Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Sommario

Introduzione ...........................................................................................................................5

Gli insetti ................................................................................................................................7

Morfologia degli insetti ........................................................................................................8

Cuticola ...........................................................................................................................9

Capo ...............................................................................................................................9

Torace ........................................................................................................................... 11

Addome ......................................................................................................................... 12

Appendici larvali ............................................................................................................ 13

Anatomia .......................................................................................................................... 13

Sistema digerente ......................................................................................................... 14

Sistema respiratorio ...................................................................................................... 14

Sistema circolatorio ....................................................................................................... 15

Sistema nervoso ........................................................................................................... 15

Sviluppo post-embrionale ................................................................................................. 16

Principali insetti infestanti delle derrate ................................................................................ 18

Ordine dei tisanuri (Thysanura) ........................................................................................ 18

Ordine degli psocotteri (Psocoptera) ................................................................................ 19

Ordine dei blattoidei (Blattodea) ....................................................................................... 19

Ordine dei ditteri (Diptera) ................................................................................................ 22

Famiglia dei muscidi ...................................................................................................... 23

Famiglia dei piofilidi ....................................................................................................... 23

Famiglia dei sarcofagidi ................................................................................................ 24

Famiglia dei calliforidi .................................................................................................... 24

Famiglia dei drosofilidi ................................................................................................... 24

Ordine degli ortotteri ......................................................................................................... 24

Ordine degli imenotteri ..................................................................................................... 25

Famiglia dei formicidi .................................................................................................... 25

Famiglia dei vespidi ....................................................................................................... 26

Famiglia delle apidi ....................................................................................................... 26

Imenotteri parassitoidi ................................................................................................... 29

© Laila Pansera - 2

Ordine dei coleotteri ......................................................................................................... 29

Coleotteri primari .............................................................................................................. 29

Famiglia dei drioftoridi ................................................................................................... 29

(Famiglia Bostrichidi) ..................................................................................................... 31

Famiglia dei bruchidi ..................................................................................................... 31

Famiglia dei dermestidi ................................................................................................. 33

(Famiglia degli ostomadi) .............................................................................................. 33

Famiglia dei ptinidi ........................................................................................................ 34

Coleotteri secondari ......................................................................................................... 34

Famiglia dei tenebrionidi ............................................................................................... 34

(Famiglia dei silvanidi) ................................................................................................... 34

Famiglia dei micetofagi ................................................................................................. 35

Famiglia dei cleridi ........................................................................................................ 35

Ordine dei lepidotteri ........................................................................................................ 35

(Famiglia delle piralidi) .................................................................................................. 36

(Famiglia delle galleride) ............................................................................................... 37

(Famiglia delle piralidi) .................................................................................................. 37

(Famiglia delle tineidae) ................................................................................................ 37

(Famiglia delle gelechidae) ........................................................................................... 37

Gli aracnidi: gli acari ............................................................................................................ 39

Morfologia e anatomia ...................................................................................................... 39

Acari infestanti degli alimenti ............................................................................................ 40

I roditori ................................................................................................................................ 42

Caratteristiche generali .................................................................................................... 42

Specie più importanti ..................................................................................................... 42

Come distinguere i roditori: differenze tra Rattus rattus e Rattus norvegicus ................... 45

Come distinguere i roditori: altre differenze ...................................................................... 46

Difesa integrata degli infestanti ............................................................................................ 49

Prevenzione ..................................................................................................................... 49

Ambienti esterni: ........................................................................................................... 49

Ambienti interni: ............................................................................................................ 50

© Laila Pansera - 3

Altro: .............................................................................................................................. 52

Monitoraggio ..................................................................................................................... 52

Ambienti ........................................................................................................................ 52

Prodotti .......................................................................................................................... 56

Come arrivano gli insetti nell’alimento: i fori .................................................................. 57

Capacità di forare degli insetti ....................................................................................... 58

Filth test ........................................................................................................................ 60

Tecniche di difesa integrata.............................................................................................. 64

Mezzi fisici ..................................................................................................................... 64

© Laila Pansera - 4

Introduzione

Gli infestanti principalmente sono:

• Artropodi (insetti e acari)

• Roditori (topi e ratti)

L’articolo 5 del Decreto Legislativo 283/62 dice che è vietato detenere, vendere, distribuire

alimenti insudiciati e invasi dai parassiti. Questa legge può sembrare vaga, perché i termini

insudiciato e invaso sono suscettibili a interpretazioni soggettive, quindi spetta al giudice e

alla sua interpretazione decidere la gravità della situazione sottoposta a giudizio penale.

Il rispetto di questa legge deve essere di tutti gli enti alimentari: dai supermercati, alle

aziende alimentari, ai magazzini di stoccaggio.

La maggior parte delle confezioni non protegge dall’entrata di insetti o dal morso di roditori,

in più sono diverse le fasi che possono dare inizio a contaminazioni: confezionamento,

trasporto, stoccaggio, distribuzione.

La difesa integrata è un prerequisito dell’HACCP e presuppone conoscenze degli infestanti.

In particolare se ne devono conoscere le caratteristiche:

• Morfologiche

• Fisiologiche

• Etologiche

• Biologiche

Per poterli eliminare o ridurre, occorre per prima cosa un monitoraggio, poi occorre

utilizzare mezzi fisici e, infine, usare mezzi chimici (utilizzati come ultima spiaggia perché

oltre ad uccidere gli infestanti causano un rischio biologico per il consumatore). È molto

importante la prevenzione per ridurre il rischio di trovare infestanti nei prodotti.

Il Regno animale è suddiviso in diversi phylum, che raggruppano specie con

caratteristiche simili, per esempio la mosca domestica e gli acari della farina appartengono

al phylum degli artropodi, mentre il topo domestico appartiene ai chordati. Nell'ambito del

phylum, le specie con ulteriori caratteristiche comuni danno origine alle classi; esempi di

classi sono gli insetti, i aracnidi, i mammiferi. Ulteriori somiglianze all'interno di una classe

suddividono questo gruppo in altri sottogruppi, gli ordini; la mosca per esempio è un

dittero, le farfalle sono lepidotteri, il topo domestico appartiene all'ordine dei roditori. Ad uno

stesso ordine appartengono differenti famiglie, per cui la mosca domestica è un muscide,

mentre il topo domestico è un muride. Le famiglie raggruppano i vari generi. Ogni essere

vivente viene identificato con una nomenclatura binomiale, in cui viene indicato il genere

a cui l’organismo appartiene, seguito dalla specie.

Molte volte i nomi delle varie specie sono in latino, questo per dare una nomenclatura

universale. Alcune volte il nome della specie viene seguito da una o più lettere; essi sono

© Laila Pansera - 5

l'abbreviazione del cognome della prima persona che ha descritto quella specie. In alcuni

casi le lettere figurano tra parentesi, per indicare che la persona che ha scoperto la specie,

l'aveva prima inserita in un altro genere, successivamente a studi è stata spostata in un

nuovo genere.

Nella tabella seguente sono presentati 3 esempi di classificazione di 3 diversi infestanti:

© Laila Pansera - 6

Gli insetti

Gli insetti fanno parte del phylum degli artropodi, che comprende oltre il 70% del Regno

animale.

Osservando il grafico a torta che raffigura la ripartizione del numero di specie degli esseri

viventi, notiamo che la classe degli insetti occupa il 56% delle specie viventi nel mondo,

questo perché gli insetti si sono adeguati ad ogni tipo di ambiente sulla terra, da cui

deduciamo che è molto difficile contrastarli.

Gli insetti hanno diversi vantaggi:

• Hanno delle piccole dimensioni: trovano sempre da mangiare e riescono a scappare

facilmente; molti di essi sono di dimensioni millimetriche.

• Hanno l'olfatto come senso più sviluppato (anche 200-300 volte più dell'uomo); infatti gli

insetti si riconoscono per gli odori che emettono, non grazie alla vista che è molto poco

sviluppata, infatti vedono il mondo come una sorta di mosaico, non distinguono le forme.

Un moscone individua un animale morto anche a 1 km di distanza e lo raggiunge per

deporre le uova.

• Molti di essi si muovono velocemente grazie alle ali.

• Hanno uno scheletro esterno (esoscheletro), simile a una corazza, costituito da più

pezzi uniti fra di loro grazie a delle giunture elastiche. Esso ha una funzione

principalmente protettiva dall’ingresso di patogeni o sostanze nocive e dalla perdita di

acqua.

• Hanno una particolare sviluppo post-embrionale: a differenza dei mammiferi non

hanno un periodo fisso dal concepimento alla nascita, infatti la loro nascita avviene in

funzione delle condizioni climatiche: le condizioni ideali sono temperature estive e una

certa umidità. Depongono anche 100-200 uova e se si trovano in un ambiente non

favorevole, entro certi limiti, attendono tempi migliori, quindi da un uovo ad un adulto ci

si può impiegare da un mese a 6-7 mesi. Un fattore molto importante per lo sviluppo

degli insetti è il tipo di alimento su cui crescono: se l'alimento non è un substrato

completo (non possiede tutto ciò che serve all'insetto nelle quantità che gli servono),

© Laila Pansera - 7

impiegano più tempo a crescere. Inoltre la larva è molto sensibile alle condizioni

ambientali e all'assenza di cibo, infatti può rallentare la sua crescita se non possiede

abbastanza nutrienti. Un esempio è la Plodia intepunctella, l'insetto che dà la maggior

parte delle infestazioni sugli alimenti, che si nutre di qualsiasi cibo, ma in base a ciò di

cui si nutre cambia il suo tempo di crescita: se assume una dieta di allevamento impiega

20 giorni a 27° C e 70% di umidità; nelle stesse condizioni ambientali ma con la farina

00 come substrato, impiega 120 giorni. Inoltre se abbiamo 100 uova su un substrato

adatto dopo 20 giorni abbiamo quasi 100 individui, mentre se mettiamo 100 uova sulla

farina 00, otterremo 3-4 individui adulti.

• Sono eterotermi, ovvero non devono mantenere una certa temperatura corporea, la

loro temperatura è uguale a quella dell'ambiente in cui stanno; se stanno a temperature

basse, entro certi limiti, riescono a ridurre quasi a zero il loro metabolismo, non

respirano più ev sfruttano l'ossigeno che hanno a disposizione.

