Che materia stai cercando?

Diagnosi infermieristiche

Appunti di infermieristica basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni del prof. Pietrini dell’università degli Studi di Firenze - Unifi, facoltà di Medicina e Chirurgia, Corso di laurea in infermieristica. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Infermieristica generale docente Prof. L. Pietrini

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

1) PERCEZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE: indaga sullo stato di salute del paziente e sui suoi

comportamenti sanitari abituali (come fumo, adesione a pratiche di prevenzione riguardanti la salute

mentale e fisica e alla volontà di seguire le prescrizioni mediche e infermieristiche).

Verificare: lo stato di salute e benessere percepito dalla persona, il comportamento generale nei

confronti della salute, lo stato di salute in rapporto alla formulazione dei piani per il futuro.

2) NUTRIZIONE E METABOLISMO: evidenzia le abitudini alimentari del paziente, valuta il

consumo di cibo e di liquidi in relazione ai bisogni metabolici. L’aumento o la perdita di peso,

l’appetito, le preferenze alimentari riguardo al cibo, l’uso di integratori vitaminici o nutritivi. Sono

comprese le condizioni della pelle, delle mucose, delle unghie, dei capelli e dei denti, la misurazione

della temperatura corporea, del peso e dell’altezza.

Verificare: consumo di alimenti e bevande, tipi quantità e preferenze di alimenti e bevande, lesioni

cutanee e capacità di cicatrizzazione, indicatori dello stato nutrizionale (condizioni dei capelli, cute,

unghie)

3) ELIMINAZIONE: interessa la funzione escretoria di intestino, vescica e pelle, i parametri di

accertamento indagano le abitudini di eliminazione intestinale e urinaria (uso di lassativi, diuretici o

sostanze che controllano l’escrezione) e le funzioni escretorie della pelle come, ad esempio,

l’eccessiva traspirazione.

Verificare: modelli di funzione escretoria, abitudini e mezzi che la persona adotta per le funzioni

escretorie

4) ATTIVITA’ ED ESERCIZIO FISICO: riguarda le abitudini riguardo attività, svaghi e pratiche

ricreative. I parametri dell’accertamento esplorano la mobilità, le attività abituali e le attività

sportive/ricreative. Comprende il riconoscere deficit neuromuscolari, dispnea, angina etc.

Verificare: esercizio fisico-attività fisiche-tempo libero, attività di vita quotidiana, sport, fattori che

interferiscono l’attività fisica

5) RIPOSO E SONNO: percezione che la persona ha della qualità e della quantità del sonno e riposo e

del suo livello di energia. Sono incluse le abitudini notturne e gli eventuali ausili utilizzati per

dormire, come farmaci.

Verificare: modello di sonno-riposo-rilassamento, percezione della qualità e quantità del proprio

riposo, aiuti e problemi relativi al sonno

6) COGNITIVO E PERCETTIVO: analizza le funzioni cognitive come l’orientamento, il linguaggio,

la memoria, il ragionamento e le abilità sensoriali/percettive come l’udito, la vista, l’olfatto, il gusto

e il tatto. I parametri dell’accertamento sondano le funzioni cognitive (perdita di memoria), presenza

del dolore e di altre sensazioni.

Verificare: adeguatezza delle funzioni sensoriali, percezione e trattamento del dolore, capacità

funzionali nell’ambito cognitivo

7) SESSUALITA’ E RIPRODUZIONE

8) RUOLO E RELAZIONI

9) PERCEZIONE DEL CONCETTO DI SE: si focalizza sui sentimenti riferiti al valore di se e alla

propria immagine corporea, i parametri indagano gli atteggiamenti della persona nei confronti di se

stessa, la percezione che essa ha delle proprie capacità, della propria identità, del valore di se stessa e

del suo grado di partecipazione emozionale.

