto dell'informazione e della comunicazione Radiotelevisione. Nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: Considerazioni conclusive-Radiotelevisione. sistema radiotelevisivo, tecnologie nella comunicazione, trasformazione del ruolo dello Stato, ecc.

Esame di Diritto dell'informazione e della comunicazione docente Prof. L. Gatt

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Considerazioni conclusive-Radiotelevisione

Le considerazioni fin ora svolte dimostrano chiaramente come la fase che il nostro

sistema radiotelevisivo si trova ad affrontare sia ancora una fase di transizione,

determinata dalla crescente evoluzione delle tecnologie nella comunicazione che

coinvolge non solo il nostro, ma tutti i sistemi radiotelevisivi europei. Si può dire,

anzi, che proprio l’evoluzione tecnologica ha accelerato il fenomeno di

“internazionalizzazione” dei problemi che interessano questo settore, determinando il

conseguente aumento di interventi di carattere normativo nel settore da parte della

Comunità Europea.

Così, anche le legislazioni europee cosiddette di “terza generazione” (quelle seguite

prima alla riforma del regime di monopolio, poi all’abbandono di quel modello e

all’avviamento di sistemi misti) mostrano tutti i limiti di un impianto normativo che

concepiva ancora il settore della radiotelevisione come settore a parte e costituito

esclusivamente dalla tv via etere cosiddetta“generalista”.

Vedremo come un simile impianto sia diventato ormai obsoleto in favore di una

considerazione necessariamente unitaria del sistema della comunicazione, verso quel

diritto della convergenza che comincia a muovere i primi passi.

Tuttavia, alcuni elementi portanti della normativa fin ora esaminata restano come

punti fermi, definitivamente acquisiti.

Innanzitutto, la trasformazione del ruolo dello Stato da soggetto gestore a soggetto

che esercita una funzione essenzialmente regolatrice e di controllo; in secondo luogo,

il mutamento da parte dello Stato dell’esercizio di questa stessa funzione, che , ormai

lontano dal classico ricorso alla legge, affida ad una specifica struttura (il Ministero)

il compito di darne esecuzione. Inoltre affiancata alla legge vi è l’attività di

regolazione di Autorità di garanzia indipendenti; al Ministero e al giudice sono poi

affidate l’attività amministrativa, di controllo e vigilanza delle suddette Autorità,

intese come organi svincolati dal circuito politico e per questo ritenute maggiormente

idonee a realizzare il principio di imparzialità.

In terzo luogo l’introduzione di norme anti-trust e anti-concentrazionistiche.

Si tratta di elementi che danno la misura del processo che ha portato ad una

progressiva riduzione della distanza tra modello “pubblico” e “privato”, che ha da

sempre differenziato l’esperienza europea da quella statunitense.

Ciò che tuttavia costituisce ancora una marcata differenziazione tra i 2 sistemi è il

ruolo ancora rilevante che mantiene l’emittenza pubblica; un ruolo che sembra

sempre + andare configurandosi non solo a garanzia del pluralismo difficilmente

imponibile a operatori privati, ma anche a garanzia di accesso del pubblico alle nuove

tecnologie, evitando nuove forme di “emarginazione sociale”.

In questo senso si esprime il Consiglio degli Stati membri,(25/1/99) laddove si allude

al compito del servizio pubblico di offrire a tutti i cittadini una produzione di

programmi diversificata, di qualità, in grado di parlare dell’intera società,

rispecchiandone differenze di ordine culturale, politico, religioso, etnico, ma anche a

quello di estendere l’accesso a tutti senza discriminazione alcuna. Ed è soprattutto in

questo che il servizio pubblico deve ritrovare la sua specificità.


PAGINE

2

PESO

9.37 KB

AUTORE

Sara F

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze della comunicazione
SSD:
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Sara F di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto dell'informazione e della comunicazione e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Suor Orsola Benincasa - Unisob o del prof Gatt Lucilla.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto dell'informazione e della comunicazione

Diritto dell'informazione e della comunicazione – Comunicazione di massa
Appunto
Diritto dell'informazione e della comunicazione – AGCOM
Appunto
Diritto dell'informazione e della comunicazione
Appunto
Diritto dell'informazione e della comunicazione
Appunto