Gli insetti a stretto contatto con l'alimento sono:

• coleotteri, sempre legati all'alimento;

• lepidotteri, si spostano da adulti sull'alimento;

• scarafaggi, si trovano nei pressi dell'alimento

• insetti accidentali, finiscono nell'alimento per caso.

Gli insetti non possono essere presenti nell'alimento, perché sono vettori e insudiciano

l'alimento stesso.

Morfologia degli insetti

Il corpo degli insetti si presenta suddiviso in 3 regioni: capo, torace e addome.

Il capo possiede degli occhi semplici o composti, un paio di antenne, ricche di sensilli

(organi di senso per percepire l'ambiente). Inoltre gli insetti hanno delle appendici boccali,

perché si nutrono in modo diverso rispetto agli altri animali. Il torace è diviso in tre parti,

l’addome in diverse parti e da ogni segmento del torace parte un paio di zampe (3 paia in

totale). Dalla seconda zona del torace proseguendo verso l'addome si notano gli stigmi,

delle fessure utilizzate dall’insetto per respirare. Gli insetti infatti non hanno l'emoglobina

come trasportatore di ossigeno, l'aria non entra nel sangue, ma arriva dagli stigmi

direttamente ai tessuti. Come già detto, gli insetti hanno le zampe, mentre le loro larve

possono anche non averle. Molti insetti hanno anche due paia di ali, che crescono solo da

adulti, a partire dal torace. © Laila Pansera - 8

Cuticola

Gli insetti giovani quando vanno incontro ad aumento volumetrico cambiano la muta. In

realtà perdono solo uno strato superficiale della loro corazza, la cuticola, o esoscheletro.

La cuticola poggia sull'epidermide, che è un pavimento cellulare che la produce. A sua

volta l'epidermide poggia sulla membrana basale. Il tegumento formato da questi tre strati

è la zona in cui circola il sangue dell'insetto, chiamato emolinfa. Quando la cuticola diventa

troppo tesa a causa di un aumento di volume dell'insetto, grazie a dei segnali prodotti dal

sistema nervoso, lo strato cellulare inizia a produrre un liquido che facilita il distacco della

vecchia cuticola. Nel frattempo il liquido può riassorbire alcune sostanze utili presenti nella

cuticola, come proteine ed acqua. A questo punto inizia la produzione della nuova cuticola.

Il distaccamento della vecchia cuticola avviene a partire da una zona tra il capo e il torace,

dove la cuticola è più debole; viene utilizzato lo spostamento del sangue per lacerare la

vecchia cuticola e l'insetto se ne libera uscendo come se si togliesse un vestito. Alcuni

insetti utilizzano anche la gravità, ovvero si mettono appesi per facilitare la perdita della

vecchia cuticola.

La cuticola deve essere resistente ed elastica. È costituita da:

• uno strato costituito da lipoproteine (come delle cere), importante perché si oppone alla

perdita di acqua dell'insetto; un insetto può sopravvivere ad alte temperature con alta

umidità, perché nonostante le alte temperature sciolgano lo strato esterno della cuticola,

l'ambiente umido aiuta l'insetto a riacquisire l'acqua che perde, per questo alcuni insetti

sopravvivono a trattamenti ad alte temperature ed alta umidità.

• Uno strato sottostante costituito per il 60-70% da chitina (un’acetil-glucosammina), da

una percentuale di proteine tannizzate che danno resistenza alla cuticola e da alcune

proteine che danno elasticità alla struttura.

• Un terzo strato costituito da ghiandole.

Capo

Il capo dell’insetto presenta delle appendici, le appendici boccali e le antenne. Le antenne

sono, a seconda del gruppo di insetti, più o meno evidenti, composte da un numero

variabile di antennomeri, i pezzetti che le costituiscono. Osservando gli antennomeri al

microscopio possiamo notare i sensilli, gli organi per la percezione olfattiva degli insetti.

Ecco perché le antenne si muovono moltissimo, per percepire tutti gli odori. Il numero di

antennomeri serve anche per identificare le diverse specie di insetti, e in alcuni casi nei filth

© Laila Pansera - 9

test, si possono trovare degli antennomeri e si può risalire alla specie di insetto a cui

appartenevano. Può succedere anche che le antenne siano differenti tra maschio e

femmina, per esempio abbiano delle protuberanze, o dei ciuffi di peli, oppure in base al

sesso siano più pronunciate; questo accade molto spesso nei lepidotteri, ed è importante

saperlo, perché molte trappole per lepidotteri a feromone, prodotto dalla femmina

solitamente, che quindi attrae il maschio. Ci sono alcuni gruppi, come i ditteri, che ha degli

antennomeri molto piccoli, mentre i lepidotteri hanno antennomeri lunghi che danno delle

antenne filiformi.

Per quanto riguarda gli occhi, l’insetto vive in un mondo di odori, quindi a livello sensoriale

non domina la vista ma l’olfatto. La visione è più ridotta rispetto a un mammifero. L’insetto

non ha una lente unica, ma per ogni occhio ha più lenti, perché la vista dell’insetto è a

mosaico, quindi se il suo occhio è composto da poche lenti ci vede molto poco, e più

aumentano le lenti, più vede un mosaico preciso.

Alcuni insetti, in particolare le larve, hanno la presenza sulla sommità del capo 3 lenti,

sensibili alle variazioni minime di luce. Quando noi arriviamo vicino a una mosca lei si

sposta perché percepisce una luce che cambia.

L’apparato boccale degli insetti è diverso da quello dei

mammiferi, e non tutti gli insetti lo hanno uguale fra di loro.

Quello che accomuna il maggior numero di insetti è

l’apparato boccale masticatore, composto da un labbro

superiore, un labbro inferiore, delle mandibole

subpiramidali che presentano delle denticolature, e delle

mascelle. Le mandibole operano una triturazione

grossolana, mentre le mascelle masticano più finemente

l’alimento. Questo tipo di apparato masticatore rende

l’insetto in grado di perforare l’imballaggio, per questo

molti insetti lo possiedono. In particolare hanno un apparato masticatore sia nelle forme

giovanili che in quelle adulte i Tisanuri, le Blatte, gli Ortotteri e i Coleotteri, le larve dei

Lepidotteri e alcune larve degli Imenotteri. Un altro tipo di apparato boccale, che come tutti

gli altri nasce dall’evoluzione dell’apparato masticatore, è quello dilaniante. In esso non

sono presenti le mascelle, mentre le mandibole hanno la forma di due uncini. Questo

apparato è tipico delle larve dei Ditteri. Abbiamo poi l’apparato succhiatore, tipico dei

Ditteri muscidi adulti, in cui sono assenti mandibole e mascelle, il labbro superiore è

allungato e quello inferiore è molto vistoso, tanto che forma una proboscide, ricca di labelli,

che portano a dei canali, le pseudotrachee, che servono per ingerire il cibo. Siccome questi

animali non possono alimentarsi con substrati troppo complessi o duri, effettuano un

rigurgito di saliva ed enzimi sul substrato di cui si vogliono nutrire, in modo da effettuare

una predigestione esterna dell’alimento e facilitare l’ingestione. Esiste poi l’apparato

boccale degli adulti dei Lepidotteri. Essi vivono per pochi giorni, hanno solo il tempo di

accoppiarsi e deporre le uova, per cui non si alimentano, ma al massimo succhiano qualche

© Laila Pansera - 10

goccia di acqua. Hanno per cui un apparato boccale succhiante, in cui le mandibole, se

presenti, non sono utilizzate, mentre le mascelle hanno dato origine a un tubo unico,

chiamato spirotromba. Per i lepidotteri che vanno di fiore in fiore, a seconda del tipo di

vegetale, la spirotromba può essere più o meno lunga, e si arrotola quando non viene

utilizzata.

Torace

Il torace degli insetti è composto da 3 segmenti: protorace, mesotorace e metatorace.

Il primo pezzo del torace, il protorace, in molti casi slitta in avanti fino a ricoprire il capo

dalla parte dorsale. Questo succede negli scarafaggi, per cui ai fini di identificazione

utilizziamo la presenza o l’assenza di questa zona mobile del torace. A partire dalla

seconda porzione del torace, si nota la presenza degli stigmi.

Le appendici del torace sono le ali e le zampe.

Gli adulti hanno 3 paia di zampe, le larve possono averle oppure no, per esempio nel caso

dei lepidotteri le larve hanno le zampe, nel caso dei coleotteri non tutte le larve hanno le

zampe. Le zampe delle larve sono molto corte, perché non hanno necessità di spostarsi

velocemente, mentre quelle degli adulti, a seconda della specie possono essere più o

meno pronunciate. Le zampe meno evidenti vengono chiamate zampe deambulatorie, e la

maggioranza dei coleotteri le ha così, mentre gli scarafaggi hanno il primo paio di zampe di

tipo deambulatorio, e le altre due paia molto allungate, di tipo cursorio.

Le zampe sono divise in diversi segmenti, ultimo dei quali è il pretarso. Su di esso possono

essere presenti unghie o strutture particolari, che aiutano l’insetto ad aderire alle superifici,

quindi anche a muoversi. Un esempio è quello della blattella germanica, una delle blatte più

comuni. È lunga circa 1 cm e di colore marrone-aranciato, è di provenienza equatoriale e

viene chiamata anche mosca del caffè, perché ama i fondi del caffè, caldi e umidi, ma non

se ne ciba. Questo scarafaggio non era così frequente anni fa, ma era più frequente la

blatta orientalis, di circa 3 cm, di colore marrone-nero, che richiede molta umidità e si adatta

anche a temperature non eccessive. La blattella germanica ha una struttura particolare: tra

un’unghia e l’altra di ogni pretarso (una sorta di piedino al termine della zampa) ha una

struttura a ventosa, come la blatta orientalis, ma a differenza sua la blattella germanica ha

queste strutture a ventosa anche sui tarsi. La blatta orientalis si è trovata più in difficoltà

perché nelle case e nelle industrie è diminuito il legno a favore di materiali più scivolosi

(metalli, vetri, piastrelle, …), mentre la blattella germanica riesce a spostarsi ovunque,

anche in verticale. In più è aumentata la ristorazione, l’industria alimentare si è ampliata

moltissimo. Inoltre la blattella germanica da uovo ad adulto ci mette 3 mesi, la blatta

orientalis 6 mesi.

