Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

 

 È  soggetto  a  fallimento  solo  l’imprenditore  commerciale.  Indipendentemente  dalla  forma  che  esercita.    

 

L’imprenditore  agricolo  non  è  soggetto  a  fallimento.  

L’imprenditore  commerciale  è  soggetto  a  fallimento  se  supera  certi  parametri:  

-­‐  attivo  annuo  non  superiore  a  300000€  

-­‐  un  fatturato  annuo  non  superiore  a  200000€    

-­‐  debiti  non  superiori  a  500000€  

 vedi  legge  fallimentare.    

Art  1  e  art  147    

 

Art  230  bis  impresa  famigliare.  !  impresa  famigliare  che  riguarda  l’ipotesi  che  all’attività  d’impresa  

partecipino  i  famigliare  dell’imprenditore  ma  che  non  abbiano  un  contratto.    

 

IMPRESA  PUBBLICA:  le  norme  sull’intervento  pubblico  in  economia  sono  norme  costituzionali.    

Art  41  e  art  43    

 

Art  41  comunista  

Art  43  liberale  

 

L’imprenditore   può   essere   privato   o   pubblico,   abbiamo   2   tipi   di   impresa   una   sostanzialmente   e   anche  

formalmente  pubblica  invece  l’altra  solo  sostanzialmente.    Nella  seconda  categoria  rientrano  tutti  quei  

casi   dove   in   soggetto   giuridico   è   formalmente   privato,   ma   è   riscontrabile   una   partecipazione  

prevalente  dello  stato  o  di  altro  ente  pubblico.    

Il  caso  formalmente  di  impresa  pubblica  può  assumere  due  distinte  configurazioni:  

  Impresa-­‐organi:   quando   l’impresa     esercitata   direttamente   dallo   stato   o   da   altro   ente   pubblico  

territoriale   tramite   una   specifica   organizzazione   dotata   di   semplice   autonomia   gestionale,   ma   priva   di  

distinta  personalità  giuridica.    

Ente   pubblico   economico:   quando   l’impresa   è   svolta   da   un   ente   ad   hoc,   munito   di   propria  

personalità   giuridica,   che   ha   per   scopo   esclusivo   e   prevalente   l’esercizio   di   quella   specifica   attività  

economica.    

Gli   enti   pubblici   economici   sono   parificate   in   tutto   alle   imprese   private   con   la   sola   differenza  

dell’esonero   dalle   procedure   concorsuali   ordinarie,   sostituite   dalla   liquidazione   coatta   amministrativa  

e  da  procedure  speciali  previste  nelle  rispettive  leggi.  Per  i  titolari  di  impresa-­‐organo  è  sicuro  che  si  

applichino  le  norme  generali  in  materia  di  impresa,  mentre  è  dubbio  se  e  in  quale  misura  si  applichi  lo  

statuto  dell’imprenditore  commerciale.  

 

Il   soggetto   a   cui   viene   imputata   l’attività   d’impresa   può   essere   un   singolo   individuo   o   un   soggetto  

collettivo.    

I  vari  tipi  di  società  rappresentano  la  più  importante  ipotesi  di  imprenditore  collettivo.  

Fondamentale   è   la   distinzione   tra   società   che   possono   svolgere   solo   attività   non   commerciale(   la  

società  semplice)  e  società  che  possono  svolgere  ogni  tipo  di  attività  commerciale  e  no  (tutte  le  altre  

società).  

 

Le  forme  di  esercizio  collettivo  dell’impresa  diverse  dalle  società.  

-­‐ le  associazioni:  la  presenza  di  uno  scopo  associativo  di  natura  ideale.  

-­‐ Le   fondazioni:   che   peraltro   non   avendo   base   associativa   non   possono   essere   considerate   come  

imprenditore  collettivo.    