Verificare: atteggiamenti verso se stessi, percezione delle proprie capacità, immagine corporea-

identità-modello emozionale generale, modello di postura e di linguaggio

10) ADATTAMENTO E TOLLERANZA ALLO STRESS

11) VALORI E CONVINZIONI

RISCHIO DI LESIONE

pag Carpenito 391

pag Craven 704

MODELLO FUNZIONALE COMPROMESSO Modello di percezione e gestione della salute

Stato in cui la persona è a rischio di subire danni a causa

di deficit percettivi o fisiologici, inadeguata

DEFINIZIONE consapevolezza dei rischi o livello di maturazione legato

all’età.

Prevenzione delle cadute, gestione dell'ambiente,

educazione alla salute, sorveglianza, sicurezza,

INTERVENTI identificazioni dei rischi

RISCHIO DI CADUTE

pag Carpenito 412

pag Craven 826

MODELLO FUNZIONALE COMPROMESSO Modello di percezione e gestione della salute

Stato in cui la persona ha un’aumentata probabilità di

cadute accidentali.

DEFINIZIONE Prevenzione delle cadute, gestione dell'ambiente,

educazione alla salute, sorveglianza, sicurezza,

INTERVENTI identificazioni dei rischi

RISCHIO DI ASPIRAZIONE

pag Carpenito 407

MODELLO FUNZIONALE COMPROMESSO Modello di percezione e gestione della salute

Stato in cui la persona è a rischio di ingresso di

DEFINIZIONE secrezioni, solidi, liquidi nelle vie aeree

tracheobronchiali

Compromessa la capacità di deglutizione, a masticare e

CARATTERISTICHE DEFINENTI quindi ad alimentarsi. Riflesso faringeo diminuito o

assente, diminuzione forza dei muscoli addetti alla

masticazione, paralisi facciale ecc ecc

A persone con disturbi del sistema nervoso autonomo

mantenere il decubito laterale se non controindicato dal

INTERVENTI tipo di lesione, verificare posizione della lingua, tenere

sollevata la testa del letto, mantenere adeguata l'igene

orale, verificare costantemente se il posizionamento dal

punto di vista anatomico è corretto

NAUSEA

pag Carpenito 407

MODELLO FUNZIONALE COMPROMESSO Modello cognitivo e percettivo

Stato in cui la persona prova una sensazione spiacevole,

DEFINIZIONE intermittente, a livello della faringe, dell'epigastrio o di

tutto l'addome, che può evolvere o non evolvere in

vomito

Sensazione vaga, sgradevole e soggettiva di mal di

CARATTERISTICHE DEFINENTI stomaco. Può essere accompagnato da sciallorrea,

pallore, sudorazione, tachicardia e può precedere il

vomito.

Promuovere il benessere durante gli episodi di vomito o

nausea, insegnare che alcuni farmaci portano al vomito,

INTERVENTI ridurre o eliminare stimoli nocivi ( affaticamento, odore

di cibo, dolore, stress, malessere, depressione ecc ecc )

La nausea può essere ricollegata a moltissime patologie

COMPROMISSIONE DELLA MOBILITA'

pag Carpenito 451

pag Craven 827

MODELLO FUNZIONALE COMPROMESSO Modello di attività ed esercizio fisico

Stato in cui la persona ha, o rischia di avere, una

limitazione del movimento fisico, senza tuttavia essere

DEFINIZIONE immobile.

MAGGIORI: compromessa capacità di muoversi con un

fine all’interno di un determinato ambiente, per esempio

CARATTERISTICHE DEFINENTI movimenti nel letto, trasferimenti, deambulazione.

Limitazione dell’escursione articolare.

MINORI: obbligatoria dei movimenti, riluttanza a

muoversi.

Per prevenire complicanze mantenere sempre un

allineamento corporeo, attuare una mobilitazione

INTERVENTI progressiva facendo per primo assumere alla persona una

posizione seduta e in base al suo comportamento

spostarsi dal bordo del letto alla poltrona. In caso di

successo fare più step di 15 minuti con la persona alzata

per poi passare alla deambulazione con ausili o senza.