Negli insetti solo gli adulti hanno le ali, e a seconda dei gruppi hanno forme diverse e

trasparenze diverse: possono andare dal trasparente al molto sclerificato. Le ali delle

mosche sono piccole e trasparenti, per cui si dicono membranose, ma nella loro piccolezza

hanno un certo spessore. Per cui anche le ali hanno diversi strati: cuticola, epidermide e

© Laila Pansera - 11

membrana basale. Anche dentro l’ala scorre l’emolinfa, e anche i nervi e le tracheole, i tubi

sottilissimi che portano ossigeno. L’ala è un’espansione della zona del fianco del secondo e

del terzo pezzo del torace, infatti si definisce espansione latero-tergale (tergo: parte

superiore). I ditteri hanno solo un paio di ali (espansione latero-tergale del secondo pezzo

del torace), gli imenotteri (api, vespe, formiche) hanno 2 paia di ali membranose. Negli

ortotteri e negli scarafaggi il primo paio di ali è leggermente sclerificato e più consistente, i

coleotteri hanno il primo paio di ali molto consistente e non trasparente, e si chiamano

elitre, che si trovano molto spesso nei test. Sulle ali, in particolare in quelle membranose,

troviamo delle nervature longitudinali e trasversali. Esse sono degli ispessimenti e servono

a dare equilibrio al volo, e gli insetti meno evoluti, come le libellule, hanno moltissime

venature, mentre gli insetti che hanno subito maggiori evoluzioni, come gli imenotteri,

hanno molte meno nervature. Utilizziamo le varie caratteristiche delle nervature per risalire

alle specie degli insetti. Le ali dei lepidotteri sono membranose, ricoperte da qualcosa molto

simile a delle tegole: le squame alari, ecco perché quando si tocca una farfalla rimane in

mano una sorta di polverina, ovvero queste tegole. Le squame alari sono colorate e fanno

sì che l’insetto sia di un colore particolare, e le ritroviamo nei filth test, e servono a

equilibrare il volo, infatti se tocchiamo la farfalla essa non sarà più in grado di volare bene e

avrà vita breve. Negli insetti che hanno 2 paia di ali, le 2 ali si uniscono per agevolare il

volo, con vari sistemi: nelle api per esempio un’ala ha degli uncini, mentre l’altra ha delle

tasche in cui agganciano gli uncini; molte farfalle invece hanno dei ciuffi di peli che si

incrociano. Per alcuni scarafaggi le ali servono a volare, nel caso della blattella germanica

o del maschio della blatta orientalis, le ali servono solo per voli planari (non in salita). Molti

coleotteri hanno la capacità di volare, ma utilizzano le ali solo in casi eccezionali. In altri

casi le ali non sono utilizzate e a causa dell’evoluzione quelle anteriori si sono fuse e non si

aprono più.

Nei filth test di spezie e piante officinali troviamo anche pezzi di insetto molto evidenti, come

zampe o ali.

Addome

L’addome è diviso in diversi pezzi, che variano da 6 a 11 in base alla specie, che

lateralmente presentano gli stigmi, in più troviamo l’apertura genitale e l’apertura anale.

Nelle femmine, alcune volte a livello dell’apertura genitale ci sono delle appendici che

generano un tubo, che serve per porre le uova all’interno delle superfici (è un ovopositore).

I parassitoidi sono degli insetti che depongono le loro uova dentro una larva di un altro

insetto, e la larva del parassitoide, con il suo apparato masticatore fora un tubo respiratorio

per prendere dell’ossigeno e respirare, si nutre della larva che la ospita e la mantiene in vita

finché non l’ha mangiata tutta, poi se ne va. In fondo all’addome alcuni insetti, per esempio

gli scarafaggi, hanno delle appendici, chiamate cerci. Essi servono per percepire

l’ambiente dalla parte opposta, per cui hanno de sensilli nel caso delle blatte. Quella

chiamata volgarmente forbicina, dell’ordine dei dermatteri, ha dei cerci molto evidenti, che

© Laila Pansera - 12

possono essere arcuati per i maschi, oppure dritti per le femmine: servono non solo per

percepire l’ambiente, ma anche per far paura ai predatori, e anche per l’accoppiamento

(perché si accoppiano in opposizione e si agganciano tramite i cerci).

Appendici larvali

Ci sono larve apode (senza zampe), come quelle dei ditteri e di alcuni coleotteri. Molto

spesso le larve dei coleotteri hanno le zampe toraciche e frequentemente tendono a

formare una C, cioè l’addome si avvicina al capo. Le larve dei lepidotteri sono provviste,

non solo di zampe toraciche molto corte, ma hanno anche delle pseudo-zampe a partire dal

terzo pezzo dell’addome, che a differenza delle zampe non sono articolate, ma sono come

delle ventose.

Se io in un piatto di pasta al pomodoro trovo delle larve di lepidottero, alcune di esse

derivano dalla pasta, ma altre dal pomodoro, perché esistono dei lepidotteri con le pseudo-

zampe molto corte (chiamate misurini), che attaccano il pomodoro nel campo, e sono quelli

della famiglia dei geometridi loctulli.

Anatomia

Il corpo dell’insetto è pieno di emolinfa, perché essa per la maggior parte del suo percorso

è libera nell’insetto, mentre per una parte è veicolata da un tubo, che percorre l’insetto

appena sotto la zona dorsale. Questo tubo nella parte addominale per un certo tratto è

forato, e si chiama cuore, ed è da dove entra il sangue dopo aver circolato nel corpo, dopo

questo tubo si prolunga senza buchi e diventa l’aorta, che sfocia nel capo, dove inizia a

fare tutto il giro.

Ci sono i diaframmi, delle specie di lenzuoli, che separano le varie zone e permettono che

i vari organi non ricadano uno sull’altro. In centro all’insetto c’è il tubo digerente, che si

apre con l’apertura boccale e finisce con l’apertura anale. Nella zona ventrale abbiamo la

catena ganglionare (o gangliare), una sorta di colonna vertebrale, che parte dal cervello. Il

grasso negli insetti non sta sotto la cuticola, ma si trova nella emolinfa sotto forma di

glomeruli, più o meno gonfi di grasso a seconda del momento: l’insetto quando fa la muta

svuota questa riserva di grasso, e tra una muta e l’altra accumula grasso per la muta

successiva. Il tutto è regolato dagli ormoni, che circolano nell’emolinfa.

© Laila Pansera - 13

Sistema digerente

Il sistema digerente è un lungo tubo che ad un certo punto ha delle valvole per impedire il

reflusso, che lo dividono in 3 parti. Nella prima parte ci possono essere anche delle

dilatazioni, una dilatazione ce l’hanno le api, che mettono il nettare all’interno di una borsa

melaria in questo tubo; una volta nell’arnia, l’ape rigurgita il nettare in un’altra ape, e

passando di ape in ape il nettare acquisisce saliva ed enzimi in modo da diventare miele

(perché si passa da zuccheri complessi a zuccheri semplici). Negli insetti che si nutrono di

cose molto dure, il primo pezzo del canale è ricco di carenature, praticamente hanno un

ventriglio come i polli. In prossimità della prima valvola, soprattutto nel caso di insetti

masticatori, ci sono cellule che producono una membrana che avvolge il cibo. Questa è una

membrana selettiva. La differenziazione tra lo stomaco dei mammiferi e quello degli insetti

(parte centrale) è che quest’ultimo è in grado sia di digerire che di assorbire il cibo. Gli

enzimi digestivi entrano nella membrana che avvolge il cibo, degradano i polimeri in principi

nutritivi, e poi i principi nutritivi escono dalla membrana e vengono assorbiti. Quindi in

questa zona troviamo cellule secernenti e assorbenti, con molti microvilli per aumentare la

superficie. L’ultima parte del tubo digerente ha una doppia funzione: in prossimità della

valvola sboccano dei tubi chiamati tubi malpighiani, che possono essere di numero

differente in base alle specie. Essi sono dei tubi che fluttuano nel corpo dell’insetto (quindi

nell’emolinfa) e sono selettivi. Sono i sostitutivi dei reni: ricevono dall’emolinfa le sostanze

da espellere, e possono rilasciare o ricevere acqua.

Sistema respiratorio

È del tutto differente da quello di un mammifero. Non c’è come veicolo dell’ossigeno e della

CO il sangue, gli insetti respirano dai fori laterali presenti su ogni pezzo del corpo, eccetto

2

il primo pezzo del torace, che si chiamano stigmi. Queste aperture sono collegate a delle

tubature che diventano sempre più sottili fino a raggiungere i tessuti, e si chiamano

trachee. Gli stigmi sono in grado di aprirsi e di chiudersi attraverso la muscolatura, quindi in

prossimità degli stigmi ci sono dei sensilli che percepiscono l’ambiente e fanno chiudere gli

stigmi se necessario. Le trachee molto spesso sfociano in una sorta di contenitore, come

una bombola, che funge da riserva d’aria, utile negli insetti che volano perché alleggerisce il

peso del corpo, e anche quando gli insetti si trovano in condizioni disagevoli: infatti

chiudono gli stigmi, riducono il metabolismo al minimo (agevolati dal fatto che sono

organismi eterotermi) e sopravvivono sfruttando l’ossigeno residuo che hanno. In questa

maniera un insetto nelle derrate in presenza di una concentrazione di CO del 60% chiude

2

gli stigmi e riesce a sopravvivere anche 15 giorni. Per cui se noi utilizziamo la CO per

2

disinfestare un silo, è molto importante che esso sia costruito bene e mantenga il 60% di

CO per lungo tempo, perché anche gli insetti meno tolleranti alla CO resistono anche 8/9

2 2

giorni. Se invece facciamo un trattamento con un fumigante, esso dura 3/4 giorni, per cui è

più vantaggioso. Un trattamento ad azoto, in cui le condizioni sono avere il 95% di azoto e

meno dello 0,5 di ossigeno nell’atmosfera (che non può avvenire in un silo perché è poco

© Laila Pansera - 14

ermetico) ha una durata di circa 20 giorni. Questi sono i limiti dei mezzi fisici, mentre invece

prima erano utilizzati i mezzi chimici, molto più veloci, ma che non si possono più utilizzare.

Le trachee diventano talmente più piccole che la diramazione avviene attraverso una

cellula stellata.