-­‐ I   consorzi   con   attività   esterna:   organizzazioni   istituite   da   più   imprenditori   per   la   disciplina   o   lo  

svolgimento  in  comune  di  determinate  fasi  delle  rispettive  imprese  tramite  l’istituzione  di  un  ufficio  

destinato  a  svolgere  attività  con  i  terzi.  

-­‐ I   gruppi   europei   di   interesse   economico:   si   tratta   di   un   organismo   di   servizio   introdotto   da   un  

regolamento  comunitario  analogo  al  consorzio  e  da  quale  si  differenzia  soprattutto  per  il  fatto  di  non  

essere  riservato  solo  ai  soli  imprenditori,  ma  a  qualsiasi  operatore  economico(  anche  ai  professionisti)  

-­‐ Le  reti  di  imprese:  si  tratta  di  contratti  fra  imprese,  simili  ai  consorzi,  volti  a  favorire  la  crescita  

tramite   reciproca   collaborazione.   Di   regola   le   imprese   in   rete   restano   autonome   e   non   si   da   luogo   alla  

nascita   di   un   soggetto   distinto   da   esse.   Se   è   però   previsto   un   fondo   comune   la   reto   può   scegliere,  

optando   per   determinate   formalità   pubblicitarie,   di   acquistare   soggettività   giuridica   e   dunque   di  

diventare  imprenditore.    

-­‐ L’impresa  coniugale:  istituto  di  diritto  di  famiglia  che  contraddistingue  le  aziende  costituisce  dopo  

il  matrimonio  e  gestite  da  entrambi  i  coniugi  che  siano  in  regime  di  comunione  legale.    

 

REGISTRO  DELLE  IMPRESE  (la  pubblicità  legale)  

 

Con   il   codice   del   42   era   previsto   che   le   imprese   commerciali   e   la   società     debbano   essere   iscritte  

presso  un  apposito  registro.  

 Il  registra  delle  imprese  è  stato  istituito  nel  1993  

Gli   imprenditori   si   iscrivevano   alle   camere   di   commercio,   nel   1993   venne   emanata   una   legge,     dove  

viene  istituito  alla  camera  di  commercio  un  registro  delle  imprese.    

Il   registro   delle   imprese   serve   come   forma   di   pubblicità   legale   cui   dovevano   essere   sottoposti  

determinati  atti  e  fatti  relativi  alle  imprese  al  fine  di  renderli  conoscibili  e  opponibili  a  terzi.  

L’obbligo   di   iscrizione   era   stabilito   solo   per   gli   imprenditori   commerciali   e   non   piccoli   e   le   società  

commerciali.    

 

Questo  registro  delle  imprese  viene  esteso  con  l’aggiunta  delle  sezioni  speciali:  

-­‐1  imprese  agricole  

-­‐2  piccoli  imprenditori  

-­‐3società  semplici  (  non  possono  svolgere  attività  commerciali)  

-­‐4  società  fra  avvocati  

-­‐5  enti  titolari  di  imprese  sociali    

-­‐6ecc  

 

 

Le   società   soggette   a   iscrizione   nel   registro   delle   imprese   devono   indicare   negli   atti   e   nella  

corrispondenza  la  sede  della  società,  l’ufficio  del  registro  presso  il  quale  essa  è  iscritta,  e  il  numero  di  

iscrizione,   nonché   se   la   società   è   in   liquidazione.   Le   società   di   capitali   devono   altresì   indicare   il  

capitale  versato  ed  esistente  sulla  base  dell’ultimo  bilancio;  spa,  srl  devono  indicare  se  hanno  un  unico  

socio.  

 

Iscriversi  al  registro  delle  imprese  è  una  forma  di  pubblicità  legale.  Si  articola  in:  

-­‐notizia  (comunicare  l’atto)  

-­‐pubblicità  costitutiva  

-­‐pubblicità  dichiarativa  (serve  per  rendere  opponibili  ai  terzi  le  notizie  presenti  nei  registri.  

 

Art  8  l’iscrizione  nelle  sezioni  speciali  ha  funzione  di  certificazione  anagrafica  e  di  pubblicità  notizia.    

