Che materia stai cercando?

Dermatologia e chirurgia plastica - espansione tissutale Appunti scolastici Premium

Appunti di Dermatologia e chirurgia plastica del professor Ferraro sull'espansione tissutale e sui seguenti argomenti: istopatologia, l'espansore, la procedura, l'impiego clinico, ricostruzione mammaria, tronco ed arti, il cuoio capelluto, le complicanze, riempimento del palloncino in silicone.

Esame di Dermatologia e Chirurgia Plastica docente Prof. G. Ferraro

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

ESPANSIONE TISSUTALE

Sollecitazioni continue e progressive applicate ai tegumenti, risultano in un progressivo aumento

della superficie sollecitata. Tale incremento è assolutamente fisiologico e un tipico esempio ne è la

cute in gravidanza. Anche condizioni patologiche quali l’ obesità o il linfedema causano una

espansione tissutale con neoproduzione di tegumenti e un aumento della superficie cutanea. Oggi l’

espansione tissutale con i suoi protocolli clinici standardizzati ed un razionale chiaro e ben

documentato può essere inserita nel novero delle tecniche di base della chirurgia plastica

ricostruttiva. Espandendo i tessuti vengono forniti i tegumenti necessari alla riparazione sia per

prima intenzione,favorendo l’ accostamento dei margini di una perdita di sostanza, sia per l’

allestimento di lembi locali garantendo la quantità di tessuto necessario ad avanzamenti,rotazioni o

trasposizioni.

Istopatologia

I fenomeni sono così riassumibili:

1) Epidermide: ispessimento per iperplasia cellulare con riduzione degli spazi intracellulari ed

aumento delle mitosi della membrana basale. L’ ispessimento è relativo e torna a valori normali

nell’ arco di 4 settimane.

2) Derma: aumentano la fibroplasia e la deposizione del collagene. Le fibre collagene modificano

la propria struttura riallineandosi. Diminuisce lo spessore intrinseco del derma e le appendici

dermiche si separano.

3) Annessi: follicoli piliferi e ghiandole non subiscono sostanziali mutamenti, non vanno incontro a

degenerazione e si ha un incremento dell’ attività melanocitaria, che però si normalizza a fine

ricostruzione.

4) Adipociti: Si atrofizzano,talora permanentemente.

5) Muscolo : Va incontro ad ispessimento ed atrofia divenendo sottile e compatto e mantiene la

funzionalità.

6) Capsula: fibrosa periprotesica.

7) Vascolarizzazione: Il numero dei capillari aumenta ed è la base nutrizionale dei tessuti espansi.

L’ espansore

Involucro di silicone dotato di un dispositivo valvolare auto sigillante,integrato o a distanza, il cui

volume iniziale è aumentato grazie ad iniezioni intravalvolari di soluzione salina sterile.

Procedura

Il sito da espandere deve essere preferibilmente vicino all’ area da ricostruire e i tessuti da

espandere preferibilmente analoghi per qualità. L’ impianto avviene tramite incisione cutanea che

può coincidere con una delle linee che secondariamente saranno impiegate per l’ allestimento di un

lembo ricostruttivo, o a distanza. Il dispositivo viene solitamente posizionato al di sotto di cute e

sottocutaneo, scollando i tessuti in misura necessaria; in aree di tessuto sottile, può essere posto

anche al di sotto dello strato muscolare. Non appena la breccia chirurgica impiegata cicatrizza si

procede con il riempimento. L’ espansione avviene in maniera graduale, ambulatorialmente, con l’

iniezione di soluzione fisiologica in quantità variabile a seconda della tollerabilità del paziente e dei

tessuti stessi. Un problema che deve far sospettare un problema in corso di espansione è la flogosi.

In particolare un eritema persistente dell’ area espansa deve far sospettare una espansione

eccessivamente rapida o una infezione. Una volta raggiunto il volume prestabilito, ovvero una volta

formatasi la quantità sufficiente di cute alla ricostruzione si procede con l’ intervento di rimozione

dell’ espansore. In questa fase poi si completa la ricostruzione. Alcune ricostruzioni però si giovano


PAGINE

2

PESO

15.69 KB

AUTORE

flaviael

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia (ordinamento U.E. - durata 6 anni) (CASERTA, NAPOLI)
SSD:

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher flaviael di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Dermatologia e Chirurgia Plastica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Seconda Università di Napoli SUN - Unina2 o del prof Ferraro Giuseppe.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Dermatologia e chirurgia plastica

Dermatologia e chirurgia plastica - patologia malformativa
Appunto
Dermatologia e chirurgia plastica - difetti estetici
Appunto
Dermatologia e chirurgia plastica - lembi di pelle
Appunto
Dermatologia e chirurgia plastica - la sifilide
Appunto