Sistema circolatorio

L’emolinfa è libera, eccetto per un tratto. In questo tratto è contenuta in un tubo che

percorre tutto l’asse del corpo. Il tubo nella prima parte ha dei fori e viene chiamato cuore,

mentre la seconda parte non ha fori e viene chiamata aorta, e sfocia a livello del capo. Per

cui il sangue esce dal capo e raggiunge tutto il resto del corpo. La spinta è data da una

serie di diaframmi che si muovono e spingono il sangue, come un movimento peristaltico

che fa uscire l’emolinfa dall’aorta a livello del capo. A livello delle zampe e delle antenne

esistono degli organi accessori che fanno da pompa. Queste zone periferiche, come le

zampe, sono percorse da un diaframma che le divide in 2 parti, per cui il sangue entra da

una parte, percorre la zampa ed esce dall’altra e viene sospinto a livello del cuore ed entra

grazie ai fori.

L’emolinfa serve a portare il nutrimento ai tessuti e ha funzione di difesa. Inoltre

nell’emolinfa ci sono dei grumoli di grasso che possono essere più o meno grandi a

seconda della vita dell’insetto, per cui prima di fare la muta sono molto pieni, mentre dopo

la muta sono vuoti. L’emolinfa poi contiene acqua, attraverso l’emolinfa passano gli ormoni

che hanno la stessa funzione che hanno nei mammiferi.

Sistema nervoso

È analogo a quello dei mammiferi, quindi anche loro hanno neuroni, gangli, etc. Differisce

nel fatto che per esempio se una zampa del mammifero percepisce il suolo caldo, si sposta,

per cui il messaggio percepito dai sensilli della zampa viene mandato al cervello attraverso i

neuroni e si avrà una risposta muscolare. Nell’insetto invece non è detto che quello che

sentono i sensilli arrivi al cervello. Il cervello rimane un centro importante, ma i messaggi

dei sensilli arrivano al cervello solo se i sensilli sono vicini al cervello. Per gli altri sensilli c’è

la catena ganglionare che percorre tutto il corpo dell’insetto nella parte distale, per cui i

sensilli delle zampe comunicano con la catena ganglionare. Questo determina una velocità

di risposta molto maggiore rispetto a quella del mammifero. L’acetil-colina ogni volta che

viene trasmesso l’impulso si divide in colina e acido acetico, sia nei mammiferi che negli

insetti. Molti insetticidi agiscono a livello dell’acetil-colina esterasi, enzima che scinde

l’acetil-colina, e quindi quando un insetto si avvelena con un insetticida che agisce in

questo modo, l’impulso non passa e quindi si accumulano impulsi perché si accumula

l’acetil-colina e l’insetto manifesta sintomi dapprima spastici (movimenti rapidi ma non

coordinati) e a un certo punto non ha più capacità di aprire e chiudere gli stigmi, trattenere

acqua, quindi muore per asfissia e disidratazione.

© Laila Pansera - 15

Sviluppo post-embrionale

Gli insetti, avendo colonizzato ambienti molto diversi fra loro, si sono differenziati

moltissimo anche a livello di sviluppo. Noi ci riferiamo a insetti delle derrate, o dell’ambiente

di produzione e stoccaggio delle derrate, per cui parliamo di un range ridotto di differenze di

sviluppo. Occorre una descrizione generale.

Le uova degli insetti a seconda della specie possono essere depositate una ad una, e

addirittura certe femmine forano un seme tramite l’apparato boccale, si girano, ci mettono

un uovo e poi ricoprono il buco. In altri casi, come nel caso delle mosche, le uova vengono

deposte sul substrato una dopo l’altra, e formano un pacchetto di uova, che sembra proprio

un pacchetto perché mentre le deposita ci sono sostanze della vagina che producono una

sostanza appiccicosa. In altri casi, come nei lepidotteri, la farfalla femmina sente che il

substrato va bene per la sua prole, passa e butta giù le uova, per cui troviamo anche

centinaia di uova. Questo ci dà dei problemi perché è attratta dalla linee su cui passano i

dolci appena usciti dal forno, per cui le merendine possono essere infestate. Ci sono insetti,

come gli scarafaggi, che proteggono le uova ancora prima di depositarle, man mano che

vengono fecondate, vengono avvolte da un secreto di una ghiandola. Per cui la femmina

forma un astuccio di uova, che sporge dall’apertura genitale della femmina finché l’astuccio

non è completo. Quando viene prodotto lo deposita in un posto sicuro. Le modalità di

deposizione delle uova sono legate alla specie. L’uovo di qualsiasi specie si apre dopo un

periodo variabile. La variabilità non è solo in funzione della specie, ma anche delle

condizioni ambientali (temperatura e umidità). Per cui nel caso dei lepidotteri si può

schiudere dopo 3/4 giorni, se le condizioni sono estive (temperatura 25-27°C e umidità del

70%), ma se le condizioni non sono favorevoli l’uovo può aspettare condizioni favorevoli

anche per settimane. Dall’uovo possono uscire 2 cose:

• una larva, chiamata erroneamente verme (perché i vermi appartengono al phylum dei

nematodi, diverso da il phylum degli insetti). Le larve sono molto diverse dagli insetti

adulti e sono molto diverse per ogni specie. Imenotteri, lepidotteri e coleotteri schiudono

le larve.

• Una neanide, un essere simile all’adulto, molto più piccolo e senza ali. Esce dall’uovo di

scarafaggi, di ortotteri, psocotteri. Il pesciolino d’argento, appartenente all’ordine dei

tisanuri, esce dall’uovo come neanide.

Che sia una neanide o una larva, appena esce dall’uovo comincia ad alimentarsi ed

aumentare di peso, però a differenza del mammifero non ha uno scheletro interno, ma

esterno, la cuticola. L’insetto aumenta di peso ma non riesce ad aumentare di dimensioni,

quindi fa un aumento ponderale ma non volumetrico. Per avere un aumento volumetrico

deve effettuare una muta, per cui sia la larva che la neanide escono dall’uovo come prima

età, poi effettuano una muta e diventano di seconda età, e così via. Le età sono in funzione

della specie, ma anche delle condizioni sia di temperatura che di alimentazione, per

esempio un insetto che ha carenza di alcuni principi nutritivi cerca di andare avanti nel suo

sviluppo perché non ha la possibilità di effettuare l’ultimo momento di trasformazione, la

© Laila Pansera - 16

metamorfosi per diventare adulto, per cui aspetta e mangia ancora, e fa un numero di età

maggiore. Cambiando dalla situazione ottimale aumenta di molto la mortalità. Fra un’età e

l’altra quindi avviene una muta, che è un aumento di dimensioni ma non di forma. Viene

lasciata una spoglia, che è la cuticola vecchia, che contribuisce a lasciare una presenza

estranea nell’alimento. L’apertura della cuticola è quasi sempre dorsale tra capo e torace,

quindi in quella zona è prevista una minore chitinizzazione e una minore presenza di

proteine chitinizzate che danno resistenza, in modo da farla cedere, e si ha un aiuto anche

da parte dell’emolinfa che dà una spinta.

Nell’ambito degli insetti delle derrate possiamo assistere a una metamorfosi incompleta e a

una completa. La metamorfosi incompleta viene effettuata dalle neanidi, infatti la neanide

non è così differente dall’adulto se non per dimensioni e per la maturazione dell’apparato

sessuale. Si dice incompleta perché la metamorfosi dà la maturazione sessuale, e a livello

di tanti insetti si formano le ali. La ninfa è il passaggio che porta la neanide di ultima età

all’insetto adulto; in questo stadio l’insetto avrà abbozzi alari. I tisanuri non hanno la ninfa

perché non hanno le ali. La metamorfosi completa prevede che la larva di ultima età pian

piano si trasformi in una pupa, che nel caso dei lepidotteri viene chiamata crisalide. La

pupa è uno stadio quiescente in cui l’insetto mostra le caratteristiche morfologiche

dell’adulto più o meno abbozzate. Nel caso dei lepidotteri la pupa è avvolta da un bozzolo

sericeo, mentre nei ditteri è racchiusa nel pupario, originato dalla cuticola dell’ultima età

larvale, che invece di essere abbandonata, indurisce per proteggere l’individuo.

I tipi di sviluppo che possiamo trovare a livello delle derrate sono:

• Ametaboli: neanidi che non avranno le ali da adulti ma non solo. Il pesciolino d’argento

continua a mutare anche da adulto, perché ha una cuticola molto debole che si usura

facilmente.

• Eterometaboli: neanidi i cui adulti possono avere le ali oppure no, e sono: blatte,

psocotteri e ortotteri.

• Olometaboli: l’insetto quando nasce è una larva, quindi completamente diversa

dall’adulto. Sono: lepidotteri, coleotteri, ditteri, imenotteri.

© Laila Pansera - 17

Principali insetti infestanti delle derrate

Ordine dei tisanuri (Thysanura)

• Sviluppo ametabolo;

• Dimensioni da adulto 1-1.5 cm;

• Hanno uno sviluppo molto lento, anche di diversi mesi;

• Fanno mute anche da adulti, arrivando anche fino a 70 mute nella loro vita;

• Hanno un esoscheletro poco sclerificato, sono di color grigio-brunastro, ricoperti da

squame;

• Si cibano di sostanze amilacee e cellulosa: bastano le polveri che trovano in industria

alimentare;

• Necessitano di un ambiente molto umido; se li vediamo in un bancale di legno, esso è

stato conservato male: l’insetto è un segnale di qualcosa che non va (troppo alta

umidità), se lo trovo vicino alle finestre significa che gli infissi non tengono bene;

• Li posso trovare in ambienti di lavorazione ad alta umidità, come l’impasto della semola

con l’acqua, oppure sotto i macchinari, sui muri, sui pavimenti;

• In casa li troviamo in bagno, perché entrano nella vasca attirato dall’umidità, ma delle

volte vanno a finire negli scaffali pieni di libri e si mangiano i libri vecchi: questi insetti

hanno fatto dei grandi danni nelle biblioteche;

• Se si trovano in condizioni idonee possono dar luogo a popolazioni elevate;

• Non entrano nell’alimento;

• Sono veloci nei loro spostamenti.