Stimolare in caso di capacità attive, l'uso degli arti

superiori nelle attività della cura di se. Insegnare alla

persona l'utilizzo di ausili di deambulazione tipo

stampelle, deambulatori, bastoni ecc ecc

COMPROMISSIONE DELLA DEAMBULAZIONE

pag Carpenito 459

pag Craven 828

MODELLO FUNZIONALE COMPROMESSO Modello di attività ed esercizio fisico

Stato in cui la persona ha, o rischia di avere, limitazioni

alla possibilità di camminare.

DEFINIZIONE Compromessa capacità di salire le scale, di percorrere a

piedi la distanza richiesta, di camminare in salita e in

CARATTERISTICHE DEFINENTI discesa, di camminare su superfici irregolari, di salire e

scendere dai marciapiedi.

Aiutare a far assumere una posizione seduta prima con le

gambe fuori dal letto poi eventualmente in poltrona. Se

INTERVENTI tollerato aumentare il numero di volte al giorno in cui si

mette la persona in suddetta posizione. Se tollerato

passare alla deambulazione con o senza ausili valutando

la risposta alla deambulazione

COMPROMISSIONE DELLA MOBILITA' NEL LETTO

pag Carpenito 461

pag Craven 828

MODELLO FUNZIONALE COMPROMESSO Modello di attività ed esercizio fisico

Stato in cui la persona ha, o rischia di avere, limitazione

nel muoversi nel letto.

DEFINIZIONE Compromessa capacità di girarsi su un lato, di passare

dalla posizione supina a quella seduta e poi ancora

CARATTERISTICHE DEFINENTI supina, di posizionarsi o adagiarsi nel letto, da supina a

prona e viceversa, da supina alla poltrona e viceversa.

Posizinamenti, spostamenti, trasferimenti

INTERVENTI

COMPROMISSIONE DELLA MOBILITA' CON LA SEDIA A ROTELLE

pag Carpenito 462

pag Craven 828

MODELLO FUNZIONALE COMPROMESSO Modello di attività ed esercizio fisico

Stato in cui la persona ha, o rischia di avere, difficoltà

relative agli spostamenti con la sedia a rotelle e alla

DEFINIZIONE sicurezza.

Compromessa capacità di manovrare una sedia a rotelle

manuale o a motore su una superficie liscia o irregolare,

CARATTERISTICHE DEFINENTI in salita o in discesa, per salire o scendere dai

marciapiedi.

Posizinamenti, spostamenti, trasferimenti

INTERVENTI

COMPROMISSA CAPACITA' DI TRASFERIMENTO

pag Carpenito 463

pag Craven 828

MODELLO FUNZIONALE COMPROMESSO Modello di attività ed esercizio fisico

Stato in cui la persona ha, o rischia di avere, difficoltà

per il trasferimento da/a una sedia a rotelle.

DEFINIZIONE Compromessa capacità di trasferirsi dal letto alla sedia e

viceversa, sul o dal gabinetto/comoda, nella vasca da

CARATTERISTICHE DEFINENTI bagno/doccia, tra livelli diversi, dalla sedia

all’automobile e viceversa, dalla sedia al pavimento e

viceversa, dallo standing al pavimento e viceversa.

Posizinamenti, spostamenti, trasferimenti

INTERVENTI

DISTURBO DEL MODELLO DI SONNO

pag Carpenito 603

pag Craven 1222

MODELLO FUNZIONALE COMPROMESSO Modello di riposo e di sonno

Stato nel quale la persona è soggetta, o rischia di essere

soggetta, a una modificazione della quantità o della

DEFINIZIONE qualità del suo modello di riposo che provoca malessere

o interferisce con lo stile di vita desiderato.

MAGGIORI: difficoltà a prendere sonno o a continuare a

dormire.

CARATTERISTICHE DEFINENTI MINORI: affaticamento al risveglio o durante il giorno;

sonnecchiare durante il giorno; alterazione dell’umore;

agitazione.