 Nello  stesso  registro  abbiamo  3  effetti.  

Imprenditori  normali  (commerciale):  pubblicità  dichiarativa  

Società  di  capitali:  pubblicità  costitutiva  

Artigiano:  pubblicità  notizia  

Per  l’imprenditore  agricolo  anche  piccolo    ha  efficacia  dichiarativa.    

 

La  presunzione  di  conoscenza  decorre  dal  16esimo  giorni  dall’iscrizione.  

Per   l’iscrizione   vale   il   principio   di   tassatività,   possono   e   devono   essere   iscritti   solo   atti   e   fatti   la   cui  

iscrizione  è  prevista  dalla  legge.  

 

Il   registro   è   tenuto   su   base   provinciale   dalla   camera   di   commercio.   L’ufficio   del   registro   delle   imprese  

è   retto   da   un   conservatore   e   la   sua   attività   è   soggetta   alla   vigilanza   di   un   giudice   delegato.   Il   registro   è  

articolato:  

in  una  sezione  ordinaria  

" in  sezioni  speciali  

"

   

LE  SCRITTURE  CONTABILI  

Servono  a  costruire  la  storia  dell’impresa  e  a  determinare  i  rapporti  dell’impresa  con  altre  imprese.  

 

Queste  norme  indicano:  

  Fascicolo  della  corrispondenza  

" Libro  giornale  

" Libro  inventari  

"

 

La  società  per  azioni  (spa)  oltre  a  questa  3  cose  ha:  

libro  dei  soci    

"

 

 

Libro  della  corrispondenza:  raccoglie  tutta  la  corrispondenza  commerciale  dell’imprenditore.  

 

Libro  giornale:  annota  in  ordine  cronologico    tutte  le  operazioni  dell’impresa.  

 

Libro  degli  inventari:  da  la  situazione  patrimoniale  dell’impresa.  

 

Tenuta  delle  scritture  contabili:  devono  essere  tenute  regolarmente.-­‐-­‐>  

Importante  perché!  sanzioni  penali  per  l’irregolarità  delle  scritture  contabili.    

Non  sanzioni  dirette  per  l’imprenditore,  ma  sanzioni  indirette.  

L’imprenditore  non  può  usufruire  di  misure  favorevoli  di  concordato.  

 

Le  scritture  contabili  posso  essere  utilizzate  in  giudizio  come  mezzo  di  prova  sia  a  favore  che  contro  

l’imprenditore  che  le  ha  tenute.  

 

Le   scritture   contabili   possono   portare   vantaggio   per   l’imprenditore.     L’importante   è   che   siano  

regolarmente   tenute,   e   che   vengano   utilizzate   contro   un   altro   imprenditore   e   che   la   controversia  

riguardi  rapporti  inerenti  con  l’impresa.  

 

 

art  2711  possibilità  che  il  giudice  ordini  l’esibizione  integrale  delle  scritture  contabili.    

 

Limitato  ad  alcuni  casi:    

 

-­‐scioglimento  della  società  

-­‐successione  

-­‐comunione  legale  dei  beni  

 

La  società  per  azioni  è  l’unica  società  a  cui  vengono  imposti  i  termini  per  come  devono  essere  redatti  i  

bilanci.    

 

 

AUSILIARI  DELL’IMPRENDITORE:  

 

rappresentanza:    

 

art1388:     il   contratto   concluso   dal   rappresentate   in   nome   e   nell’interesse   del   rappresentato,   nei   limiti  

delle  facoltà  conferitegli,  produce  direttamente  effetto  nei  confronti  del  rappresentato.    

Le  figure  legali  di  ausiliari  dell’imprenditore  sono  tre:  

institore  

" procuratore  

" commesso  

"

corrispondono   a   diversi   gradi   gerarchici   nell’organizzazione.   Sono   tutte   dotate   da   un   potere   di  

rappresentanza,   l’imprenditore   può   limitare   questo   potere   con   uno   specifico   atto.   Questo   specifico  

atto  coincide  con  la  procura.  