Thermobia domestica (specie)

 Ha un color marrone;

 Non si trova nelle case ma nelle industrie alimentari in

prossimità dei macchinari dove c’è molta umidità;

 Ha un ambiente di crescita molto vicino a quello delle

blatte, infatti a volte sotto lo stesso macchinario

troviamo tisanuri e blatte;

 Vive in condizioni di temperatura e umidità molto

elevate;

 Raggiunge anche i 2 cm.

Lepisma saccharina (specie)

 Detto anche pesciolino d’argento;

 Ha una colorazione grigia; © Laila Pansera - 18

 È tipico di bancali, magazzini umidi, infissi che isolano poco;

Ordine degli psocotteri (Psocoptera)

• Sviluppo etermoteabolo;

• Possono essere alati o no, e quelli alati possiedono ali

molto ovoidali, facilmente riconoscibili nei filth test;

• Hanno una cuticola molto sottile;

• Dimensioni 1-2 mm, solo pochi raggiungono i 3-4 mm;

• La temperatura bassa o alta incide solo sulla durata del

loro sviluppo;

• Essendo piccoli, di colore grigiastro-marroncino con cuticola semi-trasparente, senza ali,

passano inosservati;

• Vogliono tanta umidità e alcuni di essi vogliono anche presenza di muffe, indispensabile

per la loro crescita;

• Quelli di campo si possono ritrovare in un filth test di un prodotto vegetale, perché sono

talmente piccoli che possono incastrarsi dentro l’attaccatura del picciolo, dentro a un

mirtillo;

• Alcuni di essi sono legati all’ambiente esterno (piante), si ritrovano nelle foglie cadute

sul terreno, sulle cortecce;

• Nei post-raccolta possono trovarsi in un cereale, in un magazzino o anche sul prodotto

finito; famiglia dei liposcelidi

• In particolare il gruppo più frequente è quello della (in foto),

insetti di 1-2 mm;

• Se trovano condizioni ideali di temperatura e umidità se ne possono avere tantissimi, in

un bancale sotto i macchinari, nei cereali. Se li trovo nei cereali è segno di una cattiva

conservazione ad alta umidità e mi dicono che ci potrebbero essere muffe;

• Li troviamo nei prodotti dolciari tipo plum-cake;

• Se ne trovano anche in casa, se è una casa nuova con umidità nei muri ed esposta a

nord.

Ordine dei blattoidei (Blattodea)

• Le blatte hanno uno sviluppo eterometabolo;

• Sono lucifughi, rifuggono la luce, e questa è una cosa negativa perché non è facile

accorgersene; se li vedo di giorno vuol dire che sono invaso dagli scarafaggi;

• Si nutrono di un po’ di tutto;

• Le blatte cercano un insediamento caldo e umido con cibo, per esempio nei tombini

delle industrie dove finiscono i residui alimentari, se il tombino non è fatto bene si

accumulano i residui e le blatte trovano un ambiente adatto;

© Laila Pansera - 19

• Essendo legati all’umidità, in un bar li trovo vicino alle macchinette del caffè, dove ci

sono i fondi;

• Se in un ambiente di ristorazione non si toglie tutto il cibo appena finito il servizio, gli

scarafaggi arrivano, per cui è importante fare le pulizie e asportare i detriti alimentari;

• Sono gli insetti che più frequentemente troviamo in ambito industriale perché molti

processi industriali prevedono elevate temperature ed elevate umidità;

• Non possono essere tollerati in un ambiente di produzione degli alimenti, perché

essendo legati all’umidità sono un pericolo come vettori di microrganismi patogeni e

virus. Per cui se si trova uno scarafaggio morto in una confezione parte la denuncia e

inizia il processo penale, che non si trasformerà in una multa perché gli scarafaggi sono

un problema sanitario;

• È stato trovato di tutto analizzando il loro tubo digerente, le loro feci e il loro corpo;

• Hanno delle zampe (primo paio deambulatorio, secondo e terzo cursori) ricche di spine,

che trattengono schifezze varie e le trasportano;

• Tutte le blatte presentano alla fine del corpo 2 cerci, organi di senso, come 2 cornetti;

• Uno dei problemi è quello dell’ooteca (struttura fluida prodotta dalle ghiandole della

vagina, che poi diventa dura): in natura serve per mantenere sempre umide le uova, ma

è anche un’ottima barriera all’entrata dei principi attivi biocidi (insetticidi). Ciò significa

che le neanidi muoiono solo se escono dall’ooteca ed entrano a contatto col il biocida,

ma se escono dopo 15 giorni la superficie non ha più il principio attivo che avvelena

perché il calore lo ha degradato, e perciò ricolonizzano. Oppure utilizzo un biocida che

dura poco, che però ammazza solo gli adulti e le neanidi. Quindi un tempo (ora un po’

meno) anche nelle industrie vi erano disinfestatori che venivano pagati annualmente per

4 trattamenti all’anno (ogni 3 mesi), per cui se il trattamento era fatto bene abbassava la

popolazione, ma sopravviveva la generazione successiva, per cui i disinfestatori si

garantivano un lavoro continuo. Ora i trattamenti a livello delle blatte vanno riveduti ogni

15 giorni finché non ne vedo più;

• L’ooteca è fatta come un astuccio e quando è il momento giusto, le neanidi escono una

ad una dalla parte alta. L’ooteca raggiunge per le larve più grandi anche 1 cm;

• Gli scarafaggi sono molto piccoli e agili per cui si possono spostare anche attraverso le

prese, i percorsi dei condizionatori, per cui i trattamenti di disinfestazione devono essere

estesi su tutta la struttura, come in un condominio non basta fare il trattamento di

bonifica su un appartamento, ma su tutto l’edificio;

• Delle volte possiamo andare incontro a reintroduzioni di scarafaggi, perché possono

arrivare insieme alle materie prime. Per cui devono essere sempre presenti le trappole e

in ambito dell’HACCP ci sono delle schede riguardanti le trappole che indicano la

presenza o l’assenza degli scarafaggi.

© Laila Pansera - 20

Blattella germanica (specie)

 È di dimensioni più piccole, circa 1 cm di lunghezza;

 Come tutte le blatte ha il corpo schiacciato, zampe

molto evidenti, antenne lunghissime;

 Il capo è ricoperto dal pronoto, da cui sotto sporgono

le antenne;

 Da adulta ha ali molto lunghe, appiattite sul corpo,

leggermente incrociate distalmente;

 Il primo paio di ali è leggermente sclerificato, il

secondo paio è membranoso, e le ali servono per fare voli planari (tipo paracadute);

 È la più presente nell’ambiente alimentare e vuole caldo umido (celle di lievitazione,

strutture di essicamento);

 È veloce nello sviluppo: 3 mesi a condizioni di elevata umidità e temperatura;

 Il pronoto presenta 2 macchie scure longitudinali (come 2 righe).

Blatta orientalis (specie)

 Raggiunge dimensioni di 3-4 cm;

 È di colore marrone-nero;

 La femmina non ha le ali, ha solo 2 scagliette, il

maschio ha delle ali corte, più corte rispetto al corpo, il

primo paio parzialmente sclerificate e il secondo

membranose;

 Impiega 6 mesi per svilupparsi;

 È meno legata alle alte temperature, ma ha bisogno di alta umidità;

 Era la più frequente 50 anni fa, ma ora è relegata a cantine e magazzini, perché non

riesce a spostarsi bene su superfici lucide, per cui nelle industrie fa fatica a spostarsi

perché non ha le ventose su tutti i tarsi, mentre la blattella germanica le ha.

Periplaneta americana (specie)

 Raggiunge anche i 5 cm;

 È di colore marrone arancio;

 Ha delle ali lunghissime;

 Ha delle antenne lunghissime;

 Il capo è ricoperto dal pronoto;

 Proviene dall’Africa come tutti gli scarafaggi;

 È molto legata a elevate temperature e umidità,

© Laila Pansera - 21

nelle zone calde si trova nei giardini, mentre da noi non trova le condizioni ideali. Nel

sud Italia è presente nelle fognature (a Napoli un po’ di anni fa faceva così caldo che

sono uscite dalle fognature);

 Hanno lo sviluppo di più di un anno;

 Si trovano nelle industrie del cioccolato perché arrivano con le fave del cacao e durante

la trasformazione c’è molta acqua calda nei tombini, per cui stanno anche sotto;

 Non è facile fare una disinfestazione, perché loro si portano all’interno della fognatura e

poi ritornano. Alcune industrie non hanno voluto averle nelle fognature per cui in

collaborazione col comune hanno messo delle reti nelle fognature, che non possono

essere troppo piccole, per cui trattengono solo gli adulti, in maniera tale che a forza di

uccidere adulti con i trattamenti si riducono molto, salvo reintroduzione.

Ordine dei ditteri (Diptera)

• Hanno uno sviluppo olometabolo (uovo, larva, pupa adulto);

• Hanno solo un paio di ali;

• Allo stadio giovanile vivono su substrati umidi;

• Hanno un momento, quello dello stadio pupale, che è protetto dall’ultima spoglia larvale,

il pupario. Esso si aprirà grazie alla spinta dell’adulto che sfrutterà anche l’emolinfa;

• Le uova vengono deposte a pacchettino, ogni uovo esce dalla femmina, ma una

sostanza collosa prodotta dalle ghiandole vaginali li fa attaccare uno all’altro e

rimangono ammassati;

• Quasi per tutte le specie di ditteri la schiusura delle uova è molto veloce;

• Le larve sono piuttosto voraci e crescono in fretta, e raggiungono anche 1 cm, sono

bianche, si muovono molto e non passano inosservate;

• Le larve hanno forma conica, il capo è dalla parte più stretta, e alla fine dell’addome ci

sono 2 aperture respiratorie, hanno apparato boccale dilaniante;

• Gli adulti hanno apparato boccale succhiatore;

• Sono legate agli alimenti, vanno anche su animali morti.