Identificare i fattori eziologici e contribuenti, ridurre o

eliminare le distrazioni ambientali e le interruzioni del

INTERVENTI sonno, aumentare le attività diurne ( per quanto

possibile), favorire rituali per il sonno.

DEFICIT DELLA CURA DI SE ( BAGNO-IGENE )

pag Carpenito 280

pag Craven 758

MODELLO FUNZIONALE COMPROMESSO Modello di attività ed esercizio fisico

Stato in cui la persona presenta una compromissione

DEFINIZIONE della capacità di svolgere o completare da sola le attività

legate alle pulizie personali.

CARATTERISTICHE DEFINENTI Difficoltà nell'esecuzione dell'igiene personale

INTERVENTI Pulizia parziale o bagno a letto

DEFICIT DELLA CURA DI SE ( ALIMENTAZIONE )

pag Carpenito 278

pag Craven 758

MODELLO FUNZIONALE COMPROMESSO Modello di attività ed esercizio fisico

Stato in cui la persona presenta una compromissione

DEFINIZIONE della capacità di svolgere o completare da sola le attività

legate all'assunzione di alimenti.

Incapacità di tagliare gli alimenti o di aprire le

CARATTERISTICHE DEFINENTI confezioni, incapacità di portare il cibo alla bocca.

Trattamento della deglutizione, insegnamento,

precauzioni

INTERVENTI

DEFICIT DELLA CURA DI SE ( VESTIRSI E CURARE IL PROPRIO ASPETTO)

pag Carpenito 283

pag Craven 759

MODELLO FUNZIONALE COMPROMESSO Modello di attività ed esercizio fisico

Stato in cui la persona presenta una compromissione

DEFINIZIONE della capacità di svolgere o completare da sola le attività

legate al vestirsi e alla cura dell'aspetto.

Difficoltà nel vestirsi e quindi di mettersi e togliersi

abiti, allacciare i vestiti, curare il proprio aspetto in

CARATTERISTICHE DEFINENTI maniera soddisfacente e incapacità di procurarsi e

cambiarsi i capi di vestiario

Cambio della biancheria personale. Insegnamento

INTERVENTI individuale.

DEFICIT DELLA CURA DI SE ( USO DEL GABINETTO)

pag Carpenito 285

pag Craven 759

MODELLO FUNZIONALE COMPROMESSO Modello di attività ed esercizio fisico

Stato in cui una persona presenta una compromissione

DEFINIZIONE della capacitò di svolgere o completare da sola le attività

legate all'eliminazione.

Incapacità o mancanza di volontà a servirsi del gabinetto

o della comoda, di eseguire pratiche igieniche adeguate,

CARATTERISTICHE DEFINENTI di trasferirsi sul/dal gabinetto o sulla/dalla comoda, di

manipolare gli indumenti per sistemarsi sul gabinetto, di

tirare lo sciacquone o di svuotare la comoda.

Igiene personale, insegnamento, spronare, fissazione di

INTERVENTI obiettivi.

DEFICIT DELLA CURA DI SE ( STRUMENTALE)

pag Carpenito 287

MODELLO FUNZIONALE COMPROMESSO Modello di attività ed esercizio fisico

Stato nel quale la persona presenta una compromissione

della capacità di svolgere determinate attività o di

DEFINIZIONE accedere a determinati servizi essenziali per gestire la

casa e la famiglia

Difficoltà osservata o riferita in una o più delle seguenti

attività: usare il telefono, accedere ai mezzi di trasporto,

CARATTERISTICHE DEFINENTI lavare, stirare, preparare i pasti, fare la spesa, gestire il

denaro e assumere farmaci.

Scala per valutare le capacità della persona, aiutare la

INTERVENTI persona ad identificare gli strumenti per l'auto-aiuto.

COMPROMISSIONE DELLA MUCOSA ORALE

pag Carpenito 543

MODELLO FUNZIONALE COMPROMESSO Modello nutrizionale e metabolico

Stato in cui la persona è soggetta, o rischia di essere

DEFINIZIONE soggetta, a modificazioni patologiche del cavo orale.