Se   l’imprenditore   conferisce   una   procura   a   un   terzo   per   il   compimento   di   un   determinato   atto   si  

applicheranno  le  determinate  norme  in  materia  di  rappresentanza.    

 

Institore   (direttore   generale):   nominato   con   una   procura   che   deve   essere   registrato   e   può   compiere  

tutti  gli  atti  relativi  all’impresa,  ma  non  può  alienare  beni  immobili  e  nemmeno  l’azienda.    

Possono  esservi  più  institori,  salvo  che  non  sia  diversamente  stabilito  nella  procura,  essi  possono  agire  

disgiuntamente.    

L’institore  è  dotato  di  un  potere  di  rappresentanza.    

 

Procuratore:   sono   quei   soggetti   che   in   base   a   un   rapporto   continuativo   hanno   il   potere   di   compiere  

per  l’imprenditore  gli  atti  pertinenti  all’esercizio  dell’impresa,  pur  non  essendo  a  ciò  preposti.    

Funzionari  muniti  di  poteri  decisionali  autonomi.    

 

Commessi:  hanno  una  serie  di  limiti  legali,  non  possono  vendere  i  prodotti  dell’impresa  e  non  possono  

fare  sconti  senza  autorizzazione  dell’imprenditore.  

Sono  i  collaboratori  esecutivi  dell’imprenditore.    

 

Le  procedure  concorsuali:  

  il  fallimento:  classica  procedura  concorsuale  di  tipo  liquidatorio  finalizzata  a  realizzare  il  residuo  

"

attivo   e   a   ripartire   il   ricavato   tra   i   creditori,   ne   sono   esenti   gli   imprenditori   commerciali   che   non  

raggiungono  determinate  soglie  quantitative  e  gli  imprenditori  agricoli.    

Liquidazione   coatta   amministrativa:   quando   assume   particolare   rilievo   l’interesse   generale   il  

"

fallimento  è  sostituito  da  questa  procedura.  

Amministrazione   straordinaria   delle   grandi   imprese   in   stato   di   insolvenza:   quando   interessa  

"

determinati  soggetti  che  superano  determinate  dimensioni  da  suscitare  interesse  pubblico.    

Alternativa   al   fallimento   abbiamo   il   concordato   preventivo:   ha   lo   scopo   di   risarcire   l’impresa   in  

"

crisi   sia   quello   di   comporre   velocemente   la   crisi   dell’impresa   insolvente   mediante   un   accordo   tra  

debitore  e  creditori  omologati  dall’autorità  giudiziaria.    

 

 

AZIENDA:  

azienda:  art  2555:  complesso  di  beni  organizzati  dall’imprenditore  per  l’esercizio  dell’impresa.    

L’azienda  costituisce  un’universalità  di  beni:  art  1156,  1160.  

 

Affitto  e  usufrutto:  

  art   2561   usufrutto   dell’azienda:   l’usufruttuario   dell’azienda   deve   esercitarla   solo   la   ditta   che   la  

"

contraddistingue.   Egli   deve   gestire   l’azienda   senza   modificarne   la   destinazione   e   in   modo   da  

conservare   l’efficienza   dell’organizzazione   e   degli   impianti   e   le   normali   dotazioni   di   scorte.   Se   non  

adempie  a  tale  obbligo  cessa  automaticamente.    

Art  2562  affitto  dell’azienda:  le  disposizioni  dell’articolo  precedente  si  applicano  anche  nel  caso  di  

"

affitto  di  azienda.  

 

Divieto  di  concorrenza  art  2557  

Vieta   all’alienante   di   un’azienda,   per   un   periodo   di   5   anni   dal   trasferimento,   l’inizio   di   una   nuova  

impresa  che  sia  idonea  a  sviare  la  clientela  dell’azienda  ceduta  in  ragione  dell’oggetto,  dell’ubicazione  

o  di  altre  circostanze.    