• Percepiscono l’aroma dell’alimento anche a distanze notevoli (1-1,5 km);

• Come le blatte sono un grave problema di tipo igienico-sanitario;

• La loro pericolosità è dovuta soprattutto al loro apparato boccale: loro fanno una

predigestione esterna e un rigurgito, perché sanno succhiare solo le cose più morbide,

se ci sono cose solide le devono attaccare esternamente e poi succhiarle. Nel loro

stomaco e nelle loro feci si è potuto trovare qualsiasi tipo di microrganismo; sono perciò

vettori di microrganismi e virus;

• Le loro feci sono semisolide e lasciano dei puntini neri;

• La femmina, dato che deve proteggere le sue uova e mantenerle in umidità, ha gli ultimi

pezzi che contengono l’addome molto elastici, che si estroflettono a cannocchiale, a

formare un ovopositore di sostituzione, perché esse non sono dotate di un vero

© Laila Pansera - 22

ovopositore perché non hanno un prolungamento della vagina. Con l’ovopositore di

sostituzione, quando trovano un substrato umido, tentano di mettere nel substrato le

uova;

Famiglia dei muscidi

Musca domestica (specie predominante)

• Quelle che vediamo volare possono appartenere anche a

una famiglia o specie diversa;

• Lo sviluppo a temperature estive è molto veloce, circa 10

giorni, le uova sono centinaia, depositate più volte nella vita

della femmina, per cui nel giro di pochi mesi si hanno migliaia di individui;

• La mosca basta che trovi un substrato umido, la femmina può anche deporre le uova

sulle feci e quindi le larve si possono nutrire anche attraverso le feci, ecco perché sono

pericolose;

• Si nutre di qualsiasi cosa: alimenti, marciumi, sostanze in decomposizione.

Famiglia dei piofilidi

Piophila casei (mosca del formaggio, specie)

• È simile alla precedente, ma è di dimensioni

minori e ha un corpo più smilzo;

• È legata strettamente a formaggi freschi, ma

anche carni insaccate (salsicce e affini) non

stagionate;

• Ha uno sviluppo di circa 12 giorni;

• La femmina viene attratta da questi substrati perché sono ancora umidi, poi depone le

uova e le larve si addentrano. Le larve effettuano una predigestione esterna, per cui il

formaggio diventa un predigerito e diventa più morbido; Ci sono persone che mangiano

apposta questo tipo di formaggio, che è vietato per motivi sanitari;

• Le larve sono caratterizzate da movimenti veloci, anche se non hanno le zampe, per cui

sembra che saltino: si piegano su se stesse, gli uncini boccali afferrano l’estremità

caudale e così si muovono a saltelli;

• Un tempo questi insetti potevano scegliere in che substrati andare perché le norme

igieniche non esistevano, per cui sceglievano i formaggi più grassi, e il casaro credeva

nella generazione spontanea, però aveva constatato che il formaggio doveva essere

ricco ancora in acqua, allora faceva dei buchi nelle forme che riteneva adatte e ci

metteva del latte, per cui le femmine arrivavano, bevevano e deponevano;

• Se ingerite dall’uomo, possono provocare ulcere all’apparato digerente.

© Laila Pansera - 23

Famiglia dei sarcofagidi

Moscone grigio della carne (Sarcophaga carnaria) (specie)

• Essi sono più legati a substrati di origine animale:

vanno su salsicce, carni di tutti i tipi e animali morti;

• Hanno uno sviluppo di circa 10 giorni;

• Le larve escono dalle uova appena deposte, sono

voracissime e crescono molto rapidamente.

Famiglia dei calliforidi

• Sono legati a prodotti di origine animale;

• Hanno colorazioni verdi o blu metalliche.

Famiglia dei drosofilidi

Drosofila (genere)

• A questo genere appartengono anche i moscerini della

frutta (Drosophila melanogaster, in foto);

• Sono molto studiati perché utili per la genetica, perché il

loro sviluppo avviene a temperature estive anche in 3-4

giorni, per cui è facile studiarli;

• Sono legati soprattutto ai lieviti, e i lieviti sono in tutti i

vegetali, ma in particolare sull’uva;

• Li vediamo sulla frutta tipo uva e kaki molto maturi;

• Sono un problema per le industrie che lavorano prodotti vegetali;

• All’esterno ci sono solo nei periodi estivi, mentre in un ambiente interno possono

svilupparsi anche tutto l’anno;

• Danno problemi anche all’industria della birra, del vino e dell’aceto, perché sono

vegetali e in fermentazione, e ai reparti di lievitazione dei prodotti da forno;

• Tendono a deporre le uova sui vegetali interessati, ma in incavature.

Ordine degli ortotteri

Sono quelli che noi chiamiamo cavallette.

Ci sono 2 specie di ortotteri che hanno una grandezza di pochi cm, caratterizzati da

antenne molto lunghe e che saltellano, che in questo periodo si possono rifugiare in

magazzini, magari arrivando come tramite dai bancali, e vogliono svernare riparati. Sono

considerati, come gli scarafaggi, vettori di microrganismi. Se poi non c’è una buona

separazione tra magazzino e area di produzione arrivano anche nelle aree di riproduzione.

© Laila Pansera - 24

Ordine degli imenotteri

• Hanno uno sviluppo olometabolo;

• Hanno 2 paia di ali di tipo membranoso;

• Possono arrivare anche in un ambiente di produzione perché non ci sono barriere in

entrata, oppure ci sono dei rifiuti, a seconda del gruppo, ma non dovrebbero essere

presenti;

• Sono un ordine che ha avuto una grande evoluzione.

Famiglia dei formicidi

• Sono le formiche, e sono un problema sanitario;

• Arrivano perché abbiamo dei residui di cibo in giro, in ambito

casalingo sono un problema se ci sono bambini piccoli che

lasciano residui di cibo in giro per la casa, oppure per gli

anziani che lasciano in giro briciole;

• Si spostano soprattutto di notte;

• Le troviamo dove ci sono sfridi di lavorazione che non si

puliscono via; quando si acquistano macchinari occorre comprarli facilmente pulibili;

• Fanno parte degli insetti molto evoluti, sono organizzati in gruppi o famiglie e la società

è di tipo matriarcale, quindi il centro di tutto è la regina, una macchina che

continuamente sforna delle uova, poi ci sono delle formiche che sono operaie, che non

sono in grado di riprodursi, ma hanno varie funzioni in quel nido: andare a prendere il

cibo, nutrire e trasportare la prole, difendere;

• Ci sono moltissime specie di formicidi, di diverse dimensioni e di diversa pericolosità: in

certi paesi caldi possono anche uccidere una persona, perché le numerosissime colonie

aggrediscono una persona, in più hanno nella saliva delle sostanze dannose;

• In relazione agli alimenti possono:

Avere il nido all’esterno, come quelle nere un po’ più grosse, e si nutrono

o essenzialmente di sostanza zuccherina che si trova sui vegetali. Ma se in

industria abbiamo sostanze zuccherine non protette, le formiche entrano,

prelevano e se ne vanno. Le vediamo in fila, perché una formica quando trova

molto da mangiare, produce un feromone che attrae le altre.

Si insediano all’interno in poco spazio, quindi anche dentro a un macchinario, in

o una piastrella rotta, in un muro con delle fessure, e si possono riprodurre tutto

l’anno perché hanno le temperature adeguate per vivere tutto l’anno.

• Non è facile combatterle perché hanno il nido sempre in luoghi non facilmente

raggiungibili, per cui trattare le file con l’insetticida non serve a nulla. Infatti anche

andando ad ammazzare milioni di formiche il nido non si distrugge perché la regina

produce ancora più uova. Occorre trattare il nido, che è ben protetto, e bisogna iniettare

moltissimo biocida, perché la regina è nel posto più protetto dall’allagamento, in più

© Laila Pansera - 25

alcune specie hanno più di una regina, quindi hanno una popolazione divisa in tanti

gruppi collegati da dei percorsi. Quindi è raccomandata la prevenzione: asportare sfridi

di lavorazione, pulire gli ambienti e smaltire i rifiuti (interni ed esterni);

• In molte specie i reali ci sono nel periodo maggio-settembre, in quel periodo i reali

hanno la presenza di ali, perché si devono accoppiare e formare una nuova colonia,

quindi le usano per spostarsi velocemente e formare tante colonie. Non hanno le ali i

reali che sono legati a più gruppi, per cui si producono per gemmazione, e i reali si

spostano verso sotto per formare nuove colonie;

• Verso maggio hanno più bisogno di proteine, per cui vanno a cercare alimenti proteici,

mentre in autunno cercano materiale più zuccherino o amilaceo.

Famiglia dei vespidi

• Ne fanno parte moltissime specie;

• È una società matriarcale dove in primavera sverna la

regina fecondata, che formerà una nuova colonia, che

durerà fino all’autunno; quindi è una società temporanea;

• Ce ne sono di varia dimensione, il calabrone è quella più

grande alle nostre latitudini;

• I nidi possono essere di diametro variabile, dai pochi cm (che includono una trentina di

individui) ai 50 cm, e sono fatti con un impasto di vegetali: foglie secche, pezzi di legno

vario, impastati dall’apparato bocca delle operaie, fino a formare delle scaglie di colore

generalmente marroncino; delle volte utilizzano anche dei giornali o riviste umidi;

• Possono essere anche molto aggressive, hanno un pungiglione con una sacca

velenifera, e ci sono persone che possono manifestare allergia, anche shock

anafilattico;

• Fanno il nido all’esterno, a volte anche nel terreno;

• Se entrano vengono attratti da tutto, perché hanno un apparato boccale non solo

succhiante, ma masticano anche. Si cibano di sostanze zuccherine (marmellata,

zucchero, frutta), ma se vedono della carne o del pesce mangiano anche quelli, tant’è

vero che nei mercati dove c’è il banco del pesce ci volano intorno le vespe;

• Possono dare problemi in particolare all’industria conserviera di vegetali ma anche di

sostanze di origine animale;

• Mai spruzzare un biocida in un nido, occorre chiamare un esperto del settore;

• La vespa può pungere più volte;

Famiglia delle apidi

• Arrivano nell’industria se sentono la presenza di

zucchero: le troviamo nell’industria dolciaria, nella

© Laila Pansera - 26

preparazione di marmellate, e non hanno a che fare con prodotti di origine animale;

• Il miele, per decreto legislativo, è considerato un prodotto di origine animale;

• Ce ne sono tante specie, la specie che dà il miele è soprattutto l’Apis mellifera (in foto),

che è stata addomesticata; ci sono anche delle popolazioni che vanno a prendere il

miele nei favi, e in questo caso non sono api domestiche. In questo caso asportano

parte dei favi (cera e miele), e non ci tornano per molto tempo, per fare in modo che la

famiglia di api non perda tutte le sue sostanze di sostentamento. L’uomo ha come

stretto un patto con questa specie da millenni: le api sono in grado di produrre il miele e

il loro nido, che è fatto con della cera, che deriva ancora dal loro sostentamento. Per cui

se l’uomo fornisce loro una struttura, utilizzeranno meno cera per costruirla e avranno

più sostentamento per produrre miele. Per cui l’uomo fornisce le casette e i favi (telai

vuoti);

• È una società matriarcale: la regina comunica con gli altri membri della popolazione

attraverso feromoni, e anche le operaie producono feromoni. Questa famiglia è come se

fosse un individuo solo, per cui il fine è il mantenimento dell’organismo, e le singole api

da sole non contano nulla, e si sacrificano per difendere l’individuo;

• Le operaie hanno un pungiglione che non è un pungiglione vero e proprio, ma è una

trasformazione dell’apparato genitale, quindi un tempo procreavano anche le operaie.