MAGGIORI: sovvertimento della mucosa orale.

MINORI: variazione del colore (eritema, pallore,

CARATTERISTICHE DEFINENTI leucoplachia, lesioni e ulcere); variazioni di umidità

(aumento o diminuzione della salivazione); variazioni

della pulizia (detriti, cattivo odore, decolorazione dei

denti); variazione dell’integrità della mucosa (difficoltà

di deglutizione, diminuzione del gusto); variazioni

percettive (difficoltà di deglutizione, diminuzione del

gusto, difficoltà a portare protesi, bruciori, dolore e

variazione della qualità della voce)

Evitare colluttori ad alto contenuto di alcool, Sciacquare

la bocca con soluzioni salina o con bicarbonato di sodio,

INTERVENTI applicare lubrificante per labbra ogni 2 ore, ispezionare

la bocca per eventuali lesioni o infiammazioni, dieta

equilibrata, evitare cibi speziati pizzati.

NUTRIZIONE INFERIORE AL FABBISOGNO

pag Carpenito 475

pag Craven 1022

MODELLO FUNZIONALE COMPROMESSO Modello nutrizionale e metabolico

Stato nel quale l'apporto di nutrienti è insufficiente a

DEFINIZIONE soddisfare i bisogni metabolici dell'individuo.

MAGGIORI: Una persona non a digiuno riferisce di

assumere o assume alimenti in misura minore rispetto

CARATTERISTICHE DEFINENTI alla razione giornaliera raccomandata, senza o con calo

ponderale

MINORI: peso corporeo inferiore al peso ideale del 10-

20% o più, debolezza e dolori muscolari, irritabilità o

confusione mentale.

Spiegare la necessità di un adeguato consumo di

carboidrati, proteine e grassi, consultare il dietista,

INTERVENTI discutere con la persona delle possibili cause della

riduzione dell'appetito, incoraggiare a riposare prima dei

pasti, tanti pasti leggeri invece di pochi abbondanti,

incoraggiare e aiutare la persona a mantenere un

adeguata igiene orale.

NUTRIZIONE SEPERIOREAL FABBISOGNO

pag Carpenito 496

pag Craven 1022

MODELLO FUNZIONALE COMPROMESSO Modello nutrizionale e metabolico

Stato nel quale la persona subisce, o rischia di subire, un

DEFINIZIONE aumento di peso correlato a un’assunzione di alimenti

eccessiva rispetto al fabbisogno metabolico.

MAGGIORI: Sovrappeso ( peso superiore del 10% al

peso ideale secondo l'altezza e la costituzione ), Obesità

CARATTERISTICHE DEFINENTI ( peso superiore del 20% al peso ideale secondo l'altezza

e la costituzione ).

MINORI: Viene riferito un modello di alimentazione

indesiderato, assunzione in eccesso rispetto al

fabbisogno metabolico, modello di vita sedentario

Incoraggiare la persona a valutare le entrate contando le

calorie, anziche basarsi sulla sensazione di sazietà. Se

INTERVENTI non ci sono controindicazioni, usare spezie in

abbondanza per soddisfare il diminuito senso del gusto.

Spiegare l'aumento dell'appetito dovuto all'uso di certi

farmaci. Aiutare a ridurre l'apporto calorico. Insegnare

alla persona come aumentare il livello di attività fisica.


PAGINE

24

PESO

40.43 KB

AUTORE

engyfro

PUBBLICATO

5 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in infermieristica (BORGO SAN LORENZO, EMPOLI, FIGLINE VALDARNO, FIRENZE, PISTOIA, PRATO)
SSD:
Università: Firenze - Unifi
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher engyfro di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Infermieristica generale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Firenze - Unifi o del prof Pietrini Luca.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Infermieristica generale

Tesina d'addio
Appunto
Schema modelli funzionali delle teoriche del nursing
Appunto
Infermieristica Generale
Appunto
Infermieristica generale - Appunti
Appunto