 

Chi  cede  un’azienda  non  può  iniziare  un’attività  in  concorrenza  con  quella  appena  ceduta.    

Se  cede  un’azienda  e  continua  a  fare  in  un’altra  azienda  quello  che  già  faceva,  non  c’è  concorrenza.  

Divieto  di  concorrenza  riguarda  l’inizio  di  una  nuova  attività.  

 

La   successione   nei   contratti   aziendali:   al   fine   di   agevolare   il   mantenimento   dell’unità   economica  

dell’azienda   è   agevolato   il   subingresso   dell’acquirente   nella   trama   dei   rapporti   contrattuali   in   corso   di  

esecuzione  che  l’alienante  ha  stipulato  con  fornitori,  finanziatori,  lavoratori  e  clienti  (2558).  

L’acquirente   dell’azienda   ha   interesse   a   subentrare   in   tali   contratti   e   tale   interesse   è   tutelato   con  

l’introduzione  di  significative  deroghe  alla  disciplina  generale  della  cessione  dei  contratti.  

Art.2558:  se  non  è  stabilito  diversamente,  l’acquirente  dell’azienda  subentra  nei  contratti  stipulati  per  

l’esercizio  dell’azienda  stessa  che  non  abbiano  carattere  personale.  Al  terzo  contraente  è  riconosciuto  

il   diritto   di   recedere   dal   contratto   entro   tre   mesi   dalla   notizia   del   trasferimento,   se   sussiste   una   giusta  

causa,  salvo  in  questo  caso  la  responsabilità  dell’alienante.  

Una   espressa   pattuizione   fra   alienante   ed   acquirente   è   necessaria   solo   se   si   vuole   escludere   la  

successione  in  uno  o  più  contratti  in  corso  di  esecuzione.  

La   posizione   del   terzo   contraente:   il   consenso   del   terzo   contraente   non   è   più   necessario   per   il  

trasferimento   del   contratto   e   l’effetto   successorio   si   produce   dal   momento   stesso   in   cui   diventa  

efficace  il  trasferimento  dell’azienda.  Egli  può  recedere  dal  contratto  (entro  tre  mesi  dalla  notizia  del  

trasferimento   dell’azienda),   solo   se   sussiste   una   giusta   causa   e   spetterà   al   terzo   contraente   provare  

che  l’acquirente  dell’azienda  si  trova  in  una  situazione  oggettiva  (personale,  patrimoniale  o  aziendale)  

tale  da  non  dare  affidamento  sulla  regolare  esecuzione  del  contratto.  

Il   recesso   non   determina   il   ritorno   del   contratto   in   testa   all’alienante,   bensì   la   definitiva   estinzione  

dello  stesso.  

I   medesimi   principi   ispirano   le   norme   che   regolano   la   circolazione   di   taluni   rapporti   contrattuali  

inerenti  all’azienda:  contratto  di  lavoro  subordinato  (2112,  godono  di  particolari  tutele),  di  consorzio  

(2610,   il   nuovo   imprenditore   per   essere   accettato   nel   consorzio   necessita   del   consenso   degli   altri  

consociati),  di  edizione  (ci  deve  essere  autorizzazione  dell’autore),  di  locazione  di  immobile  destinato  

all’esercizio  di  attività  industriale,  commerciale  o  artigiana.  

 

La  successione  dei  crediti:    

 

Salva  diversa  pattuizione  contrattuale,  l’acquirente  subentra  nei  crediti  come  effetto  del  trasferimento  

dell’azienda.  

Il   regime   di   opponibilità   si   discosta   dalla   regola   generale,   in   base   alla   quale   per   rendere   la   notifica  

della  cessione  di  credito  opponibile  ai  debitori  ceduti  e  ai  terzi  è  necessaria  la  notifica  della  cessione  al  

debitore  oppure  la  sua  accettazione,  prevedendo  che  la  cessione  ha  effetto  nei  confronti  dei  terzi  dal  

momento   in   cui   il   trasferimento   d’azienda   è   iscritto   nel   registro   delle   imprese,   anche   in   difetto   di  

notifica  o  accettazione  della  cessione  al  debitore.  