Da organo di riproduzione diventa l’organo di offesa. Se una persona è punta da un’ape

trova nella sua pelle il pungiglione e una pallina, che è la parte finale dell’addome che

contiene la ghiandola velenifera, ecco perché quando uno è stato punto da un’ape

occorre togliere subito il pungiglione, così entra meno il veleno, e l’ape muore;

• Le operaie durante la loro vita a seconda della loro età svolgono funzioni diverse:

possono nutrire le larve, pulire, possono essere delle api bottinatrici. Esse vanno alla

ricerca di una fonte zuccherina, il nettare, e se trovano dello zucchero lo prendono;

• La melata è dello zucchero proveniente da insetti molto piccoli (pidocchietti delle

piante), che appartengono alla famiglia delle apidi. Alcune specie di apidi producono

melata: hanno un apparato boccale con delle appendici molto lunghe, per cui le

mandibole e le mascelle sono dei tubi introdotti nel vegetale per succhiare la linfa, che è

ricchissima di zucchero e ha pochi amminoacidi. Per avere il giusto apporto

amminoacidico questi insetti dovrebbero essere più cicciotti perché devono assorbire

molta linfa, tuttavia hanno lo stomaco fatto in un modo per cui la linfa viene concentrata

e la parte in eccedenza di zucchero non passa dal centro del canale alimentare, ma

attraversa delle membrane per cui gran parte dello zucchero viene mandato ad un’altra

tubatura ed espulso con le feci. Le foglie vengono ricoperte di melata, e le api se

trovano una pianta che ha la melata, la succhiano, e producono il miele di melata, di

colore scuro e dal sapore forte, e molto ricco di vitamine e sali minerali.

• Nella maggior parte dei casi trovano il nettare dai fiori, e sono in grado di trasmettere

alle compagne informazioni circa l’esatta localizzazione delle fonti di cibo.

© Laila Pansera - 27

• Il nettare viene succhiato e riposto in una sacca, la borsa mellifera, all’interno del primo

tratto del canale digerente. L’ape arriva all’interno dell’apiario e il nettare viene

rigurgitato nell’apertura boccale di un’altra ape che ne aggiunge saliva ed enzimi, e così

via più volte. Questo meccanismo serve a trasformare oligosaccaridi e polisaccaridi in

monosaccaridi e alla fine il miele avrà al massimo 20% di acqua, e il resto è zucchero

(glucosio e fruttosio), più altri componenti in minima parte. A seconda del tipo di fiore

visitato il miele ha un suo colore e un suo sapore. Il miele si può presentare in forma

solida o liquida, e dipende soprattutto dalla quantità di fruttosio e glucosio: se prevale il

glucosio il miele sarà tendenzialmente solido, mentre se prevale il fruttosio il miele sarà

piuttosto liquido. Il miele viene messo nelle cellette, ed esse rimangono aperte finché il

miele asciuga e contiene meno del 20% di acqua. A questo punto le api chiudono le

cellette (opercoli) con della cera da loro prodotta;

• Le api producono anche la pappa reale, come se fosse il loro latte, ricca di

amminoacidi. La pappa reale viene data a tutte le api per i primi 3 giorni di vita, poi verrà

dato loro miele e polline, così da avere le operaie. Chi invece per tutto il percorso si ciba

di pappa reale sarà la nuova regina. Si decide di avere una nuova regina con una

comunicazione tra operaie e regina, e succede che le operaie individuano delle cellette

più grosse e mettono delle uova che quando si schiuderanno verranno alimentate

sempre con pappa reale. Una di queste larve diventerà regina per prima e se è forte

sarà la nuova regina, le altre verranno uccise, se invece la prima ha qualcosa che non

va, viene eliminata. La nuova regina rimarrà in quell’arnia, mentre la vecchia se ne

andrà con alcune operaie, con il fenomeno della sciamatura. Le api in giro con la

vecchia regina la mantengono se è ancora vitale, altrimenti la eliminano e danno origine

a una nuova, il tutto per una maggiore efficienza. Le sciamature non sono di proprietà

dell’apicoltore, ma di chi le va a prendere, e non si possono distruggere;

• La regina sta in centro e le operaie le stanno intorno perché così è ordinato. Quando

arriva l’apicoltore, posiziona una scatola sotto il favo e dà un colpetto tale da far cadere

nella scatola la regina, così intanto le operaie la seguono;

• Le api producono anche la propoli, una sostanza disinfettante. Sono resine, con del

miele e del polline, impastato dalle operaie e viene prodotto dalle api come disinfettante.

Infatti se entra nell’arnia un insetto e loro lo uccidono, non riescono a portarlo fuori e lo

mummificano con la propoli, che ha una funzione antimicrobica. Infatti nel passato le

mummie venivano mummificate con la propoli e altri componenti;

• Dalle api prendiamo anche il polline, perché le api prelevano il polline dai fiori: l’ape

quando va sul fiore succhia il nettare, e ha le zampe posteriori fatte in modo tale da

diventare come delle borse, perché hanno delle pelosità molto evidenti da sporcarsi

molto facilmente di polline, poi sfregano le zampe in maniera che il polline vada verso

l’esterno della zampa, e man mano che il polline aumenta forma una pallina. Quando

noi vogliamo prelevare il polline facciamo diventare il portoncino più piccolo, loro

arrivano ma non riescono a entrare con le 2 borse, per cui ne mollano almeno una e

© Laila Pansera - 28

cade nella cassetta sotto la porta, e il polline va prelevato prima della notte, perché è

ricco di umidità e tenderebbe ad ammuffire, per cui viene raccolto e essiccato. Il polline

è di tanti colori a seconda della pianta di appartenenza. Parte del polline finisce anche

nel miele. Analizzando il polline vediamo che è fatto da tante parti di una forma ben

definita, in base al fiore di appartenenza. Queste informazioni servono a capire la zona

di provenienza del miele, per verificare se la zona di origine del miele è quella

dichiarata.

Imenotteri parassitoidi

• In un ambiente di produzione e stoccaggio di alimenti, ma soprattutto quando viene

stoccato il cereale, vediamo svolazzare degli imenotteri, e le loro femmine hanno in

prossimità dell’apertura genitale un tubo che somiglia a una spada, che emette uova.

Questi insetti sono dei parassitoidi, che mettono il loro tubo dentro o sotto una larva di

un lepidottero o coleottero, e immettono uno o più uova nella larva. Hanno la capacità di

iniettare anche delle sostanze che paralizzano la larva. L’uovo si schiude e la larva

andrà a forare una trachea della larva in cui si è insediata, e si nutre dell’emolinfa della

larva, e la mantiene viva finché diventa adulta. Può capitare che in presenza in

particolare di cereale molto infestato, come processo naturale ci siano tanti parassitoidi;

• Trovare in un magazzino molti parassitoidi significa che l’ambiente è molto infestato,

quindi fanno parte di un equilibrio naturale.

Ordine dei coleotteri

• Li troviamo molto spesso negli alimenti;

• Hanno sviluppo olometabolo;

• Sono tutti in grado di volare, ma volano solo se c’è la necessità, perché sono

strettamente legati al substrato;

• Hanno il capo libero o coperto parzialmente dal pronoto (primo pezzo del torace);

• Il loro sviluppo in condizioni estive (27°C e 70% umidità) è di circa 30 giorni;

• Infestano prima di tutto i cereali;

• Sono lunghi mediamente qualche mm;

• Vengono suddivisi in coleotteri primari e secondari;

Coleotteri primari

• Essi attaccano direttamente il substrato (anche piuttosto consistente).

Famiglia dei drioftoridi

• Vi appartengono 3 specie importanti, che danno più comunemente reclami sui cereali,

ma possono attaccare anche la pasta alimentare;

© Laila Pansera - 29

• Vengono chiamati volgarmente punteruoli, perché dall’alto vediamo l’apertura boccale

formata da un tubo, da cui deduciamo che questo insetto deve scavare;

• Essi depongono le uova dentro il seme: la femmina dopo essersi accoppiata

mangiucchia il seme e con le sue mandibole fa un foro che diventa come un pozzetto, e

una volta che il pozzetto corrisponde all’altezza del clipeo (tubo per deporre uova) si gira

e depone un uovo, poi si rigira e fa un impasto con della saliva e chiude il foro. L’uovo si

schiude e la larva compie tutto il suo sviluppo qui dentro, si trasforma in adulto, fora ed

esce;

• Per un insetto di questo tipo con delle mandibole così sviluppate è facilissimo forare un

imballaggio, tuttavia gli imballaggi sono forati solo dagli adulti perché le larve, pur

essendo ottimi foratori, sono all’interno del substrato e non possono vivere fuori;

• I nomi che gli sono stati dati derivano dal substrato su cui sono stati trovati la prima

volta, ma in realtà attaccano tutti i cereali;

• Attaccano anche la pasta alimentare: entrano dagli spigoli delle confezioni di cartone

oppure dai fori delle saldature dei film, che aumentano l’attrattività del substrato;

• In particolare attaccano la pasta secca e la maggior parte dei richiami arriva dalla pasta

trafilata in bronzo, perché la superficie della pasta risulta rugosa e più facile da forare;

quando si addentrano nella pasta fanno anche dei movimenti elicoidali che non fanno

quando attaccano i cereali. Ci sono anche differenze nel formato di pasta:

è più difficile infestare la pasta lunga perché fanno fatica a muoversi su di essa e

o devono attaccarla dall’estremità, in più se il suo diametro è inferiore a 1 mm, cioè

allo spazio che occupa il seme, non possono deporre;

per quanto riguarda la pasta corta, prediligono quella che ha delle costolature;

o nel caso delle lasagne fanno un percorso parallelo alla superficie;

o per la pasta da minestre il formato risone è più gradito, mentre le tempestine

o sono piccolissime e non vengono attaccate;

• Il riso è più appetibile perché è più naturale e facendo un confronto sono più i reclami

per il riso che per la pasta. In particolare il riso integrale, che è stato il primo a essere

sottoposto al confezionamento sottovuoto. Esso è costituito da un film resistente e

impedisce lo scambio O -CO , per cui è impermeabile. Ci possono essere lo stesso dei

2 2

reclami, perché il riso può essere confezionato infestato e si può vedere un insetto

morto nella confezione;

• La femmina depone 6-8 uova al giorno.