L’art.  2559  c.c.  peraltro,  pone  una  rilevante  deroga  all’indicata  efficacia  dichiarativa  dell’iscrizione  del  

trasferimento   d’azienda,   giacché   il   pagamento   effettuato   in   buona   fede   dal   debitore   all’alienante   è  

liberatorio  anche  se  compiuto  dopo  l’iscrizione.  

 

La  successione  dei  debiti:  

 

L’art.   2560   c.c.   non   si   occupa   affatto   del   problema   del   passaggio   della   posizione   debitoria   nei   rapporti  

interni  fra  alienante  e  acquirente:  si  tratta  di  un  profilo  liberamente  disponibile  fra  le  parti  che,  salvi  

ovviamente  i  diritti  che  la  legge  assicura  ai  creditori,  sono  liberi  di  far  “passare”  o  meno  i  debiti  in  capo  

all’acquirente.  

Nel  caso  in  cui  il  contratto  nulla  preveda  si  ha  l’applicazione  del  principio  del  passaggio  automatico.  

Il   legislatore   si   occupa,   invece,   della   responsabilità   verso   i   creditori,   al   fine   di   evitare   che   la   vicenda  

circolatoria  possa  dar  luogo  a  fenomeni  elusivi.  

La   liberazione   dell’alienante   dai   debiti   aziendali   presuppone   l’espressa   dichiarazione   in   tal   senso   da  

parte  di  ogni  singolo  creditore.  

I  segni  distintivi  di  un’azienda  sono:  

Ditta    

• Insegna    

• Marchio  

A  seguire  quella  dei  diritti  sulle  opere  dell’ingegno  e  sulle  invenzioni  industriali.  Suddivisa  tra:    

Diritto  d’autore  

• Brevetti    

 

Quindi   questi   segni   distintivi   caratterizzano   l’avviamento   positivo   ma   anche   quello   negativo,   ovvero  

quando   viene   acquistata   un’impresa   ad   un   prezzo   basso   ma   con   alle   spalle   un   importo   elevato   di  

debiti.    

Un   altro   soggetto   che   ne   trae   vantaggio   dai   segni   distintivi   è   il   consumatore.   Perché   può   capire   subito  

la  provenienza  del  prodotto,  e  quindi  non  essere  ingannato  dal  marchio.  

 

MARCHIO:  

 

è   il   segno   distintivo   dell’impresa   di   maggiore   rilievo   economico   in   quanto   ne   contraddistingue   i  

prodotti  e  i  servizi.    

Serve   a   diversificare   l’impresa,   un   prodotto   dagli   altri,   funzione   distintiva   e   consente   altresì  

all’imprenditore  di  monetizzare  questa  capacità  distintiva.  

 

Oggi   i   marchi   si   possono   trasferire   e   si   possono   dare   in   gestione.   Una   volta   insieme   al   marchio   si  

doveva  trasferire  anche  l’azienda.    

 

Il   consumatore  non   è   tutelabile,   se   il   mercato   vuole   ingannare   il   consumatore   e   portarlo   ad   acquistare  

un  determinato  prodotto,  riesce  ad  attrarlo.  

 

Il  marchio  nasce  nel  periodo  tra  le  due  rivoluzione  (francese  e  industriale)  

Perché  cresce  la  liberta  di  mercato  e  anche  la  produzione  che  diventa  industriale.  Diventa  una  logica  

concorrenziale,  e  quindi  una  logica  di  profitto.    

 

Nascono  in  quei  periodi  gli  scopi  di  diversificarsi  e  quindi  nascita  dei  marchi.    

La  prima  legge  riguarda  i  marchi  per  coltelleria.    

 

Nel  2005  in  italia  viene  fatto  il  codice  della  proprietà  industriale.  

 

Caratteristiche  dei  marchi:  

  lecito:   non   deve   contenere   segni   contrari   alla   legge,   all’ordine   pubblico   o   al   buon   costume,   ovvero  

"

lesivi  di  altrui  diritti.    

Vero:   non   deve   contenere   segni   idonei   a   ingannare   il   pubblico,   in   particolare   sulla   provenienza  

"

geografica,  sulla  natura  o  sulla  qualità  dei  prodotti  o  dei  servizi.    

Originale:  deve  avere  la  capacità  distintiva  del  prodotto  rispetto  al  quelli  del  medesimo  genere.    

" Nuovo:   non   deve   essere   confondibile   con   un   marchio   altrui   precedentemente   registrato,   ovvero  

"

usato   o   neppure   con   un   segno   adottato   da   altri   come   ditta,   denominazione   o   registrazione   sociale,  

insegna  o  nome  a  dominio  aziendale,  cioè  l’indirizzo  del  sito  internet  o  altro  segno  distitivo.    

 

Diritto  all’uso  esclusivo,  l’imprenditore  ha  il  diritto  all’uso  esclusivo  del  proprio  marchio.  Deve  anche  

preoccuparsi  degli  atti  di  concorrenza  e  di  contraffazione  del  marchio.    

Quando  un  marchio  è  celebre,  la  possibilità  di  vietare  ai  terzi  l’uso  di  un  marchio  simile  o  identico  si  

estende  anche  ai  prodotti  affini.    

Il   diritto   di   uso   esclusivo   derivante   dalla   registrazione   dura   10   anni   dalla   data   di   deposito   della  

relativa  domanda,  ed  è  rinnovabile  per  la  stessa  durata  alla  scadenza  pur  un  numero  illimitato  di  volte.    

 

La  perdita  della  tutela  del  marchio:    

 

la  tutela  assicurata  del  marchio  registrato  può  venire  meno  per  una  serie  di  ragioni,  in  particolare:    

-­‐ la  dichiarazione  di  nullità  per  difetto  iniziale  dei  requisiti  essenziali  

-­‐ la   volgarizzazione,   ossia   quando   il   marchio   sia   divenuto   tanto   diffuso   da   non   riuscire   più   a  

distinguersi  sul  mercato.    

-­‐ Sopravvenuta  illiceità  o  ingannevolezza  del  marchio  

-­‐ Mancato   uso   del   marchio   nei   5   anni   dalla   data   di   registrazione,   salvo   legittimo   motivo.   Questa  

regola  è  oggetto  di  deroga  per  i  marchi  protettivi  cioè  i  marchi  simili  a  quello  registrato,  registrati  solo  

per   difendere   il   marchio   principale.     Tali   marchi   non   decadono   per   uso,   basta   pagare   la   tassa   di  

registrazione.    

 

Non  c’è  violazione  di  marchio  se  le  attività  con  lo  stesso  marchio  non  producono  lo  stesso  prodotto.    

 Ci  può  essere  lo  stesso  marchio  per  i  libri  e  anche  per  le  borse,  in  questo  caso  il  prodotto  è  diverso  e  

quindi  non  c’è  concorrenza.  

 

La  circolazione  del  marchio:    

 

Trasferibilità  dei  segni  distintivi  secondo  determinate  regole:  

per  molto  tempo  trasferibile  solo  con  il  ramo  di  azienda.    Ora  differente.  

Il  marchio  è  liberamente  trasferibile  a  terzi,  e  anche  della  licenza  di  marchio  ovvero  la  possibilità  di  

utilizzarlo.    

La  licenza  può  essere  totale  o  parziale.  