Sitophilus granarius

• Sono marroni;

• Non sono in grado di volare, per cui abbiamo una diffusione

minore di questo rispetto agli altri.

© Laila Pansera - 30

Sitophilus oryzae

• Sono marroni, ma sulle elitre (primo paio di ali, sclerificate) hanno

4 macchie arancioni, e sono in grado di volare in condizioni

estreme;

• L’unica differenza con lo zeamais sono i genitali del maschio.

Sitophilus zeamais

• Come gli oryzae sono marroni, ma sulle elitre (primo paio di ali,

sclerificate) hanno 4 macchie arancioni, e sono in grado di volare

in condizioni estreme.

(Famiglia Bostrichidi)

Rhyzoperta dominica (specie)

• Si comporta molto similmente ai sitofili, ma depone le

uova sul cereale o sulla pasta, poi ci pensa la larva con

zampe toraciche ad entrare nel cereale, quindi la prima

età larvale è esterna;

• È presente in Italia come insetto stabile da poco più di

100 anni, infatti tutti gli insetti hanno origini più calde,

però si sono adattati, mentre questi essendo relativamente nuovi alle nostre condizioni,

si trovano molto bene nei silos di conservazione dei cereali; è una specie presente

soprattutto nel sud Italia;

• I reclami sono pochissimi, perché la confezione viene commercializzata a temperature

più basse di quelle necessarie a quelle del loro sviluppo;

• Sono presenti nei pastifici, soprattutto sotto gli essiccatori;

• Viene anche chiamato “cappuccino dei cereali”, perché il pronoto ricopre il capo

marrone;

• Troviamo spesso negli alimenti parti del loro corpo, specialmente le mandibole, perché

hanno una forma particolare che consente di riconoscerle.

Famiglia dei bruchidi

• Vi appartengono molte specie;

• Sono lunghi pochi mm;

• Hanno il capo molto piccolo, la prima parte del torace

triangolare, le ali corte, e hanno un effetto “ad ariete”;

• Sono ottimi volatori;

• Sono strettamente legati ai legumi, quindi hanno bisogno di notevole apporto proteico, e

possono attaccarli anche sul campo poco prima della raccolta;

© Laila Pansera - 31

• Le larve sono specializzate, per cui alcuni attaccano qualsiasi legume, mentre altre

specie attaccano un particolare legume, e delle volte anche determinate varietà di

fagiolo;

• A seconda della grandezza del legume, all’interno del seme ci può essere un individuo

(come nei ceci e nelle fave), in altri casi ne troviamo più di uno nello stesso seme, e

vanno avanti nel loro sviluppo a rodere fino a ridurre l’interno in qualcosa di polveroso e

puzzolente, quindi basta un piccolo attacco per accorgersene subito;

• Danno problemi enormi in centro e sud America dove i legumi sono la base

dell’alimentazione;

• La deposizione delle uova è sul legume, poi la larva si addentra ed è molto vorace, però

quando all’interno diventa adulto le sue mandibole non sono efficienti, per cui la larva

prima di diventare pupa provvede a fare un tunnel di dimensioni adatte e preserva un

sottile strato e vi si posiziona davanti, in maniera che da adulta avrà il capo verso

l’uscita, e l’uscita è chiusa da questa specie di sipario. Grazie alla spinta dell’emolinfa

farà una sorta di sfondamento e uscirà dal seme;

• Non fora l’imballaggio.

Famiglia degli anobidi

• Hanno uno sviluppo di circa 2 mesi;

• Sono lunghi pochi mm;

• Sono di colore marrone chiaro;

• Visti di profilo notiamo un distacco tra la prima parte del corpo e la

seconda;

• Ce ne sono 2 specie che si differenziano per la conformazione

degli antennomeri;

• Le larve si presentano pelosette, stanno a riposo a forma a C;

• Volano bene e sono dotati di una grande polifagia (mangiano un po’ di tutto) ma una

specie preferisce sostanze amilacee ma si sviluppa anche su spezie, mentre l’altra

preferisce vegetali essiccati ma si può trovare anche nei pastifici;

• Per cui i substrati preferenziali sono paste, cereali, spezie, piante aromatiche;

• Riescono anche a svilupparsi su vegetali che contengono sostanze fortemente tossiche

per i mammiferi, per esempio attaccano il tabacco;

• Uno dei substrati preferiti è la camomilla, e nei filtri della camomilla l’insetto sta fuori ed

estroflette le parti genitali per deporre nel foro;

• Hanno un fototropismo positivo, a differenza di molte altre specie: sono attratti dalla

luce, quindi occorre avere una trappola luminosa per poter fare il monitoraggio; possono

essere monitorati attraverso la produzione di feromone di aggregazione, mentre per le

altre specie di coleotteri sono necessarie delle ispezioni per il monitoraggio, perché le

trappole non competono con il substrato;

© Laila Pansera - 32

• Ancestralmente questa famiglia attaccava il legno, infatti la maggior parte degli anobidi

sono tarli del legno, quindi sono ottimi foratori di imballaggi;

• In casa li vediamo perché sono attratti dalla TV accesa.

Famiglia dei dermestidi

• Arrivano a dimensioni di 4-5 mm;

• Hanno delle antenne che diventano più larghe distalmente;

• Hanno un corpo a macchie e le macchie sono date dal

differente colore di setole;

• Hanno un regime alimentare vario, da adulti d’estate vanno sul polline, possono dare

problemi a salumi e formaggi stagionati, nelle case perché si rifugiano dietro ai

battiscopa di legno;

• Hanno uno sviluppo lento: impiegano anche diversi mesi a diventare adulti;

• Possono mangiare pellicce, quindi anche peli;

• A volte mangiano insetti morti catturati dalle trappole luminose, quindi occorre pulire le

trappole luminose;

• Una specie attacca il cereale dà danni importanti, ma è legata a elevatissime

temperature, quindi da noi non è stanziale;

• Le loro setole hanno una serie di denticolature che possono dare problemi a livello

gastrico all’uomo;

• Le larve sono facilmente riconoscibili perché sono pelose;

• La loro identificazione si basa sulla disposizione delle macchie;

• Mangiano anche vestiti.

Il caffè quando arriva può essere infestato da dei piccoli coleotteri che vivono all’interno del

chicco. Siccome i semi di caffè arrivano verdi e poi vengono tostati, questo coleottero non

dà problemi perché muore. Nei filth test sul caffè possiamo trovare i resti di questi insetti.

(Famiglia degli ostomadi)

Tenebroide

• Ha delle mandibole molto evidenti;

• Lo possiamo trovare nei cereali e va attaccare il germe (embrione),

ma mangia anche le proprie larve se è in carenza proteica e anche

larve di altri insetti;

• Ha una colorazione scurissima;

• Anche le larve sono scure;

• Raggiunge anche i 5-6 mm; © Laila Pansera - 33

• Le mandibole sono molto efficienti, infatti attacca anche il legno, però non ha nulla a che

fare con le confezioni; si può trovare sul pavimento, intorno ai macchinari;

• Aumenta di numero se il locale è infestato.

Famiglia dei ptinidi

• Una specie di questa famiglia ha il corpo addominale e il capo a

pallina, le antenne lunghe che sembrano delle zampe e infatti

sembra un ragno;

• Non è un insetto comune ma lo si trova in prodotti disidratati

(minestre pronte) perché si diffonde a bassa umidità.

Coleotteri secondari

• Preferiscono alimenti morbidi o sfridi di lavorazione, perché hanno le mandibole meno

efficienti;

• Hanno un corpo piatto e sfruttano questa caratteristica per entrare negli imballaggi.

Famiglia dei tenebrionidi

Triboli (nome per identificare diverse specie)

• Hanno il corpo molto differenziato;

• Sono di colore marrone scuro;

• Le larve hanno i cerci e sono a strisce marroncino e

giallastro;

• È l’insetto chiave dei mulini;

• Nei cereali li abbiamo quando ci sono stati attacchi di specie primarie, se il grano è

intonso (intatto) loro non si trovano;

• Nella farina stanno benissimo, in particolare nella farina integrale, perché è ricca di

principi nutritivi, ma si adattano bene a tutte le farine;

• Cedono dei cattivissimi odori: anche la bassa infestazione rende la farina inutilizzabile;

• Le trappole per monitorarle non funzionano molto nei loro confronti, ma si possono

rilevare mediante i controlli;

• Una delle specie più comuni nell’industria molitoria è il Tenebrio molitor, lungo circa 1

cm da adulto, la sua larva è lunga circa 2 cm e sclerificata, ha uno sviluppo lento e non

si trova nelle confezioni ma sotto i macchinari, segno di

poca pulizia.

(Famiglia dei silvanidi)

Orizefili (nome per identificare diverse specie)

• Sono facilmente riconoscibili; © Laila Pansera - 34


ACQUISTATO

20 volte

PAGINE

74

PESO

2.99 MB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze e tecnologie alimentari
SSD:
Università: Milano - Unimi
A.A.: 2016-2017

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher panseralaila di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Difesa integrata degli infestanti e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Milano - Unimi o del prof Locatelli Daria Patrizia.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Difesa integrata degli infestanti

Difesa integrata degli infestanti
Appunto
Principi di difesa integrata degli infestanti
Appunto
Alimentazione e nutrizione umana
Appunto
Qualità e sicurezza alimentare, Sistemi di qualità Solo domande d'esame
Appunto