 

GLI  ALTRI  SEGNI  DISTINTIVI:  LA  DITTA  E  L’INSEGNA  

 

Ciascun  imprenditore,  può  scegliere  un  nome  con  il  quale  indicare  la  propria  attività:    

la  ditta,  può  coincidere  con  il  marchio  generale  dell’impresa  e  si  può  distinguere  in  due  tipi:  

  ditta  originaria:  quella  prescelta  dall’imprenditore  per  il  suo  diretto  utilizzo  

" ditta  derivata:  quella  che  passa  all’imprenditore  in  occasione  di  un  trasferimento  di  azienda.    Art  

" 2565  

 

La  ditta  può  non  corrisponde  al  nome  civile  dell’imprenditore  con  i  limiti  della  novità  e  verità.  2563  

però   dovrebbe   contenere   almeno   il   cognome   o   la   sigla   dell’imprenditore   altrimenti   è   ritenuta  

irregolare.     Si   può   rispettare   la   verità   anche   storica.   Non   è   necessario   modificare   la   ditta   con   il  

trasferimento  del  ramo  d’azienda.    

Ci  deve  essere  una  previsione  specifica  per  il  trasferimento  dell’azienda.  

Per   quanto   riguarda   la   novità   deve   essere   una   ditta   non   utilizzata   da   altri   nei   limiti   della   concorrenza.  

(possono  non  essere  in  concorrenza  anche  se  hanno  lo  stesso  nome  ecc)  

 

In  caso  di  successione  la  ditta  si  trasferisce  a  meno  che  il  defunto  non  abbia  specificato  che  gli  eredi  

usino  il  loro  nome,  in  questo  caso  non  si  trasferisce.  

Libertà  di  utilizzare  il  proprio  nome,  se  è  già  utilizzato  in  una  ditta  già  registrata  non  si  può  usare.    

Il  marchio  è  il  segno  distintivo  più  importante  della  ditta.    

 

L’insegna   è   il   segno   distintivo   dei   locali   dove   si   svolge   l’attività   di   impresa.   Particolare   importanza  

quando   si   tratta   di   attività   in   luogo   pubblico,   c’è   il   divieto   per   i   concorrenti   di   usarne   una   uguale   o  

confondibile.    Si  applicano  i  principi  del  marchio.    

I  nomi  a  dominio  rappresentano  l’indirizzo  internet.    

 

LE  INDICAZIONI  GEOGRAFICHE  E  LE  DENOMINAZIONI  DI  ORIGINE  

 

Per  tutti  i  tipi  di  prodotti,  o  per  qualsiasi  tipo  di  merce  c’è  l’obbligo  di  indicare  la  provenienza  es:  made  

in  italy.  

 

I  DISEGNI  E  I  MODELLI  

 

I  disegni  e  i  modelli  sono  definiti  come  aspetto  dell0intero  prodotto  o  di  una  sua  parte  quale  risulta,  

dalle   caratteristiche,   dalle   linee,   dai   contorni,   dalle   strutture   dai   colori   dalla   forma.   Possono   essere  

registrati  i  disegni  e  i  modelli  che  siano  nuovi,  abbiano  carattere  individuale  e  siano  leciti.  

Il  diritto  di  uso  esclusivo  dura  5  anni    dalla  date  della  presentazione  della  domanda  di  registrazione  ed  

è   rinnovabile   di   5   anni   in   5   anni   fino   a   un   massimo   di   25   anni.     Sono   esclusi   dalla   tutela   gli   aspetti  

tecnici  del  prodotto.    


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

19

PESO

161.64 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze dei servizi giuridici
SSD:
A.A.: 2015-2016

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher poison-air di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto commerciale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Milano Bicocca - Unimib o del prof Casella Paolo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto commerciale

Riassunto esame diritto commerciale, Prof. Casella, libro consigliato Presti, Rescigno
Appunto
Riassunto esame Diritto dell'Unione Europea, prof. Adinolfi
Appunto
Riassunto esame Diritto Internazionale, prof. Scovazzi, libro consigliato Corso di Diritto Internazionale: Libri I e II
Appunto
Riassunto esame Diritto Privato Romano, prof. Cuneo
Appunto